Windows Update, lavori in corso

Quali sono i problemi che hanno colpito Windows Update? Pietro Panepinto, product manager di Windows, parla con Punto Informatico su questo nodo e su cosa bolle in pentola nei quartieri di Redmond


Roma – Come riportato ieri da Punto Informatico, e come testimoniato da diversi utenti, negli ultimi tempi Windows Update fa i capricci , risultando talvolta irraggiungibile. A questo disservizio ieri si è poi aggiunto un curioso contrattempo nel rilascio, da parte di Microsoft, di una patch cumulativa per Internet Explorer, sopravvissuta on-line solo per un paio d’ore prima di essere rimossa. Che sta succedendo negli uffici di Redmond?

Punto Informatico se lo è fatto dire da Pietro Panepinto, product manager Windows di Microsoft Italia.

Panepinto ha spiegato che il servizio Windows Update sta subendo una profonda evoluzione ed è al centro di una migrazione di piattaforma e di tool che ha causato, a partire dalla metà di gennaio, sporadici problemi di accesso al sito.

“Con la nuova piattaforma Windows Update – ha affermato Panepinto – Microsoft sarà in grado di distribuire non più singoli fix o patch, ma quelle che fra virgolette possono essere chiamate delle megapatch”. Per “megapatch” si intendono patch cumulative contenenti al loro interno più fix.

“Contemporaneamente a questo obiettivo – ha continuato Panepinto – Microsoft intende fare in modo che il processo di distribuzione delle patch venga unificato per le varie lingue, eliminando così quella disomogeneità temporale che ora caratterizza il rilascio delle varie patch localizzate”.

Il tool alla base di questa innovazione si chiama Windows Update Publishing Manager ed è uno strumento che, secondo quanto detto da Panepinto, consente al team di Windows Update di pubblicare un’unica patch per ogni lingua supportata: il sistema farà poi in modo di fornire in automatico ad ogni utente (italiano, francese, americano, ecc.) solo la porzione dell’aggiornamento nella lingua voluta.

“Con questo – ha spiegato Panepinto – Microsoft vuole ottenere un processo di pubblicazione unificato che sia affiancato dalla possibilità di rilasciare patch cumulative”.

Per il momento questo processo di aggiornamento del servizio Windows Update riguarderà solo Windows XP ma, in seguito, verrà esteso a tutti gli utenti di Windows.

Panepinto, che a nome di Microsoft ha voluto porgere le sue scuse a tutti gli utenti per i problemi che attualmente affliggono Windows Update, ha assicurato che questa fase sperimentale verrà completata nel giro di un mese, un periodo di tempo trascorso il quale dovrebbe tornare tutto alla normalità.

“I disagi che stanno sperimentando i nostri utenti – ha detto Panepinto – devono essere letti come un “stiamo lavorando per voi””.

Accanto al progetto succitato, a cui sta lavorando la sezione Consumer del Windows Update Team, c’è poi un progetto parallelo di cui si occupa invece la sezione Enterprise e che ha l’obiettivo di rilasciare, entro l’estate, la tecnologia “Federated Corporate Windows Update”: questa, come si è spiegato di recente, fornirà alle aziende la possibilità di costruire, all’interno delle proprie reti locali, servizi di aggiornamento personalizzabili e basati sulla stessa infrastruttura tecnologica di Windows Update.

Panepinto ha poi spiegato che con l’inaugurazione dello Strategic Technology Protection Program, Microsoft garantisce ormai da diversi mesi la localizzazione delle patch classificate come “critiche” nel giro di 24 ore dall’uscita della versione americana.

Una curiosità: il processo di localizzazione di aggiornamenti e prodotti, qui in Europa (ad eccezione della Germania), è totalmente demandato alla sede Microsoft di Dublino.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Né Linux né Windows
    Come vedo anche voi siete in sostanza d'accordo con me. NESSUN sistema operativo è attualmente il migliore. E allora ???Facciamocelo !!!Certo voi direte che è un lavoro immane, ma credo che se si uniscono le forze ci si possa riuscire.Cercando in rete ho trovato piccoli progetti di sistemi operativi davvero innovativi ed interessanti (conoscete Unminimum ? è un "motore operativo" organico =
    http://uuu.sf.net/).Il progetto è quello di creare un grande portale dove raggruppare tutte le informazioni, articoli, software e quant'altro necessario agli sviluppatori di sistemi operativi aperti nonchè fornire la possibilità di scambio di conoscenza e promozione di collaborazioni.Se siste interessati, collegatevi al forum di discussione provvisorio dove saremo lieti di ascoltare i vostri suggerimenti, critiche e quant'altro di costruttivo avrete da proporre per il portale.http://pub72.ezboard.com/bosprojects
  • Anonimo scrive:
    meglio di windows
    Solo tenendo conto delle ore non lavorate in tutto il mondo solo nell`ultimo anno a causa: dei problemi sw e dei dati persi dopo il passaggio di un virus e` facile capire che qualsiasi sistema operativo e` meglio di windows.Inoltre stiamo parlando qui di pubblica amministrazione, ovvero anche di uffici postali, uffici imposte, ministeri, servizi segreti etc. tutti posti dove la sicurezza dei dati e` fondamentale e dove non e` nemmeno immaginabile che dei dati possano venire cancellati.
    • Anonimo scrive:
      Re: meglio di windows
      - Scritto da: Pietro
      Solo tenendo conto delle ore non lavorate in
      tutto il mondo solo nell`ultimo anno a
      causa: dei problemi sw e dei dati persi dopo
      il passaggio di un virus e` facile capire
      che qualsiasi sistema operativo e` meglio di
      windows.Beh, non esageriamo!Ad ogni modo in italia i programmi scritti per le banche, l'inps, o anche molte aziende di telecomunicazioni sono in... Cobol! Si, avete letto bene! IntesaBCI, ad esempio, ha tutto il software scritto in Cobol che gira su piattaforma OS/390 IBM!Poi sui vari terminali vengono usati PC con su installato Windows sul quale viene caricato l'emulatore di terminale os/390 (3270).Ora se ci pensate in casi come questi la sostituzione dei terminali winzozz sarebbe indolore, dato che i programmi continuano a girare su os/390 ed esistono anche ottimi emulatori 3270 per Linux.Possibile che nessuno ci abbia mai pensato?
  • Anonimo scrive:
    windows ha fatto il suo tempo sovietico
    Ormai quello che può essere offerto dal monopolio di microsoft può essere facilmente sostituito da quanto disponibile da altri privati e dal mondo open source.Rimane solo un passo da effettuare: l'esclusione forzata delle piattaforme windows dalle gare pubbliche.Questo atto non va interpretato come una discriminazione contro un'azienda privata in generale, ma come correttivo alla deformazione del mercato che una azienda monopolistica è stata in grado di imprimere e mantenere (illegalmente)Da un atto di limitazione del monopolista, non può che guadagnarci l'intera comunità ICT, che avrà altri canali attraverso cui far utilizzare i servizi e i prodotti.L'unico che ci perde è il monopolista, che naturalmente ha una schiera di lobbisti per tentare di frenare la rivincita del libero mercato.E questo esercito non è l'unico "corpo" con cui microsoft esercita la sua nefasta influenza: molti operatori dell'IT (programmatori, sistemisti, manager), nati e cresciuti all'ombra delle applicazioni del monopolista, sentono di non avere le forze (o solo la voglia) per fare una conversione delle proprie capacità in caso di un giro di vite contro il loro nume tutelare di Redmond; sentono che il monopolio va difeso comunque, perché dalla saldezza del monopolio traggono (solo loro) i vantaggi economici sottratti ad altri operatori ICT.Queste persone temono semplicemente la libertà di mercato, perché finora hanno avuto le spalle coperte dalla cortina di ferro creata dalle condizioni di monopolio.La loro reazione è di paura, perchè sanno che non saprebbero misurarsi con un mercato vero.Microsoft sa di poter contare su queste persone, e sta già attuando questa strategia di dissuasione. lo fa attraverso tuti i canali che ha a disposizione, tra cui questi forum.
    • Anonimo scrive:
      Re: windows ha fatto il suo tempo sovietico
      - Scritto da: zap
      Microsoft sa di poter contare su queste
      persone, e sta già attuando questa strategia
      di dissuasione. lo fa attraverso tuti i
      canali che ha a disposizione, tra cui questi
      forum. Vero !!! Il loro incaricato qui si chiama Dart Vader, anche se non ci ha mai detto quanto guadagna a lavorare per M$.
      • Anonimo scrive:
        Re: windows ha fatto il suo tempo sovietico
        - Scritto da: Castro
        - Scritto da: zap


        Microsoft sa di poter contare su queste

        persone, e sta già attuando questa
        strategia

        di dissuasione. lo fa attraverso tuti i

        canali che ha a disposizione, tra cui
        questi

        forum.

        Vero !!! Il loro incaricato qui si chiama
        Dart Vader, anche se non ci ha mai detto
        quanto guadagna a lavorare per M$.nel caso di dart, noto mentitore (ad esempio sul caso microsoft, nientemeno), mi risulta (non ho connferme) che sia titolare di azioni del monopolista microsoft.Non mi sorprende la sua difesa a oltranza di un'azienda da cui dipende la sua fortuna economica.
  • Anonimo scrive:
    linux non funziona, semplicemente...
    il open source non funziona.Io ho provato a compilare un *.tar.gz e mi ha dato un sacco di errori.E poi che razza di compilatore è "make install" che non ha nemmeno l'help?Ho riformattato il hard disk e ho rimesso Windows XP che funziona parecchio meglio e non ha bachi.Se tutti i server tedeschi fosssero XP ma anche 95 sarebbe parecchio meglio per loro.E io sono quasi un hacker, ho usato anche il Intel pentium III
    • Anonimo scrive:
      Re: linux non funziona, semplicemente...
      - Scritto da: Aurelio Sagone
      il open source non funziona.opinione opinabile
      Io ho provato a compilare un *.tar.gz e mi
      ha dato un sacco di errori.il tuo intervento è il classico intervento di un win-maniac che fa finta di non conoscere i pacchetti rpm o deb.Sei finto
      E poi che razza di compilatore è "make
      install" che non ha nemmeno l'help?ma vi stampano a Redmond?
      Se tutti i server tedeschi fosssero XP ma
      anche 95 sarebbe parecchio meglio per loro.e anche meglio per microsoft
      E io sono quasi un hacker, ho usato anche il
      Intel pentium IIIsei il primo troll della giornata.
      • Anonimo scrive:
        Re: linux non funziona, semplicemente...
        - Scritto da: zap
        - Scritto da: Aurelio Sagone

        il open source non funziona.Neanche il tuo itt'Aliano.
        opinione opinabile

        Io ho provato a compilare un *.tar.gz e mi

        ha dato un sacco di errori.
        il tuo intervento è il classico intervento
        di un win-maniac che fa finta di non
        conoscere i pacchetti rpm o deb.O di uno che non e' riuscito a superare i test d'intelligenza per essere assunto come scimmia allo zoo.

        E poi che razza di compilatore è "make

        install" che non ha nemmeno l'help? hahahahahahahaha cerca l'help !!!!

        Se tutti i server tedeschi fosssero XP ma

        anche 95 sarebbe parecchio meglio per
        loro.Si, cosi' anche i lavoratori delle PA tedeske scoprirebbero che e' piu' bello andare in web e videogiocare che lavorare :)))

        E io sono quasi un hacker, ho usato anche

        il Intel pentium III
        sei il primo troll della giornata. Ma come fanno di mattina cosi' presto ad avere tutta sta fantasia ??? Mangiato peperonata la sera prima ????
    • Anonimo scrive:
      Re: linux non funziona, semplicemente...
      - Scritto da: Aurelio Sagone
      E io sono quasi un hacker, ho usato anche il
      Intel pentium IIIE io che stavo per risponderti a tono!^_____________________^
    • Anonimo scrive:
      Re: linux non funziona, semplicemente...
      - Scritto da: Aurelio Sagone
      il open source non funziona.
      Io ho provato a compilare un *.tar.gz e mi
      ha dato un sacco di errori.
      E poi che razza di compilatore è "make
      install" che non ha nemmeno l'help?Non funziona l'open source o il tuo cervello?Mai sentito parlare di man pages?

      Ho riformattato il hard disk e ho rimesso
      Windows XP che funziona parecchio meglio e
      non ha bachi.
      Se tutti i server tedeschi fosssero XP ma
      anche 95 sarebbe parecchio meglio per loro.
      E io sono quasi un hacker, ho usato anche il
      Intel pentium IIIAh, per essere hackers basta avere usato (in che senso? Usato TU o il S.O.??) il PIII. E dal modo in cui parli del make install si direbbe che non l'hai mai visto prima.Anche la comunità informatica "sarebbe parecchio meglio" se i sedicenti hacker non fossero come te.Get a brain, dude.
      • Anonimo scrive:
        Re: linux non funziona, semplicemente...
        - Scritto da: Flying Penguin

        - Scritto da: Aurelio Sagone

        il open source non funziona.

        Non funziona l'open source o il tuo cervello?
        Mai sentito parlare di man pages?Non ti arrabbiare, era un messaggio falso.Ho sempre avuto il sospetto che molti messaggi sono scritti per provocare e divertirsi alle spalle degli altriVolevo dimostrare che il 90% di quelli che difendono Windows e insultano l'open source in realtà linuxari che si divertono alle spalle di altri linuxari.Secondo me i veri utenti Windows non leggono PI e non hanno la cultura per usare i newsgroup e robe simili.Siamo noi che ci caschiamo come pere cotte.
        • Anonimo scrive:
          Re: linux non funziona, semplicemente...
          - Scritto da: Aurelio Sagone
          - Scritto da: Flying Penguin....

          Mai sentito parlare di man pages?

          Non ti arrabbiare, era un messaggio falso.....Vladimir ha fatto adepti ? :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: linux non funziona, semplicemente...
          - Scritto da: Aurelio Sagone
          - Scritto da: Flying Penguin



          - Scritto da: Aurelio Sagone


          il open source non funziona.



          Non funziona l'open source o il tuo
          cervello?

          Mai sentito parlare di man pages?

          Non ti arrabbiare, era un messaggio falso.
          Ho sempre avuto il sospetto che molti
          messaggi sono scritti per provocare e
          divertirsi alle spalle degli altri
          Volevo dimostrare che il 90% di quelli che
          difendono Windows e insultano l'open source
          in realtà linuxari che si divertono alle
          spalle di altri linuxari.

          Secondo me i veri utenti Windows non leggono
          PI e non hanno la cultura per usare i
          newsgroup e robe simili.
          Siamo noi che ci caschiamo come pere cotte.vediamo se hai ragione
    • Anonimo scrive:
      Ma allora su sto forum sono tutti scemi!!!
      Ma non avete capito che è una presa in giro? Guardate l'ultima frase!E qualche cretino (tipo zap) che gli risponde a tono senza capire che è uno scherzo. Zap, ci sei con la test? Hai capacità intellettive limitate o sei solo stupido di natura?COntinuano a provocarci e continueranno a farlo, se coglioni come te accettano le provocazioni, anche quelle palesemente fasulle.SOno stufo di questi provocatori. Il canale Linux è diventato una merda piena solo di litigi.E sono stufo anche di qualche minorato mentale che dà retta ai provocatori comunque e sempre.Basta! Gli uni e gli altri. Basta.E tu zap, e quelli come te, tipo blah e compagnia brutta, smettetela per un po' di impestare questo forum. Non vi rendete conto che lo state rovinando. Ho girato copia di questo messaggio direttamente a PI. Bisogna fare qualcosa: autocensuratevi o datevi una calmata.Scusate l'indignazione e le parolacce, ma non ce la faccio più.Mikonos
  • Anonimo scrive:
    Linux, dubbi amletici e certezze cosmiche
    WARNING WARNING WARNING!Scaricate il modulo "ironia" prima di procedere nella lettura di questo messaggio. Pena qualche crash di sistema mentale e lunghe telefonate con un helpdesk psicologico. - - - - - - - -Linux è un sistema operativo solo per cornuti.Appena lo installi, la tipa ti tradisce.Linux porta sfiga.E già chi è costretto ad usarlo è sfigato di suo.Linux fa sudare.Controllatevi le ascelle e verificate.Linux dà problemi sessuali.Se state leggendo queste righe, vuol dire che non state facendo sesso, quindi...Linux è peccato.L'undicesimo comandamento (ora perduto) citava "Non usare Linux!"Linux è indigesto.Provate a mangiarvi la confezione di qualche distro e poi ditemi.Linux è antipatico.Basta vedere il tono del forum. Tutti che si prendono sul serio.Linux è il sistema operativo di Moggi.E lo usa per contattare gli arbitri via e-mailLinux è fascista.I suoi utenti sono intolleranti, nullafacenti e puzzoni.Linux è comunista.I suoi utenti credono nella libertà, nell'uguaglianza e nella democrazia.Linux è democristiano.I suoi utenti lo venerano come la Madonna.Linux è ateo.Perché non crede all'esistenza di Dio GatesLinux è per soli uomini.Basta guardare questo forum: peggio di uno spogliatoio.Linux è per sole donne.Nel senso che quando lo usate, le vostre fidanzate si divertono con altri.Linux è per persone intelligenti.Certo, intelligentissime...Linux è per stupidi.A giudicare dal forum, si direbbe di sì.Linux è per soli informatici.Vedi alla voce "stupidi" e "cornuti".Linux è per la casalinga di Voghera.Non usa nemmeno Windows.Linux è bello.Forse sì, ma i suoi utenti fanno schifo, a giudicare dal tono dei loro messaggi.Linux è brutto.Sì, una merda colossale. Piace solo a qualche informatico sfigato che combatte battaglie di retroguardia politica, mentre a Timor Est o in Angola si muore di fame.Linux è importante.No: parliamo d'altro. Il mondo brucia e noi siamo qui.Linux non è importante.Appunto: rimbocchiamoci le mani e parliamo d'altro.Linux è il tuo sistema operativo?Il mio sì. Al lavoro no, purtroppo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux, dubbi amletici e certezze cosmiche
      Forte!Non ho capito se sei pro o contro linux, ma mi hai fatto schiantare dalle risate in entrambi i casi.
  • Anonimo scrive:
    A favore dell'Open Source
    Basta che ci mettano un OS serio, e tengano Linux nascosto in un angolo finche' non esce una distribuzione decente.
    • Anonimo scrive:
      Re: A favore dell'Open Source
      - Scritto da: 'doze
      Basta che ci mettano un OS serio, e tengano
      Linux nascosto in un angolo finche' non esce
      una distribuzione decente.Beh l'OpenSource c'è anche per Windows. Per esempio perchè non iniziare ad usare StarOffice o OpenOffice che c'è anche per Windows ? Fa più figo avere il cd copiato di OfficeXp, certo....
    • Anonimo scrive:
      Re: A favore dell'Open Source
      Chiedi al CERN, alla NASA, al pentagono, etc. quali sono gli o.s decenti; ah, dimenticavo già che ci sei chiedi a Yahoo!!, ad Hotmail (M$).Poi cerca un cluster parallelo su win*.......... se lo trovi!
  • Anonimo scrive:
    - una valida ANALisi di Linux
    Mi spiace, ma a leggere tutto questo spirito di gruppo tra informatici maschietti (donne zero, qui), ormai sono sicuro: Linux è una cosa da gay, e chissà cosa combinate nei Linux Meeting...In quest'area la quantità di sfigati perditempo è spaventosa. Peccato, perché Punto Informatico è una cosa seria. Ma voi del canale Linux... :-)Daie, attaccate briga pure qua, finocchietti!
    • Anonimo scrive:
      che dire....
      - Scritto da: lo zio di Vladimir
      Mi spiace, ma a leggere tutto questo spirito
      di gruppo tra informatici maschietti (donne
      zero, qui), ormai sono sicuro: Linux è una
      cosa da gay, e chissà cosa combinate nei
      Linux Meeting...parliamo di figa
      In quest'area la quantità di sfigati
      perditempo è spaventosa.
      Peccato, perché Punto Informatico è una cosa
      seria. Ma voi del canale Linux... :-)
      Daie, attaccate briga pure qua, finocchietti!viva la patata
    • Anonimo scrive:
      Re: - una valida ANALisi di Linux
      Non ci credo!un sostenitore di microsoft razzista, sessista e pure un pochino fascista!tu si che fai onore a microsoft!
    • Anonimo scrive:
      Re: - una valida ANALisi di Linux
      Ragazzi, io non capisco niente di Linux, ma è una settimana circa che il forum di Linux sembra una telenovela e mi fa troppo ridere!Vi provocano e voi rispondete tutti in massa come dei lemmings impazziti, senza rendervi conto che vi pigliano per i fondelli.Comunque, continuate così, perché non ho niente da leggere ultimamente (ho appena finito il signore degli anelli e devo riprendermi) e qui mi diverto un sacco.Giuro che se ho tempo e denaro, mi installo Linux solo per ringraziarvi del bel tempo che mi avete fatto passare. Viva la polemica! Viva Linux! Viva la vita!
      • Anonimo scrive:
        Re: - una valida ANALisi di Linux
        - Scritto da: Satrapone
        Ragazzi, io non capisco niente di Linux, ma
        è una settimana circa che il forum di Linux
        sembra una telenovela e mi fa troppo ridere!a me le telenovele provocano altri effetti ... :)
        Vi provocano e voi rispondete tutti in massa
        come dei lemmings impazziti5 4 3 2 1 ... oh no!eddai non l'hai ancora capito che il 90 % della gente che posta qui dice stronzate per il gusto di dirle (da ambo le parti eh)... lo scopo del troll e' flammare... e allora se hai tempo e ti vuoi divertire a controflammare lo fai, altrimenti cerchi di metterlo alle corde ...qua dentro, gente con cui intavolare una discussione seria ce n'e' ben poca.
        senza rendervi
        conto che vi pigliano per i fondelli.
        Comunque, continuate così, perché non ho
        niente da leggere ultimamente (ho appena
        finito il signore degli anelli e devo
        riprendermi)bella voglia... :)
        e qui mi diverto un sacco.
        Giuro che se ho tempo e denaro, mi installo
        Linux solo per ringraziarvi del bel tempo
        che mi avete fatto passare.

        Viva la polemica! Viva Linux! Viva la vita!e viva la figa ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: - una valida ANALisi di Linux
      Aggiungo che è meglio che PI non metta la X sul post iniziale di questo thread, che pur andando contro ogni netiquette, lasciandolo visibile almeno dimostra l'ignoranza di certa gente.
      • Anonimo scrive:
        Re: - una valida ANALisi di Linux
        Però siamo proprio capronici provoca ad attaccare briga e qualche frescone gli dà retta.Per evitare questi post, la soluzione è ignorarliFatevi furbi!
    • Anonimo scrive:
      Re: - una valida ANALisi di Linux
      Ciao amore, se voglio parlare con una patonza non lo faccio certo tramite PC!- Scritto da: lo zio di Vladimir
      Mi spiace, ma a leggere tutto questo spirito
      di gruppo tra informatici maschietti (donne
      zero, qui), ormai sono sicuro: Linux è una
      cosa da gay, e chissà cosa combinate nei
      Linux Meeting...
      In quest'area la quantità di sfigati
      perditempo è spaventosa.
      Peccato, perché Punto Informatico è una cosa
      seria. Ma voi del canale Linux... :-)
      Daie, attaccate briga pure qua, finocchietti!
  • Anonimo scrive:
    Dico anche io la mia
    Penso questo: provino i tedeschi, in Europa sono i migliori informatici (ed i migliori hacker + cracker), dopo 2 anni, se tutto va bene, copiamo anche noi tanto facciamo sempre così!In ogni caso si parla comunque di politica, notate l'estremismo: o tutto o niente. Non si possono per prima coda utilizzare i vari StarOffice al posto di Office, sarebbe già un primo passo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dico anche io la mia
      - Scritto da: Lemon
      StarOffice al posto di Office, sarebbe già
      un primo passo.Vi stupiro', ma non sono contrario.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dico anche io la mia
        - Scritto da: Ciao
        - Scritto da: Lemon

        StarOffice al posto di Office, sarebbe già

        un primo passo.
        Vi stupiro', ma non sono contrario.No, mi sarei SCANDALIZZATO se avessi detto il contrario...
      • Anonimo scrive:
        Re: Dico anche io la mia
        - Scritto da: Ciao


        - Scritto da: Lemon


        StarOffice al posto di Office, sarebbe già

        un primo passo.

        Vi stupiro', ma non sono contrario.nessuno stupore.la tua cura preferita per i monopoli invadenti e criminali è una pacca sulla spalla
  • Anonimo scrive:
    Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
    - Scritto da: linuxwins
    First they laugh at you,
    then they fight you
    and then you win.Se sento ancora ripetere questo vuoto slogan giuro che piango."Beeee! Beeeeeeee!"
  • Anonimo scrive:
    Calmiamoci un po'
    Allora ragazzi, l'ho scritto in un post in un altro thread ma lo ripeto qui.Io chiedo a tutte le persone di buon senso, siano esse win-maniac o lin-maniac di smetterla di fare questa guerra di cifre (no windows ha il 50,1 % No ha il 49%,1 !).Abbiamo scritto più di 170 messaggi e qual'è la conclusione sull'argomento della notizia ? Nessuna, a parte qualche piccola cosa, tutti sono impegnati a difendere l'uno o l'altro sistema operativo e basta. Io credo che se tutti ci impegnassimo a collaborare invece di litigare la situazione migliorerebbe. Si può discutere sulla validità o meno di un sistema o di un altro, e io rimango convinto che per la PA la scelta giusta sia l'OpenSource, ma questo non significa che "Linux sia migliore" o che "Windows sia migliore" o che "MacOS sia migliore", etc...Ogni SO ha i suoi pro e i suoi contro. Windows è facilissimo, e anche se Linux sta guadagnando terreno su questo punto non è certo al livello di Windows, per definizione. Linux è molto più personalizzabile di Windows. MacOS infine è studiato appositamente per la grafica. Queste sono considerazioni di fatto, non giudizi di validità. Il fatto che in un settore un sistema vinca, non significa che sia migliore, significa soltanto che è in quel campo ha i suoi punti di forza. Per esempio Linux è nato da sistemi Unix, che da sempre sono costruiti per far girare server e mainframe, è quindi chiaro che per sua natura gira alla grande su un server, anche perchè al contrario di Windows può girare tranquillamente senza interfaccia grafica. In compenso per fare lo sharing di una connessione Internet su una LAN in Windows basta cliccare un'opzione, in Linux invece bisogna seguire una procedura più complessa, anche se non complicatissima in assoluto. Tutto qui. La realtà non è mai bianca o nera, ma in sfumature di grigio, quindi a seconda di dove uno si attesta può scegliere l'SO di suo piacimento. Quello che è sbagliato è dire "No quell'SO fa schifo e basta", come fanno molti sostenitori MS e come fanno molti sostenitori di altri SO.Io personalmente vengo da Windows, sto provando Linux e se avessi un MAC (se non costassero così tanto...) proverei anche il MACOS, per il puro spirito di scoprire qualcosa di nuovo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Calmiamoci un po'

      Io personalmente vengo da Windows, sto
      provando Linux e se avessi un MAC (se non
      costassero così tanto...) proverei anche il
      MACOS, per il puro spirito di scoprire
      qualcosa di nuovo. questo è un post sensato.Anche io vecchio Macfan ritengo che l'Open Source sia più adatto per la Publica amminsitrazione (ma non per l'educational), si risparmierebbero un sacco di soldi e si eviterebbero molte magagne a chi lavora.Per chi obietta la difficoltà di configurazione di Linux: nelle PA nessuno è in grado di mettere su una rete decente, e da sempre le PA si affidano a smanettoni inefficienti: almeno con Linux lavorerà chi ci capisce davvero...Del tutto a favore quindi
  • Anonimo scrive:
    FACCIAMO NOI UNA PETIZIONE AL NOSTRO PARLAMENTO
    Se c'è qualcuno di buona volontà che prepara una Petizione da presentare al Parlamento Italiano in favore dei SO/SW OPEN SOURCE la porto io ai quei paraculi di Roma.Io conosco Roma e i meandri dei Ministeri.
    • Anonimo scrive:
      Re: FACCIAMO NOI UNA PETIZIONE AL NOSTRO PARLAMENTO
      La proposta e' onorevole e degna di nota... ma forse basta sostenere questa:http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=38547- Scritto da: Alien
      Se c'è qualcuno di buona volontà che prepara
      una Petizione da presentare al Parlamento
      Italiano in favore dei SO/SW OPEN SOURCE la
      porto io ai quei paraculi di Roma.

      Io conosco Roma e i meandri dei Ministeri.
      • Anonimo scrive:
        Re: FACCIAMO NOI UNA PETIZIONE AL NOSTRO PARLAMENTO
        - Scritto da: Dixie
        La proposta e' onorevole e degna di nota...
        ma forse basta sostenere questa:

        http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=38547
        come?
        • Anonimo scrive:
          Re: FACCIAMO NOI UNA PETIZIONE AL NOSTRO PARLAMENTO
          E` facile aprire una petizione elettronica su:http://www.petitiononline.com/N.B.A tal proposito firmate la mia:http://www.petitiononline.com/OS24FREE/e se avete tempo anche questa:http://www.petitiononline.com/beosos/Grazie, Marco
        • Anonimo scrive:
          Re: FACCIAMO NOI UNA PETIZIONE AL NOSTRO PARLAMENTO
          - Scritto da: zap


          - Scritto da: Dixie

          La proposta e' onorevole e degna di
          nota...

          ma forse basta sostenere questa:




          http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=38547



          come?
          Intanto "stando attenti" ovvero quella non nasce come petizione per raccogliere firme ma gia' come proposta di legge... quello che pero' non so e a che punto e' ovvero se e' gia stata presentata, oppure se e' in discussione sulle ML e nelle news... tu potresti "rileggerla", vedere se puoi apportare contributi costruttivi e eventualmente inviarli ad Alessio Papini...
  • Anonimo scrive:
    Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ........
    - Scritto da: Ciao


    Concludendo: ci rivediamo tra un anno
    quando

    il coro degli scettici si assottigliera'

    ulteriormente.

    Gia' sentito l'anno scorso. Rimandiamo
    ancora di un anno?certo! e continuerai a sparare le tue balle (è il tuo me$tiere)
    • Anonimo scrive:
      Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ........
      - Scritto da: zap

      Gia' sentito l'anno scorso. Rimandiamo

      ancora di un anno?


      certo! e continuerai a sparare le tue balle
      (è il tuo me$tiere)Ok. Tra un anno vedremo. (L'ho gia' detto un anno fa). Tenete conto che la vita media e' 75(?) anni, quindi non fatemi aspettare troppi secoli.
      • Anonimo scrive:
        Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ........
        - Scritto da: Ciao


        - Scritto da: zap



        Gia' sentito l'anno scorso. Rimandiamo


        ancora di un anno?





        certo! e continuerai a sparare le tue
        balle

        (è il tuo me$tiere)

        Ok. Tra un anno vedremo. (L'ho gia' detto un
        anno fa). sei proprio un aficionado della difesa a microsoft
        Tenete conto che la vita media e'
        75(?) anni, quindi non fatemi aspettare
        troppi secoli.certo. Qualunque sia il respondso una giuria, troveresti sempre modo di negare l'evidenza.E' un bel mestiere, se hai uno stomaco buono.Durerai a lungo. Hai stoffa
  • Anonimo scrive:
    OPENSOURCE
    Finalmente le istituzioni si sono accorte della presenza di Linux,spero che altri paesi europei prendano esempio da quello tedesco, e decidano di fare altrettanto.
    • Anonimo scrive:
      Re: OPENSOURCE e PETIZIONE
      - Scritto da: databus
      Finalmente le istituzioni si sono accorte
      della presenza di Linux,
      spero che altri paesi europei prendano
      esempio da quello tedesco, e decidano di
      fare altrettanto.dài, databus, firma la petizionehttp://www.bundestux.de/english.html
  • Anonimo scrive:
    Aderite alla PETIZIONE pro-Open-Source
    Come è già stato detto, in Germania stanno per valutare la possibilità di passare a tecnologie Open Source nel settore pubblico limitato al Bundestag (il loro Parlamento).Per questo è da tempo iniziata una petizione, che può essere letta e firmata al sitohttp://www.bundestux.de/english.htmlChiedo a tutti i simpatizzanti dell'Open source di ADERIRE.dalla petizione non sembrano esclusi i cittadini di altri paesi comunitari come l'italia, anche se probabilmente non saranno presi in considerazione in un primo momento, quando si tratterà di valutare l'adesione nazionale tedesca. Ma in un secondo momento, quando si dovrà tenere in conto il gradimento e la diffusione internazionale delle soluzioni Open-Source, anche queste adesioni "estere" potrebbero _contare_.A noi, comunque, non costa NULLA, tranne la *conferma* via e-mail della nostra adesione.Un giorno i cittadini tedeschi interessati vorranno sicuramente fare lo stesso per noihttp://www.bundestux.de/english.html
  • Anonimo scrive:
    Piccole puntualizzazione
    Mi sento in dovere morale di scrivere qualcosa in questo forum, non fosse altro che per il fatto che ho portato io questo vespaio in Italia.Credetemi se dico che quanto avete detto finora e' gia' passato qui in Germania da un pezzo...Cominciamo dunque a mettere alcuni punti fermi:- Bundestux.de e' TOTALMENTE slegato dal Governo tedesco. Si limita a fare delle proposte.- Bundestux.de spesso non usa frasi "politically correct" che hanno causato una dura replica di Kurt Sibold (presidente Microsoft GmbH).- Bundestux.de non impone niente, ma si limita a fare una petizione per proporre l'uso di sistemi alternativi a quelli proposti da Microsoft nel Bundestag. Non fa nomi!- Microsoft, nella persona di Kurt Sibold, non ha tutti i torti a replicare come ha fatto. Come ho detto bundestux.de non sempre misura le parole ed era preciso dovere di Microsoft chiarire alcune cosette.- Chi prendera' la decisione sara', come al solito, il Bundestag, che sta gia' lavorando da tempo a questa proposta, spinta, se non ricordo male, da SPD.- E' disponibile (ma solo in tedesco!) sul sito bundestux.de, una risposta di un parlamentare alla lettera di Sibold.Su quest'ultimo punto mi preme dire qualcosa di piu' particolareggiato... Il parlamentare in questione, sebbene sembri essere decisamente pro-OpenSource, nega a chiunque la possibilita' di decidere al posto del Parlamento. Ne' Microsoft, ne' altri potranno decidere cio' che avverra'!Questo e' il punto fermo. Il Bundestag raccogliera', ovviamente, la proposta, ma si riservera' la decisione di accettarla o rifiutarla. E mi sembra anche giusto cosi'!Bisogna anche far notare che questo signore (Jörg Tauss) sembra avercela particolarmente con Microsoft perche' non e' europea... Cita infatti piu' volte il fatto di volere, nella PA europea, Software europei. Mi auguro che la scelta non venga fatta per questi motivi...Infine, per rispondere a quelli che dicono "voglio vedere gli utonti della PA a usare Linux", rispondo dicendo che la cosa non e' affatto nuova, qui in Germania.Sono parecchie le ditte che usano sistemi non Microsoft per le applicazioni Office e, una volta che l'utonto ha un programma per scrivere un testo, navigare e leggere le E-Mail, ha tutto cio' che gli serve.Non mi risulta che i manicomi tedeschi siano pieni di Amministratori di Sistema impazziti per questo.Oltretutto, alcune citta', come Dresden nella quale vivo, hanno gia' da tempo deciso di cominciare a tagliare le gambe a Microsoft, decidendo di non sottostare piu' (a partire da questo mese!) al furto legalizzato (come lo chiamano alcuni qui) costituito dagli Upgrade che devono sempre essere acquistati da Microsoft.Da questo mese, il Comune di Dresden non fara' piu' aggiornamenti e cerchera' altre soluzioni. Non mi risulta, anche in questo caso, che la gente sia impazzita per il mancato uso di prodotti proprietari...Ciao a tutti!Luca Bertoncello
    • Anonimo scrive:
      Re: Piccole puntualizzazione
      - Scritto da: Luca Bertoncello
      Mi sento in dovere morale di scrivere
      qualcosa in questo forum, non fosse altro
      che per il fatto che ho portato io questo
      vespaio in Italia.
      Credetemi se dico che quanto avete detto
      finora e' gia' passato qui in Germania da un
      pezzo...Ci credo noi in Italia arriviamo sempre per ultimi :)))
      Cominciamo dunque a mettere alcuni punti
      fermi:

      - Bundestux.de e' TOTALMENTE slegato dal
      Governo tedesco. Si limita a fare delle
      proposte.Giusto.
      - Bundestux.de spesso non usa frasi
      "politically correct" che hanno causato una
      dura replica di Kurt Sibold (presidente
      Microsoft GmbH).A volte si esagera, ma l'importante è poi chiarirsi.
      - Bundestux.de non impone niente, ma si
      limita a fare una petizione per proporre
      l'uso di sistemi alternativi a quelli
      proposti da Microsoft nel Bundestag. Non fa
      nomi!Chiaro, è giusto che sia così.
      - Microsoft, nella persona di Kurt Sibold,
      non ha tutti i torti a replicare come ha
      fatto. Come ho detto bundestux.de non sempre
      misura le parole ed era preciso dovere di
      Microsoft chiarire alcune cosette.Microsoft è libera di rispondere. L'importante è che non esageri a sua volta. Nessuno è libero di rispondere con un insulto a chi lo insulta.
      - Chi prendera' la decisione sara', come al
      solito, il Bundestag, che sta gia' lavorando
      da tempo a questa proposta, spinta, se non
      ricordo male, da SPD.E' ovvio che sia il governo a dover decidere su una questione come questa.
      (Jörg Tauss) sembra avercela particolarmente
      con Microsoft perche' non e' europea... Cita
      infatti piu' volte il fatto di volere, nella
      PA europea, Software europei. Mi auguro che
      la scelta non venga fatta per questi
      motivi...Lo spero anche io. Ripeto le scelte vanno basate sui fatti e non su motivi di questo tipo, da una parte e dall'altra. Se uno sceglie Linux o l'OS perchè odia M$ è stupido esattamente come uno che sceglie Windows perchè odia i comunisti.
      Infine, per rispondere a quelli che dicono
      "voglio vedere gli utonti della PA a usare
      Linux", rispondo dicendo che la cosa non e'
      affatto nuova, qui in Germania.(CUT)
      Da questo mese, il Comune di Dresden non
      fara' piu' aggiornamenti e cerchera' altre
      soluzioni. Non mi risulta, anche in questo
      caso, che la gente sia impazzita per il
      mancato uso di prodotti proprietari...Finalmente qualcuno che fa riflessioni serie e non inventa le cose :) Come diciamo spesso, linux se configurato bene è semplice da usare come windows.
      • Anonimo scrive:
        Re: Piccole puntualizzazione
        IBM, Compaq, HP, etc., sono industrie, e hanno optato per Linux; non è un problema dell'industria, anche perchè suddette aziende sono USA e in un momento di amministrazione di centro destra in USA; cioè in un momento con più spirito capitalista di prima.E' un problema di mercato, l'industria appoggia Linux quando comincia a convenirgli, comè avvenuto. Per la PA è un problema di cultura, non di scelte politiche anche perchè il precedente gov. ha passato la legge sull'editoria e quella sui bollini SIAE.Finchè nel parlamento non ci sarà nemmeno 1 ingegnere (si, non c'è nè uno attualmente in parlamento) nè uno scienziato che si occupi d'informatica, non c'è niente da fare: questi sono i delegati che sono stati votati, per essi win è il PC, e nemmeno sanno che esistono i server.
        • Anonimo scrive:
          Re: Piccole puntualizzazione
          - Scritto da: BSD_like
          IBM, Compaq, HP, etc., sono industrie, e
          hanno optato per Linux; non è un problema
          dell'industria, anche perchè suddette
          aziende sono USA e in un momento di
          amministrazione di centro destra in USA;
          cioè in un momento con più spirito
          capitalista di prima.
          E' un problema di mercato, l'industria
          appoggia Linux quando comincia a
          convenirgli, comè avvenuto. Per la PA è un
          problema di cultura, non di scelte politiche
          anche perchè il precedente gov. ha passato
          la legge sull'editoria e quella sui bollini
          SIAE.
          Finchè nel parlamento non ci sarà nemmeno 1
          ingegnere (si, non c'è nè uno attualmente in
          parlamento).....non è che nel Parlamento debbano esserci x forza ingegneri, del resto nel Parlamento Italiano attuale ci sono moltissimi Avvocati più o meno di grido (chissà xchè?...), ma perlomeno si ha il diritto di pretendere che i Parlamentari si servano di consulenti imparziali nelle dicisioni da prendere a livello tecnico organizzativo.Per quanto riguarda gli Ingeneri Italiani, mi risulta che i nostri Politecnici ne sfornino di preparati e capaci in molte discipline, una ragione in più per domandarsi il perchè siano così freddini con i sistemi Open Source.Forse perchè nelle Università e nei Politecnici pur usando in taluni casi SO/SW OPEN SOURCE, rimangono chiusi e isolati nei loro laboratori. nè uno scienziato che si occupi
          d'informatica, non c'è niente da fare:
          questi sono i delegati che sono stati
          votati, per essi win è il PC, e nemmeno
          sanno che esistono i server.
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccole puntualizzazione
            - Scritto da: Alien


            - Scritto da: BSD_like

            IBM, Compaq, HP, etc., sono industrie, e

            hanno optato per Linux; non è un problema

            dell'industria, anche perchè suddette

            aziende sono USA e in un momento di

            amministrazione di centro destra in USA;

            cioè in un momento con più spirito

            capitalista di prima.

            E' un problema di mercato, l'industria

            appoggia Linux quando comincia a

            convenirgli, comè avvenuto. Per la PA è un

            problema di cultura, non di scelte
            politiche

            anche perchè il precedente gov. ha passato

            la legge sull'editoria e quella sui
            bollini

            SIAE.

            Finchè nel parlamento non ci sarà nemmeno
            1

            ingegnere (si, non c'è nè uno attualmente
            in

            parlamento)

            .....non è che nel Parlamento debbano
            esserci x forza ingegneri, del resto nel
            Parlamento Italiano attuale ci sono
            moltissimi Avvocati più o meno di grido
            (chissà xchè?...), ma perlomeno si ha il
            diritto di pretendere che i Parlamentari si
            servano di consulenti imparziali nelle
            dicisioni da prendere a livello tecnico
            organizzativo.il problema e' che i consulenti imparziali vengono valutati in base alle parentele e al tesseramente piuttosto che rispetto alle competenze.Un'altra variabile possibile e' il "quanto rompe le palle" e il "quanto costa? perche' piu' soldi do a te e meno ne posso dare ai miei interessi"
            Per quanto riguarda gli Ingeneri Italiani,
            mi risulta che i nostri Politecnici ne
            sfornino di preparati e capaci in molte
            discipline, una ragione in più per
            domandarsi il perchè siano così freddini con
            i sistemi Open Source.
            Forse perchè nelle Università e nei
            Politecnici pur usando in taluni casi SO/SW
            OPEN SOURCE, rimangono chiusi e isolati nei
            loro laboratori.Non penso, credo che molti anche lo usino anche a casa, almeno quando ero all'universita' ognuno faceva le sue scelte in materia di OS "casalingo", certo non sono solo gli ingegneri che fanno le scelte ma anche i fattori "contingenti"... sinceramente credo che determinate scelte (leggi uso maggiore di Linux) adesso vengano fatte anche perche' quei tecnici che hanno conosciuto Linux all'universita' 5 anni fa adesso possono parlare e proporre....
            nè uno scienziato che si occupi

            d'informatica, non c'è niente da fare:

            questi sono i delegati che sono stati

            votati, per essi win è il PC, e nemmeno

            sanno che esistono i server.sigh... tutto vero :(
        • Anonimo scrive:
          Re: Piccole puntualizzazione
          Non vorrei sbagliare ma mi pare che l'attuale ministro della giustizia (!!!) sia invece un ingegnere. Dal che deduco che 1) o non valeva un tubo come ing. oppure 2) conviene che non capisca un tubo di giustiziaIn entrambi i casi: un fallimentoCiao
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccole puntualizzazione
            - Scritto da: Flying Penguin
            Non vorrei sbagliare ma mi pare che
            l'attuale ministro della giustizia (!!!) sia
            invece un ingegnere. Dal che deduco che 1) o
            non valeva un tubo come ing. oppure 2)
            conviene che non capisca un tubo di
            giustizia
            In entrambi i casi: un fallimento
            CiaoIl problema non è il ministro della giustizia, ma quello che gli sta sopra :) Cmq anche stanca, ministro per l'innovazione tecnologica è un uomo sicuramente competente, come ex presidente di IBM Italia: ciò non toglie che abbia fatto delle proposte assurde. Non è il titolo di studio o il curriculum di una persona a determinare la sua intelligienza....o la sua capacità di esprimersi in modo libero e non condizionato...
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccole puntualizzazione
            Bè, al di là del fatto che preferirei un ingegnere elettronico o informatico o aereospaziale et simila, relativamente a questo compito; già un'ingegnere edile difficilmente conosce l'open source. Poi, un ingegnere al posto di ministro della giustizia non sarebbe indicato, è preferibile un'esponente di giurisprudenza, più indicato al compito.Il punto è che gli esperti del settore scarseggiano nell'attività politica, e non solo nel CSX e SX storicamente "sede" di intellettuali (umanisti). I n.s. politici si affidano a ditte esterne per le consulenze, e i requisiti che prevalgono nell'ordine sono: M$ (non conoscono altro), conoscenza collaboratori/azionisti/proprietari ditta per la consulenza.Che cosa si può sperare?Se si guarda un'attimino alle nazioni anglosassoni, si vede un quadro differente, dove gli investimenti in ricerca superano il 3% del PIL (in ITA ormai è sotto l'1% da alcuni anni), la nazione pone la cultura tecnico/scientifica in primo piano e i suoi politici sono un riflesso di queste condizioni.M$ che intendeva rendere illegale la GPL in USA, nonostante abbia regalato PC-win ai repubblicani e "addocchiato" i democratici per perorare questa causa, s è tornata a Redmond con un no in tasca; in Italia avrebbe ottenuto lo stesso un "no stampato in fronte"?
  • Anonimo scrive:
    la moda di Linux
    Volevo mettere in rilievo quello che ho detto in un sotto thread, non perchè ho dei problemi col mio ego, ma perchè è una cosa in cui credo e che mi preoccupa parecchio.Si fa un gran parlare di Linux, perchè fa tanto informatico duro e puro, xchè fa tendenza, perchè è l'antidoto anti M$, perchè ora anche IBM lo supporta e bla bla bla...ma ci sarebbero oggi, o c'erano, molti altri OS ben più promettenti, open e non, progetti molto più seri dal punto di vista informatico di Linux, basta pensare a OS/2, BeOS, QNX, tutti i BSD, il buon vecchio AmigaOS...Mi sa tanto che la moda Linux stia venendo usata sotto i nostri occhi come un ariete per distrarre tanta gente (a tutti i livelli e di +- tutte le specializzazioni informatiche) dalle vere novità a livello di OS. Qualche azienda ci guadagnerà su. Sarà pure normale per le aziende volerci guadagnare su, ma se facciamo morire tanti sistemi diversi, innovativi, tutto sommato interessanti e promettenti che futuro avremo?Sicuramente un futuro molto più povero di quello che avrebbe potuto essere.Stanno pensando solo ad oggi, stanno pensando solo che Linux in un marchio gli faccia vendere quelle tot copie in più o che metta la loro azienda in una luce migliore. Purtroppo hanno tutti imparato la lezione di M$ e credono che basti essere dei bravi commerciali per sfondare nell'informatica. Quel che è triste e che mi preoccupa davvero è che hanno tutte le probabilità di riuscirci, ma il panorama degli OS ne uscirà a pezzi, la gente perderà interesse e i computer a livello home e small businness subiranno un crollo di interesse come le consolle di 15 anni fa per mancanza di reali innovazioni tecniche!Ma per allora forse avranno trovato qualche altra moda con cui abbindolarci.
    • Anonimo scrive:
      Re: la moda di Linux
      - Scritto da: Giorgio
      Volevo mettere in rilievo quello che ho
      detto in un sotto thread, non perchè ho dei
      problemi col mio ego, ma perchè è una cosa
      in cui credo e che mi preoccupa parecchio.
      Si fa un gran parlare di Linux, perchè fa
      tanto informatico duro e puro, xchè fa
      tendenza, perchè è l'antidoto anti M$,
      perchè ora anche IBM lo supporta e bla bla
      bla...Beh molta gente lo usa anche senza essere un megaesperto programmatore. Io per esempio, e questo mi sembra un'ottima cosa.
      ma ci sarebbero oggi, o c'erano, molti altri
      OS ben più promettenti, open e non, progetti
      molto più seri dal punto di vista
      informatico di Linux, basta pensare a OS/2,
      BeOS, QNX, tutti i BSD, il buon vecchio
      AmigaOS...OS/2 è morto prima ancora di nascere, BeOS è fallita. Su altri ti ho già risposto. Il problema è: non è certo colpa della "moda linux" come la chiami tu, se è successo tutto questo. Il fatto è che l'uso moderno del computer implica comunque che ci sia una standardizzazione, e questa non si può avere con 2000 sistemi operativi. Per questo Windows si è imposto così facilmente: aveva i mezzi (economici e anche di potere) per dire "Io sono il migliore". La "moda linux" sta soltanto cercando di riequilibrare le cose.
      Mi sa tanto che la moda Linux stia venendo
      usata sotto i nostri occhi come un ariete
      per distrarre tanta gente (a tutti i livelli
      e di +- tutte le specializzazioni
      informatiche) dalle vere novità a livello di
      OS. Quali novità ??? Parliamo del mercato consumer ovviamente.
      Qualche azienda ci guadagnerà su. Sarà pure
      normale per le aziende volerci guadagnare
      su, ma se facciamo morire tanti sistemi
      diversi, innovativi, tutto sommato
      interessanti e promettenti che futuro
      avremo?Non c'è futuro per un mondo con 2000 sistemi operativi. E' nelle leggi naturali che sopravvivano solo, attento, non i migliori necessariamente, ma quelli che si sanno "vendere" meglio. Linux lo sta imparando.
      Sicuramente un futuro molto più povero di
      quello che avrebbe potuto essere.Non è detto.
      Stanno pensando solo ad oggi, stanno
      pensando solo che Linux in un marchio gli
      faccia vendere quelle tot copie in più o che
      metta la loro azienda in una luce migliore.
      Purtroppo hanno tutti imparato la lezione di
      M$ e credono che basti essere dei bravi
      commerciali per sfondare nell'informatica.Ti sbagli di grosso...finchè esisterà la GPL non sarà possibile quello che dici tu. Linux è diverso da Windows...che guadagno c'è nel distribuirlo gratuitamente ? Poi è ovvio che molte cose le fanno pagare...non si vive di aria ! Non facciamo come quelli che vorrebbero i cdaudio gratis. Un conto è pagare il giusto, un conto è pagare troppo.
      Quel che è triste e che mi preoccupa davvero
      è che hanno tutte le probabilità di
      riuscirci, ma il panorama degli OS ne uscirà
      a pezzi, la gente perderà interesse e i
      computer a livello home e small businness
      subiranno un crollo di interesse come le
      consolle di 15 anni fa per mancanza di reali
      innovazioni tecniche!E' una visione puramente tua personale. Io credo invece che il futuro sarà come tu lo dipingi se si permetterà a M$ di fare quello che vuole come si sta facendo fin'ora.
      Ma per allora forse avranno trovato qualche
      altra moda con cui abbindolarci.Io non seguo le mode. Ho scelto di fare i primi passi in Linux per convenienza, e anche per desiderio di imparare cose nuove, visto che ormai Windows lo so usare molto bene. Ho voglia di imparare ad usare Linux, perchè può offrire delle opportunità. Non mi sento certo abbindolato da nessuno. Abbindolato è chi sceglie di non crescere.
      • Anonimo scrive:
        Re: la moda di Linux
        - Scritto da: Giorgio
        Quindi che un OS si affermi per le capacità
        imprenditoriali di chi lo
        produce/vende/supporta (con tutto il
        rispetto) e non per quello che
        intrinsecamente può esprimere non può che
        provocare danni a lungo termine perchè prima
        o poi, inevitabilmente, dovrà fare i conti
        con i propri limiti e colli di bottiglia
        tecnologici.
        IMHOSu questo sono d'accordissimo con te, infatti non volevo certo dire che è giusto che sia così. E' sbagliato, in ogni campo, che uno vinca non per sue capacità reali ma perchè si sa vendere meglio. Purtroppo succede e finchè ci sarà gente (non faccio nomi) che si fa abbindolare da promesse finte o addirittura da palesi falsità, queste cose continueranno a succedere. Linux non è perfetto, ma sicuramente ha basi migliori di Windows e soprattutto ha una cosa che Windows non ha: può essere modificato e valutato da chiunque. Chi usa Linux sceglie di usarlo, chi usa Windows lo fa perchè fanno tutti così. QNX è 20000 volte più potente di Linux, però si è saputo avvicinare un po' meno all'utente. La RTP che hanno fatto è molto bella, ma molto poco utile. E la versione "vera" è complessa e costa (cioè è fatta per i mainframe e per le aziende).
      • Anonimo scrive:
        Re: la moda di Linux
        - Scritto da: Giorgio
        ....
        no no, parlo proprio del kernel, le ultime
        versioni del kernel di Linux non mi
        piacciono, ci sono innovazioni ma non danno
        vantaggi concreti per stabilità e
        scalabilità (questa però è solo una mia
        opinione), e le fondamenta non sono poicioe' cose come il FS journaled e ls riscrittura del supporto per la VM non danno vantaggi concreti su stabilita' e scalabilita'?!?!?
        questo granchè se le paragoni alla struttura
        di BeOS o QNX e nemmeno se lo paragoni al
        kernel dei BSD per restare tra gli Unix-like
        (e questa non è un opinione, controlla
        pure)!Le fondamenta sono quelle di un kernel monolitico, questo gli da dei vantaggi e degli svantaggi... e ognuno fa le sue scelte.
        • Anonimo scrive:
          Re: la moda di Linux
          guarda che non è mica M$, qualcosa di buono ce lo stanno pure mettendo nei nuovi kernel (buono soprattutto l'esempio del journaling che hai fatto) ma questo non mi rende il tutto una roccia confrontandolo con quelli che OGGI sono OS realmente validi.Cmq la mia tesi principale era che è squallido da parte di parecchie aziende sventolare l'open source e Linux per ritagliarsi una fetta di mercato in più, nell'open source stesso ci sono tanti sistemi a cui dovrebbe essere dato + spazio, ma non ce l'hanno.x chè?xchè anni fa Linux è venuto fuori ed ha avuto giustamente del successo perchè parecchia gente competente ha avuto occasione di conoscerlo e usarlo e di apprezzarlo per il suo valore, ma oggi non mi sembra che stia succedendo più perchè anzichè lasciare liberi gli utenti di vedere e valutare nel campo dell'open source, anche quello è diventato una mucca da mungere e si va avanti a colpi di slogan, pubblicità, fanzine...Allora tra 20 anni avremo macchine + intelligenti di noi che continueranno a far girare Linux con qualche upgrade attaccato qua e la su quello che ha scritto Linus 12 anni fa...Anche M$ quando DOS (Win9x) è diventato obsoleto è dovuta passare a NT (/2000/XP), prima o poi anche Lin sarà obsoleto e già per molti versi lo è rispetto ad altri OS (anche free).Allora se il free è la ricerca del meglio perchè fermarsi a Lin?Perchè a qualche volpone di alcune grosse ditte conviene che ci restiate e che l'open source perda la sua vera vocazione!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: la moda di Linux
            Staremo a vedere, ma se le major gridano peace, love e Linux avranno il loro tornaconto, e la cosa di cui sono più sicuro è che il loro tornaconto non è il mio.E visto che Lin e l'open in generale erano nel mio tornaconto sinceramente mi sto allarmando!
      • Anonimo scrive:
        Re: la moda di Linux
        - Scritto da: Giorgio
        Sono d'accordo con te che non ci sia spazio
        per tantissimi OS e che la standardizzazioneStandardizzazione? Linux?ahahahahaaaa!!
    • Anonimo scrive:
      Re: la moda di Linux
      Sì, hai ragione, Linux è di moda, ma questo non è detto che sia un problema. Linux è sotto gli occhi di tutti perché è più semplice di *BSD (non parlo di OS/2, BeOS e AmigaOS perché sono morti né di QNX perché non è un OS general-purpose) e perché ha più supporto commerciale.Questo però ha fatto sì che moltissime persone abbiano scoperto che Internet non è IE e che il computer non è Windows.Non è detto che Linux sia il meglio, però il "fenomeno Linux" ha fatto prendere coscenza a molti che si può scegliere e quindi hanno (abbiamo, neanch'io sapevo dell'esistenza di *BSD) scoperto che la scelta non è una, non sono due, ma sono molte.Certo, gli utenti normali, "home", useranno ciò che c'è di più semplice (anche se questo può voler dire Mandrake :o( ), però i tecnici scelgono ciò che fa meglio per loro. Sceglieranno Windows, Linux, *BSD, Plan9 o Inferno a seconda di quello di cui hanno bisogno (spero :-p).Non credo che questo ci porti ad un futuro più povero, senza Linux probabilmente non ci sarebbe stata così tanta pubblicità al "fenomeno" Open Source e alle nuove possibilità che offre. Senza Linux forse Windows si sarebbe espanso sempre di più e (di questo sono quasi certo) MSFT non avrebbe attuato un "piano per la sicurezza".Linux ha portato la concorrenza dove prima non c'era, ha costretto MSFT a migliorare i propri prodotti e ci ha dato maggiori possibilità (pensa che adesso posso navigare in MSDN con Mozilla! ;o).
  • Anonimo scrive:
    Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ........

    Cazzata immane. Linux sta succhiando quota
    agli altri unix, non a NT/2000, che
    rimangono attestati al 50% (linux 23%).sta succhiando anche un po di win...ma fino a quando ci saranno pseudo-professionisti la m$ non sparira...
    Diciamo pure inesistente.non credo proprio...
    Scuole? Non ne hai mai viste.come client no, com server si...
    Laboratori universitari? Pochi, pochissimi e
    cmq con impianti retaggio del passato.insultiamo gli universitari gia che ci siamo...
    Piccole aziende? Mai viste.c'e ne sono, c'e ne sono...QUASI-sempre come server, ma prima o poi arrivera anche come client...
    Dunque. Sono 10 anni che e' in giro ed il
    risultato in termini di diffusione e'
    pessimo (e 10 anni fa non c'era Win diffuso
    e neppure il browser integrato). vedi se usciva kde prima del win95 non si sentiva piu parlare di uindows...le interfaccie di linux risalgono all'epoca di win98...
    La "moda"
    e' arrivata da 2/3 anni, ma i risultati sono
    sempre quelli.l'importante e crederci...
    Sono anni che lo dite. Intanto non cambia un
    bel niente.o forse sei tu che non esci dal tuo piccolo mondo malato ???
    Ah.. Ah.. Ah... Tu vai a proporre una
    soluzione DB e dici al cliente: "La licenza
    del db costa mezzo miliardo, la macchina
    duecento milioni. Pero' poi risparmiamo le
    quattrocentomila di 2000 server usando il
    pinguino, quindi e' economico". si perche le database di pentabyte girano su uindows 2000 ???

    Aspettate che microsoft ingegri roba tipo

    digital rights management che impediranno
    di

    vedere filmati, oppure ascoltare brani,

    eseguire software che non siano approvati
    da

    microsoft ed i big del copyright.
    Infatti non l'ha fatto e stai tranquillo che
    non lo fara'.si, ma i c*****i li rompe lo stesso con varie stro***e...
  • Anonimo scrive:
    Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ........

    Aspettate che microsoft ingegri roba tipo
    digital rights management che impediranno di
    vedere filmati, oppure ascoltare brani,
    eseguire software che non siano approvati da
    microsoft ed i big del copyright.esatto se lo fanno sono finiti...;-0)
  • Anonimo scrive:
    Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
    - Scritto da: Ciao
    - Scritto da: linuxwins

    Sul

    desktop linux ha ancora una diffusione
    molto

    bassa pero'
    Diciamo pure inesistente.Se consideri i computer che vengono utilizzati la diffusione di Linux e' semplicemente bassa. Se consideri anche i computer acquistati e poi praticamente abbandonati perche' nessuno in casa lo sa usare e' una cosa diversa

    microsoft, vedendo iniziative

    tipo scuole, laboratori universitari
    qualche

    piccola azienda che usa il linux anche per

    il desktop, si innervosisce non poco.
    Scuole? Non ne hai mai viste.
    Laboratori universitari? Pochi, pochissimi e
    cmq con impianti retaggio del passato.
    Piccole aziende? Mai viste.Nei laboratori universitari di universita' serie che ho visto o sentito descrivere da persone affidabili (poli e altre uni milanesi) windows e' praticamente inesistente... su alcune macchine c'e' Linux, su altre SO unix-like vari...
    Buonanotte. Guarda anche progetti open
    source. Tutti hanno la versione win, una
    parte quella linux.una buona parte. e ci sono anche progetti solo per linux, o progetti che sono partiti per linux e poi hanno realizzato una versione win
    Dunque. Sono 10 anni che e' in giro ed il
    risultato in termini di diffusione e'
    pessimo (e 10 anni fa non c'era Win diffuso
    e neppure il browser integrato). La "moda"
    e' arrivata da 2/3 anni, ma i risultati sono
    sempre quelli.10 anni fa Linux esisteva, riusciva a far andare la bash (credo) e poco altro.5 anni fa (+o-) Linux funzionava, pero' installarlo era un'operazione non banale, fargli riconoscere buona parte dell'hardware anche ed utilizzarlo non era alla portata di tutti.Da un paio di anni Linux (in qualche distribuzione) puo' essere installato da chiunque sia in grado di installare windows, configurato da chiunque sia in grado di configurare win ed utilizzato da chiunque sia in grado di utilizzare un computer.Mi sembra che sia una situazione un po' diversa...
    Ah.. Ah.. Ah... Tu vai a proporre una
    soluzione DB e dici al cliente: "La licenza
    del db costa mezzo miliardo, la macchina
    duecento milioni. Pero' poi risparmiamo le
    quattrocentomila di 2000 server usando il
    pinguino, quindi e' economico". potrei sbagliarmi, ma mi sembra che esistano soluzioni DB open source funzionanti ed efficenti anche per realta' medio grandi (no, non mysql, c'e' di meglio)
    Infatti non l'ha fatto e stai tranquillo che
    non lo fara'.forse...
    • Anonimo scrive:
      Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
      - Scritto da: valhalla
      Nei laboratori universitari di universita'
      serie che ho visto o sentito descrivere da
      persone affidabili (poli e altre uni
      milanesi) windows e' praticamente
      inesistente... su alcune macchine c'e'
      Linux, su altre SO unix-like vari...Politecnico ed Universita' degli studi. Bene, un esempio pratico. Fai tu la lista o la faccio io, delle aule? Cosi' ci divertiamo?
      10 anni fa Linux esisteva, riusciva a far
      andare la bash (credo) e poco altro.
      5 anni fa (+o-) Linux funzionava, pero'
      installarlo era un'operazione non banale,
      fargli riconoscere buona parte dell'hardware
      anche ed utilizzarlo non era alla portata di
      tutti.Ovvero era una soluzione insufficiente. Un altro prodotto era migliore (e lo e' tuttora) ed ha preso piede. Il mondo e' piu' semplice di quello che lo si dipinge, vedi?
      Da un paio di anni Linux (in qualche
      distribuzione) puo' essere installato da
      chiunque sia in grado di installare windows,
      configurato da chiunque sia in grado di
      configurare win ed utilizzato da chiunque
      sia in grado di utilizzare un computer.
      Mi sembra che sia una situazione un po'
      diversa...Su questa parificazione ho i miei dubbi.

      Ah.. Ah.. Ah... Tu vai a proporre una

      soluzione DB e dici al cliente: "La
      licenza

      del db costa mezzo miliardo, la macchina

      duecento milioni. Pero' poi risparmiamo le

      quattrocentomila di 2000 server usando il

      pinguino, quindi e' economico".

      potrei sbagliarmi, ma mi sembra che esistano
      soluzioni DB open source funzionanti ed
      efficenti anche per realta' medio grandi
      (no, non mysql, c'e' di meglio)Te lo sussurro in un orecchio: la maggior parte delle installazioni db serie (non "la contabilita' della massaia") e' appanaggio di Oracle. Proponi MySql e ti ridono dietro. Proponi SqlServer e sono scettici (non tanto perche' vogliano discutere la soluzione tecnica quanto giustamente sanno, per marchio noto che Oracle e' leader nei db).
      • Anonimo scrive:
        Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
        Mai stato a Fisica, Ingegneria elettronica, matematica? Potrei citare anche ingegneria aereonautica, aereospaziale e simili; senza considerare istituti univ. esterni o legati: INFN, Lab. supersincrotone a Latina, Centro ricerche Cancro con Adroterapia (particelle subatomiche, del nucleo) sorto fuori MI con il contributo di confindustria. Centro per la ricerca delle onde gravitazionali previste dalla teoria della relatività generale di A. Eistein, .... e potrei continuare; ma in quale univ. ti riferisci?Ah, già: informatica e ingegneria informatica le hai mai sentite?Certo se vai solo a Lettere e giurisprudenza...
        • Anonimo scrive:
          Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
          - Scritto da: BSD_like
          Mai stato a Fisica, Ingegneria elettronica,
          matematica? Potrei citare anche ingegneria
          aereonautica, aereospaziale e simili;No, non ti ho chiesto l'elenco dei corsi di laurea. Ti ho chiesto l'elenco delle aule informatizzate e relativo OS presente.
          • Anonimo scrive:
            Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
            Bè la risposta è retorica, perchè ovviamente in quei corsi si usa prevalentemente o.s. UNIX tra cui Linux.Si, lo sò che sono una minoranza di corsi, ma soprattutto di persone, ma come vedi il tuo post non è vero in senzo assoluto.
          • Anonimo scrive:
            Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
            - Scritto da: CIao
            - Scritto da: BSD_like

            Mai stato a Fisica, Ingegneria
            elettronica,

            matematica? Potrei citare anche ingegneria

            aereonautica, aereospaziale e simili;

            No, non ti ho chiesto l'elenco dei corsi di
            laurea. Ti ho chiesto l'elenco delle aule
            informatizzate e relativo OS presente.aule del dipartimento di matematica (sicuramente), aule del dipartimento di informatica, aule del politecnico (molte, ma non so esattamente quali)e' probabile che in eventuali aule informatizzate delle facolta' umanistiche utilizzino win, ma quelle non contano come "aule universitarie" :)
      • Anonimo scrive:
        Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
        - Scritto da: Ciao
        Ovvero era una soluzione insufficiente. Un
        altro prodotto era migliore (e lo e'
        tuttora) ed ha preso piede. Il mondo e' piu'
        semplice di quello che lo si dipinge, vedi?era una soluzione insufficiente. Un altro prodotto funzionava quasi decentemente, aveva delle strategie di marketing migliori (le ha tuttora) ed ha preso piede.Se avesse preso piede il prodotto migliore non staremmo usando pc+win ma probabilmente mac.Comunque avrei dubbi sul fatto che win sia ancora migliore di linux

        Da un paio di anni Linux (in qualche

        distribuzione) puo' essere installato da

        chiunque sia in grado di installare
        windows,

        configurato da chiunque sia in grado di

        configurare win ed utilizzato da chiunque

        sia in grado di utilizzare un computer.

        Mi sembra che sia una situazione un po'

        diversa...

        Su questa parificazione ho i miei dubbi.sull'installazione e' vero: pare che l'ultima Mandrake sia molto piu' semplice da installare degli ultimi windows.Per la configurazione intendevo dire "configurare in modo serio", non fare cose come configurarsi una connessione ad internet o installarsi dei programmi (credo che queste ultime possano essere allo stesso livello di difficolta' dell'installazione in entrambi i casi...)E sull'utilizzo elementare ormai la differenza principale tra win e linux+kde e' che nel secondo caso c'e' una K al posto della scritta start.Un "utonto" puo' avere problemi nel passare dall'uno all'altro, ma partendo da zero non c'e' nessuna differenza...
        Te lo sussurro in un orecchio: la maggior
        parte delle installazioni db serie (non "la
        contabilita' della massaia") e' appanaggio
        di Oracle. Proponi MySql e ti ridono dietro.
        Proponi SqlServer e sono scettici (non tanto
        perche' vogliano discutere la soluzione
        tecnica quanto giustamente sanno, per
        marchio noto che Oracle e' leader nei db).Sicuramente Oracle ha guadagnato la sua posizione grazie alla qualita' e non alla pubblicita' (come altri hanno fatto...), pero' se chi deve scegliere si basa sul marchio e non sulla soluzione tecnica non so quanto possa essere competente.
  • Anonimo scrive:
    Paletti temporali
    Giusto nell'ipotesi che l'open vada in porto in Germania...la GErmania OGGI è in crisi.Forse domani adotta l'O.S.primachequalche storico fra qualche anno scriva il contrario ^___^
  • Anonimo scrive:
    Vorrei aggiungere..
    ..che la M$ di solito incassa dalla Pubblica Amministrazione, dalla maggior parte delle aziende (BSA incombe :) mentre la maggior parte degli utenti home c'ha Windows piratato con l'unica eccezione chi compra un pc nuovo, non assemblato li per li`.. (forse!!). In futuro M$ spera di poter recuperare denaro anche dagli utenti home, una volta che riuscira` a diffondere i servizi via internet e l'idea delle applicazioni "in affitto": a quel punto diventera` difficile non pagare per l'utonto, anche perche` prima o poi la M$ scrivera` una WPA (sistema di attivazione) decente o comunque senza attivazione non avra nemmeno le applicazioni!!Ovviamente prima di far cio` la M$ deve diffondere il "bisogno" dei servizi di internet.. Intanto incassa dalle P.A. e dalle aziende.. Ma se una P.A. bella grossa come la P.A. tedesca decidesse di lasciarli.. M$ rischia di perdere una bella fetta di introito in Germania.. e altre amm. potrebbero fare altrettanto se il sistema tedesco funzionasse!Ciao a tutti!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Vorrei aggiungere..

      In futuro M$ spera di poter recuperare
      denaro anche dagli utenti home, una volta
      che riuscira` a diffondere i servizi via
      internet e l'idea delle applicazioni "in
      affitto": a quel punto diventera` difficile
      non pagare per l'utonto, anche perche` prima
      o poi la M$ scrivera` una WPA (sistema di
      attivazione) decente o comunque senza
      attivazione non avra nemmeno le
      applicazioni!!

      Ovviamente prima di far cio` la M$ deve
      diffondere il "bisogno" dei servizi di
      internet.. speriamo che gli utonti non si sveglino proprio ora...;-0)
  • Anonimo scrive:
    Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
    - Scritto da: Ciao

    Cazzata immane. Linux sta succhiando quota
    agli altri unix, non a NT/2000, che
    rimangono attestati al 50% (linux 23%).Win al 50%? Dove l'hai letto, sul corriere dei piccoli?

    Scuole? Non ne hai mai viste.Mai stato a scuola, eh?
    Laboratori universitari? Pochi, pochissimi e
    cmq con impianti retaggio del passato.Mai stato neanche in una laboratorio univeristario, allora.
    Piccole aziende? Mai viste.Sono pochine, concordo.

    pero' l'asso

    della manica di linux e' che non e'

    proprietario.

    Ed all'utente finale non gliene frega un
    tubo.Solo perché tanto ha il cd piratato. Quando si troverà constretto a cacciale l'euro, cambierà idea.
    La "moda"
    e' arrivata da 2/3 anni, ma i risultati sono
    sempre quelli.E perché da 2/3 anni non passa settimana senza che M$ attacchi linux e/o la GPL e/o faccia annunci sensazionalistici come l'ultima frescaccia sulla sicurezza?
    Ah.. Ah.. Ah... Tu vai a proporre una
    soluzione DB e dici al cliente: "La licenza
    del db costa mezzo miliardo, la macchina
    duecento milioni. Pero' poi risparmiamo le
    quattrocentomila di 2000 server usando il
    pinguino, quindi e' economico". No, risparmi ? 1.374,00 per 2000 server + 5 client più ? 436,80 per ogni client XP Professional installato. E poi non sono riuscito a trovare un server Compaq o IBM a + di 60.000? (tranne che non ci mettiamo a parlare di Data Center Cluster, e allora cominciamo a divertirci con 2000 D.C. Edition).
    • Anonimo scrive:
      Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
      - Scritto da: Ender
      - Scritto da: Ciao



      Cazzata immane. Linux sta succhiando quota

      agli altri unix, non a NT/2000, che

      rimangono attestati al 50% (linux 23%).

      Win al 50%? Dove l'hai letto, sul corriere
      dei piccoli?Fonte Netcraft. Nella survey di Settembre o ottobre (non ricordo). Non tutti i mesi danno il grafico per OS.

      Scuole? Non ne hai mai viste.
      Mai stato a scuola, eh?Si.Media: C'era 1 solo pc con dos.Superiori: Aula con dos all'inizio e win 3.1 l'ultimo anno.Universita': Aule con NT. Qualche laboratorio con Solaris.


      Laboratori universitari? Pochi,
      pochissimi e

      cmq con impianti retaggio del passato.

      Mai stato neanche in una laboratorio
      univeristario, allora.Vedi sopra.


      pero' l'asso


      della manica di linux e' che non e'


      proprietario.



      Ed all'utente finale non gliene frega un

      tubo.

      Solo perché tanto ha il cd piratato. Quando
      si troverà constretto a cacciale l'euro,
      cambierà idea.Non credo. Perche' o ce l'ha nel tanto vituperato OEM, oppure si rende conto che 127 mila, a fronte di una scheda grafica che ne costa 600 da sola non e' poi molto. E cmq costa meno in tempo-denaro che leggersi gli how-to.

      La "moda"

      e' arrivata da 2/3 anni, ma i risultati
      sono

      sempre quelli.

      E perché da 2/3 anni non passa settimana
      senza che M$ attacchi linux e/o la GPL e/o
      faccia annunci sensazionalistici come
      l'ultima frescaccia sulla sicurezza?La meta' degli "attacchi" siete voi a leggerli come attacchi contro il pinguino. Prendiamo la questione degli OEM, visto che e' saltata fuori. Credi che M$ sia piu' preoccupata che sul pc finisca Win senza licenze (stragrande maggioranza dei casi) o un altro OS (in rarissimi casi)?

      Ah.. Ah.. Ah... Tu vai a proporre una

      soluzione DB e dici al cliente: "La
      licenza

      del db costa mezzo miliardo, la macchina

      duecento milioni. Pero' poi risparmiamo le

      quattrocentomila di 2000 server usando il

      pinguino, quindi e' economico".

      No, risparmi ? 1.374,00 per 2000 server + 5
      client più ? 436,80 per ogni client XP
      Professional installato.3 milioni per una licenza 2000server? Lascia che ti dia una pacca sulle spalle e stringa la mano al tuo rivenditore. 8-)
  • Anonimo scrive:
    Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
    Scritto da: Ciao
    Cazzata immane. Linux sta succhiando quota
    agli altri unix, non a NT/2000, che
    rimangono attestati al 50% (linux 23%).C... immane la tua. Molte aziende stanno passando da Windows a Linux, non da Unix a Linux (sarebbe stupido!). Nel mercato server ovviamente.

    Date pure dei fascisti o comunisti a
    coloro

    che promuovono/usano linux, pero' l'asso

    della manica di linux e' che non e'

    proprietario.

    Ed all'utente finale non gliene frega un
    tubo.Certo non gliene frega un tubo di spendere un sacco di soldi quando potrebbe risparmiare.
    Dunque. Sono 10 anni che e' in giro ed il
    risultato in termini di diffusione e'
    pessimo (e 10 anni fa non c'era Win diffuso
    e neppure il browser integrato). La "moda"
    e' arrivata da 2/3 anni, ma i risultati sono
    sempre quelli.Certo perchè Linux è un sistema che si è affacciato sui Desktop da poco (diciamo uno o due anni). E anche per le evidenti politiche "dominatorie" M$, per cui è stata condannata. E questo è un fatto. (Citazione dal film "Philadelphia").

    Linux e' come un cancro .. ti mangia

    lentamente ed inesorabilmente e alla fine
    ti

    stronca (Microsoft in questo caso :-) )

    Sono anni che lo dite. Intanto non cambia un
    bel niente.Ah no ? Cavoli, forse vivo in una realtà parallela dove IBM, la NASA, molte altre aziende e molti stati hanno deciso di passare a Linux e all'OpenSource. Si vede che ho inventato un modo per viaggiare tra diverse dimensioni.
    Ah.. Ah.. Ah... Tu vai a proporre una
    soluzione DB e dici al cliente: "La licenza
    del db costa mezzo miliardo, la macchina
    duecento milioni. Pero' poi risparmiamo le
    quattrocentomila di 2000 server usando il
    pinguino, quindi e' economico". 200 EURO solo per un server solo....è chiaro che sono cmq cifre basse per un'azienda molto grossa, ma per una piccola o media impresa no. E cmq se hai 1000 computer, 200*1000= 200000 EURO...
    Infatti non l'ha fatto e stai tranquillo che
    non lo fara'.


    Per non parlare di microsoft passport

    tramite il quale tutti gli utenti dovranno

    passare se vorranno accedere a dei servizi

    online.

    PassPort e' nato praticamente gia' morto.
    Falso, molte aziende tra cui la McAfee usano Passport, ed è veramente un fastidio. Conclusione mia: Noi argomentiamo per fatti. E i fatti sono inconfutabili. Se voi volete confutare un fatto, liberissimi di provarci...
    • Anonimo scrive:
      Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
      - Scritto da: Hakkar
      Scritto da: Ciao


      Cazzata immane. Linux sta succhiando quota

      agli altri unix, non a NT/2000, che

      rimangono attestati al 50% (linux 23%).

      C... immane la tua. Molte aziende stanno
      passando da Windows a Linux, non da Unix a
      Linux (sarebbe stupido!). Nel mercato server
      ovviamente.Le tue impressioni "molte aziende" tienitele pure. Mi avete rotti i maroni con netcraft, che fornisce dati oggettivi per mesi (questione iis/apache). Adesso che prendo dati netcraft preferite le vostre impressioni. Bella arrampicata sugli specchi.


      Date pure dei fascisti o comunisti a

      coloro


      che promuovono/usano linux, pero'
      l'asso


      della manica di linux e' che non e'


      proprietario.



      Ed all'utente finale non gliene frega un

      tubo.

      Certo non gliene frega un tubo di spendere
      un sacco di soldi quando potrebbe
      risparmiare.Che sia un sacco e' tutto da dimostrare.


      Dunque. Sono 10 anni che e' in giro ed il

      risultato in termini di diffusione e'

      pessimo (e 10 anni fa non c'era Win
      diffuso

      e neppure il browser integrato). La "moda"

      e' arrivata da 2/3 anni, ma i risultati
      sono

      sempre quelli.

      Certo perchè Linux è un sistema che si è
      affacciato sui Desktop da poco (diciamo uno
      o due anni).Ah, ma allora non venite a dirmi che esiste da 10 anni. Se esiste da 2 anni allora deve pagare lo scotto del nuovo arrivato come in tutti i mercati. Non e' che io produco una bevanda gasata di colore marrone scuro e in 2 giorni succhio meta' quota di mercato alla CocaCola.
      E anche per le evidenti
      politiche "dominatorie" M$, per cui è stata
      condannata. E questo è un fatto. (Citazione
      dal film "Philadelphia").Che cattiva la CocaCola che non si ritira per far spazio alla Ciao-Cola.


      Linux e' come un cancro .. ti mangia


      lentamente ed inesorabilmente e alla
      fine

      ti


      stronca (Microsoft in questo caso :-) )



      Sono anni che lo dite. Intanto non cambia
      un

      bel niente.

      Ah no ? Cavoli, forse vivo in una realtà
      parallela dove IBM, la NASA, molte altre
      aziende e molti stati hanno deciso di
      passare a Linux e all'OpenSource. Si vede
      che ho inventato un modo per viaggiare tra
      diverse dimensioni.Ah.. ah.. Poi chiami un commerciale IMB (fatto) e cosa ti propone? Prova ad indovinare: inizia per "wi" e finisce per "ila"

      Ah.. Ah.. Ah... Tu vai a proporre una

      soluzione DB e dici al cliente: "La
      licenza

      del db costa mezzo miliardo, la macchina

      duecento milioni. Pero' poi risparmiamo le

      quattrocentomila di 2000 server usando il

      pinguino, quindi e' economico".

      200 EURO solo per un server solo....è chiaro
      che sono cmq cifre basse per un'azienda
      molto grossa, ma per una piccola o media
      impresa no. E cmq se hai 1000 computer,
      200*1000= 200000 EURO...Se hai 1000 server sei una azienda "grossa", anzi enorme e dei 200 dollari a server te ne sbatti.

      Infatti non l'ha fatto e stai tranquillo
      che

      non lo fara'.




      Per non parlare di microsoft passport


      tramite il quale tutti gli utenti
      dovranno


      passare se vorranno accedere a dei
      servizi


      online.



      PassPort e' nato praticamente gia' morto.



      Falso, molte aziende tra cui la McAfee usano
      Passport, ed è veramente un fastidio.MCAfee? A me non l'ha mai fatto usare. Cmq cambieranno presto idea pure loro.
      Conclusione mia: Noi argomentiamo per fatti.
      E i fatti sono inconfutabili. Se voi volete
      confutare un fatto, liberissimi di
      provarci...Se i "fatti" sono impressioni stile "molte aziende" non vai lontano.
      • Anonimo scrive:
        Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
        - Scritto da: Ciao


        - Scritto da: Hakkar
        Le tue impressioni "molte aziende" tienitele
        pure. Mi avete rotti i maroni con netcraft,
        che fornisce dati oggettivi per mesi
        (questione iis/apache). Adesso che prendo
        dati netcraft preferite le vostre
        impressioni. Bella arrampicata sugli
        specchi.Certo invece è molto meglio diffondere dati falsi.Io dico molte aziende perchè non ne conosco il numero. Tu invece preferisci citare percentuali (che fanno certo più effetto), ma che non sono corrispondenti alla realtà.
        Che sia un sacco e' tutto da dimostrare.Ah è per questo che molte aziende rischiano 3 anni di galera e migliaia di euro di multa ? Per pochi soldi ???
        Ah, ma allora non venite a dirmi che esiste
        da 10 anni. L'hai detto tu, non io.
        Se esiste da 2 anni allora deve
        pagare lo scotto del nuovo arrivato come in
        tutti i mercati. Non e' che io produco una
        bevanda gasata di colore marrone scuro e in
        2 giorni succhio meta' quota di mercato alla
        CocaCola.Certo, è vero, ma questo se il mercato fosse libero. Se ci fosse libera concorrenza, i produttori di pc non sarebbero costretti a montare Windows (vedi sentenza contro MS). E noi non saremmo costretti a sentire opinioni diffamatorie da parte di MS sull'OpenSource.
        Che cattiva la CocaCola che non si ritira
        per far spazio alla Ciao-Cola.Non è un problema di cattiveria. Se un'azienda utilizza mezzi illegali per i propri fini va punita, punto e basta.
        Se hai 1000 server sei una azienda "grossa",
        anzi enorme e dei 200 dollari a server te ne
        sbatti. Certo, infatti Amazon è un'azienda piccola e ha deciso di passare all'OpenSource per via di una moda...Nessuna azienda spende di più quando può tranquillamente risparmiare. Un conto sono spese giustificate, un conto sono spese inutili.
        MCAfee? A me non l'ha mai fatto usare. Cmq
        cambieranno presto idea pure loro.Prova i servizi online....
        Se i "fatti" sono impressioni stile "molte
        aziende" non vai lontano.Se i tuoi fatti sono "Questo è da vedere".....
        • Anonimo scrive:
          Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
          - Scritto da: Hakkar
          Certo invece è molto meglio diffondere dati
          falsi.
          Io dico molte aziende perchè non ne conosco
          il numero. Tu invece preferisci citare
          percentuali (che fanno certo più effetto),
          ma che non sono corrispondenti alla realtà.Ma ci sei o ci fai????Tu dici "molte aziende" e quindi hai ragione. Io ti propongo le percentuali fornite da Netcraft (che sonda una decina di milioni di web server al mese) e sono io a non essere obbiettivo?

          Che sia un sacco e' tutto da dimostrare.

          Ah è per questo che molte aziende rischiano
          3 anni di galera e migliaia di euro di multa
          ? Per pochi soldi ???Per ignoranza informatica. Perche' e' piu' facile avere il cd in mano e "buttarlo su'" che alzare il telefono, chiamare un commerciale, ecc...

          Ah, ma allora non venite a dirmi che
          esiste

          da 10 anni.

          L'hai detto tu, non io.


          Se esiste da 2 anni allora deve

          pagare lo scotto del nuovo arrivato come
          in

          tutti i mercati. Non e' che io produco una

          bevanda gasata di colore marrone scuro e
          in

          2 giorni succhio meta' quota di mercato
          alla

          CocaCola.

          Certo, è vero, ma questo se il mercato fosse
          libero.Ti ripeto: chiedi alla CocaCola di fare spazio alla Ciao-Cola.

          Che cattiva la CocaCola che non si ritira

          per far spazio alla Ciao-Cola.

          Non è un problema di cattiveria. Se
          un'azienda utilizza mezzi illegali per i
          propri fini va punita, punto e basta.Si, con una pacca sulle spalle (come in effetti e' stato).

          Se hai 1000 server sei una azienda
          "grossa",

          anzi enorme e dei 200 dollari a server te
          ne

          sbatti.

          Certo, infatti Amazon è un'azienda piccola e
          ha deciso di passare all'OpenSource per via
          di una moda...
          Nessuna azienda spende di più quando può
          tranquillamente risparmiare. Un conto sono
          spese giustificate, un conto sono spese
          inutili.Guarda che non ha fatto Win-
          Linux.

          MCAfee? A me non l'ha mai fatto usare. Cmq

          cambieranno presto idea pure loro.

          Prova i servizi online....L'aggiornamento me lo fa senza passport.
          • Anonimo scrive:
            Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: Hakkar
            Ma ci sei o ci fai????
            Tu dici "molte aziende" e quindi hai
            ragione. Io ti propongo le percentuali
            fornite da Netcraft (che sonda una decina di
            milioni di web server al mese) e sono io a
            non essere obbiettivo?Bello stai calmino perchè se inizi ad insultare inizio anche io, ok ?Le percentuali di cui parli sono di un'azienda di statistiche. Probabilmente sonda solo server Microsoft, per proporre quei dati confutati da molte altre statistiche. Anche DataMedia è una società di statistiche....sappiamo con quale imparzialità fa i sondaggi....E cmq non stiamo parlando di "quanto Linux o Windows sono usati". Che un sistema sia usato di più non significa che sia migliore ! Levatelo dalla testa !


            Che sia un sacco e' tutto da
            dimostrare.



            Ah è per questo che molte aziende
            rischiano

            3 anni di galera e migliaia di euro di
            multa

            ? Per pochi soldi ???

            Per ignoranza informatica. Perche' e' piu'
            facile avere il cd in mano e "buttarlo su'"
            che alzare il telefono, chiamare un
            commerciale, ecc...Sì perchè secondo te nessuno sa che esistono le licenze ? In un'azienda ??? Quelle sono scuse.
            Ti ripeto: chiedi alla CocaCola di fare
            spazio alla Ciao-Cola.Vabbè ripeti a disco le cose che pensi senza leggere le risposte....
            Si, con una pacca sulle spalle (come in
            effetti e' stato).Ah beh e questo cosa dimostra ? Che la giustizia non funziona molto bene...non che la M$ abbia ragione...
          • Anonimo scrive:
            Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
            - Scritto da: Hakkar
            Bello stai calmino perchè se inizi ad
            insultare inizio anche io, ok ?
            Le percentuali di cui parli sono di
            un'azienda di statistiche. Probabilmente
            sonda solo server Microsoft, per proporre
            quei dati confutati da molte altre
            statistiche.Ok. Allora vai qui e dai un'occhiata.http://www.netcraft.com/Survey/index-200109.html
            Anche DataMedia è una società
            di statistiche....sappiamo con quale
            imparzialità fa i sondaggi....Netcraft e' sempre stata la bandiera dei sostenitori di Apache contro IIS. Ed adesso diventa magicamente pro MS.
          • Anonimo scrive:
            Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
            Io avrò anche torto sulle percentuali, ma tu continua così: rispondi meccanicamente a una parte del post, senza rispondere alla parte più sostanziosa.Non credo valga la pena di continuare a scriverti cose che tu non leggi.
          • Anonimo scrive:
            Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
            - Scritto da: Hakkar

            Io avrò anche torto sulle percentuali, ma tu
            continua così: rispondi meccanicamente a una
            parte del post, senza rispondere alla parte
            più sostanziosa.

            Non credo valga la pena di continuare a
            scriverti cose che tu non leggi.Ci sono voluti 3 post per farti andare a guardare quella torta. E sono dovuto andare ancora io a trovare il link. Se al posto di farmi perdere tempo dicendomi che inventavo io le percentuali di pura fantasia, andavi a dare un'occhiata a netcraft a quest'ora avrei risposto magari al resto.
          • Anonimo scrive:
            Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: Hakkar



            Io avrò anche torto sulle percentuali, ma
            tu

            continua così: rispondi meccanicamente a
            una

            parte del post, senza rispondere alla
            parte

            più sostanziosa.



            Non credo valga la pena di continuare a

            scriverti cose che tu non leggi.

            Se al posto di
            farmi perdere tempo dicendomi che inventavo
            io le percentuali di pura fantasia, andavi a
            dare un'occhiata a netcraft a quest'ora
            avrei risposto magari al resto.perdi tempo?non ce ne frega un tubo
          • Anonimo scrive:
            Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
            - Scritto da: zap
            perdi tempo?

            non ce ne frega un tuboEh.. eh.. Bella battuta. Zelig ti ha gia' telefonato? 8-)
          • Anonimo scrive:
            Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: zap


            perdi tempo?



            non ce ne frega un tubo

            Eh.. eh.. Bella battuta. Zelig ti ha gia'
            telefonato? 8-)no, erano troppo interessati a un ballista del tuo taglio.
      • Anonimo scrive:
        Re: prima ti deridono poi ti combattono e poi ....
        Bè se consideri il 1990 vi erano solo server UNIX, allora vai a prima del 1968 (nascita UNIX), ne trovi altri non UNIX.Mi sembra logico considerare la statistica da quando esiste anche l'alternativa windows server.E win aveva superato il 50% nel 97, poi è stato ridimenzionato, vedi anche l'esploit che ebbe Oracle quando molti abbandonarono SQL7 su win per tornare ad Oracle (dopo che si accorsero che Bill gli aveva promesso l'impossibile) ed Oracle mandò i propri ingegneri per far passare i sistemia UNIX/Oracle.Che Linux abbia roso anche una minima fetta a win, lo afferma anche Netcr., seppur maggiore agli UNIX, come anche riportato in un'articolo di PI alcuni mesi fà.Poi, non ho mai sentito un cliente win server essere soddisfatto di win, se non per il fatto che è facilmente configurabile e si trova personale a gestirlo. Una ragazza che lavora in un'azienda informatica programmatrice, mi aveva detto che nell'azienda avevano pensato di sostituire i 2 server win con UNIX, ma ci hanno ripensato per le difficoltà che avrebbe trovato il personale; e si sono tenuti i problemi tecnici di win.Ripeto: l'atteggiamento nervoso di M$ è la migliore spia che la società si sente minacciata.Se ti fà piacere, io non ho mai "scrito" i server UNIX installati su IA come server win, ovvio; tuttavia i server Linux/UNIX che ho installato su cui c'era win, figurano ancora come tali.L'ultimo, un Siems/Nixford Primergy 500 era win, figura nelle statistiche di Netcr. ancora come win, nonostante sia ormai un server Linux di test con Oracle e altro. Non solo ma anche il mio PC a casa e quello sul lavoro; nel primo sono 12 o.s. diversi, nel secondo c'è win e NEtBSD.Con chi protesto?
  • Anonimo scrive:
    L' OPEN SOURCE FA PAURA A MICROSOFT
    Per il semplice fatto che ormai sta prendendo piede e perchè non lo può comprare.Microsoft è e sarà sempre di più costretta a fare i conti con un serio, pericolosissimo (per lei), e capace concorrente.E' finita la pacchia e la trippa per gatti per Microsoft.
  • Anonimo scrive:
    Eccola qui, la liberta' di scelta.
    Che e' santa e giusta finche' si sceglie quello che decidiamo noi. Complimenti ai firmatari. Come al solito tanti ideali e poche idee.
    • Anonimo scrive:
      Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
      - Scritto da: Ciao

      Che e' santa e giusta finche' si sceglie
      quello che decidiamo noi. Complimenti ai
      firmatari. Come al solito tanti ideali e
      poche idee.Meglio poche idee ma buone, che nessuna idea. E credere in qualcosa che non siano i soldi, credimi, è molto importante e renderebbe tuti migliori.
      • Anonimo scrive:
        Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.


        Che e' santa e giusta finche' si sceglie

        quello che decidiamo noi. Complimenti ai

        firmatari. Come al solito tanti ideali e

        poche idee.

        Meglio poche idee ma buone, che nessuna
        idea. E credere in qualcosa che non siano i
        soldi, credimi, è molto importante e
        renderebbe tuti migliori.Contraddizione in termini.Se uno volesse credere nei soldi?Se qualcuno se ne sbattesse degli ideali dell'open source?Non sarebbe una buona idea?perche'?perche' lo dici tu?Liberta' vuol dire che anche acquistare prodotti MS sia concesso.Poi che facciano schifo o meno se ne pu' discutere, ma l'esclusione a priori e' sbagliata.Qui non si parla di un efferato criminale, o di chiudere un sito nazista che incita alla eliminazione degli ebrei, ma di decidere se una azienda debba essere esclusa in quanto ha subito una condanna in un altro paese rispettoa quello che firma la petizione.Perche' allora Telecom Italia ha potuto acquistare la telecom argentina e licenziare 5 mila dei 10 mila dipendenti?Non era forse da escludere anche lei a priori dalla gara per l'acquisto?Quando i monopoli sono nostri vanno bene, quando sono degli altri no?sono a favore dell'open source nella PA.Sono contro l'ipocrisia.Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
          - Scritto da: maks
          Contraddizione in termini.
          Se uno volesse credere nei soldi?
          Se qualcuno se ne sbattesse degli ideali
          dell'open source?
          Non sarebbe una buona idea?
          perche'?
          perche' lo dici tu?Non lo dico io, lo dice un certo signore vestito di bianco che si chiama Karol...Cmq ognuno è liberissimo di credere in ciò che vuole.
          Liberta' vuol dire che anche acquistare
          prodotti MS sia concesso.
          Poi che facciano schifo o meno se ne pu'
          discutere, ma l'esclusione a priori e'
          sbagliata.Certo, ma nessuno parla di escludere M$ dal mercato. Semplicemente, visto che l'OpenSource offre innegabili vantaggi economici e visto che non si possono tenere nella PA due sistemi, si chiede che si SCELGA di passare all'OS. Nessuno obbliga, ma una scelta è sempre una discriminazione. L'importante è scegliere bene e in modo argomentato.
          Qui non si parla di un efferato criminale, o
          di chiudere un sito nazista che incita alla
          eliminazione degli ebrei, ma di decidere se
          una azienda debba essere esclusa in quanto
          ha subito una condanna in un altro paese
          rispettoa quello che firma la petizione.Vedi sopra.
          Perche' allora Telecom Italia ha potuto
          acquistare la telecom argentina e licenziare
          5 mila dei 10 mila dipendenti?E perchè Tronchetti Provera ha potuto ditruggere La7 ? Visto che una cosa è possibile, credi forse che sia giusta ?
          Non era forse da escludere anche lei a
          priori dalla gara per l'acquisto?
          Quando i monopoli sono nostri vanno bene,
          quando sono degli altri no?
          No, infatti leggiti le accuse al monopolio Telecom. L'OpenSource è proprio la NEGAZIONE del monopolio.
          sono a favore dell'open source nella PA.
          Sono contro l'ipocrisia.Questo non si nota
          CiaoCiao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Hakkar

            - Scritto da: maks

            Contraddizione in termini.

            Se uno volesse credere nei soldi?

            Se qualcuno se ne sbattesse degli ideali

            dell'open source?

            Non sarebbe una buona idea?

            perche'?

            perche' lo dici tu?

            Non lo dico io, lo dice un certo signore
            vestito di bianco che si chiama Karol...uauauaua un signore vestito di bianco che si chiama Karol? e chi questo Karol? io non l'ho mai sentito e nemmanco mai l'ho visto.Poi che questo signore ha il monopolio delle affermazioni del tipo: siamo tutti uguali ecc.c'era anche un signore vestito di rosso che si chiamava Karl che lo diceva (quando si dice cosa può fare una vocale) quindi fammi il piacere lascia stare Karol e Karl e parla con la tua testa
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Unnnnnnnnnnnnnnnnnn
            - Scritto da: Hakkar



            - Scritto da: maks


            Contraddizione in termini.


            Se uno volesse credere nei soldi?


            Se qualcuno se ne sbattesse degli
            ideali


            dell'open source?


            Non sarebbe una buona idea?


            perche'?


            perche' lo dici tu?



            Non lo dico io, lo dice un certo signore

            vestito di bianco che si chiama Karol...

            uauauaua un signore vestito di bianco che si
            chiama Karol? e chi questo Karol? io non
            l'ho mai sentito e nemmanco mai l'ho visto.
            Poi che questo signore ha il monopolio delle
            affermazioni del tipo: siamo tutti uguali
            ecc.

            c'era anche un signore vestito di rosso che
            si chiamava Karl che lo diceva (quando si
            dice cosa può fare una vocale) quindi fammi
            il piacere lascia stare Karol e Karl e parla
            con la tua testaNon è neanche il caso di rispondere a idiozie del genere.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Hakkar
            visto che
            l'OpenSource offre innegabili vantaggi
            economici Tutto da vedersi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: Hakkar

            visto che

            l'OpenSource offre innegabili vantaggi

            economici

            Tutto da vedersi.prezzo quasi nullo, maggiore libertà di mercato, trasparenza delle attività svolte dal codice...sono tutte cose che microsoft non ama dare a disposizione del popolo monopolizzato.E' per quuesto che i supporter di ZioBill come "Ciao" negano questi vantaggi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: zap
            prezzo quasi nullo,127 mila di OEM sono per me un nullo pieno.
            maggiore libertà di mercato,Non me ne frega un tubo. Io devo stampare i miei documenti.
            trasparenza delle attività svolte
            dal codice...Non me ne frega un tubo. Io devo stampare i miei documenti.
            sono tutte cose che microsoft non ama dare a
            disposizione del popolo monopolizzato.Perche' al popolo monopolizzato non gliene frega un tubo.
            E' per quuesto che i supporter di ZioBill
            come "Ciao" negano questi vantaggi.I "supporters" guardano cosa ha bisogno il mondo reale. Non stanno nella stanzetta a songare.
          • Anonimo scrive:
            Re: la libertà di scelta? Non te ne frega un TUBO!
            - Scritto da: Ciao

            ecco il valore dell'utente "Ciao":Gli si dà la possibilità di avere

            prezzi bassisimi per il software

            maggiore libertà di mercato,

            trasparenza delle attività svolte

            dal codice...e lui dice
            Non me ne frega un tubo. Io devo stampare i
            miei documenti.
            Perche' al popolo monopolizzato non gliene
            frega un tubo.come se tutto il mondo dipendesse da come LUI stampa i suoi documenti.Lui crede di essere rappresentativo di tutta l'utenza. E invece rappresenta (casualmente?) le esigenze di status-quo del monopolio.

            E' per uuesto che i supporter di ZioBill

            come "Ciao" negano questi vantaggi.

            I "supporters" guardano cosa ha bisogno il
            mondo reale....che per ora permette a un solo soggetto di godersi il suo bel monopolio, in barba alla libertà di mercato e alle balle sull'innovazione mozzata
          • Anonimo scrive:
            Re: la libertà di scelta? Non te ne frega un TUBO!
            - Scritto da: zap


            - Scritto da: Ciao
            ecco il valore dell'utente "Ciao":

            Gli si dà la possibilità di avere



            prezzi bassisimi per il software



            maggiore libertà di mercato,



            trasparenza delle attività svolte


            dal codice...

            e lui dice


            Non me ne frega un tubo. Io devo stampare
            i

            miei documenti.

            Perche' al popolo monopolizzato non gliene

            frega un tubo.

            come se tutto il mondo dipendesse da come
            LUI stampa i suoi documenti.Tutto il mondo deve stampare i suoi documenti ed ha gia' la soluzione adeguata.Come se io ti dicessi che ho la possibilita' di offrirti:-Ravanelli verdi-una chiave del 12-un libro di Herman Hesse.Tu mi rispondi: E che me frega? Io devo stampare.Impara a separare quello che tu ritieni importante (per l'amor del cielo lo rispetto) dai bisogni (espressi e soddisfatti) della gente.
            Lui crede di essere rappresentativo di tutta
            l'utenza.
            E invece rappresenta (casualmente?) le
            esigenze di status-quo del monopolio.[bau bau]


            E' per uuesto che i supporter di
            ZioBill


            come "Ciao" negano questi vantaggi.



            I "supporters" guardano cosa ha bisogno il

            mondo reale.

            ...che per ora permette a un solo soggetto
            di godersi il suo bel monopolio, in barba
            alla libertà di mercato e alle balle
            sull'innovazione mozzata[bau bau]
          • Anonimo scrive:
            Re: la libertà di scelta? Non te ne frega un TUBO!
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: zap





            - Scritto da: Ciao

            ecco il valore dell'utente "Ciao":



            Gli si dà la possibilità di avere





            prezzi bassisimi per il software





            maggiore libertà di mercato,





            trasparenza delle attività svolte



            dal codice...



            e lui dice




            Non me ne frega un tubo. Io devo
            stampare

            i


            miei documenti.


            Perche' al popolo monopolizzato non
            gliene


            frega un tubo.



            come se tutto il mondo dipendesse da come

            LUI stampa i suoi documenti.

            Tutto il mondo deve stampare i suoi
            documenti ed ha gia' la soluzione adeguata.una soluzione stalinista. Oscura e impermeabile alla concorrenza.Il mercato necessita apertura.microsoft è un ostacolo.I tuoi documenti stampateli con tutto il software monopolizzato che vuoi.Ma ora abbiamo altre soluzioni, e possono liberarci dagli obblichi e dalle tasse indirette imposte da un'azienda straniera.non te ne frega un tubo?Qualcuno diverso da te c'è
            Impara a separare quello che tu ritieni
            importante (per l'amor del cielo lo
            rispetto) dai bisogni (espressi e
            soddisfatti) della gente.in quanto a bisogni della gente: tu non hai alcun titolo per esprimerti come fossi un rappresentante eletto. Hai al massimo la possibilità di qualificarti come lobbista microsoft Lui crede di essere rappresentativo di tutta l'utenza. E invece rappresenta (casualmente?) le esigenze di status-quo del monopolio.



            E' per uuesto che i supporter di

            ZioBill



            come "Ciao" negano questi vantaggi.





            I "supporters" guardano cosa ha
            bisogno il


            mondo reale.



            ...che per ora permette a un solo soggetto

            di godersi il suo bel monopolio, in barba

            alla libertà di mercato e alle balle

            sull'innovazione mozzata
          • Anonimo scrive:
            Re: la libertà di scelta? Non te ne frega un TUBO!
            - Scritto da: zap

            una soluzione stalinista. Oscura e
            impermeabile alla concorrenza.
            La soluzione stalinista e' quella che vorrebbe elimare per legge una azienda per fare posto ad un'altra soluzione che altrimenti il mercato non si fila. Quello e' stalinismo puro.
            Il mercato necessita apertura.

            microsoft è un ostacolo.

            I tuoi documenti stampateli con tutto il
            software monopolizzato che vuoi.

            Ma ora abbiamo altre soluzioni, e possono
            liberarci dagli obblichi e dalle tasse
            indirette imposte da un'azienda straniera.

            non te ne frega un tubo?

            Qualcuno diverso da te c'èChi? Telefonata da mia madre: "Mi stampi la ricetta?"Guardacaso non mi ha detto: "Mi stampi la ricetta in modo libero dal monopolio straniero ecc..?"Al mondo delle nostre beghe win-linux non glene frega un tubo. Vogliono il risultato.

            Impara a separare quello che tu ritieni

            importante (per l'amor del cielo lo

            rispetto) dai bisogni (espressi e

            soddisfatti) della gente.

            in quanto a bisogni della gente: tu non hai
            alcun titolo per esprimerti come fossi un
            rappresentante eletto. Hai al massimo la
            possibilità di qualificarti come lobbista
            microsoftGrazie delle offese. Ma orami e' appurato su questi forum che i sognatori esistono. Love and peace, fratello.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non te ne frega un TUBO? A NOI SI' !
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: zap




            una soluzione stalinista. Oscura e

            impermeabile alla concorrenza.



            La soluzione stalinista e' quella che
            vorrebbe elimare per legge una aziendaquesta azienda è proprio quella che impone un regime stalinista a un mercato.Se non ti fosse noto, il regime di monopolio era proprio una delle caratteristiche dei regimi stalinisti.Con un monopolio piazzato in un settore come quwello dell'innovazione tecnologica, quest'azienda ci sta portando alla sovietizzazione dell'ex-mercato del software per PC.
            per
            fare posto ad un'altra soluzione
            che
            altrimenti il mercato non si fila. il mercato è MORTO, perché esiste il MONOPOLIO.L'esigenza di Open source nelle AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE è ormai insopprimibile. Le aziende che non vogliono fornire software alle PA con questa feature vengano escluse dalla gara
            Quello e'
            stalinismo puro.parlane quando la tua azienda preferita non avrà + il MONOPOLIO SOVIETICO di cui gode

            Il mercato necessita apertura.



            microsoft è un ostacolo.



            I tuoi documenti stampateli con tutto il

            software monopolizzato che vuoi.



            Ma ora abbiamo altre soluzioni, e possono

            liberarci dagli obblichi e dalle tasse

            indirette imposte da un'azienda straniera.



            non te ne frega un tubo?



            Qualcuno diverso da te c'è

            Chi? guarda qua:http://www.bundestux.de/support.phpsono arrivati a 23086 come vedi, qualcuno diverso da te lo trovo.Ecco un breve estrattoName Firma / Organisation Ort Martin Nagorni Troisdorf Peter Huber Aachen screeny2 screeny2.de Nürnberg Manfred Rosam Shinka Technologies Berlin Ralf Krzyzaniak Krzyzaniak IT-Beratung Alfter Werner Scholl Bridge-BBS Internet-Service Pfullendorf Andrea Borile Italy Harald H. Schäfers Kanzlei für Wirtschafts- u. IT-Recht Saarbrücken Daniel Krefl Bonn niklas jochen nürnberg Gerhard Kramarz Bundesministerium für Umwelt Naturschutz und reaktorsicherheit Bonn Jens Döge Dresden Max Lazaro Taico INEI Lima Carsten Bosch München Dr. Michael Roth Augsburg Thomas Hüner DART Hamburg michel indiepunk records lörrach j.schmitz essen Bernd Krüger Fachhochschule des Bundes Brühl Matthias Liertzer Noname Berlin Stefan Bergner ISE GmbH Nürnberg Ralf König privat Aalen Stefan Förster Friedrich-Alexander-Universität Erlangen Nürnberg 90478 Nürnberg Arne Braun Mannheim Matthias Beyer - Eggenfelden ...)
            Al mondo delle nostre beghe win-linux non
            glene frega un tubo. ti ho appena dimostrato, con fatti, il contrario
            Vogliono il risultato.e tu glielo dài garantendo un mercato libero. Oppure sembra che tui voglia favorire un solo concorrente (monopolista, guarda caso)Il monopolio va ridimensionato e va escluso dalle gare pubbliche, per poter riequilibrare il suo peso sul mercatoNon te ne frega un tubo?E perché rimani a discutere qui?


            Impara a separare quello che tu ritieni


            importante (per l'amor del cielo lo


            rispetto) dai bisogni (espressi e


            soddisfatti) della gente.



            in quanto a bisogni della gente: tu non
            hai

            alcun titolo per esprimerti come fossi un

            rappresentante eletto. Hai al massimo la

            possibilità di qualificarti come lobbista

            microsoft

            Grazie delle offese.prego, se è così che la prendi deve proprio esserci qualche verità.Rimani uno che ha la presunzione di voler rappresentare tutto il mondo degli utenti di computer.Non hai alcun titolo per questo.
          • Anonimo scrive:
            Re: la libertà di scelta? Non te ne frega un TUBO!
            - Scritto da: zap
            E invece rappresenta (casualmente?) le
            esigenze di status-quo del monopolio....
            ...che per ora permette a un solo soggetto
            di godersi il suo bel monopolio, in barba
            alla libertà di mercato e alle balle
            sull'innovazione mozzataIo lo so che hai ragione, certo che a leggere sempre queste 4 cose sempre uguali fai proprio cadere le palle.
          • Anonimo scrive:
            Re: la libertà di scelta? Non te ne frega un TUBO!
            - Scritto da: Opino
            - Scritto da: zap


            E invece rappresenta (casualmente?) le

            esigenze di status-quo del monopolio.
            ...

            ...che per ora permette a un solo soggetto

            di godersi il suo bel monopolio, in barba

            alla libertà di mercato e alle balle

            sull'innovazione mozzata

            Io lo so che hai ragione, certo che a
            leggere sempre queste 4 cose sempre uguali
            fai proprio cadere le palle.le verità sono sgradevoli soloa chi non le considera tali.Per costoro le verità sono noioseComunque, questi soggeti possono fare a meno di leggere i miei interventi, dal momento che poi sanno di cosa parlo: di ICT e della sua situazione compromessa
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            Ha, ha, ha .... costui deve essere certoun impedito!A quanto pare crede che non sia possibilestampare con Linux!Dove le trova certe argomentazioni!ROTFL
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: Hakkar

            visto che

            l'OpenSource offre innegabili vantaggi

            economici

            Tutto da vedersi.Perchè, perchè io mi chiedo non supportate mai le vostre dichiarazioni ? Ti piacerebbe se io ti rispondessi "Per me non hai ragione" ? Cavoli, se hai un'opinione dimostramela, così se avrai ragione saremo cresciuti entrambi ! Io ti dico dei fatti: l'OpenSource spesso (non sempre) è distribuito gratis o a basso prezzo, e cmq non esiste il concetto di "una licenza per macchina", per cui il risparmio economico è innegabile.Ora confuta questi fatti....
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Hakkar
            l'OpenSource spesso (non sempre) è
            distribuito gratis o a basso prezzo, e cmq
            non esiste il concetto di "una licenza per
            macchina", per cui il risparmio economico è
            innegabile.
            Ora confuta questi fatti.... 127 mila di OEM sono pochissime per un privato. Assolutamente nulla per una azienda.Chiamare il tecnico in azienda che mi installi il pinguino (preso da una rivista da 10 mila) mi costa 600 mila + tasse al giorno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Ciao
            127 mila di OEM sono pochissime per un
            privato. Assolutamente nulla per una
            azienda.Peccato che l'OEM valga solo se compri il pc. Io di solito il pc non lo compro nuovo ogni volta che esce un nuovo aggiornamento di Windows (o nuova versione come dice qualcuno). E poi 127 carte saranno poche per te.
            Chiamare il tecnico in azienda che mi
            installi il pinguino (preso da una rivista
            da 10 mila) mi costa 600 mila + tasse al
            giorno.E certo perchè un'azienda non ha un suo amministratore di sistema, no ? Tutte le aziende i computer li fanno configurare dalle segretarie. Sei fuori dal mondo, Ciao.La spesa per il tecnico c'è comunque (se tu pensi il contrario comincio a capire molte cose...), quindi se poi oltre al tecnico devi spendere anche qualche migliaia di euro per le licenze, invece magari di poche centinaia, capirai che è differente, soprattutto per una piccola media impresa, o per chi come me, ha in casa più di un computer e dovrebbe, secondo la M$, acquistare più licenze di Windows.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Hakkar
            - Scritto da: Ciao


            127 mila di OEM sono pochissime per un

            privato. Assolutamente nulla per una

            azienda.

            Peccato che l'OEM valga solo se compri il
            pc. Io di solito il pc non lo compro nuovo
            ogni volta che esce un nuovo aggiornamento
            di Windows (o nuova versione come dice
            qualcuno). E poi 127 carte saranno poche per
            te.Forse non lo sai, ma in azienda non si upgrada una macchina win95 perche' e' uscito win98. Si tiene la macchina finche' termina la sua vita utile (prevista e contabilizzata in partenza) e poi si butta.

            Chiamare il tecnico in azienda che mi

            installi il pinguino (preso da una rivista

            da 10 mila) mi costa 600 mila + tasse al

            giorno.

            E certo perchè un'azienda non ha un suo
            amministratore di sistema, no ? Tutte le
            aziende i computer li fanno configurare
            dalle segretarie. Sei fuori dal mondo, Ciao.Si, buonanotte. Una segretaria e' in grado di installarsi una stampante, te lo assicuro. VOglio vederla alle prese con i run level.
            La spesa per il tecnico c'è comunque (se tu
            pensi il contrario comincio a capire molte
            cose...),Il problema e' che il tecnico serve poche volte (anche perche' e' gia' tutto pronto quando attacchi la spina). Poi la segretaria se la cava e non deve chiamare il tecnico per formattare un dischetto.
            quindi se poi oltre al tecnico
            devi spendere anche qualche migliaia di euro
            per le licenze, invece magari di poche
            centinaia, capirai che è differente,
            soprattutto per una piccola media impresa, o
            per chi come me, ha in casa più di un
            computer e dovrebbe, secondo la M$,
            acquistare più licenze di Windows.L'ho gia' detto. Le licenze di Win hanno impatto zero.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Hakkar
            cresciuti entrambi ! Io ti dico dei fatti:
            l'OpenSource spesso (non sempre) è
            distribuito gratis o a basso prezzo, e cmq
            non esiste il concetto di "una licenza per
            macchina", per cui il risparmio economico è
            innegabile.Scusa ma questi sono argomenti troppo semplicistici; forse valgono per un privato, ma sappiamo bene che pochi privati sostengono *realmente* il costo delle licenze sw. Se e quando il mercato home sara' piu' onesto, il prezzo del SO fara' veramente la differenza. Per ora la copia abusiva impera.Invece per quando riguarda il mercato aziendale quello che conta e' il TCO, ovvero il costo complessivo, considerato su un orizzonte temporale adeguatamente lungo; nel TCO entrano cose come i costi di formazione e di manutenzione, il delta dei costi o profitti dovuto alla maggior o minore produttivita' del sistema X piuttosto che Y e cosine del genere. I costi di startup (licenze e simili) sono solo una parte del costo totale. Io sono convinto che in generale il TCO di unix sia piu' basso di quello win, ma ammetto che cio' non e' necessariamente vero per tutte le realta'.Per saperne di piu' fatti una ricerca con chiavi "linux windows TCO"Da ultimo vorrei ricordare ancora una volta che opensource non significa gratis. Questa confusione e', secondo me, pericolosa e fuorviante. Il punto critico non e' solo e soltanto "quanto costa il sw" ma anche e soprattutto la "proprieta' intellettuale". A me sta bene pagare il sw, a patto di poterne usufruire in toto e di poterne fare qualunque cosa (compreso modificarlo e studiarlo) che non danneggi altri. Che e' poi lo stesso concetto che si applica a TUTTI gli oggetti che compri. Se smonti il tuo televisore, mica ti possono incarcerare. Sono fattacci tuoi. E se lo vuoi trasformare in videocitofono, sono sempre fatti tuoi. DEVI poterlo fare. Ecco, secondo me e' meglio opensource che dice "Ecco il televisore e relativi schemi" piuttosto che chi ti dice "No, devi per forza comprare un nuovo videocitofono". E' una scelta "filosofica".
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: nn
            Scusa ma questi sono argomenti troppo
            semplicistici; forse valgono per un privato,
            ma sappiamo bene che pochi privati
            sostengono *realmente* il costo delle
            licenze sw. Se e quando il mercato home
            sara' piu' onesto, il prezzo del SO fara'
            veramente la differenza. Per ora la copia
            abusiva impera.Infatti la mia considerazione era basata più che altro sulle imprese. Guarda che per le piccole medie imprese il costo delle licenze conta moltissimo...e infatti la pirateria spopola anche tra le imprese, solo che è più facile essere beccati e messi al rogo.

            Invece per quando riguarda il mercato
            aziendale quello che conta e' il TCO, ovvero
            il costo complessivo, considerato su un
            orizzonte temporale adeguatamente lungo; nel
            TCO entrano cose come i costi di formazione
            e di manutenzione, il delta dei costi o
            profitti dovuto alla maggior o minore
            produttivita' del sistema X piuttosto che Y
            e cosine del genere. I costi di startup
            (licenze e simili) sono solo una parte del
            costo totale. Io sono convinto che in
            generale il TCO di unix sia piu' basso di
            quello win, ma ammetto che cio' non e'
            necessariamente vero per tutte le realta'.Sono d'accordo, ma la formazione è un investimento, mentre i costi delle licenze sono costi passivi e che si reiterano ogni volta.

            Per saperne di piu' fatti una ricerca con
            chiavi "linux windows TCO"

            Da ultimo vorrei ricordare ancora una volta
            che opensource non significa gratis. Questa
            confusione e', secondo me, pericolosa e
            fuorviante. Il punto critico non e' solo e
            soltanto "quanto costa il sw" ma anche e
            soprattutto la "proprieta' intellettuale". A
            me sta bene pagare il sw, a patto di poterne
            usufruire in toto e di poterne fare
            qualunque cosa (compreso modificarlo e
            studiarlo) che non danneggi altri. Che e'
            poi lo stesso concetto che si applica a
            TUTTI gli oggetti che compri. Se smonti il
            tuo televisore, mica ti possono incarcerare.
            Sono fattacci tuoi. E se lo vuoi trasformare
            in videocitofono, sono sempre fatti tuoi.
            DEVI poterlo fare. Ecco, secondo me e'
            meglio opensource che dice "Ecco il
            televisore e relativi schemi" piuttosto che
            chi ti dice "No, devi per forza comprare un
            nuovo videocitofono". E' una scelta
            "filosofica".Concordo anche su questo. OpenSource non significa free, ma cmq significa un costo minore. Cmq non è tanto quello il punto. Concordo con le tue considerazioni "filosofiche", ma puoi capire che a certa gente interessano i soldi, non la filosofia.Secondo me oltre alla filosofia migliore, il mondo OS offre anche vantaggi economici.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.

            Sono d'accordo, ma la formazione è un
            investimento, mentre i costi delle licenze
            sono costi passivi e che si reiterano ogni
            volta.Eccola qui un'altra volta! Signori, queste sono bugie a cui fa *comodo* credere. Il sw e' un STRUMENTO DI LAVORO come un cacciavite o un tornio. Non e' un costo "passivo" e' un investimento. Quando il management (italiano e non) avra' capito questa semplicissima cosa sara' un grande giorno. Chi crede di risparmiare comprando strumenti ed attrezzi "in offerta" si picchia la zappa sui piedi. NON SI DEVE SCEGLIERE linux perche' costa quasi niente. E' una fesseria enorme. Si deve scegliere linux perche' si e' *convinti* che sia uno strumento migliore. Io abbraccio la causa opensource / linux pero' a certa gente non mi sogno nemmeno di consigliarlo. Una piccola azienda che ha acquisito know-how win se lo tenga. Le conviene di piu'.
            "filosofiche", ma puoi capire che a certa
            gente interessano i soldi, non la filosofia.Gia', ma e' la filosofia che porta avanti il mondo. E' uno sporco lavoro ma qualcuno deve pur farlo :) (mi sento tanto un supereroe :))))
            Secondo me oltre alla filosofia migliore, il
            mondo OS offre anche vantaggi economici. Non per tutti. Dobbiamo diventare meno intransigenti ed assolutistici. Linux/win/mac/xy NON sono LA soluzione unica e vera. Sono ciascuno una possibilita'. E se qualcuno insiste con il dogma win (pittosto che linux) ... non ti curar di loro, ma guarda e passa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: nn
            Eccola qui un'altra volta! Signori, queste
            sono bugie a cui fa *comodo* credere. Il sw
            e' un STRUMENTO DI LAVORO come un cacciavite
            o un tornio. Non e' un costo "passivo" e' un
            investimento. Quando il management (italiano
            e non) avra' capito questa semplicissima
            cosa sara' un grande giorno. Chi crede di
            risparmiare comprando strumenti ed attrezzi
            "in offerta" si picchia la zappa sui piedi.
            NON SI DEVE SCEGLIERE linux perche' costa
            quasi niente. E' una fesseria enorme. Si
            deve scegliere linux perche' si e'
            *convinti* che sia uno strumento migliore.
            Io abbraccio la causa opensource / linux
            pero' a certa gente non mi sogno nemmeno di
            consigliarlo. Una piccola azienda che ha
            acquisito know-how win se lo tenga. Le
            conviene di piu'. Concordo al 10000000000%
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: nn
            Eccola qui un'altra volta! Signori, queste
            sono bugie a cui fa *comodo* credere. Il sw
            e' un STRUMENTO DI LAVORO come un cacciavite
            o un tornio. Non e' un costo "passivo" e' un
            investimento. Quando il management (italiano
            e non) avra' capito questa semplicissima
            cosa sara' un grande giorno. Chi crede di
            risparmiare comprando strumenti ed attrezzi
            "in offerta" si picchia la zappa sui piedi.
            NON SI DEVE SCEGLIERE linux perche' costa
            quasi niente. E' una fesseria enorme. Si
            deve scegliere linux perche' si e'
            *convinti* che sia uno strumento migliore.
            Io abbraccio la causa opensource / linux
            pero' a certa gente non mi sogno nemmeno di
            consigliarlo. Una piccola azienda che ha
            acquisito know-how win se lo tenga. Le
            conviene di piu'. No no non volevo certo dire che il sw sia un costo passivo. Intendevo che è sbagliato il sistema di far pagare il software "per pc su cui lo si installa". Non offre nessun valore aggiunto. E sono d'accordissimo con te che non si debba scegliere Linux perchè è più o meno free, ma perchè in alcuni casi è davvero più utile, come ho già visto che concordi anche tu (questa è per Ciao a cui ho già scritto che non risponderò più). Nella pubblica amministrazione a mio parere, ma ovviamente è sempre un giudizio personale non una verità assoluta, l'OpenSource può essere utile perchè permette una personalizzazione (e quindi una semplificazione) che Windows non permette. Io non sono "contro" Windows a priori, tant'è vero che lo uso molto, come uso molto Linux (anche se da poco). Io sono contro alcune politiche MS, ma questo non c'entra con il sistema operativo. Windows è una scelta validissima in alcuni casi, per esempio in una piccola impresa dove le esigenze di stabilità ed efficienza non sono fondamentali.


            "filosofiche", ma puoi capire che a certa

            gente interessano i soldi, non la
            filosofia.
            Gia', ma e' la filosofia che porta avanti il
            mondo. E' uno sporco lavoro ma qualcuno deve
            pur farlo :) (mi sento tanto un supereroe
            :))))
            MEDIOMAAAAAAN AIUTACI TUUUUU :))))
            Non per tutti. Dobbiamo diventare meno
            intransigenti ed assolutistici.
            Linux/win/mac/xy NON sono LA soluzione unica
            e vera. Sono ciascuno una possibilita'. E se
            qualcuno insiste con il dogma win (pittosto
            che linux) ... non ti curar di loro, ma
            guarda e passa. Su questo hai ragionissima. Infatti non proporrei mai Linux a chi fa grafica, o il Mac a chi vuole fare i videogiochi. Hai ragione nel dire, e sono il primo ad ammetterlo, che spesso tutti, sia win che lin maniaci siamo troppo estremisti. Bisognerebbe cercare di collaborare. Però spesso si arriva a dire cose non vere per sostenere la propria tesi e questo è sbagliato. Cmq viva l'OpenSource e speriamo in un mondo migliore dove la filosofia che sta dietro l'OS sia accettata da tutti....a prescindere dal sistema operativo :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Hakkar
            No no non volevo certo dire che il sw sia un
            costo passivo. Intendevo che è sbagliato il
            sistema di far pagare il software "per pc su
            cui lo si installa". Allora perchè non usare tessere clonate, per guardare le partite su stram? E' sbagliato il sistema di far pagare per ogni decoder con cui si guarda la partita.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Stream
            Allora perchè non usare tessere clonate, per
            guardare le partite su stram? E' sbagliato
            il sistema di far pagare per ogni decoder
            con cui si guarda la partita.E' diverso. Per Stream paghi la visione di un programma, quindi è giusto che tu lo possa vedere "una volta sola". A parte i discorsi sul prezzo altissimo e sull'esclusiva che queste tv satellitari hanno che capita solo da noi (ne parlavo con un amico americano e ne è rimasto davvero stupito, nonostante anche da loro siano diffuse le paytv), cmq tu paghi per un servizio. Le card clonate non servono per vedere la stessa cosa su più televisori diversi (cosa che puoi fare benissimo, basta rimiscelare in un impianto TV il segnale del decoder), ma a non pagare la visione (quindi equivalgono a copiare un software, non a installarlo su più macchine).
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.

            E' diverso. Per Stream paghi la visione di
            un programma, quindi è giusto che tu lo
            possa vedere "una volta sola". A parte i
            discorsi sul prezzo altissimo e
            sull'esclusiva che queste tv satellitari
            hanno che capita solo da noi (ne parlavo con
            un amico americano e ne è rimasto davvero
            stupito, nonostante anche da loro siano
            diffuse le paytv), cmq tu paghi per un
            servizio. Le card clonate non servono per
            vedere la stessa cosa su più televisori
            diversi (cosa che puoi fare benissimo, basta
            rimiscelare in un impianto TV il segnale del
            decoder), ma a non pagare la visione (quindi
            equivalgono a copiare un software, non a
            installarlo su più macchine).perche' la partita e' un servizio e il software no?perche' e' giusto pagare per vedere un film, pagare per il decoder, pagare per OGNI decoder che hai in casa e per OGNI film che vedi e non per il software...a me le licenze MS non piacciono, ma perche' arrampicarsi sugli specchi?non bastava dire "e' vero, e' lo stesso schifo.."?solo perche' non l'ha fatto MS?boh..ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: maks


            E' diverso. Per Stream paghi la visione di

            un programma, quindi è giusto che tu lo

            possa vedere "una volta sola". A parte i

            discorsi sul prezzo altissimo e

            sull'esclusiva che queste tv satellitari

            hanno che capita solo da noi (ne parlavo
            con

            un amico americano e ne è rimasto davvero

            stupito, nonostante anche da loro siano

            diffuse le paytv), cmq tu paghi per un

            servizio. Le card clonate non servono per

            vedere la stessa cosa su più televisori

            diversi (cosa che puoi fare benissimo,
            basta

            rimiscelare in un impianto TV il segnale
            del

            decoder), ma a non pagare la visione
            (quindi

            equivalgono a copiare un software, non a

            installarlo su più macchine).

            perche' la partita e' un servizio e il
            software no?
            perche' e' giusto pagare per vedere un film,
            pagare per il decoder, pagare per OGNI
            decoder che hai in casa e per OGNI film che
            vedi e non per il software...
            a me le licenze MS non piacciono, ma perche'
            arrampicarsi sugli specchi?
            non bastava dire "e' vero, e' lo stesso
            schifo.."?
            solo perche' non l'ha fatto MS?

            boh..

            ciaoIn effetti è lo stesso schifo, ma da punti di vista differenti :) Cmq la realtà è che come dice Vladimiro siamo tutti gay, perchè ci facciamo in***are da gente come i signori Stream, Microsoft, Tele+, Berlusconi, etc... che guadagnano sulla nostra pelle. Ma daltronde ce lo meritiamo. Gente che ha Totti o Del Piero come idoli, si merita di essere fregata.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: Hakkar[cut]
            Sono d'accordo, ma la formazione è un
            investimento, mentre i costi delle licenze
            sono costi passivi e che si reiterano ogni
            volta.
            [cut]Questa frase andrebbe scolpita nel bronzo.Ricordatevi che se voi dite ad un manager"passate a Linux, risparmerete" luirisponderà: "non è vero, il tempo èdenaro e la curva di apprendimento dell'usodi Linux è più ripida. Inoltre servonocorsi di formazione, sistemisti capaci,maggiore oculatezza nella sceltadell'hardware e nell'installazionedel software".E dice - apparentemente - il vero.La differenza è che X soldi in una licenzasono un investimento a *breve* termine, mentre gli stessi X soldi per formare undipendente o un tecnico interno sonoun investimento a *lungo* termine.Questo è IMHO un punto fondamentale.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: nn
            A
            me sta bene pagare il sw, a patto di poterne
            usufruire in toto e di poterne fare
            qualunque cosa (compreso modificarlo e
            studiarlo) che non danneggi altri.Devo dire che non sono molto d'accordo con questi paragoni (smontare il televisore, aprire il cofano della macchina, ecc.). Un conto e' smontarela televisione, un conto e' chiamare la Sony al telefono e dire "Io comprato il modello XY, dunque voglio tutti gli schemi della circuiteria, tutta la documentazione di progetto, tutti i disegni dei componenti con relativi calcoli di tenuta, ecc...". Non credo ti risponderanno "A che indirizzo li mandiamo?".
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.


            Devo dire che non sono molto d'accordo con
            questi paragoni (smontare il televisore,
            aprire il cofano della macchina, ecc.). Un
            conto e' smontare
            la televisione, un conto e' chiamare la Sony
            al telefono e dire "Io comprato il modello
            XY, dunque voglio tutti gli schemi della
            circuiteria, tutta la documentazione di
            progetto, tutti i disegni dei componenti con
            relativi calcoli di tenuta, ecc...". Non
            credo ti risponderanno "A che indirizzo li
            mandiamo?".Mai sentito parlare di reverse engineering? Quella cosa che ti viene PROIBITA nel caso del sw?
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            - Scritto da: nn

            Devo dire che non sono molto d'accordo con

            questi paragoni (smontare il televisore,

            aprire il cofano della macchina, ecc.). Un

            conto e' smontare

            la televisione, un conto e' chiamare la
            Sony

            al telefono e dire "Io comprato il modello

            XY, dunque voglio tutti gli schemi della

            circuiteria, tutta la documentazione di

            progetto, tutti i disegni dei componenti
            con

            relativi calcoli di tenuta, ecc...". Non

            credo ti risponderanno "A che indirizzo li

            mandiamo?".

            Mai sentito parlare di reverse engineering?
            Quella cosa che ti viene PROIBITA nel caso
            del sw?Mai sentito del mitico furgoncino Commodore ??? Ai tempi dell'amiga se ne facevi richiesta come sviluppatore ti arrivava un camioncino PIENO di manuali fin sotto casa a spese della grande C.
          • Anonimo scrive:
            Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
            Una piccola obiezione.Non è affatto vero che nella PAnon possano esserci più SO.L'interscambio non avviene tratutti i PC. Basta che ci sia unapiattaforma comune per scambiare i dati.E questa c'è (es. HTML o, meglio, XML,oppure TXT o JPG per le immagini deidocumenti o altro).Inoltre - anche in rete - sistemi Linuxe Win possono convivere.Questo solo per dire che è assurdo, alivello gestionale, sostenere chedall'oggi al domani *tutti* i PCdella PA dovrebbero passare da unsistema ad un altro.Rendetevi conto che con questeargomentazioni si rafforza chi vuoleimpedire qualsiasi cambiamento.Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
          - Scritto da: maks


          Che e' santa e giusta finche' si
          sceglie


          quello che decidiamo noi. Complimenti
          ai


          firmatari. Come al solito tanti ideali
          e


          poche idee.



          Meglio poche idee ma buone, che nessuna

          idea. E credere in qualcosa che non siano
          i

          soldi, credimi, è molto importante e

          renderebbe tuti migliori.

          Contraddizione in termini.
          Se uno volesse credere nei soldi?
          Se qualcuno se ne sbattesse degli ideali
          dell'open source?
          Non sarebbe una buona idea?
          perche'?
          perche' lo dici tu?E una discussione, e lui ha espresso il suo (mio) punto di vista.Tu sei libero di fare quello che credi.
          Liberta' vuol dire che anche acquistare
          prodotti MS sia concesso.Nulla da dire
          Poi che facciano schifo o meno se ne pu'
          discutere, ma l'esclusione a priori e'
          sbagliata.Siamo daccordo.
          Qui non si parla di un efferato criminale, o
          di chiudere un sito nazista che incita alla
          eliminazione degli ebrei, ma di decidere se
          una azienda debba essere esclusa in quanto
          ha subito una condanna in un altro paese
          rispettoa quello che firma la petizione.La cosa e' un poco contorta. Cmq. il paese in cui ha subito la condanna e' anche il paese dove ha sede l'azienda in questione.Una condanna di monopolio in germania che effetti avrebbe potuto avere sulla politica aziendale M$? Nessuno perche' la sede dell'azienda e' da un'altra parte.
          Perche' allora Telecom Italia ha potuto
          acquistare la telecom argentina e licenziare
          5 mila dei 10 mila dipendenti?(Non solo T.I. ma anche la spagnola "Telefonica")
          Non era forse da escludere anche lei a
          priori dalla gara per l'acquisto?Io sarei stato daccordo. Ma era lo stato Argentino che doveva decidere l'esclusione.Come qui e' lo stato tedesco che deve decidere.
          Quando i monopoli sono nostri vanno bene,
          quando sono degli altri no?No. Personalmente i monopoli vanno male sempre.
          sono a favore dell'open source nella PA.
          Sono contro l'ipocrisia.Anche io.
        • Anonimo scrive:
          Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.


          Meglio poche idee ma buone, che nessuna

          idea. E credere in qualcosa che non siano
          i

          soldi, credimi, è molto importante e

          renderebbe tuti migliori.

          Contraddizione in termini.
          Se uno volesse credere nei soldi?
          Se qualcuno se ne sbattesse degli ideali
          dell'open source?
          Non sarebbe una buona idea?
          perche'?
          perche' lo dici tu?sono d'accordo con farci dei soldi, ma seguendo delle regole di leale concorenza (che mi pare ad oggi non esistono...tutti cercano di fare piu soldi con ogni mezzo...e questo che FA SCHIFO)...
    • Anonimo scrive:
      Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
      - Scritto da: Ciao

      Che e' santa e giusta finche' si sceglie
      quello che decidiamo noi. Complimenti ai
      firmatari. Come al solito tanti ideali e
      poche idee.La libertà di scelta è proprio quella che manca perchè è stata soffocata negli ultimi 15 anni.Verrà reintrodotta dall' OPEN SOURCE.
    • Anonimo scrive:
      Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
      - Scritto da: Ciao

      Che e' santa e giusta finche' si sceglie
      quello che decidiamo noi.Non mi pareche qualcunoabbia scritto "usate SUsE"Anzi, nemmeno "usate Linux"
    • Anonimo scrive:
      Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
      - Scritto da: Ciao

      Che e' santa e giusta finche' si sceglie
      quello che decidiamo noi. Complimenti ai
      firmatari. Come al solito tanti ideali e
      poche idee.Una petizione non è un diktat, ma una proposta. Se tu volessi, ed avessi abbastanza firme, potresti proporre una petizione per l'utilizzo del dorso d'asino al posto del trasporto su gomma. Questo non vuol dire che il Parlamento debba per forza abolire le automobili. Hai travisato tutto, per capire di cosa tratta, prima di leggere un articolo dovresti perlomeno conoscere il significato dell'oggetto dell'articolo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
      - Scritto da: Ciao

      Che e' santa e giusta finche' si sceglie
      quello che decidiamo noi. Complimenti ai
      firmatari. Come al solito tanti ideali e
      poche idee.I firmatari hanno espresso la loro opinione.La scelta non e' ancora stata fatta.Chi ha gia scelto _ovviamente_ fa il tifo per la propria scelta.E vedo molte piu' idee nella petizione piuttosto che nella replica di M$
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft non fornisce QUESTA feature: l'OS
      - Scritto da: Ciao

      Che e' santa e giusta finche' si sceglie
      quello che decidiamo noi. ti urta, che ora si voglia dare al cittadino tedesco la libertà di vedere e porre sotto controllo il codice che elabora i suoi dati personali?Ti urta che ora si chieda ai produttori di software QUESTA caratteristica, questa funzionalità?Lo so io perché ti urta: perché la TUA azienda MONOPOLISTICA questa funzionalità (questa "feature") NON LA SA DARE
      Complimenti ai
      firmatari. grazie
      Come al solito tanti ideali e
      poche idee.tantissime, ma tu non le riconosci per i tuoi $oliti motivi
    • Anonimo scrive:
      Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
      Ti rimando a un commento scritto precedentemente (dato ke non ho voglia di riscrivere le stesse cose)http://www.punto-informatico.it/pol.asp?mid=139173&fid=39021byez
    • Anonimo scrive:
      Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
      no, direi come al solitotanti ideali (giusti, per carità)e molto pochi contenuti, soprattutto tecnici.Diamo a Cesare quello che è di Cesare:provate a mettere un bel server Linux (ottimo)e una cinquantina di client, anche questi Linux, con tutto software per desktop-office open source.... VEDRETE CHE DIVERTIMENTO (ah ah ah)non vorrei essere nei panni dell'amministratoredi sistema !!!!!Tanti saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
        - Scritto da: d...x
        provate a mettere un bel server Linux
        (ottimo)
        e una cinquantina di client, anche questi
        Linux, con tutto software per desktop-office
        open source....
        VEDRETE CHE DIVERTIMENTO (ah ah ah)se avvenimenti come quelli che bollono nella pentola tedesca vanno in porto, noi ci divertiremo. Tu continuerai a dire che non è possibile.
        non vorrei essere nei panni
        dell'amministratore
        di sistema !!!!!forse perché NON PUOI
      • Anonimo scrive:
        Re: Eccola qui, la liberta' di scelta.
        - Scritto da: d...x
        no, direi come al solito
        tanti ideali (giusti, per carità)

        e molto pochi contenuti, soprattutto tecnici.Uhm...stai parlando di quelli che sostengono Windows ovviamente.
        Diamo a Cesare quello che è di Cesare:
        provate a mettere un bel server Linux
        (ottimo)
        e una cinquantina di client, anche questi
        Linux, con tutto software per desktop-office
        open source....

        VEDRETE CHE DIVERTIMENTO (ah ah ah)Ah certo poi siamo noi quelli con scarsi contenuti tecnici. Sai che quello che hai descritto esiste e funziona benissimo ?
        non vorrei essere nei panni
        dell'amministratore
        di sistema !!!!!Non vorrei essere l'azienda che ha come amministratore di sistema uno come te. Se non sei capace di fare una cosa, non vuol dire che sia impossibile. Per esempio io non sono capace di pilotare un aereo, ma non dico "Oh pilotare quei cosi, è impossibile!!!"
        Tanti salutiTanti saluti, hai dimostrato la tua ignoranza.
  • Anonimo scrive:
    Linux-Download non funziona
    Evvia... scarichiamo questo linux...Sono sul sito della Mandrake, vado alla pagina dowload, Italia, Mirror... clicckiamo e facciamo partire questo dw dell'iso e.... ma dai? Il mirror non funziona? Proviamone un'altro:Bologna. Non va? cambiamo nazione: Germania, Francia, UK, USA... MMMM io mi lamentavo di WindowsUpdate ma anche qui qualcosa non funziona. Nessuo dei link mi permette di scaricare GRATIS la iso di linux? La cosa mi puzza...(P.S. anche parecchie settimane fa avevo provato e... niente)
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux-Download non funziona
      - Scritto da: Andrea
      Evvia... scarichiamo questo linux...
      Sono sul sito della Mandrake, vado alla
      pagina dowload, Italia, Mirror... clicckiamo
      e facciamo partire questo dw dell'iso e....
      ma dai? Il mirror non funziona? Proviamone
      un'altro:Bologna. Non va? cambiamo nazione:
      Germania, Francia, UK, USA... MMMM io mi
      lamentavo di WindowsUpdate ma anche qui
      qualcosa non funziona. Nessuo dei link mi
      permette di scaricare GRATIS la iso di
      linux? La cosa mi puzza...
      (P.S. anche parecchie settimane fa avevo
      provato e... niente)Adesso si attaccano anche a questo. Non avete proprio più argomenti eh ? Io l'ho scaricato due giorni fa e ha funzionato a meraviglia, a ben 166Kb al secondo (massimo per la mia connessione DSL FastWeb). Certo magari non sono sempre online, ma basta cercare su altri mirror, anche non ufficiali, oppure basta andare in edicola, o farsi spedire gli economicissimi cd. E' inutile che cerchi di dimostrare che Linux non è gratis o a basso prezzo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux-Download non funziona
        Non voglio dimostrare niente, mi era venuta voglia di avere la Mandreake. La mia ultima versione è la 7.2 ed è datata. Per l'uso che ne faccio però non voglio spendere niente, altrimenti ne faccio a meno
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux-Download non funziona
          - Scritto da: Andrea
          Non voglio dimostrare niente, mi era venuta
          voglia di avere la Mandreake. La mia ultima
          versione è la 7.2 ed è datata. Per l'uso che
          ne faccio però non voglio spendere niente,
          altrimenti ne faccio a menoScusa ma è il tono in cui l'hai messa che sembrava ostile. Cmq questo:ftp://ftp.edisontel.it/pub/Mandrake_Mirror/Mandrake/iso/a me va benissimo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux-Download non funziona
      - Scritto da: Andrea
      Evvia... scarichiamo questo linux...
      Sono sul sito della Mandrake, vado alla
      pagina dowload, Italia, Mirror... clicckiamo
      e facciamo partire questo dw dell'iso e....
      ma dai? Il mirror non funziona? Proviamone
      un'altro:Bologna. Non va? cambiamo nazione:
      Germania, Francia, UK, USA... MMMM io mi
      lamentavo di WindowsUpdate ma anche qui
      qualcosa non funziona. Nessuo dei link mi
      permette di scaricare GRATIS la iso di
      linux? La cosa mi puzza...Anche per me qualche cosa puzza: ho appena provato 4 mirror diversi e il download parte sempre.A me puzza che il tuo sistema non è configurato bene .... Di solito riesci a fare download da ftp ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux-Download non funziona
        Mi puoi dare i mirror che ti funzionano?
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux-Download non funziona
          - Scritto da: Andrea
          Mi puoi dare i mirror che ti funzionano?ftp://ftp.univie.ac.at/systems/linux/Mandrake/iso/ftp://gd.tuwien.ac.at/pub/linux/Mandrake/iso/ftp://ftp.belnet.be/packages/mandrake/iso/ftp://ftp.cesnet.cz/OS/Linux/Mandrake/mandrake/iso/ftp://ftp.fi.muni.cz/pub/linux/mandrake/iso/ftp://ftp.edisontel.it/pub/Mandrake_Mirror/Mandrake/iso/Di tutti quelli che ho provato in pratica solo uno non funzionava....Non è per caso che stai utilizzando un download manager e sei dietro un firewall ? In questa situazione il download tramite ftp richiede in certi casi un'impostazione opportuna del download manager. E a volte non si riesce del tutto. Prova magari un server http (lasciando perdere quello di Bologna che è appunto quello che ora non funziona...).
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux-Download non funziona
      Al resto ti hanno risposto gli altri; quello che ti consiglio io è:Se devi provare una mandrake Linux tanto vale restare su Win, prova altre distro più valide, la MDK non mi piace proprio :/
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux-Download non funziona
      quella di edisontel va...bologna no, ma mica e colpa di linux...quelle tedesche provato 4 a caso, a me vanno tutti
      un'altro:Bologna. Non va? cambiamo nazione:
      Germania, Francia, UK, USA... MMMM io mi
      lamentavo di WindowsUpdate ma anche qui
      qualcosa non funziona. Nessuo dei link mi
      permette di scaricare GRATIS la iso di
      linux? La cosa mi puzza...
      (P.S. anche parecchie settimane fa avevo
      provato e... niente)
  • Anonimo scrive:
    ANCHE LA PA ITALIANA DEVE FAVORIRE L' OPEN SOURCE
    Non solo per liberare il mercato dei SO/SW dal Monopolio Microsoft e rilanciare la libera concorrenza in un mercato asfittico e Monopolistico.Anche il Parlamento Italiano deve favorire e promuovere l' uso di SO/SW nella Pubblica Amministazione.Per ormai ovvi motivi di sicurezza, di economicità, e di libera concorrenza.Non si capisce come mai ormai in tutto il mondo, Nazioni intere prendono posizione a favore dell' introduzione di SO/SW OPEN SOURCE nelle rispettive Pubbliche Amministrazioei e nelle Scuole, ed in Italia non se ne parla nemmeno, salvo iniziati sporadiche.Presumo non tanto per interressi privatistici, ma per assoluta ignoranza dei problemi inerenti alle moderne tecnologie dei SO/SW.Come al solito si segue il vento dove tira, mai una volta che i nostri Parlamentari abbiano iniziative positive tali da anticipare altri; sono campioni in ben altri tipi di iniziative.Anche nella Scuola, dove dovrebbero esserci docenti preparati e dalle menti abituate a ragionare, della questione non se ne parla o se ne parla poco, anche qui salvo poche e apprezzabili eccezioni.Come mai?
  • Anonimo scrive:
    Giusto!!
    "La Corea ordina 120.000 soluzioni Office OpenSource e risparmia circa l'80% dei costi"Si spende poco e non si e' dipendenti da un'azienda che opera in regime di quasi monopolio. Piu' di cosi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
      - Scritto da: Ivan
      "La Corea ordina 120.000 soluzioni Office
      OpenSource e risparmia circa l'80% dei
      costi"

      Si spende poco e non si e' dipendenti da
      un'azienda che opera in regime di quasi
      monopolio. "quasi monopolio" ?Concordo con quanto dici, tranne per il "quasi" Microsoft, infatti, è stata condannata per abuso di monopolio.Questo è il testo conclusivo, confermato dalla corte d'Appello e da quella Suprema USAhttp://www.usdoj.gov/atr/cases/f3800/msjudgex.htmhttp://www.usdoj.gov/atr/cases/f3800/msjudge.pdf
      Piu' di cosi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
        - Scritto da: zap
        Concordo con quanto dici, tranne per il
        "quasi"

        Microsoft, infatti, è stata condannata per
        abuso di monopolio.
        Non era "posizione dominante" (= quasi monopolio)?
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
          - Scritto da: SiN


          - Scritto da: zap

          Concordo con quanto dici, tranne per il

          "quasi"



          Microsoft, infatti, è stata condannata per

          abuso di monopolio.



          Non era "posizione dominante" (= quasi
          monopolio)?no. POSIZIONE DOMINANTE=MONOPOLIO DI FATTOnel link che ho fornito è contenuto il documento conclusivo stilato dal giudice di primo grado (la cui sentenza di abuso è stata confermata in sede di Appello e di Corte Suprema USA).Nella sentenza è chiaramente riportata l'espressione "Microsoft enjoys monopoly power" ridferita al mercato del software per PCcioè: microsoft dispone di potere monopolistico.
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
        Ancora 'ste link? Ma ti alzi al mattino e li reciti come una preghiera?Cmq vorrei sapere una cosa. Hai tanto paura di quella che chiami una "autorita' straniera" e poi ti fidi di un'altra autorita' straniera, fintanto che combatte i tuoi mulini a vento.
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
          - Scritto da: Ciao


          Cmq vorrei sapere una cosa. Hai tanto paura
          di quella che chiami una "autorita'
          straniera" e poi ti fidi di un'altra
          autorita' straniera,la germania sta considerando di utilizzare uno strumento di trasparenza e di indipendenza proprio da quella azienda straniera di cui straparli. io non confida della germania in quanto tale, ma sono dalla loro parte quando effettuano una scelta di civiltà, e spero (e farò quanto è in mio potere) affinché la loro scelta sia adottata da molti altri paesi, proprio perché la ritengo VALIDA e sacrosanta, degna di un paese civile.Ogni paese in cui vige la libertà di mercato, dovrebbe preservare la possibilità che le barriere al mercato rimangano + basse possibile, per far sì che + soggetti possano entrare e fare la loro offerma.Un paese che si abbandona a un monopolio in un settore strategico come quello del software, è un paese destinato a rimanere indietro nello sviluppo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
            L'autorita alla quale mi riferivo e' quella che ha condannato (ad una pacca sulle spalle) MS.
          • Anonimo scrive:
            Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
            La punizione è ancora da decidere; è M$ che ha proposto come propria punizione (già si permette il lusso di proporre lei le punizioni che la riguardano) una pacca sulle spalle: pochi stati federali USA hanno accettato, tutti gli altri e le ditte parte in causa hanno rifiutato. Ergo M$ verrà condannato ad un'altra punizione.Speriamo (e per speriamo ci metto anche te), che sia una dura punizione!
          • Anonimo scrive:
            Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
            - Scritto da: BSD_like
            Speriamo (e per speriamo ci metto anche te),
            che sia una dura punizione!Ecco un'altra perla di giornata. Uno ha una idea diversa dalla tua? Puniamolo. Di nuovo metodo Stalin.
          • Anonimo scrive:
            Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: BSD_like


            Speriamo (e per speriamo ci metto anche
            te),

            che sia una dura punizione!

            Ecco un'altra perla di giornata. Uno ha una
            idea diversa dalla tua? Puniamolo. Di nuovo
            metodo Stalin.Uff, credo che intendesse che spera anche per te che MS sia punita, non che spera che tu sia punito.
          • Anonimo scrive:
            Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
            Esatto!
          • Anonimo scrive:
            Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
            - Scritto da: Ciao


            L'autorita alla quale mi riferivo e' quella
            che ha condannato (ad una pacca sulle
            spalle) MS.3 gradi di giudizio per una sentenza di colpevolezza che negano solo i dipendenti-microsoft?E' una sentenza arrivata tardi, ma almeno è arrivata.
          • Anonimo scrive:
            Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
            - Scritto da: zap
            3 gradi di giudizio per una sentenza di
            colpevolezza che negano solo i
            dipendenti-microsoft?
            E' una sentenza arrivata tardi, ma almeno è
            arrivata.Appunto. E ti fidi di una autorita' straniera?
          • Anonimo scrive:
            Re: E' proprio MONOPOLIO.
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: zap


            3 gradi di giudizio per una sentenza di

            colpevolezza che negano solo i

            dipendenti-microsoft?

            E' una sentenza arrivata tardi, ma almeno
            è

            arrivata.

            Appunto. E ti fidi di una autorita'
            straniera?un'autorità straniera che mi difende da un monopolio?ti piace di più una nostrana ?ecco un link diverso:stavolta è relativo alla commissione Europea, presieduta da un tale Mario Monti:http://www.lex.unict.it/cde/documenti/vari/2000/000803microsoft.htm
          • Anonimo scrive:
            Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO

            Ogni paese in cui vige la libertà di
            mercato, dovrebbe preservare la possibilità
            che le barriere al mercato rimangano + basse
            possibile, per far sì che + soggetti possano
            entrare e fare la loro offerma.
            come?escludendo alcuni e ammettendo altri?anche nelle tv italiane si potrebbe farebasta chiudere RAI e Mediaset, cosi' arrivano il buon Murdoch o Kirch, che di monopolio non sanno nulla....Magari valutare il maggior numero di soluzioni e'da paese libero, escluderne alcune (a pagamento) a priori per fare posto a ad altre (aggratis) e' da dittatura proletaria
            Un paese che si abbandona a un monopolio in
            un settore strategico come quello del
            software, è un paese destinato a rimanere
            indietro nello sviluppo.veramente i settori srtategici sono altri, tipo comunicazione, sanita', armamenti...e MS non fa software per nessuno di questi..ce lo vedi office su un carro armato?ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
            - Scritto da: maks

            Ogni paese in cui vige la libertà di

            mercato, dovrebbe preservare la
            possibilità

            che le barriere al mercato rimangano +
            basse

            possibile, per far sì che + soggetti
            possano

            entrare e fare la loro offerma.



            come?
            escludendo alcuni e ammettendo altri?esattamente. Infatti si deve porre rimedio a una situazione in cui CERTI ALCUNI escludono dal mercato CERTI ALTRIA mali estremi i rimedi devono essere estremi
            anche nelle tv italiane si potrebbe fare
            basta chiudere RAI e Mediaset, cosi'
            arrivano il buon Murdoch o Kirch, che di
            monopolio non sanno nulla....parli di televisione, in cui almeno un duopolio c'è. invece c'è un MONOPOLIO su,l fronte del software per PCLo vogliamo limitare, questo monopolio, perché almeno si possano inserire altri soggetti che possano interagire davvero col mercato asfittico che il monopolio microsoft ha determinato
            Magari valutare il maggior numero di
            soluzioni e'
            da paese libero, escluderne alcune (a
            pagamento) a priori per fare posto a ad
            altre (aggratis) e' da dittatura proletariaper ora il monopolio di stampo sovietico è attivo nell'imposizione monopolistica di un unico desktop.La sovietizzazione di Redmond è stata attuata, non certo quella proletariaL'esclusione degli avversari è stata l'arma usata dal monopolio microsoft, che E' STATO CONDANNATO per queste sue azioni.microsoft HA DANNEGGIATO i concorrenti. Urge un CORRETTIVO, una PENA che permetta al mercato di liberarsi dalla stretta mortale del monopolio-microsoftLa situazione che si è determinata è dovuta s microsoft.Se qualcuno deve pagare, per ripristinare una condizione di mercato competitivo, questa è proprio microsoft

            Un paese che si abbandona a un monopolio
            in

            un settore strategico come quello del

            software, è un paese destinato a rimanere

            indietro nello sviluppo.

            veramente i settori srtategici sono altri,
            tipo comunicazione, sanita', armamenti...
            e MS non fa software per nessuno di questi..
            ce lo vedi office su un carro armato?per te, che hai un interesse (almeno dialettico) a sminuire il valore del settore in cui microsoft è monopolista, questo settore sarebbe non-strategico.Ma il settore è importantissimo: è un punto di snodo verso tutti gli altri, è la "porta" verso internet per gli utenti, che se serviranno per usufruire di servizi molteplici. Se questa porta è sotto il controllo di un solo soggetto, anche questi gestori di servizi saranno a loro volta asserviti al gestore della porta.E che dire dei servizi sul lato pubblico?Chi vuole che un mercato come questo sia sotto il controllo di un solo soggetto?Tu lo vuoi?Senza contare quello che un mercato monopolistico comporta sul lato prezzi, che ci dissanguano da un decennio.Infatti, quando vai a fare ii conti con i miliardi che se ne vanno in USA per le licenze del monopolista microsoft, te ne accorgi, di quanto sia strategico un settore cardine come quello del software PC.microsoft deve essree messa in condizioni di non nuocere, come ha dimostrato di poter fareQuesto deve essere fatto per il bene di tutti
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto!!, ma E' proprio MONOPOLIO
          - Scritto da: Ciao


          Ancora 'ste link? Ma ti alzi al mattino e li
          reciti come una preghiera?
          Cmq vorrei sapere una cosa. Hai tanto paura
          di quella che chiami una "autorita'
          straniera" e poi ti fidi di un'altra
          autorita' straniera, ecco un link diverso:stavolta è relativo alla commissione Europea, presieduta da un tale Mario Monti:http://www.lex.unict.it/cde/documenti/vari/2000/000803microsoft.htm
  • Anonimo scrive:
    Che facciano un bando all'italiana! :-)
    Perche' non fanno un bel bando di concorso all'italiana e poi scelgono il software che costa meno?!? :-))
    • Anonimo scrive:
      Re: Che facciano un bando all'italiana! :-)
      - Scritto da: Leto
      Perche' non fanno un bel bando di concorso
      all'italiana e poi scelgono il software che
      costa meno?!? :-))No che poi qualcuno dimostra scientificamente (con una bella mazzetta all'italiana) che Winzozz costa meno di Linux :)
  • Anonimo scrive:
    Deutschland Uber Alles!
    Che siano d'esempio per gli altri paesi d'Europa (e non solo) adottando software libero nella P.A.!
  • Anonimo scrive:
    E ora un reply alla lettera
    @arrabiato mode: ON
    In quella petizione chiede il rispetto delle regole democratiche anche nei settori dell'utilizzo dell'IT e indica quindi, come preciso dovere di uno stato democratico, l'uso di Software libero.
    Questo significa, secondo me, seguendo il ragionamento inverso, cheuno stato che non usa Linux non è democratico o, quantomeno, non è consapevole dei propri doveri.Se A = 10, B = 10 C = A + B = 20 non implica che essendo A diverso da 10 C non possa essere 20.Apparte il sapiente gioco di parole più che di software libero bisognerebbe parlare di libero software, ovvero quello che CONVIENE/VIENE PIU COMODO.
    Ci sono sicuramente altri motivi per i quali chiede che il Bundestag abbandoni i prodotti Microsoft per passare a prodotti per Linux.Uno potrebbe essere il prezzo, un altro la sicurezza.
    Cos'ha a che fare l'adozione o il rifiuto dell'uso di un Sistema Operativo con le regole democratiche o con i doveri di uno stato democratico? Niente, e niente vieta a Bill Clinton di fare quel che vuole dei suoi sigari eppure certi usi particolari possono essere ESTREMAMENTE scorretti agli occhi del popolo.
    Il Software OpenSouce, come anche lei ammette, non è, di per se, una garanzia di libera concorrenza, esattamente come l'uso di prodotti della ditta che rappresento, come è successo finora, non rappresenta la mancanza di democrazia. In effetti li ha ragione, peccato che è piu probabile lo sviluppo di libera concorrenza su una piattaforma aperta che su un sistema dove la società A produce il sistema operativo, una suite di lavoro, il compilatore, impone gli standard e elargisce pochissime informazioni sul reale funzionamento interno dei propri sistemi all'interno facendo si, in pratica, che i prodotti non fatti da A siano implicitamente svantaggiati.Netscape non sarà stato nelle ultime versioni un grandissimo successo ma la libera concorrenza dove si può fare quando, aprendo una finestra sul contenuto sull'hard disk mi basta andare sulla barra e scrivere un link web per trasformare quella che è, a tutti gli effetti, una finestra di sistema in un programma CONCORRENZIALE?
    Come sottoscrittore di questa petizione, lei si propone garante di una libera competizione, nella quale, però, lei propone come unica alternativa l'uso del Software OpenSource.Beh, il software closed source oramai, nell'ambito del Closed Source, è scomparso... o voi o OS/2, solo che OS/2 gira solo sulle macchine IBM.
    Quello che lei fa in questa campagna è una aperta discriminazione dei nostri prodotti e servizi, etichettandoli come antidemocratici. No, democraticamente comprate Microsoft senza poter scegliere, è democratico che una società abbia il monopolio del mercato perchè opensource è il male (qualche Vostro CEO ha detto anche che la GPL è un cancro).
    Come i 1300 collaboratori dell'azienda che rappresento, mi sento accusato ingiustamente.Per non parlare di tutti gli avvocati, che rappresentano la vera forza motore di Microsoft.
    Non posso prevedere quale effetto potrà avere sui nostri Partner commerciali, su tutti gli sviluppatori e sui nostri clienti se i prodotti Microsoft venissero bollati come antidemocratici.Beh, GPL come cancro, Lindows come fazioso già nel nome (HomeStation troppo simile a PlayStation no?) etc etc invece non hanno peso?
    Mi appello quindi a lei: consenta, nell'interesse di una migliore soluzione per gli impiegati e i collaboratori del Bundestag, una discussione sui reali pregi e difetti dei prodotti. Beh, perchè non si presenta anche un prospettino sulle spese della gestione di un sistema full Windows ?
    La discussione dovrebbe basarsi su fatti oggettivi e su un confronto tra costi e benefici ottenuti dai prodotti e servizi offerti, alla luce delle necessità degli utilizzatori.Beh, una slackware che scarico gratis e che un qualsiasi addetto della pubblica amministrazione può gestire e tenere aggiornata ha tutti i servizi classici di sicurezza e costa praticamente ZERO, un sistema Windows, scusate se sbaglio, costa un X ad ogni licenza più un altro X ad ogni intervento d'assistenza e, ovviamente un altro X ad ogni update, prezzo a cui si somma la necessità di rimodernare su base quasi annuale il parco macchine viste le ESOSE richieste dei vostri OS (che di servizi ne hanno pochini).@arrabbiato mode: OFF
    • Anonimo scrive:
      Re: E ora un reply alla lettera
      - Scritto da: ConteZerod'accordo con te. Vorrei solo sottolineare il tono vagamente ricattatorio del passaggio:

      Non posso prevedere quale effetto potrà
      avere sui nostri Partner commerciali, su
      tutti gli sviluppatori e sui nostri clienti
      se i prodotti Microsoft venissero bollati
      come antidemocratici.Come dire: scegliete open source e noi cominciamo a licenziare. Ma forse in tedesco vuol dire altro...
      • Anonimo scrive:
        Re: E ora un reply alla lettera
        - Scritto da: nn
        Come dire: scegliete open source e noi
        cominciamo a licenziare. Ma forse in tedesco
        vuol dire altro...In tedesco significa: scegliete open source e tutti i nostri lecchini di partner non commerceranno più con le vostre aziende. Forse però dimenticano che le aziende più importanti sono già passate dall'altra parte della barricata :)))
        • Anonimo scrive:
          Re: E ora un reply alla lettera
          Secondo me dice entrambe le cose, allude ad un'isolamento dei partner M$ (non dimentichiamo che M$ con pratiche monopolistiche come quella di indurre le società a non implementare altri o.s. nei loro sistemi, al di fuori di quelli M$; è stata condannata); ma anche una minaccia di licenziamento (notare che il CEO tedesco M$ riporta il numero dip. M$ in Germania) per i dip. tedeschi di M$.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ora un reply alla lettera
            - Scritto da: BSD_like
            Secondo me dice entrambe le cose, allude ad
            un'isolamento dei partner M$ (non
            dimentichiamo che M$ con pratiche
            monopolistiche come quella di indurre le
            società a non implementare altri o.s. nei
            loro sistemi, al di fuori di quelli M$; è
            stata condannata); ma anche una minaccia di
            licenziamento (notare che il CEO tedesco M$
            riporta il numero dip. M$ in Germania) per i
            dip. tedeschi di M$.Si anche a me e' parso un "non troppo velato" ricatto. Il lato positivo e' che se M$ ricorre a questi termini significa che sente pesantemente il fiato sul collo, la miglior risposta potrebbe venire dalla SuSe con uno studio sul numero di posti di lavoro che verrebbero recuperati da un ridimensionamento di M$ in Germania...
  • Anonimo scrive:
    Se scegliere fosse un reato...
    Non diciamo cose che non sono vere.Il governo tedesco non và avanti a croci uncinate, si vuole solo affermare la possibilità di usare sistemi operativi alternativi.Ricordo che la concorrenza si basa sulla possibilità di scegliere.Io onestamente Linux lo vedo poco adatto ai politici (specie quelli italiani che non brillano per intelligenza e capacità tecnica) ma che sia POSSIBILE farlo è importante.Onestamente ce ne sono molti altri di OS , dal piccolo QNX ai bellissimi BSD a Solaris di Sun, al Darwin di MAC (in test) allo stabilissimo OS/2 e così via.Onestamente i PC possono fare girare molti OS, affermare che altri OS sono utilizzabili è una cosa di per se democratica, costringere la gente ad usarne uno così come impedirne l'uso è invece una politica estremamente scorretta e liberticida.E con questo non parlo nè di Microsoft in sè nè di Linux in quanto tale nè di altro, sto solo dicendo che marchiare come liberticide le richieste di alcuni di POTER SCEGLIERE è di per se una cosa indegna.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se scegliere fosse un reato...
      - Scritto da: ConteZero
      le richieste di alcuni di POTER SCEGLIERE è
      di per se una cosa indegna.Alcuni ritengono che "libertà" sottintenda "di scegliere Microsoft (e solo quella, ove possibile)"
    • Anonimo scrive:
      Re: Se scegliere fosse un reato...
      - Scritto da: ConteZero....
      Io onestamente Linux lo vedo poco adatto ai
      politici (specie quelli italiani che non
      brillano per intelligenza e capacità
      tecnica) ma che sia POSSIBILE farlo è
      importante.Sinceramente per i nostri politici (tutti) io vedo poco adatta anche una calcolatrice...Forse un pallottoliere... ma devono impegnarsi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Se scegliere fosse un reato...
      Qui il problema però, riguarda il fatto che per la pubblica amministrazione non si possono utilizzare contemporaneamente diversi SO senza rischiare di fare confuasione; c'è insomma bisogno di uno standard. E per un compito simile credo che Linux sia il SO adatto: è robusto, è facile se c'è chi te l'installa al modo giusto, e soprattutto i costi delle licenze crollano, con un bel guadagno nelle casse pubbliche (o nei portafogli dei politici? Speriamo di no! ^__^), e soprattutto non sei costretto a svuotare le tue tasche per arricchire un'azienda straniera e quasi monopolizzatrice come la MS! Meglio di così!byez
      • Anonimo scrive:
        Linux mi fa schifo
        Si, mi fa schifo.Qualche anno fa (diciamo pure 4/5) ci credevo e mi sono fatto il mazzo, ma ora è troppo un fenomeno di moda.Ci sono tantissimi programmatori dell'ultim'ora, ci sono troppe tonellate di codice scritto con i piedi e integrato anche in distribuzioni professionali; il concetto di "tanto è gratis" non paga se il gratis non ha qualità, la mole di roba da vagliare, filtrare e scartare per dare un sistema completo (e intendo OS, drivers e apps principali) stabile è troppa.In questo modo si relega Linux a hobbisti che hanno ore da perderci dietro, peggio (in termini di tempo) che con le patch di M$!E proprio ora che la moda è stata lanciata IBM e altri volponi cercano di lucrare proponendo il "loro" Linux.Ma la realtà è che ormai Linux non è più il sistema potente, leggero e stabile di 5 anni fa, tutti i passi fatti sono stati nella direzione sbagliata, cioè verso l'user friendly, ma non essendoci uno standard reale di sviluppo, accettato da tutti gli sviluppatori/distributori/ecc.. l'user friendly di questo passo sarà sempre un utopia a meno di non tuffarsi nelle distro che tra qualche anno cercheranno di diventare nuove M$!Tutto questo non mi piace per niente!Linux ormai è VECCHIO, rispetto a sistemi come il BeOS e QNX oramai fa pena perchè si deve tirare dietro un carrozzone di sw scadente e il peso di 5 anni di evoluzione nella direzione sbagliata (v. sopra)Il titolo è provocatorio, dovrei dire che Linux è un discreto sistema, nato come ottimo sistema ma rovinato da tantissimi incompetenti e alcuni volponi, e ormai superato da sistemi realmente innovativi rispetto a qualunque versione di Unix, venduta a qualunque prezzo.Linux user, non diventate i pretoriani di qualche nuovo dragasaccocce Linux based del 200x o giù di lì, per favore, e continuate a cercare e scegliere il meglio degli OS che OGGI esistono, non fatevi fregare da un marchio e una definizione!
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux mi fa schifo

          Linux ormai è VECCHIO, rispetto a sistemi come
          il BeOS e QNX oramai fa pena perchè si deve
          tirare dietro un carrozzone di sw scadente e il
          peso di 5 anni di evoluzione nella direzione
          sbagliata (v. sopra)Son daccordo sul fatto che Linux non compete a livello di prestazioni coi SO da te citati, però:- Esistono distribuzioni in cui il "carrozzone di software" di cui tu parli è senz'altro alleggerito (prova una slackware 8);- Il fatto che vi sia il "carrozzone software" non dev'essere necessariamente uno svantaggio, ma è anzi, una delle armi per portare Linux anche nella casa dell'utente medio: io ho attualmente installata nel pc la v6 di QNX personal edition, e devo ammettere che è una bomba; ma guarda il corredo software in dotazione: è inesistente! Non un programma di grafica (e la grafica dovrebbe essere uno dei suoi punti forti visto la... Photon che si ritrova!), non un programma di videoscrittura degno di tale nome ecc. ecc. Insomma, dopo l'installazione resti tanto piacevolmente sorpreso delle potenzialità del SO quanto deluso dal fatto di non poterci effettivamente fare niente di quello che puoi fare con un sistema operativo più diffuso. Col BeOS le cose vanno leggermente meglio ma non di molto (l'ho provato qualche tempo fa). Linux invece avrà sì una marea di programmi inutili, o comunque inutili a te, ma costo ha fare una selezione? Io della Slackware faccio in genre un'installazione da cca 100 mb, mi trovo benissimo e posso fare praticamente tutto: dal navigare al chattare in IRC, alla grafica, allo scrivere un documento, a mille altre cose; Linux inoltre può farsi forte dell'appoggio di molte case software anche importanti (è uscito ad es. Corel 9 per Linux, e pare che Macromedia e Adobe stiano lavorando per le versioni Linux dei loro proncipali programmi). In pratica fra non molto su Linux probabilmente potremo fare tutto ciò facciamo attulmente su Windows e anche di più! E' importante che non manchi l'appoggio di coloro che in questo SO hanno creduto, e che lo vedono comunque come una validissima alternativa al SO che attulmente detiene la stragrande maggioranza del mercato consumer.byez
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux mi fa schifo
            - Scritto da: slackb0y
            Son daccordo sul fatto che Linux non compete
            a livello di prestazioni coi SO da te
            citati, però:
            - Esistono distribuzioni in cui il
            "carrozzone di software" di cui tu parli è
            senz'altro alleggerito (prova una slackware
            8);
            - Il fatto che vi sia il "carrozzone
            software" non dev'essere necessariamente uno
            svantaggio, ma è anzi, una delle armi per
            portare Linux anche nella casa dell'utente
            medio: io ho attualmente installata nel pc
            la v6 di QNX personal edition, e devo
            ammettere che è una bomba; ma guarda il
            corredo software in dotazione: è
            inesistente!L'ho provata anche io, ed è vero è stupendo però nella RTP manca ancora il supporto per molti componenti hardware (come le schede PCMCIA) ed effettivamente rimane un bel giocattolo, non ci si può fare molto, purtroppo.
            Insomma, dopo l'installazione resti tanto
            piacevolmente sorpreso delle potenzialità
            del SO quanto deluso dal fatto di non
            poterci effettivamente fare niente di quello
            che puoi fare con un sistema operativo più
            diffuso. Col BeOS le cose vanno leggermente
            meglio ma non di molto (l'ho provato qualche
            tempo fa).BeOS non esiste più, ha chiuso. Non dimentichiamo inoltre che per sua stessa natura Linux è solo il suo Kernel. E quello è solidissimo. Quello che c'è intorno non è Linux, sono applicazioni per linux. Applicazioni che possono essere usate come sono, modificate, oppure non usate e si possono creare delle apps a proprio piacimento. Questo è un vantaggio: l'utente medio userà quelle prefatte, invece quello avanzato che ha bisogno di più potenza e leggerezza può personalizzarsi tutto a proprio piacimento. Cosa che con Windows è impossibile.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux mi fa schifo
          - Scritto da: Giorgio
          Si, mi fa schifo.
          Qualche anno fa (diciamo pure 4/5) ci
          credevo e mi sono fatto il mazzo, ma ora è
          troppo un fenomeno di moda.Concetto relativo. Non lo vedo come una moda, spesso come una cosa "di cui si parla ma chi parla non sa quello che dice". Se tu sai cosa stai facendo e perche' lo stai facendo e' bene. Se invece non sai quello che fai e ti limiti a seguire la massa allora e' un male.
          Ci sono tantissimi programmatori
          dell'ultim'ora, ci sono troppe tonellate di
          codice scritto con i piedi e integrato anche
          in distribuzioni professionali; il concetto
          di "tanto è gratis" non paga se il gratis
          non ha qualità, la mole di roba da vagliare,
          filtrare e scartare per dare un sistema
          completo (e intendo OS, drivers e apps
          principali) stabile è troppa.Distribuzione "base" (ovvero senza fronzoli - quela che viene definita come "server"), WindowMaker, Mozilla, OpenOffice, Gimp, Vim, Fte vanno benissimo per chiunque.
          In questo modo si relega Linux a hobbisti
          che hanno ore da perderci dietro, peggio (in
          termini di tempo) che con le patch di M$!Dipende da quello che devi fare. Ai tempi in cui tu (io) abbiamo iniziato ci voleva molto piu' tempo eppure io non lo rimpiango affatto, attualmente vorrei dedicargli molto piu' tempo ma non posso... certo continuo a impiegare meno tempo per fare qualcosa con Linux piuttosto che con M$.Dal tuo discorso sembra che "Usavo linux perche' era strano e faceva figo, adesso lo sanno usare tutti e io non lo uso piu'".
          E proprio ora che la moda è stata lanciata
          IBM e altri volponi cercano di lucrare
          proponendo il "loro" Linux.Sono delle aziende. Il loro scopo e' fare soldi. Non vedo nulla di strano in cio'.
          Ma la realtà è che ormai Linux non è più il
          sistema potente, leggero e stabile di 5 anni
          fa, tutti i passi fatti sono stati nella
          direzione sbagliata, cioè verso l'user
          friendly, ma non essendoci uno standard
          reale di sviluppo, accettato da tutti gli
          sviluppatori/distributori/ecc.. l'user
          friendly di questo passo sarà sempre un
          utopia a meno di non tuffarsi nelle distro
          che tra qualche anno cercheranno di
          diventare nuove M$!Linux e' quello che tu vuoi. Potente Leggero e Stabile, oppure user-frendly e un poco piu' pesante, limitato e instabile (sul pesante ho verificato, sulle altre due cose parlo per supposizioni perche' il mio P133 non mi permette di usare costantemente gnome/kde).Per le distro puoi usarne una non commerciale (mai sentito parlare di debian?)
          Tutto questo non mi piace per niente!
          Linux ormai è VECCHIO, rispetto a sistemi
          come il BeOS e QNX oramai fa pena perchè si
          deve tirare dietro un carrozzone di sw
          scadente e il peso di 5 anni di evoluzione
          nella direzione sbagliata (v. sopra)Kernel e binutils. Dopodiche' il sw che vuoi lo metti sopra a piacere senza tirarti dietro nessun carrozzone.
          Il titolo è provocatorio, dovrei dire che
          Linux è un discreto sistema, nato come
          ottimo sistema ma rovinato da tantissimi
          incompetenti e alcuni volponi, e ormai
          superato da sistemi realmente innovativi
          rispetto a qualunque versione di Unix,
          venduta a qualunque prezzo.Opinioni, per fortna ognuno e' libero di scegliere quello che piu' aggrada
          Linux user, non diventate i pretoriani di
          qualche nuovo dragasaccocce Linux based del
          200x o giù di lì, per favore, e continuate a
          cercare e scegliere il meglio degli OS che
          OGGI esistono, non fatevi fregare da un
          marchio e una definizione!Come sopra
  • Anonimo scrive:
    "L" for Linux - "L" for Losers
    Open Source e democrazia: due termini antitetici, si direbbe, visto cosa capita in Germania. Comunque la petizione finirà nel caminetto di qualche ministro intelligente. La politica di prezzi e tecnologie di Microsoft per la Pubblica Amministrazione è imbattibilie.E voi non illudetevi. Tempo 5 anni e Linux sarà solo un sistema operativo da installare sui piccoli e medi server. Scommettiamo?P.S. Ho visto altrove quanto vi incavolate. Non rispondete a questo messaggio. Ho scritto e non torno a leggere i commenti. Non perdete tempo.
    • Anonimo scrive:
      Re:
      - Scritto da: Linux=fascisti

      bla bla bla

      P.S. Ho visto altrove quanto vi incavolate.
      Non rispondete a questo messaggio. Ho
      scritto e non torno a leggere i commenti.
      Non perdete tempo.A me piace perdere tempo (e non mi incavolo), ma è la prima volta che mi danno del fascista perchè uso Linux. In genere mi danno del comunista. E decidersi ?P.S. Il resto non lo commento perchè tanto è assolutamente inconsistente...
      • Anonimo scrive:
        Re:
        Secondo me e' vladimiro in incognito ahahah
        • Anonimo scrive:
          Re:
          - Scritto da: z2
          Secondo me e' vladimiro in incognito ahahahLOL :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: scusate, ma...?
          Ho seguito il dibattito sulla sicurezza linux vs micro$oft. Ma Vladimiro non era lo psicologo che ha inviato un messaggio provocatorio per una tesi? Ho letto qualche sua risposta e (salvo la lettera di provocazione) non mi sembrava realmente contro Linux, anzi. Non sarebbe il caso di smetterla di linciarlo? Mi sa che di nemici di Linux reali ce ne sono a decine, primo fra tutti il cretinetti che ha iniziato questo thread.Continuare ad abbaiare contro un finto nemico che ci ha provo cati per lavoro o per studio è davvero da fessi, lo dico in buona fede. Molliamola lì.Comunque Linux è l'esatta negazione del fascismo, anzi credo sia nato da un'ottica libera, intelligente, ugualitaria e gratuita: finalmente una cosa di sinistra!
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate, ma...?
            il mio pensiero in merito al signor anonimo-vladimiro l'ho chiarito bene nei thread dell'articolo: "windogs e' piu' sicuro di GNU/Linux" quindi non perdero' tempo a trascrivere quello che penso di lui qui; per quanto riguarda il tizio che ha iniziato questo thread lo trovo alquanto esilarante e non lo vedo affatto come una minaccia :)
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate, ma...?
            Lasciamo stare.Linux NON e' ne di sinistra ne di destra.La sua apartiticita' e' uno dei suoi punti forti.Ora , non facciamno che una coalizione povera di idea come la sinistra cerchi di prendere i benefici di un sistema operativo che con la politica del tipo "destra contro sinistra" e "sinistra contro destra" non c'ha nulla a che vedere.Pensiamo a sviluppare che e' meglio.Ciao Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: scusate, ma...?
            CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP=)
      • Anonimo scrive:
        Re:
        - Scritto da: TeX

        A me piace perdere tempo (e non mi
        incavolo), ma è la prima volta che mi danno
        del fascista perchè uso Linux. In genere mi
        danno del comunista. E decidersi ?Visto che "comunista" sembra non attecchire più, stanno facendo prove tecniche col "fascista".A quando il "compagno Bill" ? ^__-
    • Anonimo scrive:
      Re:
      - Scritto da: Linux=fascisti
      Open Source e democrazia: due termini
      antitetici, si direbbe, visto cosa capita in
      Germania. Comunque la petizione finirà nel
      caminetto di qualche ministro intelligente.
      gia`. Attaccata sulla cappa dietro una splendida cornice.
      La politica di prezzi e tecnologie di
      Microsoft per la Pubblica Amministrazione è
      imbattibilie.
      certo, certo... e poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata...
      E voi non illudetevi. Tempo 5 anni e Linux
      sarà solo un sistema operativo da installare
      sui piccoli e medi server. Scommettiamo?
      volentieri! Ho giusto bisogno di una casa nuova...
      P.S. Ho visto altrove quanto vi incavolate.
      allo stadio? Guarda che quelli bianconeri eran tifosi della Juve, non pinguini.
      Non rispondete a questo messaggio.
      ops.. vabbe`, ormai... potevi dirlo prima!!!
      Ho scritto e non torno a leggere i commenti.
      toh, tiri il sasso e nascondi la mano... Freud ne ricaverebbe interessanti teorie sulla sicurezza della tua personalita`.
      Non perdete tempo.
      mah, sto perdendo veramente poco tempo, confrontato con tutto quello che ho perso cercando inutilmente di far funzionare decentemente un sistema che non valeva nemmeno il CD vergine su cui l'avevo masterizzato...PS: e, come dice Natalino Balasso, ricorda che Windows non e` un sistema operativo, e` un sistema nervoso!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: ATTENZIONE!!!!
      A parte il fatto che nessuna politica dei prezzi può combattere con una open source GPL, BSD, etc.; ma attenzione, questo post ha l'aria di essere messo bell'apposta da chi intende leggersi e divertirsi alle sole reazioni, magari instaurando un bell'esperimento come quello denunciato pochi giorni fà da dottorandi in pscologia: non è detto che se così fosse, questi appartengano allo stesso gruppo di quello antecedente.Ci sono probabilmente più di un gruppo a postare per studiare le reazioni.Quindi attenzione!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: ATTENZIONE!!!!
        - Scritto da: BSD_like
        A parte il fatto che nessuna politica dei
        prezzi può combattere con una open source
        GPL, BSD, etc.; ma attenzione, questo post
        ha l'aria di essere messo bell'apposta da
        chi intende leggersi e divertirsi alle sole
        reazioni, magari instaurando un
        bell'esperimento come quello denunciato
        pochi giorni fà da dottorandi in pscologia:
        non è detto che se così fosse, questi
        appartengano allo stesso gruppo di quello
        antecedente.
        Ci sono probabilmente più di un gruppo a
        postare per studiare le reazioni.Può anche darsi, ma cmq non mi importa. Quello che dimostrano questi studi psicologici è che esistono persone al mondo veramente deviate, e parlo degli psicologi, non della gente che posta qui sul forum per esprimere una libera opinione ed esercitare il proprio diritto di espressione. Ognuno è libero di pensarla come vuole, e se gli psicologi vogliono farci su qualche teoria, beh vorrà dire che hanno sprecato la loro vita. Io mi sentirei davvero un meschino a pensare di fare nella mia vita un lavoro di ricerca di questo tipo che non serve a niente per l'umanità. Come quegli 11 geni che hanno studiato Erika e Omar. Se mi davano 100 EUR a me tiravo le stesse conclusioni loro, e in 10 minuti non in un mese. Gli psicologi dovrebbero andare a studiare i propri problemi, che ne hanno molti, non quelli di noi che discutiamo sulla validità di una proposta in Germania.
        Quindi attenzione!!!Sì stiano attenti sti psicologi, che una volta o l'altra mi viene la sindrome da incavolamento incallito e ne sbrano qualcuno :))) Tanto non sarò capace di intendere e di volere e non mi mettono dentro :)))
      • Anonimo scrive:
        ATTENZIONE! - ma mi faccia il piacere, mi faccia!
        BSD_vattelapesca, frena un po' l'ansia da complotto. Se ogni volta che vedi un messaggio con cui non sei d'accordo pensi che ci siano di nuovo gli psicologi in agguato, allora forse hai davvero bisogno di andare in analisi! :-)Non cominciamo col complottismo a tutti i costi. Se vedi un nemico dietro ogni opinione (magari odiosa) diversa, non vivi più.Ci stiamo comportando da minoranza provinciale. E sinceramente io non ho visto niente di male nell'indagine psicologica. Forse perché conosco un po'la psicologia e non amo fare discorsi cretini e qualunquisti(tipo: interniamo gli psicologi, ecc.), ma credo che il fatto che la psicologia si interessi all'Informatica non sia poi proprio un male. :-)Comunque, smettiamola con lo "psicologo-warning" e facciamo cose più serie.Open source, open mind. Mi raccomando
        • Anonimo scrive:
          Re: ATTENZIONE! - ma mi faccia il piacere, mi faccia!
          Non ho niente contro gli esperimenti di pscologia, solo che non mi piace essere "sperimentato" senza saperlo, come non piace ad altri!
          • Anonimo scrive:
            Re: ATTENZIONE! - ma mi faccia il piacere, mi faccia!
            Non entro nel merito di Linux (non lo conosco, ma sto cercando di capire). Però le indagini psicologiche sono impossibili se i soggetti sono consenzienti e sanno di essere analizzati.E' un limite invalicabile ed è da quando esiste la psicologia che si fa così. Non credo che questo sia lo spazio per mettere in discussione una prassi obbligatoria. Comunque, è sufficiente scrivere all'ordine degli psicologi per protestare, ma è come lamentarsi all'ordine dei medici del fatto che i pazienti si spogliano e loro no... :-) Quel che conta è tutelare la privacy degli analizzati e non approfittare personalmente dei dati raccolti. R!
    • Anonimo scrive:
      Re:
      - Scritto da: Linux=fascisti
      Open Source e democrazia: due termini
      antitetici, si direbbe, visto cosa capita in
      Germania. Comunque la petizione finirà nel
      caminetto di qualche ministro intelligente.Scommettiamo di no ?
      La politica di prezzi e tecnologie di
      Microsoft per la Pubblica Amministrazione è
      imbattibilie.Sicuramente imbattibile per M$. Certo è da stupidi pagare 200 EUR e basta per Linux e poi installarlo su 10 macchine, meglio pagare 300 EUR per macchina e avere Windows 2000.....molto imbattibile come politica dei prezzi.
      E voi non illudetevi. Tempo 5 anni e Linux
      sarà solo un sistema operativo da installare
      sui piccoli e medi server. Scommettiamo?Certo infatti IBM produce piccoli e medi server. E Compaq pure.
      P.S. Ho visto altrove quanto vi incavolate.
      Non rispondete a questo messaggio. Ho
      scritto e non torno a leggere i commenti.
      Non perdete tempo.Complimenti per la coerenza. Certo è molto democratico questo tuo modo di comportarti. Ti prego la prossima volta di non chiamarmi fascista perchè fascista sarai tu che dici quello che hai sentito dire da qualcuno e non argomenti le tue opinioni. A noi "liberi" piace scambiarci idee e discutere, a volte anche animatamente, perchè la discussione è importante per formarsi una propria cultura quanto lo studio. Invece chi fa come te, rimane convinto delle proprie idee balzane e poi fa solo figure di m. E non voglio fare il solito comunista che attacca il Berlusca, ma è l'atteggiamento dei suoi sgherri in questo momento, sparare e poi buttare il fucile :)
    • Anonimo scrive:
      Re:
      semplicemente pietoso, messaggio finale (estremamente fascista) incluso. Meglio non tornare quando si scrivono cose così poco intelligenti...
    • Anonimo scrive:
      Re:
      - Scritto da: Linux=fascisti
      Open Source e democrazia: due termini
      antitetici, si direbbe, visto cosa capita in
      Germania. Comunque la petizione finirà nel
      caminetto di qualche ministro intelligente.
      La politica di prezzi e tecnologie di
      Microsoft per la Pubblica Amministrazione è
      imbattibilie.
      E voi non illudetevi. Tempo 5 anni e Linux
      sarà solo un sistema operativo da installare
      sui piccoli e medi server. Scommettiamo?

      P.S. Ho visto altrove quanto vi incavolate.
      Non rispondete a questo messaggio. Ho
      scritto e non torno a leggere i commenti.
      Non perdete tempo.Chi vive sperando come te, crepa cagando.Ride bene chi ride ultimo.E sarà LINUX a ridere per ultimo.
    • Anonimo scrive:
      Re:
      Tu parli e non vuoi ascoltare...e poi parli di fascismo!!!E poi Linux non era un SO comunista? Mah...- Scritto da: Linux=fascisti
      Open Source e democrazia: due termini
      antitetici, si direbbe, visto cosa capita in
      Germania. Comunque la petizione finirà nel
      caminetto di qualche ministro intelligente.
      La politica di prezzi e tecnologie di
      Microsoft per la Pubblica Amministrazione è
      imbattibilie.
      E voi non illudetevi. Tempo 5 anni e Linux
      sarà solo un sistema operativo da installare
      sui piccoli e medi server. Scommettiamo?

      P.S. Ho visto altrove quanto vi incavolate.
      Non rispondete a questo messaggio. Ho
      scritto e non torno a leggere i commenti.
      Non perdete tempo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma linux è fascista o comunista?
      - Scritto da: Linux=fascistiLINUX sarebbe fascista?Ma avevo sentito dire che è comunista!Confusione dietro le FINESTRE?Nessun problema. Riavviare ora o più tardi?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma linux è fascista o comunista?
        - Scritto da: zap


        - Scritto da: Linux=fascisti

        LINUX sarebbe fascista?

        Ma avevo sentito dire che è comunista!
        tutti e due ;-)nella mia universita' lo usano sia sui computer del collettivo (sinistra) che nell' aula autogestita da quelli di destra .la tecnologia efficente si impone spontaneamente. .
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma linux è fascista o comunista?
        - Scritto da: zap
        LINUX sarebbe fascista?
        Ma avevo sentito dire che è comunista!Che importa, e' talmente disorganizzato che non si noterebbe alcuna differenza.
    • Anonimo scrive:
      Re:
      Documentati prima di parlare e impara ad ascoltare quello che dicono gli altri, imparerai molto, soprattutto a convivere con le persone, non c'entra ninte l'informatica.
  • Anonimo scrive:
    IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?
    Me lo chiedo da un pezzo.Temo che per i Parlamentari Italiani e per i responsabili della Pubblica Amministrazione, l' OPEN SOURCE sia scambiato per una particolare zuppa inglese.Insomma, roga da mangiare.....l' UTONTO regna incontrastato.
    • Anonimo scrive:
      Re: IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?
      Possibile anche che lo sappiano ma non l'abbiano scelto. Dopotutto siamo sempre in uno stato democratico...
      • Anonimo scrive:
        Re: IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?
        - Scritto da: Andrea
        Possibile anche che lo sappiano ma non
        l'abbiano scelto. Dopotutto siamo sempre in
        uno stato democratico...Democratico, certo, ma anche di ignoranti.
        • Anonimo scrive:
          Re: IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?
          - Scritto da: luca


          - Scritto da: Andrea

          Possibile anche che lo sappiano ma non

          l'abbiano scelto. Dopotutto siamo sempre
          in

          uno stato democratico...

          Democratico, certo, ma anche di ignoranti.
          Pensarla in modo diverso dall'1% degli utenti di PC significa essere ignoranti? Mah....
          • Anonimo scrive:
            Re: IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?
            - Scritto da: Alberto
            Pensarla in modo diverso dall'1% degli
            utenti di PC significa essere ignoranti?
            Mah....ignorante nel senso che ignori le potenzialita' di GNU/Linux (infatti la maggior parte degli utenti windows non ha mai provato GNU/Linux e non basta leggere un articolo per sapere le effettive potenzialita' di un OS), d'altro canto la maggior parte degli utenti GNU/Linux ha provato windows quindi non ignorano le caratteristiche e i limiti dei due OS in questione, ergo in merito a questo non sono ignoranti :)
          • Anonimo scrive:
            Re: IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?




            Democratico, certo, ma anche di ignoranti.


            Pensarla in modo diverso dall'1% degli
            utenti di PC significa essere ignoranti?
            Mah....forse il confronto non si pone, ma in genere:Gli intellettuali sono pochi (5%)Chi non sa le cose che sa un intellettuale è ignornteil 95% è composto da ignoranti
          • Anonimo scrive:
            se l'ignorante ignora gli utonti sono imbelli
            vedi sopra
      • Anonimo scrive:
        Re: IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?
        - Scritto da: Andrea
        Possibile anche che lo sappiano ma non
        l'abbiano scelto. Dopotutto siamo sempre in
        uno stato democratico...Certo democratico tu dici ? E' democratico uno stato in cui un uomo di governo si permette di proporre una legge che obbliga i providers a loggare tutti i trasferimenti dati, le email, etc... dei cittadini ? E' democratico un paese in cui si fa una riforma della scuola che non piace a nessuna fazione (studenti/professori/sindacati/opposizione), ma chissenefrega tanto decidono loro ? E' democratico un paese che per legge da alle aziende il diritto di licenziare a piacimento, nonostante le critiche anche in questo caso di sindacati e lavoratori ?Sì, è democratico, e questo dimostra che "democratico" non significa necessariamente libero.Non è per fare il solito esempio, ma purtroppo è l'unico: anche Mussolini era stato eletto democraticamente, mica aveva fatto un golpe. Historia Magistra Vitae ? Non sembra proprio.Chiusa la parentesi politica, ti dico che scegliere palesemente una strada non conveniente per le pubbliche amministrazioni (pagare di più per avere gli stessi servizi) non è solo ignorante, ma anche stupido. Stanca, che è stato presidente di IBM Italia, dovrebbe saperlo (ma forse non condivide le scelte della sua ex azienda che è passata a Linux), ma forse lo sa e non gli importa nulla. E questo è gravissimo.
        • Anonimo scrive:
          Re: IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?
          In uno stato democratico, come quelli anglosassoni, si vota, non tanto l'uomo/gli uomini, ma il programma, che diventa a tutti gli effetti un contratto vero e proprio che lega tutti, politici e cittadini, maggioranza ed opposizione. In questo contesto i politici, diventano degli esecutori di quel contratto, e la minoranza che non l'ha scelto, non può chiedere nessun compromesso che snaturi anche di poco il programma, ma al max richieste che rientrino nell'ambito dei parametri del programma vincente.Ciò per ricordare che l'azione di un gov. rimane democratica, quanda fà quello che ha proposto nel programma diventato a tutti gli effetti contratto per lo stato, e diventa illegale l'azione della minoranza che non si limita a protestare, ma va oltre chiedendo compromessi (ovvero la non attuazione al 100% del programma) su questo contratto.Ergo non vi è nulla di antidemocratico nella scelta di un programma che proponga l'open source come sw della PA, basta che o sia proposto e votato, o che scelgano i delegati a farlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?
            Ma l'open sorci dovrebbero essere tutelati dalla WWF!Non mi sembra giusto tutta questa moria dei sorci nel mondo!!
          • Anonimo scrive:
            Re: IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?
            Bè, per ora sta ridimenzionando win; e per win non intendo solo M$, o.s. e sw, ma anche i sw di altre parti: quando passerà a batterlo propriamente vedrete chi morirà...
          • Anonimo scrive:
            Re: IN ITALIA SANNO COSA E' L'OPEN SOURCE?
            - Scritto da: BSD_like
            Bè, per ora sta ridimenzionando win; e per
            win non intendo solo M$, o.s. e sw, ma anche
            i sw di altre parti: quando passerà a
            batterlo propriamente vedrete chi morirà...attento a non morire anche tu aspettando che arrivi il giorno del sorpasso....ammesso arrivi prima che qualcuno di noi sia ancora vivo:-)
  • Anonimo scrive:
    Re: non sarebbe una brutta idea
    Tu credi che le crepe economiche in un'azienda del calibro di amazoon dipendano dalle licenze MS? Ma hai visto il loro fatturato annuo?
    • Anonimo scrive:
      Re: non sarebbe una brutta idea
      - Scritto da: Andrea
      Tu credi che le crepe economiche in
      un'azienda del calibro di amazoon dipendano
      dalle licenze MS? Ma hai visto il loro
      fatturato annuo?Infatti: è stato ben spiegato che i profitti di Amazon nel passaggio ai sistemi Linux non sono stati raggiunti dal risparmio sulle licenze, ma dall'aumentata efficienza dei sistemi.
  • Anonimo scrive:
    SuSE
    Alla suse stanno cominciando a fregarsi le mani :))
    • Anonimo scrive:
      Re: SuSE
      - Scritto da: ittita
      Alla suse stanno cominciando a fregarsi le
      mani :))E alla M$ mi sa che iniziano a fregarsi qualcos'altro... ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: SuSE
      - Scritto da: ittita
      Alla suse stanno cominciando a fregarsi le
      mani :))Chi c'è in Italia? mi vengono in mente solo Systems e Madeinlinux.
  • Anonimo scrive:
    LA RISPOSTA DEL PRETORIANO TEDESCO....
    Cerca di rigirare la frittata piagnucolando che Microsoft viene posta come antagonista a SO/SW considerati Democratici, accusando quindi i Deputati firmatari della Petizione di voler discriminare la Microsoft come ditta "NON" Democratica. Niente di più falso in quanto non è assolutamente quello che si afferma nella petizione., quella di Microsoft è una forzatura interpretativa parecchio di parte.Nella petizione si afferma che il SO/SW OPEN SOURCE sono Democratici in quanto Aperti e dei quali vengono distribuiti normalmente i codici sorgenti in modo che tutti li possano esaminare e migliorare, questo è innegabile come è innegabile che i SO/SW OPEN SOURCE introducono un sano principio concorrenziale, cosa alla quale Microsoft non è abituata da molti anni in quanto monopolista.Microsoft è libera di rispondere come crede ai firmatari della petizione, visto che può.Ma non può dire bugie piagnucolando che viene accusata di non essere democratica, questo non è vero, è solo monopolista.Essendo Microsoft per ovvi motivi contraria alla Petizione, semplicemente, non firmi la petizione.
  • Anonimo scrive:
    Non antidemocratico forse....
    Sicuramente si tratta di una ditta estera con un completo monopolio, e questo mi basta per sentirmi in dovere di evitarla, tanto più che le alternative sono indubbiamente migliori. Stop.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non antidemocratico forse....
      il problema e' che le alternative non sono migliori in assoluto, ma solo sotto determinati aspetti:per esempio linux e' superiore per quanto riguarda sicurezza e stabilita', ma e' inferiore per prestazioni, versatilita' ed usabilityquindi non e' automatica la scelta di linux al posto di win anzi bisogna valutarla attentamente
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....
        forse possiamo stare qua a parlare delle prestazioni, ma la versatilita!!! se non e questa prerogativa assoluta di linux... ti pare che windows sia piu versatile di linux?
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....
        - Scritto da: Ncipp
        il problema e' che le alternative non sono
        migliori in assoluto, ma solo sotto
        determinati aspetti:

        per esempio linux e' superiore per quanto
        riguarda sicurezza e stabilita', ma e'
        inferiore per prestazioni, versatilita' ed
        usabilityNon sono d'accordo. Il punto è che una PA non ha bisogno di prestazioni assolute (con l'hardware che si ritrova, parlare di "prestazioni" è ridicolo). E ricorda che Linux ha requisiti hd inferiori a Windows e se configurato da un amministratore esperto, è poi semplicissimo da usare per un impiegato che deve solo scrivere delle lettere o fare delle fatture, etc...Il punto è che una PA utilizzando l'opensource (quello vero) può risparmiare moltissimi soldi. Non è un problema di male contro bene, già queste parole le sentiamo assurdamente pronunciate da Bush e da Berlusconi e le idiozie lasciamole a loro che sono espertissimi in sparare cavolate. E' un problema puramente di convenienza. Se Windows fosse gratis come Linux (+ o -), direi che non vale la pena per una PA passare a Linux, tanto non ha bisogno di eccessivi standard di sicurezza (discorso diverso per un'azienda privata o per server particolari delle PA tipo quello del fisco, che cmq ora è crittografato in un modo indecente).
        quindi non e' automatica la scelta di linux
        al posto di win anzi bisogna valutarla
        attentamenteCerto come tutte le scelte va valutata, però credo che le ragioni ci siano, non credo che ad un impiegato importi se Linux non fa girare gli ultimissimi mega super iper giochini 3d con le OpenGl oppure se non c'è Photoshop. Un impiegato può usare benissimo OpenOffice (che tra l'altro c'è anche per Windows, ed è identico a MSOffice, almeno nelle sue funzioni di uso comune, che sono quelle usate dal 99.9 % della gente) per fare i suoi certificati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....
        - Scritto da: Ncipp
        il problema e' che le alternative non sono
        migliori in assoluto, ma solo sotto
        determinati aspetti:

        per esempio linux e' superiore per quanto
        riguarda sicurezza e stabilita', ma e'
        inferiore per prestazioni, versatilita' Prestazioni!!!!!!Ma lo sai che o.s. usano al CERN, NASA, etc.?, Sai quali sono i server che virtualizza un mainframe IBM al centro di controllo del Pentagono e anche a quello delle armi nucl.; come per tutti i paesi sviluppati?Bè sono server UNIX, e guarda caso tra essi compare anche Linux, come i BSD e quelli closed.Per le prestazioni vatti ad informare al CERN ed alla NASA, dove utilizzano Linux prevalentemente proprio grazie alla sua versabilità, e FreeBSD.Ma sempre sul piano delle prestazioni: hai mai visto le prestazioni di windows in un calcolo parallelo cioè in un cluster dedicato al calcolo parallelo? NO, semplicemente perchè non ci sono, o meglio quei pochi cluster in parallelo fanno giochetti se confrontati con quelli del CERN, o della NASA che fanno calcoli di QCD, QED.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....
        - Scritto da: Ncipp
        il problema e' che le alternative non sono
        migliori in assoluto, ma solo sotto
        determinati aspetti:

        per esempio linux e' superiore per quanto
        riguarda sicurezza e stabilita', ma e'
        inferiore per prestazioni, versatilita' ed
        usabilityPer la usability passi, ma per prestazioni e versatilità non sai di che parli...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non antidemocratico forse....

      Sicuramente si tratta di una ditta estera
      con un completo monopolio, e questo mi basta
      per sentirmi in dovere di evitarla, tanto
      più che le alternative sono indubbiamente
      migliori. Stop.you missed the point!se (tu) pensassi veramente che i monopoli sono da evitare, in italia non dovresti mangiare carne(tutta monopolizzata da un unico fornitore),non dovresti bere latte (quasi tutto parmalat), mangiare merendine e cioccolate (quasi tutto nestle'), non dovresti guardare TV private (oltre a mediaset cosa c'e'?)....e peggio, non dovresti neanche telefonare, ne' collegarti ad internet.quindi...Avrei preferito che il bundestag avesse detto : "scegliamo prodotti open source perche' qualitativamente migliori" o perche' "la loro gratuita' riduce i costi di gestione".saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....
        - Scritto da: maks


        Sicuramente si tratta di una ditta estera

        con un completo monopolio, e questo mi
        basta

        per sentirmi in dovere di evitarla, tanto

        più che le alternative sono indubbiamente

        migliori. Stop.

        you missed the point!
        se (tu) pensassi veramente che i monopoli
        sono da evitare, in italia non dovresti
        mangiare carne
        (tutta monopolizzata da un unico fornitore),mah... il mio macellaio non credo sia rappresentante di un unico fornitore... e in fondo la carne posso comperarla dove voglio, dove trovo miglior qualita' e/o miglior prezzo.
        non dovresti bere latte (quasi tutto
        parmalat)mah... questo e' tutto da dimostrare... ala zignago conosci ? granarolo conosci ?
        mangiare merendine e cioccolate
        (quasi tutto nestle')novi (che tra l'altro e' piu' buona) oppure da produzione equo e solidale... ne ho assaggiato un pezzo e devo dire che tra quello e le marmellatine miele e mirtilli non sapevo quale fossero meglio.
        , non dovresti guardare
        TV private (oltre a mediaset cosa c'e'?)la7, infatti guardo praticamente solo quella, principalmente perche' e' l'unica che trasmetta qualcosa di meno indecente degli altri... della de filippi, amadeus, il grande fratello e quell'altro toscano la' che dice sempre cazzo ne ho le palle piene... mi viene il voltastomaco. L'unico che si salva e' il grandissimo gerry scotty e striscia la notizia. Non parlamo dei film: sono sempre dannatamente gli stessi (tipo: codice d'onore.. quante cazzo di volte l'hanno trasmesso?), oppure sono roba roba venduta a quintali, tipicamente trasmessa su raidue.
        e peggio, non dovresti neanche telefonare,eh caro... se qualcuno si desse una mossa ai piani alti questo problema si risolverebbe. Per quanto riguarda il mobile, piu' o meno scelta ce n'e', e difatti appena capita sbologno omnitel e passo a wind.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non antidemocratico forse....
          Hem, c'e' solo un problema:Wind e' di proprieta' di infostrada, omnitel pure ( infostrada - vodaphone )ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non antidemocratico forse....
            - Scritto da: ulla
            Hem, c'e' solo un problema:

            Wind e' di proprieta' di infostrada, E' il contrario: Infostrada è di WInd
            omnitel
            pure ( infostrada - vodaphone )e Omnitel è di Vodaphone
          • Anonimo scrive:
            Re: Non antidemocratico forse....
            - Scritto da: ulla
            Hem, c'e' solo un problema:

            Wind e' di proprieta' di infostrada, omnitel
            pure ( infostrada - vodaphone )

            ciao.Infostrada e' di proprieta' di WindOmnitel e' di proprieta' di VodafoneIn sostanza l'unico monopolista del discorso e' ENEL che non ha niente a che vedere con gli inglesi di Vodafone.Questo a meno che io non mi trovo in una diabolica realta' parallela dove nestle' ha comprato la ferrero e ENEL ha inglobato vodafone....................................
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....
        - Scritto da: maks

        se (tu) pensassi veramente che i monopoli
        sono da evitare, in italia non dovresti
        mangiare carne
        (tutta monopolizzata da un unico fornitore),ME ne risultano almeno 2 grandi
        non dovresti bere latte (quasi tutto
        parmalat),che????? Hai idea di quanti produttori ci siano in ITalia????
        mangiare merendine e cioccolate
        (quasi tutto nestle'),ROTFL!!!!!Ferrero? Barilla?Novi?E senza contare i piccoli produttori!!!
        non dovresti guardare
        TV private (oltre a mediaset cosa c'e'?)....altre 3 reti nazionali (2 TMC e 1 di Peruzzo) e svariate locali.
        Avrei preferito che il bundestag avesse
        detto :
        "scegliamo prodotti open source perche'
        qualitativamente migliori" o perche' "la
        loro gratuita' riduce i costi di gestione".BEh, questo si
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....
        Non è stata scelto ancora niente; solo che i prodotti open source si trovano in questa fase favoriti rispetto a quelli closed cioè a quelli M$.Tra le motivazioni che hanno indotto parlamentari di spicco e grandi personaggi tedeschi a firmare la petizione open source, vi sono anche i motivi da te elencati, tra cui il basso costo.Sono riportati nella petizione le motivazioni che hanno indotto queste persone a firmare, e sono le motivazioni per scegliere l'open source.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....

        non dovresti bere latte (quasi tutto
        parmalat),Io ad esempio non bevo Arborea, ma una marca della mia regione. Qui in Sadegna chi beve Parmalat può essere considerato una minoranza. E poi, non c'è anche Granarolo?
        mangiare merendine e cioccolate
        (quasi tutto nestle'),Ehhh, e Kinder, e Mulino Bianco, e Cameo (per le cioccolate)? Non direi proprio che la Nestlè abbia il monopolio
        non dovresti guardare TV
        private (oltre a mediaset cosa c'e'?)....In questo caso c'è concorrenza fra TV privata e TV pubblica, mica si guarda solo Mediaset, quindi non vi è monopolio.
        e peggio, non dovresti neanche telefonare, ne'
        collegarti ad internet.Un tempo qui il monopolio c'era, ma ora non più, e lo sappiamo bene tutti; fra poco non dovremo nemmeno più pagare il canone!
        quindi...
        Avrei preferito che il bundestag avesse detto :
        "scegliamo prodotti open source perche'
        qualitativamente migliori" o perche' "la loro
        gratuita' riduce i costi di gestione".
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....
        Queste sono ovvietà. Io personalmente è qualche anno che seguo una linea particolare dal punto di vista dei consumi: il "consumo critico". Convinzioni personali a parte, si vive come gli altri e non si tira a campare, le merendine non Nestlè si mangiano lo stesso, la carne non si mangia molto... ma per altri motivi.Ciao! :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....
        - Scritto da: maks


        Sicuramente si tratta di una ditta estera

        con un completo monopolio, e questo mi
        basta

        per sentirmi in dovere di evitarla, tanto

        più che le alternative sono indubbiamente

        migliori. Stop.

        you missed the point!
        se (tu) pensassi veramente che i monopoli
        sono da evitare, in italia non dovresti
        mangiare carne
        (tutta monopolizzata da un unico fornitore),il nome?
        non dovresti bere latte (quasi tutto
        parmalat), balle. Fammi vedere i NUMERI
        mangiare merendine e cioccolate
        (quasi tutto nestle'), balle. Fammi vedere i numeri
        non dovresti guardare
        TV private (oltre a mediaset cosa c'e'?)....una sfilza di reti. Te ne devo fare l'elenco?
        e peggio, non dovresti neanche telefonare,balle. Ci sono moltissimi gestori di telefonia fissa e mobile
        ne' collegarti ad internet.idem. Sei senza scampo. Ti metti in castigo da te
        quindi...quindi fai la solita difesa d'ufficio a vuoto del monopolio microsoft, che non aveva biosogno di un pessimo avvocato. Neanche i migliori hanno salvato ZioBill dalla caduta
        Avrei preferito che il bundestag avesse
        detto :
        "scegliamo prodotti open source perche'
        qualitativamente migliori" o perche' "la
        loro gratuita' riduce i costi di gestione".A te dispiace (per motivi tuoi) che un'istituzione cerchi di difendere un mercato (ormai sotto gli stivali del monopolizzatore), scegliendo prodotti di pari funzionalità e costo minore.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non antidemocratico forse....
      - Scritto da: aS
      Sicuramente si tratta di una ditta estera
      con un completo monopolio, e questo mi basta
      per sentirmi in dovere di evitarla, tanto
      più che le alternative sono indubbiamente
      migliori. Stop.Effettivamente SuSe e StarOffice sono entrambe aziende germaniche (ma in effetti non so se la stardivision e' ancora responsabile di staroffice....)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non antidemocratico forse....
        - Scritto da: Dixie


        - Scritto da: aS

        Sicuramente si tratta di una ditta estera

        con un completo monopolio, e questo mi
        basta

        per sentirmi in dovere di evitarla, tanto

        più che le alternative sono indubbiamente

        migliori. Stop.

        Effettivamente SuSe e StarOffice sono
        entrambe aziende germaniche (ma in effetti
        non so se la stardivision e' ancora
        responsabile di staroffice....)Ma non era stata acquistata da Sun (che in effetti ora segue Staroffice) ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Non antidemocratico forse....
          - Scritto da: TeX

          Ma non era stata acquistata da Sun (che in
          effetti ora segue Staroffice) ?Si pero' (almeno inizialmente) avevano detto che lo sviluppo continuava ad essere fatto in Germania, non so la situazione attuale quale sia...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non antidemocratico forse.... ????
      Invece ci sono dei seri problemi di democrazia.Affidare totalmente o prevalentemente il funzionamento informatico della macchina statale ad una unica ditta, per di più straniera, vuol dire dare ad essa un forte potere. Senza contareil fatto che spesso le ditte USA inseriscononei programmi la possibilità di accesso per forze dell'ordine USA . Siete favorevoli che la CIAo L'FBI possa leggere i documenti riservatidel vostro parlamento?Se non ricordo male c'è stata un'interrogazione del genere al parlamento svedese qualche anno fa.Inoltre non è vero che i sistemi pubblici hanno bisogno di meno sicurezza: considerate i dati chehanno Su di voi
Chiudi i commenti