Windows Update, lavori in corso

Quali sono i problemi che hanno colpito Windows Update? Pietro Panepinto, product manager di Windows, parla con Punto Informatico su questo nodo e su cosa bolle in pentola nei quartieri di Redmond
Quali sono i problemi che hanno colpito Windows Update? Pietro Panepinto, product manager di Windows, parla con Punto Informatico su questo nodo e su cosa bolle in pentola nei quartieri di Redmond


Roma – Come riportato ieri da Punto Informatico, e come testimoniato da diversi utenti, negli ultimi tempi Windows Update fa i capricci , risultando talvolta irraggiungibile. A questo disservizio ieri si è poi aggiunto un curioso contrattempo nel rilascio, da parte di Microsoft, di una patch cumulativa per Internet Explorer, sopravvissuta on-line solo per un paio d’ore prima di essere rimossa. Che sta succedendo negli uffici di Redmond?

Punto Informatico se lo è fatto dire da Pietro Panepinto, product manager Windows di Microsoft Italia.

Panepinto ha spiegato che il servizio Windows Update sta subendo una profonda evoluzione ed è al centro di una migrazione di piattaforma e di tool che ha causato, a partire dalla metà di gennaio, sporadici problemi di accesso al sito.

“Con la nuova piattaforma Windows Update – ha affermato Panepinto – Microsoft sarà in grado di distribuire non più singoli fix o patch, ma quelle che fra virgolette possono essere chiamate delle megapatch”. Per “megapatch” si intendono patch cumulative contenenti al loro interno più fix.

“Contemporaneamente a questo obiettivo – ha continuato Panepinto – Microsoft intende fare in modo che il processo di distribuzione delle patch venga unificato per le varie lingue, eliminando così quella disomogeneità temporale che ora caratterizza il rilascio delle varie patch localizzate”.

Il tool alla base di questa innovazione si chiama Windows Update Publishing Manager ed è uno strumento che, secondo quanto detto da Panepinto, consente al team di Windows Update di pubblicare un’unica patch per ogni lingua supportata: il sistema farà poi in modo di fornire in automatico ad ogni utente (italiano, francese, americano, ecc.) solo la porzione dell’aggiornamento nella lingua voluta.

“Con questo – ha spiegato Panepinto – Microsoft vuole ottenere un processo di pubblicazione unificato che sia affiancato dalla possibilità di rilasciare patch cumulative”.

Per il momento questo processo di aggiornamento del servizio Windows Update riguarderà solo Windows XP ma, in seguito, verrà esteso a tutti gli utenti di Windows.

Panepinto, che a nome di Microsoft ha voluto porgere le sue scuse a tutti gli utenti per i problemi che attualmente affliggono Windows Update, ha assicurato che questa fase sperimentale verrà completata nel giro di un mese, un periodo di tempo trascorso il quale dovrebbe tornare tutto alla normalità.

“I disagi che stanno sperimentando i nostri utenti – ha detto Panepinto – devono essere letti come un “stiamo lavorando per voi””.

Accanto al progetto succitato, a cui sta lavorando la sezione Consumer del Windows Update Team, c’è poi un progetto parallelo di cui si occupa invece la sezione Enterprise e che ha l’obiettivo di rilasciare, entro l’estate, la tecnologia “Federated Corporate Windows Update”: questa, come si è spiegato di recente, fornirà alle aziende la possibilità di costruire, all’interno delle proprie reti locali, servizi di aggiornamento personalizzabili e basati sulla stessa infrastruttura tecnologica di Windows Update.

Panepinto ha poi spiegato che con l’inaugurazione dello Strategic Technology Protection Program, Microsoft garantisce ormai da diversi mesi la localizzazione delle patch classificate come “critiche” nel giro di 24 ore dall’uscita della versione americana.

Una curiosità: il processo di localizzazione di aggiornamenti e prodotti, qui in Europa (ad eccezione della Germania), è totalmente demandato alla sede Microsoft di Dublino.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 02 2002
Link copiato negli appunti