WebTheatre/ Madri e padri

Rassicurazioni e identificazione, consigli e ironia mordace. L'esperienza di veri genitori per una tv tematica e un target mirato

L’esempio di tutto ciò che di positivo, interattivo, formativo e redditizio si può fare online con il video lo danno le webtv, i vlog o le serie online dedicate alla maternità e alla paternità. Una categoria in fortissima espansione anche anche in Italia.

Il punto è che la maternità e tutto ciò che concerne l’essere genitori è uno dei contenuti più forti che ci siano in assoluto: sufficientemente preciso e delimitato da favorire la vendita di spazi pubblicitari, sufficientemente interessante (per chi è interessato) da fomentare una fruizione lunga e non episodica e dotato di un target infinito. Tale target è tra i migliori che si possano desiderare. BSM Media riporta che (negli Stati Uniti) l’80% delle mamme guarda almeno un video online ogni settimana e l’87% legge un blog. Quasi la totalità di un segmento che costituisce il 40% della popolazione, che in molti casi risiede a casa e che è avida di informazioni e di confronto.

Intorno a questo popolo di mamme (e in maniera minore di padri) negli Stati Uniti è fiorita una vasta produzione di serie per la rete che parlano, ridono e raccontano l’essere genitori ad un pubblico di genitori e anche una serie di webtv a sfondo didattico-informativo. A quest’ultima categoria appartiene l’unico esperimento noto in Italia: Mammenellarete.it .
Dopo un anno di presenza online il sito ha cambiato piattaforma e si è evoluto tecnologicamente (arricchendosi di nuove sezioni e servizi), verso la dimensione di vera webtv a tema. Curato da YKS, Mammenellarete.it riunisce infatti idee, suggerimenti, storie, commenti sulla maternità in forma di video. La quantità di materiale presente è veramente alta e molto ben organizzata. Non solo ci sono video di tutte le categorie (compresi quelli che mostrano solo bambini che ballano o simili amenità da YouTube) ma sono anche divisi per età del bambino o per fase della gravidanza.

Mamme nella rete Mammenellarete.it si fonda su un misto di contenuti prodotti e inviati dagli utenti e di contenuti prodotti internamente, affiancando così storie e commenti veri a giudizi di esperti o anche parti più didattiche. L’unico esempio in cui più l’UGC è artigianale, tematico e quasi ossessivo nel trattare sempre i medesimi temi e nel mettere in mostra la propria esperienza, più funziona . In questo senso si tratta di una “tv tematica”, cioè nel suo scegliere un argomento ed esplorarlo in tante dimensioni diverse; ma poi ha tutta una parte più “social” che consente un’interazione forte tra gli utenti. Il misto di commenti, feed RSS, valutazioni, tag cloud, podcast, canali, WiTv (un’interfaccia tutta in flash che propone i medesimi contenuti ma spingendo più sulla fruizione del video in contemporanea alla navigazione), blog ecc. rende Mammenellarete.it la realtà di webtv più curata moderna ed efficiente del nostro paese nonostante non sia rivolta ad un pubblico indifferenziato. Anzi, proprio la sua scelta di ritagliare un pubblico precisissimo rende l’idea vincente. C’è, per dire, anche tutto uno spazio apposito e delimitato (il “club delle mamme”) in cui le aziende possono proporre prodotti, illustrarli, spiegarli e favorirne l’acquisto con sconti e offerte.

Mammenellarete.it però non traccia una vera differenza tra madri e padri. Nonostante il sito abbia un indirizzo chiaro fin dal nome, lo stesso è presente una sezione sulla paternità che sembra comunque realizzata per essere vista dalle madri (vedi il video più visto di tutti). Sebbene i contenuti riguardino la paternità o racconti di paternità, il tono, le informazioni e il modo di porsi rispetto allo spettatore sembrano decisamente più indirizzati alle mamme.

Discorso opposto a quello che accade nel più maturo mercato statunitense, dove ai padri sono dedicate serie a parte come DadLabs , che salta di puntata in puntata tra video didattici, promozionali e puramente finzionali. Più che altro gag demenziali intorno alle cose che hanno in comune i padri.

Con un diverso senso dello spettacolo e dell’entertainment invece in America la maternità ha dato vita a moltissime diverse produzioni spesso a sfondo fiction o docu-fiction, cioè quei video che raccontando storie di finzione affrontano temi e veicolano informazioni. A differenza però degli equivalenti televisivi, o addirittura cinematografici, ad essere messe in scena non sono mamme finte o celebrità che sono diventate mamme in passato (che rappresenterebbero la versione idealizzata di una mamma), bensì donne che autenticamente si presentano come mamme (poco trucco, fisico imperfetto, bella presenza ma di età matura e modo di fare confidenziale).

in the motherhood È cominciato tutto con In The Motherhood , serie comica decisamente di alto profilo, tutta dalla parte delle madri incentrata sulle difficoltà e i problemi dell’essere mamme di bambini piccoli. Con il tempo e con il successo è cresciuta anche di budget fino ad arrivare nell’ultima stagione per la rete a costare 40.000 dollari al minuto (come una serie per la televisione a basso costo), ad avere due sponsor fissi e immutabili (Unilever e Sprint) che hanno brandizzato anche tutto il sito, e a poter far entrare nel cast un nome noto come Jenny McCarthy. Tutto questo (oltre ovviamente al successo online) sono fruttati a In The Motherhood il salto al mondo della televisione con uno show proprio acquistato da ABC .

coolmom Altro caso clamoroso è quello di CoolMom , serie tutta incentrata su Daphne Brogdon, creatrice e protagonista assoluta di ogni episodio. È lei la CoolMom (o in una visione più completa lo è quella che sceglie di guardare simili contenuti brevi e alla moda in rete e non una sitcom familiare in televisione) che guardando dritta in camera in ogni puntata affronta un tema diverso, spesso aiutandosi con la sua vera bambina, ironizzando sulla difficoltà di gestire vita privata, esigenze femminili e cura del bambino. Il tono è ovviamente scherzoso e giocoso e le finalità sono assolutamente consolatorie, ovvero mostrare, dimostrare e rassicurare chi sta guardando sulle proprie fobie da mamma e sul proprio status privilegiato.

Cosa che decisamente non fa Faux Baby , serie che esce dalla factory di Strike.tv e che senza alcun intento didattico racconta di una coppia che, spaventata all’idea di non essere pronta ad avere un bambino, riceve dalla psichiatra un bambolotto molto realistico con cui fare le prove.
In questo caso la paternità e la maternità sono affrontate insieme e con una certa cattiveria, mettendo in evidenza più le molte ombre che le poche luci. Non c’è per nulla un tono consolatorio e non c’è nessun invito all’identificazione, si potrebbe anzi direi che Faux Baby non è nemmeno una serie indirizzata al medesimo target delle altre, perché in nessuna maniera suggerisce allo spettatore che le persone coinvolte nella realizzazione sono effettivamente genitori.

MAMMENELLARETE.IT – Quando l’ho saputo

MAMMENELLARETE.IT – Giochiamo sul divano

DADLABS – Cry
COOL MOM – Bully Kids
IN THE MOTHERHOOD – Grocery Disaster

FAUX BABY – EPISODIO 2

Gabriele Niola
Il blog di G.N.

I precedenti scenari di G.N. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • infame scrive:
    non supportare MS Outlook...
    ...equivale a darsi una martellata sugli zebedei, IMHO.
  • ignorante scrive:
    Eudora 8
    Eudora 8, invece, a che punto è?Sembra abbandonato. E preferiscono sviluppare un altro client email.
  • Cla scrive:
    Gmail offline
    Prevedo che appena sarà effettivo il passaggio di Gmail, Calendar, Document, Reader ecc, alla modalità offline molti di questi client avranno vita difficile.La comodità di avere tutto sincronizzato sul web, di essere accessibile da qualunque device con un browser integrato e la possibilità di condividere alcune di queste risorse con altri utenti sinceramente fa la differenza.Da quando ho un account Gmail, ormai 3 anni orsono, ho abolito del tutto questi programmi dal mio pc e non ne sento assolutamente la mancanza.E ho visto persino molte aziende migrare a queste soluzioni. Basta farsi meno seghe mentali sui discorsi della privacy...
    • quoto scrive:
      Re: Gmail offline
      - Scritto da: Cla
      Prevedo che appena sarà effettivo il passaggio di
      Gmail, Calendar, Document, Reader ecc, alla
      modalità offline molti di questi client avranno
      vita
      difficile.

      La comodità di avere tutto sincronizzato sul web,
      di essere accessibile da qualunque device con un
      browser integrato e la possibilità di condividere
      alcune di queste risorse con altri utenti
      sinceramente fa la
      differenza.

      Da quando ho un account Gmail, ormai 3 anni
      orsono, ho abolito del tutto questi programmi dal
      mio pc e non ne sento assolutamente la
      mancanza.
      E ho visto persino molte aziende migrare a queste
      soluzioni.

      Basta farsi meno seghe mentali sui discorsi della
      privacy...Appoggio in tutto (soprattutto la parte delle seghe).Ho avuto la possibilità di lavorare brevemente con la grande G e devo dire che lato loro la sicurezza in ambito enterprise è assoluta
    • anonimo scrive:
      Re: Gmail offline
      - Scritto da: Cla
      Prevedo che appena sarà effettivo il passaggio di
      Gmail, Calendar, Document, Reader ecc, alla
      modalità offline molti di questi client avranno
      vita
      difficile.[snip]
      Basta farsi meno seghe mentali sui discorsi della
      privacy...Beh, seghe mentali non lo sono proprio, comunque questione di gusti, io uso gmail perche' e` comodo avere una webmail ben fatta, ma per esempio non garantiscono il backup delle mie mail e non mi garantiscono il servizio, per quello sul mio computer principale scarico sempre tutto con pop3. Se avessi un'azienda di sicuro non utilizzerei GMail per come programma di posta, la versione gratuita non mi da` la sicurezza che mi piace, inoltre certi documenti che oramai gli utenti si scambiano via mail non vorrei rimanessero sui server di google, inoltre c'e` da dire che io giudico molto male un'azienda che abbia la posta su un dominio non suo (pero` c'e` gmail a pagamento che risolve la cosa), sarebbe interessante se ci fosse la possibilita` di usare l'interfaccia di GMail con un server imap con dominio di mia scelta, allora avremmo raggiunto quasi la perfezione.
      • syntaris scrive:
        Re: Gmail offline
        ma con google apps non è già possibile?utilizzando il tuo dominio puoi avere uno (o più) accounts del tipo user@tuodominio.com ad esempio ed usarli con gmail.o sbaglio?
        • zaur scrive:
          Re: Gmail offline
          - Scritto da: syntaris
          ma con google apps non è già possibile?

          utilizzando il tuo dominio puoi avere uno (o
          più) accounts del tipo user@tuodominio.com ad
          esempio ed usarli con
          gmail.
          o sbaglio?yes.è anche gratuito @tuodominio, ma non è incluso il backup, per quello devi passare all'enterprise e costa 40 euro a cassetta postale. come soluzione enterprise è comunque più che notevole.
  • roberto scrive:
    opera colpisce ancora!
    non so se avete presente il mailer integrato in opera, basato su database e view.
    • pingpong scrive:
      Re: opera colpisce ancora!
      Opera è molto comoda da quel lato, anche per i feed, che si integra benissimo con la posta. Non è neanche male: gestisce più account, pop3 e imap, ha dei buoni filtri, ricerche e altro. http://www.opera.com/mail/Ha il difetto che non puoi comporre email in html, ma in Opera 10 sarà possibile.
  • pmuderoc scrive:
    espansività?
    beh, visto che espansività ha come sinonimo affettuosità.. che bello... un software con affettuosità limitata... questa sinceramente mancava allo stupidario giornalistico-informatico...
  • pmuderoc scrive:
    espansività
    Cari signori,invece di continuare a cancellare il mio post provate a correggere l'italiano peregrino con il quale è stato scritto l'articolo e ringraziatemi visto che la correzione di bozze da parte vostra è praticamente insesistente
  • pmuderoc scrive:
    espansività
    beh, visto che espansività ha come sinonimo affettuosità.. che bello... un software con affettuosità limitata... questa sinceramente mancava allo stupidario giornalistico-informatico...
  • pmuderoc scrive:
    espansività?
    beh, visto che espansività ha come sinonimo affettuosità.. che bello... un software con affettuosità limitata... questa sinceramente mancava allo stupidario giornalistico-informatico...
  • pmuderoc scrive:
    espansività?
    beh, visto che espansività ha come sinonimo affettuosità.. che bello... un software con affettuosità limitata... questa sinceramente mancava allo stupidario giornalistico-informatico...
  • alexarnz scrive:
    Sarà...
    ... anche bello, funzionale, figo e veloce.Saranno anche belli, funzionali, figossissimi ed ultrarapidi tutti gli altri mailreaders. Eppure...... eppure per me, che da anni lavoro quasi esclusivamente su BSD (al lavoro ancora mi serve Windows, in una VM), non posso far altro che dire che, personalmente, trovo TheBat! come il miglior client di posta mai visto sullo schermo del MIO pc.Non ho mai visto filtri tanto potenti e personalizzabili, non ho mai visto macro tanto funzionali e modificabili. Kmail ha iniziato a guardare sotto quell'ottica, ma è lontano anni luce.Vero che ha ancora gravi difetti nella gestione dell'IMAP e questa è una grossa pecca. Vero che l'interfaccia con il MAPI di exchange è quasi più una scommessa che una vera funzionalità, ma per il resto, visto che "mi accontento" del pop3, ricevendo qualche migliaio di email per lavoro, al giorno, non potrei fare a meno dei suoi filtri.Ho sopperito sul mio server di posta, direttamente alla sorgente, postfix mi filtra tutto come voglio io, in cartelle divise e devo solo guardare la mia posta con imap, ma scrivere un filtro per postfix o uno per thebat è tutt'altra cosa.
    • Mah scrive:
      Re: Sarà...

      ricevendo qualche migliaio di email per lavoro,
      al giornoManco fossi il presidente degli Stati Uniti, dai.
      • alexarnz scrive:
        Re: Sarà...
        - Scritto da: Mah

        ricevendo qualche migliaio di email per lavoro,

        al giorno


        Manco fossi il presidente degli Stati Uniti, dai.A parte che non credo che il presidente degli stati uniti riceva davvero qualche migliaio di email.E poi si, confermo, sono sempre superiori a 2000 email.Tante? troppe? Si. Purtroppo in azienda la gestione delle mailing list è assurda, quidni mi arrivano tantissime email di gente che scrive ai gruppi di distribuzione (come li chiama exchange) di cose che non mi riguardano assolutamente.Poi ci sono tutti gli allarmi ed i ripristini dei servers, delle filiali, delle sedi periferiche. Ovviamente, come ho detto sopra, il 75% di quella roba è inutile, ma serve nel caso di contenziosi, mi servono quelle poche, che grazie a The Bat riesco a filtrare.Ho provato con Outlook, ma i suoi sistemi di filtri sono troppo complessi ed assai poco potenti. Ho provato con Thunderbird, i suoi filtri sono poco complessi e poco potenti, sotto windows non ci sono eguali, sotto BSD (o linux) idem, perlomeno non ne ho trovati.The Bat è a pagamento? E quindi? Io ho sempre pagato tutti i programmi che uso per lavoro, ma che non sono aziendali.The Bat!SecureCRTBabylonPhotoshop (l'ultimo non per l'ufficio).E sono quattro programmi che trovo non avere simili nel mondo *nix. Sostituibili, certo, ma non in modo semplice.
    • reXistenZ scrive:
      Re: Sarà...

      ... eppure per me, che da anni lavoro quasi
      esclusivamente su BSD (al lavoro ancora mi serve
      Windows, in una VM), non posso far altro che dire
      che, personalmente, trovo TheBat! come il miglior
      client di posta mai visto sullo schermo del MIO
      pc.Non posso che confermare. Ho abbandonato TheBat! oramai sei anni fa ma già allora aveva funzionalità che oggi mi sogno, con TB e con gli altri mailreader.
  • Giacomo scrive:
    client mail
    mai provato The Bat!?!?
  • bugbuster scrive:
    ottimo inizio
    finalmente qualcuno tenta di svincolarsi dal concetto di mail in quanto messaggi (mail file) da visualizzare.Dalla lettura del loro sito e dagli screenshot mi pare di intravvedere un'approccio diverso, sembra più un sistema di messaggistica istantanea più che un mail client, mi piace tanto il discorso di taggare i messaggi in modo da poter essere trovato tramite frasi in linguaggio naturale, questa cosa si avvicina molto al concetto di ricerca semantica.Credo che oggi siamo ad un punto cruciale: un po' ogni tecnologia (http, ftp, mail, messaggistica, ...) si stanno trasformando, stanno mutando, o meglio: loro rimangono le stesse, siamo noi che stiamo cambiando il modo di considerarle.Il web diventa 2.0 (c'è chi parla già di 3) e passa dal concetto di pagine html al concetto di 'risorsa web', l'ftp è ormai stato assimilato dal filesystem diventando pure lui 'risorsa', ora la mail...Ottimo, mi pare la strada giusta.
  • GIn Fizz scrive:
    Non e' portabile
    Non vorrei sparare una cavolata ma non mi sembra portabile.Il futuro sono le zero-install application, a mio modesto parere.
    • Shingo Tamai scrive:
      Re: Non e' portabile
      C'e' un loader (per windows) per poter lanciare tutto da una singola cartella:http://stadt-bremerhaven.de/2009/02/10/postbox-selber-portabel-machen/Saluti.
  • Olmo scrive:
    Visione a thread
    Per dire la verità, Thunderbird ha già la visione dei messaggi a thread (Menu Visualizza/Ordina per/Ad albero)
    • Shingo Tamai scrive:
      Re: Visione a thread
      - Scritto da: Olmo
      Per dire la verità, Thunderbird ha già la visione
      dei messaggi a thread (Menu Visualizza/Ordina
      per/Ad
      albero)Non parliamo ad XXXXXXXm come al solito: la visualizzazione a thread non e' solo l'alberello che ti fa vedere l'evolversi della conversazione.E' tutta l'interfaccia con l'anteprima del messaggio che e' diversa.
  • Free BSD scrive:
    Apple Mail resta imbattibile
    Thunderbird e' ad anni luce dietro, questo si avvicina integrando alcuni concetti, ma Apple mail resta la killer app per la posta elettronica sotto quasi tutti i punti di vista e per tutte le funzionalita' quali ad esempio come imap IDLE, plugins, tools esterni, e la gestione adattativa delle junk mail che resta imbattuta anche se thunderbird ne offre una simile ma molto elementare e approssimativa.Apple mail che e' anche su iphone e ipod touch e' come noto tratta da nextstep ed uscita per la prima volta nel 2000 (3 anni prima di thunderbird e 3 anni dopo outlook);si tratta di una soluzione ultraintegrata ed e' irraggiungibile su macosx neanche lontanamente da qualunque altra dato che lavora con addressbook, spotlight, ical, ichat,atom rss reader aggregator NNTP, web2.0 con servizi dotMac(mobileMe), e permette oltre ai semplici thread anche l'uso di smart mailbox virtuali che raggruppano le mails secondo criteri avanzati e al limite astratti customizzabili dagli utenti. L'unica sola funzione non supportata che ha thunderbird e' icalendar (dato che invece Mail supporta iCal apple) -che poi icalendar e' quasi un ical apple ma molto piu' limitato.Il tutto Gratuitamente, per gli utenti macosx.Una grave pecca e' il fatto che purtroppo, e naturalmente, funziona solo in macosx e gli utenti di altri sistemi operativi non possono nemmeno lontanamente capire cosa si stanno perdendo stando dietro a thunderbird outlook entourage mozilla seamonkey kmail gnus lotusnotes novelevolution o roba simile...Veramente un peccato!
    • Genoveffo il terribile scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      - Scritto da: Free BSD
      .............

      Una grave pecca e' il fatto che purtroppo, e
      naturalmente, funziona solo in macosx e gli
      utenti di altri sistemi operativi non possono
      nemmeno lontanamente capire cosa si stanno
      perdendo stando dietro a thunderbird outlook
      entourage mozilla seamonkey kmail gnus lotusnotes
      novelevolution o roba
      simile...
      Veramente un peccato!Poveretto ... quanta invidia per il mondo PC, eh?Curati.
      • Free BSD scrive:
        Re: Apple Mail resta imbattibile
        Se lo rilasciassero per anche per FreeBSD/Linux/windows (cosi' come apple o terzi hanno fatto in altri casi con altre note applicazioni) sarebbe un bene.. Purtroppo funziona solo su macosx ovviamente per le sue caratteristiche.
    • anonimo codardo scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      Sara', ma io continuo a considerare l'interfaccia di gmail anni luce avanti ad Apple Mail.In piu' thunderbird e' decisamente piu' veloce e performante di Apple mail, soprattutto se inizi a gestire ampi volumi di posta Mail e' decisamente LEEENTO.La funzionalita' delle cartelle virtuali a prima vista sembra eccezionale, poi pero' scopri che e' LEEENTO e quindi preferisci creare dei filtri ed inserire la posta in cartelle diverse.Non esaltiamo un prodotto mediocre, grazie :)
      • Free BSD scrive:
        Re: Apple Mail resta imbattibile
        Personalmente uso freebsd con l'ultimo kde e anche i miei figli (7 e 8 anni) usano un pc con pcbsd (un desktop di freebsd), conosco bene thunderbird; sul portatile macbook pero' uso apple mail a me funziona benissimo e non e' piu' lento, anzi paragonandolo fianco a fianco con le stesse impostazioni lo batte facile...Poi essendo obiettivi bisogna rilevare che apple mail (eccetto icalendar al posto di ical) ha tuttetutte le features dalla a alla z, dalla prima all'ultima di thunderbird ma in piu' ne ha molte altre, oltre ad essere piu' sleek che e' un gusto personale. Comunque obiettivamente una applicazione che ha tutto tutto tutto di thunderbird, piu' altro, non posso dire diversamente dal fatto che e' migliore. Sempre su macosx perche' e' intrinseco che questo si ottiene solo su macosx.
      • Robs scrive:
        Re: Apple Mail resta imbattibile
        Fanno XXXXXX entrambe...
    • max cits scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      sembri appena uscito da un corso di indottrinamento a pappalibri sonori...http://en.wikipedia.org/wiki/IMAP_IDLEClient software with support for IMAP IDLE * Symbian smartphones * Treo smartphones * Mozilla Thunderbird * Apple Mail, IDLE command introduced with version 3. * Emansio For Windows Mobile * ProfiMail For Windows Mobile and Symbian * Windows Mail * Outlook Express * Microsoft Outlook * Microsoft Entourage--cits
      • Free BSD scrive:
        Re: Apple Mail resta imbattibile
        Certo non e' l'unico software che ha quelle features, pero' ce l'ha - ho scritto che Apple mail ha tutte le funzioni di thunderbird, ma in piu' ne ha molte altre dato che lavora con adressbook, ichat,ical etc etc.. come sopra- e' ultraintegrato con le applicazioni di macosx come nessun altro. punto.Cioe' ha tutto cio' che ha thunderbird- piu' altro. per cui se una app mi da' di piu' delle altre- e non mi fa mancare nulla delle altre, la reputo la migliore.Thunderbird invece non ha alcune delle funzioni e per chi ha macosx e' un downgrade.
    • Melista scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      Ma per favore... Mail fa bene le cose basiche e stop, se devi cominciare a gestire molti messaggi, mailing list e tanto traffico in generale, qualunque altro MUA è meglio (anche se alcune cose carine ce le ha, tipo la presentazione automatica a tutto schermo per le foto in allegato)
      • Free BSD scrive:
        Re: Apple Mail resta imbattibile
        Non condivido.Libero di pensare e fare giustamente le tue conclusioni, pero' io uso fianco a fianco thunderbird e apple mail e vedo le differenze con piu' o meno le stesse impostazioni. Su macosx non ce n'e' per nessuno ovviamente e' ultraintegrato con le altre app e giocoforza fa' molto molto di piu'... per macosx ripeto, se li installi vedi la differenza di cio' che manca a thunderbird , non si integra con tutte le apps di iLife e compagnia bella e cio' che ha mail NON lo puoi fare con thunderbird. Se su mac usi thunderbird, lobotomizzi la posta elettronica eliminando un sacco di features di Mail SENZA avere nulla di piu' di Mail..-ricordo che parlo di macosx perche' sugli altri non si puo' fare...
    • Free BSD scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      Insomma parliamo fuori dai denti-obiettivamente.Apple Mail su macosx fa e-s-a-t-t-a-m-e-n-t-e tutto tutto quello che fa thunderbird e postbox, non c'e' una feature che sia una che si possa avere su thunderbird o postbox che non ci sia in Apple Mail, ma in piu' Apple Mail fa altro e inoltre (non cosa da poco) si integra con tutte (dico tutte) le altre applicazioni di iLife, cosa che NON fa thunderbird e postbox.Con Apple Mail posso fare tutte le cose che fa Thunderbird o Postbox? SI.Con thunderbird o postbox si possono usare in congiunzione con iphoto ical ichat addressbook spotlight etc etc..? NO. Con thunderbird o postbox si possono usare le features tipo ad esempio smart mailbox? NO.Per quale motivo un utente macosx dovrebbe usare thunderbird e postbox che non hanno un vantaggio che sia uno, e che hanno invece molti svantaggi ?
    • ilcaroleader scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      Mah guarda, io uso l'ottimo Apple Mail perché è più leggero di Thunderbird e, soprattutto, è integrato con la ricerca di Spotlight. La pecca maggiore, a mio giudizio, è che non supporta ancora la compilazione di messaggi formattati in Html. Lavorando nella comunicazione mi piacerebbe che i miei clienti ricevessero messaggi con il "look and feel" della mia azienda.
      • FinalCut scrive:
        Re: Apple Mail resta imbattibile
        - Scritto da: ilcaroleader
        Mah guarda, io uso l'ottimo Apple Mail perché è
        più leggero di Thunderbird e, soprattutto, è
        integrato con la ricerca di Spotlight.


        La pecca maggiore, a mio giudizio, è che non
        supporta ancora la compilazione di messaggi
        formattati in Html. Lavorando nella comunicazione
        mi piacerebbe che i miei clienti ricevessero
        messaggi con il "look and feel" della mia
        azienda.Bastano 5 minuti, Man, ed hai un template aziendale perfetto, anzi puoi anche scegliere di cambiarlo a seconda delle esigenze...http://theappleblog.com/2007/10/31/how-to-create-edit-your-own-mail-stationery/(linux)(apple)PS: quoto al 100% il fatto che Apple Mail sia di gran lunga il miglior programma di posta su MacPPS: non è vero che quando si ingrossa un po la casella di posta, diventa un macigno - io ho in memoria circa 15.000 messaggi e va che è un razzoPPPS: provate Mail Appetizer non saprete più stare senza:http://www.bronsonbeta.com/mailappetizer/PPPPS: L'unica pecca di Mail è che non riesce a leggere dentro uno ZIP ma costringe a -
        scaricarlo -
        unzipparlo -
        leggerlo (veramente noioso)PPPPPPS: Incredibilmente manca anche la ricevuta di ritorno...
    • TeslaZap scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      - Scritto da: Free BSD
      Thunderbird e' ad anni luce dietro, questo si
      avvicina integrando alcuni concetti, ma Apple
      mail resta la killer app per la posta elettronicaIo uso Apple Mail da 2 anni e lo trovo un ottimo programma, tuttavia...:- non gestisce le email che hanno una email come allegato (click destro su una email-inoltra come allegato, degli altri client di posta), sebbene possa inviare email di questo tipo- la gestione delle identità multiple è superficiale e molto limitata- negli account imap crea tutte le sue cartelle di sistema (tipo Apple Mail ToDo) con path fuori standard, si vede bene quando si accede allo stesso account via webmail- nei filtri, le condizioni possono essere messe o tutte in OR o tutte in AND, senza vie di mezzoanche thunderbird ha le sue pecche cmq, primo fra tutti il bug che non ti permette di creare una copia di una email dal menu messaggio. secondo il fatto che non importa file di email singole .emlconcludendo, ogni Agent ha i suoi pro e i suoi contro, il miglior client di posta è quello che fra i pro ha le funzioni che una persona ritiene più utili per il tipo di uso che ne fa.
      • Sky scrive:
        Re: Apple Mail resta imbattibile
        - Scritto da: TeslaZap
        anche thunderbird ha le sue pecche cmq, primo fra
        tutti il bug che non ti permette di creare una
        copia di una email dal menu messaggio. secondo il
        fatto che non importa file di email singole
        .emlThunderbird può importare gruppi o singole mail in formato eml/mbox tramite l'estensione ImportExportTools
        concludendo, ogni Agent ha i suoi pro e i suoi
        contro, il miglior client di posta è quello che
        fra i pro ha le funzioni che una persona ritiene
        più utili per il tipo di uso che ne
        fa.Concordo.
    • doctord scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      Io ho OSX e utilizzo Thunderbird perchè non ho ben chiaro dove e come Mail.app mi va a gestire le directory di salvataggio delle email.Con Thunderbird è tutto alla luce del sole, ho una cartella tutta mia che mi trasferisco di pc in pc e posso facilmente convertire per altri client di posta. Se converto la gestione delle mie email su Mail poi potrò un giorno passare ad un altro client??? Ho un pò paura perchè Apple di solito fa le cose fighe ma un pò troppo restrittive, vedi ipod=itunes
      • bibop scrive:
        Re: Apple Mail resta imbattibile
        /Utenti/**account**/Libreria/Mailche poi e' in realta'/Users/**account**/Library/Mail/li tra le altre cose trovi la cartella Mailboxes dove stanno le cartelle di posta "sul mio mac" oltre che le cartelle specifiche per ogni account di posta robe tipo/Utenti/**account**/Libreria/Mail/POP-pippomail@pippo@mail.com/che contiente le cartelle:INBOX.mboxDeleted Messages.mboxDrafts.mboxSent Messages.mboxal loro interno trovi i messaggi che per ragioni di indicizzazione con spotlight sono file singoli per ogni messaggio scaricato e con quicklook puoi leggerti le mail senza passare da mail.appla portabilita' della cartella mail e' assoluta... se vuoi puoi anche trasportare da un account all'altro il file di preferenze di mail.app per non dover riconfigurare gli account, che cmq una volta creati vanno a prendere i messaggi dalle cartelle che gia' esistono, non c'e' bisogno di importare...i file emlx (ossia i messaggi salvati in locale da mail.app) sono file di testo, in rete ci sono add-on di thunderbird per importarli...
        • doctord scrive:
          Re: Apple Mail resta imbattibile
          Wow, grazie per le preziose delucidazioni! Vedrò un pò che posso fare, Mail mi intriga.
          • bibop scrive:
            Re: Apple Mail resta imbattibile
            prego:)unica accortezza... non ricordo quando dalla mailbox a file unico "standard" sono passati a quelle con i file file emlx singoli... credo con leopard... le versioni vecchie di mail non credo riescano a leggere le nuove mailbox.. il nuovo mail.app converte le vecchie mailbox... un minimo di accortezza quindi!! buona sperimentazione e dato che sei in fase "sperimentativa" dai uno sguardo a widemail di Dane Harnett
    • gorillaapoi s scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      Continuo a non capire il fanatismo tecnologico comunque se da una parte concordo con te sul fatto che qualitativamente è un prodotto eccellente dall'altra non concordo sul fatto che sia imbattibile.Personalmente io faccio uso di foxmail ma per lavoro faccio uso di più piattaforme e sinceramente thunderbird è l'ultimo nel mio indice di gradimento, questo perchè l'import/export è estremamente limitato (non sembra ma questa è una caratteristica cardinale quando si hanno archivi mail enormi).Per il resto l'unica nota dolente a proposito Apple mail è che mi ricorda troppo nella sua modalità di diffusione outlook express... Per fortuna quando fu sviluppato nextstep (che come nel caso di postbox era un prodotto derivato e per molti senso slegato da apple) i programmatori hanno pensato ad un prodotto a tutto tondo e non a un buco di sicurezza ;)
    • the_m scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      - Scritto da: Free BSD
      Thunderbird e' ad anni luce dietro, questo si
      avvicina integrando alcuni concetti, ma Apple
      mail resta la killer app per la posta elettronica
      sotto quasi tutti i punti di vista e per tutte le
      funzionalita' oltre alle funzioni che altri utenti ti hanno fatto notare che mancano ad Apple Mail, da ignorante che non ha mai usato Apple Mail, ti chiedo:- ha delle estensioni? Thunderbird può fare migliaia di cose con quelle, se servono- gestisce i newsgroup?- scommetto che non gestisce le smiley grafiche- scommetto che non visualizza automaticamente alcune notazioni matematiche come fa thunderbird (es. x^2 lo visualizza come x con il due piccolo in alto)come dicevi non è multipiattaforma, questo può essere un problema anche per chi ha un Mac ma vuole cmq la possibilità di usare il client in multi-boot (con win/linux) o in versione portable su chiave usb
      utenti di altri sistemi operativi non possono
      nemmeno lontanamente capire cosa si stanno
      perdendo stando dietro a thunderbird outlook
      entourage mozilla seamonkey kmail gnus lotusnotes
      novelevolution o roba
      simile...io uso le funzioni sopracitate, quindi di apple mail non saprei che farmene.come vedi non esiste un client di posta migliore "in senso assoluto e per ogni esigenza"
    • Profilati Questo scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      ROTFL!Povero macaco incompreso...
    • Record del mondo scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      Free bsd sta provando a battere il record del mondo di occorrenze della parola macosx in un forum da parte di un singolo utente. Mettendo insieme i suoi post di oggi direi che è vicino all'impresa.
    • -ToM- scrive:
      Re: Apple Mail resta imbattibile
      ti sei dimenticato di dire che quando si ingrossa un po la casella di posta, diventa un macigno.
  • Chiarezza scrive:
    Sono la stessa cosa ma anche....
    No!Ovvero postbox, che di immagini ne circolano eccome, avrà il codice di tb 3.E' stato sviluppato proprio perché in molti usano firefox ma non thunder!E' disponibile per win e apple già dalla prima beta proprio perché è un prodotto rivolto a contrastare gli omologhi closed perché lì è la battaglia , ovvero conquistare utenti.Su linux abbiamo molti client , evolution in primis!Ma leggendo gli articoli in inglese si trovano delle specifiche ,tra cui anche un interfaccia liquida, ovvero scomposizione dei messaggi per un "carico" degli allegati più veloce!Metto un link, sperando che PI capisca che è un progetto con una "mappa" parallela per acquisire utenti e che forse, ma mica tanto, verrà implementato al posto di tb 3.Se cercate in internet troverete anche le specifiche, i codici ancora no perché è pronta una versione usabile solo per apple e win, ovvio visto che hanno i loro client installati!Ma criticarlo a priori mi sembra esagerato...Aspettiamo e ricordiamoci che Mozilla ha surclassato non solo Ms nei browser ma anche apple e opera partendo più tardi e con un codice, quello di Netscape, certamente non male come inizio ma arretrato!Thunderbird è ottimo ma è troppo simile esteticamente agli altri e un utente cerca anche un interfaccia diversa e più usabile!Link, in italiano e non di parte, come questo "scritto" che non si può definire articolo.http://www.webnews.it/news/leggi/10109/postbox-e-nato-lerede-di-thunderbird/c'è anche una foto che rende meglio l'idea di interfaccia liquida....ps ma essere meno partigiani nei commenti no?E' UNA BETA!!!!!!!!!!
  • BLah scrive:
    Evviva!
    Un po' di concorrenza non guasta mai, Thunderbird (che uso da due anni qui in ufficio) è stato sempre un po' trascurato, speriamo diventino un po' più agguerriti.
  • Lemon scrive:
    A quando Thunderbird 3?
    Non dovrebbe già essere uscito?grazie
    • Martufellat io scrive:
      Re: A quando Thunderbird 3?
      No, è stata rilasciata la prima beta.Purtroppo nulla di rivoluzionario.
      • Lemon scrive:
        Re: A quando Thunderbird 3?
        - Scritto da: Martufellat io
        No, è stata rilasciata la prima beta.
        Purtroppo nulla di rivoluzionario.Io aspetto... però mi sembra che in effetti il "fratellastro" abbia delle funzionalità interessanti, però è troppo giovane, anche se uscisse in versione definitiva non ha le spalle larghe come thunderbird. Però quest'ultimo deve fare dei passi avanti....
        • Martufellat io scrive:
          Re: A quando Thunderbird 3?
          Il punto forte di TB, come di FF rimangono le estensioni.E PostBox mi pare che non le supporti.
      • SiKei scrive:
        Re: A quando Thunderbird 3?
        - Scritto da: Martufellat io
        No, è stata rilasciata la prima beta.
        Purtroppo nulla di rivoluzionario. scusa, ma per "nulla di rivoluzionario" cosa intendi?? A me sembra che faccia bene il suo dovere, anche se mi piacerebbe avere il supporto bidirezionale dei calendari di SharePoint.
  • Andrea Grandi scrive:
    E i sorgenti dove sono?
    ...sul loro sito non li ho trovati...ero curioso di vedere che accrocchio avevano combinato per trasformare un programma nato multipiattaforma in uno di cui al momento è possibile solo fare la build per win e osx. Inoltre... siamo sicuri che non li debbano rilasciare per forza? Vado a documentarmi sulla MPL e torno...
  • Profilati Questo scrive:
    Thunderbird è molto meglio!
    Una review decisamente sbilanciata e in malafede: come si fa a dire che TB3 non promette nulla di nuovo??!?Ma almeno avete letto le novità prima di parlare?Mail su Tabs, nuovo motore completamente riscritto (gloda), e decine di altre novita'. Perche' minimizzare tutto questo popo' di lavoro?Questi spinoff non servono a niente e nessuno, perche' nessuno farà manutenzione, aggiornamenti e gestione dei bug dello stesso livello e frequenza che si fanno in casa mozilla. E poi l'integrazione con i social network spacciata per features... ma per favore.
    • thunderbird scrive:
      Re: Thunderbird è molto meglio!
      "A differenza di Thunderbird, Postbox mostra solo le cartelle relative all'account di posta selezionato: chi ha un elevato numero di cartelle può trovare questa funzione utile, perché riduce gli elementi visualizzati nella barra laterale; in caso contrario, questa scelta può risultare scomoda, perché costringe l'utente ad un click in più (selezione dell'account più selezione della cartella)."Lo fa anche thunderbird, da anni!
      • pierg75 scrive:
        Re: Thunderbird è molto meglio!
        - Scritto da: thunderbird
        Lo fa anche thunderbird, da anni!Perche' non lo provate invece di criticare a priori?Uso thunderbird3 la versione giornaliera....tb2 lo si usa su tutti i client dell'azienda...e adesso sto provando sto postbox....e' diverso come interfaccia...piu' semplice e moderna. Non e' male tuttosommato....peccato per la licenza che probabilmente non sara' open source (non si dice niente sul sito, se non i rimandi alle licenze dei software utilizzati)Comunque un po' di concorrenza non fa male....anche perche' TB3 e' tutto tranne che rivoluzionario (molte features nuove ma nulla che mi faccia dire wow).
    • Darkat scrive:
      Re: Thunderbird è molto meglio!
      come non quotare? :| è pauroso questo articolo sembra che l'abbia scritto uno degli sviluppatori di postbox...
      • Genoveffo il terribile scrive:
        Re: Thunderbird è molto meglio!
        - Scritto da: Darkat
        come non quotare? :|
        è pauroso questo articolo sembra che l'abbia
        scritto uno degli sviluppatori di
        postbox...O uno che non usa thunderbird davvero ....
    • Roberto scrive:
      Re: Thunderbird è molto meglio!
      - Scritto da: Profilati Questo
      Una review decisamente sbilanciata e in malafede:
      come si fa a dire che TB3 non promette nulla di
      nuovo??!?Basta semplicemente non averlo mai provato ;)
      • Momento di inerzia scrive:
        Re: Thunderbird è molto meglio!
        Visto che lo avete provato, posso chiedere se finalmente sono stati implementati i template?Di tutte le funzioni dicui ho sentito parlare (integrazione con calendari, feed RSS e compagnia cantante) non me ne faccio niente, ma trovo assurdo che un client come TB non abbia ancora una funzione così basilare (almeno per me che provengo da The Bat!)
        • RNiK scrive:
          Re: Thunderbird è molto meglio!
          - Scritto da: Momento di inerzia
          Visto che lo avete provato, posso chiedere se
          finalmente sono stati implementati i
          template?
          Di tutte le funzioni dicui ho sentito parlare
          (integrazione con calendari, feed RSS e compagnia
          cantante) non me ne faccio niente, ma trovo
          assurdo che un client come TB non abbia ancora
          una funzione così basilare (almeno per me che
          provengo da The
          Bat!)(troll)Vai su www.google.com - Scrivi "thunderbird templates" - Clicca sul pulsante "I feel lucky" . Una volta letto l'articolo in questione, che tra le altre cose ti spiega che Thunderbird i templates li gestisce da quando è nato, vai alla lavagna e scrivi 100 volte : "Farò una ricerca su Internet prima di fare domande sceme" .(geek)
  • CCC scrive:
    evolution
    client email = evolutionnon c'è thunderbird o mozilla che tenga...
  • Federico scrive:
    Bah!
    Miglioramenti nell'interfaccia? Ci posso anche credere...ma il fatto che questa cosa sia disponibile solo per i sistemi proprietari, la dice lunga sull'etica dei suoi sviluppatori.
    • jonbonjovi scrive:
      Re: Bah!
      infatti c'è scritto che contanto di rilasciarlo anche per linux, bastava leggere.
    • Davvero scrive:
      Re: Bah!
      Sì, l'etica. Davvero? Allora smetti di utilizzare a scrocco programmi scritti da altri (bello il kernel del tuo "linux", e la gui, nevvero?) e produci anche tu almeno un programma open e magari freeware utile alla comunità. Dopo parla di etica quanto vuoi.Etica! Tsk!
      • asd scrive:
        Re: Bah!
        -.- che vuor di'? l'etica del software free ecc ch ec'ntra lo scrocco? ognuno e' libero di fare quello che vuole, lui e' un cretino ma tu dipiu'
      • aZZ scrive:
        Re: Bah!
        Tra un post e l'altro puoi cortesemente finire gli studi obbligatori?La tua capacita' logica ne giovera'.
      • Nick500 scrive:
        Re: Bah!
        "open e magari freeware" ????Già da quì si capisce che non sai neanche di cosa si sta parlando...E poi ci sono altri modi per aiutare una comunita, per i quali non è necessario essere programmatori...Traduzioni, assistenza nei forum, donazioni...
        • vistabuntu.wordpress.com scrive:
          Re: Bah!
          - Scritto da: Nick500
          "open e magari freeware" ????

          Già da quì si capisce che non sai neanche di cosa
          si sta
          parlando...
          E poi ci sono altri modi per aiutare una
          comunita, per i quali non è necessario essere
          programmatori...
          Traduzioni, assistenza nei forum, donazioni...al contrario lo sa benissimo. Open non vuole dire gratis.
        • Angelo T scrive:
          Re: Bah!
          ha dimenticato tra gli aiuti alla comunità le: seghe mentali, per latro molto utili.
      • -ToM- scrive:
        Re: Bah!
        - Scritto da: Davvero
        Sì, l'etica. Davvero? Allora smetti di utilizzare
        a scrocco programmi scritti da altri (bello il
        kernel del tuo "linux", e la gui, nevvero?) e
        produci anche tu almeno un programma open e
        magari freeware utile alla comunità. Dopo parla
        di etica quanto vuoi.
        Etica! Tsk!Questa è pura demagogia.Gli sviluppatori che abbracciano la FSF e l'OSS non percepiscono questa tua anti-eticità dato che sono 20 anni che lavorano e non chiedono niente a nessuno.Con questo non voglio dire che non sia giusto rendere qualcosa indietro ma tu parli di programmazione, e linux sta arrancando per arrivare alla casalinga... e sulla base di questo penso sia chiara la posizione degli sviluppatori ed il loro "intento", anche etico.Facciamola finita con sta faccenda di sentirsi puliti aiutando a codare perchè anche il più utonto soltanto per il fatto di usare linux e diffonderlo aiuta la causa, facendo guadagnare quelli che con linux ci fanno il cash.Senza contare il fatto che moltissimi neofiti (di informatica in generale) contribuiscono alla segnalazione di bug e rilasciano feedback anche se la procedura non è semplice.
Chiudi i commenti