Venerdì spegni il tuo PC (e non solo)

Si ripete l'iniziativa di sensibilizzazione sui consumi energetici della trasmissione Caterpillar di Radio2. Anche gli utenti informatici possono contribuire

Roma – Ridurre i consumi energetici, comprimere o azzerare gli sprechi, aumentare la consapevolezza del problema energetico: questo il profilo dell’iniziativa M’illumino di meno che anche quest’anno, per la terza volta consecutiva, viene promossa dalla celebre trasmissione di Radio2 Caterpillar .

In occasione della Giornata mondiale del risparmio energetico la nuova iniziativa invita tutti a spegnere qualsiasi dispositivo elettrico alle 18 di venerdì 16. Un’occasione per cenare al lume di candela (come verrà proposto dai ristoratori che aderiscono all’operazione) e magari anche per scoprire un modo diverso di stare con i propri cari e i propri amici.

“Semplici cittadini, scuole, aziende, musei, gruppi multinazionali, astrofili, società sportive, gruppi scout, istituzioni, associazioni di volontariato, università, cral aziendali, negozianti e artigiani uniti – spiega il manifesto dell’iniziativa – per diminuire i consumi in eccesso e mostrare all’opinione pubblica come un altro utilizzo dell’energia sia possibile”.

L’idea, ripresa anche da Freelabs , non solo consentirà di risparmiare una grande quantità di energia quel giorno, ma potrebbe stimolare un comportamento anche successivo di maggiore responsabilità energetica .

A sostenere l’iniziativa, il decalogo realizzato dalla redazione di Caterpillar nonché l’ ottalogo predisposto invece dal ministero dell’Ambiente.

Sebbene non citati espressamente nel manifesto, i computer utilizzati senza sufficiente consapevolezza sono, come noto, fonte di grande dispendio di energia elettrica . Una buona occasione per riflettere anche su questo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mythsmith scrive:
    Quelli che mi davano del paranoide...
    Dove sono adesso?http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1880796&m_id=1881131
    • Anonimo scrive:
      Re: Quelli che mi davano del paranoide..
      - Scritto da: mythsmith
      Dove sono adesso?
      http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1880796&m_iSiamo sempre lì:Io per Google mi chiamo Guido LaVespa.Che mi frega se salva i "miei" dati.Saprà che navigo spesso su siti di sport, di informatica, ogni tanto qualche foto "spinta" ( ;) ) e legge le mie SEGRETISSIME email.Sono un perfetto italiano medio, non servono proprio a nulla i miei dati... O meglio, non dicono nulla che già non si sapesse!Se voglio che qualcosa non si sappia non la sbandiero sul web!
  • picchiatello scrive:
    Perplessità.....
    Intanto la prima parte dell'articolo la trovo molto "italiana", l'importante e' fare pubblicità ma non interessarsi dei prodotti e' cosi' che molte grosse aziende "italiane" sono diventate ne piu' ne meno dei rivenditori di produttori esteri, non creando un prodotto ma solo vendendo quello degli altri. Oramai i pubblicitari preferiscono guardare alla campagna pubblicitaria che alla bontà-potenzialità del servizio o del bene che vanno a publicizzare. Riguardo alla seconda parte mi vien da ricordare che la rete e' una costola di un programma militare quindi ogniuno e' controllato i casi telecom docet.Per cui queste preoccupazioni di essere spiati sono all'ordine del giorno, ma se non commetti nulla di reato perderderanno solo il loro tempo....., altra questione e' le vendite di materiale ma se non sei interessato perderanno solo il loro tempo.
  • Funz scrive:
    Soluzioni:
    Per prevenire parzialmente il problema:1) far scadere i cookies alla fine della sessione (in opzioni - privacy)2) usare noscript e abilitare esplicitamente solo i siti che interessano, cosi' escludendo google-analytics e tutti gli altri siti caccia-dati. Si risparmia banda e non si e' tracciati da questi siti terzi.(installare da https://addons.mozilla.org/firefox/extensions/ cliccando su installa) 3) usare adblock plus con il filterset updater. Non c'entra con google-analytics, ma impedisci ai banner spam di caricarsi sul tuo PC, quindi il server spammatore non ha nemmeno questa informazione. Inoltre risparmi parecchia banda, navighi in maniera pulita senza banner animati pugno-in-un-occhio, e non rischi di vederti una zoccola nuda (o peggio) se non lo vuoi.(installare da https://addons.mozilla.org/firefox/extensions/ cliccando su installa) Altre idee?
    • Anonimo scrive:
      Re: Soluzioni:

      Altre idee?una guida qui:http://geekplace.org/index.php?m=news&id=22&titolo=Firefox_-_TorButton_-_NoGoogleTracking
      • Funz scrive:
        Re: Soluzioni:

        una guida qui:
        http://geekplace.org/index.php?m=news&id=22&titoloGrazie, ottimo!Una domanda: pensavo che noscript bloccasse google-analytics, ma pare non sia del tutto vero, è così?
  • Anonimo scrive:
    Firefox + AdBlock Plus: problemi risolti
    Con AdBlock (plus) installato e qualche semplice filtro bloccate semplicemente tutti i vari JavaScript di questi simpatici tizi e il problema è risolto. Ah, date anche una ripulitina ai cookie subito dopo.Se poi installate Cookie Editor, potete con grande semplicità controllare e cancellare i cookie sospetti senza dover passare per le preferenze.Evviva Firefox e le sue estensioni! (love)
    • Anonimo scrive:
      Re: Firefox + AdBlock Plus: problemi ris
      - Scritto da:
      Con AdBlock (plus) installato e qualche semplice
      filtro bloccate semplicemente tutti i vari
      JavaScript di questi simpatici tizi e il problema
      è risolto. Ah, date anche una ripulitina ai
      cookie subito
      dopo.

      Se poi installate Cookie Editor, potete con
      grande semplicità controllare e cancellare i
      cookie sospetti senza dover passare per le
      preferenze.

      Evviva Firefox e le sue estensioni! (love)Sono d'accordo con i tracciamenti, ma evitando tutta la pubblicità in rete tu contribbuisci ad ucciderla.Grazie a quelli come te domani la rete sarà ad uso e consumo solo delle grandi mayors che hanno i soldi per "stare" sulla rete mentre i pesci piccoli saranno tutti estinti.Come credi che Myspace, youTube, Flick siano diventati quel che sono ora? per stare online servono soldi!Grazie, il web ringrazia.
      • Anonimo scrive:
        Re: Firefox + AdBlock Plus: problemi ris
        stare in rete non costa tanto come credi! con 50 l'anno hai degli ottimi servizi di hosting.pensa che la connettivita' non è altro che fili comunicanti, e per questo netsukuku potrebbe rivoluzionare molto l'idea di connettivita' usando per tutti la banda larghissima.inoltre c'è la possibilita' di effetuare le connessioni anche usando i fili della correntem quindi...
        • Anonimo scrive:
          Re: Firefox + AdBlock Plus: problemi ris
          - Scritto da:
          stare in rete non costa tanto come credi! con 50€
          l'anno hai degli ottimi servizi di
          hosting.
          Mi vuoi paragonare un hosting da 50 euro annui a myspace o youtube? :s
        • Anonimo scrive:
          Re: Firefox + AdBlock Plus: problemi ris
          - Scritto da:
          stare in rete non costa tanto come credi! con 50
          l'anno hai degli ottimi servizi di
          hosting.si finchè il tuo sito viene visto da 4 gatti spuzzolosivienimelo a dire a me che ho un sito con 5.000 utenti al giorno e 150 GB di trasfert rate al mesee non tirarmi fuori quegl'hosting a 29.9$ con banda illimitata che sono tutte trappole per topi... la BANDA costa! mantenere un sito COSTA!

          pensa che la connettivita' non è altro che fili
          comunicanti, e per questo netsukuku potrebbe
          rivoluzionare molto l'idea di connettivita'
          usando per tutti la banda
          larghissimapensa che il pane te lo puoi coltivare da solo e mangiarne quanto ti pare...
          inoltre c'è la possibilita' di effetuare le
          connessioni anche usando i fili della correntem
          quindi...quindi? quindi cosa? non sai di che parli...
      • mythsmith scrive:
        Pubblicità uccide pesci piccoli

        Grazie a quelli come te domani la rete sarà ad
        uso e consumo solo delle grandi mayors che hanno
        i soldi per "stare" sulla rete mentre i pesci
        piccoli saranno tutti
        estinti.

        Come credi che Myspace, youTube, Flick siano
        diventati quel che sono ora? per stare online
        servono
        soldi!

        Grazie, il web ringrazia.Semmai è esattamente il contrario di quello che dici. Per farsi pubblicità servono soldi. Per "essere online" ne servono pochissimi (al limite una connessione ed il computer acceso...).Se non esistesse pubblicità i pesci piccoli avrebbero molta più possibilità di farsi sentire. Invece ora sempre più traffico è dirottato sui soliti magnati proprio grazie alla pubblicità ormai pervasiva e sensibile al contesto, alle ricerche sponsorizzate, etc etc...La cosa più buffa è vedere appunto questi "pesci piccoli" ospitare presso il loro sito le pubblicità degli squali. In cambio di poche briciole contribuiscono a rendersi ancora più insignificanti...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 febbraio 2007 12.58-----------------------------------------------------------
        • Anonimo scrive:
          Re: Pubblicità uccide pesci piccoli
          - Scritto da: mythsmith

          Grazie a quelli come te domani la rete sarà ad

          uso e consumo solo delle grandi mayors che hanno

          i soldi per "stare" sulla rete mentre i pesci

          piccoli saranno tutti

          estinti.



          Come credi che Myspace, youTube, Flick siano

          diventati quel che sono ora? per stare online

          servono

          soldi!



          Grazie, il web ringrazia.

          Semmai è esattamente il contrario di quello che
          dici. Per farsi pubblicità servono soldi. Per
          "essere online" ne servono pochissimi (al limite
          una connessione ed il computer
          acceso...).

          Se non esistesse pubblicità i pesci piccoli
          avrebbero molta più possibilità di farsi sentire.
          Invece ora sempre più traffico è dirottato sui
          soliti magnati proprio grazie alla pubblicità
          ormai pervasiva e sensibile al contesto, alle
          ricerche sponsorizzate, etc
          etc...

          La cosa più buffa è vedere appunto questi "pesci
          piccoli" ospitare presso il loro sito le
          pubblicità degli squali. In cambio di poche
          briciole contribuiscono a rendersi ancora più
          insignificanti...
          Prendi punto informatico, credi che faccia il sito per intercessione divina? credi che PI costi 50 l'anno tutto compreso?senza pubblicità come camperebbe? con gli abbonamenti? io non mi abbonerei mi rivolgerei altrove magari qualche sito americano...finchè posso.... poi sarei costretto a pagare per avere un servizio che oggi ho gratis.la pubblicità la ignoro finchè non decido di cliccarlache razza di discorso privo di senso che tocca leggere su PI... beh ripensandoci forse il forum farebbe meglio a chiuderlo
          • mythsmith scrive:
            Re: Pubblicità uccide pesci piccoli

            Prendi punto informatico, credi che faccia il
            sito per intercessione divina? credi che PI costi
            50 l'anno tutto
            compreso?1) PI non fa pubblicità, la ospita.2) Se PI ha alti costi e campa grazie alla pubblicità, non è poi un pesce così piccolo. Io parlo di quelli che si mettono il google adsense per avere magari 50 al mese. 3) E' innegabile che PI ospitando pubblicità incrementi la visibilità di chi ha i soldi a scapito di chi non li ha.
            senza pubblicità come camperebbe? con gli
            abbonamenti? io non mi abbonerei mi rivolgerei
            altrove magari qualche sito americano...finchè
            posso.... poi sarei costretto a pagare per avere
            un servizio che oggi ho
            gratis.Nascerebbe un servizio con minori spese. Ad esempio molto più collaborativo, in modo che molti possano contribuire con poco sforzo ottenendo un risultato simile.
            la pubblicità la ignoro finchè non decido di
            cliccarlaE' questo lo scopo...
          • Anonimo scrive:
            Re: Pubblicità uccide pesci piccoli
            - Scritto da: mythsmith

            Prendi punto informatico, credi che faccia il

            sito per intercessione divina? credi che PI
            costi

            50 l'anno tutto

            compreso?

            1) PI non fa pubblicità, la ospita.il discorso era: "se canni tutta la pubblicità con adblock..."
            2) Se PI ha alti costi e campa grazie alla
            pubblicità, non è poi un pesce così piccolo. Io
            parlo di quelli che si mettono il google adsense
            per avere magari 50 al mese.anche se fosse magari con 600 all'anno ti sei ripagatodell'hosting e delle spese (connessione, ecc...) e comunque è uno stimolo a crescere, mentre un sito che ti succhia solo soldi e tempo alla lunga verrà abbandonato per una ragione o per l'altra.i 600 possono diventare 1.200 con un piccolo sforzo e magari dopo un paio di anni 2.400 e così viaovvio il tuo sito deve offrire contenuti, altrimenti non vai da nessuna parte, ma se il sito è buono puoi arrivare anche a prendere qualche migliaio di euro al mese (come PI probabilmente)
            3) E' innegabile che PI ospitando pubblicità
            incrementi la visibilità di chi ha i soldi a
            scapito di chi non li
            ha.no, è solo innegabile che oggi PI ti offra un bel servizio a GRATIS per merito della pubblicità

            senza pubblicità come camperebbe? con gli

            abbonamenti? io non mi abbonerei mi rivolgerei

            altrove magari qualche sito americano...finchè

            posso.... poi sarei costretto a pagare per avere

            un servizio che oggi ho

            gratis.

            Nascerebbe un servizio con minori spese. Ad
            esempio molto più collaborativo, in modo che
            molti possano contribuire con poco sforzo
            ottenendo un risultato
            simile.quindi alla fine sarei pure costretto a lavorare a gratis? bel ragionamento! complimentoni!!


            la pubblicità la ignoro finchè non decido di

            cliccarla

            E' questo lo scopo...già l'mportante è che non rompa trobbo le b*lle... che sia discreta.
          • mythsmith scrive:
            Re: Pubblicità uccide pesci piccoli
            [...]
            i 600 possono diventare 1.200 con un piccolo
            sforzo e magari dopo un paio di anni 2.400 e così
            via

            ovvio il tuo sito deve offrire contenuti,
            altrimenti non vai da nessuna parte, ma se il
            sito è buono puoi arrivare anche a prendere
            qualche migliaio di euro al mese (come PI
            probabilmente)[...]Il tutto a scapito dei pesci piccoli...

            3) E' innegabile che PI ospitando pubblicità

            incrementi la visibilità di chi ha i soldi a

            scapito di chi non li

            ha.

            no, è solo innegabile che oggi PI ti offra un bel
            servizio a GRATIS per merito della
            pubblicitàGratis? Secondo te quando compri qualsiasi cosa non stai pagando la pubblicità su PI?

            Nascerebbe un servizio con minori spese. Ad

            esempio molto più collaborativo, in modo che

            molti possano contribuire con poco sforzo

            ottenendo un risultato

            simile.

            quindi alla fine sarei pure costretto a lavorare
            a gratis? bel ragionamento!
            complimentoni!!Vorrei farti notare che la larghissima maggioranza dell'economia mondiale si basa su "lavoro a gratis".Grazie dei complimenti, comunque.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pubblicità uccide pesci piccoli
            - Scritto da: mythsmith

            [...]

            i 600 possono diventare 1.200 con un piccolo

            sforzo e magari dopo un paio di anni 2.400 e
            così

            via

            Il tutto a scapito dei pesci piccoli...no, si chiama "crescere" tutti (o quasi) all'inizio sono piccoli e se sono bravi crescono... altrimenti diventi cibo per gli altri pesci

            no, è solo innegabile che oggi PI ti offra un
            bel

            servizio a GRATIS per merito della

            pubblicità

            Gratis? Secondo te quando compri qualsiasi cosa
            non stai pagando la pubblicità su
            PI?la pubblicità sul web costa 1/10 o 1/100 di quella fatta su media tradizionali, fidati so quel che dico.preferisco un banner su PI che De Sica o quella tr*ia della Hilton all'ora di cena in TVil web ti dà l'opprtunità di essere piccolo e crescere la TV (per esempio) NO

            quindi alla fine sarei pure costretto a lavorare

            a gratis? bel ragionamento!

            complimentoni!!

            Vorrei farti notare che la larghissima
            maggioranza dell'economia mondiale si basa su
            "lavoro a gratis".e ne andiamo pure fieri? un conto è Wikipedia, un conto è lavorare gratis.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pubblicità uccide pesci piccoli
            censurato perchè o dato della **** alla Paris Hilton?ma è la verità...mah...
  • Anonimo scrive:
    ROTFL
    E allora: perché non declinare la creatività in base a soluzioni cromatiche differenti e vedere, sito per sito, quali funzionano meglio? È un piccolo accorgimento che, talvolta, permette semplicemente di raddoppiare le performance!Questi creativi!Pensa che bello: il logo coca cola in verde, o in rosa per san valentino o in nero in caso di funerali, o in rosso nero sul sito del milan!Quanta creatività sprecata! Ma una volta non li mandavano in miniera questi? :D
  • reXistenZ scrive:
    salvarsi da Google
    Molti utenti dunque a fronte di ciò si sono organizzati ed hanno deciso di combattere questo fenomeno che George Orwell descrive bene nel libro 1984, di cui è stato anche girato un bellissimo film. Nei propri file hosts si reindirizzano gli IP di Google alla propria macchina e si blocca nel browser la possibilità di salvare cookie provenienti dai domini google. Un link, per favore, per capire esattamente cosa fare, grazie.
    • Anonimo scrive:
      Re: salvarsi da Google
      - Scritto da: reXistenZ
      Molti utenti dunque a fronte di ciò si sono
      bellissimo film. Nei propri file hosts si
      reindirizzano gli IP di Google alla propria
      macchina e si blocca nel browser la possibilità
      di salvare cookie provenienti dai domini
      google.

      Un link, per favore, per capire esattamente cosa
      fare,In MSWindows, nella cartella /Windows, c'e' un file denominato "hosts" (se non c'e', allora forse ha un'estensione del tipo "hosts.dem", o qualcosa del genere, chisseri).In Gnu/Linux, tale file e' solitamente in /etc.In tale file si inseriscono le accoppiate IP/name, e serve al sistema per risolvere certi nomi (es. siti) nel loro corrispondente numero di IP, prima di interrogare un server DNS, il quale fa piu' o meno lo stesso. Ora, noti i siti da cui provengono i controlli o le pubblicita' o chessoio di google (o di qualunque altro soggetto che vogliamo evitare di contattare con il nostro browser), li si inserisce nel file hosts, badando di mettere come indirizzo IP corrispondente uno fasullo, tipicamente quello "interno" alla macchina locale, 127.0.0.1.In tal modo, il browser quando trova uno di quegli indirizzi, contatta la macchina locale, la quale - ovviamente - non fara' quanto pensato dai progettisti del meccanismo. :DJust simple as it is.k1
      • PedroMaltese scrive:
        Re: salvarsi da Google
        In poche parole si tratta di inserire (tramite il blocco note o wordpad) nel file: C:WINNTsystem32driversetchostsla riga:127.0.0.1 google-analytics.comQuesto evita il tracciamento per i siti che adottano google analytics.Non so bene cosa fare per evitare tutti i cookie dei vari servizi di google.
    • Anonimo scrive:
      Re: salvarsi da Google
      - Scritto da: reXistenZ
      Molti utenti dunque a fronte di ciò si sono
      organizzati ed hanno deciso di combattere questo
      fenomeno che George Orwell descrive bene nel
      libro 1984, di cui è stato anche girato un
      bellissimo film. Nei propri file hosts si
      reindirizzano gli IP di Google alla propria
      macchina e si blocca nel browser la possibilità
      di salvare cookie provenienti dai domini
      google.

      Un link, per favore, per capire esattamente cosa
      fare,
      grazie.http://geekplace.org/index.php?m=news&id=22&titolo=Firefox_-_TorButton_-_NoGoogleTracking
  • Anonimo scrive:
    fan di GMaaaaaaaiiill.....
    Inoltre con il servizio GMail gestisce e memorizza un'altra grandissima mole di informazioni. Un utente crede che la posta gli appartenga, in realtà Google ha spesso affermato di avere il diritto di salvare le nostre email anche quando noi decidiamo di cancellarle. Ce le nasconde, ma i contenuti restano sui suoi server. Forza su, un commento da parte di quelli che dicevano "no non mi profila e posso anche cancellare i messaggi" solo pochi giorni fa.
    • Anonimo scrive:
      Re: fan di GMaaaaaaaiiill.....
      - Scritto da:
      Inoltre con il servizio GMail gestisce e
      memorizza un'altra grandissima mole di
      informazioni. Un utente crede che la posta gli
      appartenga, in realtà Google ha spesso affermato
      di avere il diritto di salvare le nostre email
      anche quando noi decidiamo di cancellarle. Ce le
      nasconde, ma i contenuti restano sui suoi
      server.

      Forza su, un commento da parte di quelli che
      dicevano "no non mi profila e posso anche
      cancellare i messaggi" solo pochi giorni
      fa.Vecchia. E' da quando esiste GMail che gira sta voce. GMail semplicemente non garantisce la cancellazione immediata dei tuoi dati, ma devi attendere due giorni lavorativi
    • Anonimo scrive:
      Re: fan di GMaaaaaaaiiill.....
      - Scritto da:
      Inoltre con il servizio GMail gestisce e
      memorizza un'altra grandissima mole di
      informazioni. Un utente crede che la posta gli
      appartenga, in realtà Google ha spesso affermato
      di avere il diritto di salvare le nostre email
      anche quando noi decidiamo di cancellarle. Ce le
      nasconde, ma i contenuti restano sui suoi
      server.

      Forza su, un commento da parte di quelli che
      dicevano "no non mi profila e posso anche
      cancellare i messaggi" solo pochi giorni
      fa.Ma che deve profilare? Le catene di S. Antonio che arrivano in continuazione e che cestino?Per il solo fatto di navigare in rete sei tracciato e profilato. Siete troppo convinci che sia solo Google il MALE.Poveri illusi... :$
  • Anonimo scrive:
    e ora venite a parlarmi di PI
    PI è ottimo.USA google analytics eppure non ha alcun problema ad ospitare l'articolo (seconda parte)non venite allora a rompergli le scatole con la faccenda dell'ipocrisia.sono ottimi.persone, normali, spesso ottimi.forza PI!
    • Anonimo scrive:
      Re: e ora venite a parlarmi di PI
      possiamo tutti in coro dire che google è pericoloso, è il male e che siamo paladini della privacy, poi pero' usiamo tutti analytics nei nostri siti/blog e risolviamo il problema!
      • Anonimo scrive:
        Re: e ora venite a parlarmi di PI
        - Scritto da:
        possiamo tutti in coro dire che google è
        pericoloso, è il male e che siamo paladini della
        privacy, poi pero' usiamo tutti analytics nei
        nostri siti/blogparla per te :p
  • MIX scrive:
    Dubbi sul ProMotore di Ricerca
    Un sito simpatico che contiene critiche contro Google anche sugli analytics è http://www.google-watch.org/: consiglio una sbirciatina.Mi sono sorti varî dubbî: Quando Google Inc. comprerà Wikimedia Foundation?Farà in tempo per il 2038?Google Inc. produce programmi ed algoritmi fatti in casa o li compra già infiocchettati dal genio di turno?Google prende veramente 1/10 degli incassi sulle pubblicità altrui mettendo a disposizione solo la colla per lannuncio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Dubbi sul ProMotore di Ricerca
      salve, volevo presentarvi http://www.scroogle.org/cgi-bin/scraper.htmun motore di ricerca che usa google, ma non ha log, coockie ecc ecc, un parassita insomma.per gli amici di windows + explorer consiglio http://goggle.com ma non prima di aver letto http://geekplace.org/index.php?m=news&titolo=Windows_+_Internet_Explorer_+_Goggle_=_Crash&id=116ciaooo :))
Chiudi i commenti