WebCL, calcolo eterogeneo anche su browser

Nuovo set di specifiche in arrivo da Khronos Group e pensate per l'uso di GPU e CPU multi-core nel calcolo intensivo via browser Web. Uno scenario che però potrebbe non allettare Apple

Roma – Dopo il recente arrivo delle specifiche OpenGL ES 3.1 , la seconda novità di peso lanciata da Khronos Group si chiama WebCL 1.0 ed è pensata per implementare su browser Web alcune delle possibilità di calcolo eterogeneo (sfruttando in contemporanea CPU multi-core+GPU) rese possibili dallo standard OpenCL.

Le nuove API WebCL sono in sostanza la controparte delle API WebGL già utilizzate dai browser più evoluti per sfruttare l’accelerazione della GPU nel rendering 3D, con il focus rivolto all’ottimizzazione di quei calcoli “accessori” al rendering grafico (come il calcolo delle proprietà fisiche di oggetti poligonali) che è possibile accelerare tramite GPU o anche CPU multi-core.

La parte di specifiche OpenCL riutilizzate per WebCL non comprende, comprensibilmente, quegli elementi a basso livello che potrebbero portare all’insorgere di vulnerabilità di sicurezza nel codice, mentre gli sviluppatori dovranno necessariamente usare lo speciale linguaggio di programmazione OpenCL/WebCL per sfruttare la tecnologia.

Per ovviare alla necessità di convertire il tradizionale codice C++ al nuovo standard, Khronos Group ha realizzato la tecnologia SYCL per l’integrazione di librerie e compilatori C++ con OpenCL negli stessi file di codice sorgente. EGL 1.5, l’ultima novità di Khronos per la Game Developer Conference (GDC) 2014, è invece una libreria di raccordo (per gadget mobile) tra l’uso di OpenGL ES e OpenCL.

Le APU WebCL potrebbero in teoria fornire nuove capacità computazionali alle app Web liberando gli sviluppatori dal giogo degli app store su ecosistemi mobile, e non a caso il responsabile mobile di NVIDIA Neil Trevett ha evidenziato (sempre durante la GDC) come l’unica piattaforma mobile a mancare ancora del supporto a WebGL sia quella di Apple (iOS).

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • jnsjQLFEzyA scrive:
    wdnEZLQsS
    http://clindamycinprice.cf/#1210 clindamycin cleocin,
  • wgxCHBVsKnU Gb scrive:
    UyIhYyNegTjpBi
    http://bactrimds800.ga/bactrim-forte.html#1877 bactrim tablets, http://atenolol100mg.com/atenolol-drug.html#2430 atenolol drug, http://bactrimds800.ga/bactrim-cream.html#8744 bactrim drug,
  • DVD scrive:
    Re: Castronerie
    Grazie per la tua opinine, almeno c'è qualcuno che il cervello prova ad usarlo.
  • Paolo T. scrive:
    L'utilità degli scettici
    La mia speranza è che gli scettici continuino ad usare per ore il cellulare attaccato alla testa. Abbiamo bisogno di cavie volontarie.
    • Izio01 scrive:
      Re: L'utilità degli scettici
      - Scritto da: Paolo T.
      La mia speranza è che gli scettici continuino ad
      usare per ore il cellulare attaccato alla testa.
      Abbiamo bisogno di cavie volontarie.No, non ci tengo: pur avendo le mie idee sul geniale giudice che accorda risarcimenti al manager "danneggiato" dal cellulare, non ci tengo ad avere una fonte così potente di emissioni a distanza zero dalla testa per ore e ore.Mi raccomando, tu invece stai lontano dal WiFi, che poi ti viene l'emicrania (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • lorenzo scrive:
      Re: L'utilità degli scettici
      Immagino non andrai mai al mare e che uscirai solo di notte per evitare la radiazione solare .
    • get the facts scrive:
      Re: L'utilità degli scettici
      ma tanto tocca morire lo stesso, puoi diventare vegetariano, prendere vitamine e non usare il cellulare, guadagnerai forse uno o 2 anni di vita che magari passerai su una sedia a rotelle in un ospizio dopo aver subito un ictus,
  • king volution scrive:
    Re: Psicosi
    - Scritto da: Leguleio

    questi discorsi sembrano gli stessi i
    discorsi

    che ancora oggi (o quantomeno fino a pochi
    anni

    fa) fanno le multinazionali del

    tabacco...

    Solo che ti sfugge la differenza fra questi
    soggetti e le ricerche cliniche condotte su un
    ampio numero di pazienti, che sono le uniche che
    andrebbero lette quando si parla di salute.peccato che le rircerche di cui parli quasi sempre non sono ricerche scientifiche indipendenti e riportano conclusioni discordanti


    L'unico modo per sapere con certezza se
    la


    radiazione elettromagnetica causa
    problemi



    se hai dubbi, prova a mettere la testa
    dentro
    un

    forno a microonde, o a startene per un oretta

    davanti alla parabola di un ponte radio a
    17GHz

    (banda

    libera)...

    Il forno a microonde non c'entra nulla. Sono
    frequenze totalmente diverse da quelle usate per
    le trasmissioni radio e Wi-Fi.era una provocazione...
    La parabola a 17 GHz trasmette verso il
    satellite, non verso la superficie terrestre
    abitata, e anche questo esempio è fuorviante.ti sbagli... dovresti documentarti meglio: ci sono installati tantissimi ponti radio *TERRESTRI* banda libera a 17GHz
    Curioso atteggiamento: a sentir te, c'è chi
    deliberatamente fa insorgere i tumori, quasi ci gode.eh si, infatti... c'è TANTA di questa gente, dall'eternit all'ilva, dall'enichem alla saras e moooolti altri...e ci godono anche: per i soldi che ci fanno soprapoi c'è pura tanta gente che si becca tutta questa XXXXX e difende pure chi li sta ammazzando, spesso in nome di quelle stesse ideologie (progresso, scienza, sviluppo, crescita ecc.) con cui gli avvelenatori giustificano le loro azioni
    • Leguleio scrive:
      Re: Psicosi



      questi discorsi sembrano gli stessi i

      discorsi


      che ancora oggi (o quantomeno fino a
      pochi

      anni


      fa) fanno le multinazionali del


      tabacco...



      Solo che ti sfugge la differenza fra questi

      soggetti e le ricerche cliniche condotte su
      un

      ampio numero di pazienti, che sono le uniche
      che

      andrebbero lette quando si parla di salute.

      peccato che le rircerche di cui parli quasi
      sempre non sono ricerche scientifiche
      indipendenti e riportano conclusioni
      discordantiCosa intendi per "indipendenti"?E in che senso i risultati sono discordanti? Perché se il disaccordo è fra una maggiore incidenza di carcinoma polmonare del 25 % anziché del 40 %, francamente ai fini delle decisioni sanitarie da prendere non ha rilevanza: il succo è che il fumo fa male.

      Il forno a microonde non c'entra nulla. Sono

      frequenze totalmente diverse da quelle usate
      per

      le trasmissioni radio e Wi-Fi.

      era una provocazione...Non ne vedo lo scopo.

      La parabola a 17 GHz trasmette verso il

      satellite, non verso la superficie terrestre

      abitata, e anche questo esempio è fuorviante.

      ti sbagli... dovresti documentarti meglio: ci
      sono installati tantissimi ponti radio
      *TERRESTRI* banda libera a
      17GHzIntendi questa?http://www.monitor-radiotv.com/phoenix/html/Article1442.htmlDeve ottemperare a specifiche tecniche precise per essere installata in Italia.

      Curioso atteggiamento: a sentir te, c'è chi

      deliberatamente fa insorgere i tumori, quasi
      ci
      gode.

      eh si, infatti... c'è TANTA di questa gente,
      dall'eternit all'ilva, dall'enichem alla saras e
      moooolti
      altri...
      e ci godono anche: per i soldi che ci fanno sopraLa tua vita quotidiana deve essere costellata di paranoie e di diffidenza verso tutti e tutto: pensare che all'Ilva abbiano fatto ammalare apposta i cittadini di Taranto e i loro stessi operai...
      poi c'è pura tanta gente che si becca tutta
      questa XXXXX e difende pure chi li sta
      ammazzando, spesso in nome di quelle stesse
      ideologie (progresso, scienza, sviluppo, crescita
      ecc.) con cui gli avvelenatori giustificano le
      loro
      azioniE questi "avvelenatori" andranno all'inferno, oppure totalizzeranno un karma negativo?Perché a questo punto è importante capire il retroterra.
      • king volution scrive:
        Re: Psicosi
        - Scritto da: Leguleio

        peccato che le rircerche di cui parli quasi

        sempre non sono ricerche scientifiche

        indipendenti e riportano conclusioni discordanti
        Cosa intendi per "indipendenti"?non finanziate e non condotte da soggetti che hanno interesse a orientarne le conclusioni in un senso o nell'altro
        E in che senso i risultati sono discordanti?c'è chi conclue che cellulari e wifi provocano danni alla salute e/o tumori, c'è chi conclude che non fanno male
        Perché se il disaccordo è fra una maggiore
        incidenza di carcinoma polmonare del 25 %
        anziché del 40 %, francamente ai fini delle
        decisioni sanitarie da prendere non ha rilevanza:
        il succo è che il fumo fa male.non stiamo parlando del fumo


        La parabola a 17 GHz trasmette verso il


        satellite, non verso la superficie terrestre


        abitata, e anche questo esempio è fuorviante.



        ti sbagli... dovresti documentarti meglio: ci

        sono installati tantissimi ponti radio

        *TERRESTRI* banda libera a 17GHz

        Intendi questa?
        http://www.monitor-radiotv.com/phoenix/html/Articlsì questa per esempio
        Deve ottemperare a specifiche tecniche precise
        per essere installata in Italia.specifiche tecniche precise per l'installazione ci sono anche per una lampadina questi ponti li compri e li installi. non ci sono limitazioni. punto.
        La tua vita quotidiana deve essere costellata di
        paranoie e di diffidenza verso tutti e tutto:tipico discorso ad-hominem di chi non ha argomenti (e ha tanta maleducazione)...e se ti dedicassi un po' più ai tuoi problemi, non ti rimrrebbe così tanto tempo per pensare ai fatti degli altri...
        pensare che all'Ilva abbiano fatto ammalare
        apposta i cittadini di Taranto e i loro stessi operai...è esattamente quello che hanno fatto: è un FATTO acclarato che l'Ilva aveva piena consapevolezza dei danni che hanno provocato alla salute dei cittadini e dei loro operai

        poi c'è pura tanta gente che si becca tutta

        questa XXXXX e difende pure chi li sta

        ammazzando, spesso in nome di quelle stesse

        ideologie (progresso, scienza, sviluppo, crescita

        ecc.) con cui gli avvelenatori giustificano le

        loro azioni

        E questi "avvelenatori" andranno all'inferno,
        oppure totalizzeranno un karma negativo?inferno? karma? ma di cosa parli???
        Perché a questo punto è importante capire il retroterra.infatti... ed è evidente che nel tuo caso c'è ben poco da capire: mi sa che, a parte il conformismo, manca proprio qualsiasi altro retroterra
        • Leguleio scrive:
          Re: Psicosi



          peccato che le rircerche di cui parli
          quasi


          sempre non sono ricerche scientifiche


          indipendenti e riportano conclusioni
          discordanti


          Cosa intendi per "indipendenti"?

          non finanziate e non condotte da soggetti che
          hanno interesse a orientarne le conclusioni in un
          senso o
          nell'altroIl "Rapporto Terry", uno dei più famosi, non era inficiato da interessi. Era commissionato dal governo, ma appunto, commissionato perché ricercasse una risposta scientifica, non perché cercasse quella che volevano sentirsi dire.

          E in che senso i risultati sono discordanti?

          c'è chi conclue che cellulari e wifi provocano
          danni alla salute e/o tumori, c'è chi conclude
          che non fanno
          maleNo, attenzione: stavamo parlando di fumo. Lì di dubbi non ne esitono più.La questione cellulari e Wi-Fi è un po' diversa, non è ancora conclusa.

          Perché se il disaccordo è fra una maggiore

          incidenza di carcinoma polmonare del
          25 %

          anziché del 40 %, francamente ai fini
          delle

          decisioni sanitarie da prendere non ha
          rilevanza:

          il succo è che il fumo fa male.

          non stiamo parlando del fumoCerto che sì. Ti rileggo la frase:"questi discorsi sembrano gli stessi i discorsi che ancora oggi (o quantomeno fino a pochi anni fa) fanno le multinazionali del tabacco..."Le multinazionali del tabacco possono fare tutti i discorsi che vogliono. Oramai di dubbi scientifici sui danni del fumo non ce ne sono più.



          La parabola a 17 GHz trasmette
          verso
          il



          satellite, non verso la superficie
          terrestre



          abitata, e anche questo esempio è
          fuorviante.





          ti sbagli... dovresti documentarti
          meglio:
          ci


          sono installati tantissimi ponti radio


          *TERRESTRI* banda libera a 17GHz



          Intendi questa?


          http://www.monitor-radiotv.com/phoenix/html/Articl

          sì questa per esempio


          Deve ottemperare a specifiche tecniche
          precise

          per essere installata in Italia.

          specifiche tecniche precise per l'installazione
          ci sono anche per una lampadinaNessuno viene a darti la multa a casa tua per una lampadina non a norma.Le parabole esposte al pubblico sono sottoposte a norme più stringenti.
          questi ponti li compri e li installi. non ci sono
          limitazioni.
          punto.Magari è anche vero, non sono cosí ferrato, ma si tratta di difetto di legislazione sul punto.I limiti di emissioni esistono, e sono anche piuttosto restrittivi in Italia, e non è escluso che qualcuno venga a fare le misurazioni e chieda di togliere o spostare la parabola.

          La tua vita quotidiana deve essere
          costellata
          di

          paranoie e di diffidenza verso tutti e tutto:

          tipico discorso ad-hominem di chi non ha
          argomenti (e ha tanta
          maleducazione)...No, no, dico sul serio, probabilmente nemmeno ti rendi conto della portata delle tue affermazioni, e quindi ti offendi.Allarghiamo il discorso: esistono persone che allungano il vino col metanolo:http://www.gazzettadelsud.it/news//37780/Tre-ragazzini-avvelenati--dal-vino.htmlRistoratori che lasciano marcire il cibo nella dispensa:http://www.milanotoday.it/cronaca/cibo-avariato-ristoranti-via-meda-via-donatello.htmlArchitetti che progettano palazzi che crollano poco dopo:http://corrierealpi.gelocal.it/cronaca/2013/06/19/news/condannato-per-il-crollo-del-palazzetto-1.7281663Insomma, i "furbi" (ma andrebbero chiamati delinquenti) ci sono in ogni campo, e quindi anche nella siderurgia di Taranto. E tuttavia nessuno smette di andare al ristorante, bere vino (se gli piace) e frequentare palazzetti dello sport a causa loro. Nessuno pensa che siano degli assassini che vogliono decimare la popolazione con le loro azioni. Sono spinti da una concezione di profitto criminale, e basta.Il passaggio da criminale ad assassino lo fai tu, quindi.
          e se ti dedicassi un po' più ai tuoi problemi,
          non ti rimrrebbe così tanto tempo per pensare ai
          fatti degli
          altri...Quali fatti degli altri, scusa?Il caso Ilva lo hai citato tu per primo.

          pensare che all'Ilva abbiano fatto ammalare

          apposta i cittadini di Taranto e i loro
          stessi
          operai...

          è esattamente quello che hanno fatto: è un FATTO
          acclarato che l'Ilva aveva piena consapevolezza
          dei danni che hanno provocato alla salute dei
          cittadini e dei loro
          operaiSarà acclarato a sentenza pronunciata: non correre troppo.E il punto era un altro: i Riva non hanno dimenticato le norme di sicurezza al fine di far ammalare i tarantini. Ma banalmente per guadagnare di più.
      • karma scrive:
        Re: Psicosi
        - Scritto da: Leguleio



        questi discorsi sembrano gli
        stessi
        i


        discorsi



        che ancora oggi (o quantomeno fino
        a

        pochi


        anni



        fa) fanno le multinazionali del



        tabacco...





        Solo che ti sfugge la differenza fra
        questi


        soggetti e le ricerche cliniche
        condotte
        su

        un


        ampio numero di pazienti, che sono le
        uniche

        che


        andrebbero lette quando si parla di
        salute.



        peccato che le rircerche di cui parli quasi

        sempre non sono ricerche scientifiche

        indipendenti e riportano conclusioni

        discordanti

        Cosa intendi per "indipendenti"?
        E in che senso i risultati sono discordanti?
        Perché se il disaccordo è fra una maggiore
        incidenza di carcinoma polmonare del 25 %
        anziché del 40 %, francamente ai fini delle
        decisioni sanitarie da prendere non ha rilevanza:
        il succo è che il fumo fa
        male.




        Il forno a microonde non c'entra nulla.
        Sono


        frequenze totalmente diverse da quelle
        usate

        per


        le trasmissioni radio e Wi-Fi.



        era una provocazione...

        Non ne vedo lo scopo.




        La parabola a 17 GHz trasmette verso il


        satellite, non verso la superficie
        terrestre


        abitata, e anche questo esempio è
        fuorviante.



        ti sbagli... dovresti documentarti meglio: ci

        sono installati tantissimi ponti radio

        *TERRESTRI* banda libera a

        17GHz

        Intendi questa?

        http://www.monitor-radiotv.com/phoenix/html/Articl

        Deve ottemperare a specifiche tecniche precise
        per essere installata in
        Italia.




        Curioso atteggiamento: a sentir te, c'è
        chi


        deliberatamente fa insorgere i tumori,
        quasi

        ci

        gode.



        eh si, infatti... c'è TANTA di questa gente,

        dall'eternit all'ilva, dall'enichem alla
        saras
        e

        moooolti

        altri...

        e ci godono anche: per i soldi che ci fanno
        sopra

        La tua vita quotidiana deve essere costellata di
        paranoie e di diffidenza verso tutti e tutto:
        pensare che all'Ilva abbiano fatto ammalare
        apposta i cittadini di Taranto e i loro stessi
        operai...



        poi c'è pura tanta gente che si becca tutta

        questa XXXXX e difende pure chi li sta

        ammazzando, spesso in nome di quelle stesse

        ideologie (progresso, scienza, sviluppo,
        crescita

        ecc.) con cui gli avvelenatori giustificano
        le

        loro

        azioni

        E questi "avvelenatori" andranno all'inferno,
        oppure totalizzeranno un karma
        negativo?
        Perché a questo punto è importante capire il
        retroterra....non dimenticare il braccialetto con il magnete che attraverso l'infrarosso remoto conferisce stabilità, equilibrio e una formidabile difesa da tutte le energie negative.Galileo oramai è superato da Osho, Celestino con le sue profezie, i dianetici, ecc ecc.Oramai il comBlotto mondiale è inarrestabile, gli illuminati ( con i led alimentati a pannelli fotovoltaici) stanno spingendo il mondo alla catastrofe attraverso scie chimiche che ci fanno diventare tutti come braccobaldo, armi realizzate con tecnologia aliena che scatenano uragani, grandinate sui campi cinesi e calura sopra i ghiacciai svizzeri.L'11 settembre non è mai avvenuto, l'aereo sul pentagono non è mai caduto, gli americani non sono mai sbarcati sulla luna e Berlusconi è una spia cinese.Emigriamo tutti a neverland fuori dai co***ni, via dalle antenne, dallo smog e dal rumore.Non se nè può più di questi bimbiminkia new age!!!
        • Leguleio scrive:
          Re: Psicosi

          ...non dimenticare il braccialetto con il magnete
          che attraverso l'infrarosso remoto conferisce
          stabilità, equilibrio e una formidabile difesa da
          tutte le energie
          negative.Se l'è messo anche un ministro della Repubblcia, quel braccialetto:http://unoenessuno.blogspot.com/2010/10/report-conti-sconti-e-tremonti.htmlOra ex ministro.Un po' lo capisco: per mettere ordine nell'economia italiana bisogna avere uno scacciamalocchio potentissimo. È più facile che l'economia metta a posto il ministro. :)
  • Intellix scrive:
    Re: Castronerie
    Mi sono sempre chiesto, ma che scrivete a fare papiri di lunghezza incredibile che poi nessuno li legge?Mah.... misteri della mente umana
    • Leguleio scrive:
      Re: Castronerie

      Mi sono sempre chiesto, ma che scrivete a fare
      papiri di lunghezza incredibile Se per te 7000 caratteri (anzi, un po' di meno, nel caso del messaggio di mik.fp) sono una lunghezza incredibile sei messo maluccio. :)
      che poi nessuno
      li
      legge? <B
      Io </B
      li leggo.E se non sono d'accordo intervengo pure. E capita che nelle risposte i messaggi da 7000 passino a 14 000 caratteri, e vadano spezzati in due.
      • Intellix scrive:
        Re: Castronerie
        - Scritto da: Leguleio

        Mi sono sempre chiesto, ma che scrivete a
        fare

        papiri di lunghezza incredibile

        Se per te 7000 caratteri (anzi, un po' di meno,
        nel caso del messaggio di mik.fp) sono una
        lunghezza incredibile sei messo maluccio.
        :)Ah ecco l'altro furbone che non ha null'altro di meglio da fare nella vita che scrivere un sacco di roba che nessuno legge.... mah... pensante di essere dei grandi opinionisti?
        • Leguleio scrive:
          Re: Castronerie

          Ah ecco l'altro furbone che non ha null'altro di
          meglio da fare nella vita che scrivere un sacco
          di roba che nessuno legge.... mah... pensante di
          essere dei grandi
          opinionisti?Ti posso dire cosa sei tu: uno che non ha altro da fare che insultare il prossimo, e il cui messaggio verrà cancellato lunedì mattina.Vediamo chi è più furbo, poi. (rotfl)
          • Intellix scrive:
            Re: Castronerie
            - Scritto da: Leguleio

            Ah ecco l'altro furbone che non ha
            null'altro
            di

            meglio da fare nella vita che scrivere un
            sacco

            di roba che nessuno legge.... mah...
            pensante
            di

            essere dei grandi

            opinionisti?

            Ti posso dire cosa sei tu: uno che non ha altro
            da fare che insultare il prossimo, e il cui
            messaggio verrà cancellato lunedì
            mattina.
            Vediamo chi è più furbo, poi. (rotfl)ahhahahaahah e ti diverti con questo?Allora, lasciatelo dire... sei messo maluccio... fatti una vita...
          • Leguleio scrive:
            Re: Castronerie
            - Scritto da: Intellix
            - Scritto da: Leguleio


            Ah ecco l'altro furbone che non ha

            null'altro

            di


            meglio da fare nella vita che scrivere un

            sacco


            di roba che nessuno legge.... mah...

            pensante

            di


            essere dei grandi


            opinionisti?



            Ti posso dire cosa sei tu: uno che non ha altro

            da fare che insultare il prossimo, e il cui

            messaggio verrà cancellato lunedì

            mattina.

            Vediamo chi è più furbo, poi. (rotfl)
            ahhahahaahah e ti diverti con questo?
            Allora, lasciatelo dire... sei messo maluccio...
            fatti una
            vita...Strano, la frase del "messo maluccio" l'avevo scritta io due messaggi fa.Forse io mi devo fare una vita, tu ti devi fare un lessico personale. Non vai molto lontano a prendere in prestito quello degli altri.
          • Intellix scrive:
            Re: Castronerie
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: Intellix

            - Scritto da: Leguleio



            Ah ecco l'altro furbone che non ha


            null'altro


            di



            meglio da fare nella vita che
            scrivere
            un


            sacco



            di roba che nessuno legge....
            mah...


            pensante


            di



            essere dei grandi



            opinionisti?





            Ti posso dire cosa sei tu: uno che non
            ha
            altro


            da fare che insultare il prossimo, e il
            cui


            messaggio verrà cancellato lunedì


            mattina.


            Vediamo chi è più furbo, poi. (rotfl)

            ahhahahaahah e ti diverti con questo?

            Allora, lasciatelo dire... sei messo
            maluccio...

            fatti una

            vita...

            Strano, la frase del "messo maluccio" l'avevo
            scritta io due messaggi
            fa.
            Forse io mi devo fare una vita, tu ti devi fare
            un lessico personale. Non vai molto lontano a
            prendere in prestito quello degli
            altri.Basta vedere te quanto sei andato lontano: scrivere un sacco di roba che nessuno legge... ma non hai null'altro di meglio da fare?
          • Leguleio scrive:
            Re: Castronerie
            <B
            </B
            <I
            </I
            <B
  • capitan farlock scrive:
    Re: Siamo alla follia...
    le onde elettromagnetiche non causano danni?ti vorrei far parlare conuna famiglia che viveva praticamente sotto unelettrdotto
    • Leguleio scrive:
      Re: Siamo alla follia...

      le onde elettromagnetiche non causano danni?
      ti vorrei far parlare conuna famiglia che viveva
      praticamente sotto
      unelettrdottoFacci parlare tutti con questa famiglia. Così ci si fa un'idea.
  • wishmerhill scrive:
    Re: Psicosi
    Gli effetti termici delle microonde non hanno nulla a che fare con l'insorgenza o meno di tumori. Il forno a microonde produce onde NON ionizzanti che hanno precisi e studiati effetti TERMICI. La testa nel forno tradizionale ce la metti? non provoca tumori, dunque va fatto.
  • ciccio pasticcio scrive:
    tumori alle ghiandole salivari
    parlando con un mio amico chirurgo, lui sostiene che da una decina di anni sta operando un numero crescente di tumori benigni alle ghiandole salivari, quasi tutti a destra.Questo tipo di tumori era talmente raro, che un chirurgo ne vedeva forse uno nella sua vita. Lui ne ha già operati decine.Come pero' giustamente qualcuno osserva, non è detto che la causa siano i cellulari, magari sono le ciuinghe "zenzazucchero"
    • cicciobello scrive:
      Re: tumori alle ghiandole salivari
      - Scritto da: ciccio pasticcio
      parlando con un mio amico chirurgo, lui sostiene
      che da una decina di anni sta operando un numero
      crescente di tumori benigni alle ghiandole
      salivari, quasi tutti a
      destra.Allora, se dipende dai cellulari, il principale sospettato è l'iphone, perchè è l'unico che richieda di essere tenuto solo con la mano destra.
    • Leguleio scrive:
      Re: tumori alle ghiandole salivari

      parlando con un mio amico chirurgo, lui sostiene
      che da una decina di anni sta operando un numero
      crescente di tumori benigni alle ghiandole
      salivari, quasi tutti a
      destra.

      Questo tipo di tumori era talmente raro, che un
      chirurgo ne vedeva forse uno nella sua vita. Lui
      ne ha già operati
      decine.Quando si diceva "mio cuggino" era tutto più chiaro fin dall'inizio. L'"amico chirurgo" potrebbe essere fuorviante. (ghost)
      • Nome e Cognome scrive:
        Re: tumori alle ghiandole salivari
        - Scritto da: Leguleio

        parlando con un mio amico chirurgo, lui
        sostiene

        che da una decina di anni sta operando un
        numero

        crescente di tumori benigni alle ghiandole

        salivari, quasi tutti a

        destra.



        Questo tipo di tumori era talmente raro, che
        un

        chirurgo ne vedeva forse uno nella sua vita.
        Lui

        ne ha già operati

        decine.

        Quando si diceva "mio cuggino" era tutto più
        chiaro fin dall'inizio. L'"amico chirurgo"
        potrebbe essere fuorviante.
        (ghost)Ivece se lo dice un anonimo (registrato) su un forum e' tutto piu' credibile...
        • Leguleio scrive:
          Re: tumori alle ghiandole salivari



          parlando con un mio amico chirurgo, lui

          sostiene


          che da una decina di anni sta operando
          un

          numero


          crescente di tumori benigni alle
          ghiandole


          salivari, quasi tutti a


          destra.





          Questo tipo di tumori era talmente
          raro,
          che

          un


          chirurgo ne vedeva forse uno nella sua
          vita.

          Lui


          ne ha già operati


          decine.



          Quando si diceva "mio cuggino" era tutto più

          chiaro fin dall'inizio. L'"amico chirurgo"

          potrebbe essere fuorviante.

          (ghost)

          Ivece se lo dice un anonimo (registrato) su un
          forum e' tutto piu'
          credibile...Cosa dice un anonimo registrato su un forum? Mi sfugge l'oggetto della polemica.
  • Fulmy(nato) scrive:
    Re: Siamo alla follia...
    - Scritto da: Enjoy with Us
    Con questo criterio in cui fino a prova contraria
    una cosa è pericolosa vi rendete conto che anche
    l'acqua pura di fonte potrebbe essere ritenuta
    cancerogena?http://www.dhmo.org/facts.html
  • Leguleio scrive:
    Re: Siamo alla follia...

    ... non c'è lo straccio di una prova scientifica
    che avvalli Che avalli, con un V sola."Avvallare" significa spingere a valle.
    la teoria della dannosità delle onde
    elettromagnetiche e si che sono studiate da
    almeno 60 anni, Molto di meno. Parliamo delle onde radio a frequenze usate per telefonini e Wi-FI, non di quelle dei walkie talkie oppure delle trasmissioni in AM.
    ma in ogni caso bisogna mettere
    al bando i cellulari perchè potrebbero essere
    pericolosi?Non credo che la APPLE voglia questo.Vuole limitarne l'uso e far apporre l'etichetta di pericolosità su ogni dispositivo.
    Ad esempio il Benzene! I composti chimici si scrivono con la minuscola: benzene.
    Come mai non sento mai
    nessuna voce levarsi contro questo temibile
    inquinante? Convenzioni internazionali ci sono, vedi qui:http://www.ilo.org/wcmsp5/groups/public/---europe/---ro-geneva/---ilo-rome/documents/normativeinstrument/wcms_153184.pdfNon so dirti quanto siano osservate.
    Quanto al signore risarcito per il neurinoma,
    andrebbe radiato dalla magistratura il giudice
    che ha emesso una tale sentenza in spregio a
    qualsiasi evidenza
    scientifica.Fossi in te non scriverei troppo questa frase, perché in Italia il reato di vilipendio all'ordine della magistratura è ancora abbastanza sentito, e le pene non di rado si applicano.e tra l'altro sono stati tanti giudici, dal primo grado fino alla corte di Cassazione: almeno una decina.
  • Joshthemajor scrive:
    Immagine interessante
    gombloddohttp://xkcd.com/radiation/
    • MacGeek scrive:
      Re: Immagine interessante
      - Scritto da: Joshthemajor
      gombloddo

      http://xkcd.com/radiation/Bellissimo quel grafico, lo linko sempre, ma si riferisce a radiazioni IONIZZANTI. Non c'entrano niente con quelle dei cellulari
      • Wolf01 scrive:
        Re: Immagine interessante
        Appunto, vedi i cellulari lì in mezzo? No.
        • Joshthemajor scrive:
          Re: Immagine interessante
          A dire la verità sì, sotto la prima tabella blu:Using a cell phone - Phone's trasmitter does not produce ionizing radiation and does not cause cancer.L'ultima frase sembra messa apposta per trollare sul "mito" dell'articolo.
          • MacGeek scrive:
            Re: Immagine interessante
            - Scritto da: Joshthemajor
            A dire la verità sì, sotto la prima tabella blu:

            Using a cell phone - Phone's trasmitter does not
            produce ionizing radiation and does not cause
            cancer.

            L'ultima frase sembra messa apposta per trollare
            sul "mito" dell'articolo.Che le banane siano radioattive non è tanto un mito. Per dire, con i limiti che hanno i giapponesi sulle radiazioni ionizzati sui cibi, da loro dovrebbero essere vietate (i nostri sono leggermente più ragionevoli). Tanto per renderti conto della follia a cui siamo arrivati (da cui... l'evacuazione di Fukushima è una BOIATA).
          • Joshthemajor scrive:
            Re: Immagine interessante
            L'ultima frase sembra messa apposta per
            trollare

            sul "mito" dell'articolo.

            Che le banane siano radioattive non è tanto un
            mito. "il mito" di cui parlavo, non era riferito alle banane, ma al fatto che nell'articolo di PI si parla di wifi cancerogeno, che, sino a che non sarà confermato, rimarrà mito.
  • vinniec scrive:
    sperimentazioni
    Ma tutto sto cavolo di fracasso, non possono fare qualche diavolo di esperimento?
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: sperimentazioni
      - Scritto da: vinniec
      Ma tutto sto cavolo di fracasso, non possono fare
      qualche diavolo di
      esperimento?Sono 60 anni che sperimentano, senza che sia emerso nulla di concreto su nessuna radiazione elettromagnetica, a meno di non arrivare alle ionizzanti (ma quella è un'altra cosa).Dopo 60 anni direi che quanto meno si potrebbe concludere che se anche non si può avere la certezza della innocuità di tali onde, quantomeno tali onde non possono avere una grande pericolosità!
      • king volution scrive:
        Re: sperimentazioni
        - Scritto da: Enjoy with Us
        - Scritto da: vinniec

        Ma tutto sto cavolo di fracasso, non possono
        fare

        qualche diavolo di

        esperimento?

        Sono 60 anni che sperimentano, non proprio... sono decenni che vi sono "esperimenti" che:a) ci vuole coraggio a definire scientifici b) non hanno sufficiente indipendenza
        senza che sia
        emerso nulla di concreto su nessuna radiazione
        elettromagnetica, certo... e mai emergerà nulla se l'intento di chi finanzia è proprio quello di non far emergere nulla...
        Dopo 60 anni direi che quanto meno si potrebbe
        concludere che se anche non si può avere la
        certezza della innocuità di tali onde, quantomeno
        tali onde non possono avere una grande pericolosità!non concordo: a) se qualcosa si può concludere è che la cosa più probabile (anche partendo dal constatatre che non si vuole fare alcuna sperimentazione "seria") e che una qualche pericolosità ci siab) va considerato l'effetto moltiplicatore dovuto al fatto che le fonti di inquinamento elettromagnetico si "sommano" tra loro e con altre fonti di malattie...
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: sperimentazioni
          - Scritto da: king volution
          - Scritto da: Enjoy with Us

          - Scritto da: vinniec


          Ma tutto sto cavolo di fracasso, non
          possono

          fare


          qualche diavolo di


          esperimento?



          Sono 60 anni che sperimentano,

          non proprio... sono decenni che vi sono
          "esperimenti"
          che:
          a) ci vuole coraggio a definire scientifici
          b) non hanno sufficiente indipendenza
          Abbi pazienza ci sono centinaia di studi in materia a partire dagli anni 60, non ve ne è uno pubblicato su riviste di impact factor in grado di evidenziare una cancerogeneità delle radiazione elettromagnetiche, solo perchè non dimostrano la pericolosità di tali onde allora non sono seri?In compenso ne esistono alcuni palesemente manipolati (e poi ritrattati) che evidenziavano effetti "fisici" (non neoplastici!), come l'incremento della temperatura oltre 2-3 gradi... si insomma come quando hai l'influenza per intenderci!

          senza che sia

          emerso nulla di concreto su nessuna
          radiazione

          elettromagnetica,

          certo... e mai emergerà nulla se l'intento di chi
          finanzia è proprio quello di non far emergere
          nulla...
          E allora come mai è emerso che l'amianto è cancerogeno così come il fumo delle sigarette? E per quanto riguarda il fumo delle sigarette le prime evidenze scientifiche risalgono alla fine degli anni 60... mi vuoi forse suggerire che la lobby dei tabaccai era meno forte di quella degli smartphone?

          Dopo 60 anni direi che quanto meno si
          potrebbe

          concludere che se anche non si può avere la

          certezza della innocuità di tali onde,
          quantomeno

          tali onde non possono avere una grande
          pericolosità!

          non concordo:
          a) se qualcosa si può concludere è che la cosa
          più probabile (anche partendo dal constatatre che
          non si vuole fare alcuna sperimentazione "seria")
          e che una qualche pericolosità ci
          siaE su che basi? Sul fatto che in 60 anni di studi non è stato dimostrato nulla? E che anche su basi statistiche non si sono evidenziati aumenti statisticamente significativi di determinate neoplasie in determinate popolazioni esposte a determinati rischi?Come il caso dell'Ilva di Taranto... a cui hanno ascritto colpe che probabilmente non ha in modo esclusivo... lo sapevi che a 2 Km in linea d'aria dallo stabilimento dell'Ilva c'è la più grande raffineria d'europa? Ma quella ovviamente non inquina!
          b) va considerato l'effetto moltiplicatore dovuto
          al fatto che le fonti di inquinamento
          elettromagnetico si "sommano" tra loro e con
          altre fonti di
          malattie...Appunto quindi su basi statistiche dovrebbe emergere l'aumento fra la popolazione di determinati tumori, cosa che invece nessuno è riuscito ad evidenziare, ergo le radiazioni elettromagnetiche se anche fossero pericolose avrebbero tuttavia un tasso di pericolosità ben basso, ben inferiore a quello di molti altri inquinati ben noti e tuttavia tollerati, tipo il Benzene!
  • Funz scrive:
    "Evidenza scientifica non c'è"
    ..."ma questo non vuol dire che non si debba fare prevenzione"Scherziamo? O una cosa è dimostrata scientificamente che esiste (mi fa sorridere dover scrivere una cosa del genere!), o non ha senso fare prevenzione contro una cosa inesistente.I paragoni col fumo sono sbagliati e fuorvianti, visto che i danni erano ben noti alla comunità scientifica molto tempo prima che i produttori di sigarette fossero obbligati a riconoscerli. Idem per alcool, smog da auto caldaie centrali termoelettriche e inceneritori, radiazioni da centrali nucleari eccetera.Massì, facciamo la prevenzione contro gli influssi del demonio anche se evidenza scientifica non c'è... tanto, qualche rosario in più male non fa!
    • king volution scrive:
      Re: "Evidenza scientifica non c'è"
      - Scritto da: Funz
      Scherziamo? O una cosa è dimostrata
      scientificamente che esiste (mi fa sorridere
      dover scrivere una cosa del genere!), quindi, siccome un tempo era accettato come "scientificamente dimostrato" che la terra è piatta o che il sole ci gira intorno o che i salassi curano la polmonite, questo dovrebbe significare che è vero?
      o non ha
      senso fare prevenzione contro una cosa
      inesistente.non aveva senso fare prevenzione "contro" l'asbestosi perché gli effetti cangerogeni erano "inesistenti" fobie di un piccolo gruppo di retrogradi antiscientifici complottisti?
      I paragoni col fumo sono sbagliati e fuorvianti,
      visto che i danni erano ben noti alla comunità
      scientifica molto tempo prima che i produttori di
      sigarette fossero obbligati a riconoscerli. falsissimo. per decenni e decenni solo una piccola parte della comunità scientifica denunciava i rischi del fumo, trovandosi contro la maggioranza degli "scienziati"...
      Idem
      per alcool, smog da auto caldaie centrali
      termoelettriche e inceneritori, radiazioni da
      centrali nucleari eccetera.peccato solo che questa "argomentazione" è totalmente priva di qualsiasi nesso logico-causale
      Massì, facciamo la prevenzione contro gli
      influssi del demonio anche se evidenza
      scientifica non c'è... documentati meglio: un tempo (nenache poi tanto lontano) c'era eccome
      • Leguleio scrive:
        Re: "Evidenza scientifica non c'è"


        Scherziamo? O una cosa è dimostrata

        scientificamente che esiste (mi fa sorridere

        dover scrivere una cosa del genere!),

        quindi, siccome un tempo era accettato come
        "scientificamente dimostrato" che la terra è
        piatta Questo tempo non è mai esistito, in Occidente. È una costruzione Ottocentesca rispetto al passato. Ci furono singoli filosofi che lo pensavano, ma non erano certo la maggioranza e non cercavano di convincere nessuno, il più famoso di essi, Cosma Indicopleuste, era sconosciuto al di fuori della Grecia.
        o che il sole ci gira intorno o che i
        salassi curano la polmonite, questo dovrebbe
        significare che è
        vero?No. Ma sono convinzioni maturate in un'epoca in cui il metodo scientifico non era ancora stato sviluppato, per la medicina. I medici navigavano a vista.
      • Leguleio scrive:
        Re: "Evidenza scientifica non c'è"



        o non ha


        senso fare prevenzione contro una cosa


        inesistente.



        non aveva senso fare prevenzione "contro"

        l'asbestosi perché gli effetti cangerogeni
        erano

        "inesistenti" fobie di un piccolo gruppo di

        retrogradi antiscientifici

        complottisti?

        Che l'amianto sia cancerogeno era noto dal 1984
        almeno, Molto prima: dalla fine dell'Ottocento. Vedi:http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_asbestos_disease_medical_articles
        Ma quando mai è dalla fine degli anni 60 che si
        sa che il fumo fa male, Molto prima: il primo intervento in questo senso è di un medico tedesco degli anni Venti:Frotz Lickint: Tabak und Tabakrauch als ätiologischer Faktor des Carcinoms (1929): http://link.springer.com/article/10.1007%2FBF01636077#page-1Il primo studio vero e proprio, su un campione di fumatori, di una decina d'anni dopo, del dottor Franz H. Müller: http://www.uwomj.com/wp-content/uploads/2013/06/v78n1.53-57.pdfA causa delle ben note connivenze della medicina con il regime in vigore allora in Germania questi studi vennero totalmente dimenticati dopo il 1945. Peccato, la scienza avrebbe guadagnato decenni preziosi.Gli anni Sessanta riguardano un famoso studio Usa, il "rapporto Terry", che era stato commissionato due anni prima dal governo, e quindi non poteva essere ignorato:http://www.cdc.gov/tobacco/Data_statistics/sgr/history/index.htm
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: "Evidenza scientifica non c'è"
          - Scritto da: Leguleio



          o non ha



          senso fare prevenzione contro una
          cosa



          inesistente.





          non aveva senso fare prevenzione
          "contro"


          l'asbestosi perché gli effetti
          cangerogeni

          erano


          "inesistenti" fobie di un piccolo
          gruppo
          di


          retrogradi antiscientifici


          complottisti?



          Che l'amianto sia cancerogeno era noto dal
          1984

          almeno,

          Molto prima: dalla fine dell'Ottocento. Vedi:

          http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_asbestos_dise




          Ma quando mai è dalla fine degli anni 60 che
          si

          sa che il fumo fa male,

          Molto prima: il primo intervento in questo senso
          è di un medico tedesco degli anni
          Venti:

          Frotz Lickint: Tabak und Tabakrauch als
          ätiologischer Faktor des Carcinoms (1929):


          http://link.springer.com/article/10.1007%2FBF01636

          Il primo studio vero e proprio, su un campione di
          fumatori, di una decina d'anni dopo, del dottor
          Franz H. Müller:


          http://www.uwomj.com/wp-content/uploads/2013/06/v7

          A causa delle ben note connivenze della medicina
          con il regime in vigore allora in Germania questi
          studi vennero totalmente dimenticati dopo il
          1945. Peccato, la scienza avrebbe guadagnato
          decenni
          preziosi.

          Gli anni Sessanta riguardano un famoso studio
          Usa, il "rapporto Terry", che era stato
          commissionato due anni prima dal governo, e
          quindi non poteva essere
          ignorato:

          http://www.cdc.gov/tobacco/Data_statistics/sgr/hisOttime precisazioni che non fanno che ribadire quanto affermato... presto o tardi se una sostanza è pericolosa/cancerogena, a dispetto di lobby ed interessi anche molto forti viene riconosciuta come tale, ergo le onde elettromagnetiche che sono abbondantemente studiate almeno dagli anni 60 hanno una pericolosità di diversi ordini di grandezza inferiore a quella di altre sostanze riconosciute come cancerogene, altrimenti l'evidenza della loro pericolosità sarebbe già emersa da diversi decenni.
          • Leguleio scrive:
            Re: "Evidenza scientifica non c'è"





            o non ha




            senso fare prevenzione contro
            una

            cosa




            inesistente.







            non aveva senso fare prevenzione

            "contro"



            l'asbestosi perché gli effetti

            cangerogeni


            erano



            "inesistenti" fobie di un piccolo

            gruppo

            di



            retrogradi antiscientifici



            complottisti?





            Che l'amianto sia cancerogeno era noto
            dal

            1984


            almeno,



            Molto prima: dalla fine dell'Ottocento. Vedi:




            http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_asbestos_dise








            Ma quando mai è dalla fine degli anni
            60
            che

            si


            sa che il fumo fa male,



            Molto prima: il primo intervento in questo
            senso

            è di un medico tedesco degli anni

            Venti:



            Frotz Lickint: Tabak und Tabakrauch als

            ätiologischer Faktor des Carcinoms
            (1929):






            http://link.springer.com/article/10.1007%2FBF01636



            Il primo studio vero e proprio, su un
            campione
            di

            fumatori, di una decina d'anni dopo, del
            dottor

            Franz H. Müller:






            http://www.uwomj.com/wp-content/uploads/2013/06/v7



            A causa delle ben note connivenze della
            medicina

            con il regime in vigore allora in Germania
            questi

            studi vennero totalmente dimenticati dopo il

            1945. Peccato, la scienza avrebbe guadagnato

            decenni

            preziosi.



            Gli anni Sessanta riguardano un famoso studio

            Usa, il "rapporto Terry", che era stato

            commissionato due anni prima dal governo, e

            quindi non poteva essere

            ignorato:




            http://www.cdc.gov/tobacco/Data_statistics/sgr/his

            Ottime precisazioni che non fanno che ribadire
            quanto affermato... presto o tardi se una
            sostanza è pericolosa/cancerogena, a dispetto di
            lobby ed interessi anche molto forti viene
            riconosciuta come tale, ergo le onde
            elettromagnetiche che sono abbondantemente
            studiate almeno dagli anni 60 hanno una
            pericolosità di diversi ordini di grandezza
            inferiore a quella di altre sostanze riconosciute
            come cancerogene, altrimenti l'evidenza della
            loro pericolosità sarebbe già emersa da diversi
            decenni.Non è tutto così semplice. Detto terra terra: confrontare un campione di popolazione che non viene mai a contatto con l'amianto con un campione che invece è a contatto quotidiano, perché lo lavora in fabbrica, oppure perché le abitazioni in cui abita ne sono piene, è relativamente facile. Idem per fumatori e non fumatori.Confrontare un campione che è sottoposto alle onde radio con uno che non lo è risulta impossibile: le onde radio, dagli anni Dieci del secolo scorso ad oggi, sono ovunque, anche senza avere cellulare e Wi-Fi: i nostri vicini ce l'hanno.
      • MacGeek scrive:
        Re: "Evidenza scientifica non c'è"
        - Scritto da: king volution
        non aveva senso fare prevenzione "contro"
        l'asbestosi perché gli effetti cangerogeni erano
        "inesistenti" fobie di un piccolo gruppo di
        retrogradi antiscientifici
        complottisti?Non è vero, che l'amianto facesse male si sapeva decenni, l'unica incognita era QUANTO. I limiti sono passati negli anni da 100.000 fibre / litro a 100. Poi è stato vietato.Le sigarette fanno male, è dimostrato. Lo smog fa male, è dimostrato. Lo stress fa male, è dimostrato. Le radiazioni non ionizzanti NESSUNO HA DIMOSTRATO facciano male. NESSUNO.
        • king volution scrive:
          Re: "Evidenza scientifica non c'è"
          - Scritto da: MacGeek
          - Scritto da: king volution


          non aveva senso fare prevenzione "contro"

          l'asbestosi perché gli effetti cangerogeni
          erano

          "inesistenti" fobie di un piccolo gruppo di

          retrogradi antiscientifici

          complottisti?

          Non è vero, che l'amianto facesse male si sapeva
          decenni, l'unica incognita era QUANTO. I limiti
          sono passati negli anni da 100.000 fibre / litro
          a 100. Poi è stato
          vietato.
          Le sigarette fanno male, è dimostrato. Lo smog fa
          male, è dimostrato. Lo stress fa male, è
          dimostrato. Le radiazioni non ionizzanti NESSUNO
          HA DIMOSTRATO facciano male.
          NESSUNO.allora non avrai problemi a startene per un paio d'ore con la testa tra le parabole di un ponte radio in banda libera a 17GHz...o no?
          • MacGeek scrive:
            Re: "Evidenza scientifica non c'è"
            - Scritto da: king volution
            - Scritto da: MacGeek

            - Scritto da: king volution




            non aveva senso fare prevenzione
            "contro"


            l'asbestosi perché gli effetti
            cangerogeni

            erano


            "inesistenti" fobie di un piccolo
            gruppo
            di


            retrogradi antiscientifici


            complottisti?



            Non è vero, che l'amianto facesse male si
            sapeva

            decenni, l'unica incognita era QUANTO. I
            limiti

            sono passati negli anni da 100.000 fibre /
            litro

            a 100. Poi è stato

            vietato.

            Le sigarette fanno male, è dimostrato. Lo
            smog
            fa

            male, è dimostrato. Lo stress fa male, è

            dimostrato. Le radiazioni non ionizzanti
            NESSUNO

            HA DIMOSTRATO facciano male.

            NESSUNO.

            allora non avrai problemi a startene per un paio
            d'ore con la testa tra le parabole di un ponte
            radio in banda libera a
            17GHz... o no?Farebbe male come stare dentro un microonde o troppo al sole d'estate. Si parlava di tumori nell'articolo, non di effetti biologici estremi.
  • Etype scrive:
    A.P.P.L.E.
    Ma non era A.P.P.L.E. ? altrimenti viene confusa con la mela morsicata....Già prima del 2000 i cellulari non hanno fatto che aumentare,di fronte ad un boom di tali proporzioni dove ognuno voleva la sua fetta chi avrebbe mai sostenuto una tesi così antieconomica ?La stessa cosa avviene in molti altri settori,inquinamento dei trasporti per esempio.Preferiamo vivere in città respirando lo smog più che rinunciare a prendere l'auto,ci siamo inventati anche una soglia oltre il quale è pericoloso,come se respirandone di meno tutti i giorni non comporti alcun effetto.Stessa cosa per i raccolti,preferiamo portare in tavola cibo contaminati con pesticidi anzichè mangiare prodotti sani.Ovunque ci siano dei forti interessi economici si fa prima a trovare un compromesso,anche a discapito della salute pubblica.Quello che conta è il denaro che gira,il resto è sacrificabile.
  • MacGeek scrive:
    Re: Psicosi
    - Scritto da: Wolf01
    Il problema è che poi queste cose generano
    psicosi, e arriveremo al punto che se uno tirerà
    fuori un cellulare in una stanza lo faranno
    uscire come se dovesse andare a
    fumare.

    Ok, ho sentito di persone sensibili alla
    radiazione elettromagnetica che ha mal di testa
    quando si trova nei pressi di reti wifi. Non
    metto in dubbio che possano esistere questi
    problemi, ma sono abbastanza individuali, come le
    allergie.Mettilo in dubbio, mettilo in dubbio. Sono tutte AUTOSOGGEZIONI. Anzi, stanne certo che lo sono
    • Izio01 scrive:
      Re: Psicosi
      - Scritto da: MacGeek
      - Scritto da: Wolf01

      Il problema è che poi queste cose generano

      psicosi, e arriveremo al punto che se uno tirerà

      fuori un cellulare in una stanza lo faranno

      uscire come se dovesse andare a

      fumare.



      Ok, ho sentito di persone sensibili alla

      radiazione elettromagnetica che ha mal di testa

      quando si trova nei pressi di reti wifi. Non

      metto in dubbio che possano esistere questi

      problemi, ma sono abbastanza individuali, come
      le

      allergie.

      Mettilo in dubbio, mettilo in dubbio. Sono tutte
      AUTOSOGGEZIONI.

      Anzi, stanne certo che lo sonoSì, non ho mai letto di uno di questi "allergici" che sia riuscito a passare la prova del doppio cieco.
      • mik.fp scrive:
        Re: Psicosi
        - Scritto da: Izio01
        - Scritto da: MacGeek

        - Scritto da: Wolf01


        Il problema è che poi queste cose
        generano


        psicosi, e arriveremo al punto che se
        uno
        tirerà


        fuori un cellulare in una stanza lo
        faranno


        uscire come se dovesse andare a


        fumare.





        Ok, ho sentito di persone sensibili alla


        radiazione elettromagnetica che ha mal
        di
        testa


        quando si trova nei pressi di reti
        wifi.
        Non


        metto in dubbio che possano esistere
        questi


        problemi, ma sono abbastanza
        individuali,
        come

        le


        allergie.



        Mettilo in dubbio, mettilo in dubbio. Sono
        tutte

        AUTOSOGGEZIONI.



        Anzi, stanne certo che lo sono

        Sì, non ho mai letto di uno di questi "allergici"
        che sia riuscito a passare la prova del doppio
        cieco.Non l'hai sentito perche' non esiste, non l'hai sentito perché non lo sai tu, non l'hai sentito perché nessuno ha messo a doppio cieco l'unico al mondo che soffre veramente di problemi legati all'elettromagnetismo, o non l'hai sentito perché una volta messo a doppio cieco si sono accorti che... beh ... non e' riuscito ad arrivare alla porta per uscire dal laboratorio... sai come vanno queste cose, e' morto durante il test per un ecXXXXX di radiazioni... un assistente di laboratorio (assunto nel laboratorio di test, 6 ore prima, da Motorola) ha urtato per errore la manopola dell'amplificatore di potenza che alimentava l'antenna nella camera in cui sedeva la cavia umana... elevando la potenza alla soglia di morte... un tragico incidente.Motorola, ovviamente insieme a Nokia, Apple e Samsung, si uniscono al cordoglio di tutti coloro che vorrebbero tanto poter provare scientificamente la questione per aiutare questi poveri matti a rinsavire.
  • Lorenzo scrive:
    Sono fuori di melone
    Quindi bisognerebbe spendere soldi ed energie per una campagna con dal sginficato " Non si sa se il cellulare fa male ... pero' voi usatelo il meno possibile " . Perche' non raccolgono i fondi loro e provvedono ? non glielo impedisce nessuno ... Tra l'altro stanno portando avanti anche la campagna per togliere il wi-fi dalle scuole , giusto per precauzione .Sul loro sito c'e' piu' allarmismo che altro, se cominciamo col principio di precauzione non dobbiamo piu' uscire di casa potrebbe caderci una tegola in testa , non dobbiamo bere/manigare nulla chissa' ci fosse qualcosa che ci fa male ... cosi' alla fine per precauzione moriremmo :)Mi ricordano tanto quelli che bruciavano le streghe ...
    • Leguleio scrive:
      Re: Sono fuori di melone

      Quindi bisognerebbe spendere soldi ed energie per
      una campagna con dal sginficato " Non si sa se
      il cellulare fa male ... pero' voi usatelo il
      meno possibile " . Perche' non raccolgono i fondi
      loro e provvedono ?Perché un'organizzazione privata non può imporre per legge di far scrivere sulle confezioni di cellulari e impianti Wi-Fi le avvertenze. Su queste materie è unico sovrano il parlamento.
      • Lorenzo scrive:
        Re: Sono fuori di melone
        Intendevo una campagna di informazione sui giornali :)
        • Leguleio scrive:
          Re: Sono fuori di melone

          Intendevo una campagna di informazione sui
          giornali
          :)Quella magari la faranno anche, quando raccolgono i fondi.Per far parlare di sé i giornali, e perché PI ne accenni, bisogna tampinare il parlamento. Il resto non fa notizia.
    • Wolf01 scrive:
      Re: Sono fuori di melone
      Eh ma se poi fa male come l'amianto, le sigarette.. ma ricordiamo che l'ACQUA RADIOATTIVA con effetto diuretico, antianafilattico, vasodilatatore e aumento dell'attività estrogena femminile non fa male!
    • bradipao scrive:
      Re: Sono fuori di melone
      - Scritto da: Lorenzo
      Sul loro sito c'e' piu' allarmismo che altro, se
      cominciamo col principio di precauzione non
      dobbiamo piu' uscire di casa potrebbe caderci una
      tegola in testa , non dobbiamo bere/manigare
      nulla chissa' ci fosse qualcosa che ci fa male
      ... cosi' alla fine per precauzione moriremmo
      :)Iniziative che nascono con le migliori intenzioni talvolta purtroppo diventano auto-referenziali, cioè per puro istinto di sopravvivenza c'è bisogno di trovare qualcosa contro cui lottare. Possibilmente qualcosa di mediaticamente risonante.Perchè se il vero scopo finale fosse salvare vite umane e migliorare la salute di milioni di persone, una delle prime cose da fare sarebbe vietare la vendita di sigarette. Però a quel punto nascerebbero comitati e associazioni nell'altro senso. E non finiremmo più.
    • MacGeek scrive:
      Re: Sono fuori di melone
      Considera che noi abbiamo GIA' limiti per le emissioni elettromagnetiche intorno ad 1 ordine di grandezza più bassi del resto del mondo. E questo, ovviamente, comporta COSTI. Perché i gestori telefonici, le radio emittenti, ecc devono mettere più ripetitori sul territorio a potenza necessariamente ridotta per stare entro i limiti di legge. Senza contare le inevitabili cause penali contro chi, per sbaglio, emette un po' di più del lecito. E se ci capiti in mezzo sono caXXi. Vedi Radio Vaticana.
      • Leguleio scrive:
        Re: Sono fuori di melone

        Senza contare le inevitabili cause penali contro
        chi, per sbaglio, emette un po' di più del
        lecito. E se ci capiti in mezzo sono caXXi. Vedi
        Radio
        Vaticana.Lì non era per sbaglio. Ed erano emissioni superiori a qualsiasi regolamentazione, anche all'estero. Per avere un'idea, la normativa italiana permette un limite di 6 volt/metro. Radio vaticana, in alcune misurazioni, arrivava a 20.
        • MacGeek scrive:
          Re: Sono fuori di melone
          - Scritto da: Leguleio

          Senza contare le inevitabili cause penali
          contro

          chi, per sbaglio, emette un po' di più del

          lecito. E se ci capiti in mezzo sono caXXi.
          Vedi

          Radio

          Vaticana.

          Lì non era per sbaglio. Ed erano emissioni
          superiori a qualsiasi regolamentazione, anche
          all'estero. Per avere un'idea, la normativa
          italiana permette un limite di 6 volt/metro.
          Radio vaticana, in alcune misurazioni, arrivava a
          20.Appunto, fuori i limiti ITALIANI, non europei.
          • MacGeek scrive:
            Re: Sono fuori di melone
            - Scritto da: MacGeek
            - Scritto da: Leguleio


            Senza contare le inevitabili cause
            penali

            contro


            chi, per sbaglio, emette un po' di più
            del


            lecito. E se ci capiti in mezzo sono
            caXXi.

            Vedi


            Radio


            Vaticana.



            Lì non era per sbaglio. Ed erano emissioni

            superiori a qualsiasi regolamentazione, anche

            all'estero. Per avere un'idea, la normativa

            italiana permette un limite di 6 volt/metro.

            Radio vaticana, in alcune misurazioni,
            arrivava
            a

            20.

            Appunto, fuori i limiti ITALIANI, non europei.Ora non trovo la tabellina con i limiti, ma mi sembra che limiti ICRP (quelli "veri" a cui si attengono tutti, tranne noi) sono pari a 60 V/m
          • MacGeek scrive:
            Re: Sono fuori di melone
            Scusa per le non-ionizzanti è la ICNIRP (uff... che acronimi impossibili), qui ci sono le loro linee guida con i limiti nelle varie tabelle. L'Europa (e il mondo) utilizza questi riferimenti nelle loro norme. Noi NO. http://www.icnirp.net/documents/emfgdl.pdf
          • Leguleio scrive:
            Re: Sono fuori di melone

            Scusa per le non-ionizzanti è la ICNIRP (uff...
            che acronimi impossibili), qui ci sono le loro
            linee guida con i limiti nelle varie tabelle.
            L'Europa (e il mondo) utilizza questi riferimenti
            nelle loro norme. Noi NO.


            http://www.icnirp.net/documents/emfgdl.pdfConosci il proverbio "l'erba del vicino è sempre più verde"? Ecco.Quel documento che link è un saggio tecnico, non ha nulla a che fare con la legislazione, di nessuno Stato.E il quadro all'interno della UE è molto più variegato di quanto pensi, vedi questo breve articolo:http://www.nannimagazine.it/articolo/4617/Elettrosmog-dall-Australia-alla-Gran-Bretagna-confronto-tra-restrizioni-legislativeLa provincia di Salisburgo, in Austria, e la Castiglia, sono molto più severe dell'Italia.
          • MacGeek scrive:
            Re: Sono fuori di melone
            - Scritto da: Leguleio

            Scusa per le non-ionizzanti è la ICNIRP
            (uff...

            che acronimi impossibili), qui ci sono le
            loro

            linee guida con i limiti nelle varie tabelle.

            L'Europa (e il mondo) utilizza questi
            riferimenti

            nelle loro norme. Noi NO.





            http://www.icnirp.net/documents/emfgdl.pdf

            Conosci il proverbio "l'erba del vicino è sempre
            più verde"?
            Ecco.
            Quel documento che link è un saggio tecnico, non
            ha nulla a che fare con la legislazione, di
            nessuno
            Stato.
            E il quadro all'interno della UE è molto più
            variegato di quanto pensi, vedi questo breve
            articolo:

            http://www.nannimagazine.it/articolo/4617/Elettros

            La provincia di Salisburgo, in Austria, e la
            Castiglia, sono molto più severe
            dell'Italia.Pensavo che l'Europa fosse più uniforme, grazie del link. Almeno una volta mi risulta che ci fossero dei limiti Europei ed erano basati sulle raccomandazioni dell'ICNIRP. Almeno quelle hanno delle basi scientifiche (si vuole evitare qualsiasi effetto biologico, non che questo comporti che facciano male), le altre sicuramente NO.
          • Leguleio scrive:
            Re: Sono fuori di melone

            Almeno una volta mi risulta che ci
            fossero dei limiti Europei ed erano basati sulle
            raccomandazioni dell'ICNIRP. Almeno quelle hanno
            delle basi scientifiche (si vuole evitare
            qualsiasi effetto biologico, non che questo
            comporti che facciano male), le altre sicuramente
            NO.Legislazione e scienza sono due campi che raramente si incontrano. Recentemente in Italia è stata accolta come una vittoria l'abrogazione della Fini-Giovanardi, che tra l'altro unificava droghe leggere e pesanti; ebbene, una volta tanto aveva ragione la legge: questa distinzione non ha alcuna base scientifica, è puramente culturale! Ovviamente i due proponenti non l'avevano fatta per questo, ma il principio era giusto.E così accade per tutti quegli ambiti in cui bisogna mettere dei limiti precisi, in modo che i giudici possano regolarsi e punire i trasgressori. Quali sono le basi scientifiche per i limiti di velocità generali in autostrada? E per i limiti di emissioni di decibel per le discoteche? Esistono modificazioni neurologiche o sensoriali al compimento del 18° anno di età, il limite dell'età minore nella maggior parte degli Stati (non ovunque)?
          • Izio01 scrive:
            Re: Sono fuori di melone
            - Scritto da: Leguleio

            Almeno una volta mi risulta che ci

            fossero dei limiti Europei ed erano basati
            sulle

            raccomandazioni dell'ICNIRP. Almeno quelle
            hanno

            delle basi scientifiche (si vuole evitare

            qualsiasi effetto biologico, non che questo

            comporti che facciano male), le altre
            sicuramente

            NO.


            Legislazione e scienza sono due campi che
            raramente si incontrano. Recentemente in Italia è
            stata accolta come una vittoria l'abrogazione
            della Fini-Giovanardi, che tra l'altro unificava
            droghe leggere e pesanti; ebbene, una volta tanto
            aveva ragione la legge: questa distinzione non ha
            alcuna base scientifica, è puramente culturale!
            Ovviamente i due proponenti non l'avevano fatta
            per questo, ma il principio era giusto.
            Insomma... allora alcool e tabacco andrebbero equiparati alle altre droghe, visto che ne condividono le caratteristiche.
          • Leguleio scrive:
            Re: Sono fuori di melone

            è

            stata accolta come una vittoria l'abrogazione

            della Fini-Giovanardi, che tra l'altro
            unificava

            droghe leggere e pesanti; ebbene, una volta
            tanto

            aveva ragione la legge: questa distinzione
            non
            ha

            alcuna base scientifica, è puramente
            culturale!

            Ovviamente i due proponenti non l'avevano
            fatta

            per questo, ma il principio era giusto.


            Insomma... allora alcool e tabacco andrebbero
            equiparati alle altre droghe, visto che ne
            condividono le
            caratteristiche.Non andrebbero, ma "vanno". E qualsiasi medico che operi nell'ambito del tabagismo e dell'alcolismo te lo confermerà. Sono due sostanze psicotrope che provocano dipendenza, oltre che gravi danni alla salute, e la loro esclusione dalle tabelle delle sostanze proibite è dovuta solo a fattori culturali. Leggi: anche Noè beveva, e anche Churchill fumava (il sigaro, però).
          • Skywalker scrive:
            Re: Sono fuori di melone
            - Scritto da: Leguleio
            Quali sono le basi scientifiche per i limiti di
            velocità generali in autostrada?Le specifiche di progetto: gli effetti di perdita di orizzonte ed i raggi di curvatura sono stati progettati avendo come specifica che sarebbero stati percorsi ad una velocità massima di 130 km/h. Infatti anche quando si è parlato di portare il limite a 150 km/h si è sempre parlato di "tratti", mai di limite generale.
          • Leguleio scrive:
            Re: Sono fuori di melone


            Quali sono le basi scientifiche per i limiti
            di

            velocità generali in autostrada?
            Le specifiche di progetto: gli effetti di perdita
            di orizzonte ed i raggi di curvatura sono stati
            progettati avendo come specifica che sarebbero
            stati percorsi ad una velocità massima di 130
            km/h. Quale curvatura? Esistono autostrade pefettamente dritte per chilometri e chilometri.Gli effetti di perdita di orizzonte sono inevitabili su qualsiasi strada, la Terra è sferica, ma ho qualche dubbio che una perdita di orizzonte così ampia imponga un limite di velocità a 130 km/h. Tu hai dei dati?
            Infatti anche quando si è parlato di
            portare il limite a 150 km/h si è sempre parlato
            di "tratti", mai di limite
            generale.Ma lì si tratta di descrivere il bicchere come mezzo pieno anziché come mezzo vuoto: all'atto pratico non cambia nulla. In alcuni tratti delle autostrade italiane limiti stretti sono sacrosanti, ci sono tornanti, gallerie strette, imbuti...Non si capisce perché ci debbano essere limiti nei tratti con quattro corsie e rettilineo continuo e visibilità buona. Anche limiti inferiori con nebbia o pioggia hanno un senso, basta che non si faccia finta che ci sia sempre la nebbia (o la pioggia).In Germania non esiste, ad oggi, alcun limite generale (se non hanno cambiato la legge, visto che se ne discute), e così in Australia.
          • MacGeek scrive:
            Re: Sono fuori di melone
            - Scritto da: Skywalker
            - Scritto da: Leguleio

            Quali sono le basi scientifiche per i limiti
            di

            velocità generali in autostrada?
            Le specifiche di progetto: gli effetti di perdita
            di orizzonte ed i raggi di curvatura sono stati
            progettati avendo come specifica che sarebbero
            stati percorsi ad una velocità massima di 130
            km/h.No, 140. Il limite è sempre stato 140 km/h per le autostrade italiane. Erano state progettate per quella velocità, per auto degli anni '60! Il limite di 130 km/h è relativamente recente e un po' copiato al altri limiti imposti in Europa senza ALCUNA base razionale. Sarei curioso di vedere qualche statistica guardante eventuali diminuzioni del numero di incidenti/morti/feriti. Dubito. Visto che in Germania, dove non ci sono limiti, non ci sono più incidenti che da noi.
          • Leguleio scrive:
            Re: Sono fuori di melone



            Quali sono le basi scientifiche per i
            limiti

            di


            velocità generali in autostrada?

            Le specifiche di progetto: gli effetti di
            perdita

            di orizzonte ed i raggi di curvatura sono
            stati

            progettati avendo come specifica che
            sarebbero

            stati percorsi ad una velocità massima di 130

            km/h.
            No, 140. Il limite è sempre stato 140 km/h per le
            autostrade italiane. Io veramente non parlavo solo di quelle italiane, ma di tutte quelle in cui c'è un limite generale, che sono la maggior parte.In ogni caso hai le idee un po' confuse. In Italia non esisteva alcun limite generale fino al dicembre 1973, quando, in seguito alla crisi petrolifera, venne posto a 120 km/h. Ci furono diversi cambiamenti in seguito che non sto a riassumere, basti ricordare quello che imponeva un diverso limite di velocità in base... alla cilindrata! La stradale ferma la Autobianchi Y10 per ecXXXXX di velocità, va a 140 km/h, ma poi si scopre che era la versione a 1300 cc, tutto a posto, buon viaggio. Limiti praticissimi da far applicare, non c'è che dire!
            Erano state progettate per
            quella velocità, per auto degli anni '60! Veramente la più antica autostrada è stata inaugurata nel 1924. Tratto Milano-Lainate.Però è vero che il grosso delle autostrade italiane sono state progettate e costruite negli anni Sessanta.
            Il
            limite di 130 km/h è relativamente recente e un
            po' copiato al altri limiti imposti in Europa
            senza ALCUNA base razionale. Il nuovo codice della strada ammette la possibilità, per le concessionarie autostradali, di elevarlo a 150 km/h, se la strada soddisfa certi requisiti (tre carreggiate più corsia di emergenza, e altri che non ricordo). Per ora nessuna società se l'è sentita di applicarlo alla propria.
    • king volution scrive:
      Re: Sono fuori di melone
      - Scritto da: Lorenzo
      Quindi bisognerebbe spendere soldi ed energie per
      una campagna con dal sginficato " Non si sa se
      il cellulare fa male ... pero' voi usatelo il
      meno possibile " . Perche' non raccolgono i fondi
      loro e provvedono ?

      non glielo impedisce nessuno ...

      Tra l'altro stanno portando avanti anche la
      campagna per togliere il wi-fi dalle scuole ,
      giusto per precauzione
      .

      Sul loro sito c'e' piu' allarmismo che altro, se
      cominciamo col principio di precauzione non
      dobbiamo piu' uscire di casa potrebbe caderci una
      tegola in testa , non dobbiamo bere/manigare
      nulla chissa' ci fosse qualcosa che ci fa male
      ... cosi' alla fine per precauzione moriremmo
      :)


      Mi ricordano tanto quelli che bruciavano le
      streghe...a me invece i tuoi discorsi ricordano quelli delle multinazionali del tabacco...
  • Leguleio scrive:
    All'estero
    "Campagne di prevenzione che all'estero sono già la normalità"All'estero, ma dove? Nessuno lo sa. Però è molto indicativo di una mentalità diffusa ormai ovunque, e non solo a livello parlamentare, per cui bisogna rifarsi a un esempio estero qualsiasi per puntellare le proprie idee.Se l'Italia avesse preso esempio dall'estero quando il rapporto debito/PIL galoppava oltre il 100 %, oppure quando c'era da fare una legge antitrust a proposito di televisioni...
Chiudi i commenti