Wozniak: iPad è un tablet per l'uomo della strada

Secondo Steve, co-fondatore Apple, e secondo pure Consumer Reports, rappresenta al momento il miglior compromesso per l'uomo medio. La concorrenza deve rincorrere, dicono i numeri

Roma – iPad 2 ha un target ben preciso : le persone comuni. Non sono gli ingegneri i suoi destinatari, bensì il consumatore medio .

È Steve Wozniak a dirlo nel corso di un keynote durante lo Storage Networking World , keynote durante il quale è apparso molto disponibile a rispondere a domande su Apple.

Di particolare interesse per gli osservatori, naturalmente, l’ultimo nato in casa Cupertino, quell’iPad 2 per cui il co-fondatore di Apple ha speso parole di fiducia: “Penso che Steve Jobs abbia avuto fin dalle origini di Apple l’intenzione di costruire un dispositivo indirizzato alla gente comune”.

D’altronde, a un anno dal suo esordio, il primo in ordine di tempo tra i tablet di questa generazione ad arrivare sul mercato resta dominatore incontrastato del neonato settore che, secondo alcune stime , crescerà fino a rappresentare un mercato da 50 milioni di unità vendute, il 70-80 per cento delle quali destinate a rimanere appannaggio di Apple .

Né i dispositivi Android arrivati ed annunciati, né quelli anticipati RIM hanno intaccato i circa 15 milioni di iPad venduti prima dell’esordio della seconda generazione che, o per il numero di applicazioni disponibili, o per il prezzo che resta altamente competitivo, rimane un osso molto duro per la concorrenza.

Con la nuova generazione, in particolare, Apple è riuscita a mantenere gli stessi prezzi della prima migliorandone le caratteristiche e le performance : Consumer Reports lo ha per esempio approvato e premiato con voti migliori rispetto alla concorrenza .

Lo stesso sito indirizzato alle scelte oculate dei consumatori aveva in precedenza “non raccomandato” iPhone 4 a causa dell’ impugnatura mortale , e ora raccomanda anche il concorrente di iPad Motorola Xoom.

CR ha anche bocciato sonoramente tutti i modelli dei concorrenti meno costosi di 300 dollari, senza appello, definiti “al massimo mediocri”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Valore effettivo di un brano: 60 milioni
    Di bit, da pagare sull'unghia :pVediamo: un mp3 buona qualità a diciamo 320 kbps, 3 minuti in media, fanno 58982400 bit, per 30 brani fanno 176947200 bit, circa 210 mega. Spese di spedizione del CD a carico del condannato :p
  • bubba scrive:
    direi che dice tutto
    era un post a commento dell'articolo originale, e direi che riassume egregiamente a che penoso livello siamo anche (e sopratutto) negli USA :The real question is whether the Obama Administration and Congress are representing the people of the United States, or just the RIAAs clients. The answer appears to be the latter, as usual. As another poster pointed out, if you can watch movies for $9/mo from NetFlix or subscribe to Rhapsody for $12/mo (somethings funny there, eh?) then how can sharing a song cost anyone $22,500? Essentially, the music/movie industry has the government in its pocket.
    • Ghostdog scrive:
      Re: direi che dice tutto
      che tra l'altro , finchè agiranno così la pirateria tramite P2P , sarà pienamente giustificata a livello morale
  • deactive scrive:
    22500 euro a brano
    quelli da denunciare sarebbero proprio loro per truffa.Non vedo l'ora che si estingua questa gentaglia.
    • pippO scrive:
      Re: 22500 euro a brano
      - Scritto da: deactive
      quelli da denunciare sarebbero proprio loro per
      truffa.Mai sentito parlare di multe?
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: 22500 euro a brano

        Mai sentito parlare di multe?Mai sentito parlare di estorsioni?
      • Valeren scrive:
        Re: 22500 euro a brano
        Siamo un filo oltre il concetto di multa, qui.Si parla di ripianare il debito pubblico a colpi di mp3 scaricati?
        • pippO scrive:
          Re: 22500 euro a brano
          - Scritto da: Valeren
          Siamo un filo oltre il concetto di multa, qui.
          Si parla di ripianare il debito pubblico a colpi
          di mp3
          scaricati?Beh, per il nostro, temo che siano noccioline :(
          • Sgabbio scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            Shhh zitto che magari prendono spunto :|
          • pippO scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: Sgabbio
            Shhh zitto che magari prendono spunto :|Mi tocca darti ragione ;)
      • deactive scrive:
        Re: 22500 euro a brano
        si ma tu la multa piu' alta che hai pagato si aggirava sui 22000 iuri ?Una multa dovrebbe "redarguire" una persona sulla sua condotta.In questo modo invece si rovina soltanto il futuro di un ragazzo, tanto 600000 euro per quelle lobbies sono noccioline.Cio' che vale e' l'avvertimento, il monito che loro intendono dare.30 euro a brano mi sembra anche troppo generoso.
        • pippO scrive:
          Re: 22500 euro a brano
          - Scritto da: deactive
          si ma tu la multa piu' alta che hai pagato si
          aggirava sui 22000 iuri
          ?NON guadagno così tanto :'(
          Cio' che vale e' l'avvertimento, il monito che
          loro intendono
          dare.Esatto, se lo fai, e ti becchiamo sono beep tuoi...
          30 euro a brano mi sembra anche troppo generoso.Concordo
          • krane scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: pippO

            30 euro a brano mi sembra anche

            troppo generoso.
            ConcordoPerche' e per chi ?Dove sta la dimostrazione che hanno avuto mancati guadagni per quella cifra e chi controlla che non stiano semplicemente tentando una truffa ai danni del contribuente ?
          • deactive scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            assolutamente d'accordo che non sia giusta in ogni caso. Ma di fronte all'inevitabile sconfitta e' meglio pagare 30 euro a brano che 22500
          • pippO scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: pippO



            30 euro a brano mi sembra anche


            troppo generoso.


            Concordo

            Perche' e per chi ?Se prendo il pane al supermercato lo pago un euro, se salto la cassa zero, se mi prendono, moooolto più di un euro, quindi?
          • krane scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: pippO



            30 euro a brano mi sembra anche



            troppo generoso.


            Concordo

            Perche' e per chi ?
            Se prendo il pane al supermercato lo pago un
            euro, se salto la cassa zero, se mi prendono,
            moooolto più di un euro, quindi?No: il commerciante a cui hai sottratto il pane viene rimborsato esclusivamente per il costo della cosa da te sottratta, non si puo' inventare che "siccome hai rubato il pane allora mi devi rimborsare perche' regalandono appena uscito non hai fatto affluire gente al ristorante interno tutto il giorno".
          • gips scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            giusto... se ti prendono a rubare 1kg di pane paghi in denaro contante il valore del pane stesso E BASTA. un altro discorso è come poi legalmente sarai punito: con un ammenda (che comunaue finisce allo stato e non al negoziante) o con la galera.
      • Talking Head scrive:
        Re: 22500 euro a brano
        Che confusione, che tristezza. Vedere un cittadino tanto confuso sulla legge difendere una multinazionale che vuole rovinare un ragazzo, mi fa capire il livello di indottrinamento che riescono a raggiungere i media.La multa è pagata allo stato, e ha valore di deterrente.Completamente diversa la causa civile, in cui io ti ripago del danno fatto.Se io vado veloce in macchina, e ti prendo, ti pago esattamente i danni che ti ho causato. Non un euro di più. Non c'è il "visto che andavi veloce, per punizione mi paghi di più".L'eventuale multa per ecXXXXX di velocità l'emette lo stato, previa apposita legge, e i soldi vanno allo stato. Questa causa è invece civile, si sta discutendo il danno. Le case discografiche stanno provando a dire che la condivisione dei brani da parte del ragazzo ha portato mancati guadagni per 22k$ a brano. Danni diretti. Le multe non c'entrano davvero niente.Su un'eventuale multa, nessuno avrebbe da ridire. Ma il valore della multa è deciso per legge, non da una giuria, ed è quindi noto. Se vado veloce in macchina, so che posso ricevere una sanzione di 350. E' quindi una mia scelta informata andare veloce o meno. Voglio vedere quale parlamento metterebbe una multa di mezzo milione di $ per condivisione di mp3. Ma sarebbe comunque più giusto, piuttosto che provare a truccare un proXXXXX civile per rovinare la vita a un ragazzo scelto a caso.
        • pippO scrive:
          Re: 22500 euro a brano
          - Scritto da: Talking Head
          La multa è pagata allo stato, e ha valore di
          deterrente.
          Completamente diversa la causa civile, in cui io
          ti ripago del danno
          fatto.E lo stesso concetto di deterrente, non può usarlo, come in questo caso anche il privato?

          Se io vado veloce in macchina, e ti prendo, ti
          pago esattamente i danni che ti ho causato. Non
          un euro di più. Non c'è il "visto che andavi
          veloce, per punizione mi paghi di
          più".
          L'eventuale multa per ecXXXXX di velocità
          l'emette lo stato, previa apposita legge, e i
          soldi vanno allo stato.E se fosse una clausola nella tua assicurazione (privata) che non paga i danni se andavi troppo veloce?Non sarebbe un'altro OTTIMO deterrente?
          Ma sarebbe comunque più giusto, piuttosto che
          provare a truccare un proXXXXX civile per
          rovinare la vita a un ragazzo scelto a
          caso.Preferisci continuare a pagare l'iniquo compenso, così che i "poveri" ragazzi possano scaricare a sbafo?
          • Talking Head scrive:
            Re: 22500 euro a brano

            E lo stesso concetto di deterrente, non può usarlo, come in questo caso
            anche il privato?Incredibile... desiderio di essere calpestati.Ovviamente NO, i privati non possono applicare multe. Non sono stati, non fanno leggi. Se qualcosa è illegale, lo decidono i cittadini di una nazione, o i loro rappresentanti, non le multinazionali.I privati hanno diritto a vedersi risarciti i danni che subiscono. Sia se i privati sono ricchi, sia se sono poveri, se subiscono un danno hanno diritto a quel danno. Non possono decidere punizioni per altri privati. Né può deciderlo una giuria, in un proXXXXX civile. Il proXXXXX civile serve solo a appianare i danni, non a mandare messaggi.Infatti la RIAA non ha mai detto che sia un deterrente, ha sostenuto che QUELLO è il danno. Quello. Mezzo milione di dollari a utente di P2P. Per un totale, visti i 30M di utenti di P2P in America in quell'anno, pari a 15.000.000.000.000$. Poco più del PIL degli stati uniti.La cosa incredibile comunque, non è che loro lo chiedano o che una giuria gli dia ragione. Quello che è incredibile è che di fronte alla cosa, vi sono cittadini che si schierano a prescindere dalla parte di una multinazionale che rovina la vita a un ragazzo a caso, trasfigurando l'essere o meno a favore della pirateria nell'essere o meno a favore dei mezzi usati.A prescindere dal tuo essere a favore o contro la pirateria, non penso che tu la consideri peggiore dello stupro, giusto? Un ragazzo che stupra una donna, incensurato, potrà realisticamente continuare la sua vita liberamente, dopo al massimo un anno di carcere e tre di condizionale. Un ragazzo a cui chiedono mezzo milione di $ di danno, ha finito la sua vita.Il tutto per un danno che molti studi non riescono a dimostrare che esista. Da dividere poi per i 30M di utenti.
            Preferisci continuare a pagare l'iniquo compenso, così che i
            "poveri" ragazzi possano scaricare a sbafo?Trovo entrambe le cose irragionevoli, ma sicuramente tra le due trovo più ragionevole far pagare 1 euro a mezzo milione di persone, piuttosto che mezzo milione di euro a una persona a caso.
          • pippO scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: Talking Head
            A prescindere dal tuo essere a favore o contro la
            pirateria, non penso che tu la consideri peggiore
            dello stupro, giusto?NO qui state ammazzando la musica, è un crimine contro l'umanità!!! ;)
          • krane scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: Talking Head

            A prescindere dal tuo essere a favore o

            contro la pirateria, non penso che tu la

            consideri peggiore dello stupro, giusto?
            NO qui state ammazzando la musica, è un crimine
            contro l'umanità!!!
            ;)Provaci che la quantita' di musica prodotta e' diminuita negli ultimi 30 anni.
          • gips scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            io posso provare che la QUALITA' della musica è diminuita negli ultimi 30 anni...
          • Sky scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            La musica non è il pane (evitare, per cortesia, tristissimi riferimenti ad un eventuale "pane dell'anima", soprattutto su certi generi musicali... -__-") e nessuno è obbligato a "consumarla": si fanno lavorare le "leggi di mercato", tu produci me..a -
            io non la compro -
            tu smetti di produrre me..a.Ovviamente anche lamentarsi e poi scaricarla rende l'azione delle leggi di mercato perfettamente inutile in quanto tutto il proXXXXX viene inquinato da questo comportamento anomalo (AKA le multinazionali della musica, che magari vendono meno, ritengono comunque che, se la pirateria fosse abbattuta, venderebbero di più proprio in quanto c'è comunque un enorme flusso di "scarico", segno che la domanda c'è).Poi concordo che l'associazione tra "flusso di scarico" e "vendite" (e/o vendite mancate) sia tutta da dimostrare ma, potenzialmente, c'è.
          • Talking Head scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: gips
            io posso provare che la QUALITA' della musica è
            diminuita negli ultimi 30
            anni...Sei anche in grado di dimostrare che la qualità della musica è peggiorata maggiormente dal 2000 in poi (nascita del P2P) piuttosto che dal 1970 al 1999?Perché io sono anche in grado di dimostrarti che il GDP mondiale è sceso dal 2008 a oggi. E potrei ad esempio dire che da quando la Spagna ha vinto l'Europeo, l'economia è andata peggiorando. Il fatto che ci siano due eventi, non significa che vi sia una correlazione causale tra i due.
          • gips scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            guarda che non sto mica addossando la colpa della scarsità della musica odierna al p2p... eh!mi scuso se il mio post ti ha fatto pensare a questo, ma non è cosi.La qualità della musica è decaduta per altri fattori.
          • panda rossa scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: Talking Head
            Sei anche in grado di dimostrare che la qualità
            della musica è peggiorata maggiormente dal 2000
            in poi (nascita del P2P) piuttosto che dal 1970
            al
            1999?Non e' difficile:basta prendere un esempio a caso, i Beatles, che messi su iTunes ancora vendono.Prova un po' a vedere quanti comprano su iTunes le Las Ketchup oggi.
          • krane scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Talking Head

            Sei anche in grado di dimostrare che la qualità

            della musica è peggiorata maggiormente dal 2000

            in poi (nascita del P2P) piuttosto che dal 1970

            al 1999?
            Non e' difficile:
            basta prendere un esempio a caso, i Beatles, che
            messi su iTunes ancora vendono.
            Prova un po' a vedere quanti comprano su iTunes
            le Las Ketchup oggi.E quindi ??? Vuoi l'elenco di microgruppi degli anni 70 svaniti senza lasciare traccia ?
          • panda rossa scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Talking Head



            Sei anche in grado di dimostrare che la
            qualità


            della musica è peggiorata maggiormente dal
            2000


            in poi (nascita del P2P) piuttosto che dal
            1970


            al 1999?


            Non e' difficile:

            basta prendere un esempio a caso, i Beatles, che

            messi su iTunes ancora vendono.

            Prova un po' a vedere quanti comprano su iTunes

            le Las Ketchup oggi.

            E quindi ??? Vuoi l'elenco di microgruppi degli
            anni 70 svaniti senza lasciare traccia
            ?Facciamo il contrario, portami dei gruppi dei primi anni 2000 che hanno lasciato traccia.
          • krane scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: Talking Head



            Sei anche in grado di dimostrare che



            la qualità della musica è peggiorata



            maggiormente dal 2000 in poi (nascita



            del P2P) piuttosto che dal 1970 al



            1999?


            Non e' difficile:


            basta prendere un esempio a caso, i Beatles,


            che messi su iTunes ancora vendono.


            Prova un po' a vedere quanti comprano su


            iTunes le Las Ketchup oggi.

            E quindi ??? Vuoi l'elenco di microgruppi

            degli anni 70 svaniti senza lasciare

            traccia ?
            Facciamo il contrario, portami dei gruppi dei
            primi anni 2000 che hanno lasciato traccia.Prendo la Delorean, faccio un giro a vedere e ti dico...
          • pippO scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: panda rossa

            Facciamo il contrario, portami dei gruppi dei

            primi anni 2000 che hanno lasciato traccia.

            Prendo la Delorean, faccio un giro a vedere e ti
            dico...(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • krane scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: gips
            io posso provare che la QUALITA' della
            musica è diminuita negli ultimi 30
            anni...Avanti, provacelo ad li la' di ogni dubbio...
          • gips scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            ci provo con un argomentazione lampo:eeeeeeeeh gia.ho concluso.:)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            E allora ascolta la musica di 30 anni fa, che problema c'è? È ancora lì, a tua disposizione.Occhio: se paghi per tale musica, finanzierai la produzione di altra musica fatta adesso, e quindi di qualità scadente. Perciò, non è una buona idea pagare. Usa youtube.
          • prot scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            Talking Head, se partiamo dal presupposto che la casa discografica "danneggiata" è un privato e non rappresenta lo stato, se le concediamo di pretendere cifre arbitrariamente esorbitanti per un presunto danno subito allora io mi chiedo: ho acquistato un supporto contenente un qualche contenuto protetto da diritti d'autore, copyright, siae eccetera; il fruire di tale contenuto mi ha disgustato a tal punto che mi son sentito male per mezza giornata. Io valuto molto il mio tempo, quindi posso chiedere un risarcimento per danni di trentacinquemila milioni di euri a chi ha prodotto, pubblicizzato e distribuito quella cagata? In fondo lo posso decidere arbitrariamente come fanno loro che una giornata del mio disgusto costa settantamila milioni. O no?
          • pippO scrive:
            Re: 22500 euro a brano
            - Scritto da: prot
            Talking Head, se partiamo dal presupposto che la
            casa discografica "danneggiata" è un privato e
            non rappresenta lo stato, se le concediamo di
            pretendere cifre arbitrariamente esorbitanti per
            un presunto danno subito allora io mi chiedo: ho
            acquistato un supporto contenente un qualche
            contenuto protetto da diritti d'autore,
            copyright, siae eccetera; il fruire di tale
            contenuto mi ha disgustato a tal punto che mi son
            sentito male per mezza giornata. Io valuto molto
            il mio tempo, quindi posso chiedere un
            risarcimento per danni di trentacinquemila
            milioni di euri a chi ha prodotto, pubblicizzato
            e distribuito quella cagata? In fondo lo posso
            decidere arbitrariamente come fanno loro che una
            giornata del mio disgusto costa settantamila
            milioni. O
            no?Esatto, e se il giudice ti da ragione PAGANO loro!Prova ;)
      • dfghdhdfghg df scrive:
        Re: 22500 euro a brano
        - Scritto da: pippO
        - Scritto da: deactive

        quelli da denunciare sarebbero proprio loro per

        truffa.
        Mai sentito parlare di multe?si ma non è questo il caso, non si parla di una multa o sanzione amministrativa che sia, ma di una richiesta di risarcimento di _presunti_ danni in una causa civile; il problema è che devi prima dimostrare di essere statro effettivamente danneggiato, il che in questo caso significa dimostrare che tutti quelli che hanno scaricato i brani, non potendolo fare li avrebbero acquistati
      • Sgabbio scrive:
        Re: 22500 euro a brano
        Non mi sembra che se passi con il rosso, ti diano cifrone che non puoi pagare nemmeno tra 50 generazioni.
        • pippO scrive:
          Re: 22500 euro a brano
          - Scritto da: Sgabbio
          Non mi sembra che se passi con il rosso, ti diano
          cifrone che non puoi pagare nemmeno tra 50
          generazioni.Per quello basta il camion che sta passando col verde...Selezione naturale all'opera :D
    • ruppolo scrive:
      Re: 22500 euro a brano
      - Scritto da: deactive
      quelli da denunciare sarebbero proprio loro per
      truffa.
      Non vedo l'ora che si estingua questa gentaglia.Chi scarica col p2p è della stessa pasta.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: 22500 euro a brano

        Chi scarica col p2p è della stessa pasta.Basta scaricare con rapidshare...
      • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
        Re: 22500 euro a brano

        Chi scarica col p2p è della stessa pasta.Fai tenerezza con i tuoi patetici tentativi di colpevolizzare il file sharing.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Rassegnati, o continuerai a rosicare per nulla...
      • deactive scrive:
        Re: 22500 euro a brano
        ma cosa rantoli a fare che non sai nemmeno cosa dici?dal torrent io ci scarico film indipendenti che in italia non vedranno mai la luce, che non saranno mai doppiati e che ho avuto modo di vedere soltanto quando ero in Asia. Non mi spiego pur ragionando nella tua logica servile e di parte dove stia l'infrazione, dico sul serio.Prefersico infrangere una presunta regola se la ritengo ragionevolmente sbagliata, che dipendere dal volere le delle corporations ( che tanto vivono benissimo cosi', anche senza avere te dalla loro parte).
      • panda rossa scrive:
        Re: 22500 euro a brano
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: deactive

        quelli da denunciare sarebbero proprio loro per

        truffa.

        Non vedo l'ora che si estingua questa gentaglia.

        Chi scarica col p2p è della stessa pasta.Se io scaricassi col p2p un film che non e' in commercio, a che cosa si attaccano per dire che ogni copia scaricata e' una mancata vendita, visto che non e' in vendita?Spiegami, anche con parole tue.
      • Sgabbio scrive:
        Re: 22500 euro a brano
        infatti è noto che il crimine organizato si è infiltrato nei governi di mezzo mondo grazia al p2p.
Chiudi i commenti