WebTheatre/ In proprio, sul Tubo

di G. Niola - Stelle della televisione italica sperimentano con una webserie nata con una forchetta in mano. Verso la fine del mondo, in bilico tra apparenza e sostanza

Roma – Delle webserie esiste la sostanza, cioè la produzione, il risultato, l’aver creato qualcosa di proprio che generi un racconto e (magari) appassioni un pubblico che lo segue per le sue qualità, e poi c’è l’apparenza, ovvero la possibilità di realizzare qualcosa di giovanile a basso costo, al di fuori delle costrizioni dei sistemi tradizionali, a prescindere dal risultato.
All’apparenza delle webserie appartengono diversi elementi, come il gruppo di amici che si mette insieme, la produzione rapida e veloce, i contenuti in teoria estremi e difficili e l’idea di qualcosa fatto con poco che possa racimolare moltissimo. Alla sostanza invece appartiene solo il risultato, qualcosa che sia lontano dal cinema e dalla televisione ma che da questi riesca a prendere il meglio.

Tenendo presente questa dialettica è difficile collocare Last Day , l’avventura online di 5 amici dai nomi noti: Emanuele Propizio, Andrea Montovoli, Matteo Branciamore, Nathalie Rapti Gomez e Marco Costa, quasi tutti vantano un curriculum nella televisione con qualche incursione nel cinema (Marco Costa è sceneggiatore di Carabinieri e Il ritmo della vita e regista di Piazza Giochi, Emanuele Propizio si divide tra I Liceali, Manuale d’Amore 3 ed ha esordito in Mio fratello è figlio unico).
Da Montovoli e Costa parte l’idea e gli altri vengono lentamente coinvolti in una webserie da girarsi e prodursi in fretta con poche idee di ritorno economico, perché l’importante è farla: “Eravamo a pranzo ai Castelli e ci piangevamo addosso parlando della moria di produzioni e provini da fare, Andrea ha buttato lì l’idea e poi ci siamo messi tutti insieme a scriverlo” spiega Marco Costa, che della serie è regista.

Il risultato è per l’appunto Last Day, webserie da 5 episodi di 7 minuti di durata l’uno, online da questa settimana ogni martedì fino al 21 dicembre (che sarà un venerdì). La webserie infatti si conclude il giorno in cui i Maya hanno predetto la fine del mondo e racconta di una notte in una casa, la notte del 21 Dicembre 2012, in cui alcune persone si riuniscono per festeggiare la possibile fine del mondo: “L’idea è capire cosa faresti l’ultima sera del mondo, magari metterti vicino a chi ami di più per fare uscire il meglio di te” dice sempre Costa.
Il primo episodio è insufficiente per capire davvero dove vada a parare la serie ma l’aria che si respira è quella di un prodotto fatto molto in fretta, breve e concentrato, sia nella scrittura che nella realizzazione, con l’aria della truppa in vacanza più che del battaglione pronto alla guerra lampo (vedasi la ripetitività dei clichè come il Dies irae di Mozart all’apparire di un personaggio depresso).

Last Day

Il modello non dichiarato è Freaks, non tanto per la trama (con cui poco ha a che vedere) quanto per lo spirito di unire diverse persone con una certa notorietà per inseguire un progetto personale. Fine tanto nobile quanto rischioso, perché in caso di fallimento le scusanti non esistono.
Come in tutte le webserie manca la mano di un produttore, ma stavolta sembra un limite più che un pregio, perché Last Day vaga senza quell’asciutta chiarezza di idee che caratterizza i prodotti migliori.

Il budget non è alto ma gli sponsor sono molti e gli stessi autori si dichiarano ignoranti sui meccanismi di profitto da YouTube. Il motivo per il quale è stata scelta la piattaforma di Google e non altre possibilità online è perché iTunes è caratterizzato da prezzi sono troppo alti, mentre piattaforme dal modello pay-per-click avrebbero impedito di raggiungere la prima finalità: “Volevamo più che altro che girasse”.

Ecco allora che nella dialettica tra la sostanza e l’apparenza di una webserie, nelle motivazioni alla base di Last Day sembra prevalere l’apparenza, mentre la sostanza si spera arrivi nei prossimi episodi.

LAST DAY – EPISODIO 1

Gabriele Niola
Il blog di G.N.

I precedenti scenari di G.N. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fabrizio Boldi scrive:
    al di là del giudizio di merito...
    Al di là di quanto m$ possa stare più o meno simpatica, prima di chiedere prove a recriminare avete fatto la cosa più semplice del mondo?Io ho provato a fare una ricerca molto base per 2 articoli che mi interessano: 1. Merrell Lithe Glove Black. (3 risultati contro 4400)2. D600 Nikon Body only (7 risultati contro 13)Ammetto Che Bing propone più risultati, anche se meno accurati. Parliamo di 3 risultati di Google (non tutti corretti) contro 4400 di Bing. Ho contato almeno una decina di risultati corretti da Bing nella prima pagina. Sinceramente Microsoft si è guadagnata un potenziale cliente... non li adoro, ma 3 contro 4400 è a dir poco mostruoso, e in entrambi i casi m$ ha proposto prezzi più vantaggiosi.Naturalmente è un campione ridotto, ma da ora in avanti aggiungerò Bing ai vari ebay-amazon-gshopping quando cerco qualcosa.* NOTA: io scrivo dall'estero, che potrebbe aver influenzato i risultati
    • styx scrive:
      Re: al di là del giudizio di merito...
      - Scritto da: Fabrizio Boldi
      Al di là di quanto m$ possa stare più o meno
      simpatica, prima di chiedere prove a recriminare
      avete fatto la cosa più semplice del
      mondo?Intendi leggere cos'e' Google Shopping? e le sue regole?Si un po l'ho fatto, e se ne deduce che M$ e' un troll.http://googlecommerce.blogspot.it/2012/05/building-better-shopping-experience.html (il post "criminale" secondo M$. Che pero' e' sul blog ufficiale, mica infilato su un post anonimo su usenet)http://googlecommerce.blogspot.com/2012/11/google-shopping-goes-global.htmlg.shopping e' qualcosa di piu articolato di un search (passivo). Piu simile a un ebay+paypal...
      Io ho provato a fare una ricerca molto base per 2
      articoli che mi interessano:

      1. Merrell Lithe Glove Black. (3 risultati
      contro
      4400)
      2. D600 Nikon Body only (7 risultati contro 13)

      Ammetto Che Bing propone più risultati, anche se
      meno accurati. Parliamo di 3 risultati di Google
      (non tutti corretti) contro 4400 di Bing. Ho
      contato almeno una decina di risultati corretti
      da Bing nella prima pagina.Io sinceramente se sbatto, dall'italia ma cercando di usare lo shop US (visto che gshop e' ancora us oriented), la frase d600 nikon body only, sul google shopping, vedo 96 risultati ( http://tinyurl.com/cjhrsuo ). Se vado su MSN/bing dall'italia, il segmento shopping e' gestito da *.ciao.it , sparo "d600 nikon body only" e i link sono un po tristi.. (o zero o 32, a seconda se tengo 'only')Cmq per la cronaca tendo a non usare nessuno dei due... (anzi bing direttamente non lo uso proprio mai)
  • ninjaverde scrive:
    LaVolpe
    M$ mi fa venire in mente la volpe che fa la predica alle galline...Anche se Google non è proprio una gallina...Pratiche commerciali scorrette?Ma comincino loro ad essere corretti, poi allora possono anche fare le "pulci" a Google! :@Ormai siamo in un mondo demenziale. :s
    • Dodge scrive:
      Re: LaVolpe
      - Scritto da: ninjaverde
      M$ mi fa venire in mente la volpe che fa la
      predica alle
      galline...
      Anche se Google non è proprio una gallina...
      Pratiche commerciali scorrette?
      Ma comincino loro ad essere correttiChe discorso idiota.Non è meglio se entrambe sono corrette?Deve cominciare Microsoft per poi essere seguita da Google?Che ragionamento...
      • sbrotfl scrive:
        Re: LaVolpe
        - Scritto da: Dodge
        - Scritto da: ninjaverde

        M$ mi fa venire in mente la volpe che fa la

        predica alle

        galline...

        Anche se Google non è proprio una gallina...

        Pratiche commerciali scorrette?

        Ma comincino loro ad essere corretti
        Che discorso idiota.
        Non è meglio se entrambe sono corrette?
        Deve cominciare Microsoft per poi essere seguita
        da
        Google?
        Che ragionamento...No... ma se il bue vuole dare del cornuto all'asino, è meglio che cominci a tagliarsi le corna. Altrimenti ne perde in credibilità ;)
      • ninjaverde scrive:
        Re: LaVolpe
        - Scritto da: Dodge
        - Scritto da: ninjaverde

        M$ mi fa venire in mente la volpe che fa la

        predica alle

        galline...

        Anche se Google non è proprio una gallina...

        Pratiche commerciali scorrette?

        Ma comincino loro ad essere corretti
        Che discorso idiota.
        Non è meglio se entrambe sono corrette?
        Deve cominciare Microsoft per poi essere seguita
        da
        Google?
        Che ragionamento...Ma caro signore se qualcuno non comincia per primo la questione rimarrà sempre la stessa: uno fa la volpe e l'altro la gallina. Poi ci si scambiano i ruoli.Il fatto è che di correttezze ce ne sono un pò pochine di questi tempi, c'è invece la gara di chi fa di più il "furbo".Insomma "l'onore" di una volta che si identificava nel termine di "galant'uomini" non è di moda. Adesso è di moda il "Mariuolo" naturalmenteappena dentro i confini di legge... e qualche volta un pò oltre.
    • kaninswas scrive:
      Re: LaVolpe
      Tablet PC 7 pollici resistivo Android 4.0 VIA8850 1.2GHz hdmi! Molto utile! Tablet PC fantastico!http://va.mu/bAwu
  • deeq scrive:
    somali ku nool italia
    ok aim somali my nemies deeq xaashi cali
  • deeq scrive:
    baashe
    baashe cabdi raxmanok buukaase wa shaqalh mekr softe
  • sbrotfl scrive:
    Fonti?
    Ok cara M$.... tutto bello.Ora pero' dite a Ciccio Panza di fornire delle prove per cortesia. Altrimenti è solo FUD.
    • Izio01 scrive:
      Re: Fonti?
      - Scritto da: sbrotfl
      Ok cara M$.... tutto bello.

      Ora pero' dite a Ciccio Panza di fornire delle
      prove per cortesia. Altrimenti è solo
      FUD.No, le fonti le citano, sono le stesso policy di Google.In pratica mostrano come otto anni fa Google dichiarasse che il ranking non sarebbe stato influenzato dal dinero, mentre oggi dichiarano apertamente che Google Shopping presenta inserzioni.Bè, non credo di aver mai usato Google Shopping: quando non trovo qualcosa su Amazon, vado di Google search, dove non credo che il problema si presenti, va detto che però M$ stavolta non ha tutti i torti.Nonostante questo, io personalmente continuo a fidarmi di Google circa 300 volte tanto rispetto a Microsoft e Bing.
      • P.Inquino scrive:
        Re: Fonti?

        Nonostante questo, io personalmente continuo a
        fidarmi di Google circa 300 volte tanto rispetto
        a Microsoft e
        Bing.bing? cos'e' bing?
        • ninjaverde scrive:
          Re: Fonti?
          - Scritto da: P.Inquino

          Nonostante questo, io personalmente continuo
          a

          fidarmi di Google circa 300 volte tanto
          rispetto

          a Microsoft e

          Bing.

          bing? cos'e' bing?bing è quando uno ti tà una cucchiaiata in testa. 8)
          • P.Inquino scrive:
            Re: Fonti?
            - Scritto da: ninjaverde
            - Scritto da: P.Inquino


            Nonostante questo, io personalmente
            continuo

            a


            fidarmi di Google circa 300 volte tanto

            rispetto


            a Microsoft e


            Bing.



            bing? cos'e' bing?

            bing è quando uno ti tà una cucchiaiata in testa.

            8)e bong?
          • ninjaverde scrive:
            Re: Fonti?
            - Scritto da: P.Inquino
            - Scritto da: ninjaverde

            - Scritto da: P.Inquino



            Nonostante questo, io personalmente

            continuo


            a



            fidarmi di Google circa 300 volte
            tanto


            rispetto



            a Microsoft e



            Bing.





            bing? cos'e' bing?



            bing è quando uno ti tà una cucchiaiata in
            testa.



            8)

            e bong?E' quando viene usato un cucchiaio di legno. (rotfl)
          • sbrotfl scrive:
            Re: Fonti?
            - Scritto da: ninjaverde
            - Scritto da: P.Inquino

            - Scritto da: ninjaverde


            - Scritto da: P.Inquino




            Nonostante questo, io
            personalmente


            continuo



            a




            fidarmi di Google circa 300
            volte

            tanto



            rispetto




            a Microsoft e




            Bing.







            bing? cos'e' bing?





            bing è quando uno ti tà una cucchiaiata
            in

            testa.





            8)



            e bong?

            E' quando viene usato un cucchiaio di legno.
            (rotfl)Ok, non so perchè ma sto ridendo coome un XXXXX
      • panda rossa scrive:
        Re: Fonti?
        - Scritto da: Izio01
        - Scritto da: sbrotfl

        Ok cara M$.... tutto bello.



        Ora pero' dite a Ciccio Panza di fornire delle

        prove per cortesia. Altrimenti è solo

        FUD.

        No, le fonti le citano, sono le stesso policy di
        Google.
        In pratica mostrano come otto anni fa Google
        dichiarasse che il ranking non sarebbe stato
        influenzato dal dinero, mentre oggi dichiarano
        apertamente che Google Shopping presenta
        inserzioni.Google shopping non e' un motore di ricerca, e' un'altra cosa.
Chiudi i commenti