Vodafone Japan: il volto al posto del PIN

Anziché il PIN, in Giappone si potrà attivare il telefonino con il riconoscimento facciale. Ecco i dettagli
Anziché il PIN, in Giappone si potrà attivare il telefonino con il riconoscimento facciale. Ecco i dettagli


Tokyo (Giappone) – “A me gli occhi. Anzi, la faccia”. Potrebbe essere questo l’invito formulato dal display dei telefonini per il riconoscimento degli utenti? In Giappone sì: gli utenti di Vodafone K.K. potranno utilizzare il proprio volto al posto del PIN, grazie alla tecnologia di riconoscimento facciale di Oki Electric Industry .

Vodafone K.K. ha infatti annunciato che il Face Sensing Engine (FSE) di Oki sostituirà il sistema di riconoscimento attualmente utilizzato sui telefonini dell’operatore nipponico. Uno speciale sensore sarà integrato inizialmente sul modello Vodafone 904SH, la cui uscita sul mercato del Sol Levante è prevista in aprile. Successivamente, arriverà anche sugli altri modelli 3G.

Un sistema di riconoscimento facciale ha indubbie caratteristiche di praticità: non richiede la memorizzazione di PIN o password (semplici o complicate). Oki inoltre ha garantito che i propri sensori saranno in grado di dare buoni risultati indipendentemente dalle condizioni di luminosità e, cosa ancor più importante, non daranno problemi neanche in caso di piccoli cambiamenti nei connotati o di differenti espressioni del viso.

Come tutte le tecnologie biometriche di questo genere, il riconoscimento del volto di OKI dovrebbe riuscire a superare anche cambiamenti “stagionali” del volto, come la crescita di barba o baffi, in quanto il sistema si basa sull’identificazione di alcuni specifici punti del volto e sull’elaborazione di una mappa degli stessi. Secondo Vodafone, in realtà anche piccoli interventi di chirurgia estetica non dovrebbero inficiare il corretto funzionamento del sistema.

Di interesse anche il fatto che l’integrazione del FSE non comporterà elevate variazioni di prezzo dei telefonini: OKI assicura che la propria tecnologia ha un basso costo industriale e la produzione in serie contribuirà a non rendere questo sistema una caratteristica d’elite.

Dario Bonacina

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 03 2006
Link copiato negli appunti