Wi-fi fatto a pezzi e rivenduto dai clienti

Un provider americano lancia un programma che remunera quei propri utenti che rivendono parti della banda che hanno a disposizione ai vicini. Per un wi-fi più... diffuso. Idea semplice e geniale


Roma – Trasformare i propri clienti di connettività broad band wi-fi in rivenditori di quella stessa connettività ai propri vicini. Questa l’idea dietro il progetto NetShare varato dal provider americano Speakeasy .

In pratica tutti i clienti wi-fi di Speakeasy potranno condividere a pagamento il proprio accesso wi-fi, facendo pagare ai propri vicini l’accesso con un canone che va dai 20 ai 100 dollari. Sull’importo pagato dai vicini per accedere al proprio wi-fi, l’utente può trattenere il 50 per cento, somme che possono anche coprire interamente il costo dell’abbonamento dell’utente venditore. Non solo, l’importo pagato dal vicino viene deciso proprio dall’utente che lo vende, in modo del tutto autonomo.

Il progetto NetShare di Speakeasy prevede che sia il provider ad occuparsi di tutte le questioni burocratiche e amministrative, fornendo ai vicini del proprio cliente le caselle di posta elettronica e gli altri servizi di connettività.

L’obiettivo dell’operazione, naturalmente, è quello di moltiplicare i clienti senza aumentare la banda disponibile e mettendo in campo un tipo di “agente commerciale”, il proprio utente, che vive accanto al potenziale nuovo cliente.

Tutto questo non è una novità. Da tempo chi dispone di accesso wi-fi in molti casi lo condivide con il vicinato, una pratica contro cui più volte sono insorti i grandi fornitori di connettività wi-fi, timorosi di perdere potenziali abbonati. Nel caso di SpeakEasy, invece, questo meccanismo viene in qualche modo “istituzionalizzato” e agevolato, con vantaggi per tutti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Che beo
    "Intel ha spiegato che oggi un service provider locale potrebbe impiegare fino a tre mesi per fornire una linea di rete T1 a un cliente aziendale se il servizio non è già disponibile nell'edificio. Con le tecnologie della banda larga wireless 802.16, lo stesso provider potrebbe fornire un accesso alla rete alla stessa velocità della soluzione a banda larga wired in pochi giorni e a un costo sensibilmente inferiore."Friggendogli cervello, spermatozoi e fottendogli il pacemaker.E vai cosi'.uairless
  • Anonimo scrive:
    C'è già....
    www.skytek.it
Chiudi i commenti