Xbox 360 romba nella concept car

Microsoft e Nissan hanno collaborato alla progettazione di un veicolo che include, nella plancia, una console da gioco Xbox 360. Per giocare si usano volante e pedali... quelli veri

Detroit (USA) – “Il primo sistema di gioco pienamente integrato all’interno di un veicolo”. Così Microsoft e Nissan USA hanno descritto il matrimonio tecnologico fra la concept car Nissan URGE e la giovanissima console Xbox 360 del big di Redmond.

L’innovativa auto, che farà il proprio debutto a gennaio presso il North American International Auto Show, integra nella propria plancia una versione appositamente modificata di Xbox 360 che permette di controllare i giochi utilizzando gli stessi comandi dell’auto : sterzo, pedale del gas e pedale del freno. Ovviamente il sistema risulta particolarmente adatto ai giochi di guida, e non a caso Microsoft fornirà di serie Project Gotham Racing 3 (PGR 3).

Nissan URGE Secondo il gigante del software, un guidatore newyorchese può ad esempio parcheggiare la propria auto, accendere Xbox 360 e, grazie a PGR 3, tuffarsi virtualmente nelle stesse strade che ha appena percorso.

“Tutto ciò miscela fantasia e realtà in un modo che il mondo delle automobili non ha mai visto prima”, ha proclamato Microsoft. Con l’ulteriore assottigliarsi del confine tra mondo reale e simulato, c’è tuttavia da chiedersi se il giocatore saprà smettere i panni di “pilota” per tornare ad indossare, una volta riacceso il motore, quelli di semplice conducente d’auto .

Nissan URGE Purtroppo gli ingegneri dei due colossi non si sono ancora spinti a progettare un parabrezza che funga anche da mega-display LCD: per il momento ci si dovrà accontentare di un più tradizionale schermo da 7 pollici che, durante la guida, può eventualmente fungere da specchietto retrovisore digitale.

La Nissan URGE è una concept car sportiva che, ispirandosi alla Lotus Elise, punta soprattutto su leggerezza ed essenzialità. La strumentazione di bordo è piuttosto spartana, e manca ad esempio di climatizzatore e navigatore satellitare: la presenza di Xbox 360 rappresenta, da questo punto di vista, una bizzarra eccezione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'impianto nel corpo
    Qualcuno ha mai avuto la sfortuna di avere un chiodo da trazione piantato in un osso?No?Beh, ogni piccola vibrazione, ogni piccolo sfregamento ontro il chiodo viene amplificato e trasmesso all'ossatura sottostante.Vi assicuro che non e' piacevole, e questi vogliono collegare la mano ai nervi e ancorarla al corpo?E le infezioni? E se urti qualcosa con la protesi e ti si sbriciola l'osso a cui l'hanno attaccata?I nostri ricercatori poi sono al corrente che sono stati effettuati con successo esperimenti di trasmissione del segnale dei nervi umani ad un braccio robotico ESTERNO al corpo (via radio se non ricordo male).Non vedo molto pratica una soluzione "impiantistica": o si scopre come rivestire la protesi di carne, o prevedo enormi fastidi per gli utilizzatori.Ma se fossimo in grado di far ricrescere la carne della mano pe ricoprire una protesi saremmo anche in grado di far riscrere le ossa no? ;)Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Progetto RobotCub
    La comunità europea ha finanziato un progetto per la creazione di un robot umanoide completo, i cui progetti (elettronici, meccanici e software) saranno completamente Open Source:www.robotcub.orgAl progetto partecipano diverse università europee (tra cui la Scuola Superiore Sant'Anna e il DIST dell'università di Genova) oltre a partner internazionali quali il MIT di Boston e centri di ricerca Giapponesi.
  • Anonimo scrive:
    reclame
    allora, ho guardato con attenzione i filmati, il primo 'palmar_stability.avi' vorrebbe evidenziare la capacità di distribuire la pressione delle dita durante ili trasferimento di peso dell'acqua, mi sembra ci sia il trucco, poco prima che la rotazione superi i 90 gradi (ovvero quando l'acqua si trasferisce velocemente verso il tappo della bottiglia) la mano è ferma e si nota che le dita 'stringono' un po' più forte la bottiglia (difatti si deforma), come se l'operatore al pc configuri la mano a seconda degli esercizi che deve fare, la cosa mi sembra molto poco 'intelligente'.il filmato in cui la mano afferra la caramella mi sembra un'applicazione pratica di tecnologia di 10 anni fa, mi pare che non ci sia nessun tipo di intelligenza capace di 'capire' in che posizione è la caramella (come succederebbe per un qualsiasi dito della mano e come dichiarato dai ricercatori), si vedono solo 3 fili (tre) verdi collegati a dei sensori di pressione (che potrebbero essere benissimo delle comunissime celle piezoletriche), ancora niente tecnologia rivoluzionaria.il filmato della spugna mi sembra la stessa cosa della caramella, dei sensori (in questo caso forse degli accelerometri e pressione) che un software neanche tanto complicato saprebbe interpretare come 'durezza' del materiale. Tecnologia del futuro? mah....Poi leggo che il problema ora è nella durata delle batterie... batterie??? ma che cavolo, 1.8milioni di dollari per un progetto che fa ancora uso di MOTORI passopasso? e i tendini sintetici del MIT che si contraggono al passaggio di corrente che fine hanno fatto? Poi vedo la mano umana dell'università di bologna e già dai filmati si nota una capacità di manipolazione notevole, sarà anche passiva (senza pressione, caldo, freddo) ma mi sembra molto più versatile dell'uncino da 1.8 milioni di dollari.Poi rileggo l'articolo e vedo che il finanziamento è arrivato durante la presidenza italiana della Ue... ah ecco.... ora ho capito dov'è la ricerca italiana.... in tasca a qualcuno..
  • Anonimo scrive:
    lavoro ragguardevole ma....
    ...L'articolazione del polso?
  • Anonimo scrive:
    IMHO
    ricorda i film Terminator Robocop e Io robot comunque se questi scienziati osano paragonare questa mano artificiale a una vera mano umana forse dovrebbero studiacchiare della biologia scoprendo magari che anche solo una cellula del corpo umano è caratterizzata da una complessità strutturale che travalica incommensurabilmente non solo quella della suddetta protesi ma anche quella di qualsiasi altra tecnologia sviluppata fino a ora dagli esseri umani e secondo me sarà sempre così per quanto concerne le tecnologie di qualsiasi tipo esse saranno
    • sandcreek scrive:
      Re: IMHO
      - Scritto da: Gabryel
      ricorda i film Terminator Robocop e Io robot
      comunque se questi scienziati osano paragonare
      questa mano artificiale a una vera mano umana
      forse dovrebbero studiacchiare della biologia
      scoprendo magari che anche solo una cellula del
      corpo umano è caratterizzata da una complessità
      strutturale che travalica incommensurabilmente
      non solo quella della suddetta protesi ma anche
      quella di qualsiasi altra tecnologia sviluppata
      fino a ora dagli esseri umani e secondo me sarà
      sempre così per quanto concerne le tecnologie di
      qualsiasi tipo esse sarannoImho non hai capito cosa c'e' in gioco. Penso che chi abbia perso una mano lo capisca di sicuro.
    • Anonimo scrive:
      Re: IMHO
      cioè scusa... secondo te degli scienziati che progettano una mano artificiale e stanno cercando i modi di collegarla al sistema nervoso umano dovrebbero "studiacchiare della biologia"?e poi... il fatto che le cellule siano molto complesse mi sai dire cosa c'entra con il resto?il tuo discorso non ha né capo né cosa.IMHO.
      • Anonimo scrive:
        Re: IMHO
        lascialo perdere, è il post di qualcuno che l'altro ieri ha studiato un po' di biologia su wikipedia, povero mondo
    • Anonimo scrive:
      Re: IMHO
      - Scritto da: Gabryel
      ricorda i film Terminator Robocop e Io robot
      comunque se questi scienziati osano paragonare
      questa mano artificiale a una vera mano umana
      forse dovrebbero studiacchiare della biologia
      scoprendo magari che anche solo una cellula del
      corpo umano è caratterizzata da una complessità
      strutturale che travalica incommensurabilmente
      non solo quella della suddetta protesi ma anche
      quella di qualsiasi altra tecnologia sviluppata
      fino a ora dagli esseri umani e secondo me sarà
      sempre così per quanto concerne le tecnologie di
      qualsiasi tipo esse sarannoIMHO,o sistema cibernetico e tessuti organici tipo Terminator o niente?IMHO, vedi troppa TV.
  • Anonimo scrive:
    Esisteva gia!!!
    E' gia in fase di studio da molto tempo all'università di bologna:http://www-lar.deis.unibo.it/activities/dexterousmanipulation/UBHandIII/index.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Esisteva gia!!!
      Anche la lettura del genoma umano era in corso in due o più strutture differenti. La scoperta la fa chi prima la testa e, sicuro che funzioni, la brevetta ;)
  • Anonimo scrive:
    cyber-cantinari
    eterni incompresi che credono nei cyberpunk e nei centri sociali
    • Giambo scrive:
      Re: cyber-cantinari
      - Scritto da: Anonimo
      eterni incompresi che credono nei cyberpunk e nei
      centri socialiTu si che sai di cosa parli !
    • xander2k scrive:
      Re: cyber-cantinari
      - Scritto da: Anonimo
      eterni incompresi che credono nei cyberpunk e nei
      centri socialiChe noiahttp://digilander.libero.it/drusetta/anti_troll.htm
  • Anonimo scrive:
    boiata
    ma avete visto i filmati ?che articolo gonfiato mamma mììì
    • Anonimo scrive:
      Re: boiata
      e ti sembra poco?Se è la lentezza del movimento che ti spaventa quello è un problema da niente rispetto all'interconnessione della mano bionica al sistema nervoso è questo il punto principale.Migliorare i movimenti è un problema del tutto secondario e più facilmente risolvibile.Evito di commentare direttamente il tuo post perchè non riuscirei a trattenermi
      • Anonimo scrive:
        Re: boiata
        - Scritto da: Anonimo
        e ti sembra poco?
        Se è la lentezza del movimento che ti spaventa
        quello è un problema da niente rispetto
        all'interconnessione della mano bionica al
        sistema nervoso è questo il punto principale.
        Migliorare i movimenti è un problema del tutto
        secondario e più facilmente risolvibile.
        Evito di commentare direttamente il tuo post
        perchè non riuscirei a trattenermiquotoNon e la velocità la cosa importante ma la'interconnesione tra il sistema nervoso e la mano la cosa più difficile da fare
        • Anonimo scrive:
          Re: boiata
          A parte il fatto che i filmati mostravano modelli diversi di mano, la cosa piu' difficile è sicuramente l'interfaccia uomo/macchina che da quanto si capisce è tutta da fareSecondo me dovrebbero prima trovare il modo di interfacciare i nervi e in 1 secondo momento costruire una mano (chi non ha denaro potrebbe comperare un modello "pinza" mantenendo cmq una certa sensibilita')
    • Giambo scrive:
      Re: boiata
      - Scritto da: Anonimo
      ma avete visto i filmati ?
      che articolo gonfiato mamma mìììProbabilmente hai visto troppi film di fantascienza e ti aspettavi Terminator VIII :)Fare una "mano" non e' facile. Per esempio la mano deve afferrare un'oggetto senza stritolarlo e senza lasciarlo cadere. Nell'esempio della bottiglietta, la mano deve "capire" come il peso di quest'ultima si ridistribuisca quando viene girata sottosopra e quindi adattare la pressione delle dita in modo che non scivoli.
  • Anonimo scrive:
    Qui si fanno le mani, altrove......
    http://www.sony.net/SonyInfo/QRIO/videoclip/ram/02-46-QR1011.ram
    • Anonimo scrive:
      Re: Qui si fanno le mani, altrove......
      non vedo il video, spieghi ? amen
    • Anonimo scrive:
      Re: Qui si fanno le mani, altrove......
      forse non ti rendi conto che quel robot nella sua completezza ha l'1% del contenuto tecnologico della mano di cui si parla nell'articolo.La differenza tra il robot della sony e la mano, e' che il robot ti va a prendere le cose.... con la mano te le vai a prendere da solo....e puoi usarla per pilotarci il giocattolo di sony.Augurigiobbe
      • Anonimo scrive:
        Re: Qui si fanno le mani, altrove......
        - Scritto da: Anonimo


        forse non ti rendi conto che quel robot nella sua
        completezza ha l'1% del contenuto tecnologico
        della mano di cui si parla nell'articolo.

        La differenza tra il robot della sony e la mano,
        e' che il robot ti va a prendere le cose.... con
        la mano te le vai a prendere da solo....e puoi
        usarla per pilotarci il giocattolo di sony.

        Auguri
        giobbeeh si riconoscimento del parlato, dei volti, e sintesi sono robettama va va!
        • Sgabbio scrive:
          Re: Qui si fanno le mani, altrove......
          - Scritto da: Anonimo

          eh si riconoscimento del parlato, dei volti, e
          sintesi sono robetta
          ma va va!ti rendi conto che sono 2 cose totalmente diverse?
          • Anonimo scrive:
            Re: Qui si fanno le mani, altrove......
            unire il robot sony con arti di questo tipo... magari qualcun altro arrivasse con, non so, il piede o il bacino.... un pezzo alla volta :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Qui si fanno le mani, altrove......
          In effetti il riconoscimento del parlato è disponibile a livello commericale da svariati anni (IBM ViaVoice, Dragon Naturally speaking), quello dei volti ci puoi giochicchiare con openCV (se riesci a compilare roba C++). Per la sintesi vocale trovi roba open source.Il colloquio tra bimbi e robo mostrato nel filmato mi ricorda quello di Eliza. Buono evdeintemente per impressionare mia nonna quando lo facevo girare sul C64, e per te oggi.
Chiudi i commenti