Yahoo!, stop al telelavoro

L'azienda in viola vuole che tutti i suoi impiegati lavorino fianco a fianco, per promuovere il giusto spirito di comunicazione e collaborazione. Entro la prossima estate, tutti in ufficio
L'azienda in viola vuole che tutti i suoi impiegati lavorino fianco a fianco, per promuovere il giusto spirito di comunicazione e collaborazione. Entro la prossima estate, tutti in ufficio

Per diventare uno tra i migliori ambienti lavorativi, Yahoo! ha bisogno della presenza fisica di tutti i suoi dipendenti, anche quelli reclutati a livello locale per le tipiche mansioni in remoto. Nuovo ordine del CEO Marissa Mayer, la produzione legata al cosiddetto telelavoro dovrà essere abolita entro la prossima estate , per il conseguente trasferimento di centinaia tra impiegati e collaboratori negli uffici del gigante in viola.

Rabbia e frustrazione da parte dei diretti interessati, che hanno subito consegnato alla stampa il memo confidenziale inviato dall’ufficio risorse umane con le nuove policy stabilite ai vertici dell’azienda di Sunnyvale. “Comunicazione e collaborazione saranno cruciali – si legge nel documento di Yahoo! – e per questo dovremo lavorare fianco a fianco, tutti presenti nei nostri uffici”.

Apprezzata da altre aziende operative sul web – il CFO di Google Patrick Pichette ha sottolineato come l’ambiente di lavoro telematico non rappresenti il presupposto migliore per la nascita di idee creative , isolando i collaboratori dal resto degli impiegati fisici – la strategia annunciata da Yahoo! ha scatenato l’ira di quei collaboratori assoldati dall’azienda californiana con la promessa di un lavoro flessibile e soprattutto lontano dal quartier generale di Sunnyvale. ( M.V. )

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 02 2013
Link copiato negli appunti