Visual Studio 2010 in ritardo

Microsoft ha annunciato che il lancio dell'IDE, fissato per l'inizio della prossima primavera, slitterà in avanti di alcune settimane a causa di alcuni problemi di performance. Esteso il periodo di beta

Roma – Microsoft ha annunciato che il lancio di Visual Studio 2010 e del relativo MS.NET Framework 4.0 subirà un ritardo di “qualche settimana”. Come spiegato in questo post da Soma Somasegar, vicepresidente della Developer Division, la causa di questo contrattempo è data da alcuni problemi di performance relativi alla gestione della memoria virtuale.

Se dunque il debutto commerciale di Visual Studio 2010 era atteso per il 22 marzo 2010, ora il suo lancio dovrebbe slittare nella seconda metà di aprile. Come conseguenza, Somasegar ha detto che il periodo di beta testing della prossima versione di Visual Studio verrà esteso, e che il rilascio della prima release candidate sarà probabilmente fissato per febbraio.

Come ricorda Mary Jo Foley, all’inizio dell’anno un certo numero di osservatori del settore e di partner Microsoft pronosticavano che Visual Studio sarebbe stato pubblicato entro la fine del 2009. Lo scorso ottobre, però, BigM ha annunciato che il suo rinnovato ambiente di sviluppo vedrà la luce all’inizio della prossima primavera.

Visual Studio 2010 supporterà appieno i più recenti sistemi operativi e le più recenti piattaforme del big di Redmond, quali Windows 7, Windows Server 2008 R2, Azure, SQL Server, Office 2010 and SharePoint 2010.

Tra le principali novità di Visual Studio 2010 vi è un nuovo tool per il modeling che, secondo Microsoft, permetterà anche agli utenti non tecnici di progettare un’applicazione e definirne le funzionalità attraverso strumenti visuali. La nuova versione del designer, completamente riscritta, supporta sia il Domain Specific Language che l’Unified Modeling Language: quest’ultimo è un set standardizzato di notazioni di modellazione utilizzato come linguaggio per progettare e sviluppare applicazioni software che si sta facendo sempre più largo fra le aziende di medie e grandi dimensioni.

Il prossimo Visual Studio promette poi di migliorare le funzionalità per la collaborazione e l’application life-cycle management (ALM), consentendo a tutti i membri di un’organizzazione, indipendentemente dal loro ruolo, di partecipare al ciclo di vita del software.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dalila ricci scrive:
    bluetooth
    vorrei che mi scaricasse il bluetooth
  • attonito scrive:
    bwahwahwhwahwa!
    "nuovo" protocollo rieparmioso ma che va piu' lento!oh, raga, ho inventato un motore che fa 40 km con un litro, pero' non puoi fare piu' di 20km all'ora.il markettismo e' arrivato anche tra i tecnici, ormai e' finita!
  • Ivan . scrive:
    Ma la differenza con ZigBee?
    Che differenza c'è con una tecnologia del 2004 come ZigBee? Nessuna...Bluetooth è un paccone
  • LuNa scrive:
    ma ancora ?
    nel 2009, con le dimensioni dei file di oggi (sempre più enormi) facciamo uno standard che va (dicono loro) a 1Mbps ? Personalmente parlando non ho m ai visto andare il 2.1 a più di 150Kbps circa.I produttori dovrebbero rifiutarsi di integrare simili zozzerie. Capisco che consuma poco, ma non si giustifica. E' troppo troppo, troppo lento persino per sincronizzare una rubrica, considerato che oggi le rubriche hanno foto e altre caratteristiche che pesano in termini di spazio occupato.Che la smettano con questi accrocchi, facciano batterie con più celle a minor costo (questo sarebbe veramente auspicabile e non ste porcherie) e integrino wi-fi a mazzetta, che può sostituire bluetooth in bene ed in meglio. Consuma troppo ? E cacchio, come diciamo a Genova, succhiare e soffiare (contemporaneamente) non si può.
    • Andreabont scrive:
      Re: ma ancora ?
      Allora non hai capito il target...Trasmettere a bassa energia serve esclusivamente per risparmiare energia nei dispositivi che ne hanno poca... guarda-caso i telecomandi hanno a disposizione solo 2 batterie stilo... e guarda-caso non devono trasmettere file di grandi dimensioni...Certo, se ci sono produttori che integrano questa specifica in un portatile, sono scemi, perché vuol dire usare questa tecnologia nel modo sbagliato.
Chiudi i commenti