Yahoo vuole una banca sul cellulare

Yahoo.com attiva un servizio per gestire le proprie finanze tramite WAP. Non è una clamorosa novità ma segna una tendenza, visto il colosso che ne è coinvolto


Web – C’è chi dice che con il WAP, oramai, si possa fare di tutto o quasi. Nonostante la connessione ancora lenta e troppo costosa, aumentano sempre di più i servizi disponibili; lentamente, alcune funzioni esclusive delle connessioni tramite Pc, vengono importate anche su cellulare. E ‘ ora il turno dell’ internet banking .

Yahoo! Finance, nuovo servizio del celebre portale americano, offre ai pionieri del WAP Banking un account personale, dotato di password, da cui è possibile accedere al proprio conto corrente. Molte le opzioni disponibili: si possono controllare le finanze, le transazioni effettuate; oppure anche effettuare semplici operazioni finanziarie, come il pagamento delle tasse. E ‘ anche possibile aggiornarsi sulla situazione del mercato finanziario, controllando, per esempio, l’andamento dei titoli. L’investitore paranoico potrà così verificare ogni minuto i risultati delle proprie operazioni borsistiche.

Le transazioni economiche tramite Web corrono sempre il rischio di essere intercettate; questa paura potrebbe scoraggiare i futuri utenti del WAP Banking. Yahoo! rassicura, naturalmente, i suoi clienti; verranno utilizzati due sistemi di sicurezza: Wireless Transport Layer Security (WTLS) e Secure Sockets Layer (SSL).

Nessuno può prevedere quanto si diffonderà questo servizio; se avrà successo, forse potrà contribuire a riscattare il WAP dalle accuse di inutilità, rivoltegli contro anche da molti esperti . Finora non ci sono riusciti neanche i numerosi servizi finanziari via wireless implementati anche da operatori italiani.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma senti questa...
    "Molto dipenderà, naturalmente, dalle tariffe del servizio per l'utente finale che, visto il peso avuto dall'acquisizione delle licenze, non saranno probabilmente tariffe "popolari"."coosa? ma se hanno pagato una miseria rispetto agli altri stati europei!!Vai a vedere che dopo essersi accordati il prezzo delle licenze ora ci fanno pagare come e quanto gli altri paesi! Bene! anzi benissimo! Se sarà così prima del 2010 faranno moolta fatica a staccarmi dal mio GSM.
Chiudi i commenti