Videogame online, sfida all'ultimo ban

Gli sviluppatori di Red Dead Redemption, uno dei videogiochi recenti di maggior successo, avvertono gli imbroglioni: giocare imbrogliando vi porterà verso la cacciata dal gioco multiplayer
Gli sviluppatori di Red Dead Redemption, uno dei videogiochi recenti di maggior successo, avvertono gli imbroglioni: giocare imbrogliando vi porterà verso la cacciata dal gioco multiplayer

Nuovo, clamoroso ban su larga scala in arrivo nel mercato videoludico: Rockstar Games annuncia di essere intenzionata a sbattere fuori dalla porta della modalità multi-player del suo Red Dead Redemption i giocatori che hanno imbrogliato. Gli utenti onesti si sono lamentati e la software house è pronta a mettere in pratica misure drastiche per salvaguardare un ambiente di gioco divertente e appagante per tutti.

La mannaia del ban è scattata questo 24 agosto, e in precedenza Rockstar l’aveva preannunciata con un avviso sul suo sito web. Interessati della misura tutti quei giocatori che hanno accumulato altissimi, “impossibili” livelli di punti esperienza in maniera surrettizia e non con il duro lavoro del fragging onesto e faticoso. Ai cheater è stato garantito un tempo cuscinetto di una settimana, entro il quale avrebbero dovuto cancellare i suddetti XP impossibili.

Rockstar specifica che il ban non riguarda quanti hanno approfittato di “exploit temporanei” per accrescere i propri punti esperienza, limitandosi a prendere di mira i giocatori che hanno surrettiziamente modificato i propri salvataggi. “Siamo in grado di discernere la differenza”, aveva minacciato Rockstar.

Come l’hanno presa i giocatori? La reazione della community multiplayer di Red Dead Redemption è stata generalmente positiva , sebbene qualcuno abbia evidenziato la sostanziale non influenza dei cheater ai fini del divertimento nel gioco e l’ingiustizia di una misura così drastica come il ban permanente dai server online.

Di ban permanente si parla anche per i giocatori prematuri di Halo: Reach : passando dal polveroso West alla fantascienza aliena, il problema non sono tanto i cheater quanto piuttosto coloro che hanno crackato, scaricato e cominciato a giocare il nuovo blockbuster annunciato dell’accoppiata Bungie/Microsoft sul network di Xbox 360, in anticipo sulla data di commercializzazione effettiva fissata per il prossimo 14 settembre.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 08 2010
Link copiato negli appunti