VIA annuncia la svolta: processori a zero emissioni

Il chipmaker cambia le carte in tavola del settore con un nuovo chip: per tutto il suo ciclo di vita, alla diffusione della CPU corrisponderanno iniziative ambientali ed energetiche per azzerare l'anidride carbonica prodotta

Taipei (Taiwan) – C’è un fatto nuovo nel mondo dei processori, una significativa rivoluzione commerciale nel nome dell’ambiente, una novità introdotta da VIA che, se troverà riscontro nel mercato, potrebbe spingere tutti i maggiori produttori verso un nuovo modo di intendere produzione e prodotti .

Il celebre chipmaker taiwanese sta infatti introducendo sul mercato i nuovi processori C7-D, che non sono soltanto dei chip a basso consumo energetico ma prevedono anche una compensazione per l’anidride carbonica prodotta con il loro funzionamento.

L’idea di VIA è quella di dar vita a progetti a livello locale che spazino dalla riforestazione allo sviluppo di fonti alternative di energia sino al risparmio energetico, in un volume sufficiente a coprire il biossido di carbonio prodotto dai propri nuovi processori. Il concetto è quello di piantare alberi in varie zone del mondo in modo da garantire l’assorbimento dell’anidride carbonica, di promuovere alternative ai combustibili fossili in particolare proponendo l’energia solare e, contestualmente, finanziare sistemi di riduzione nelle richieste energetiche dell’industria.

Il concetto di “neutralità” nelle emissioni non è del tutto nuovo e si sta facendo largo in vari settori industriali, tuttavia è la prima volta che un chipmaker di questo calibro lega il ciclo di vita di un nuovo prodotto alle iniziative per ridurne o azzerarne l’impatto ambientale .

In sé il processore è costruito proprio per questo scopo: con un consumo energetico massimo di 20W a 1,8 GHz, il C7-D , spiega VIA, “consente maggiori risparmi energetici attraverso l’uso di alimentatori e ventole di raffreddamento più piccoli, che offrono come ulteriore beneficio una maggiore silenziosità dei PC”. Comprensibile la soddisfazione del vicepresidente del marketing di VIA, Richard Brown, che si è detto orgoglioso di presentare la nuova CPU, “felice miscela di efficienza, elevate performance nell’ambito della produttività ed avanzate caratteristiche di sicurezza, nonché la prima soluzione Carbon Free al mondo nel suo genere”.

A garantire il lavoro di compensazione uso-emissioni ci penserà Carbon Footprint Ltd , società britannica tra i pionieri dei sistemi di calcolo delle emissioni e dell’utilizzo di questi dati per sviluppare iniziative ambientali capaci di compensare le emissioni di anidride carbonica. “Stiamo assistendo ad un crescente interesse in tutto il mondo da parte di aziende e singoli individui che cercano di “fare qualcosa nel loro piccolo” per ridurre il proprio impatto ambientale affinché le future generazioni ereditino un mondo di cui poter essere fieri – ha dichiarato John Buckley, Managing Director di Carbon Footprint – Prodotti come il processore VIA C7-D rappresentano sicuramente un passo avanti nella giusta direzione per le aziende che cercano di neutralizzare le emissioni di anidride carbonica delle loro attività e per questo siamo orgogliosi di lavorare con VIA nel loro progetto di compensazione”.

Con il lancio del nuovo processore, VIA ha presentato un test di valutazione definito TreeMark , pensato per consentire ai clienti di scegliere i propri acquisti in base alla possibilità offerta dai prodotti di compensare l’impatto ambientale. Un elemento valido soprattutto per le società che vogliano posizionarsi come rispettose dell’ambiente. “TreeMark – spiega VIA sulle pagine dedicate al Clean computing – esamina l’energia consumata da un dato prodotto informatico, calcola le emissioni di CO2 prodotte e il numero di alberi che sarebbero richiesti per rimuovere quel CO2 durante il ciclo di vita dei prodotti”.

Insieme a Carbon Footprint, VIA ha anche attivato un sistema di certificazione e bollini per processori, componenti informatici e interi PC. “Per questi programmi – spiega una nota – VIA lavorerà a stretto contatto con i partner regionali per colpire le emissioni di CO2”. Per i consumatori, naturalmente, ci sarà una nuova possibilità di scelta. Starà a loro decidere il successo o meno di questi prodotti, un successo che può condizionare l’intero settore.

La CPU è disponibile anche a velocità di 1,5 GHz, inoltre per le proprie performance può contare su tecnologie come StepAhead Advanced Branch Prediction, sedici livelli di pipeline, supporto per SSE2 e SSE3, una Floating Point Unit (FPU) e 128KB di cache L2 a 32 vie. Fa parte della piattaforma il chipset Digital Media VIA CN700, che integra il processore grafico VIA UniChrome Pro IGP con accelerazione hardware MPEG-2 ed il motore Chromotion CE ai fini di una migliore qualità video. La piattaforma supporta anche due uscite monitor con DuoView+, 6 canali audio e memoria DDR2 400/533MHz.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • daif scrive:
    bella
    Faw Hongqi C601
  • Ranmamez scrive:
    Copioni!
    La prima automobile che si guidava da se' e' stata una Pontiac Firebird negli anni '80....... vabbe', ok: era KITT (cylon) :D (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Vedendo come guidano qui da me...
    questa notizia mi rassicura molto! :|
  • Anonimo scrive:
    Fine delle litigate tipo "guido io!".
    Ma ci avete pensato? Niente più litigate su chi deve guidare!
  • Anonimo scrive:
    Fine della RC Auto ?
    Riflessione.....In caso di incidente durante la "guida automatica"il responsabile dovrebbe essere il costruttore!
    • Anonimo scrive:
      Re: Fine della RC Auto ?
      - Scritto da:
      Riflessione.....

      In caso di incidente durante la "guida automatica"
      il responsabile dovrebbe essere il costruttore!Non so perché ma dubito che funzionerà in questo modo... :
      • Anonimo scrive:
        Re: Fine della RC Auto ?
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Riflessione.....



        In caso di incidente durante la "guida
        automatica"

        il responsabile dovrebbe essere il costruttore!

        Non so perché ma dubito che funzionerà in questo
        modo...
        :mha :
  • Anonimo scrive:
    è stupido
    macchine che guidano da sole,macchine che creano macchine,è la stupidità industrializzata.
    • Anonimo scrive:
      Re: è stupido
      - Scritto da:
      macchine che guidano da sole,
      macchine che creano macchine,

      è la stupidità industrializzata.Smetti subito di usare il PC stupido!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: è stupido
      - Scritto da:
      macchine che guidano da sole,
      macchine che creano macchine,

      è la stupidità industrializzata.yeah, e aspetta di vedere la studidità genetica...da aver paura...
    • Anonimo scrive:
      Re: è stupido
      - Scritto da:
      macchine che guidano da sole,
      macchine che creano macchine,

      è la stupidità industrializzata.1905 tuo nonno carrettiere: macchine guidate senza cavalliè la stupidità industrializzata.Sappiamo poi come è andata....Cosa caspita dici????Ciò che PUO' SEMBRARE stupido oggi SARA' LA NORMALITA' DI DOMANI....Ma la stupidità dei conservatori e i bigotti...quella sì che è industrializzata!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: è stupido

        Ma la stupidità dei conservatori e i
        bigotti...quella sì che è industrializzata!!!!!e marketizzata, e introdotta a forza!vi siete resi conto di quanto stupidi siano diventati gli Italiani, tra grandefratello, l'isoladeicojoni, latrojaeilsecchio, c'èpastapertre, sarannocerosi, ilesidimeriadefilippa etc etc...oramai è di moda essere stupidi, se fai un discorso un pò sul serio, spesso e sempre di più ti senti rispondere "ah guarda, io di queste cose non capisco niente e nemmeno mi interessa saperle" ma come si fa? che ammasso di ignoranti!
        • Anonimo scrive:
          Re: è stupido
          - Scritto da:


          Ma la stupidità dei conservatori e i

          bigotti...quella sì che è industrializzata!!!!!

          e marketizzata, e introdotta a forza!

          vi siete resi conto di quanto stupidi siano
          diventati gli Italiani, tra grandefratello,
          l'isoladeicojoni, latrojaeilsecchio,
          c'èpastapertre, sarannocerosi,
          ilesidimeriadefilippa etc
          etc...

          oramai è di moda essere stupidi, se fai un
          discorso un pò sul serio, spesso e sempre di più
          ti senti rispondere "ah guarda, io di queste
          cose non capisco niente e nemmeno mi interessa
          saperle"

          ma come si fa?

          che ammasso di ignoranti!Quoto!
          • Anonimo scrive:
            Re: è stupido
            - Scritto da:

            - Scritto da:




            Ma la stupidità dei conservatori e i


            bigotti...quella sì che è
            industrializzata!!!!!



            e marketizzata, e introdotta a forza!



            vi siete resi conto di quanto stupidi siano

            diventati gli Italiani, tra grandefratello,

            l'isoladeicojoni, latrojaeilsecchio,

            c'èpastapertre, sarannocerosi,

            ilesidimeriadefilippa etc

            etc...



            oramai è di moda essere stupidi, se fai un

            discorso un pò sul serio, spesso e sempre di più

            ti senti rispondere "ah guarda, io di queste

            cose non capisco niente e nemmeno mi interessa

            saperle"



            ma come si fa?



            che ammasso di ignoranti!


            Quoto!Io invece Hasto!
        • Anonimo scrive:
          Re: è stupido
          - Scritto da:


          Ma la stupidità dei conservatori e i

          bigotti...quella sì che è industrializzata!!!!!

          e marketizzata, e introdotta a forza!

          vi siete resi conto di quanto stupidi siano
          diventati gli Italiani, tra grandefratello,
          l'isoladeicojoni, latrojaeilsecchio,
          c'èpastapertre, sarannocerosi,
          ilesidimeriadefilippa etc
          etc...

          oramai è di moda essere stupidi, se fai un
          discorso un pò sul serio, spesso e sempre di più
          ti senti rispondere "ah guarda, io di queste
          cose non capisco niente e nemmeno mi interessa
          saperle"

          ma come si fa?

          che ammasso di ignoranti!ah ah ah Grande!Esempio a caso anche nel forumhttp://yep.it/?xvgqif:-)
      • Anonimo scrive:
        Re: è stupido
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        macchine che guidano da sole,

        macchine che creano macchine,



        è la stupidità industrializzata.

        1905 tuo nonno carrettiere:
        macchine guidate senza cavalli
        è la stupidità industrializzata.Non ci siamo capiti, errore mio che non ho specificato la versione di protocollo.Credo ci sia una bella differenza fra tirare un carretto con un cavallo piuttosto che spingerlo con un motore, in quel caso sostituisci una tecnologia a traino equino con una tecnologia a motore, è uno scambio.In questo caso invece non sostituisci un bel niente, non c'è progresso, la tecnologia è la solita ed è solamente utilizzata in maniera più stupida, è sempre il mototre che spinge la macchina son sempre 4 gomme che girano sull'asfalto, è sempre il solito carburante, l'unica differenza è che invece di guidare tu guida un'altro... bella idea eh! Caspita questo si che è progresso. Forse meglio l'autista?
        Cosa caspita dici????
        Ciò che PUO' SEMBRARE stupido oggi
        SARA' LA NORMALITA' DI DOMANI....Bella normalità... Ma tu veramente vuoi che sia cosi'?
        • Anonimo scrive:
          Re: è stupido
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          macchine che guidano da sole,


          macchine che creano macchine,





          è la stupidità industrializzata.



          1905 tuo nonno carrettiere:

          macchine guidate senza cavalli

          è la stupidità industrializzata.Ah e un'altra cosa, era una citazione.
        • Anonimo scrive:
          Re: è stupido
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          macchine che guidano da sole,


          macchine che creano macchine,





          è la stupidità industrializzata.



          1905 tuo nonno carrettiere:

          macchine guidate senza cavalli

          è la stupidità industrializzata.

          Non ci siamo capiti, errore mio che non ho
          specificato la versione di
          protocollo.

          Credo ci sia una bella differenza fra tirare un
          carretto con un cavallo piuttosto che spingerlo
          con un motore, in quel caso sostituisci una
          tecnologia a traino equino con una tecnologia a
          motore, è uno
          scambio.

          In questo caso invece non sostituisci un bel
          niente, non c'è progresso, la tecnologia è la
          solita ed è solamente utilizzata in maniera più
          stupida, è sempre il mototre che spinge la
          macchina son sempre 4 gomme che girano
          sull'asfalto, è sempre il solito carburante,
          l'unica differenza è che invece di guidare tu
          guida un'altro... bella idea eh! Caspita questo
          si che è progresso. Forse meglio
          l'autista?avranno pensato la stessa cosa gli scriba o gli amanuensi, quando hanno inventato la stampa...
          • Anonimo scrive:
            Re: è stupido
            - Scritto da:

            avranno pensato la stessa cosa gli scriba o gli
            amanuensi, quando hanno inventato la
            stampa...Allora ci rifai, ma che versioni usi? io ho la 1.4.34Anche nel caso degli scriba è stato un SCAMBIO di tecnologie. Macchine che guidano macchine.E' follia
          • Anonimo scrive:
            Re: è stupido

            Allora ci rifai, ma che versioni usi? io ho la
            1.4.34eh?
            Anche nel caso degli scriba è stato un SCAMBIO di
            tecnologie.

            Macchine che guidano macchine.

            E' folliaavranno pensato lo stesso gli operai che furono sostituiti dai robot nel ciclo di montaggio delle auto e di altre macchine...anche quando sostituirono completamente la mano dell'uomo nella costruzione dei circuiti integrati...o quando inserirono il pilota automatico negli aerei di linea... (se non l'hai ancora capito: il tuo è un ragionamento fallace)
          • Anonimo scrive:
            Re: è stupido
            - Scritto da:
            Anche nel caso degli scriba è stato un SCAMBIO di
            tecnologie.Ma quale scambio di tecnologie, gli scriba usavano le mani; in macchina eviti di usare mani, piedi e il cervello puoi usarlo per fare 1000 altre cose mentre ti sposti da una città all'altra.
          • Anonimo scrive:
            Re: è stupido
            .....tipo Trobare tra i caselli dell'autostrada..... @^.....e non ti multano più con il cellulare.... (geek).....potrai pure anticipareil lavoro mentre arrivi al lavoro.........emm...(ghost)
          • Anonimo scrive:
            Re: è stupido
            Anche quì è uno scambio di tecnologia......Cervello Biologico, con cervello Elettronicovuoi mettere la divverenza dopo aver bevutoUno Zombie, preso 18 Acidi e aver ballato dalle00:00 alle 04:00 del mattino, anche se andrà a 50 All'ora, vuoi mettere il giorno dopo.....Anche oggi nessun 20enne spiaccicato sul platano.ed in un futuro ancora più avanzato, non ci saranno nemmeno più i semafori, visto che le macchine valuteranno un kilometro prima la velocità giusta per non schiantarsi, senza attendere rosso e verde.
    • Anonimo scrive:
      Re: è stupido
      - Scritto da:
      macchine che guidano da sole,
      macchine che creano macchine,

      è la stupidità industrializzata.Hai bevuto? Ogni anno un sacco di gente muore in auto. Se si riesce a eliminare l'errore umano anche per la guida è solo un bene.
      • Anonimo scrive:
        Re: è stupido
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        macchine che guidano da sole,

        macchine che creano macchine,

        è la stupidità industrializzata.
        Hai bevuto?
        Ogni anno un sacco di gente muore in auto. Se si
        riesce a eliminare l'errore umano anche per la
        guida è solo un bene.Cosi' come le presse robotizzate: sai che la gente non perde piu' le braccia in officina come 50 anni fa ???
        • Anonimo scrive:
          Re: è stupido
          ....no le perde ancora, perchè hanno scopertoche mettendo uno stecchino sulle sicurezze, si riesce a produrre di più..........Quando l'Uomo usa il cervello.....(rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: è stupido
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        macchine che guidano da sole,

        macchine che creano macchine,



        è la stupidità industrializzata.

        Hai bevuto?
        Ogni anno un sacco di gente muore in auto. Se si
        riesce a eliminare l'errore umano anche per la
        guida è solo un
        bene.Sono l'autore del thread, ti dico io cos'è un bene.- Un bene è fare in modo che non esistano più le automobili.- Un bene è fare in modo che si privilegi l'uso dei mezzi pubblici a carburante pulito.- Un bene è fare in modo che si usi la bicicletta piuttosto che i mezzi pubblici, come avviene in molti paesi.- Un bene è fare in modo che non si debba essere costretti a fare 60km/giorno per andare a lavorare- Un bene è vivere la vita in modo sano- Un bene è trasmettere tutto questo ai propri figli.Ormai siamo un popolo senza più caffeina come la cocalight... non sappiano (di) nulla.
        • Anonimo scrive:
          Re: è stupido
          .....Quì il problema che poni tu è un altroe come si usa la technologia, non è la technologia in se stessa..........Vogliono unificare i piccoli ospedali per dare una sanità migliore..........Non valutano che poi chi ci dovrà lavorarenon sarà più a 5 minuti dal posto di lavoro ma sarà a 60Km ...... questo perchè esistonole macchine ...... ma di più perchè esistonodegli emeriti PIRLA che per risparmiare 4 bustepaga al mese Unificano.... e fanno fare il C*loa chi resta......E TUTTO SI BASA SU QUESTO CONCETTOesiste il PC ...l'ADSL ma bisogna andare in ufficio per compilare un foglio excel o scrivererelazioni o altre C*gate di questi tempi.Tuo figlio va in discoteca, l'auto macchina gli salva la vita, tanto la macchina giàesiste ed in dietro non si torna.
  • Anonimo scrive:
    Ma se...
    ...molti fra noi non sono disposti a far guidare nemmeno un altro essere umano quando sono sulla propria macchina, chi mai si fiderà di un computer?C'è una differenza ABISSALE tra l'autopilota in ambito aeronautico o navale e in ambito automobilistico: nei primi due casi serve ad abbassare il carico di lavoro di un pilota che è COMUNQUE SEMPRE ATTENTO a quello che succede ed è pronto in qualunque istante a riprendere il controllo del mezzo. Mezzo che fra l'altro non viaggia con dei muri intorno, e dunque ti lascia qualche secondo di tempo per riprendere i comandi anche nei casi peggiori.Ma se devo restare comunque attento, che me ne faccio di una macchina che si autoguida? E se non resto attento, alla prima avaria faccio il botto....
  • Anonimo scrive:
    Il mio sogno (updated):
    come scrissi tempo fahttp://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1552342&m_id=1553146&r=PIquesta notizia si avvicina al mio sogno: il traffico automatico: arrivi in periferia delle grasse cità e il navigatore(NaVi) ti avverte che sei etrato in un area di "traffico automatico"...puoi pure lasciare il volante ed acceleratore...tanto in qualsiasi caso saresti obbligato a farlo, poichè un guidatore umano è troppo pericoloso, le autorità hanno deciso che sia tutto automatizzato.le auto 'sfrecciano' alla massima velocità consentita dal traffico e dalle condizioni meteo, automaticamente...le colonne di auto si dispongono in modo da evere la miglior rotta per il punto in cui devi andare, e in modo da favorire i mezzi che hanno più "fretta" e che hanno meno carico, così (finalmente) camion furgoncini e mezzi pesanti se ne stanno sulle loro lente corsie.gli incroci vengono affrontati senza nessuna sosta in quanto il sistema, centralizzato, permette alle auto di sfiorarsi senza mai collisioni, così le auto si incrociano a velocità normale...in caso di partenza da una sosta o immissione in un altra strada, le auto automaticamente fanno spazio per farti passare, ma la decelerazione delle altre auto è così coordinata da non farsi quasi sentire dagli altri conducenti (ma occupanti o passeggeri sarebbe un termine più corretto), in fondo basta fere 3-4m di spazio tra un'auto e l'altra.i sensori a bordi di ogni vettura tengono costantemente informati il NaVi sulla situazione dell'auto stessa e delle altre intorno, così in caso di incidente non solo i tamponamenti a catena sono limitatissimi, ma è tutta l'area a bloccarsi temporaneamente...le ambulanze e le forze dell'ordine sfrecciano tranquillamente sul luogo, anche in orari di punta, sempliciemente la colonna si apre davanti a loro e si chiude alle loro spalle.Le forze dell'ordine, una volta constatato il problema, possono decidere di far ripartire il traffico dell'area, che si autoadatta alla situazione, così strade che prima erano sensi unici o di scorrimente temporaneamente diventano qual'cos'altro...In caso di lavori in corso, anche se fossero nell'incrocio del centro della città, non rappresentano nessun problema, il traffico si ridireziona di conseguenza.le corsie con dei codici a barre disegnati sull'asfalto informano le vetture di aree pedonali e ciclabili, corsie speciali e quant'altro, mentre a bordo i passeggeri sono impegnati in amabili chiacchierate, il manager fa le sue telefonate importanti e usa il portatile dal quale si connette al suo desktop (ma questo è un'altra storia) per mandare mail e leggersi i documenti di cui ha bisogno...le signore/ine fanno le ultime sistemazioni al trucco, finalmente senza creare panico ai poveri cristi che vanno a lavorare... ;)Ascoltare la musica in auto avrà un altro senso, e anche guardare la TV e navigare su internet diventerà normale...Quando devi scendere dalla vettura basta attendere che arrivi a destinazione, ma in caso di sosta non programmata puoi anche premere il pulsantino disegnato sul touch screen del NaVi e l'auto scivola fuori dalla colonna scorrevole in cui era e si accosta dolcemente sul marciapiede nel punto più vicino a dove dovevi andare.scendi, chiudi con il centralizzato e mentre ti allontani l'auto riparte e va a parcheggiarsi nella piazzola più vicina,perfettamente allineato alle altre senza sprecare 1mm di spazio, dove ricaricherà le batterie o farà rifornimento di metanolo per le fuel cell, per poi essere subito disponibile quando vuoi andartene, premi il pulsante sulla dongle-key e tempo 1 minut l'auto viene a raccoglierti;La notte, se entrerai nell'abitacolo che hai bevuto un bicchiere o due (ma anche 3 o 4) in più, l'auto ti sgamerà subito e si rifiuterà categoricamente di fari guidare al di fuori delle aree automatizzate, ti riporterà a casa mentre l'alticcio bevitore di turno potrà anche ronfarsela sui comodi sedili in sint-pelle e sint-velluto...l'abitacolo sarà molto spazioso, data la non necessità di cambio, freno a mano e per il volate a scomaparsa...Anche parcheggiare con la fidanzata al chiaro di Luna finalmente sarò meno scomodo e non necessiterà di contorsionismi da circo Orfei...Il "Traffico Automatico", appunto......che sogno...(per capirci simile a quello di "Io robot", "minority report"[se non erro] e "Serial Experiments Lain")ciao(amiga)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mio sogno (updated):

      (per capirci simile a quello di "Io robot",
      "minority report"[se non erro] e "Serial
      Experiments
      Lain")Carino, Lain.Ma io ho visto anche Macross Plus e ti dirò che preferisco avere i comandi saldamente in mano, visto fra l'altro che in ambito musicale ormai a Sharon Apple ci siamo quasi arrivati :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mio sogno (updated):

      il traffico automatico:
      [snip]...la sua carta vita (carta di credito del futuro) è scaduta. Aprire automobile con carta, operazione non consentita. Aprire finestrino con carta, operazione non consentita. Utilizzare telefono, operazione non consentita. Auto in sosta al rifornimento - inserisca la sua carta - operazione non consentita. Per utilizzare l'auto deve provvedere al rifornimento, auto bloccata....è stato trovato misteriosamente morto nella sua auto dalla PlayMobilPolice l'altra settimana, nei pressi di una stazione di rifornimento, un uomo completamente disidratato e denutrito...:-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Il mio sogno (updated):
        - Scritto da:



        il traffico automatico:

        [snip]

        ...la sua carta vita (carta di credito del
        futuro) è scaduta. Aprire automobile con carta,
        operazione non consentita. Aprire finestrino con
        carta, operazione non consentita. Utilizzare
        telefono, operazione non consentita. Auto in
        sosta al rifornimento - inserisca la sua carta -
        operazione non consentita. Per utilizzare l'auto
        deve provvedere al rifornimento, auto
        bloccata.

        ...è stato trovato misteriosamente morto nella
        sua auto dalla PlayMobilPolice l'altra settimana,
        nei pressi di una stazione di rifornimento, un
        uomo completamente disidratato e
        denutrito...

        :-):)bhe, per lo meno quelli che non pagano il MonoBollo (con cui pagherai anche il servizio di autotraffico) sanno cosa gli aspetta!ciao(amiga)
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Il mio incubo
      In caso di schermata blu il sistema è difficile da riavviare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il mio incubo
        - Scritto da: Gatto Selvaggio
        In caso di schermata blu il sistema è difficile
        da
        riavviare.un ClusterTotale o un datagrid non ha bisogno di esser riavviato...è come internet, è un sistema distribuito.il senso del NaVi è (anche)quello...
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Re: Il mio incubo
          Pensavo a tutti quei milioni di auto che si scansano l'una con l'altra di pochi metri... che pateracchio se anche una sola va in tilt.
  • Anonimo scrive:
    L'auto senza guidatore?
    Se non mettiamo un freno a questo consumismo sfrenato saremo ben presto guidatori senza auto. In passato per ogni famiglia c'era una automobile. Oggi c'è un'automobile per ogni membro della famiglia, ma spesso il capofamiglia ne ha più di una. Non staremo un po' esagerando? Non sarà il caso di puntare maggiormente sui trasporti pubblici e ridurre in tal modo anche l'inquinamento oltre che il traffico caotico e nevrotizzante?
    • Anonimo scrive:
      Re: L'auto senza guidatore?

      Non sarà il caso di puntare maggiormente sui
      trasporti pubblici e ridurre in tal modo anche
      l'inquinamento oltre che il traffico caotico e
      nevrotizzante?Sacrosanto!!!Anche la bicicletta è un ottimo mezzo di trasporto, almeno fino a 10 km di distanza: ci si guadagna anche in salute (esercizio fisico!) e stress (parcheggio!). Uno studio europeo ha dimostrato che entro i 5 km ci si guadagna anche come tempo di percorrenza, calcolandolo porta a porta.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'auto senza guidatore?
        si certo come no..peccato che una volta in famiglia lavoravano tutti vicini.io lavoro a 45km da casa, i miei in altra direzione.no treno.che facciamo? 3 biciclette e siamo tutti a posto?
        • Anonimo scrive:
          Re: L'auto senza guidatore?
          - Scritto da:
          si certo come no..

          peccato che una volta in famiglia lavoravano
          tutti
          vicini.

          io lavoro a 45km da casa, i miei in altra
          direzione.
          no treno.

          che facciamo? 3 biciclette e siamo tutti a posto?FASCISTAAAAA!!!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: L'auto senza guidatore?

          io lavoro a 45km da casa, i miei in altra
          direzione.
          no treno.
          che facciamo? 3 biciclette e siamo tutti a posto?Mi pareva di essere stato chiaro: fino 10 km la bici è applicabile a tutti, poi bisogna vedere caso per caso. 45 km sono ovviamente troppi per quasi tutti.Il vero problema sono quelle persone che prendono la macchina per tutto, anche per pochi km, anche per portare i figli a scuola perché hanno paura di fargli attraversare la strada o perché c'è troppo traffico (che loro contribuiscono ad aumentare!).O la gente che pur di non fare 100 m in più a piedi continua a girare attorno ai percheggi nella speranza che si liberi un posto.Ricordo poi che ci sono anche le moto (non gli inquinantissimi e pericolosissimi motorini!), più economiche, meno ingombranti, più agili, con pochi problemi di parcheggio.Sì, bici e moto si possono usare anche quando piove e anche quando è freddo, basta adottare l'apposito abbigliamento. Si ripaga in breve tempo.
    • Athlon64 scrive:
      Troppo semplice!

      Se non mettiamo un freno a questo consumismo
      sfrenato saremo ben presto guidatori senza auto.
      In passato per ogni famiglia c'era una
      automobile. Oggi c'è un'automobile per ogni
      membro della famiglia, ma spesso il capofamiglia
      ne ha più di una. Non staremo un po' esagerando?
      Non sarà il caso di puntare maggiormente sui
      trasporti pubblici e ridurre in tal modo anche
      l'inquinamento oltre che il traffico caotico e
      nevrotizzante?La solita generalizzazione e banalizzazione dei problemi complessi!1) Non è affatto vero che c'è un'automobile per ogni membro della famiglia . Il dato nazionale è 0,58 vetture per abitante.2) Sono pochissimi "capifamiglia" ad avere più di un'auto, o perché sono benestanti o a volte anche, pensa un po', per necessità!3) I mezzi pubblici sono sicuramente importanti, ma non potranno mai sostituirsi del tutto ai mezzi privati: se lavori lontano da casa/fuori città, se dopo il lavoro hai in programma di andare a fare la spesa, se prima del lavoro accompagni i figli a scuola ecc.4) Molte persone non amano i mezzi pubblici, perché sono scomodi, sporchi, sempre strapieni, c'è molta criminalità ecc. C'è un unico caso in cui la maggior parte dei cittadini dichiara di preferire i mezzi pubblici all'automobile, e sono i grandi spostamenti. E guarda caso le grandi opere come la TAV sono sempre contestate duramente da quelli come te che dicono "potenziamo i mezzi pubblici, aboliamo le automobili".
      • Anonimo scrive:
        Re: Troppo semplice!
        La risposta di molte grandi citta' si chiamano Taxi efficienti che differiscono da quelli italiani per essere di norma: larghi spaziosi puliti disponibili nel giro di minuti e costare una frazione di quanto avviene oggi. Non si tratta di una cosa che non c'e', si tratta di potenziare il servizio attuale perche' diventi umano, in questo momento la differenza tra un taxi in italia e uno all'estero e' la stessa tra l'Alitalia e Ryanair.
        • Anonimo scrive:
          Re: Troppo semplice!
          - Scritto da:
          La risposta di molte grandi citta' si chiamano
          Taxi efficienti che differiscono da quelli
          italiani per essere di norma: larghi spaziosi
          puliti disponibili nel giro di minuti e costare
          una frazione di quanto avviene oggi.Sono d'accordo, ma questo servirà ad eliminare gli sprechi (che sono molti) insieme con altre misure, non a creare la "società senza auto" che tanti vagheggiano: perchè ancor più della comodità dello spostamento, alla gente interessa potersi muovere senza dipendere da altri servizi: è per questo che a molti piace guidare...Certo, se devo andare a fare acquisti in centro preferisco di gran lunga un mezzo pubblico efficiente al dover perdere mezz'ora per trovare parcheggio; ma in molti altri casi si prende la macchina quando pure esisterebbero delle alternative per essere liberi di fare quello che ci pare. I fanatici delle macchine automatiche sembrano non capirlo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Troppo semplice!
        - Scritto da: Athlon64

        Se non mettiamo un freno a questo consumismo

        sfrenato saremo ben presto guidatori senza auto.

        In passato per ogni famiglia c'era una

        automobile. Oggi c'è un'automobile per ogni

        membro della famiglia, ma spesso il capofamiglia

        ne ha più di una. Non staremo un po' esagerando?

        Non sarà il caso di puntare maggiormente sui

        trasporti pubblici e ridurre in tal modo anche

        l'inquinamento oltre che il traffico caotico e

        nevrotizzante?

        La solita generalizzazione e banalizzazione dei
        problemi
        complessi!

        1) Non è affatto vero che c'è un'automobile
        per ogni membro della famiglia . Il dato
        nazionale è 0,58 vetture per
        abitante.

        2) Sono pochissimi "capifamiglia" ad avere più di
        un'auto, o perché sono benestanti o a volte
        anche, pensa un po', per
        necessità!

        3) I mezzi pubblici sono sicuramente importanti,
        ma non potranno mai sostituirsi del tutto ai
        mezzi privati: se lavori lontano da casa/fuori
        città, se dopo il lavoro hai in programma di
        andare a fare la spesa, se prima del lavoro
        accompagni i figli a scuola
        ecc.

        4) Molte persone non amano i mezzi pubblici,
        perché sono scomodi, sporchi, sempre strapieni,
        c'è molta criminalità ecc. C'è un unico caso in
        cui la maggior parte dei cittadini dichiara di
        preferire i mezzi pubblici all'automobile, e sono
        i grandi spostamenti. E guarda caso le grandi
        opere come la TAV sono sempre contestate
        duramente da quelli come te che dicono
        "potenziamo i mezzi pubblici, aboliamo le
        automobili".siamo arrivati a un intasamento tale del traffico che abbiamo 2 alternative anzi 3 !:- o facciamo circolare meno macchine (potenziando i trasporti pubblici, studiando sistemi di trasporto alternativi, etc)- o troviamo il modo di far scorrere meglio i veicoli (ottimizzazione delle strade, costruzione di nuove autostrade,tangenziali,etc)- oppure..... ci prepariamo per la neuro :(
      • Anonimo scrive:
        Re: Troppo semplice!

        E guarda caso le grandi
        opere come la TAV sono sempre contestate
        duramente da quelli come te che dicono
        "potenziamo i mezzi pubblici, aboliamo le
        automobili"."Fascista".
    • TADsince1995 scrive:
      Re: L'auto senza guidatore?

      Non sarà il caso di puntare maggiormente sui
      trasporti pubblici e ridurre in tal modo anche
      l'inquinamento oltre che il traffico caotico e
      nevrotizzante?Quando questo è possibile. Personalmente io la mia macchina non l'avrei neanche comprata se qui avessi un sistema di trasporto pubblico come quello che c'è a Parigi o a Berlino.TAD
      • The_GEZ scrive:
        Re: L'auto senza guidatore?
        Ciao TADsince1995 !

        Non sarà il caso di puntare maggiormente sui

        trasporti pubblici e ridurre in tal modo anche

        l'inquinamento oltre che il traffico caotico e

        nevrotizzante?
        Quando questo è possibile. Personalmente io la
        mia macchina non l'avrei neanche comprata se qui
        avessi un sistema di trasporto pubblico come
        quello che c'è a Parigi o a
        Berlino.Straquoto !Sono stato ormai parecchie volte in Giappone e devo dire che li l' auto è VERAMENTE superflua, nelle grandi città la metropolitana ha una rete veramente capillare mentre il treno raggiunge praticamente TUTTI i centri abitati ... poi torno in italia e mi sembra di essere nel terzo mondo ... :(-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 settembre 2006 14.09-----------------------------------------------------------
  • controcorrente scrive:
    Tecnologia concreta
    Secondo me sotto il cofano c'è un cinese in carne ed ossa...
    • Anonimo scrive:
      Re: Tecnologia concreta
      Beh, hai fatto un battuta ma mica tanto lontana dalla realtà , ovvero: considerando il costo degli schiav ops, pardon, volevo dire lavoratori cinesi mi costerebbe meno un autista se si fa pagare quanto un operaio in una fabbrica cinese di quantonon mi costi un sistema di guida automatico.
  • lalla63 scrive:
    inizino a fare vetture sicure
    Nelle prove di urto le vetture cinesi sono un disastro, sono al nostro livello degli anni '70 se non peggio.Non garantiscono la minima protezione agli occupanti neanche negli urti meno severi.Sono lontanissimi da sperare in una omologazione in europa.Queste della guida assistita sono cose che esistono da 10 anni, ma non servono praticamente a nulla proiettate sull'immediato futuro commerciale.Comunque meno male che perdono tempo e soldi su questi temi, invece di pensare a portarsi al nostro livello tecnico attuale, sennò visti i loro costi produttivi saremmo veramente mal messi.http://paultan.org/archives/2006/02/18/chery-qq-crash-test/http://www.omniauto.it/magazine/articolo/1098/jmc_landwind.html-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 settembre 2006 07.59-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: inizino a fare vetture sicure

      Queste della guida assistita sono cose che
      esistono da 10 anni, ma non servono praticamente
      a nulla proiettate sull'immediato futuro
      commerciale.Per questa ragione gli italiani nel mondo sono famosi per cibo e vestiti ma non per la tecnologia. Sono i primi a non crederci.
      Comunque meno male che perdono tempo e soldi su
      questi temiGai', che sciocchi bambinoni.
      invece di pensare a portarsi al
      nostro livello tecnico attuale, senno` visti i
      loro costi produttivi saremmo veramente mal
      messi.Stai tranquillo che recuperano presto, in quel settore non devono inventare nulla, ma limitarsi ad adottare le soluzioni a noi note.Al contrario gli europei in fatto di robotica stanno perdendo il treno, anche se ci sono ottime eccezioni italiane e tedesche.
      • Anonimo scrive:
        Re: inizino a fare vetture sicure
        - Scritto da:
        Al contrario gli europei in fatto di robotica
        stanno perdendo il treno, anche se ci sono ottime
        eccezioni italiane e
        tedesche.Ma se i cinesi dovessero adottare le fabbriche robotizzate, poi dove sarebbe il loro vantaggio competitivo, visto che in abbondanza hanno solo manodopera?
    • lorenzot scrive:
      I costi e la questione culturale
      Realizzare auto sicure ha un costo non indifferente e soprattutto richiede un consistente know how ai tecnici che si occupano di questo (la dinamica veloce delle strutture rimane sempre uno dei settori più spinti).C'è dietro anche una questione culturale, dal mio punto di vista: la tecnologia e la tradizione aeronautica, in occidente ormai secolari, hanno dato molto al mondo dell'auto in questo settore.Ciao.
      • Ubu re scrive:
        Re: I costi e la questione culturale
        - Scritto da: lorenzot
        Realizzare auto sicure ha un costo non
        indifferente e soprattutto richiede un
        consistente know how ai tecnici che si occupano
        di questo (la dinamica veloce delle strutture
        rimane sempre uno dei settori più
        spinti).
        C'è dietro anche una questione culturale, dal mio
        punto di vista: la tecnologia e la tradizione
        aeronautica, in occidente ormai secolari, hanno
        dato molto al mondo dell'auto in questo
        settore.

        Ciao.Ciao Lorenzot,A volte siamo condizionati e subiamo gli stereotipi senza rendercene conto. Ho come l'impressione che siamo prevenuti verso i prodotti cinesi e siamo accomodanti verso prodotti statunitensi (anche se prodotti in Cina). Mentre se le esaminiamo attentamente ci accorgiamo che queste aziende si comportano alla stessa identica maniera.Rileggi quello che hai scritto in salsa informatica:"Realizzare software sicuro ha un costo non indifferente e soprattutto richiede un consistente know how ai tecnici che si occupano di questo (...).C'è dietro anche una questione culturale, dal mio punto di vista: I clienti glielo comprano comunque ."Dimmi se questa non il ritratto di MS e che io sappia MS non è cinese!
    • Athlon64 scrive:
      Re: inizino a fare vetture sicure

      Queste della guida assistita sono cose che
      esistono da 10 anni, ma non servono praticamente
      a nulla proiettate sull'immediato futuro
      commerciale.
      Comunque meno male che perdono tempo e soldi su
      questi temi, invece di pensare a portarsi al
      nostro livello tecnico attuale, sennò visti i
      loro costi produttivi saremmo veramente mal
      messi.In Cina l'importanza dell'individuo è bassa, almeno rispetto a come la concepiamo noi (in parte è una conseguenza del pensiero comunista), e quindi oltre ad esserci un costo del lavoro bassissimo per i motivi che sappiamo, c'è anche scarsa attenzione per aspetti come la sicurezza. Quindi la ricerca è ovvio che verta di più su altri aspetti. In Europa vi è moltissima ricerca sulla sicurezza dei veicoli (sia dei passeggeri che degli altri utenti della strada) e ti assicuro che è una ricerca che coinvolge tecnologie molto avanzate.
      • Anonimo scrive:
        Re: inizino a fare vetture sicure

        In Cina l'importanza dell'individuo è bassa,
        almeno rispetto a come la concepiamo noi (in
        parte è una conseguenza del pensiero comunista)No, guarda, non c'entra il comunismo... è un modo di ragionare vecchio di qualche millennio per loro :sCome per la grande maggioranza dei popoli asiatici, peraltro. Guarda i Giapponesi....
        • Anonimo scrive:
          Re: inizino a fare vetture sicure
          - Scritto da:

          In Cina l'importanza dell'individuo è bassa,

          almeno rispetto a come la concepiamo noi (in

          parte è una conseguenza del pensiero comunista)

          No, guarda, non c'entra il comunismo... è un modo
          di ragionare vecchio di qualche millennio per
          loro
          :s
          No no kompagno, ti posso assicurare che l'annichilimento dell'individuo in favore della massa è diretta conseguenza dell'ideologia comunista!
          Come per la grande maggioranza dei popoli
          asiatici, peraltro. Guarda i
          Giapponesi....Infatti le macchine giapponesi sono ai massimi livelli MONDIALI per la sicurezza, vedi Toyota.HASTA IL PUEBBBBBLO COMPAGNEROS!!!!!
    • Guybrush scrive:
      Re: inizino a fare vetture sicure
      Se l'auto inizia a riconoscere i limiti di velocita', a parlare con i veicoli che precedono per avere informazioni sul traffico in "tempo reale", a costringere il guidatore a non fare cazzate al volante tipo "devo girare a destra tra 400 metri? Si certo, ma prima sorpasso 'sto lumacone qua davanti che va a 2 all'ora", al che interviene la macchina che, sapendo dal GPS che tra 400 metri c'e' la svolta, segnala l'errore ed eventualmente corregge.A questo punto puo' pure accorgersi che l'utente s'e' messo a parlare al cellulare e prende con decisione il comando... mica e' tanto stupido.Certo, ci vorra' tempo, ma gia che il computer di bordo riconosce gli ostacoli, 60km/h sono una bella velocita' in citta'.Insomma prima di criticare ricordati che:la ricerca paga sempre.E poi se fai una macchina del genere potresti fare a meno di tutta una serie di strumenti di protezione che sono necessari in europa a causa dell'indisciplinatezza dei guidatori.O, se preferisci, a 90 km/h ti basta la cintura di sicurezza. A 130 meglio se c'e' l'airbag, ma niente pretensionatore = minori costi.Se l'automobile sa come controllare una sbandata (cosa che pochi guidatori sanno fare) si dimezzano gli incidenti. Se l'automobile elimina i colpi di sonno pure, se il tir che ho dietro si accorge che le auto avanti sono incolonnate, rallenta anche se l'autista non se ne e' accorto... ecc... ecc... ecc...Diminuisci i costi di costruzione dei veicoli, abbatti i costi sociali legati al volante... e quando hai 1.200.000.000 abitanti significa un sacco di soldi.La ricerca cinese in questo campo non e' tanto sbagliata, sai?
      GT
  • Anonimo scrive:
    E la golf GTI 53+1 ?
    http://www.autoblog.it/post/4448/golf-gti-531LA VW l'ha tirata furi prima dei cinesoni... e riesce a spremere tutti i 200 CV a disposizione... toccando i 225 Km/h da sola !!
    • Anonimo scrive:
      Re: E la golf GTI 53+1 ?
      - Scritto da:
      http://www.autoblog.it/post/4448/golf-gti-531

      LA VW l'ha tirata furi prima dei cinesoni... e
      riesce a spremere tutti i 200 CV a
      disposizione... toccando i 225 Km/h da sola
      !!Peccato che la golf GTI 53+1 non sia il primo veicolo del genere _messo_in_commercio_ e inoltre "con l’aiuto di ostacoli mobili, vengono realizzati speciali percorsi che la 53+1 percorre senza pilota".Niente di utilizzabile fuori dai circuiti insomma.Il primato quindi resta ai cinesi.
Chiudi i commenti