Vietnam, 7 anni al dissidente

Un giornalista ha criticato un accordo con la Cina ed è stato condannato per spionaggio. Usava il web per esprimere le proprie opinioni e via internet avrebbe trasmesso documenti all'estero


Hanoi (Vietnam) – Non aveva calcolato che le proprie opinioni avrebbero infiammato un dibattito già piuttosto acceso sulle concessioni territoriali del Vietnam alla Cina e non aveva certo messo in conto che la mano ferma del regime di Hanoi si sarebbe abbattuta sulla sua testa con questa severità. Ma ora il giornalista vietnamita Nguyen Vu Binh deve affrontare una condanna a 7 anni di carcere e a tre successivi anni di arresti domiciliari.

La sua colpa non gli ha lasciato speranze. Nguyen è infatti riconosciuto colpevole di aver pubblicato online un articolo (“Riflessione sull’accordo cino-vietnamita sui confini”) che viene interpretato come un attacco all’integrità dello Stato. Ma è anche considerato colpevole, fin dal suo arresto nel 2002, di aver utilizzato internet per trasmettere documenti e informazioni riservate all’estero, sempre in relazione a quell’accordo.

Il 35enne Nguyen è in realtà solo l’ultimo di una serie di arresti e condanne che hanno colpito più o meno duramente cittadini vietnamiti colti in fallo mentre usavano internet per dialogare con il mondo e dire la propria opinione. Ma gli è andata bene: come hanno spiegato alcuni osservatori internazionali, la colpa di Nguyen avrebbe anche potuto portarlo sulla forca.

In Cina, intanto, si allungano i tempi del processo contro Ouyang Yi , un cyber-dissidente il cui caso è stato al centro di numerose iniziative internazionali. Il procedimento ancora non si è concluso e solo poche ore fa la Corte del Popolo che se ne occupa ha chiesto all’accusa maggiori informazioni e prove delle colpe del 35enne che, se le prove non arriveranno, potrebbe essere rilasciato. In un paese che non perde occasione per incarcerare chi esprime la propria opinione, l’eventuale rilascio di Ouyang costituirebbe una insperata novità.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • crono_l scrive:
    Come può la RIAA sapere..?
    C'è un quesito che mi sta affliggendo da un po' di tempo a questa parte... Come fa la RIAA a sapere gli indirizzi IP che poi va a denunciare, o a ricattare? A quanto ne so io, l'unico modo è quello di mettere anche loro i loro file su Kazaa... ma loro potrebbero?
    • Ics-pi scrive:
      Re: Come può la RIAA sapere..?
      Di solito li chiedono ai provider facendo minacce e ritorsioni, a volte li ottengono ma ultimamente sembra che la vita si sia fatta dura pure per loro :D
  • Anonimo scrive:
    Ora la Riia non ha più sentenze a favore
    Cominciamo a vedere le cose da un altro punto di vistala RIIA può dire addio alle pretese di ottenere i nomi dai provider...! Di conseguenza certe cose cominciano ad appartenere a una storia seppur recente, ma ormai passata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ora la Riia non ha più sentenze a favore
      - Scritto da: Anonimo
      Cominciamo a vedere le cose da un altro
      punto di vista
      la RIIA può dire addio alle pretese
      di ottenere i nomi dai provider...!
      Di conseguenza certe cose cominciano ad
      appartenere a una storia seppur recente, ma
      ormai passata.Diciamo che probabilmente la RIIA non potrà più andare avanti a suon di ricatti (a casa mia "dammi dei soldi sennò ti denuncio" si chiama ricatto)...però può sempre denunciare gli IP e chiedere alla polizia di procedere...in quel caso per le vittime non cambia molto (o comunque non cambia in meglio) ...non so se per la RIIa è meno conveniente...speriamo.
  • Anonimo scrive:
    Su Pidocchiosi e Vigliacchi...
    Pidocchiosi di sicuro quelli della RIAA, ma anche vigliacchi quelli che hanno accettato di pagare...
  • Anonimo scrive:
    SOLIDARIETA'
    bisognerebbe sapere chi sono e tutti assieme dovremmo dar loro il nostro contributo, magari attraverso EFFe quando eventualmente i contributi superassero la cifra "dovuta", il resto potrebbe restare a EFF
    • Anonimo scrive:
      Re: SOLIDARIETA'
      Hai ragione bisognerebbe averli aiutate queste povere persone messe al muro dai maledetti della Riaa. Ma purtroppo la gente è egoista e se ne frega del prossimo.
  • Anonimo scrive:
    prendetevi pure le mutande de mia ...
    ao.. per attaccarvi pure a 4000 dollari .. dico che se volete ve potete prendere pure le mutande di mia nonna...sono del 1895 ... se le rivendete al mercato delle pulci forse qualche cosa ci guadagnate hehehehe
  • Anonimo scrive:
    bleah !! pidocchiosi
    ABBASSATE IL PREZZO DEI CD !!!!!!
Chiudi i commenti