Xbox sfida Sony sul gioco on-line

Con un accordo fra giganti Microsoft porterà Xbox sulla grande Rete, ma questo non prima del 2002. Un tentativo per riacciuffare Sony, già involata verso il mondo del multiplayer e della distribuzione di giochi on-line


Redmond (USA) – Il futuro delle console da gioco è su Internet. Lo sa bene Sony, che si sta preparando a lanciare i primi servizi on-line per la Playstation 2, e sembra saperlo bene anche Microsoft che, proprio ieri, ha annunciato un accordo con il gigante delle telecomunicazioni giapponese NTT Communications.

I due colossi lavoreranno insieme per portare l’accesso a larga banda su Xbox attraverso la connettività ADSL di NTT, compresi tutti i servizi on-line che permetteranno agli utenti di giocare in multiplayer e scaricare titoli da Internet. Pare che le due firme stiano anche valutando la possibilità di utilizzare velocissime connessioni in fibra ottica.

Microsoft tenta così di contrastare i piani di Sony, pronta a connettere la PS2 ad Internet già dal prossimo mese, anche se, rispetto al colosso giapponese, il big di Redmond non ha ancora rivelato piani riguardanti le reti mobili.

Nonostante tutti i suoi sforzi, Microsoft arriverà però in forte ritardo sul gioco on-line rispetto a Sony: un documento interno all’azienda parla infatti di 2002, probabilmente in coincidenza con il lancio europeo della console.

Microsoft, che ha già preventivato una spesa di 500 milioni di dollari per il marketing di Xbox, ha recentemente annunciato che al momento dell’uscita sul mercato nipponico la console potrà contare su 18 titoli giapponesi, un numero circa doppio rispetto a quello del debutto della PS2.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Basta!
    e che OO!!!ma ci vogliono arivare o no i vari "guru" delle protezioni ad oltranza che l'unico modo per evitare la pirateria è renderla inutile?in altre parole, se un utente VUOLE copiare qualcosa, prima o poi ci riesce, qualunque sia il livello di protezione;bisognerebbe rendere la copia INUTILE, della serie "ma perchè mai dovrei voler copiare qualcosa, quando posso avere COMODAMENTE l'originale spendendo QUATTRO SOLDI?"mah...
Chiudi i commenti