Wireless/ Nokia: WAP e i-Mode presto sposi

Nokia ha annunciato che presenterà un nuovo modello di telefono cellulare compatibile con i due maggiori standard dell'Internet wireless, WAP e i-Mode. I due standard sembrano infatti destinati a procedere paralleli


Nokia scuote il mondo del wireless: tra i 2 standard per l’accesso ad internet, WAP e i-Mode, perché non scegliere entrambi? Ovvero perché non creare un browser in grado di supportare entrambi i formati? Ebbene Nokia presenterà il suo primo modello prima della fine dell’anno, parola di Anssi Vanjoki, CEO di Nokia Europe. Non è escluso che qualche prototipo spunti fuori al CeBit di Hannover di fine mese.

Il problema è quanto mai sentito: il Wap è diffuso in Europa, Asia e America; i-Mode è utilizzato solo in Giappone da NTT DoCoMo ma il numero di utenti iscritti è elevatissimo (proprio in questi giorni sono stati superati i 20 milioni di iscritti). Molti i portali che hanno dovuto prevedere una doppia versione per i loro contenuti. NTT DoCoMo sta stringendo accordi con diversi partner per esportare la sua tecnologia anche in Europa (in Italia con Tim da Settembre 2001), oltre che con diversi portali per la gestione dei contenuti. L’ultimo in ordine di tempo è Google, che ha sviluppato una tecnologia capace di convertire automaticamente pagine Web tradizionali nel formato cHTML adottato da i-Mode, estendendo così enormemente il numero di informazioni accessibili online rispetto al passato.

Il numero di iscritti fornito da NTT DoCoMo non è preciso, falsato dalla politica di iscrizione adottata in Giappone. I rivenditori guadagnano una percentuale se effettuano una iscrizione al servizio (fruibile dall’utente tramite il pagamento di un canone mensile): a meno di non richiedere esplicitamente la non adesione, al momento dell’acquisto di una SIM-Card ci si trova iscritti anche al servizio i-Mode.

A dirla tutta esistono altre tecnologie per il wireless Internet, proprio in Giappone. Lo standard EZweb (adottato da KDDI/AU e da Tu-ka) ha 5.600.000 utenti, Jlo standard J-Sky (di J-Phone) ha 5.010.000 utenti. Un tabella riassuntiva dei diversi standard e delle loro caratteristiche si può visionare in quest’articolo .

Enzo Dell’Aquila

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    e-mafia

    La leggerezza e la compatibilità delle pagine
    Web create non sono le uniche soluzioni che
    devono essere seguite per aumentare i propri
    visitatoriSecondo me bastano1- contenuti originali2- conoscenze tecniche minime, qualche amico che gestice la directory giusta.3- non stare sulle palle alla mafia dei vari directory del web o ti listano in un posto dove non passa mai nessuno, e per non fari insospettire ti listano in un'altro posto dove non passa nessuno.Io isegnerei anche techine di e-mafia a sto punto.ciao. e aguri
    • Anonimo scrive:
      Re: e-mafia
      ma che vor dì???- Scritto da: il mio sito non lo segnalo ma lo inseriscono cmq

      La leggerezza e la compatibilità delle
      pagine
      Web create non sono le uniche
      soluzioni che
      devono essere seguite per
      aumentare i propri
      visitatori

      Secondo me bastano
      1- contenuti originali
      2- conoscenze tecniche minime, qualche amico
      che gestice la directory giusta.
      3- non stare sulle palle alla mafia dei vari
      directory del web o ti listano in un posto
      dove non passa mai nessuno, e per non fari
      insospettire ti listano in un'altro posto
      dove non passa nessuno.

      Io isegnerei anche techine di e-mafia a sto
      punto.

      ciao. e aguri
    • Anonimo scrive:
      Re: e-mafia
      - Scritto da: il mio sito non lo segnalo ma lo inseriscono cmqDavvero, mi sembra che l'intervento sia stato dettato da qualche amara delusione...Tralasciando la forma un tantino sgangherata, la sostanza resta però che il lettore, forse per fretta, non ha inteso il messaggio del lungo articolo, denso di consigli volti appunto a scongiurare fallimenti e delusioni.Vediamo, con calma, di capire:1- contenuti originali: bhé, con parecchi milioni di pages presenti nel web, scovare un contenuto originale diventa ogni giorno più difficile; è stato detto quasi tutto ed il contrario di tutto, ed è stato presentato in quasi tutti i modi possibili... Così, bisogna giocare su quei quasi la carta di dire qualcosa un po' nuovo, in un modo un po' diverso da chi ci ha preceduto. Non è molto facile, ormai: forse sta diventando di nuovo profiquo mettere su un buon dito, comprensibile e ricco di interattività.2- la directory giusta: qui, veramente, mi pare che il nostro amico sia incorso in un grosso equivoco. Le directory non sono delle vetrine, sono soltanto delle suddivisioni logiche, utili per mantenere dei contenuti in un ordine immediatamente riconoscibile, tanto più necessarie quando questi contenuti sono virtuali: perchè un contenuto virtuale, tutto sommato, è più direttamente raggiungibile di un contenuto materiale, che richiede un approccio molto più complesso di un semplice clik. Naturalmente, se si tratta di ospitare una singola page personale, la scelta della sua giusta locazione può in parte influire sulla sua visibilità. Ma quel che conta ancora davvero è il passaparola, che porta molti visitatori ad una page interessante: una page provocatoria o divertente ha proprio questo effetto, come una page costantemente aggiornata.3- la e-mafia... quella è una faccenda troppo seria per trattarla in un discorso che vuole essere solo tecnico. NON esiste una "tecnica e-mafia" valida in ogni tempo ed in ogni circostanza, e credo che l'estensore lo sappia, se chiede che gli si insegni come fronteggiarla.Ma il fatto è che la mafia non c'entra: per ottenere visibilità, occorre innanzi tutto che la vista sia gradita in qualche modo, affascinante per bellezza, equilibrio, fruibilità, contenuti, e tante altre cose nelle quali la tecnica entra ben poco.La tecnica si impara, il talento no; ed un sito di ottima fattura, ma con contenuti scadenti, piatti, e sempre uguali, un sito "istantanea", può catturare l'attenzione solo per il tempo necessario a vederlo una sola volta, per poi non tornarci più.Quindi, ragazzo, cresci, e datti da fare: la forza ce l'hai, piega la tua mente ad inventare qualcosa di meglio di quanto hanno fatto gli altri prima di te, ed avrai tutte le soddisfazioni che saprai meritarti.
Chiudi i commenti