Vodafone, in arrivo roaming dati semiflat e web-VoIP

L'operatore sembra voler appiattire i costi di roaming internazionale per web e posta elettronica, ma con limiti non trascurabili. Intanto presenta la soluzione VoIP Starfish

Roma – Sono due le novità che Vodafone è in procinto di lanciare sul mercato: un’offerta per il roaming internazionale dei servizi dati, che potrebbe interessare all’utenza business che viaggia all’estero, e una soluzione VoIP per cellulari.

La Commissione Europea non molla la presa sulla questione dei costi dei servizi di roaming internazionale: gli operatori, come noto, sono chiamati a rivedere entro l’estate le proprie strategie commerciali, pena l’imposizione di una pesante regolamentazione. Un primo risultato di questa “minaccia” sembra proprio l’offerta annunciata in questi giorni da Vodafone .

L’operatore dal primo luglio 2007 proporrà una soluzione – che viene definita “flat” – con cui consentirà di avere una giornata (24 ore) di connettività per servizi dati (gestione e-mail e navigazione su Internet) al costo di 12 euro (+ IVA). Il servizio, fruibile attraverso uno smartphone o un notebook dotato di SIM, sarà accessibile dai network Vodafone. Il servizio di roaming sulla rete di un altro operatore sarà invece tariffato normalmente, così come verrà addebitato alla consueta tariffa anche il traffico dati che supererà il tetto massimo giornaliero di 50 MB.

Si tratta quindi di una semi-flat, da usare per viaggi brevi se l’obiettivo è il contenimento dei costi: 12 euro al giorno significano 60 euro per una settimana lavorativa (di cinque giorni), 84 euro per una settimana “piena”. Il tutto più IVA e con il vincolo dei 50 MB giornalieri.

Contemporaneamente, a livello wholesale (ossia al mercato all’ingrosso, accessibile agli operatori mobili concorrenti), Vodafone ha pensato ad un’offerta di roaming dati “a pacchetto”: addebiterà 50 centesimi di euro per sessioni di 200 Kb di traffico generato. Per sessioni oltre i 200 KB, la tariffa sarà di 50 centesimi di euro a MB.

Un portavoce di Vodafone, secondo quanto riportato da TheRegister , nega che la nuova offerta sia una risposta alle pressioni comunitarie di tagliare i costi dei servizi di roaming, segnalando che la business unit spagnola di Vodafone ha già sperimentato la soluzione flat lo scorso anno, in tempi ritenuti “non sospetti”. La data di introduzione prevista per i principali mercati europei, ossia il primo luglio, coincide però con il periodo in cui la Commissione UE ha fissato la scadenza entro cui gli operatori mobili dovranno adeguare le proprie offerte di servizi di roaming.

L’altra novità che Vodafone è pronta a sfornare è stata presentata al Cebit di Hannover, un servizio che permette di effettuare chiamate online con la propria utenza cellulare. Il suo nome in codice è Starfish e, secondo quanto annunciato dall’azienda, permette agli utenti di telefonia mobile di accedere alla rubrica dei contatti dei vari client soft-VoIP (da AOL a Yahoo, passando per Skype), aprire sessioni di instant messaging e fare telefonate online.

In pratica, riferisce Reuters , le chiamate viaggiano sulla rete mobile tradizionale dal telefono al ripetitore del network mobile presente nella cella di riferimento. Il percorso rimanente della telefonata (anche se destinata agli antipodi) viaggia su Internet. Starfish sembra in realtà essere poco più di un progetto: “Non abbiamo ancora deciso se lo lanceremo, né i termini commerciali o i prezzi” ha dichiarato il product manager Jan Holzberg.

Starfish, qualora lanciato sul mercato, potrebbe comunque avere un’applicazione immediata, se visto come una soluzione al problema del caro-roaming per quanto riguarda il traffico voce.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Fast and Furious il film?
    secondo me ha fatto più danni il film "Fast and Furious" + tutti i suoi sequel che tutti i videogiochi di questo mondo ...e non è l'unico film che posso portare d'esempio.Fuori in 60 secondi? ve lo ricordate?Anche Tomb Raider era fortemente diseducativo (oltre che demenziale).(apple)(linux)
  • Anonimo scrive:
    DAI TEMPI DI SUPER MONACO GP
    col mitico ayrton senna che si dicono ste cose.Suvvia un minimo di coerenza quando si dice anche che i videogiochi fanno bene alla salute.
  • Anonimo scrive:
    Arrestiamo Valentino Rossi
    Per di piu' e' anche simpatico, istiga ad imitarlo, subuito ad Azkaban....Ho visto lo Shuttle, ora prendo la mia auto e voglio fare la stessa cosa, mi ha istigato.Il GranPremio di stamattina, ora voglio farlo anche io....La Guerra, ora prendo un carro armato e vado a Milano..... almeno libero un po di parcheggi.Qualcuno ha un B52 da prestarmi?
  • Msdead scrive:
    I videogame non c'entrano!
    Secondo me i videogiochi non c'entrano niente, la colpa è dei soli irresponsabili che fanno gare o guide spericolate per sentirsi al centro dell'attenzione o per attirare la stessa verso di loro.Gioco da anni ai videogame di rally, da corsa e picchiaduro e nessuno di questi ha mai influito sul mio comportamento, carattere o nei modi di fare.Secondo me i videogiochi possono influire sui riflessi ma sulla guida e i modi di fare della gente ci credo poco, la colpa è solo degli automobilisti che vogliono replicare i videogame nella realtà.Se iniziamo col dare colpa ai videogiochi sui comportamenti si rischia di privare i giovani e i ragazzi di poter passare del tempo libero.Per me è assurdo, poi tutto può essere.
  • zegalvis scrive:
    pc da rinnovare quasi per intero
    Salve a tutti sono in procinto di rinnovare il pc ormai di 5 anni.Per farlo voglio partire dalla scheda madre e qui sorge il problema.Sono settimane che leggo recensioni di varie schede madri tra cui asus in primis ma non riesco a trovare una MB che disponga di:Slot SATASlot eide (per i 2 HD che vorrei recuperare dal vecchio pc)socket 939 (per un atlon 64 dual core, quello più economico)slot per banchi ram ddr a 400 MHz 1GB (per recuperare un banco ram appena comprato, posso pure venderlo su ebay ma preferirei tenerlo)forma ATXslot PCIe (ovviamente per la scheda video)grazie in anticipo per l'eventuale risposta
    • Anonimo scrive:
      Re: pc da rinnovare quasi per intero
      il dubbio di essere out topic t'è venuto?
      • zegalvis scrive:
        Re: pc da rinnovare quasi per intero
        - Scritto da:
        il dubbio di essere out topic t'è venuto?si e chiedo scusa ma cliccando su crea nuova discussione pensavo che avrebbe aperto una nuova discussione invece di creare un nuovo post
  • freebit scrive:
    ma per sparare cazzate....
    ma per sparare cazzate contro i videogiochi ed i gamers ci fanno studi apposta ? (newbie)(newbie)
  • sroig scrive:
    io personalmente...
    ...mi sono reso conto che, se mi capita di uscire in macchina subito dopo una corsa di formula uno, pur avedo 48 anni, ogni "rotonda" che incontro mi viene istintivo "prendere i cordoli"... è pur vero che li prendo ai 40 all'ora... ma immaginiamoci i ragazzini! se qualcuno conosce di persona Bernie, gli dica di inserire nella sigla di F1 il testo "don't try it at home!"P.S. x ki nn l'avesse capito era una sorta di trollata semiseria.prima di tutto sono d'accordo con la "intepretazione inversa", ovvero "chi è spericolato al volante ama i giochi di guida".Sono anche d'accordo sul fatto che una sessione di "need for speed" induca uno stato di eccitazione maggiore di una sessione di "dress your Barbie" (pervertiti a parte).Quanto al significato della locuzione "simulazione di guida ordinaria" aspetto lumi da gente più esperta di me sull'argomento.per concludere, l'affermazione che "Le adrenaliniche competizioni automobilistiche su computer spingerebbero un quarto dei giovani intervistati a sentirsi immersi nelle situazioni dei videogiochi anche impugnando un volante reale" non fa altro che ribadire il ben risaputo fatto che la madre degli imbecilli è sempre in cinta, ma questa è un'altra storia, e non riguarda purtroppo solo videogiochi e guida pericolosa!Modifica dell'autore: mi sono dimenticato di sottolineare che uno dei principi fondamentali dei test sperimentali, soprattutto se correlati agli aspetti comportamentali degli individui, è il cosidetto "doppio ceco", cosa che è stata tristemente negletta nel caso di questi test, rendendone i risultati idonei esclusivamente per la produzione di energia a mezzo termovalorizzatore!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 marzo 2007 22.39-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    commissionato da una compagnia di assicu
    la notizia si commenta da sola e il risultato dell'indagine è scontato. Se il commitente è una l'assicurazione gli incidenti aumentano, se il commitente fosse stata una casa produttrice di videogiochi il risultato sarebbe stato che tali giochi aumentano le capacità di guida e che quindi gli incidenti diminuiscono.Vorrei tanto sapere chi attribuisce il termine "studio" a queste inutili perdite di tempo.
  • Anonimo scrive:
    boh... non c'è limite alle c...ate
    ma... questi "studi" qualcuno li paga anche???se cosi' fosse... mi propongo: per scrivere c...ate del genere mi bastano solo 10EURO a cartellaqualcuno e' interessato???
  • Anonimo scrive:
    articolo fazioso
    come da titolo
  • Anonimo scrive:
    E' una moda?
    Possibile che ora per ogni cosa la colpa è sempre dei videogiochi? Quando non c'erano a cosa davano la colpa? Alla musica?E soprattutto(ultima domanda, giuro), che razza di studi hanno fatto?
    • Anonimo scrive:
      Re: E' una moda?
      - Scritto da:
      Possibile che ora per ogni cosa la colpa è sempre
      dei videogiochi? Quando non c'erano a cosa davano
      la colpa? Alla
      musica?
      E soprattutto(ultima domanda, giuro), che razza
      di studi hanno
      fatto?Ricordo qualche anno fa quando era colpa dei giochi di ruolo...
      • The_GEZ scrive:
        Re: E' una moda?
        Ciao Anonimo !
        Ricordo qualche anno fa quando era colpa dei
        giochi di
        ruolo...http://www.miodiosalvami.net/tm/giochi_ruolo.html :@:'( :@ !!!!!!!!!!!!!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: E' una moda?
          - Scritto da: The_GEZ
          Ciao Anonimo !


          Ricordo qualche anno fa quando era colpa dei

          giochi di

          ruolo...

          http://www.miodiosalvami.net/tm/giochi_ruolo.html
          :@:'( :@ !!!!!!!!!!!!!!!!Oddio, credevo fosse uno scherzo quando ho letto il post o_o
  • Anonimo scrive:
    Ma...
    ... e quando non c'erano i videogiochi? Di chi era la colpa?
  • SiN scrive:
    OK, a casa non ho nessun gioco di corse.
    Perchè la mia compagnia assicuratrice non mi fa lo sconto?
    • MeX scrive:
      Re: OK, a casa non ho nessun gioco di co
      - Scritto da: SiN
      Perchè la mia compagnia assicuratrice non mi fa
      lo
      sconto?(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    e un gruppo di controllo?
    "Una correlazione, è lecito avanzare dei dubbi, che potrebbe essere interpretata in maniera inversa: gli autisti che amano spingere sull'acceleratore potrebbero preferire i giochi di corse automobilistiche, per sfogare senza rischi le proprie attitudini."E infatti è una vaccata.Avrebbero dovuto come minimo usare dei gruppi di controllo.Tanto vale prendere tutti gli omicidi della nazione, chiedere vanno in giro vestiti, e concludere: "Andare in giro vestiti è un'azione correlata alla tendenza all'omicidio".Si chiama, tecnicamente, fallacia dell'affermazione del conseguente.Se A implica B, B non implica automaticamente A.Di passaggio, si noti che è lo stesso (distorto) ragionamento di certi "studi" secondo cui l'uso di cannabis porta all'uso di eroina.Si prendono degli eroinadipendenti, e si registra che il 90% di loro è partito dalla cannabis.Ma intanto ci si dimentica che la stragrande maggioranza di chi usa cannabis NON passa all'eroina.Mutatis mutandis: sarà vero che tutti quelli che esagerano al volante videogiocano a GTA, ma questo non implica necessariamente che tutti gli appassionati di GTA esagerino al volante.
    • zegalvis scrive:
      Re: e un gruppo di controllo?
      - Scritto da:
      "Una correlazione, è lecito avanzare dei dubbi,
      che potrebbe essere interpretata in maniera
      inversa: gli autisti che amano spingere
      sull'acceleratore potrebbero preferire i giochi
      di corse automobilistiche, per sfogare senza
      rischi le proprie
      attitudini."

      E infatti è una vaccata.
      Avrebbero dovuto come minimo usare dei gruppi di
      controllo.

      Tanto vale prendere tutti gli omicidi della
      nazione, chiedere vanno in giro vestiti, e
      concludere: "Andare in giro vestiti è un'azione
      correlata alla tendenza
      all'omicidio".

      Si chiama, tecnicamente, fallacia
      dell'affermazione del
      conseguente.
      Se A implica B, B non implica automaticamente A.

      Di passaggio, si noti che è lo stesso (distorto)
      ragionamento di certi "studi" secondo cui l'uso
      di cannabis porta all'uso di
      eroina.
      Si prendono degli eroinadipendenti, e si registra
      che il 90% di loro è partito dalla
      cannabis.
      Ma intanto ci si dimentica che la stragrande
      maggioranza di chi usa cannabis NON passa
      all'eroina.

      Mutatis mutandis: sarà vero che tutti quelli che
      esagerano al volante videogiocano a GTA, ma
      questo non implica necessariamente che tutti gli
      appassionati di GTA esagerino al
      volante.Perfettamente d'accordoquesta è una dei tanti buchi nell'acqua fatti per attirare più gente possibile in modo da distrarla dalla vera responsabile di guida spericolata e tanti altri comportamenti similari che a mio parere provengono da una televisione marcescente
  • trecorone scrive:
    GRAN TURISMO
    Sono accanito fan della serie GT (li ho tutti...)Giocati con volante e pedaliera...Ho fatto un mini-corso di guida sportiva.Da allora non ho avuto nessun incidente, eccezzion fatta per botte e bolli vari provocati da cog...che non hanno percezione degli ingombri della LORO macchina e che inevitabilmente hanno rovinato la mia... (sopratutto nei parcheggi, tra sportellate e botte al paraurti ne avrò per qualche centinaio di , per fortuna ho uno zio carrozziere...) :@ :@ :@ :@
    • Anonimo scrive:
      Re: GRAN TURISMO
      Ma hai il copilota?
      • trecorone scrive:
        Re: GRAN TURISMO
        nel caso del Corso, dopo la teoria, l'istruttore guidava davanti agli allievi con un'altra macchina e li assistiva tramite ricetrasmittente installata sulle vetture che seguivano fino al giro di pista lanciato...
  • Rach3 scrive:
    Correlazione?!?
    "Dall'analisi dei dati sarebbe emersa una correlazione, che riguarda gli uomini, più delle donne, fra l'abitudine alle sfide dietro allo schermo e un comportamento aggressivo e irresponsabile a bordo di automobili reali."devo controllarmi i livelli di estrogeni allora...I racing game sono i miei preferiti, spesso tra amici e colleghi ci riuniamo per darcele di santa ragione, gioco a F1, rally, arcade indiavolati, di tutto..E da quando ho la patente (20 anni) ho causato un solo incidente - lieve - a causa di un colpetto di sonno...Guido sempre calmo e tranquillo, soprattutto in autostrada. E in città mi piace muovermi con i mezzi pubblici.Se proprio devo sfogarmi, lo faccio con la topa.
  • Anonimo scrive:
    La mia esperienza
    Forse ci sono persone piu' o meno ricettive a certi stimoli.Quando e' uscito Midtown Madness parecchi anni fa avevo preso il gioco e mi ci sono diverita molto. Non solo a correre, ma anche ad abbattere segnali stradali, scontrarmi con altre auto ecc...Dopo un po' che ci giocavo, improvvisamente, un giorno, mentre stavo guidando 'in real' il cervello mi ha mandato un suggerimento che in gioco avrei seguito subito (andare a sbattere o abbattere qualche cosa, non ricordo piu')Ovviamente non l'ho seguito, pero' ci ho riflettuto un po su ed ho notato che mi capitava altre volte.Ho buttato Midtown Madness e sono passata a altri tipi di giochi. Evidentemente mi prendeva troppo, anche se magari ad altri non fa lo stesso effetto.
    • Anonimo scrive:
      Re: La mia esperienza
      Io ho avuto un'esperienza positiva invece: ho sempre corso molto nei videogiochi e pochissimo in auto. Poco dopo aver preso la patente mi trovo in una situazione difficile: al buio e sul bagnato mi trovo di fronte un pezzo di strada franato. Con una macchina di m---a di 15 anni faccio una sterzata e controllo la reazione nonostante l'acqua, senza finire nello strapiombo a destra o contro il monte a sinistra. Sono sicuro che dopo 3 mesi che avevo la patente una manovra del genere non l'avrei mai saputa fare (e nemmeno immaginare) senza aver giocato tanto...quindi grazie a tutti i simulatori!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: La mia esperienza
        Io invece appena ho potuto comperarmi la mia macchina sono andata in montagna in un parcheggio di impianto di risalita che sapevo deserto e ghiacciato. Diventava un pantano orrendo di giorno ed una enorme lastra gelata di notte. Ho messo giu' quattro o cinque cose a mo' di boe e ci ho fatto due ore di frenate, curve, sbandate, raddrizzate ecc...E... si, quell'esperienza mi e' stata utile per evitarmi guai varie volte. Anche se ora la mia macchina ha tutte le nuove diavolerie tipo abs e simili.
    • Anonimo scrive:
      Re: La mia esperienza
      - Scritto da:
      Forse ci sono persone piu' o meno ricettive a
      certi
      stimoli.

      Quando e' uscito Midtown Madness parecchi anni fa
      avevo preso il gioco e mi ci sono diverita molto.
      Non solo a correre, ma anche ad abbattere segnali
      stradali, scontrarmi con altre auto
      ecc...

      Dopo un po' che ci giocavo, improvvisamente, un
      giorno, mentre stavo guidando 'in real' il
      cervello mi ha mandato un suggerimento che in
      gioco avrei seguito subito (andare a sbattere o
      abbattere qualche cosa, non ricordo
      piu')

      Ovviamente non l'ho seguito, pero' ci ho
      riflettuto un po su ed ho notato che mi capitava
      altre
      volte.

      Ho buttato Midtown Madness e sono passata a altri
      tipi di giochi.


      Evidentemente mi prendeva troppo, anche se magari
      ad altri non fa lo stesso
      effetto.Io ti consiglierei un buono psicologo... perchè scambiare la realtà con il mondo virtuale vuol dire che c'è qualcosa che non va. Io ho sempre giocato a GTA, mi divertiva ammazzare la gente e vedere sangue schizzare da tutte le parti.. oppure buttarmi da un grattacielo senza paracadute e vedere il personaggio schiantarsi al suolo... ma non mi passa minimamente per la testa di farlo nella realtà, perchè sono in grado di distinguere i 2 mondi!!! Arivare ad avere un minimo dubbio e confondere anche per un attimo i 2 mondi fa riflettere... tutto questo non considerando il fatto a priori che la maggior parte delle donne non sanno guidare, ma questo si sa... è un discorso a parte...
    • Anonimo scrive:
      Re: La mia esperienza
      Io da piccolo giocavo sempre a tetris col ghemboi... dite che è colpa sua se ora faccio il muratore?
  • maephisto scrive:
    nooo... almeno le auto lasciatele stare!
    Vabbè... hanno rotto le palle con Rule of Rose...vabbè... hanno rotto le palle con Mortal Kombat...vabbè... hanno rotto le palle con Quake e Doom...vabbè... hanno rotto le palle con Resident Evil...ma cazzo!! almeno i giochi di corsa li avrebbero potuti lasciare in pace!! D'altronde, ogni volta che gioco a Burnout, visto quello che succede alle macchine, ci penso due volte prima di fare il coglione in mezzo alla strada... ps. da quando i crucchi si permettono di sparare sentenze?pps. quanto bisogna aspettare prima che accusino giochi come Tetris, Neverwinter Nights e Safecracker... quest'ultimo poi... lasciamo stare...
  • Anonimo scrive:
    Conosci Q2? E' per divertirsi...
    La pubblicita' suggerische che con quella macchina ci si puo' divertire, mantenere il controllo in curca, etc... Altre ti fanno vedere ragazzi che fanno rally sulla loro utilitaria (quella in cui diventano bambini)...E poi e' colpa dei videogiochi?
    • The_GEZ scrive:
      Re: Conosci Q2? E' per divertirsi...
      Ciao Anonimo !
      La pubblicita' suggerische che con quella
      macchina ci si puo' divertire, mantenere il
      controllo in curca, etc... Altre ti fanno vedere
      ragazzi che fanno rally sulla loro utilitaria
      (quella in cui diventano
      bambini)...
      E poi e' colpa dei videogiochi?Ovvio, no ?Cosa vuoi, pestare i piedi ad una casa automobilistica ?Certo, i soliti comunisti sarebbero li a dire che se produci una macchina dalle prestazioni elevate e pubblicizzi il fatto che con quella macchina ti puoi permettere un certo tipo di guida questo potrebbe essere una istigazione alla guida spericolata, ma solo uno sporco comunista potrebbe pensare una cosa simile.E poi vuoi mettere un videogioco ? Una cosa così da sfigati vuoi mica che non faccia anche male !Saluti, compagno ! ;) :@:'(
    • Anonimo scrive:
      Re: Conosci Q2? E' per divertirsi...
      - Scritto da:
      La pubblicita' suggerische che con quella
      macchina ci si puo' divertire, mantenere il
      controllo in curca, etc... Altre ti fanno vedere
      ragazzi che fanno rally sulla loro utilitaria
      (quella in cui diventano
      bambini)...
      E poi e' colpa dei videogiochi?Il videogioco non rispetta le regole della fisica, puoi sbattere contro le barriere e continuare a correre...o schiantarti a 200 all'ora su un muro e continuare ammaccato o compiere facilmente paraboliche a 300 all'ora senza perdere il controllo...Alfa romeo invece su quello specifico ESP da' piu' stabilita' rispetto ad una macchina normale come per esempio una frenata con abs non e' la stessa cosa di una frenata con una macchina senza....eppure non fa scandalo il fatto che un ragazzo che ha sempre guidato una macchina con abs guidando una piu' vecchia costituisce un vero e proprio pericolo pubblico.l'Alfa poi istituisce i corsi di guida sicura dove prendi consapevolezza del mezzo e dei suoi limiti...questo chi guida sui videogiochi non lo capisce....crede che la percezione del videogioco sia anche fuori: auto con regole della fisica tutte sue.
      • Fabi3tto scrive:
        Re: Conosci Q2? E' per divertirsi...
        Beh certo, pero` permettere ad un auto di serie di arrivare in un attimo a 200 Km/h con tutte le precauzioni di sicurezza che vuoi metterci dentro se infondi un FALSO senso di maggior sicurezza alle persone le inciti solo a farsi del male.Il differenziale autobloccante, l'Abs e l'Esp servono solo in condizioni di vera emergenza, mentre va a finire che le sfruttano i pazzi che vogliono fare una curva a 150 anche con l'asfalto viscido. :|Adesso non mi venga a dire che non e` colpa delle auto potenti date in mano a giovani sprovveduti che le persone si schiantano ubriache in autostrada... e` tutta colpa dei videogiochi, certo!! (anonimo)Ed e` colpa di Simcity3000 se i politici fanno cagare o le fabbriche inquinano?Ah no l'inquinamento non e` colpa nostra..si forma da solo (rotfl)(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: Conosci Q2? E' per divertirsi...
          - Scritto da: Fabi3tto


          Ed e` colpa di Simcity3000 se i politici fanno
          cagare o le fabbriche
          inquinano?
          Compliementi! Non ci avevo mai pensato!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Conosci Q2? E' per divertirsi...
          - Scritto da: Fabi3tto
          Il differenziale autobloccante, l'Abs e l'Esp
          servono solo in condizioni di vera emergenza,
          mentre va a finire che le sfruttano i pazzi che
          vogliono fare una curva a 150 anche con l'asfalto
          viscido. Tra un po' doteranno pure le macchine dei radar-platano, che individuano le piante a 2 km di distanza! :p
      • Anonimo scrive:
        Re: Conosci Q2? E' per divertirsi...
        Sì ma guarda che oca!uno che crede che guidare per starda sia come guidare in NFS deve avere qualche grave problema ed andare dallo psicologo...Ma il problema non sta nel videogioco ma nella debolezza psischica di chi ci gioca!Allora a sto punto dovremmo proibire qualsiasi gioco che non sia "Barbie Raperonzolo" o "CAsper il fantasma"...Piccolo elenco:-Giochi RTM (alla c&c):Instigano alla guerra quindi bannato.-Gioghi strategi a turni:Idem-FPS:Idem-Giochi di ruolo (wow & simila):Istigano all uso di armi.Ban-Giochi di macchine:ban-Giochi di simulazione di qualsiasi tipo:Ban xchè portano ad avere comportamenti fuori standard se per esempio guidi un aereo.Praticamente abbiamo tolto il 75% dei giochi in commercio...Ma vi rendete conto di quanto sia ridicolo?- Scritto da:

        - Scritto da:

        La pubblicita' suggerische che con quella

        macchina ci si puo' divertire, mantenere il

        controllo in curca, etc... Altre ti fanno vedere

        ragazzi che fanno rally sulla loro utilitaria

        (quella in cui diventano

        bambini)...

        E poi e' colpa dei videogiochi?

        Il videogioco non rispetta le regole della
        fisica, puoi sbattere contro le barriere e
        continuare a correre...o schiantarti a 200
        all'ora su un muro e continuare ammaccato o
        compiere facilmente paraboliche a 300 all'ora
        senza perdere il
        controllo...
        Alfa romeo invece su quello specifico ESP da'
        piu' stabilita' rispetto ad una macchina normale
        come per esempio una frenata con abs non e' la
        stessa cosa di una frenata con una macchina
        senza....eppure non fa scandalo il fatto che un
        ragazzo che ha sempre guidato una macchina con
        abs guidando una piu' vecchia costituisce un vero
        e proprio pericolo
        pubblico.

        l'Alfa poi istituisce i corsi di guida sicura
        dove prendi consapevolezza del mezzo e dei suoi
        limiti...questo chi guida sui videogiochi non lo
        capisce....crede che la percezione del videogioco
        sia anche fuori: auto con regole della fisica
        tutte
        sue.
      • Anonimo scrive:
        Re: Conosci Q2? E' per divertirsi...
        - Scritto da:
        Alfa romeo invece su quello specifico ESP da'
        piu' stabilita' rispetto ad una macchina normale
        come per esempio una frenata con abs non e' la
        stessa cosa di una frenata con una macchina
        senza....eppure non fa scandalo il fatto che Il supporto ad una frenata di emergenza non lo pubblicizzerei come "divertirsi".
  • Anonimo scrive:
    Truzzi al tappeto
    come da titolo
  • avvelenato scrive:
    confondono causa con effetto
    ovvio che uno a cui gli piace la velocità gioca più probabilmente con videogiochi automobilistici.........
    • MeX scrive:
      Re: confondono causa con effetto
      - Scritto da: avvelenato
      ovvio che uno a cui gli piace la velocità gioca
      più probabilmente con videogiochi
      automobilistici.........ti dirò... passai ore e ore a giocare a GP2 e Collin McRae... ed effettivamente... pensavo di poter emulare le gesta ludiche nella realtà... sai un po' come quelli che sequestrano gli aerei di linea dopo ore di gioco a Flight Simulator :)Ora ho venduto la macchina :)
      • avvelenato scrive:
        Re: confondono causa con effetto
        - Scritto da: MeX

        - Scritto da: avvelenato

        ovvio che uno a cui gli piace la velocità gioca

        più probabilmente con videogiochi

        automobilistici.........

        ti dirò... passai ore e ore a giocare a GP2 e
        Collin McRae... ed effettivamente... pensavo di
        poter emulare le gesta ludiche nella realtà...
        sai un po' come quelli che sequestrano gli aerei
        di linea dopo ore di gioco a Flight Simulator
        :)

        Ora ho venduto la macchina :)io ho giocato anni a street fighter 2, e sono giunto alla capacità di tirare gli hadouken.HADOUKEN!HADOUKEN!scusa, c'era una mosca che infastidiva.
        • MeX scrive:
          Re: confondono causa con effetto

          io ho giocato anni a street fighter 2, e sono
          giunto alla capacità di tirare gli
          hadouken.


          HADOUKEN!
          HADOUKEN!

          scusa, c'era una mosca che infastidiva.WOW! (informazione pubblicitaria :) )Allora quest'estate vieni in campeggio con me? così mi ammazzi tutte le zanzare...!
    • Anonimo scrive:
      Re: confondono causa con effetto
      - Scritto da: avvelenato
      ovvio che uno a cui gli piace la velocità gioca
      più probabilmente con videogiochi
      automobilistici.........Ovvio che ad uno che gioca con videogiochi automobilistici più probabilmente gli piaccia la velocità :D :D :D :D :DSe vuoi apriamo la fiera del sillogismo, comunque il fatto che giocare a certi giochi ti "gasi" è innegabile poi c'è chi ha un minimo di cervello e scinde le due cose e chi prende la macchina vera ed inizia una partita a "Need for speed"....Il problema resta quello che c'è o non c'è :D nella testa, ma non sottovaluterei troppo la cosa i fenomeni emulativi esistono.
  • Anonimo scrive:
    Cavolata
    Se una persona è un minimo intelligente pensa solo a questo:Nel videogioco posso strisciare la macchina fino a grattugiarlaNel videogioco posso demolire qualsiasi cosa mi trovi davantiNel videogioco posso anche schiantarmiIn ogni caso basterà ricominciare la partita per avere l'auto in perfette condizioni (o al limite mi guadagnerò soldoni virtuali per ripararla)Nella realtà una porta strisciata costa 50 euro di ritocco ma anche 150 di riverniciatura completaNella realtà ogni colpo anche quando basta battere un po' la lamiera (non sostituire il pezzo) non costa meno di 200 euro.Nella realtà una botta bella forte distrugge mezza auto, e non ci sono prove da 5 minuti che ti fanno recuperare vagonate di euro da regalare al team di meccanici e carrozzieri che dovranno ridare forma al tuo ex bolide ora catorcioe soprattuttoLa botta la prendi anche te, se è troppo forte altro che game over ma life over.Lo dico sempre: se uno è così idiota da confondere videogiochi e realtà la colpa è sua (ed eventualmente di chi non l'ha istruito per bene a suo tempo) non di una manica di bit nati proprio per scaricare i propri nervi (che diversamente finirebbero veramente scaricati altrove, magari in fosso ad un lato dell'autostrada).
    • saxabar scrive:
      Re: Cavolata
      Per scoprire se è vero basterebbe far uscire Carmageddon per una qualsiasi macchina next-gen e stare a vedere i risultati :-)
  • Anonimo scrive:
    Come minimo
    i videogiochi danno un' impostazione sbagliata rispetto a quella insegnata a scuola guida.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come minimo
      - Scritto da:
      i videogiochi danno un' impostazione sbagliata
      rispetto a quella insegnata a scuola
      guida.Ah, quindi tu guidi come ti hanno insegnato a scuola guida? (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: Come minimo
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        i videogiochi danno un' impostazione sbagliata

        rispetto a quella insegnata a scuola

        guida.

        Ah, quindi tu guidi come ti hanno insegnato a
        scuola guida?
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)u guidi come ti ha insegnato carmageddon?
        • Anonimo scrive:
          Re: Come minimo
          io guido la mia lancia delta come su need for speed asd!
          • Anonimo scrive:
            Re: Come minimo
            - Scritto da:
            io guido la mia lancia delta come su need for
            speed
            asd!appunto, vedi che sei un crexino?
        • Anonimo scrive:
          Re: Come minimo
          se guidi come ti insegnano a scuola guida, dopo 2 settimane (massimo) fai un incidentedato che a scuola guida NON ti insegnanoa guidare, ma ti insegnano a farti (o non farti, dipende da quanto è bastardo il padrone della scuola guida) bocciare all'esamescusate ma quanti di voi fanno le partenze in salita col freno a mano? andiamo su, è il modo migliore per rischiare la vita, distruggere il motore e rovinare i freni della macchina, dato che si ha 0 controllo, visto che col freno a mano non puoi controllare come controlli con la frizione
  • Severissimus scrive:
    Se va avanti così...
    ... ci vorrà il porto d'armi anche per comprarsi una console di gioco domestica. Ma possibile che ogni volta che non riescono a risolvere un problema, la colpa è di Internet, i videogiochi, ecc? Conosco persone che non toccano videogiochi da anni e che guidano come matti e guidatori modello che partecipano anche a gare professionistiche di Need for Speed. Tra l'altro, non mi risulta che da quando esistano i videogames le statistiche sugli incidenti siano peggiorate.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se va avanti così...
      - Scritto da: Severissimus
      ... ci vorrà il porto d'armi anche per comprarsi
      una console di gioco domestica. Ma possibile che
      ogni volta che non riescono a risolvere un
      problema, la colpa è di Internet, i videogiochi,
      ecc? Conosco persone che non toccano videogiochi
      da anni e che guidano come mattiUna statistica seria probabilmente metterebbe in luce che la percentuale gente che gioca spesso ai videogiochi guida meno peggio degli altri: quei dementi che guidano come pazzi con le loro Punto Turbo ribassate non giocano nemmeno ai videogiochi, visto che per loro il divertimento e' appunto quello di correre sulle strade. :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Se va avanti così...
      il problema è un altrosiamo in italia, attualmente c'è una situazione economica per la maggior parte delle famiglie disastrosa, l'unica cosa che uno può permettersi è appunto la macchina, e c'è gente che fa un mutuo a 30 anni per comprarsi una macchina da 30000 euroora nella maggior parte dei casi questa persona è un frustrato che non ha molti obiettivi nella vita, quindi quando si trova in macchina l'unica soddisfazione che ha è di sorpassare qualcuno a 180 su una strada a limite 50, così può pensare "come ho speso bene i miei 30000 euro"infatti se ci fate caso, la gente che guida peggio e che fa più incidenti sono TUTTI (viaggiando praticamente ogni giorno sul raccordo a roma me ne sono reso conto da un bel po' ormai) con macchine parecchio costose, primo perché sono persone spesso con poco cervello, e sono convinte che se hanno una macchina da 30000 euro allora automaticamente diventano esperti di guida (senza contare il fatto che probabilmente la patente l'hanno comprata da qualche parte), e l'altro motivo è quello che ho gia spiegatomio padre è stato in mezza europa, e ha detto che in NESSUN posto la gente guida come in italia, certo, solo in italia ci sono famiglie di 4 persone con 5 macchine (e non sto scherzando, nel mio condominio c'è una famiglia di 3 persone e 4 macchine), solo in italia la gente non mangia per pagare i 300 euro del famoso mutuomi domando quando migliorerà questa situazione, ma considerando lo sfascio verso cui stiamo andando, penso che non migliorerà mai, anzi peggiorerà
  • CamperOfDuty scrive:
    as real
    Infatti ogni mattina mi comporto proprio così:http://video.google.com/videoplay?docid=-2519544199153593757 @^ma per favore.....(troll3)
    • Anonimo scrive:
      Re: as real
      - Scritto da: CamperOfDuty
      Infatti ogni mattina mi comporto proprio così:

      http://video.google.com/videoplay?docid=-251954419

      @^



      ma per favore.....
      (troll3)Preciso me!Ora scappo, devo prendere la spatola di teflon per raschiare due vecchiette dal cofano senza rigarlo.
  • ElfQrin scrive:
    Confermo (in parte)
    Già qualche anno fa mi ero reso conto che in una situazione in cui avrei dovuto rallentare ho invece fatto uno slalom da videogioco schivando ostacoli e altre auto (nonostante ultimamente giochi poco, e i giochi di auto non sono mai stati tra i miei preferiti, e oltretutto non amo particolarmente guidare).E' vero che chi gioca ha maggiori riflessi e capacità di valutare situazioni e calcolare tempi, ma è anche vero che nel caso qualcosa vada storto non ce la si cava con un "Game Over".Credo però che questo comportamento sia involontario, nel senso che si tratta di abilità acquisite nei videogiochi, che si mettono in pratica inconsapevolmente anche nella vita reale (pur riuscendo a distinguere la differenza tra le due situazioni). Non si tratta, insomma, di spavalderia gratuita.Inoltre penso che questo non abbia niente a che vedere con l'aggressività al volante, che invece è largamente diffusa anche tra chi non gioca abitualmente e chi, per ragioni di età, nella sua vita ha giocato poco o niente. Anzi, nel mio caso, in genere sono i miei passeggeri a inveire al posto mio contro gli altri automobilisti, quasi perché sembra normale che quando si è dentro l'abitacolo di una macchina bisogna odiare tutti gli altri automobilisti...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 marzo 2007 00.23-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Confermo (in parte)
      Vero, quante volte infatti vedi quei poveracci che quando alzano il ponte fanno il salto alla Need for speed...Chi da la colpa ai videogiochi dimostra di non avere un briciolo di materia grigia.P.S.: Perchè non rendiamo illegali le siringhe? Così non si pera più nessuno... Ma vaffa va..
    • Anonimo scrive:
      Re: Confermo (in parte)
      - Scritto da: ElfQrin
      Già qualche anno fa mi ero reso conto che in una
      situazione in cui avrei dovuto rallentare ho
      invece fatto uno slalom da videogioco schivando
      ostacoli e altre auto (nonostante ultimamente
      giochi poco, e i giochi di auto non sono mai
      stati tra i miei preferiti, e oltretutto non amo
      particolarmente
      guidare)E meno male, di tamarri come te le strade sono gia' piene. :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Confermo (in parte)
        - Scritto da:
        E meno male, di tamarri come te le strade sono
        gia' piene.
        :@Appropriato... insultare anonimamente sui forum è l'equivalente online dell'inveire contro gli altri automobilisti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Confermo (in parte)
          - Scritto da:
          - Scritto da:

          E meno male, di tamarri come te le strade sono

          gia' piene.

          :@

          Appropriato... insultare anonimamente sui forum è
          l'equivalente online dell'inveire contro gli
          altri
          automobilisti.Io trovo semplicemente che stiano cercando di alzare nuovamente le assicurazioni sulle auto e non potendo dire che i petomani o coloro che si scaccolano fanno più incidenti di quelli che invece guidano e basta, sono andati a tirare fuori i videogiochi. Io sono un amante di giochi di corse, ma non della serie NFSU e non effettuo comportamenti strani al volante, non effettuo sorpassi azzardati e se non reputo certi limiti di velocità assolutamente idioti (ad esempio i 60 KM/h su strada a 2 corsie per senso di marcia + corsia di emergenza e rettilineo di 5 km) ma sempre non eccedendo troppo (al massimo arrivo a + 20 sul limite, mai di più) che è esattamente lo stesso identico comportamento del resto degli automobilisti (non pensionati), anzi spesso il mio comportamento è ben più rispettoso . A me videogiocare piace appunto per il fatto di non rischiare ne la mia vita ne quella altrui, tipo una valvola di sfogo a quello che mi piacerebbe fare in pista, ma che non posso (economicamente) permettermi di fare nella realtà, dato che per me correre su circuiti cittadini o con traffico è una pura follia. C'è poi da dire che molti incidenti mortali, sono dovuti a gente che magari a NFS non ci ha nemmeno mai giocato, ma pensa di essere il nuovo Michael Schumacher e quindi zizzaga, sfanala ai 180 con il limite dei 70 quando stai sorpassando un mezzo lento e tu sei già ai 90, non rispetta distanze di sicurezza ne stop o semafori.
    • Wakko Warner scrive:
      Re: Confermo (in parte)
      - Scritto da: ElfQrin
      Già qualche anno fa mi ero reso conto che in una
      situazione in cui avrei dovuto rallentare ho
      invece fatto uno slalom da videogioco schivando
      ostacoli e altre autoCioè anziché rallentare hai fatto slalom e questo è colpa dei videogiochi perché sarebbe ciò che avresti fatto in un videogioco? Mi sembra una motivazione un po' debole per essere una specie di "dimostrazione".
      E' vero che chi gioca ha maggiori riflessi e
      capacità di valutare situazioni e calcolare
      tempi, ma è anche vero che nel caso qualcosa vada
      storto non ce la si cava con un "Game
      Over".Basta tenere bene a mente la distinzione fra gioco e realtà. Nel gioco se vai a sbattere a 300 all'ora perdi la gara, nella realtà perdi la vita.Quando incominciai a guidare ero molto più spericolato di ora, eppure gli unici giochi a cui avevo mai giocato erano Test Drive e Indy500... non si può certo dire che con quei giochi quasi stilizzati si acquisiscano particolari abilità/sicurezze di guida.In realtà i rischi più grossi li corri proprio da giovane, ma proprio perché sei giovane e non per altri motivi. Inizialmente perché non hai ancora dimestichezza con il mezzo, e più avanti (forse è anche più pericoloso) quando acquisisci una falsa sicurezza che ti porta a pensare di avere il controllo assoluto dell'auto/moto. Poi con l'esperienza capisci che non è così, quando prendi le tue belle paure, quanto rischi l'incidente per non aver fatto tanta attenzione a ciò che facevano gli altri... quando magari ti fai pure male. Ma quando sei giovane ed è da poco che stai guidando credi di essere un campione della F1, immortale perché da giovani non si pensa granché alla possibilità di lasciarci le penne... e allora stai su fino a notte inoltrata e torni a casa stanco e bevuto sparato a 150 all'ora di notte per le vie della città per il puro piacere di sentire il rumore delle gomme che scivolano sull'asfalto o di sentire l'aria mattutina che ti arriva addosso dal finestrino aperto e sentire l'adrenalina che ti scorre nelle vene e ti fa sentire vivo.
      Credo però che questo comportamento sia
      involontario, nel senso che si tratta di abilità
      acquisite nei videogiochi, che si mettono in
      pratica inconsapevolmente anche nella vita reale
      (pur riuscendo a distinguere la differenza tra le
      due situazioni). Non si tratta, insomma, di
      spavalderia
      gratuita.E chi ti dice che quello slalom tu non l'avresti fatto se non avessi mai giocato ad un videogioco in vita tua?I videogiochi non c'entrano nulla... sarà pur vero che se prendi su l'auto subito dopo aver giocato 2 ore a Need for Speed sei psicologicamente portato a correre, ma è un effetto che ha una durata limitata ed è dovuto all'eccitazione, la stessa che puoi avere dopo aver passato una notte in discoteca a scatenarti con i tuoi amici o la stessa che puoi avere quando hai un sacco di fretta e sei in ritardo, ma con un po' di esperienza ti rendi conto che i due mondi è bene tenerli separati, perché altrimenti fai la fine del mio amico Simone, aveva 20 anni quando sono andato al suo funerale e li avrà per sempre, erano le 2 di notte e la sua ragazza lo aveva chiamato a casa sua per passare la notte assieme, lui ha lasciato gli amici e per arrivare prima si è messo a correre.Forse l'autoradio l'ha distratto, forse stava semplicemente correndo troppo e non è riuscito a tenere strada in quella curva... sta di fatto che la sua auto non era più nemmeno riconoscibile come tale... un proiettile disintegrato su un muro.Le ricordo ancora le urla della sua ragazza al funerale, forse crede ancora che sia colpa sua... ma in realtà la colpa è solo dei 20 anni che aveva il mio amico.Io l'ho saputo il giorno dopo, stavo andando a prendere mia mamma al lavoro (credo) e stavo guidando, e quando ho sentito il suo nome alla radio il mio cuore si è fermato per un momento e la strada mi è sparita da davanti... non era mai morto nessuno di quelli che erano alle medie con me prima di allora... e poi proprio lui... un ragazzo mite e buono... e non lo dico perché "si dice sempre così" ma lo dico perché era l'impressione che ho sempre avuto su di lui... e ho ricordato i tempi in cui scherzando lo prendevo un po' in giro per il suo cognome e mi è improvvisamente spiaciuto tantissimo di non averlo conosciuto meglio prima, quando potevo ancora farlo. Ho ancora la copia del giornale con la sua foto in prima pagina e la foto di quella cosa che una volta era un'auto.Ma non è colpa dell'auto, non è colpa dei videogiochi, non è colpa della sua ragazza... lì ha sbagliato lui, e ha pagato il più alto prezzo possibile. Una morte inutile e stupida, non che le altre morti siano molto migliori... ma quella è stata davvero una morte molto stupida e soprattutto prematura. Il giorno prima era vivo e si progettava il suo futuro e il giorno dopo non c'era più.Ma allora cosa dovremmo fare? Dare la colpa ai videogiochi? Ai cellulari? Alle discoteche? All'alcool? Alla musica? E una volta che l'abbiamo fatto che è cambiato? Un giovane di 20 anni rimarrà un giovane di 20 anni e continuerà a credersi un maestro di guida e continuerà a correre per sentirsi vivo e a fare sciocchezze che se solo avesse un po' di esperienza in più non farebbe mai... vivere è pericoloso... e ricordo tutte le volte che ho rischiato la vita io, come quella volta che sono venuto giù dalla montagna con una bici senza freni e mi sono fermato ad 1 centimetro di distanza dal muro della chiesa del Paese in valle. O quella volta che con la mia bici ho saltato il cofano di un'auto dopo averle tagliato la strada, o di quella volta che sono quasi finito sotto una Jeep che manco avevo 10 anni solo per fare lo stupido davanti a mio cugino, o di quella volta che (sempre in bici) sono andato così vicino al bordo di un dirupo che ero pietrificato e non riuscivo a girare il manubrio né a destra né a sinistra perché i miei muscoli si erano bloccati.Oppure ricordo quei due ragazzini che qualche mese fa mi hanno tagliato la strada ignorando lo STOP che avevano davanti, in due su una bici... se fossi andato solo a 5Km/h più veloce non sarei riuscito a fermarmi e ora che li avrei sulla coscienza, o quel bambino che mi ha attraversato la strada correndo spuntando fuori da un dannato cespuglio facendomi prendere una paura tale che avrei voluto fermare l'auto e proseguire a piedi... ma sono cose che capitano e che dipendono unicamente dal fatto che siamo vivi e che per questa ragione rischiamo _ogni giorno_ di morire, o per una distrazione, o per una sciocchezza qualsiasi... o perché siamo troppo giovani per porci il problema che la vita che abbiamo non ha durata infinita ed è tremendamente semplice porvi fine inconsapevolmente (interessante è poi il fatto che porvi fine consapevolmente è tutt'altro che semplice... ma questo è un altro discorso).
      • Anonimo scrive:
        Re: Confermo (in parte)
        Non scrivo mai su questo forum ma leggo sempre e alle volte ma cascano le braccia a leggere certi commenti sempre da stadio e sempre vuoti e inutili come le teste di chi li scrive..Ma questo post meritava un elogio.Trovo che tu sia una persona in gamba, hai centrato il problema con esperienze dolorose vissute e descritto anche con notevole capacità.Non si cercano sempre i problemi altrove, non si cerca sempre il modo di dare la colpa a qualcosa/qualcuno tanto per trovare una giustificazione degli errori che si fanno.Siamo i primi a sbagliare e gli ultimi a volersi prendere la responsabilità di aver sbagliato:se si corre in strada è perchè si schiaccia troppo l'acceleratore, perchè si ha voglia di farlo non andiamo a cercare sempre la colpa in qualcun'altro..la colpa non è dell'asfalto che scorre troppo velocemente sotto le ruote, ma sono le ruote che girano troppo velocemente sull'asfalto. Così come non è colpa di un videogioco se una persona diventa violenta o impugna un'arma, è colpa di quella persona stessa e così via dicendo x ogni tipo di gioco e ogni tipo di azione di cui vogliamo disconoscerne la paternità.Si sentono violenze dei ragazzi a scuola e per strada e si deve sempre dare la colpa al mondo per questo, agli insegnanti, a tutto tranne che a quei figli che l'azione l'hanno fatta e alla famiglia che li ha allevati senza mai dargli uno sganassone quando era necessario per insegnargli che nella vita non si puo' ottenere qualsiasi cosa senza pagarne un prezzo.Non l'ho mai pensata in questi termini: fino a poco tempo fa ero io quello faceva le cazzate (normali che fanno tutti, per carità) e non si preoccupava troppo delle conseguenze, la pensavo come dicevi tu, da giovane, ma oggi leggendo il tuo articolo mi è venuta in mente una cosa, quando avro' un figlio..come potrei sentirmi ogni volta che esce sapendo che puo' finire in quelle condizioni? Semplice non posso farci molto, ma posso cercare di educarlo nel tentativo di fargli capire quale sono le cazzate da evitare e come evitare di seguire la gente che le fa.Cerchiamo di fare del nostro meglio prima di tutto e non diamo sempre la colpa agli altri per il nostro menefreghismo e dabbenismo.Saluti a tutti
      • Anonimo scrive:
        Re: Confermo (in parte)
        Davvero complimenti Wacko, so che l'apprezzamento di un'anonimo non vale molto (ogni volta dico "domani mi registro", ed eccomi qui, anonimo, dopo già un'anno....),però volevo dirti che quoto tutto e anche di più di quello che hai scritto....altro che videogiochi!Bye!P.S. ORA vado a registrarmi....
    • Anonimo scrive:
      Re: Confermo (in parte)
      - Scritto da: ElfQrin
      Già qualche anno fa mi ero reso conto che in una
      situazione in cui avrei dovuto rallentare ho
      invece fatto uno slalom da videogioco schivando
      ostacoli e altre auto Vero, me ne sono accorto anch'io, però visto che ce ne siamo accorti ed abbiamo un cervello per pensare usiamolo, no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Confermo (in parte)
      Sono abbastanza d'accordo con te.Tutti quelli che mi conoscono mi definiscono un guidatore moooooooooolto tranquillo e in effetti credo di esserlo. Tuttavia mi rendo conto che, subito dopo una sessione di gioco al computer, la mia guida nella realtà è un po' più "vivace" del solito. In genere, rendendomene conto, faccio uno sforzo cosciente per autoregolarmi e piano piano "l'aggressività" se ne va, ma devo riconoscere che questi giochi in qualche misura influenzano.Aggiungo che i giochi di guida non sono tutti uguali, e credo che anche l'influenza che esercitano sul giocatore sia diversa. Ci sono gli arcade tipo NFS, dove si guida come pazzi in mezzo al traffico, si fanno acrobazie impossibili e si sbatte contro il muro volontariamente per guadagnare tempo perchè la fisica di gioco non è come quella reale.Poi ci sono i simulatori tipo rFactor e Gtr che ti fanno guidare in pista e non in mezzo al traffico e rispecchiano il più possibile la fisica reale della dinamica dei veicoli. La guida in questo genere di giochi è più "ragionata" e misurata rispetto a giochi tipo NFS.Tutto quello che ci circonda, che vediamo, che sentiamo... esercita un certo grado e un certo tipo di influenza su di noi (i pubblicitari lo sanno bene), i giochi non fanno eccezione.Certo i giochi possono anche influenzarci positivamente se li scegliamo consapevolmente.Giochi tipo NFS hanno un effetto negativo sul mio atteggiamento nella guida reale e ho deciso di non giocarci. I simulatori meno... ma... assumere a dosi moderate.
    • Anonimo scrive:
      Re: Confermo (in parte)
      - Scritto da: ElfQrin
      Già qualche anno fa mi ero reso conto che in una
      situazione in cui avrei dovuto rallentare ho
      invece fatto uno slalom da videogioco schivando
      ostacoli e altre auto Sei una nullità. Io lavoro in un ufficio dove per andare dalla mia scrivania alla macchina del caffè devo uscire in corridoio e rientrare dall'altra parte. Bene, adesso digito NOCLIP e passo attraverso muri e scrivanie.Impara.(cylon)
Chiudi i commenti