Windows Media guarda oltre il PC

Windows Media guarda oltre il PC

Con l'appoggio del colosso dei microchip STMicroelectronics, Microsoft vuol spingere la propria tecnologia sui dispositivi elettronici di consumo come decoder e lettori DVD
Con l'appoggio del colosso dei microchip STMicroelectronics, Microsoft vuol spingere la propria tecnologia sui dispositivi elettronici di consumo come decoder e lettori DVD


Redmond (USA) – Già da qualche tempo Microsoft sta tentando di spingere la propria tecnologia Windows Media Series 9 anche nel settore delle appliance consumer, come i lettori di DVD e le set-top box. Ad oggi però, se si escludono i player audio portatili, i dispositivi hardware compatibili con i formati multimediali di Microsoft sono ancora in esiguo numero.

Il big di Redmond spera ora di accelerare i propri piani di conquista estendendo la propria alleanza con STMicroelectronics , uno dei produttori che guidano il mercato dei chip per i dispositivi consumer e, in particolare, delle set-top box. Insieme, i due colossi lavoreranno allo sviluppo di circuiti integrati che supportino, all’interno dei più comuni device elettronici di consumo, la riproduzione di contenuti compressi con i codec Windows Media Audio 9, Windows Media Audio 9 Professional e Windows Media Video 9.

Windows Media Audio 9 Professional consente la riproduzione, anche attraverso il Web, di flussi audio in qualità “home teather” con suono surround a 5.1 o 7.1 canali, risoluzione di 24 bit e frequenza di campionamento di 96 KHz. Il formato Windows Media 9 supporta invece il video ad alta definizione con una risoluzione fino a 6 volte quella del DVD-Video.

I chippetti forgiati da STM saranno indirizzati in modo particolare ai lettori DVD da salotto, alle set-top box, ai video registratori digitali, ai dispositivi di networking domestici e ai Portable Media Centers , gli imminenti player portatili audio/video su cui girerà una particolare versione di Windows CE .

Il mercato più ambito da Microsoft è quello delle set-top box, una categoria di dispositivi che comprende i decoder per la TV digitale (terrestre, satellitare e IP) eventualmente integranti funzionalità di registrazione. Estendendo il supporto ai formati Windows Media in tali device, Microsoft spera di rendere la propria tecnologia più appetibile per i produttori di contenuti, gli stessi che oggi stanno valutando la migrazione da MPEG2 a MPEG4. Il big di Redmond punta soprattutto a risolvere il problema, sempre più sentito, di codificare i contenuti in modo che possano essere facilmente distribuiti attraverso più mezzi di comunicazione, quali il satellite, il cavo, i ponti terrestri e le connessioni Internet a larga banda.

STM sta lavorando proprio allo sviluppo di system-on-a-chip capaci di supportare i principali tipi di mezzo fisico e contenere i costi di produzione.

Nel recente passato Windows Media ha guadagnato il favore del DVD Forum , che lo supporterà all’interno dello standard HD DVD , e quella di alcuni produttori di autoradio .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 06 2004
Link copiato negli appunti