Welcome Home: il benvenuto di TIM agli stranieri

Anche TIM formula un'offerta destinata ai cittadini stranieri per invogliarli a chiamare casa dalla sua rete mobile


Roma – Gli utenti italiani non sono più sufficienti a TIM , che ha presentato Welcome Home : un’offerta con tariffe “ah hoc” dedicata agli stranieri in Italia.

L’offerta vale fino al 28 Febbraio 2006: i clienti con schede prepagate avranno la possibilità di telefonare ad altri utenti TIM “Welcome Home” al costo di 6 centesimi di euro al minuto. Medesima tariffa (fino ad un massimo di 100 minuti al mese, quindi è bene non dilungarsi troppo al telefono) viene applicata alle telefonate destinate a Romania, Polonia, Albania, Ucraina, Macedonia, Senegal, Tunisia, Marocco, Cina, Filippine, India e Sri Lanka. E’ inoltre previsto uno scatto alla risposta, pari a 70 centesimi per Albania e Ucraina, 80 centesimi per India e Bangladesh, 1 Euro per Romania, Polonia, Macedonia, Senegal, Tunisia, Marocco, Cina, Filippine e Sri Lanka.
La tariffazione viene calcolata con scatti anticipati di 30 secondi, con uno scatto alla risposta che costa 16 centesimi.

Al di fuori dei limiti dell’offerta, ossia una volta superati i 100 minuti al mese di chiamate internazionali o oltre il 28 febbraio 2006, il costo delle telefonate sarà tariffato con il profilo Unica New. Le telefonate destinate verso numeri TIM non appartenenti all’utenza “Welcome Home” costeranno 15 centesimi al minuto e quelle verso altre reti (mobili e fisse) costeranno 25 centesimi al minuto. SMS, MMSfoto e MMSvideomessaggio costano rispettivamente 15 centesimi, 60 centesimi ed 1 euro.

L’offerta “Welcome Home” non è valida per le TIM Card Aziendali, TIM Card Business e utenti con contratto Multibusiness. Passare a “Welcome Home” costa 5,16 euro, ma non comporterà addebiti aggiuntivi qualora si trattasse del primo cambio tariffario.

L’idea di TIM non brilla comunque per originalità e in ordine di tempo arriva addirittura terza, rispetto ai competitor nazionali: proposte analoghe, infatti, sono già state formulate da Vodafone , che l’anno scorso ha lanciato l’offerta MyCountry (non più disponibile), e da Wind , che ha nel proprio portfolio l’opzione tariffaria Call your Country .

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma de che
    non per fare l'avvocato del diavolo ma penso che il problema riguardi solo chi si sia trovato a cavallo della riduzione dei minuti, io sapevo già da prima che lo avrebbero ridotto, era nell'aria, complice anche la riduzione qualche tempo prima dei minuti del noidue..ma poi appariva anche nel sito questa notizia..
    • Anonimo scrive:
      Re: ma de che
      - Scritto da: Anonimo
      non per fare l'avvocato del diavolo ma penso che
      il problema riguardi solo chi si sia trovato a
      cavallo della riduzione dei minuti, io sapevo già
      da prima che lo avrebbero ridotto, era nell'aria,
      complice anche la riduzione qualche tempo prima
      dei minuti del noidue..ma poi appariva anche nel
      sito questa notizia..Quindi il fatto che tu lo sapevi ci tranquillizza e mette la parola fine alla vicenda vero?Poi il fatto che ci pigliano per il c... promettendo offerte PER SEMPRE per poi toglierle o ridurle secondo te e' tutto normale, vero?
      • Anonimo scrive:
        Re: ma de che
        Infatti Come si può cambiare un offerta che gridava : "PER SEMPRE"!!!!! Se non è questa pubblicità ingannevole....
    • Anonimo scrive:
      Re: ma de che
      - Scritto da: Anonimo
      non per fare l'avvocato del diavolo ma penso che
      il problema riguardi solo chi si sia trovato a
      cavallo della riduzione dei minuti, io sapevo già
      da prima che lo avrebbero ridotto, era nell'aria,
      complice anche la riduzione qualche tempo prima
      dei minuti del noidue..ma poi appariva anche nel
      sito questa notizia..mmm. mica tanto. e comunque "era nell'aria" non è una scusante. le informazioni sul sito sono apparse senza preavviso.
      • Anonimo scrive:
        Re: ma de che
        :@ Vogliamo parlare del servizio ADSL Flat? Una settimana di servizio impeccabile e poi PAFF! Riduzione dei mega di navigazione, connessione ADSL intermittente e nessun modo su questo pianeta di avere assitenza telefonica, ma nemmeno via mail!Ho gia' pronta la lettera di disdetta, ma purtroppo i maledetti ti fanno firmare il contratto per un anno e non per sei mesi rinnovabili, quindi dovro' attendere almeno fino a ottobre prossimo. Ma perche' si permette questo? Perche' ti devono sempre e comunque fregare? Eppure vengono pagati!
    • Anonimo scrive:
      Re: ma de che
      E per quelli ragionano come te che in questo paese un'azienda come Wind riesce a vessare e prendere in giro migliaia di utenti e consumatori.La situazione è molto grave.Wind non offre assistenza, i suoi servizi il più delle volte non funzionano, e attiva abbonamenti a canone fisso senza che gli utenti abbiano firmato un regolare contratto.Conosco persone che dopo aver ricevuto un'offerta commerciale per telefono che non avevano accettato, si sono ritrovati un anno dopo a dover pagare le bollette che secondo Wind sono insolute.
Chiudi i commenti