WI-FI, il wireless è ultraveloce

Grazie all'adozione di una nuova tecnologia di Texas Instruments, USR ha immesso sul mercato nuovi prodotti per le WLAN in grado di spingere la velocità di 802.11b a 22 Mbps. Una svolta che potrebbe significare moltissimo


Chicago (USA) – Nonostante il lavoro quasi febbrile dell’Electrical and Electronics Engineers (IEEE) per la creazione di nuovi standard per le reti wireless (WLAN), le necessità del mercato sembrano crescere ad una velocità ben maggiore di quella che può garantire un organo di normalizzazione.

Sfruttando proprio la crescente popolarità che sta interessando le WLAN, e l’esigenza, da parte delle aziende, di velocità sempre maggiori, U.S. Robotics (USR) ha per prima immesso sul mercato prodotti wireless basati su di una nuova tecnologia di Texas Instruments, la PBCC-22, che offre una banda passante due volte maggiore rispetto a quella di 802.11b (Wi-Fi).

Le nuove schede e i nuovi access point di USR portano infatti la massima velocità di trasferimento dei dati a 22 Mbps e, nello stesso tempo, mantengono la compatibilità con le attuali reti Wi-Fi da 2,4 GHz.

E proprio l’interoperabilità con le attuali WLAN rende la soluzione di USR e TI particolarmente appetibile, soprattutto oggi che l’unica alternativa possibile agli 11 Mbps di Wi-Fi è rappresentata da 802.11a , uno standard che, sebbene porti la velocità delle WLAN a 54 Mbps, è totalmente incompatibile con Wi-Fi (questo a causa del fatto che opera su una banda di frequenza di 5 GHz).

Gli altri benefici introdotti dalla tecnologia di TI sono, secondo quanto riporta USR, un incremento pari al 70% dell’area coperta dal segnale radio ed il supporto al roaming fra reti, alla crittografia WEP a 256 bit e all’autenticazione degli indirizzi MAC.

Il più serio concorrente alle specifiche PBCC-22 di TI è 802.11g , uno standard ancora in fase di discussione presso l’IEEE che dovrebbe raggiungere le stesse velocità di 802.11a pur mantenendo la compatibilità con Wi-Fi. Questo standard, che di recente ha scartato la tecnologia di TI per adottare quella OFDM di Intersil, potrebbe però introdurre come opzione, per i produttori che aderiranno a queste specifiche, il supporto di PBCC-22.

Nel frattempo USR e TI hanno assicurato che i loro futuri prodotti basati su 802.11g saranno perfettamente interoperabili anche con le WLAN da 22 Mbps: in questo modo sarà possibile, per le aziende che hanno già installato reti wireless, scalare progressivamente a velocità superiori mischiando fra loro reti da 11 Mbps, 22 Mbps e 54 Mbps.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    io l'ho inviato da un un servizio web...
    se gli arriva almeno si fa due risate :)
  • Anonimo scrive:
    che tristezza
    Wind spera che siano in molti a comporre il 3298880000 ma va detto che di tutti gli SMS che arriveranno ne sarà scelto uno...ohh guarda caso? uno solo..chissà quale??? che tristezza :(
  • Anonimo scrive:
    colui che vi sveglia
    ...12 anni fa ricordo non c'era ne internet e ne cellulari....che bei tempi...
    • Anonimo scrive:
      Re: colui che vi sveglia
      Sei solo un ipocrita.Troppo facile sputare nel piatto dove mangi, ignorando assolutamente tutti i benefici che sta dando il progresso.Come in tutte le cose, c'è il rovescio della medaglia.SalutiMB
  • Anonimo scrive:
    abbassate le tariffe...
    l'ennesima cazzata ...basta pubblicità inutile, occorre ridurre le tariffe dei cell soprattutto per il traffico in internet cia cell.la 3 generazioen di telefonia mobile è un flop annunciato in quanto è una struttura piramidale, per aver successo deve essere standard ip e diventare una internet senza fili. negli usa stann ogià diffondendosi le reti wireless con standard internet messse su da singoli cittadini tramite piccoli ripetitori senza alcun controllo centralizzato. queste hanno e avranno sempre più successo.
    • Anonimo scrive:
      Re: abbassate le tariffe...

      l'ennesima cazzata ...chi se ne frega...se porta dei soldi...
      basta pubblicità inutile, occorre ridurre le
      tariffe dei cell soprattutto per il traffico
      in internet cia cell.e poi dove tirano fuori i soldi per queste meraviglie technologiche ????
      la 3 generazioen di telefonia mobile è un
      flop annunciato in quanto è una struttura
      piramidale, per aver successo deve essere
      standard ip e diventare una internet senza
      fili. negli usa stann ogià diffondendosi le
      reti wireless con standard internet messse
      su da singoli cittadini tramite piccoli
      ripetitori senza alcun controllo
      centralizzato. queste hanno e avranno sempre
      più successo.fra 10 anni vedrai che faranno proprio questo...ma naturalmente spendendo altri soldi...e dicendo guarda che cosa fika...di vere invenzioni ultimamente nemmeno l'ombra...
  • Anonimo scrive:
    non si sa piu cosa inventare...
    stiamo scavando sempre di piu...;-)
  • Anonimo scrive:
    cazzata
    Wind spera che siano in molti a comporre...cazzata
Chiudi i commenti