Vogliono che in Europa vinca HD DVD

A sentire il Financial Times la partita è praticamente vinta. Gli Studios europei si stanno lanciando su HD DVD perché la produzione di supporti costa meno del rivale Blu-Ray. Ma è davvero tutto così ovvio?

Roma – Il Financial Times sta alimentando una serie di chiacchiere, più o meno condivisibili, sul possibile successo europeo dello standard HD-DVD. La tesi è che gli studios indipendenti europei e le aziende di masterizzazione avrebbero definitivamente deciso di affidarsi allo “standard Toshiba”, nettamente più economico rispetto a quello “Sony”. Per la prestigiosa testata anglosassone, i cinefili europei che vorranno guardare titoli in alta definizione, come “La Tigre e la Neve” di Benigni, dovranno acquistare lettori HD DVD.

Secondo numerosi osservatori, la questione dei costi produttivi è certamente un elemento chiave, ma rimane un problema: convincere i consumatori a ri-acquistare titoli che spesso già posseggono in formati “minori”, come il DVD. Ma è ormai certo che Studio Canal e Pathé in Francia, Filmax e DeAPlaneta in Spagna, Imagion e Nixbu in Germania hanno scelto HD DVD. In controtendenza con un mercato statunitense che giorno dopo giorno rileva l’incremento delle vendite dei dischi Blu-Ray.

Negli Stati Uniti il Blu-Ray, al momento, è trainato dalle vendite della Playstation 3 . Una console che rappresenta da sola il 94% (Fonte: Adams Media Research) dei player Blu-Ray venduti e che viene commercializzata con un film in bundle. Inoltre Disney, Lionsgate, 20th Century Fox, Columbia Pictures (prop. Sony), MGM (prop. Sony) e ovviamente Sony Pictures supportano esclusivamente questo formato. Sull’altra sponda sono Paramount Pictures (prop. Viacom), DreamWorks (prop. Viacom), Warner Bros. (prop. Time Warner) e New Line Cinema (prop. Time Warner) nonché i supporter HD DVD Universal Studios e Weinstein Company.

L’idea del quotidiano economico e finanziario, dunque, è che gli USA siano un “mercato particolare” dove gli attuali rapporti di forza sono il risultato di uno scontro tra interessi diversi. Sony America, di fatto, è in continua perdita da almeno due anni: una debacle anche con il Blu-Ray e la baracca salta.

Non tutti gli analisti, però, sono convinti che il mercato si possa “splittare” così facilmente. In Australia ad esempio – citando un altro settore – il segmento portable player è sempre stato più vicino a quello giapponese che a quello occidentale. Se un consumatore si fosse basato sull’appeal nippo-australiano, il minidisk avrebbe dovuto dare filo da torcere ai lettori Mp3 e invece… Non è quindi un caso che Richard Cooper, esperto di Screen Digest , sia convinto che le sorti dell’alta definizione si decideranno ad Hollywood in ogni caso. A prescindere dal cinema indipendente europeo insomma, che di fatto pesa per il 30% nel Regno Unito, il 50% in Francia, il 40% in Germania e solo il 35% in Spagna.

La realtà dei costi produttivi, però, appare incontrovertibile. “Una linea di masterizzazione HD DVD costa circa 800 mila euro e puoi arrivare ad almeno 40 mila dischi al giorno. Una linea Blu-Ray costa invece fra gli 1,7 e 1,8 milioni di euro, e non rende più di 10/15 mila dischi al giorno”, ha spiegato Laurent Villaume, CEO di Qol, azienda specializzata francese. “Il rischio finanziario non è proprio lo stesso”. I tecnici ricordano anche che uno stabilimento DVD è facilmente aggiornabile per la produzione HD DVD, diversamente da quanto avviene per un “adattamento” Blu-Ray.

E anche se le sirene del marketing ricordano che i Blu-Ray vantano una maggiore capienza, di circa 50 GB, i produttori sanno bene che la produzione europea non ne ha bisogno. Film come “La Tigre e la Neve” risiedono egregiamente su un disco single-layer. “I film europei non hanno bisogno di così tanto spazio. Sarà utile in futuro per i contenuti aggiuntivi, ma comunque un film italiano non avrà mai effetti speciali ed altre cose tipiche dei film americani. La spesa è proibitiva”, ha sottolineato Alex Ponti, CEO della società DS DVD.

Inoltre gli studios europei sono convinti che se mai un giorno dovesse essere intrapresa la strada dei contenuti extra, si potrebbe utilizzare la connessione web presente su tutti i player HD DVD. Insomma una soluzione low-cost per soddisfare ogni esigenza di aggiornamento informativo, contenutistico e di social networking.

“Sono totalmente agnostico”, ha dichiarato Rodolphe Buet, responsabile del marketing di Studio Canal. “Tutto il lavoro che stiamo facendo sull’alta definizione sarà utile per realizzare dischi Blu-Ray se dovesse vincere. In caso contrario sarà facile cambiare posizione. Al momento però posso sottolineare che il supporto Sony è sembrato inferiore rispetto al competitor diretto”. “Sony ha concentrato il suo impegno negli Stati Uniti, e ritiene che sia troppo presto per collaborare con gli studios europei”, ha aggiunto David Walstra, vice-presidente del distaccamento europeo della Blu-Ray Disc Association .

Al di là di quanto riporta FT (il cui sito ieri non era visibile per qualche tempo), dunque, la battaglia dei formati sembra solo all’inizio.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Disastro ferroviario!
    Il megamagnete è andato fuori controllo e sta inesorabilmete risucchiando le rotaie delle ferrovie europee come fossero spaghetti! :| :| :|
  • Anonimo scrive:
    Quindicesima vittima...
    ...del supermagnete!Il mortale congegno ha colpito ancora!Ieri, forse confidando troppo nell'esperienza, uno scienziato francese, Jérôme Saigné, 42 anni, si è avvicinato troppo al magnerte, che gli ha letteralmente STRAPPATO VIA dal sangue tutto il ferro dell'emoglobina, causandone quasi immediatamente la morte per la più grave anemi perniciosa mai osservata. :| :| :| :| ;)
  • Anonimo scrive:
    Half life...
    Prima o poi doveva succedere :)
  • Anonimo scrive:
    Asimov aveva previsto tutto...
    ...nel racconto "La palla da biliardo". Vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Sogni_di_robotBuona lettura!
  • m00f scrive:
    TITOR !!!
    JOHN TITOR C'E' !
    • TADsince1995 scrive:
      Re: TITOR !!!
      - Scritto da: m00f
      JOHN TITOR C'E' !Se non fossi un tipo scettico di natura, sta storia di Titor mi darebbe molto da pensare...TAD
      • Anonimo scrive:
        Re: TITOR !!!
        - Scritto da: TADsince1995

        - Scritto da: m00f

        JOHN TITOR C'E' !

        Se non fossi un tipo scettico di natura, sta
        storia di Titor mi darebbe molto da
        pensare...

        TADIl grande Attivissimo ci ha fatto un documentario che dovrebbe essere in streaming tra una settimana... pare si tratti di una bella inchiesta.
        • TADsince1995 scrive:
          Re: TITOR !!!

          Il grande Attivissimo ci ha fatto un documentario
          che dovrebbe essere in streaming tra una
          settimana... pare si tratti di una bella
          inchiesta.Attivissimo ha già fatto una propria indagine nel suo servizio antibufala:http://attivissimo.blogspot.com/2007/01/il-caso-john-titor.htmlDi certo bisogna riconoscere che chi ha architettato e realizzato la storia di John Titor, di sicuro non è un idiota, ma una persona preparata...TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: TITOR !!!
            - Scritto da: TADsince1995

            Il grande Attivissimo ci ha fatto un
            documentario

            che dovrebbe essere in streaming tra una

            settimana... pare si tratti di una bella

            inchiesta.

            Attivissimo ha già fatto una propria indagine nel
            suo servizio
            antibufala:

            http://attivissimo.blogspot.com/2007/01/il-caso-jo

            Di certo bisogna riconoscere che chi ha
            architettato e realizzato la storia di John
            Titor, di sicuro non è un idiota, ma una persona
            preparata...

            TADNe parlavano anche su TuttoScienze qualche settimana fa... Va bene che TuttoScienze e' molto peggiorato ultimamente, ma una volta parlava SOLO di scienza, un po' mi ha deluso.
          • Anonimo scrive:
            Re: TITOR !!!
            - Scritto da: TADsince1995[...]
            Attivissimo ha già fatto una propria indagine nel
            suo servizio
            antibufala:

            http://attivissimo.blogspot.com/2007/01/il-caso-jo
            [...]
            TADSi si, ma c'è l'approfondimento, io mi riferivo a questahttp://attivissimo.blogspot.com/2007/04/john-titor-rivelazioni-il-15-aprile.html
          • TADsince1995 scrive:
            Re: TITOR !!!
            - Scritto da:

            - Scritto da: TADsince1995
            [...]

            Attivissimo ha già fatto una propria indagine
            nel

            suo servizio

            antibufala:




            http://attivissimo.blogspot.com/2007/01/il-caso-jo


            [...]

            TAD

            Si si, ma c'è l'approfondimento, io mi riferivo a
            questa

            http://attivissimo.blogspot.com/2007/04/john-titorOh caspita!!! Incuriosisce parecchio! Qualcuno prende quella TV? Qualunque sia il risvolto, la persona (o le persone) che stanno dietro al mito di John Titor hanno meritato la loro fama, per l'incredibile realismo, la precisione e la credibilità della bufala meglio organizzata della storia della rete.E da quanto vedo qui:http://www.youtube.com/watch?v=WfSqg3KsIgMmi sa che ci scappa pure il film...TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: TITOR !!!
            Uno che andava in giro con buchini neri descritti come piccoli quanto un elettrone (ovvero di raggio zero, un modo di descriverli che una persona PREPARATA non avrebbe mai usato) ma pesanti una tonnellata ciascuno, in una valigetta posata su un camioncino che non sarebbe mai stato in grado di reggerne il peso (per non parlare della valigetta), non mi sembra esattamente un tipo credibile......senza contare che la sua descrizione di linee temporali alternative gli impedirebbe di fatto anche di tornare a quella d'origine, dato che l'unico modo per rendere coerente una teoria che si basa sugli universi paralleli sarebbe postulare che tutti noi saltiamo da uno all'altro in ogni istante...
          • m00f scrive:
            Re: TITOR !!!
            ti quoto.infatti la storia puzza, ma alcuni dei fatti descritti nel 2000 si sono concretizzati. Fatti non facilmente prevedibili come: la creazione di buchi neri in laboratorio al CERN di Ginevra nel 2001, l'invasione dell'iraq nel 2003 e il ritiro nel 2008. Sono fatti che fanno pensare.Cioè questo tipo doveva avere tante conoscenze dal CERN al Pentagono.
  • Anonimo scrive:
    sono un po troppi ....
    "impiegato un superconduttore mantenuto a 232 gradi sotto lo zero "come da titolo.....
  • Anonimo scrive:
    Spostamento dell'asse terrestre ?
    Se il campo magnetico prodotto risulta essere così potente, chissà che non riescano anche a far spostare l'asse di rotazione terrestre...
    • Anonimo scrive:
      Re: Spostamento dell'asse terrestre ?
      - Scritto da:
      Se il campo magnetico prodotto risulta essere
      così potente, chissà che non riescano anche a far
      spostare l'asse di rotazione
      terrestre...quello è già in continuo (LENTO) mutamento
    • The_GEZ scrive:
      Re: Spostamento dell'asse terrestre ?
      Ciao Anonimo !
      Se il campo magnetico prodotto risulta essere
      così potente, chissà che non riescano anche a far
      spostare l'asse di rotazione
      terrestre...Per questo c'è già il World Jump Day !http://www.worldjumpday.org/
    • Anonimo scrive:
      Re: Spostamento dell'asse terrestre ?
      - Scritto da:
      Se il campo magnetico prodotto risulta essere
      così potente, chissà che non riescano anche a far
      spostare l'asse di rotazione
      terrestre...Già fatto! Gli impianti di sfruttamento del moto delle maree e le dighe influenzano e l'asse e la rotazione terrestre.
      • alfridus scrive:
        Re: Spostamento dell'asse terrestre ?
        Ka..kio! E questa, dove l'hai presa?Mi potresti passare un link?doct.alfridus
        • alfridus scrive:
          Re: Spostamento dell'asse terrestre ?
          Allooora...Ho fatto una ricerca semplice semplice su 'dighe: spostamento asse terreste' su Google.it.Risultato: quasi 900 pagine!Ci risentiamo tra un paio di giorni... :$doct.alfridus
  • aghost scrive:
    Ma serve il ciclotrone?
    Di fisica sono ignorante lo ammetto, ma davvero servono a qualcosa i ciclotroni, o sincrotroni, queste struttre gigantesche e soprattutto COSTOSISSIME per accelerare e far scontrare le particelle?A parte pochi eletti credo nessuno ne conosca l'utilità pratica, se si eccettua ovviamente i mega appalti necessari per costruirli. Un po' come i webmostri tipo italia.it da 45 milioni di euro, che non servono a nessuno tranne a chi li realizza a suon di miliardi delle vecchie lire. O no? :)http://www.aghost.wordpress.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma serve il ciclotrone?
      - Scritto da: aghost
      Di fisica sono ignorante lo ammetto, ma davvero
      servono a qualcosa i ciclotroni, o sincrotroni,
      queste struttre gigantesche e soprattutto
      COSTOSISSIME per accelerare e far scontrare le
      particelle?Servono a studiare le particelle elementari e le loro interazioni.

      A parte pochi eletti credo nessuno ne conosca
      l'utilità pratica, se si eccettua ovviamente i
      mega appalti necessari per costruirli.Se tu vedi solo i mega-appalti, non significa che esistano solo quelli. Basta documentarsi un pochino anche su wikipedia per capire le scoperte che sono state fatte e le loro implicazioniSembra di sentire lo studente che dice:" ma perche' studiare la matematica? Non serve a niente nella vita reale..."
      Un po'
      come i webmostri tipo italia.it da 45 milioni di
      euro, che non servono a nessuno tranne a chi li
      realizza a suon di miliardi delle vecchie lire. O
      no?
      :)Il paragone non sta proprio in piedi.
      • The_GEZ scrive:
        Re: Ma serve il ciclotrone?
        Ciao Anonimo !
        Se tu vedi solo i mega-appalti, non significa che
        esistano solo quelli. Basta documentarsi un
        pochino anche su wikipedia per capire le scoperte
        che sono state fatte e le loro
        implicazioniPurtroppo quello degli appalti è un problema che esiste ed è veramente serio.http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90054,00.htmlLA cosa ridicola è che si è disposti a finanziare mega progetti da decine di milioni di euro ma se salta fuori qualche ricerca "economica" ... non la si finianzia.Qui come diceva mio nonno, a pensar male si fa peccato, ma ...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma serve il ciclotrone?
          - Scritto da: The_GEZ
          Ciao Anonimo !


          Se tu vedi solo i mega-appalti, non significa
          che

          esistano solo quelli. Basta documentarsi un

          pochino anche su wikipedia per capire le
          scoperte

          che sono state fatte e le loro

          implicazioni

          Purtroppo quello degli appalti è un problema che
          esiste ed è veramente
          serio.Ovvio, lo e' dappertutto e da sempre. Ma fare del populismo di basso livello come l'OP... e' una bassezza a livello degli appalti gettati al vento

          http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0

          LA cosa ridicola è che si è disposti a finanziare
          mega progetti da decine di milioni di euro ma se
          salta fuori qualche ricerca "economica" ... non
          la si
          finianzia.Ci sono casi e casi. Ognuno va valutato singolarmente.
          Qui come diceva mio nonno, a pensar male si fa
          peccato, ma
          ...Mi sembra che i progressi della ricerca smentiscano questa tesi. Poi le eccezioni ci sono sempre.Altrimenti non avremmo tutto quello che siamo per scontato.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma serve il ciclotrone?

          Qui come diceva mio nonno, a pensar male si fa
          peccato, ma ...Sei il nipote di Andreotti 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma serve il ciclotrone?
      - Scritto da: aghost
      Di fisica sono ignorante lo ammetto, ma davvero
      servono a qualcosa i ciclotroni, o sincrotroni,
      queste struttre gigantesche e soprattutto
      COSTOSISSIME per accelerare e far scontrare le
      particelle?

      A parte pochi eletti credo nessuno ne conosca
      l'utilità pratica, se si eccettua ovviamente i
      mega appalti necessari per costruirli. Un po'
      come i webmostri tipo italia.it da 45 milioni di
      euro, che non servono a nessuno tranne a chi li
      realizza a suon di miliardi delle vecchie lire. O
      no?
      :)

      http://www.aghost.wordpress.com/evviva l'ignoranza e il populismo.non sono pochi eletti. basta frequentare una scuola media superiore e studiare fisica per capire di che cosa si tratta e quali applicazioni potrebbe avere.dici "costosissime". ok, cita le fonti dalle quali hai attinto e quantifica il costo, altrimenti la tua è aria fritta.per quanto riguarda gli sprechi, guarda altrove, non nella ricerca scientifica. vuoi un aiutino? spese militari, sanità, ...smetti di pubblicizzare il tuo sito su questo forum
      • aghost scrive:
        Re: Ma serve il ciclotrone?

        non sono pochi eletti. basta frequentare una
        scuola media superiore e studiare fisica per
        capire di che cosa si tratta e quali applicazioni
        potrebbe
        avere.ho premesso la mia ignoranza in materia. Ho solo posto dei dubbi. Comunque mi pare tu non abbia risposto sulle ricadute pratiche. Magari se me ne citi qualcuna... :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma serve il ciclotrone?
          - Scritto da: aghost


          non sono pochi eletti. basta frequentare una

          scuola media superiore e studiare fisica per

          capire di che cosa si tratta e quali
          applicazioni

          potrebbe

          avere.

          ho premesso la mia ignoranza in materia.
          Ho solo posto dei dubbi. Comunque mi pare tu non
          abbia risposto sulle ricadute pratiche. Magari se
          me ne citi qualcuna...
          :)Ti hanno gia' risposto: immagina un mondo senza tubi catodici o tac.
    • Funz scrive:
      Re: Ma serve il ciclotrone?
      Se avessero fatto lo stesso discorso i primi che studiarono gli acceleratori di particelle, oggi non esisterebbero la TV (sai cos'e' un tubo catodico?), i microscopi elettronici, la TAC, la PET, e un sacco di tecologie di uso quotidiano che ormai dai per scontate...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma serve il ciclotrone?
      - Scritto da: aghost
      Di fisica sono ignorante lo ammetto, ma davvero
      servono a qualcosa i ciclotroni, o sincrotroni,
      queste struttre gigantesche e soprattutto
      COSTOSISSIME per accelerare e far scontrare le
      particelle?[...]Ti dico io a che serve... innanzitutto non hai ancora ricevuto spiegazioni perchè tutti quelli in grado di dartele sono costantemente impegnati nel monitoraggio delle curvature quantiche, e se anche uno solo dovesse distrarsi anche per un solo minuto potrebbe accadere un disast... ma cosa?oh cacchio... devo andare!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma serve il ciclotrone?
      Io per i miei studi non potrei fare a meno di tali "mostri mangiasoldi" :-)Ho cominciato da qui: www.esrf.frPoi sono andato un po' qui (ne abbiamo uno piccolino italiano! Punta molto nel campo medico): www.elettra.trieste.itEd ora ogni tanto vado qui (mi sono trasferito oltreoceano): www.aps.anl.govTi posso dire per cosa serve a me in 2 parole: fondamentalmente analizzo materiali, o reazioni chimiche mentre avvengono. I miei risultati hanno/avranno/potrebbero-avere applicazioni pratiche nello studio dell'esplorazione petrolifera e nello smaltimento di rifiuti ad alta tossicità, ad es.Poi per vedere le molte applicazioni vai sui siti di cui sopra (spero di averli scritti bene...) perché i campi di applicazione e le tecnologie sono moltissime, io conosco il mio orticello ;-)Ah, uso anche la diffrazione da neutroni. Può essere comodissima, per alcune analisi di cui sopra.Poi sta a te decidere se la spesa di costruzione/gestione (costano...) vale i risultati: io penso di sì, ma sono di parte, eh!
  • Anonimo scrive:
    Si sono ispirati a Top Secret ?
    Vi ricordate la scena della calamita che attrae il sommergibile russo ? :DMarco Ravich
    • Anonimo scrive:
      Re: Si sono ispirati a Top Secret ?
      - Scritto da:
      Vi ricordate la scena della calamita che attrae
      il sommergibile russo ?
      :D

      Marco RavichSpettacolare! E Val Kilmer era un grande ballerino... e il ballo era quello di Asereje (guardate per credere!)
  • Anonimo scrive:
    Disastro annunciato !
    "creazione di condizioni simili a quelle immediatamente successive al Big Bang"... beh... indubbiamente ci sono riusciti :) :) :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Disastro annunciato !
      Io sapevo che tedesca era la calamità più potente: Hitler.
    • Anonimo scrive:
      Re: Disastro annunciato !
      Invece di censurare e dare del troll sarebbe meglio evitare di scrivere titoli che si prestano al doppio senso, molto meglio sarebbe stato "è tedesco il magnete più potente". La "calamita" è roba da scuola elementare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Disastro annunciato !
        - Scritto da:
        Invece di censurare e dare del troll sarebbe
        meglio evitare di scrivere titoli che si prestano
        al doppio senso, molto meglio sarebbe stato "è
        tedesco il magnete più potente". La "calamita" è
        roba da scuola
        elementare.Il tuo post è molto utile grazie
  • Anonimo scrive:
    La gravità?
    Ma il Bosone di Higgs nel Modello Standard non serve a giustificare la massa inerziale?
    • Luca A. scrive:
      Re: La gravità?
      massa inerziale e gravitazionale sono la stessa cosa
      • Anonimo scrive:
        Re: La gravità?
        Si "ipotizza" che sia la stessa cosa: e fino ad oggi gli esperimenti hanno grossomodo confermato questa equivalenza, con qualche discordanza normalmente attribuita ad errori di misura."l'esperimento definitivo" non è ancora stato realizzato.
        • BillyDuffy scrive:
          Re: La gravità?
          - Scritto da:
          Si "ipotizza" che sia la stessa cosa: e fino ad
          oggi gli esperimenti hanno grossomodo confermato
          questa equivalenza, con qualche discordanza
          normalmente attribuita ad errori di
          misura.

          "l'esperimento definitivo" non è ancora stato
          realizzato.Finalmente qualcuno che non parla per lemmi e condivide una visione REALMENTE scientifica: postulare e non asserire! ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: La gravità?
      - Scritto da:
      Ma il Bosone di Higgs nel Modello Standard non
      serve a giustificare la massa
      inerziale?Tutti lo cercano e nessuno lo trova.Confidiamo nel LHC.
  • Anonimo scrive:
    CALAMITICO!
    Ora i tedeschi avranno un fascino magnetico?
  • Anonimo scrive:
    Ginevra o Sprigfield ?
    Alla base dell'incidente ci sarebbe una dimenticanza dei tecnici del Fermilab Perchè questa situazione mi ricorda tanto Homer Simpson alla centrale nucleare di Springfield ? :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Ginevra o Sprigfield ?
      Trattasi sicuramente di IngegnIeri.I famosi IngegnIeri Cani.Un fisico
      • Anonimo scrive:
        Re: Ginevra o Sprigfield ?
        che tieni contro gli ingeNNieri scusa? :Duno studente di ingeNNieria
      • Anonimo scrive:
        Re: Ginevra o Sprigfield ?
        - Scritto da:
        Trattasi sicuramente di IngegnIeri.
        I famosi IngegnIeri Cani.


        Un fisicoUn fisico dovrebbe sapere con quanta parsimonia va usata la parola "sicuramente" in una frase...Uno studente di Ingeneria
        • Anonimo scrive:
          Re: Ginevra o Sprigfield ?
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Trattasi sicuramente di IngegnIeri.

          I famosi IngegnIeri Cani.





          Un fisico

          Un fisico dovrebbe sapere con quanta parsimonia
          va usata la parola "sicuramente" in una
          frase...

          Uno studente di IngeneriaIngegneria......ops, mi è scappata la "g". CVD facciamo errori!!! :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ginevra o Sprigfield ?
        - Scritto da:
        Trattasi sicuramente di IngegnIeri.
        I famosi IngegnIeri Cani.






        Un fisicoAl CERN sono in maggioranza fisici.E' improbabile che sia stato un qualche ingegnere il colpevole.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ginevra o Sprigfield ?
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Trattasi sicuramente di IngegnIeri.

          I famosi IngegnIeri Cani.













          Un fisico

          Al CERN sono in maggioranza fisici.
          E' improbabile che sia stato un qualche ingegnere
          il
          colpevole."in maggioranza", appunto.Fidati, questi sono ingegnIeri.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ginevra o Sprigfield ?
        - Scritto da:
        Trattasi sicuramente di IngegnIeri.
        I famosi IngegnIeri Cani.






        Un fisicoMi sembra di si.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ginevra o Sprigfield ?
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Trattasi sicuramente di IngegnIeri.

          I famosi IngegnIeri Cani.













          Un fisico

          Mi sembra di si.Ed hai pure ragione :-)
  • Anonimo scrive:
    La reale natura dell'elettromagnetismo
    Fate una ricerca in rete di questo ebook:Peter Lindemann - I segreti free-energy dell'elettricità freddaLeggerete cose straordinarie sugli esperimenti di Tesla, scritte con un linguaggio adatto anche per i "non addetti" al mestiere.... (nessuna strana formula)Se solo che un decimo di quello che è scritto nel libro è vero, c'è veramente da rimanere a bocca aperta! :|(geek)
    • Anonimo scrive:
      Re: La reale natura dell'elettromagnetis
      - Scritto da:
      Fate una ricerca in rete di questo ebook:

      Peter Lindemann - I segreti free-energy
      dell'elettricità
      fredda

      Leggerete cose straordinarie sugli esperimenti di
      Tesla, scritte con un linguaggio adatto anche per
      i "non addetti" al mestiere.... (nessuna strana
      formula)

      Se solo che un decimo di quello che è scritto nel
      libro è vero, c'è veramente da rimanere a bocca
      aperta!
      :|(geek)E infatti non è vero!Ma magari il signor Lindemann qualche sprovveduto che gli compra uno dei suoi libri a 30 dollari ogni tanto lo trova...
    • alexmario scrive:
      Re: La reale natura dell'elettromagnetis
      - Scritto da:
      Fate una ricerca in rete di questo ebook:

      Peter Lindemann - I segreti free-energy
      dell'elettricità
      fredda

      Leggerete cose straordinarie sugli esperimenti di
      Tesla, scritte con un linguaggio adatto anche per
      i "non addetti" al mestiere.... (nessuna strana
      formula)

      Se solo che un decimo di quello che è scritto nel
      libro è vero, c'è veramente da rimanere a bocca
      aperta!
      :|(geek)Attenzione, chi non ha ancora visto The prestige e lo vuole vedere non legga oltre.Nel film The prestige, sempre Tesla realizza una macchina in grado di clonare la materia...Senza che nemmeno lui sappia esattamente come funziona.Un po' una visione arcaica e semplicistica della scienza.
    • Funz scrive:
      Re: La reale natura dell'elettromagnetis
      Uno che fa affermazioni straordinarie deve portare prove altrettanto straordinarie, altrimenti e' solo fuffa per abbindolare gli ignoranti.Se questo tizio avesse messo qualche "strana formula" magari mediante la sua teoria si potrebbero ipotizzare effetti verificabili con un esperimento, che darebbe validita' a tutta la baracca. Invece si limita a quattro chiacchiere tra amici, la sua teoria ve presa per buona con un atto di fede...
      • alfridus scrive:
        Re: La reale natura dell'elettromagnetis
        Piuttosto di rischiare la figura dello stupido, o dell'ignorante, non sarebbe meglio se, prima di dar di piglio alla penna (pardon, alla tastiera...), si facesse una query ad un qualsiasi motore di ricerca (o una ricerca diretta su Wikipedia) alla voce 'Tesla'?Cioè, documentarsi un minimo?Perchè non farlo?doct.alfridus
        • Funz scrive:
          Re: La reale natura dell'elettromagnetis
          - Scritto da: alfridus
          Piuttosto di rischiare la figura dello stupido, o
          dell'ignorante, non sarebbe meglio se, prima di
          dar di piglio alla penna (pardon, alla
          tastiera...), si facesse una query ad un
          qualsiasi motore di ricerca (o una ricerca
          diretta su Wikipedia) alla voce
          'Tesla'?

          Cioè, documentarsi un minimo?

          Perchè non farlo?

          doct.alfridusNe ho lette tante su Internet su Tesla, gran personaggio, ma in genere sono storielle fantasiose su campi misteriosi che accendono lampadine a distanza, energia illimitata dal niente e strani "raggi della morte". Ha sicuramente grandi meriti nel campo dell'elettromagnetismo, e c'è addirittura un'unità di misura che porta il suo nome, pero' stranamente sono le applicazioni "occulte" che accendono la fantasia. Com'e' che di tutte queste scoperte mirabolanti non ci e' rimasto nulla? No, lascia perdere la risposta, la so già, il solito complotto cripto-pluto-UFO-giudaico :p Certo visto il prototipo di scienziato pazzoide che era, un pò è comprensibile questo atteggiamento...direi che a credere a qualunque cosa senza un minimo di senso critico nè di conoscenza delle basi della Fisica sia il modo migliore per fare la figura degli stupidi ignoranti, e su Internet purtroppo le scemenze strabordano, e spesso hanno molta più eco delle ricerche serie.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 aprile 2007 22.30-----------------------------------------------------------
          • alfridus scrive:
            Re: La reale natura dell'elettromagnetis
            Bhè, vedo che l'argomento t'interessa...Prova a gettare un'occhio anche a questo:http://files.meetup.com/207034/Free%20Energy.pdfNaturalmente, sono tutte scemenze...doct.alfridus
          • Funz scrive:
            Re: La reale natura dell'elettromagnetis
            - Scritto da: alfridus
            Bhè, vedo che l'argomento t'interessa...

            Prova a gettare un'occhio anche a questo:

            http://files.meetup.com/207034/Free%20Energy.pdf

            Naturalmente, sono tutte scemenze...

            doct.alfridusGuarda, dal basso dei miei studi di Ingegneria e dopo una rapida scorsa si', mi sembra una raccolta di tante stupidaggini che si leggono su Internet. Tante affermazioni mirabolanti che un'infarinatura in Fisica ti fa classificare come fuffa, evidenze sperimentali zero, applicazioni pratiche zero, e la solita cospirazione adoperata per spiegare come mai nesuno è diventato stramiliardario o qualche Paese non domina i pianeta grazie a questa fantomatica "free energy". E poi la rivista la conosco, è una delle solite dei teorici del complotto, ufologi, piramidioti e illusi vari. Ti faccio un esempio:Leggendo il trafiletto dedicato alla fusione fredda, forse (molto forse) l'unica cosa che abbia un minimo di fondamento, si limita a dire "la fusione fredda è davvero una realtà". In base a cosa fa questa affermazione?Ho sentito delle ricerche che sono fatte, anche all'ENEA, da ricercatori seri su questo argomento (a meno che i paper che girano su Internet non siano una burla, cosa anche questa possibile). La realtà è che:1) si sta cercando di capire persino se *esista un effetto* (l'eccesso di calore dalla reazione di fusione) e non sia solo un errore di misura dovuto all'incertezza degli strumenti. 2) Per di piu' non si ha ancora idea del *processo fisico* che sta alla base di tutto , solo vaghe supposizioni, e non è che la fisica nucleare sia una scienza sconosciuta, anzi ormai è quasi un secolo che la si studia e la si applica a tecnologie civili e militari.3) Non è vero che la fusione fredda sia stata abbandonata ssenza motivo: dopo che moltissimi laboratori hanno cercato di replicare l'esperimento senza riuscirci, e dopo aver speso inutilmente centinaia di milioni di $ (mezzo miliardo solo in giappone mi pare, a testimoniare che i governi hanno un grosso interesse a una fonte di energia pulita ed economica), alla fine si e' concluso che purtroppo la faccenda era una bufala, e l'interesse degli scienziati e' sparito lasciando un grosso scetticismo. Speriamo che queste timide ricerche che stanno facendo ottengano qualche risultato concreto, ma fino ad allora è meglio restare altamente dubbiosi...Quindi siamo ben lontani dal poter affermare che "la fusione fredda è davvero una realtà", diciamo che da un punto di vista scientifico è una mera ipotesi ben lungi dall'essere dimostrata, figuriamoci pensare a possibili applicazioni commerciali...Nota bene: sarebbe fantastico se anche l'1% di queste scoperte mirabolanti fosse verità, non è vero che il mondo scientifico è cieco e sordo alle nuove scoperte, anzi! Vedi cos'è successo ai primi del '900, quando le scoperte consolidate della fisica classica erano considerate indiscutibili e definitive, e la comunità era ben più rigida di adesso verso le nuove idee. A quel punto sono saltati fuori Einstein e soci che hanno rivoluzionato tutta la baracca e aperto nuovi ed enormi campi del sapere di cui non si immaginava l'esistenza, e che hanno tenuto impegnati i fisici per un secolo e li terranno ancora occupati per molti anni a venire.Trovo infine insultante affermare che tutta la comunità scientifica (che è tutt'altro che unanime!) sia asservita ad un fantomatico potere forte, che tutti i governi vadano contro i loro stessi interessi celando una fonte di ricchezza gigantesca, e neanche una voce autorevole si levi a denunciare ciò! E' una cosa talmente assurda che non capisco come facciano certi a crederci.Caro mio, lo scetticismo non è un difetto!E non avere conoscenze scientifiche non è una colpa, pero' credere a qualunque cosa ci piacerebbe che fosse vera, come minimo è ingenuità.
          • alfridus scrive:
            Re: La reale natura dell'elettromagnetis
            Sei troppo sicuro di quello che ti hanno insegnato... mi fai venir voglia di punzecchiarti!Dimmi: quanto è lungo un metro?L'hai mai misurato 'esattamente'?doct.alfridus
          • Funz scrive:
            Re: La reale natura dell'elettromagnetis
            - Scritto da: alfridus
            Sei troppo sicuro di quello che ti hanno
            insegnato... mi fai venir voglia di
            punzecchiarti!Sai, migliaia di uomini di sapere per decine di secoli hanno portato la scienza e la tecnologia ai livelli attuali, poi arriva il ciarlatano di turno che pretende di smontare tutto per fare posto alle sue elucubrazioni strampalate basate sul nulla. Secondo te a chi dovrei dare fiducia e a chi no? :pPiuttosto siete voi fan delle pseudoscienze (o come volete essere chiamati) a credere ciecamente a tutto quello che vi viene detto!
            Dimmi: quanto è lungo un metro?
            L'hai mai misurato 'esattamente'?
            Che senso ha la tua domanda?Il metro è una pura convenzione, e' la distanza percorsa dalla luce nel vuoto in un tempo prefissato.Piuttosto: tu sapresti "misurarlo" in modo piu' preciso con le tue pseudoscienze? Non credo che riuscireste a battere gli orologi atomici degli istituti di metrologia....-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 aprile 2007 08.35-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: La reale natura dell'elettromagnetis
            - Scritto da: Funz

            - Scritto da: alfridus

            Bhè, vedo che l'argomento t'interessa...



            Prova a gettare un'occhio anche a questo:



            http://files.meetup.com/207034/Free%20Energy.pdf



            Naturalmente, sono tutte scemenze...



            doct.alfridus

            Guarda, dal basso dei miei studi di Ingegneria e
            dopo una rapida scorsa si', mi sembra una
            raccolta di tante stupidaggini che si leggono su
            Internet.

            Tante affermazioni mirabolanti che
            un'infarinatura in Fisica ti fa classificare come
            fuffa, evidenze sperimentali zero, applicazioni
            pratiche zero, e la solita cospirazione adoperata
            per spiegare come mai nesuno è diventato
            stramiliardario o qualche Paese non domina i
            pianeta grazie a questa fantomatica "free
            energy".


            E poi la rivista la conosco, è una delle solite
            dei teorici del complotto, ufologi, piramidioti e
            illusi vari.


            Ti faccio un esempio:
            Leggendo il trafiletto dedicato alla fusione
            fredda, forse (molto forse) l'unica cosa che
            abbia un minimo di fondamento, si limita a dire
            "la fusione fredda è davvero una realtà". In base
            a cosa fa questa
            affermazione?
            Ho sentito delle ricerche che sono fatte, anche
            all'ENEA, da ricercatori seri su questo argomento
            (a meno che i paper che girano su Internet non
            siano una burla, cosa anche questa possibile).

            La realtà è che:
            1) si sta cercando di capire persino se *esista
            un effetto* (l'eccesso di calore dalla reazione
            di fusione) e non sia solo un errore di misura
            dovuto all'incertezza degli strumenti.

            2) Per di piu' non si ha ancora idea del
            *processo fisico* che sta alla base di tutto ,
            solo vaghe supposizioni, e non è che la fisica
            nucleare sia una scienza sconosciuta, anzi ormai
            è quasi un secolo che la si studia e la si
            applica a tecnologie civili e
            militari.
            3) Non è vero che la fusione fredda sia stata
            abbandonata ssenza motivo: dopo che moltissimi
            laboratori hanno cercato di replicare
            l'esperimento senza riuscirci, e dopo aver speso
            inutilmente centinaia di milioni di $ (mezzo
            miliardo solo in giappone mi pare, a testimoniare
            che i governi hanno un grosso interesse a una
            fonte di energia pulita ed economica), alla fine
            si e' concluso che purtroppo la faccenda era una
            bufala, e l'interesse degli scienziati e' sparito
            lasciando un grosso scetticismo.

            Speriamo che queste timide ricerche che stanno
            facendo ottengano qualche risultato concreto, ma
            fino ad allora è meglio restare altamente
            dubbiosi...

            Quindi siamo ben lontani dal poter affermare che
            "la fusione fredda è davvero una realtà", diciamo
            che da un punto di vista scientifico è una mera
            ipotesi ben lungi dall'essere dimostrata,
            figuriamoci pensare a possibili applicazioni
            commerciali...

            Nota bene: sarebbe fantastico se anche l'1% di
            queste scoperte mirabolanti fosse verità, non è
            vero che il mondo scientifico è cieco e sordo
            alle nuove scoperte, anzi!

            Vedi cos'è successo ai primi del '900, quando le
            scoperte consolidate della fisica classica erano
            considerate indiscutibili e definitive, e la
            comunità era ben più rigida di adesso verso le
            nuove idee. A quel punto sono saltati fuori
            Einstein e soci che hanno rivoluzionato tutta la
            baracca e aperto nuovi ed enormi campi del sapere
            di cui non si immaginava l'esistenza, e che hanno
            tenuto impegnati i fisici per un secolo e li
            terranno ancora occupati per molti anni a
            venire.

            Trovo infine insultante affermare che tutta la
            comunità scientifica (che è tutt'altro che
            unanime!) sia asservita ad un fantomatico potere
            forte, che tutti i governi vadano contro i loro
            stessi interessi celando una fonte di ricchezza
            gigantesca, e neanche una voce autorevole si levi
            a denunciare ciò! E' una cosa talmente assurda
            che non capisco come facciano certi a
            crederci.

            Caro mio, lo scetticismo non è un difetto!
            E non avere conoscenze scientifiche non è una
            colpa, pero' credere a qualunque cosa ci
            piacerebbe che fosse vera, come minimo è
            ingenuità.Bhe, a leggere cosi' quel pdf mi sembra che comunque faccia un'interessante serie di nomi e cognomi da cui si potrebbe partire, per cercare in rete le formule da te agognate (e comunque anche da me, che mi trovo d'accordo anche se non so tanto di fisica).
          • Anonimo scrive:
            Re: La reale natura dell'elettromagnetis
            - Scritto da: Funz
            Ti faccio un esempio:
            Leggendo il trafiletto dedicato alla fusione
            fredda, forse (molto forse) l'unica cosa che
            abbia un minimo di fondamento, si limita a dire
            "la fusione fredda è davvero una realtà". In base
            a cosa fa questa
            affermazione?
            Ho sentito delle ricerche che sono fatte, anche
            all'ENEA, da ricercatori seri su questo argomento
            (a meno che i paper che girano su Internet non
            siano una burla, cosa anche questa possibile).Hai sentito delle ricerche che sono state fatte?Mio caro, informati sui fatti prima di far prendere aria alla bocca.Esiste il RAPPORTO 41 dell'ENEA, un documento ufficiale dove si afferma che la FUSIONE FREDDA E' UNA REALTA' E FUNZIONA.Se poi tu "dal basso dei tuoi studi di ingegneria" ti senti di dire che quelli dell'ENEA sono una massa di stupidi... beh, allora c'è qualcosa che non va.Leggiti il rapporto 41, và:http://www.lenr-canr.org/acrobat/DeNinnoAexperiment.pdfe magari dai anche un'occhiata all'intera storia:http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/19102006_rapporto41.asp
          • Anonimo scrive:
            Re: La reale natura dell'elettromagnetis
            - Scritto da:

            - Scritto da: Funz

            Ti faccio un esempio:

            Leggendo il trafiletto dedicato alla fusione

            fredda, forse (molto forse) l'unica cosa che

            abbia un minimo di fondamento, si limita a dire

            "la fusione fredda è davvero una realtà". In
            base

            a cosa fa questa

            affermazione?

            Ho sentito delle ricerche che sono fatte, anche

            all'ENEA, da ricercatori seri su questo
            argomento

            (a meno che i paper che girano su Internet non

            siano una burla, cosa anche questa possibile).

            Hai sentito delle ricerche che sono state fatte?
            Mio caro, informati sui fatti prima di far
            prendere aria alla
            bocca.
            Esiste il RAPPORTO 41 dell'ENEA, un documento
            ufficiale dove si afferma che la FUSIONE FREDDA
            E' UNA REALTA' E
            FUNZIONA.
            Se poi tu "dal basso dei tuoi studi di
            ingegneria" ti senti di dire che quelli dell'ENEA
            sono una massa di stupidi... beh, allora c'è
            qualcosa che non
            va.

            Leggiti il rapporto 41, và:
            http://www.lenr-canr.org/acrobat/DeNinnoAexperimen

            e magari dai anche un'occhiata all'intera storia:

            http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/191020

            Sei un ignorante colossale!Prova a cercare su google 'fusione fredda' e vedrai che i presunti esperimenti non sono quasi mai riproducibili e molto controversi.
          • Anonimo scrive:
            Re: La reale natura dell'elettromagnetis
            - Scritto da:

            Sei un ignorante colossale!
            Prova a cercare su google 'fusione fredda' e
            vedrai che i presunti esperimenti non sono quasi
            mai riproducibili e molto
            controversi.La fusione fredda funziona. Prova a tenere in tasca una stecca di cioccolato al latte, poi vedi. ;)Deve essere questo l'esperimento fatto all'ENEA, tenendo conto della gente che hanno.
          • Funz scrive:
            Re: La reale natura dell'elettromagnetis
            - Scritto da:

            - Scritto da: Funz

            Ti faccio un esempio:

            Leggendo il trafiletto dedicato alla fusione

            fredda, forse (molto forse) l'unica cosa che

            abbia un minimo di fondamento, si limita a dire

            "la fusione fredda è davvero una realtà". In
            base

            a cosa fa questa

            affermazione?

            Ho sentito delle ricerche che sono fatte, anche

            all'ENEA, da ricercatori seri su questo
            argomento

            (a meno che i paper che girano su Internet non

            siano una burla, cosa anche questa possibile).

            Hai sentito delle ricerche che sono state fatte?
            Mio caro, informati sui fatti prima di far
            prendere aria alla
            bocca.
            Esiste il RAPPORTO 41 dell'ENEA, un documento
            ufficiale dove si afferma che la FUSIONE FREDDA
            E' UNA REALTA' E
            FUNZIONA.
            Se poi tu "dal basso dei tuoi studi di
            ingegneria" ti senti di dire che quelli dell'ENEA
            sono una massa di stupidi... beh, allora c'è
            qualcosa che non
            va.Non ho detto questo, rileggi il mio messaggio.A me è arrivato un paper (esattamente quello che mi citi) preso da chissà dove, che quindi poteva essere benissimo fasullo come tante bufale che si leggono su Internet.Ero andato a cercare sul sito ENEA.it tanto mi avava incuriosito la faccenda, ma non sono riuscito a trovare nulla che fugasse i miei dubbi.Mai detto che all'ENEA sono stupidi anzi!Da qui però a dire che la fusione fredda è l'energia del futuro ne passa un oceano: intanto (l'ho già scritto) non è perfettamente conosciuto il processo fisico, e questo dal rapporto emerge chiaramente.Pare che ci sia effettivamente un fenomeno in corso, speriamo che la storia si sviluppi prima che il complotto cripto-pluto-alien-masso-giudaico insabbi tutto...
            Leggiti il rapporto 41, và:
            http://www.lenr-canr.org/acrobat/DeNinnoAexperimenGià letto grazie, magari se avessi avuto il link subito sarei stato meno scettico. EDIT: pensavo che il sito che mi linki fosse affiliato all'ENEA in qualche modo, ma pare che non sia cosi' (è un sito di attivisti pro-fusione fredda). Non ho i mezzi per giudicare tutte le cose che sono scritte li', comunque dopo una breve googlata ho trovato questo link che mi pare risolutivo:http://www.frascati.enea.it/nhe/rapporti%20ENEA.htmPare proprio che il rapporto non sia una bufala. Speriamo...
            e magari dai anche un'occhiata all'intera storia:

            http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/191020
            Questa me l'ero persa, interessante, grazie :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 maggio 2007 18.52-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Ma quali sono gli scopi pratici
    Di un supermagnete ?Quali scopi si possono perseguire con un affare del genere ?Puntano a scomporre le molecole fino ai singoli atomi ed oltre al fine di convertire che so del ferro in oro ?Vogliono studiare nuove forme di energia (anche se per il momento è più quella che consumano di quella producono) ?Vogliono il inventare la più grande TV a tubo catodico dell'universo ? :pMa poi un magnete di questo tipo non dovrebbe, come dicevano in un film di qualche anno fa, staccar le otturazioni dai denti solo a passarci vicino ?Se una struttura del genere dovesse andare fuori controllo, vedremo implodere tutto il CERN anzi tutta la svizzera ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici

      Se una struttura del genere dovesse andare fuori
      controllo, vedremo implodere tutto il CERN anzi
      tutta la svizzera
      ?Avevo letto che è teoricamente possibile creare un buco nero artificiale sulla terra utilizzando simili apparecchiature. Un buco nero sulla terra, seppur di pochissimi millimetri, potrebbe risucchiarla totalmente e il genere umano fare la fine più ingloriosa della storia dell'universo.
      • BORAT scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici
        - Scritto da:

        Se una struttura del genere dovesse andare fuori

        controllo, vedremo implodere tutto il CERN anzi

        tutta la svizzera

        ?

        Avevo letto che è teoricamente possibile creare
        un buco nero artificiale sulla terra utilizzando
        simili apparecchiature. Un buco nero sulla terra,
        seppur di pochissimi millimetri, potrebbe
        risucchiarla totalmente e il genere umano fare la
        fine più ingloriosa della storia
        dell'universo.anche buco nero di Ilona risucchiato tanta tanta gente!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quali sono gli scopi pratici


          Avevo letto che è teoricamente possibile creare

          un buco nero artificiale sulla terra utilizzando

          simili apparecchiature. Un buco nero sulla
          terra,

          seppur di pochissimi millimetri, potrebbe

          risucchiarla totalmente e il genere umano fare
          la

          fine più ingloriosa della storia

          dell'universo.


          anche buco nero di Ilona risucchiato tanta tanta
          gente!!Ricordate sempre : da un buco e' iniziata la nostra avventura nella vita, e in un buco la nostra avventura terminera'.La vita, sapete, e' ironica.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici
        - Scritto da:

        Se una struttura del genere dovesse andare fuori

        controllo, vedremo implodere tutto il CERN anzi

        tutta la svizzera

        ?

        Avevo letto che è teoricamente possibile creare
        un buco nero artificiale sulla terra utilizzando
        simili apparecchiature. Un buco nero sulla terra,
        seppur di pochissimi millimetri, potrebbe
        risucchiarla totalmente e il genere umano fare la
        fine più ingloriosa della storia
        dell'universo.Forse non lo sai, ma saranno almeno 10 anni che al CERN di Ginevra, durante gli esperimenti, si producono, non volontariamente ma come conseguenza secondaria degli esperimenti, dei micro buchi neri i quali, come tutti i buchi neri, hanno la tendenza ad evaporare (leggi qualcosa di Hawkings).Sì, hai letto bene. Sono talmente piccoli che non durano abbastanza.Ma si producono.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quali sono gli scopi pratici
          Vuoi che ci avviciniamo alle fantasiose teorie del motore Orfeo in The Secret of Blue Water ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            Non so a cosa ti riferisca ma credo tu abbia sbagliato a rispondere. Hai risposto a me e forse volevi rispondere ad altri.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            The Secret of Blue Water è un anime, il motore orfeo è un motore spaziale descritto nell'anime come una cosa che sfrutta l'interazione due buchi neri in uno spazio ristretto al fine di produrre un'immensa quantità di energia.Una cosa assurda a leggerla ma sembra esserci del vero...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            - Scritto da:
            The Secret of Blue Water è un anime, il motore
            orfeo è un motore spaziale descritto nell'anime
            come una cosa che sfrutta l'interazione due buchi
            neri in uno spazio ristretto al fine di produrre
            un'immensa quantità di
            energia.
            Una cosa assurda a leggerla ma sembra esserci del
            vero...Anche i Romulani utilizzano una singolarità artificiale come fonte di energia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            quantica che come "effetto secondario" produce incredibile qta di energiama è altamente instabile ed ha bisogno di un continuo monitoramento subatomico
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            mi hai tolto le parole di bocca
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            - Scritto da:
            mi hai tolto le parole di bocca(rotfl) :D :D :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            Immagino che usciti dalla semplicità di queste poche parole, il coso che dovrebbe generare questa energia sia totalmente fuori dalla nostra portata o sbaglio ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            quantica che come
            "effetto secondario" produce incredibile qta di
            energia
            ma è altamente instabile ed ha bisogno di un
            continuo monitoramento
            subatomicoE' proprio vero che Star Trek è esame obbligatorio ad Ingegneria... :D
          • The_GEZ scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            Ciao Anonimo !
            The Secret of Blue Water è un anime, il motore
            orfeo è un motore spaziale descritto nell'anime
            come una cosa che sfrutta l'interazione due buchi
            neri in uno spazio ristretto al fine di produrre
            un'immensa quantità di
            energia.
            Una cosa assurda a leggerla ma sembra esserci del
            vero...Sel manga "2001 nights" è descritto un motore simile.Se ti piace la fantascienza "seria" questo è consigliatissmo !http://it.wikipedia.org/wiki/2001_Nights
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            Sembra carino, se non costa uno sproposito un pensierino ci scappa thx ;)
        • Xseven scrive:
          Re: Ma quali sono gli scopi pratici
          Ragazzi, ma quante storie per qualche buco nero, i buchi neri ci sono sempre stati senz afar del male a nessuno, ad esempio, prendete gli umani: Ogni umano ha almeno un buco nero dal quale esce della misteriosa materia colorata più volte la settimana, tranne pochi e rari casi.. (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            Più volte la settimana??? :s :s Io, almeno una volta al giorno! Mi mangio lo iogùrt, così mi sento più libera e bbella e in pace con me stessa e l'universo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici

        Avevo letto che è teoricamente possibile creare
        un buco nero artificiale sulla terra utilizzando
        simili apparecchiature. Un buco nero sulla terra,
        seppur di pochissimi millimetri, potrebbe
        risucchiarla totalmente e il genere umano fare la
        fine più ingloriosa della storia
        dell'universo.Hai letto male: è scritto calamita, non calamità...passatemela :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici
      - Scritto da:
      Di un supermagnete ?

      Quali scopi si possono perseguire con un affare
      del genere
      ?
      Puntano a scomporre le molecole fino ai singoli
      atomi ed oltre al fine di convertire che so del
      ferro in oro
      ?
      Vogliono studiare nuove forme di energia (anche
      se per il momento è più quella che consumano di
      quella producono)
      ?

      Vogliono il inventare la più grande TV a tubo
      catodico dell'universo ?
      :p

      Ma poi un magnete di questo tipo non dovrebbe,
      come dicevano in un film di qualche anno fa,
      staccar le otturazioni dai denti solo a passarci
      vicino
      ?

      Se una struttura del genere dovesse andare fuori
      controllo, vedremo implodere tutto il CERN anzi
      tutta la svizzera
      ?L'ignoranza scientifica in questo paese è a livelli abissali. Non credevo di poter leggere un tale fastello biblico di assurdità e sciocchezze tutte in una volta.Accidenti a chi questi esperimenti li ha fatti ed ha sempre sferzato il motore dell'innovazione, così oggi non avremmo delle scimmie non evolute che pestano i tasti davanti ad un pc pensado che sia una tv con i bottoni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici
        Visto che puoi permetterti di giudicare si suppone che te abbia un background culturale tale da poter spiegare ai babbuini qui presenti un bel po' di cose o si deve supporre che in mezzo a tanti primati quello che si spulcia di più sei proprio te ?
        • FDG scrive:
          Re: Ma quali sono gli scopi pratici
          - Scritto da:
          Visto che puoi permetterti di giudicare si
          suppone che te abbia un background culturale tale
          da poter spiegare ai babbuini qui presenti un bel
          po' di cose o si deve supporre che in mezzo a
          tanti primati quello che si spulcia di più sei
          proprio te?Intanto non spara minchiate a caso. Ed è già un grosso passo avanti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici

        L'ignoranza scientifica in questo paese è a
        livelli abissali. Non credevo di poter leggere un
        tale fastello biblico di assurdità e sciocchezze
        tutte in una
        volta.udicQuoto.E la cosa peggiore e' che malgrado l'ignoranza ci si permette di giudicare!Vabbe', non che si debba essere tutti dei geni, ma chi non ha conoscenza di cio' di cui parla farebbe meglio a non giudicare IMHO
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici
      - Scritto da:
      Ma poi un magnete di questo tipo non dovrebbe,
      come dicevano in un film di qualche anno fa,
      staccar le otturazioni dai denti solo
      a passarci vicino?Dipende da quando hai fatto l'otturazione.L'amalgama era un tempo composta di metalli pesanti, soprattutto di mercurio. In ogni caso erano tutti metalli diamagnetici.Adesso si usano principalmente paste con sigillanti a base di idrossido di calcio/ossido di zinco.Per il calcio non c'è problema, lo zinco invece è sensibile al magnetismo, anche se l'ossidazione lo rende più stabile.Se proprio vuoi fare una prova a casa tua, puoi sempre ordinare con pochi euro un "magnete della morte", con un potere di attrazione magnetica prossimo ai 100Kg, e appoggiartelo sulla guancia. http://www.supermagnete.ch/ita/magnets.php?group=blocks_bigE comunque molto più probabile che un supermagnete si limiti a strapparti via la fibbia della cintura dei pantaloni, le chiavi di casa, l'orologio, e le asole metalliche di rinforzo dell'allacciatura delle scarpe.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici
        E questo supercoso da quale distanza da un eventuale corpo metallico comincia a fare effetto ? Se l'altro corpo fosse troppo pesante per essere spostato, questo avvicinarsi a quale distanza minima dovrebbe trovarsi ?
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Paura neh?
            :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quali sono gli scopi pratici
          - Scritto da:
          E questo supercoso da quale distanza da un
          eventuale corpo metallico comincia a fare effetto
          ? Se l'altro corpo fosse troppo pesante per
          essere spostato, questo avvicinarsi a quale
          distanza minima dovrebbe trovarsi
          ?Se hai un diploma, dovresti essere in grado di calcolartelo da solo, visto che il magnetismo fa (faceva?) parte del programma di Fisica delle superiori. Un aiutino: uno su erre quadro... (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quali sono gli scopi pratici
            Feceva, fece, fu... mi sa che ci servirà indiana jones per ritrovare prove di un eventuale studio alle superiori.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici
        [...]http://www.supermagnete.ch/ita/magnets.php?group=b
        Uao, proprio quello che mi mancava per realizzare la mia macchina della morte, corro subito a ordinarlo!eccellente... (cylon)
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: gli scopi pratici
      Boh, RMN!
    • Anonimo scrive:
      Mina Polaris
      Mai sentito parlare della Mina Polaris???Allora riguardati Top Secret con Val Kilmer ;)(in effetti la Mina Polaris si trovava in Germania.... est
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici
      pippe, più che altrocmq il modo più efficace per produrre un campo magnetico di grande potenza non è quello elettrico (un campo elettrico produce un discreto campo magnetico e viceversa)tra qualche anno, si spera... perchè ormai vi manca poco tempo, scoprirete come anche una grande forza gravitazionale produce un campo magnetico ... e viceversae quel viceversa lì può essere utile ad esempio a produrre un'onda gravitazionale-elettromagnetica di uguale frequenza e ampiezza ma di fase opposta a un'altra onda gravitazionale, ad esempio quella terrestre, permettendovi diil c.m. prodotto in questo modo è cubicamente proporzionale alla f.d.g. anzichè "solo" linearmente proporzionale come nel caso elettricoin pratica si parte da una minima qta fino ad arrivare in "breve" a enormi qta di c.m. prodotte
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici
      per non parlare del ferro presente nel sangue, con quel magnete evapora in un secondo.
    • YellowT scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici
      Magneti superconduttori vengono utilizzato per il contenimento dei plasmi che si formano durante una fusione nucleare calda controllata.è il sistema che useranno in ITER. Magneti più potenti = plasma più grande, più sicurezza, più energia prodotta (senza inquinare)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici
      - Scritto da:
      Di un supermagnete ?
      Intensi campi magnetici servono per moltissimi scopi, sia teorici che tecnologici... ma te ne cito uno per tutti la MRI... leggi risonanza magnetica cellulare... senza dubbio una delle piu' grandi invenzioni in campo medico :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici
        Scusa risonanza magnetica nucleare volevo dire ... la stanchezza si fasentire burp...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici
      - Scritto da:
      Di un supermagnete ?

      Quali scopi si possono perseguire con un affare
      del genere
      ?
      Puntano a scomporre le molecole fino ai singoli
      atomi ed oltre al fine di convertire che so del
      ferro in oro
      ?
      Vogliono studiare nuove forme di energia (anche
      se per il momento è più quella che consumano di
      quella producono)
      ?

      Vogliono il inventare la più grande TV a tubo
      catodico dell'universo ?
      :p

      Ma poi un magnete di questo tipo non dovrebbe,
      come dicevano in un film di qualche anno fa,
      staccar le otturazioni dai denti solo a passarci
      vicino
      ?

      Se una struttura del genere dovesse andare fuori
      controllo, vedremo implodere tutto il CERN anzi
      tutta la svizzera
      ?tipico commento di chi è digiuno di scienza, in questo caso di fisica
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici
        Ad ogni modo sono tutti esperimenti inutili. qualunque cosa facciano ci sarà sempre il "solito" PELO che tirerà di più.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici
        Lui ammette di non sapere, te invece ?Sai tutto ? Puoi riempire queste mancanze ? Se si benvenuto, altrimenti cuccia, seduto e ascolta se qualcuno che ne sa effettivamente di più può spiegare
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quali sono gli scopi pratici
          - Scritto da:
          Lui ammette di non sapere, te invece ?
          Sai tutto ? Puoi riempire queste mancanze ?
          Se si benvenuto, altrimenti cuccia, seduto e
          ascolta se qualcuno che ne sa effettivamente di
          più può
          spiegareecco un altro che non è andato alle superiori. dalle tue parti c'era domanda di apprendisti manovali?usa internet per informarti invece di riversare aria fritta nei forum
    • MeX scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici

      Puntano a scomporre le molecole fino ai singoli
      atomi ed oltre al fine di convertire che so del
      ferro in oro
      ?
      Vogliono studiare nuove forme di energia (anche
      se per il momento è più quella che consumano di
      quella producono)
      ?ma te leggi ancora i testi alchimisti medioevali?Corri in biblioteca e prendi un libro di fisica anche di 10 anni fa... penso ti basti leggere il sommario
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici

      Quali scopi si possono perseguire con un affare
      del genere?Si chiama conoscenza.Non è che bisogna studiare solo le cose che hanno un risvolto pratico, sai?Anche se oggi la scienza pura è scomparsa sotto la pressione delle aziende private, il suo senso ancora ce l'ha.Altrimenti saremmmo ancora all'età della pietra.(cylon)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici

      quello che cazzo gli pare lo fa qualunque
      italiano. è questo il problema? allora vai a
      vivere sotto una
      dittatura.Quello che cazz0 gli pare lo stanno facendo ogni giorno sopra la tua testa, buttandoti con finti aerei di linea tonnellate di merda chimica. Ne sapevi niente? No, vero? eppure ufficialmente non siamo in dittatura!

      io dico invece che tu con la scusa
      dell'ignoranza, dici quello che cazz0 ti pare
      senza renderne conto alla
      popolazione.peccato che quello che dici tu valga meno della merda secca

      dai, vendi il pc e torna a giocare alla
      pleistescionLa conferma di come parli a vanvera, str0nz0ne!mai avuto nulla a che fare con robe del genere!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quali sono gli scopi pratici
        - Scritto da:


        quello che cazzo gli pare lo fa qualunque

        italiano. è questo il problema? allora vai a

        vivere sotto una

        dittatura.

        Quello che cazz0 gli pare lo stanno facendo ogni
        giorno sopra la tua testa, buttandoti con finti
        aerei di linea tonnellate di merda chimica. Ne
        sapevi niente? No, vero? eppure ufficialmente non
        siamo in
        dittatura!ah, questa deve essere una di quelle tante fantomatiche cospirazioni che circolano da anni.dove l'hai letto? su un attendibilissimo sito di controinformazione?quali prove hai?mentre ci buttano addosso la merda chimica, LORO cosa fanno? si chiudono in casa? ahahah




        io dico invece che tu con la scusa

        dell'ignoranza, dici quello che cazz0 ti pare

        senza renderne conto alla

        popolazione.

        peccato che quello che dici tu valga meno della
        merda
        secca




        dai, vendi il pc e torna a giocare alla

        pleistescion

        La conferma di come parli a vanvera, str0nz0ne!
        mai avuto nulla a che fare con robe del genere!gli insulti sono un valido argomento. complimenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici

      Il fatto che tu sia ignorante non significa che
      non ne rendano
      conto.
      Gli studi fatti sono pubblicati.
      Vatteli a leggere.si, si, perchè tu sei convinto che ti informino su tutto, anzi, a te, prima di fare un esperimento ti chiamano al cellulare per sapere se sei d'accordo
      gia'.. troppo difficile, molto piu' facile
      criticar esenza minimamente
      conoscere...
      E' arrivata la conoscenza fatta persona, anvedi oh
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici
      - Scritto da:
      Di un supermagnete ?

      Quali scopi si possono perseguire con un affare
      del genere
      ?
      Puntano a scomporre le molecole fino ai singoli
      atomi ed oltre al fine di convertire che so del
      ferro in oro
      ?
      Vogliono studiare nuove forme di energia (anche
      se per il momento è più quella che consumano di
      quella producono)
      ?

      Vogliono il inventare la più grande TV a tubo
      catodico dell'universo ?
      :p

      Ma poi un magnete di questo tipo non dovrebbe,
      come dicevano in un film di qualche anno fa,
      staccar le otturazioni dai denti solo a passarci
      vicino
      ?

      Se una struttura del genere dovesse andare fuori
      controllo, vedremo implodere tutto il CERN anzi
      tutta la svizzera
      ?Curare i tumori in modo più efficace.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quali sono gli scopi pratici
      - Scritto da:
      Di un supermagnete ?
      Io con i supermagneti degli hdd ci separo la magnetite dalla sabbia, è divertente, prova.
  • Larry scrive:
    la matematica reinventata
    da quando 29,3 è una cifra?
    • Anonimo scrive:
      Re: la matematica reinventata
      - Scritto da: Larry
      da quando 29,3 è una cifra?Nel linguaggio comune si puo' usare, anche se in effetti se si vuole essere pignoli non e' proprio corretto.
    • ammatwain scrive:
      Re: la matematica reinventata

      da quando 29,3 è una cifra?Dai, non essere cosi' pignolo!Stiamo parlando di qualcosa che potrebbe definitivamente risolvere il problema dei mazzidi chiavi caduti nei tombini.
    • Anonimo scrive:
      Re: la matematica reinventata
      - Scritto da: Larry
      da quando 29,3 è una cifra?...da sempre, in Italia.sono gli inglesi ed ammerigani ad usare il punto come separatore.(basta andare su pannello di controllo di windows/macos/linux dove si impostano tipo di data,valuta e numeri per rendersene conto...)
Chiudi i commenti