Xandros regala un'alternativa a Windows

Il pioniere del Linux desktop ha rilasciato una versione gratuita del proprio sistema operativo con la speranza che venga provato da un maggior numero di persone. Lindows, invece, ha impacchettato tre diverse distribuzioni


New York (USA) – Per promuovere in modo più efficace la propria distribuzione desktop di Linux, specie fra gli utenti che utilizzano Windows, Xandros ne ha rilasciato una versione gratuita sul network P2P BitTorrent.

Il sistema operativo, battezzato Open Circulation Edition (OCE), può essere scaricato e usato a prezzo zero, tuttavia la licenza parla chiaro: il software è solo per uso personale.

L’edizione OCE non è altro che una versione alleggerita di Xandros Desktop 2.0 , un sistema operativo originariamente nato sulle ceneri di Corel Linux e oggi in gran parte basato su “Debian 4.0” (Xandros chiama con questo nome Sarge, la release non stabile di Debian, NdR). La versione gratuita non include alcun servizio di supporto, manuale o software commerciale (ad esempio, CrossOver Office ), inoltre limita la velocità di scrittura dei CD a quella minima supportata dal proprio masterizzatore.

Nonostante questa “dieta”, Xandros sostiene che OCE include la stragrande maggioranza delle funzionalità desktop delle proprie distribuzioni commerciali, incluso lo stesso processo d’installazione, gli stessi wizard di configurazione e la stessa interfaccia utente. Caratteristiche che, secondo il pioniere del Linux desktop, la rendono adatta ad essere scelta come alternativa a Windows XP.

“Molti utenti desktop che si gingillano con l’idea di liberarsi da Microsoft non sono consapevoli del fatto che passando a Linux otterrebbero il meglio dei due mondi”, ha commentato Ming Poon, Xandros VP for software development, che ha poi affermato che il sistema operativo open source è più stabile, libero dai virus e compatibile con tutti i file di Windows e Office.

Come altre distribuzioni desktop, anche Xandros OS fornisce un’installazione automatizzata, la possibilità di creare un dual-boot per Windows XP, un efficace riconoscimento e configurazione dell’hardware, la masterizzazione drag-and-drop e la possibilità di condividere, con pochi click del mouse, file e stampanti sulle reti Windows.

Rilasciando una versione gratuita del proprio sistema operativo sulla rete P2P, Xandros segue una strada già battuta di recente da Lindows : l’obiettivo, per entrambe le aziende, è quello di incentivare le persone a provare il proprio sistema operativo e, eventualmente, acquistarne poi la versione commerciale.

“Vogliamo che la versione Open Circulation si replichi come un virus”, ha detto Frederick H. Berenstein, chairman e CTO di Xandros.

Lindows negli scorsi giorni ha iniziato ad offrire un inusuale pacchetto di distribuzioni desktop, chiamato Linux Shootout , che oltre a Linspire comprende Fedora Core 2 e MandrakeLinux. Attraverso questo kit, che comprende 8 CD e costa, nella versione download, 30 dollari, Lindows afferma che gli utenti possono provare i “tre prodotti desktop leader” e compararne le caratteristiche.

Le tre distribuzioni “confezionate” da Lindows in un unico pacchetto sono anche fra le maggiori rivali di Xandros sul mercato consumer.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ancora HD...
    Ci vuole ancora molto per vedere i primi sistemi di memoria di massa senza parti meccaniche che sostituiscano gli attuali dischi :(Spero prima del 2010 :'(
    • Anonimo scrive:
      Re: Ancora HD...
      - Scritto da: Anonimo
      Ci vuole ancora molto per vedere i primi
      sistemi di memoria di massa senza parti
      meccaniche che sostituiscano gli attuali
      dischi :(

      Spero prima del 2010 :'(E' già pronta la tassa SIAE.
    • avvelenato scrive:
      Re: Ancora HD...
      - Scritto da: Anonimo
      Ci vuole ancora molto per vedere i primi
      sistemi di memoria di massa senza parti
      meccaniche che sostituiscano gli attuali
      dischi :(

      Spero prima del 2010 :'(non ci vuole niente, apparte i soldi.http://www.m-sys.com/Content/Products/DiskOnChip.asp
Chiudi i commenti