Videogames violenti? Vola la censura

Nella provincia del British Columbia acquista consistenza la proposta di equiparare i videogiochi ai film e di censurare quelli più violenti o con scene spinte. Creando un sistema di rating e divieti di vendita sotto certe età


Victoria (Canada) – “Vogliamo assicurarci che i minori non possano affittare o acquistare videogiochi non appropriati. Questi giochi saranno separati da tutti gli altri, per impedire che i minori possano vederli o giocarci nei negozi”. Così il procuratore generale della provincia canadese della Columbia Britannica, Graeme Bowbrick, ha spiegato alla CNN perché la proposta di classificare i videogiochi in distribuzione sta riscuotendo molto interesse, anche al di fuori dei confini della provincia.

L’idea di fondo è quella di dare alla vendita e alla distribuzione di games una classificazione che ricorda quella già adottata per i film. Dunque vi saranno giochi “Teen”, quelli che possono essere acquistati dai maggiori di 14 anni, e i games “Adult Only”, riservati agli over 18.

Proprio come accade per i film “adulti”, che nei negozi vengono esposti in aree riservate e separate, così presto potrebbe succedere nella popolosa provincia canadese ai videogames.

Dato che sulla proposta di Bowbrick si sta accumulando un certo interesse, l’industria produttrice di videogiochi non si è fatta attendere e ha iniziato l’opera di delegittimazione della proposta stessa. “Non ha senso – ha detto il direttore dell’associazione locale dei produttori, Harvey Nightingale – che in una provincia sia stabilita una classificazione diversa dalle altre province. Crea problemi di packaging e di distribuzione”.

Va detto che nel resto del Canada esistono già sistemi di classificazione nati sulla scorta di una autoregolamentazione del settore, ma i criteri usati per giudicare i games non piacciono evidentemente a tutti. Anzi, la Coalizione contro l’intrattenimento violento, un’associazione locale della provincia canadese, ha fatto sapere di appoggiare la proposta: “La violenza dei videogiochi nuoce ai bambini e alle loro famiglie. Vogliamo che governo e imprese lavorino insieme per proteggerli”.

Se le autorità dello Stato decideranno di appoggiare la proposta, già entro l’anno potrebbe partire la “classificazione”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • guardie e ladri scrive:
    radar jamming
    Salve, io ho dei vicini di casa che sono ricchissimi zingari della Balduina (quartiere della Roma bene), che vanno in giro in Porche e hanno casa a Nizza (intestata a una società), dove passano lestate e forse rivendono loro rubato durante linverno nella capitale.. Anche io ho ricevuto lo scorso inverno (2 Novembre), una loro visita mentre non ero in casa. Hanno asportato il contento della cassaforte aprendo le serrature a doppia mappa della porta blindata e della cassaforte senza compiere scasso ma con copia delle chiavi ottenuta probabilmente attraverso calchi a mezzo cera e resina Scoperto il furto sono stato anche minacciato dalla vicina zingara con frasi del tipo: Tanto risaliamo!!!. Allo stupido scopo di spaventarmi (appartengo a una famiglia militare!!!). Appena entrato nel mio appartamento ho notato che diverse sirene degli allarmi dei palazzi intorno al mio hanno iniziato a suonare ripetutamente. Lasciandomi intendere che i ladri fossero ovunque La mia domanda ora è se è tecnicamente possibile che questi zingari ricchissimi tramite un Radar Jamming abbiano potuto far suonare volontariamente gli allarmi nelle case vicine. So che i Radar Jamming sono apparecchiature molto costose ma come ripeto questa famiglia di zingari è ricchissima e possiede appartamenti nelle più prestigiose vie della Capitale oltre a proprietà sparse in tutta Italia. So chè è posibile far suonare allarmi a onde radio dallesterno dellappartamento tramite un pc portatile e uno scanner.. E anche possibile far suonare a distanza le sirene degli allarmi via filo tramite un radar jamming? Grazie per la risposta.Replica Lascia un commento
  • Anonimo scrive:
    e' legale?...non penso
    certamente attualmente si configurano reati come l'interruzione di pubblico servizio nonchè almeno 4 violazioni al testo unico delle telecomunicazioni , poi alla normativa sulla marcatura "CE" 1999/05/CE, e quant'altroSONO ILLEGALI con buona pace dei commercianti.....
  • Anonimo scrive:
    Disturbare i cellulari ?
    Ma il raggio di azione di un aggeggio con queste caratteristiche non può essere individuato con precisione !Ad esempio se un mio vicino di casa azionasse un simile dispositivo (magari ha un ristorante, una biblioteca ecc...), chi mi garantisce di essere libero di ricevere le mie telefonate in casa mia, sul mio cellulare?Inoltre l'uso di tali dispositivi andrebbe ben evidenziato, per esempio Io sono un medico che ha in alcune circostanze obbligo di reperibilità, se tali dispositivi si diffondessero in modo non regolamentato, potete ben immaginare i problemi a cui andrei incontro !
  • Anonimo scrive:
    Il perche' a volte necesita'
    Posseggo un ristorante, dove durante le ore di pranzo e cena, a parte il sottofondo di musica classica e opera, ma molti miei clienti scenlgono il locale nons olo per la ottima cucina, ma anche per la discrezione del locale, ho installato un "jammer", di produzione Cinese, al costo di US$ 250, solo per evitar e il continuo e esaperante trambusto di pseudoaffaristi che vengono con 2/3 telefonini, e ogni due minuti a piena voce a mo di strilloni da mercato, attacano con il "Hello, How are You.....", insomma il suono di sottofondo sono le mille musichette del cavolo, e gli strilli di questi neweconomy business cafoncelli.Molti miei clienti lo sanno, e lasciano inserito nella segreteria telefonica che son a mangiare da me e di essere contattati solo per urgenti motivi, chi desidera chiama il numero del ristorante e noi piu che volentiari gli passiamo la telefonata.Immagiante di essere a un pranzo d'affari o a una cena intima, e i vostri vicini di tavolo, continuano assordatamente a far squillare quegli aggeggi, e strillare perche le linee sono deboli o perche loro sono storni, lo trovate una cosa felice ??Io personalmetne possego tre GSM, uno e' sempre con ia moglie, uno e' semrpe spento e l'accendo solo quando sono in viaggio o in macchina ( con il suo sistema viva voce), l'altro e sempre con il mio aiutante, perche' quello che mi esaspera e di avere questo giusto mezzo di comunicazione che stridula ogni 5 minuti e maggiromente per minchiate.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il perche' a volte necesita'
      - Scritto da: Gerardo
      Posseggo un ristorante, dove durante le ore
      di pranzo e cena, a parte il sottofondo di
      musica classica e opera, ho installato un "jammer", di
      per evitar e il continuo e esaperante
      trambusto di pseudoaffaristi che vengono con
      Immagiante di essere a un pranzo d'affari o
      a una cena intima, e i vostri vicini di
      tavolo, continuano assordatamente a far
      squillare quegli aggeggi, e strillare perche
      le linee sono deboli o perche loro sono
      storni, lo trovate una cosa felice ??A me sinceramente, quando mi trovo in un ristorante, l'udire una conversazione a un telefonino non mi arreca un disturbo maggiore di quello che mi potrebbe dare la stessa fatta tra 2 avventori. E poi bisogna avere per forza un telefonino per essere maleducati o sgraditi in un luogo pubblico? Quello che mi urta in modo MOOOLTO maggiore, e' il trovarmi a fianco di tavoli con fumatori. Che mi intossicano con i loro veleni, e mi appestano gli abiti con l'odore nauseabondo del tabacco.Voglio sperare che lei usi la sua premura "anticellulare" anche per risparmiare ai suoi clienti non fumatori l'atmosfera nebbiosa creata da chi si sta autodistruggendo i polmoni. Sono convinto che quella e' una VERA necessita', ma che purtroppo non e' recepita molto dalla vostra categoria.Il salvaguardare la salute degli avventori vi costerebbe assai di piu' che 250$.Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Soluzione alternativa anti-cellulare
    Invece di applicare elaborati marchingegni che bloccano i cellulari, basterebbe che ci fosse un addetto, in certi luoghi (biblioteche, cinema, ristorante...) che quando sente un cellulare che squilla lo strappi di mano al proprietario, lo getti per terra ed inizi a saltellarci sopra.credo che quel cellulare non disturberà per un po'...
  • Anonimo scrive:
    Buooo per il ladri
    Addio impianti d'alarme che usano i telefoni per evitare il taglio delle linee telefonica via terra.
  • Anonimo scrive:
    Schermare o disturbare?
    Un conto è applicare schermi che blocchino le onde radio, e un conto è disturbarle. Almeno qui in Italia, non vedrei nessun problema nell'applicare schermi in edifici privati, mentre vedrei grossi fastidi nel disturbare volutamente le frequenze dei GSM, con apparecchi trasmittenti non omologati per i quali nessuno ha rilasciato licenza o concessione d'uso.
Chiudi i commenti