Virgin Galactic, volo con equipaggio

SpaceShipTwo in volo per circa sei ore sul deserto del Mojave. I due piloti hanno controllato che tutto fosse perfettamente funzionante. A New York svelata una tuta spaziale che pare fatta apposta per i turisti spaziali

Roma – “Abbiamo compiuto un altro passo importante sulla strada dell’innovazione e del progresso”. Così un più che soddisfatto Richard Brenson, fondatore di Virgin Galactic , di recente intervenuto per commentare uno dei collaudi più attesi del veivolo spaziale SpaceShipTwo.

Un volo di circa sei ore, partito dal Mojave Air and Space Port , che per la prima volta in assoluto ha ospitato a bordo un vero e proprio equipaggio . Due piloti su quello che è stato alternativamente chiamato VSS Enterprise, che hanno in sostanza effettuato dei test di bordo, controllando il corretto funzionamento dei sistemi interni.

Tutto sembra andato alla perfezione, almeno stando ad un comunicato ufficiale apparso sul sito di Virgin Galactic . Il veivolo SpaceShipTwo è rimasto per tutto il tempo ancorato a quello madre WhiteKnightTwo, giunto al suo volo numero 33. Sarà la VMS Eve a portare VSS Enterprise fino ad un’altezza di circa 15mila metri , prima di lanciarlo verso il suo volo spaziale .

Volo che dovrebbe concretizzarsi a livello commerciale nel corso del 2011, con alcuni personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo pronti ad accaparrarsi uno dei sei ambiti posti al prezzo di 200mila dollari ciascuno . E chissà se sarà lo stesso miliardario britannico ad accaparrarsi il nuovo modello di tuta spaziale recentemente presentato a New York .

Più che una tuta, un vero e proprio abito firmato, creato dall’inventore russo Nikolay Moiseev, che con lo statunitense Ted Southern si era aggiudicato i 100mila dollari precedentemente messi a disposizione dalla NASA per la progettazione di un guanto per astronauti. Questa volta l’obiettivo è stato realizzare un modello avanzato di tuta spaziale, particolarmente resistente anche alle più alte pressioni , e con in più la capacità di garantire movimenti più fluidi e naturali ai viaggiatori oltre-atmosfera.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Machiavelli scrive:
    7500 licenziati a Breve.....
    Per esperienza personale per tanti di loro finirà come hanno fatto con la fusione Nokia e Siemens, dove sebbene la qualita dei Network Element GSM della Siemens erano migliori e predominanti sul mercato mondiale, sono stati chiusi tutti i progetti, licenziati i dipendenti e rimpiazzati presso gli operatori con i baracconi nokia... "Perchè è antieconomico mantenere [allora] 2 linee di prodotti concorrenti" poi le scelte... beh ovviamente ricadraanno su quelli dei REALI padroni della Joint Venture [Nokia]... quindi i dipendenti Motorola e i Carrrier che utilizzano i loro N.E. sono avvisati.....
  • dario scrive:
    Network
    non si parla di telefonini, ma delle infrastrutture
  • Matteo scrive:
    Motorola Mobile Department
    Meno male che fino ad un anno e mezzo fa lo davano per spacciato, avevano anticipato ovunque la sua chiusura. Ecco cos'è riuscito a fare il Milestone...Ben venga, la qualità costruttiva dei Motorola non ce l'ha _nessuno_. Migliorando ulteriormente insieme ad Android possono fare faville... magari anche togliendo quell'eFuse...
Chiudi i commenti