Windows 7, nuove risorse anti-crack

Cambia Windows Genuine Advantage, la famigerata WGA: meno ingombrante, ma più pressante. Novità ci sono pure sul fattore browser, compatibilità e sicurezza

Roma – Quell’insieme di tecnologie anti-pirateria note fino ad oggi come Windows Genuine Advantage (WGA), in Windows 7 riceveranno un sostanzioso aggiornamento e muteranno il proprio nome in Windows Activation Technologies (WAT). La sostanza non cambia molto, ma ora Microsoft promette che le verifiche di originalità del proprio sistema operativo saranno più affidabili e meno intrusive rispetto al passato, e nello stesso tempo le tecnologie anti-crack saranno più efficaci e robuste.

WGA venne introdotta da BigM nel 2006 sotto forma di add-on per Windows XP, e poi integrata in Vista. Una delle ultime e più importanti revisioni a questa tecnologia è arrivata con il rilascio del Service Pack 1 per Vista, che oltre ad aggiornare i tool anti-crack ha significativamente mitigato le misure restrittive che scattano quando la propria copia di Windows viene considerata irregolare o contraffatta: invece di limitare drasticamente le funzionalità del sistema operativo, la nuova WGA si limita a disattivare lo sfondo di Vista e a visualizzare una scritta bianca che avverte l’utente del problema. Ogni qual volta l’utente avvia il sistema operativo o fa il login, viene invitato ad acquistare una regolare licenza di Vista.

WAT seguirà all’incirca la stessa procedura, ma eliminerà l’attesa forzata di 15 secondi dalla dialog box che invita l’utente ad attivare la propria copia di Windows. In compenso, Microsoft ha spiegato che tali avvisi saranno più frequenti, rendendo l’utilizzo di una copia non attivata di Windows assai più scomodo che in passato.

Come si è detto, WAT rafforzerà anche i meccanismi tesi a contrastare il cracking di Windows, e sarà in grado di riconoscere una più vasta tipologia di crack: da quelli che simulano la procedura di attivazione OEM utilizzata dai produttori di PC a quelli che permettono di posticipare all’infinito la data di scadenza. Microsoft ha però assicurato che questi nuovi metodi di prevenzione della pirateria non complicheranno in alcun modo l’attivazione di licenze multiple né l’utilizzo di Seven all’interno di macchine virtuali.

Windows 7 Upgrade Advisor
Per semplificare la vita di coloro che desiderano migrare a Windows 7, Microsoft ha rilasciato negli scorsi giorni una beta del Windows 7 Upgrade Advisor , strumento con il quale è possibile comprendere se il proprio PC è pronto per il “grande salto”.

Già rilasciato all’epoca del lancio di Windows Vista, Upgrade Advisor analizza l’hardware e il software di un PC e segnala eventuali requisiti minimi non soddisfatti, incompatibilità o altri problemi che potrebbero sorgere dopo l’installazione di Windows 7: nei casi più fortunati, la mancanza di driver o certe lievi incompatibilità possono essere risolte semplicemente eseguendo Windows Update subito dopo l’installazione.

Da sottolineare come l’analisi di compatibilità con le preesistenti applicazioni ha senso unicamente con Windows Vista: Windows XP, infatti, non può essere aggiornato al nuovo sistema operativo (in tale caso, dunque, si deve necessariamente eseguire una installazione da zero).

I reclami di Mozilla e Opera
Quando si installa la Release Candidate di Windows 7, l’utente viene messo di fronte a due scelte: eseguire una installazione Express , che attiva in automatico le impostazioni predefinite, o eseguire una installazione Custom , che permette di personalizzare percorso e tipo d’installazione. Mozilla e Opera hanno criticato il fatto che, scegliendo la modalità Express, Internet Explorer viene automaticamente scelto come browser predefinito. Solo nella modalità Custom, dunque, è possibile scegliere quale browser utilizzare di default.

Mozilla e Opera sostengono che questo comportamento è intenzionale, e che viola quanto recentemente discusso in sede antitrust. Microsoft si difende però sostenendo che la RC è solo una versione di test, e non è intesa per la larga distribuzione.

Windows 7 inciampa sui nomi dei file
Al pari dei suoi predecessori, pare che anche Windows 7 sia vulnerabile ad uno dei più classici attacchi contro Windows: l’utilizzo di una funzionalità del sistema, la stessa che di default nasconde l’estensione dei file conosciuti, per mascherare un file eseguibile come un semplice documento o una immagine: ad esempio, un cracker potrebbe riuscire a creare un file pincopallino.txt.exe che, sui sistemi dove non si è modificato il comportamento predefinito di Windows 7, viene visualizzato come pincopallino.txt . Sebbene l’icona del file non corrisponda a quella di un documento del Notepad, gli utenti più distratti potrebbero essere facilmente ingannati e indotti a fare doppio clic sul file, eseguendo così del potenziale codice dannoso.

Per approfondire questa vulnerabilità è possibile leggere questo articolo di Infopackets.com .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Aname scrive:
    molestie sono molestie
    Fatte dietro le spalle, per telefono, al computer, o in faccia, le molestie tali sono e tali rimangono, indipendentemente dal mezzo con cui esse son fatte. Tre anni di carcere? Mi sembra una giusta punizione!
  • Hymes scrive:
    Fossi la madre seccherei la vicina
    AltrochèUna vecchia St+++a vicina acida, sola e invidiosa porta al suicido mia figlia ? aspetto che esca dal carcere (a breve) e una fucilata in pieno volto non gliela toglie nessunoMa scherziamo ?Liberta' di espressione di stampa e XXXXX mazziTutto quello che volete, ma poi se fai una XXXXXXX ne paghi le conseguenze
    • erbeppe scrive:
      Re: Fossi la madre seccherei la vicina
      - Scritto da: Hymes
      Altrochè
      Una vecchia St+++a vicina acida, sola e invidiosa
      porta al suicido mia figlia ? aspetto che esca
      dal carcere (a breve) e una fucilata in pieno
      volto non gliela toglie
      nessuno
      Ma scherziamo ?
      Liberta' di espressione di stampa e XXXXX mazzi
      Tutto quello che volete,
      ma poi se fai una XXXXXXX ne paghi le conseguenzeMa va aspettare?Spocarti le mani?Basta sapere dove sta, contattare un famigliare di un malavitoso incarcerato nella stessa struttura e voila!!Dal carcere esce con i piedi in avanti e con un telo sulla faccia!!!
  • Enjoy with Us scrive:
    Triste vicenda, ma no a nuove leggi...
    Il punto centrale è che i minori non dovrebbero essere lasciati liberi di chattare su internet senza la supervisione di un adulto... non è che ci voglia tanto ad impostare delle password o ancora a consentire la navigazione su internet solo in determinati orari... ancora i genitori dovrebbero evitare di consentire ai ragazzini di chiudersi in camera con un PC!Dove erano i genitori della ragazzina mentre chattava con la vicina? Possibile che non si siano accorti di un cambiamento di umore della figlia? Oggi è sempre colpa di qualcun altro, vediamo di assumerci le nostre responsabilità di educatori!
    • Hubert scrive:
      Re: Triste vicenda, ma no a nuove leggi...
      Oggi come oggi è IMPOSSIBILE impedire ad un adolescente di collegarsi ad internet: se glielo stacchi va da un'amica, oppure sfrutterebbe una rete wifi aperta a XXXXX o mille altri modi Tra straordinari richiesti da lavoro, gli altri figli da guardare, la spesa, pulizia della casa (i figli raramente aiutano), i figli che non si confidano è impossibile allevare i figli come dovrebbe essere fattoDov'erano i genitori ? Probabilmente a lavoroNon è sempre colpa dei genitoriE' un modo troppo semplice per rispondere al problema
      • Stein Franken scrive:
        Re: Triste vicenda, ma no a nuove leggi...
        Dov'erano i genitori ? Probabilmente a lavoroNon è sempre colpa dei genitori Ti sei appena contraddetto.Comunque gran parte del problema viene proprio DAI GENITORI. Se oggi la maggior parte è semplicemente idiota, i risultati sono quello che sono. Pochi si salvano.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Triste vicenda, ma no a nuove leggi...
        - Scritto da: Hubert
        Oggi come oggi è IMPOSSIBILE impedire ad un
        adolescente di collegarsi ad internet: se glielo
        stacchi va da un'amica, oppure sfrutterebbe una
        rete wifi aperta a XXXXX o mille altri modi
        L'amica non ha dei genitori? Ai miei tempi a 13 anni se andavo a casa di amici i miei conoscevano bene la famiglia dell'amico....
        Tra straordinari richiesti da lavoro, gli altri
        figli da guardare, la spesa, pulizia della casa
        (i figli raramente aiutano), i figli che non si
        confidano è impossibile allevare i figli come
        dovrebbe essere
        fatto
        Dov'erano i genitori ? Probabilmente a lavoro
        Non è sempre colpa dei genitori
        E' un modo troppo semplice per rispondere al
        problemaE perchè tuo figlio adolescente non dovrebbe aiutare nel tenere in ordine casa?Ancora mi sfugge chi gli dia i soldi per comprarsi i vari tecnoaggeggi odierni....Certo se ambedue i genitori pretendono di fare un lavoro full time e di stare a casa solo per la cena, viene da chiedersi perchè abbiano deciso di mettere al mondo dei figli
        • Buon Genitore scrive:
          Re: Triste vicenda, ma no a nuove leggi...
          Si si infatti, io ai miei figli ho vietato usare myspace, facebook, twitter, il computer e protetto e possono visitare solo il sito della disney e quello dei teletubbies. Anche google e' vietato, troppo materiale pericoloso.Se vogliono usare la chat io devo essere presente e controllare tutto quello che scrivono!Sto pensando di non farli neanche piu' uscire di casa perche' in disco gira la droga.Si prevedo che i miei figli cresceranno proprio bene!
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Triste vicenda, ma no a nuove leggi...
            - Scritto da: Buon Genitore
            Si si infatti, io ai miei figli ho vietato usare
            myspace, facebook, twitter, il computer e
            protetto e possono visitare solo il sito della
            disney e quello dei teletubbies.

            Anche google e' vietato, troppo materiale
            pericoloso.
            Se vogliono usare la chat io devo essere presente
            e controllare tutto quello che
            scrivono!
            Sto pensando di non farli neanche piu' uscire di
            casa perche' in disco gira la
            droga.

            Si prevedo che i miei figli cresceranno proprio
            bene!Ma quanto siamo ironici!A me sembra invece che oggi tanti genitori siano molto latitanti e che per compensare la loro assenza riversano sui figli fiumi di denaro....Il figlio va male a scuola? La colpa può mai essere dell'amato figliolo che non ha voglia di studiare? Mamma e/o Papà si siedono mai vicino al ragazzo per risentire la lezione e controllare i compiti... noooo! la colpa è della scuola, dell'insegnante che non sa insegnare, della società delle cattive compagnie ecc...La verità è che oggi molti giovani sono abbandonati per molte, troppe ore a se stessi, senza nessun controllo e tutto per guadagnare più soldi, per poter comprare più abiti firmati o fare le vacanze più fiche! La soluzione non è quella, i soldi e i beni materiali non possono vicariare la presenza dei genitori.Altro che nuove leggi, quello che ci vuole è il recupero dei vecchi valori, il recupero della disciplina la messa in soffitta dei vari buonismi! Secondo te la ragazzina in oggetto avrebbe mai potuto suicidarsi con una madre e un padre presenti in quel modo e per quelle motivazioni?Ma ti rendi conto della incredibile fragilità psicologica della ragazzina? Spinta al suicidio da una chat, senza manco sapere chi stava dall'altra parte e in tutto questo i genitori non si accorgono di nulla?
          • Aname scrive:
            Re: Triste vicenda, ma no a nuove leggi...
            Si però alla vicina 3 anni di carcere ci stanno tutti
          • Aname scrive:
            Re: Triste vicenda, ma no a nuove leggi...
            Io ai miei figli non proibisco e non blocco nulla, tutto si basa sulla fiducia e sull'educazione. Metti caso che arrivano degli amici a trovarci, metti caso che perchè stanno chattando non vengono a salutare... bene, linea internet staccata per minimo un mese! Se manca l'educazione e le buone maniere, allora manca anche la fiducia
Chiudi i commenti