Wind, retromarcia sull'aumento degli SMS

L'azienda modifica una nota con cui aveva annunciato un ritocco verso l'alto delle tariffe per l'invio di SMS. Una questione delicata per gli utenti nostrani
L'azienda modifica una nota con cui aveva annunciato un ritocco verso l'alto delle tariffe per l'invio di SMS. Una questione delicata per gli utenti nostrani


Roma – Una notizia che si ripete da qualche giorno, con aggiornamenti più o meno puntuali, nelle segnalazioni dei clienti e negli spazi di alcuni forum dedicati agli utenti: la scorsa settimana, sul sito di Wind era comparso un promemoria (come chiamare altrimenti un’indicazione preceduta dalla scritta “Wind ricorda:”?) che recitava: “Dal 12 settembre 2005 l’invio di un SMS dall’Italia e la notifica di ricezione dell’SMS avranno un costo di 15 eurocent, IVA inclusa”.

L’informazione, pubblicata in questi termini solamente sul sito web , sembrava quindi riguardare tutti i piani tariffari (tranne Wind 10), ma non era stata affiancata da alcun tipo di avviso precedente (ma allora perché “ricorda”?), ad eccezione di una comunicazione inviata solamente ai clienti con piano BeWind, per i quali gli sms costano 13 centesimi di euro (le notifiche 9 centesimi).

Ma già da questa settimana è apparsa una nuova modifica.

Sulla medesima pagina web , ora Wind ricorda qualcosa di diverso: “Dal 12 settembre 2005 per i piani Be Wind e Be Wind New l’invio di un SMS dall’Italia e la notifica di ricezione dell’SMS avranno un costo di 15 eurocent, IVA inclusa”.

Ne consegue che l’aumento del costo degli SMS risulta circoscritto ai due piani tariffari indicati nell’ultima versione, mentre per gli altri profili probabilmente non cambierà nulla. Almeno, non a partire dal 12 settembre.

In prima battuta qualcuno aveva ipotizzato che l’aumento indiscriminato del costo degli SMS per tutti i profili fosse una forma spiccia di “finanziamento” per coprire gli investimenti voluti dalla nuova proprietà. Confusione? Errore del webmaster? Oppure inversione di rotta da parte del marketing Wind? Quel che è certo è che sul fronte degli SMS la questione delle tariffe rimane bollente: si veda a questo proposito lo speciale di Punto Informatico SMS, business gonfiato? Pagano gli utenti .

Dario Bonacina

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 07 2005
Link copiato negli appunti