Webcam dentro Loch Ness

Tra le prime attrazioni riprese da webcam via internet, il lago scozzese è nuovamente al centro degli interessi. Subacquei

Roma – Loch Ness, un lago che deve la sua notorietà ad un mito noto in tutto il mondo, è ancora una volta esplorato da telecamere connesse ad internet. Da tempo una webcam fissa riprende il lago e una parte della Baia, ora un’altra webcam, questa volta mobile, consente di vedere sul proprio desktop i particolari delle acque più misteriose di tutti i tempi.

“Nessie on the net!” è probabilmente il più celebre sito dedicato al lago, un sito pensato per alimentare il mito dell’esistenza di un animale preistorico nelle acque lacustri. “Nessi non è morta! – tuona la home page – Questo sito vuole rendere chiaro a tutti che al contrario di quanto riferito da certa stampa, noi non crediamo che Nessie sia morta”.

Ma “Nessie on the net!” offre soltanto una cam fissa mentre da pochi giorni un altro sito, Visit Loch Ness, ha piazzato in rete una webcam che, come molte altre in varie zone del mondo, scruta in movimento le acque 24 ore su 24 offrendo a tutti i visitatori del sito la possibilità di un brivido che può durare fino all’insorgere della noia. La novità, però, è che la webcam si trova sott’acqua, un’opzione resa possibile proprio dalla particolare trasparenza del lago.

“Loch Ness – spiegano alla Reuters gli organizzatori del sito turistico, che hanno piazzato una webcam anche su una barca che spesso gira sul lago – ha acque più pulite rispetto a tanti bacini dell’Inghilterra o del Galles… C’è spazio per molti misteri, anche se non ci aspettiamo di imbatterci in Nessie”. Dietro Visit Loch Ness c’è in realtà una pulsione naturalistica: “Si tratta di una delle località più interessanti per la sua conformazione oro-geografica”.

A quanto pare il sito di “Visit Loch Ness” è stato preso d’assalto perché nel weekend non è stato possibile raggiungerlo. Ma Adrian Shine, direttore del progetto su Loch Ness, è ottimista: “Qui accade ogni sorta di evento inatteso e straordinario. Da qualche parte, lì sotto, c’è la spiegazione di quanto sta avvenendo”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    il contrario della globalizzazione :-)
    Beh, nella cosiddetta globalizzazione normalmente si parla di un governo transnazionale, sopra i governi, che se ne frega di tutti i governi e decide col denaro.(non lo affermo io, per favore non fermiamoci qui)In questo caso, una authority che dovrebbe poter decidere su tutto il mondo, in un contesto particolare (internet) viene invece scavalcato da una parte del mondo: gli stati uniti!Che comunque lo fanno seguendo una regola, quindi in maniera corretta anche per l'icann!
  • Anonimo scrive:
    .kids si e .sex no
    non sarebbe piu` semplice prevedere domini .sex o .porn e configurare i browser in modo da escluderli cosi` da permettere l`accesso ai ragazzi a tutta l`internet rimanente invece di limitare l`accesso solo a una piccola parte della rete?
    • Anonimo scrive:
      Re: .kids si e .sex no
      Uazz e chi lo dice ai miliardi di siti .com .ru .net .org .etc etc che devono tutti cambiare dominio in .sex?E chi è che si mette a guardare tutti i siti del mondo a controllare che ci siano scene di sesso solo nei .sex?
      • Anonimo scrive:
        Re: .kids si e .sex no
        - Scritto da: Pier Paolo
        Uazz e chi lo dice ai miliardi di siti .com
        .ru .net .org .etc etc che devono tutti
        cambiare dominio in .sex?e` anche nel loro interesse, chi e` interessato li troverebbe piu`facilmente
        E chi è che si mette a guardare tutti i siti
        del mondo a controllare che ci siano scene
        di sesso solo nei .sex?tutti noi noi utilizzatori di Internet
        • Anonimo scrive:
          Re: .kids si e .sex no
          - Scritto da: Pietro
          - Scritto da: Pier Paolo

          Uazz e chi lo dice ai miliardi di siti

          .com .ru .net .org .etc etc che devono tutti

          cambiare dominio in .sex?
          e` anche nel loro interesse, chi e`
          interessato li troverebbe piu`facilmente Se fosse cosi' non ti si aprirebbero milioni di banner StraPorno quando cerchi tutt'altro no !??!

          E chi è che si mette a guardare tutti i

          siti del mondo a controllare che ci siano

          scene di sesso solo nei .sex?
          tutti noi noi utilizzatori di InternetSi, soprattutto nelle aziende dove i .sex sarebbero, probabilmente, tra le cose non vedibili immagino quanta gente denuncerebbe o se maila agli amici "guarda, questo lo puoi guardare anche dall'ufficio ;)"
          • Anonimo scrive:
            Re: .kids si e .sex no



            E chi è che si mette a guardare tutti i


            siti del mondo a controllare che ci
            siano


            scene di sesso solo nei .sex?

            tutti noi noi utilizzatori di Internet

            Si, soprattutto nelle aziende dove i .sex
            sarebbero, probabilmente, tra le cose non
            vedibili immagino quanta gente denuncerebbe
            o se maila agli amici "guarda, questo lo
            puoi guardare anche dall'ufficio ;)"ci sarebbero quelli e ci sarebbero gli altri, potrebbero anche esserci organizzazioni di aziende che vanno a caccia di siti non in regola etc, lasciate fare alla rete!
Chiudi i commenti