Va a fiato la keyboard italiana

La presenta il Politecnico di Milano come interfaccia per disabili. Si basa sulle variazioni di temperatura del flusso d'aria controllato da muscoli e narici


Milano – Si chiama Whisper una tastiera brevettata dal Politecnico di Milano pensata per consentire di utilizzare il computer attraverso la respirazione controllata.

L’idea dei ricercatori del dipartimento di Bioingegneria del Politecnico è stata quella di sfruttare la naturalezza del respirare per approntare un nuovo sistema di comunicazione . “Quando parliamo – spiegano – produciamo suoni modulando un flusso d’aria espirato attraverso le corde vocali”. Con Whisper questa modulazione viene sfruttata per consentire la composizione di lettere e parole attraverso il controllo del respiro.

Whisper si propone di rispondere alla necessità di un dispositivo semplice, facilmente usabile e veloce a tutta una categoria di disabili. Consente, spiegano al Politecnico, di fornire input molteplici (lettere, numeri, funzioni speciali) ad un computer, un palmare, un cellulare o un qualsiasi dispositivo elettronico . La connessione al PC/palmare/cellulare può avvenire indifferentemente via cavo, su porta USB o anche wireless (RF, Bluetooth o Wi-Fi).

“Durante l’espirazione – raccontano gli scienziati – si ha l’emissione di un flusso di aria calda da naso a bocca; generalmente tale aria ha temperatura pari a quella dell’interno del corpo, ovvero superiore a quella dell’ambiente. A costi estremamente contenuti e con un dispositivo molto semplice dal punto di vista elettronico e sufficientemente miniaturizzato, è realizzabile la detenzione della durata dell’atto espiratorio sulla base delle variazioni di temperatura dell’aria in entrata e uscita dalla cavità nasale (narici) o boccale”.

Per ottenere questo si utilizza un misuratore di temperatura basato su termistore , un sensore che consente di acquisire un segnale prodotto dal soggetto mediante il respiro, segnale che può essere agevolmente modulato attraverso i muscoli facciali e nasali . “La modulazione del flusso in termini di durata dei singoli efflussi, anche nell’ambito del medesimo atto respiratorio – continuano al Politecnico – può codificare una serie di comandi quali lettere o funzioni, come per il codice Morse, che codifica le lettere dell’alfabeto attraverso opportune sequenze di punti o trattini”.

Whisper – segnala una nota dell’istituto milanese – è già in fase di sperimentazione all’interno di un progetto dal titolo Dis..Abilità patrocinato dal Fondo Sociale Europeo e coordinato dal Laboratorio di Domotica della Fondazione Politecnico di Milano in cui viene progettata, realizzata e validata una piattaforma accessibile hardware e software per la formazione di soggetti con disabilità, favorendo il loro inserimento lavorativo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Chi lo Usa
    - Scritto da: Anonimo
    Chissa come si comportebbe un x86 su
    marte , magari con Windows !Probabilmente meglio. Considerando che Pathfinderaveva elettronica reperibile da RadioShack.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma chi lo usa?
    - Scritto da: Anonimo
    c' qualcuno che legge qui che lo usa?da noi macchine come la sun Starfire(64 cpu) sono abbastanza comuni(con solo 16 istanze di Oracle che trottarellano ......)
  • Anonimo scrive:
    Re: ma chi lo usa?
    anche di mooooolto piu' grandi.....che me dici di 5 mainframe abbinati, 600 mini, 3000 server e 30.000 stazioni di lavoro?ragazzi l'informatica non e' mica nata con il PC, il DOS e poi windows!!!!!bye
  • Anonimo scrive:
    Re: ma chi lo usa?
    - Scritto da: Anonimo
    c' qualcuno che legge qui che lo usa?Se non conosci As/400 (ora conosciuto come iSeries) stai messo male. Ti posso solo dire che in Italia migliaia di aziende lo utilizzano come piattaforma del loro sistema gestionale.
  • Anonimo scrive:
    Chi lo Usa
    Una serie di macchine che un utente di PC o server X86 non immagina nemmeno a cosa servono, visto che nel mondo oltre a piccoli uffici , o stanze buie di casa esistono banche , centri di ricerca nucleari, farmaceutici, metereologici, e che ne so ' sonde , vedi l'ultima su marte ha una versione di PPC ottimizzato per non dare errori nemmeno nelle condizioni estreme del spazio. Chissa come si comportebbe un x86 su marte , magari con Windows !Bye
  • Anonimo scrive:
    ma chi lo usa?
    c' qualcuno che legge qui che lo usa?
  • Anonimo scrive:
    Re: Prezzi
    Se non erro, oltre al "ferro", viene fornito anche un DB relazione in bundle col sistema: DB2 :)Cieo, Roberto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Prezzi
    - Scritto da: Anonimo
    Premetto che ignoro il costo di processori
    di tale fascia, ma certo che si fanno
    pagare...:|C'è da dire che un dual Itanium non costa molto meno(senza considerare che IBM ti vende un server per quella cifra non due CPU)
  • Anonimo scrive:
    Prezzi
    Premetto che ignoro il costo di processori di tale fascia, ma certo che si fanno pagare...:|
Chiudi i commenti