Vola in alto

Per il fanciullino che è dentro ogni nerd. Per tenere assieme la passione del volo, dello smartphone e della robotica

Roma – Crescere è difficile, soprattutto quando non si hanno a disposizione i giocattoli giusti. Proprio per questo motivo, tutti i bambinoni cresciuti, che anche da adulti non rinunciano al piacere del gioco, potranno trastullarsi con un balocco di tutto rispetto: il quadricottero Parrot AR.Drone , che può essere comandato tramite Wi-Fi direttamente dall’iPhone, dall’iPod touch e dall’iPad.

In un pomeriggio soleggiato potreste dunque svestire voi stessi ed il vostro iPhone delle caratteristiche austere che la società impone in modo pressante, slegarvi dallo stress lavorativo e ritornare ai tempi in cui si giocava con le macchinine telecomandate.

Questa volta vi trasformerete però in un vero pilota: il Parrot AR.Drone si connette ad iPhone in modalità wireless e tramite la Free Flight app è possibile controllare perfettamente il volo del quadricottero, che, essendo dotato di due fotocamere, trasmette a terra allo schermo del dispositivo in modalità live tutte le immagini aeree che vengono riprese durante ogni fase di volo. La fotocamera frontale ha una risoluzione VGA con 15fps, mentre la videocamera verticale ha una risoluzione QCIF a 60fps.

Oltre al WiFi ed alle videocamere integrate, il Parrot AR.Drone è un concentrato di tecnologia, grazie alla presenza dei MEMS (Micro Electro Mechanical System) come sistema di guida interno, corredati da un accelerometro a 3 assi, un giroscopio a 2 assi, un giroscopio ad 1 asse Yaw Precision ed un altimetro ad ultrasuoni.

il drone in azione

Questo giocattolino garantisce un tempo di volo di 12 minuti ed è comandato da un processore da 468 MHz, gestito da un sistema operativo Linux-based, aggiornabile tramite porta USB. E qualora chiamasse il capo durante la sessione di gioco? O se il quadricottero dovesse perdere la connessione WiFi? Niente paura, l’autopilota integrato stabilizza il velivolo ad 80 cm di altezza ed è in grado di farlo atterrare in sicurezza, in caso di scarsa autonomia.

Il Parrot Ar.Drone sarà in vendita dal prossimo 24 Settembre anche in Italia, a circa 300 euro.

( via TOUCHARCADE )

G. Barbieri

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ninjaverde scrive:
    Politica
    Mi domando: ma M$ si mette a far politica?Ossia salta fuori solo adesso per concedere licenze gratis visto che qualche ONG è caduta con le "mani nella marmellata"?Insomma sia le ONG che le società ONLUS hanno dei proventi che poi veranno spesi per le spese vive. Tra queste spese vi è anche l'acquisto di computer e software con relative licenze. Quindi se un reato esiste, esite anche per le società che non hanno scopo di lucro.Premesso questo, poi è ovvio che queste se vogliono limitare le spese non hanno che da adottare software in licenza libera o C.C.M$ potrà dal canto suo anche regalare le sue licenze è ovvio...ma come mai farlo solo solo ora che vi sono socità (sia pur con scopi altruistici) che sono cadute in disgrazia?... In Russia?Sento la "puzza" della politica in questo.Poteva pensarci prima la M$ a fare queste "regalie" no? E perchè allora non fa altrettanto per l'Italia o gli altri Paesi del mondo?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 settembre 2010 12.10-----------------------------------------------------------
    • Burp scrive:
      Re: Politica
      - Scritto da: ninjaverde
      Mi domando: ma M$ si mette a far politica?
      Ossia salta fuori solo adesso per concedere
      licenze gratis visto che qualche ONG è caduta con
      le "mani nella
      marmellata"?
      Insomma sia le ONG che le società ONLUS hanno dei
      proventi che poi veranno spesi per le spese vive.
      Tra queste spese vi è anche l'acquisto di
      computer e software con relative licenze. Quindi
      se un reato esiste, esite anche per le società
      che non hanno scopo di
      lucro.
      Premesso questo, poi è ovvio che queste se
      vogliono limitare le spese non hanno che da
      adottare software in licenza libera o
      C.C.
      M$ potrà dal canto suo anche regalare le sue
      licenze è ovvio...ma come mai farlo solo solo ora
      che vi sono socità (sia pur con scopi
      altruistici) che sono cadute in disgrazia?... In
      Russia?
      Sento la "puzza" della politica in questo.
      Poteva pensarci prima la M$ a fare queste
      "regalie" no? E perchè allora non fa altrettanto
      per l'Italia o gli altri Paesi del
      mondo?E chi lo pensava che potevano usare la "scusa" della pirateria per tartassare le ONG non-filogovernative? Per ora è sucXXXXX in Russia. E nell'articolo si legge: "con la possibilità tuttavia di essere esteso, sia temporalmente oltre questa data, sia territorialmente in altri paesi diversi dalla Russia". Che poi abbia preso due piccioni con una fava, può anche darsi :D
    • ThEnOra scrive:
      Re: Politica
      - Scritto da: ninjaverde
      Sento la "puzza" della politica in questo.
      Poteva pensarci prima la M$ a fare queste
      "regalie" no? E perchè allora non fa altrettanto
      per l'Italia o gli altri Paesi del
      mondo?L'articolo su questo punto mi sembra chiaro: queste organizzazioni, probalbilmente anti-governo, sono state "attaccate" con la "scusa" della pirateria.MS ne è venuta a conoscenza e ha proposto questa licenza con effetto anche retroattivo, che scagiona/scagionerebbe chi sarà/è stato "vittima" di questi controlli/verifiche che non avevano niente a che fare con la tutela della proprietà intellettuale.
      • ninjaverde scrive:
        Re: Politica

        L'articolo su questo punto mi sembra chiaro:
        queste organizzazioni, probalbilmente
        anti-governo, sono state "attaccate" con la
        "scusa" della
        pirateria.
        MS ne è venuta a conoscenza e ha proposto questa
        licenza con effetto anche retroattivo, che
        scagiona/scagionerebbe chi sarà/è stato "vittima"
        di questi controlli/verifiche che non avevano
        niente a che fare con la tutela della proprietà
        intellettuale.Sì, ma mi domando: se questo fosse sucXXXXX negli USA (o anche in Europa) M$ avrebbe fatto la stessa scelta? È per questo che ni sa di scelta politica e non di principio per favorire le società a scopo altruistico...
  • panda rossa scrive:
    Paura di linux!
    Dopo che e' stato messo in evidenza (anche su queste pagine) come l'adozione di linux avrebbe impedito di venire accusati di detenzione illegale di software, ecco la pronta marcia indietro di M$.Che delle copie pirata che girnano nel mondo non fregasse nulla a M$ era risaputo.Adesso e' ufficiale.Basta dichiararsi ONG per poter usare winsozz e office alla luce del sole.Del resto i russi sono i maggiori utilizzatori di windows del mondo.Usano perfino quelli sul computer degli altri. (ghost)
    • SardinianBoy scrive:
      Re: Paura di linux!
      Hhahahahaha...è proprio vero, mi ha itolto le parole di bocca...ooopss...di tastiera! In effetti Linux fa paura alle grandi aziende come la MIcrozzozz... Viva Linux (linux)(linux)(linux)(linux) p) p) p)- Scritto da: panda rossa
      Dopo che e' stato messo in evidenza (anche su
      queste pagine) come l'adozione di linux avrebbe
      impedito di venire accusati di detenzione
      illegale di software, ecco la pronta marcia
      indietro di
      M$.

      Che delle copie pirata che girnano nel mondo non
      fregasse nulla a M$ era
      risaputo.

      Adesso e' ufficiale.

      Basta dichiararsi ONG per poter usare winsozz e
      office alla luce del
      sole.

      Del resto i russi sono i maggiori utilizzatori di
      windows del
      mondo.
      Usano perfino quelli sul computer degli altri.
      (ghost)
    • Lemon scrive:
      Re: Paura di linux!
      - Scritto da: panda rossa
      Dopo che e' stato messo in evidenza (anche su
      queste pagine) come l'adozione di linux avrebbe
      impedito di venire accusati di detenzione
      illegale di software, ecco la pronta marcia
      indietro di
      M$.Per fortuna glielo hai detto tu a MS, altrimenti il prossimo anno in Russia c'era lo share del 60% di distro linux.Grande! grazie, vai così, continua, sei tutti noi!
      • panda rossa scrive:
        Re: Paura di linux!
        - Scritto da: Lemon
        - Scritto da: panda rossa

        Dopo che e' stato messo in evidenza (anche su

        queste pagine) come l'adozione di linux avrebbe

        impedito di venire accusati di detenzione

        illegale di software, ecco la pronta marcia

        indietro di

        M$.

        Per fortuna glielo hai detto tu a MS, altrimenti
        il prossimo anno in Russia c'era lo share del 60%
        di distro
        linux.
        Grande! grazie, vai così, continua, sei tutti noi!E' curioso che la notizia sia uscita in tutto il mondo e solo sul forum di PI si sia detto di passare a linux, non trovi?Se ne deduce che M$ si sia informata proprio leggendo PI perche' nesun'altro commento alla notizia ha parlato di linux.
        • Lemon scrive:
          Re: Paura di linux!


          E' curioso che la notizia sia uscita in tutto il
          mondo e solo sul forum di PI si sia detto di
          passare a linux, non
          trovi?
          Se ne deduce che M$ si sia informata proprio
          leggendo PI perche' nesun'altro commento alla
          notizia ha parlato di
          linux.Infatti, è ovvio. Grande! e grazie ancora
    • nome e cognome scrive:
      Re: Paura di linux!
      - Scritto da: panda rossa
      Dopo che e' stato messo in evidenza (anche su
      queste pagine) come l'adozione di linux avrebbe
      impedito di venire accusati di detenzione
      illegale di software, ecco la pronta marcia
      indietro di
      M$.Vero, ho avuto l'informazione da un interno, Microsoft usa il forum di punto informatico come fonte di informazione, ed in particolare i tuoi post sono utilizzati durante le riunioni del marketing per scegliere le nuove strategie.
      • panda rossa scrive:
        Re: Paura di linux!
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: panda rossa

        Dopo che e' stato messo in evidenza (anche su

        queste pagine) come l'adozione di linux avrebbe

        impedito di venire accusati di detenzione

        illegale di software, ecco la pronta marcia

        indietro di

        M$.

        Vero, ho avuto l'informazione da un interno,
        Microsoft usa il forum di punto informatico come
        fonte di informazione, ed in particolare i tuoi
        post sono utilizzati durante le riunioni del
        marketing per scegliere le nuove
        strategie.Se fossero altrettanto attenti e veloci nelle scelte anche per problematiche tecniche, invece che solo in quelle legate a marketing e questioni legali...Del resto da una azienda il cui core business e' il marketing e il patent trolling che cosa vogliamo aspettarci?
      • HomoSapiens scrive:
        Re: Paura di linux!
        - Scritto da: nome e cognome
        in particolare i tuoi
        post sono utilizzati durante le riunioni del
        marketing per scegliere le nuove
        strategie.MEGALOL HAHAHAHAHAHAH
    • random name scrive:
      Re: Paura di linux!

      Basta dichiararsi ONG per poter usare winsozz e
      office alla luce del sole.Non so in Russia, ma in Italia per ottenere lo status di ONG c'è una procedura abbastanza complessa: non è che basta affacciarsi alla finestra gridando "siamo una ONG!!!"
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Paura di linux!
        - Scritto da: random name
        Non so in Russia, ma in Italia per ottenere lo
        status di ONG c'è una procedura abbastanza
        complessa: non è che basta affacciarsi alla
        finestra gridando "siamo una
        ONG!!!"Basta andare in Romania, andare a visitare gli orfanelli ed essere sbeffeggiati sulla stampa locale, tornarsene in Italia con la coda tra le gambe e cominciare a scrivere quattro ovvietà e tante stupidaggini in un libro edito da qualche casa editrice minore che crede di aver trovato il novello Umberto Eco quando gli farà vendere un miliardesimo di quest'ultimo, quindi aprire un'associazione onlus con tanto di sito Internet in cui però da nessuna parte metterci il bilancio (che come per ogni onlus dovrebbe essere pubblico e sinonimo di trasparenza ed onestà), dichiarare l'associazione onlus come il proprio lavoro parlando di ufficio e scrivendo sul sito dell'associazione in giorni e orari lavorativi, e cominciare ad attaccare e denunciare tutti coloro che si chiedono cosa si faccia per pagare il cibo, le bollette, i vestiti e i viaggi.
        • panda rossa scrive:
          Re: Paura di linux!
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          - Scritto da: random name

          Non so in Russia, ma in Italia per ottenere lo

          status di ONG c'è una procedura abbastanza

          complessa: non è che basta affacciarsi alla

          finestra gridando "siamo una

          ONG!!!"

          Basta andare in Romania, andare a visitare gli
          orfanelli ed essere sbeffeggiati sulla stampa
          locale, tornarsene in Italia con la coda tra le
          gambe e cominciare a scrivere quattro ovvietà e
          tante stupidaggini in un libro edito da qualche
          casa editrice minore che crede di aver trovato il
          novello Umberto Eco quando gli farà vendere un
          miliardesimo di quest'ultimo, quindi aprire
          un'associazione onlus con tanto di sito Internet
          in cui però da nessuna parte metterci il bilancio
          (che come per ogni onlus dovrebbe essere pubblico
          e sinonimo di trasparenza ed onestà), dichiarare
          l'associazione onlus come il proprio lavoro
          parlando di ufficio e scrivendo sul sito
          dell'associazione in giorni e orari lavorativi, e
          cominciare ad attaccare e denunciare tutti coloro
          che si chiedono cosa si faccia per pagare il
          cibo, le bollette, i vestiti e i
          viaggi.Be', guarda il lato positivo: da oggi nessuno potra' chiedersi che cosa si faccia per pagare le licenze del software e la ong in questione potra' usare il comodo formato docx per rispondere a tutte queste denunce.
        • Burp scrive:
          Re: Paura di linux!
          C'è di peggio: libri stampati on demand e associazioni che esistono solo su internet, che si danno tante arie, ma c'è tanto fumo e niente arrosto. Si possono spacciare per associazione diffusa in tutta Italia, ma poi sono solo quattro amici al bar, che vivono in quattro città diverse.
      • du.demon scrive:
        Re: Paura di linux!
        Non è che confondi ONG con ONLUS?Chiedo davvero, non è una provocazione.du.demon
        • random name scrive:
          Re: Paura di linux!
          http://it.wikipedia.org/wiki/Organizzazione_non_governativahttp://www.esteri.it/MAE/IT/Ministero/Servizi/Sportello_Info/DomandeFrequenti/CooperSviluppo_ONG/http://www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it/pdgcs/
  • bertuccia scrive:
    rende legale qualsiasi software Microsof
    ma anche se è software non licenziato?
Chiudi i commenti