WWDC 2015, i contenuti di Apple

In attesa dell'evento annuale dedicato agli sviluppatori, anticipazioni ed aspettative delineano la nuova strategia di Cupertino sul fronte dei contenuti, tra streaming musicale e spartizione degli introiti

Roma – Si aprirà alle 19 italiane a San Francisco la conferenza di Apple dedicata agli sviluppatori, occasione per analizzare le nuove strategie e le novità da attendersi sul fronte della mela morsicata.

Oltre ai probabili annunci su fronte hardware e software, tra iOS 9 e OS X 10.11, passando per Apple Watch ( in attesa dell’esordio italiano il prossimo 26 giugno), sotto i riflettori potrebbe finire la questione delle ripartizioni degli introiti tra sviluppatori e Apple : indiscrezioni riportate da Financial Times preannunciano che Cupertino sarebbe pronta a metter mano alle politiche finora adottate in materia di partnership e prodotti digitali, riscrivendo i termini storici delineati da Steve Jobs all’esordio di iTunes Music Store nel 2003.

La ripartizione degli introiti 70/30 tra produttori di contenuti ed Apple ha permesso a Cupertino di imporsi sul mercato, di fatto segnando le tendenze del settore (la stessa ripartizione è stata adottata da Amazon e Google) e convincendo i detentori dei diritti ad abbracciare il mercato digitale: e solo lo scorso anno Apple riferisce di aver pagato in questo modo solo agli sviluppatori di app oltre 10 miliardi di dollari. Tuttavia l’agguerrita concorrenza, sul fronte app da parte di Android e su quello dei contenuti da parte di sistemi ad abbonamento tipo Spotify hanno convinto anche Apple a lanciarsi nei servizi di streaming eha riorganizzarsi per continuare ad offre quantità e qualità di contenuti: per questo sembra ora stia considerando di diminuire la fetta di introiti rivendicata per sé.

Le novità dovrebbero riguardare inizialmente Newsstand, l’offerta digitale di giornali e magazine, ed in generare gli abbonamenti e gli acquisti in-app, oppure, secondo altre fonti , si dispiegherà su tutti quegli abbonamenti legati ai device con la Mela piuttosto che all’App Store: al centro vi sarebbe insomma inizialmente l’offerta di Apple TV, che al momento in effetti langue dal punto di vista della quantità dell’offerta.

Qualche che sia il passo iniziale, la novità sembra destinata ad essere adottata guardando al prossimo (ed atteso) annuncio (anticipato da Sony) del servizio di abbonamento musicale fondato sull’acquisizione di Beats: proprio questa sembra essere l’altra grande novità destinata a riempire la conferenza di San Francisco.

A proposito di tale servizio e della ripartizione degli introiti, alcune fonti parlano della possibilità che Apple decida di tenere per sé solo il 15 per cento delle entrate generate con il servizio di abbonamento. Un’offerta – secondo Apple – particolarmente allettante per i detentori dei diritti e necessaria a rendere ricca il catalogo del suo nuovo servizio.

La conferenza sarà trasmessa in diretta streaming da Apple a partire dalle 19 italiane e si potrà seguire a mezzo Safari e non solo .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Interessante quello che succede altrove
    Guarda un po' che cosa succede in casa d'altri:http://www.ilpost.it/2015/06/10/reason-commenti-online/Libere idee diffuse a mezzo internet, siccome infastidiscono qualche detentore di potere, vengono immediatamente minacciate di repressione andandosela a prendere, niente meno che con una persona il cui unico torto e' di aver commentato anonimamente.E' sempre piu' chiaro che dietro la vicenda Silk Road ci siano interessi ben piu' grossi di quello che si da' a intendere, vista la sproporzione abnorme tra accadimento e condanna.Poi per forza la gente si lamenta ed esprime dissenso.E il governo non trova risposta migliore che la rivalsa ad personam.Ogni volta che l'opinione pubblica e' total
  • Leguleio scrive:
    Eh sì
    " la giustizia statunitense aveva respinto la richiesta di celebrare un nuovo proXXXXX, ritenendo che le motivazioni addotte dalla difesa di Ulbricht poco avessero a che fare con il giudizio relativo alla sua condotta nella gestione di Silk Road ".Questa frase, che è pure ben scritta, andrebbe messa alla fine di ogni articolo di PI che parla di questioni giudiziarie. Non faccio nomi, perché rischierei di dimenticarne qualcuno. La difesa "ma il poliziotto nell'arrestarmi mi ha slogato una caviglia" funziona solo sui forum. In ambito forense il suo valore é pari a zero.
    • qwerty scrive:
      Re: Eh sì
      - Scritto da: Leguleio
      laOh festeggiato troppo presto :(
    • panda rossa scrive:
      Re: Eh sì
      - Scritto da: Leguleio
      " la giustizia statunitense aveva respinto la
      richiesta di celebrare un nuovo proXXXXX,
      ritenendo che le motivazioni addotte dalla difesa
      di Ulbricht poco avessero a che fare con il
      giudizio relativo alla sua condotta nella
      gestione di Silk
      Road ".

      Questa frase, che è pure ben scritta, andrebbe
      messa alla fine di ogni articolo di PI che parla
      di questioni giudiziarie. Non faccio nomi, perché
      rischierei di dimenticarne qualcuno.

      La difesa "ma il poliziotto nell'arrestarmi mi ha
      slogato una caviglia" funziona solo sui forum. In
      ambito forense il suo valore é pari a
      zero.Quindi sarebbe come dire che se un innocente viene difeso da un incapace avvocato d'ufficio che sbaglia la difesa, e' giusto condannarlo a morte.
      • Leguleio scrive:
        Re: Eh sì


        " <I
        la giustizia statunitense aveva respinto la

        richiesta di celebrare un nuovo proXXXXX,

        ritenendo che le motivazioni addotte dalla
        difesa

        di Ulbricht poco avessero a che fare con il

        giudizio relativo alla sua condotta nella

        gestione di Silk

        Road </I
        ".



        Questa frase, che è pure ben scritta, andrebbe

        messa alla fine di ogni articolo di PI che parla

        di questioni giudiziarie. Non faccio nomi,
        perché

        rischierei di dimenticarne qualcuno.



        La difesa "ma il poliziotto nell'arrestarmi mi
        ha

        slogato una caviglia" funziona solo sui forum.
        In

        ambito forense il suo valore é pari a

        zero.

        Quindi sarebbe come dire che se un innocente
        viene difeso da un incapace avvocato d'ufficio
        che sbaglia la difesa, e' giusto condannarlo a
        morte.No, sono due cose molto diverse. Se gli inquirenti hanno commesso irregolarità o reati nelle indagini, ne risponderanno nella sede più appropriata. Che non è il proXXXXX a Ulbricht, il quale risponde solo di ciò che ha fatto lui online, non di quello che hanno fatto i poliziotti.
        • panda rossa scrive:
          Re: Eh sì
          - Scritto da: Leguleio


          " <I
          la giustizia statunitense
          aveva respinto
          la


          richiesta di celebrare un nuovo
          proXXXXX,


          ritenendo che le motivazioni addotte
          dalla

          difesa


          di Ulbricht poco avessero a che fare
          con
          il


          giudizio relativo alla sua condotta
          nella


          gestione di Silk


          Road </I
          ".





          Questa frase, che è pure ben scritta,
          andrebbe


          messa alla fine di ogni articolo di PI
          che
          parla


          di questioni giudiziarie. Non faccio
          nomi,

          perché


          rischierei di dimenticarne qualcuno.





          La difesa "ma il poliziotto
          nell'arrestarmi
          mi

          ha


          slogato una caviglia" funziona solo sui
          forum.

          In


          ambito forense il suo valore é pari a


          zero.



          Quindi sarebbe come dire che se un innocente

          viene difeso da un incapace avvocato
          d'ufficio

          che sbaglia la difesa, e' giusto condannarlo
          a

          morte.

          No, sono due cose molto diverse. Se gli
          inquirenti hanno commesso irregolarità o reati
          nelle indagini, ne risponderanno nella sede più
          appropriata. Che non è il proXXXXX a Ulbricht, il
          quale risponde solo di ciò che ha fatto lui
          online, non di quello che hanno fatto i
          poliziotti.Quindi io poliziotto ti metto la bustina di droga nel taschino mentre ti perquisisco, quindi ti arresto per detenzione e spaccio, e tu verrai condannato.E per le irregolarita' che ho commesso io nelle indagini ne rispondero' eventualmente in separata sede, ma tu finisci al gabbio lo stesso.E' questo lo scenario?
          • Leguleio scrive:
            Re: Eh sì

            Quindi io poliziotto ti metto la bustina di droga
            nel taschino mentre ti perquisisco, quindi ti
            arresto per detenzione e spaccio, e tu verrai
            condannato.
            E per le irregolarita' che ho commesso io nelle
            indagini ne rispondero' eventualmente in separata
            sede, ma tu finisci al gabbio lo
            stesso.

            E' questo lo scenario?Nemmeno ti rispondo talmente è ovvio.
          • Non acconsento scrive:
            Re: Eh sì
            Nemmeno ti rispondo (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: Eh sì
            - Scritto da: Leguleio

            Quindi io poliziotto ti metto la bustina di
            droga

            nel taschino mentre ti perquisisco, quindi ti

            arresto per detenzione e spaccio, e tu verrai

            condannato.

            E per le irregolarita' che ho commesso io
            nelle

            indagini ne rispondero' eventualmente in
            separata

            sede, ma tu finisci al gabbio lo

            stesso.



            E' questo lo scenario?

            Nemmeno ti rispondo talmente è ovvio.Ok, e' questo.
          • Leguleio scrive:
            Re: Eh sì


            Nemmeno ti rispondo talmente è ovvio.

            Ok, e' questo.Nel senso che ti sei fatto mettere la droga nel taschino dai poliziotti?
          • Fegatelli alla Veneziana scrive:
            Re: Eh sì
            No nel senso che se le irregolarità riguardano la raccolta delle prove e le indagini su fatti rilevanti per il proXXXXX ovviamente inficiano il giudizio.
          • Leguleio scrive:
            Re: Eh sì



            Quindi io poliziotto ti metto la bustina di

            droga


            nel taschino mentre ti perquisisco, quindi
            ti


            arresto per detenzione e spaccio, e tu
            verrai


            condannato.


            E per le irregolarita' che ho commesso io

            nelle


            indagini ne rispondero' eventualmente in

            separata


            sede, ma tu finisci al gabbio lo


            stesso.





            E' questo lo scenario?



            Nemmeno ti rispondo talmente è ovvio.

            Ok, e' questo.Nel senso che auspichi che ti mettano la droga nel taschino. Così hai un esempio da usare nei forum.
          • Leguleio scrive:
            Re: Eh sì

            Ok, e' questo.Inteso nel senso che la polizia potrebbe metterti la droga nel taschino. Visti certi commenti qui su PI, la cosa, ancorché illegale, non mi stupisce...
          • panda rossa scrive:
            Re: Eh sì
            - Scritto da: Leguleio

            Ok, e' questo.

            Inteso nel senso che la polizia potrebbe metterti
            la droga nel taschino. Visti certi commenti qui
            su PI, la cosa, ancorché illegale, non mi
            stupisce...E analogamente non dovresti stupirti se una persona viene accusata di detenzione di files sotto copyright che gli sono stati trovati nel taschino dopo perquisizione analoga.
Chiudi i commenti