YouTube, cyberbulli puniti con buonsenso

Per una volta un giudice decide di utilizzare le loro stesse armi per cercare di far loro capire dove hanno sbagliato. E sentenzia: vi dovete scusare postando un video di scuse

Roma – Hanno preso di mira un impiegato della catena di fast food statunitense Taco Bell e dopo aver ordinato un pranzo allo sportello del drive-by gli hanno tirato addosso i bicchieri della loro bibita, prendendolo in giro e registrando il tutto, pubblicando poi il video della bravata su YouTube. Identificati proprio grazie al loro video, sono stati puniti in un modo originale.

il video di scuse È infatti la prima volta che un giudice decide di punire un atto di quello che viene definito cyberbullismo ricorrendo allo stesso mezzo usato dai due, vale a dire ad un video YouTube nel quale gli autori del gesto devono scusarsi . Nel video di scuse , i due sono mostrati a pancia sotto, ammanettati sopra il cofano di un’auto.

Lo stupido gesto dei due rientra in una sorta di tormentone che viene definito “fire in the hole” e che con mezzi del tutto simili vede giovani di ogni zona degli Stati Uniti aggredire impiegati dei fast food. Basta farsi un giro su YouTube per rendersi conto della cosa, ma certo non è solo su YouTube che girano questi video:

Ai due è anche stato imposto di rimborsare la vittima della bravata, di inviare lettere di scuse e di svolgere 100 ore di lavoro per la comunità. La speranza dei procuratori che si sono occupati della cosa è che questo genere di punizione possa rappresentare un deterrente al ripetersi di simili gesti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • VRXheVdtZBc m scrive:
    LqEfTkdWORglE
    I think this is a real great post.Really looking forward to read more. Awesome.
  • Red Daniel scrive:
    Uhmm!!!
    Certo che potevano confrontare Merac Mail o Mail Daemon con un'installazione di Exchange (o Domino che gira su entrambi i sistemi operativi) oppure attivare il servizio SMTP su Windows (ma forse non lo sapevano possibile, come molti del resto).Beh, speriamo che continuino a consumare sempre meno, come anche l'adozione sempre più estesa dei notebook in azienda e dei monitor LCD. Li si che si arriva di base a consumi anche del 60% in meno!!Il resto sono talebanate (passatemi il termine).Green Greetings to all, Red
  • 1977 scrive:
    AHAHAHAHAHA
    Questo articolo è MERAVIGLIOSO.Ma io non me la prendo con PI, che si limita a riportare le informazioni: me la prendo col mondo, che da sempre va avanti a "mode". Ora c'è la moda "del verde" che s'infila, come naturale, ovunque.
    • Degenere scrive:
      Re: AHAHAHAHAHA
      - Scritto da: 1977
      Ora c'è la moda "del verde" che s'infila,
      come naturale, ovunque.occhio che non ti si infili dove dico io! :D
      • 1977 scrive:
        Re: AHAHAHAHAHA
        - Scritto da: Degenere
        - Scritto da: 1977

        Ora c'è la moda "del verde" che s'infila,

        come naturale, ovunque.

        occhio che non ti si infili dove dico io! :DDegenere, sei proprio un.. degenerato!
    • Darth Vader scrive:
      Re: AHAHAHAHAHA
      - Scritto da: 1977
      Questo articolo è MERAVIGLIOSO.
      Ma io non me la prendo con PI, che si limita a
      riportare le informazioni: me la prendo col
      mondo, che da sempre va avanti a "mode". Ora c'è
      la moda "del verde" che s'infila, come naturale,
      ovunque.Straquoto.
  • Ponzio Pilato scrive:
    La differenza c'è ed è enorme!
    Come si fa a dire che Linux server è più verde di Windows server ma la differenza è piccola?La differenza, in realtà, è enorme ed è rappresentata dal fatto che Linux server è open e pure free (non necessariamente gratis), mentre Windows server è closed e costa un occhio; peggio ancora, dopo la prima installazione, Linux server può essere liberamente aggiornato quando si vuole e come si vuole, mentre gli aggiornamenti di Windows server vengono imposti dall'alto e sono salatissimi!Che senso ha farsi pagare profumatamente per un software closed e costoso che poi si rivela inferiore al prodotto concorrente open e free (al limite, pure gratuito)?Se Microsoft realizzasse prodotti nettamente superiori a quelli della concorrenza avrebbe tutto il diritto di farsi pagare profumatamente; la realtà però è che Microsoft fa soldi a palate grazie a:*) una vergognosa tassa (il costo di Windows) su ogni PC venduto;*) i sistemi operativi più buggati in assoluto;*) i programmi più inefficienti in assoluto;*) i server più bucati dai virus in assoluto (vedi NT)... etc, etc, etc ...
    • W BeOS scrive:
      Re: La differenza c'è ed è enorme!
      - Scritto da: Ponzio PilatoDio mio che serie di stronzatr scritte ada un moccioso moccoloso che non ha mai lavorato un giorni in vita sua
      Come si fa a dire che Linux server è più verde di
      Windows server ma la differenza è
      piccola?
      La differenza, in realtà, è enorme ed è
      rappresentata dal fatto che Linux server è open e
      pure free (non necessariamente gratis), mentre
      Windows server è closed e costa un occhio; che cazzo ci incastra con il consumo !!! ma sai leggere o spari cazzate a vanvera
      peggio
      ancora, dopo la prima installazione, Linux server
      può essere liberamente aggiornato quando si vuole
      e come si vuole, mentre gli aggiornamenti di
      Windows server vengono imposti dall'alto e sono
      salatissimi!gli updates di sicurezza sono gratuiti tanto come linux o ti risulta che quando fai windows update paghi ?
      Che senso ha farsi pagare profumatamente per un
      software closed e costoso che poi si rivela
      inferiore al prodotto concorrente open e free (al
      limite, pure
      gratuito)?magari dipende dai prodotti, detta cosi' non vuole dire niente come il resto delle vaccate che hai scritto
      Se Microsoft realizzasse prodotti nettamente
      superiori a quelli della concorrenza avrebbe
      tutto il diritto di farsi pagare profumatamente;ti sirulsta che ci sia di free qualcosa di paraganoabile a:1) infrastruttura AD2) Management console personalizzabili3) DFS (semplice da implementare com quello di MS)4) SSO in qualunque componente o parte di sistema5) Possibilita' di gestire GPO etcno perche' in linux le stesse cose le puoi fare ma ti costano 100 volte linux e non sono la stessa cosa
      la realtà però è che Microsoft fa soldi a palate
      grazie
      a:

      *) una vergognosa tassa (il costo di Windows) su
      ogni PC
      venduto;ma che cazzo centra con i consumi ?
      *) i sistemi operativi più buggati in assoluto;frase fatta che non vuole dire niente
      *) i programmi più inefficienti in assoluto;in alcuni casi si in altri no, ma poi tu che ne sai ? in assoluto ? ma vai a lavorare in vece di dire cazzate
      *) i server più bucati dai virus in assoluto
      (vedi
      NT)

      ... etc, etc, etc ...si etc etc etc le cazzate che scrivi.Ma vai a nasconderti che piu' che brutte figure non rimedi quando posti in giro per la rete
      • Ponzio Pilato scrive:
        Re: La differenza c'è ed è enorme!
        - Scritto da: W BeOS
        Dio mio che serie di stronzatr scritte ada un
        moccioso moccoloso che non ha mai lavorato un
        giorni in vita
        sua
        Se avessi lavorato un centesimo di quanto ho lavorato io in vita mia potresti anche avere il diritto di aprire bocca.- Scritto da: W BeOS
        che cazzo ci incastra con il consumo !!! ma sai
        leggere o spari cazzate a
        vanvera
        Il consumo è uno dei tanti aspetti che evidenziano la superiorità di Linux; io parlavo più in generale.- Scritto da: W BeOS
        gli updates di sicurezza sono gratuiti tanto come
        linux o ti risulta che quando fai windows update
        paghi?
        Cosa cacchio c'entra Windows Update?Windows Update è riservato agli utonti del settore desktop; qui stiamo parlando di server.Vai e fatti dare qualche informazioni da quelle malcapitate grosse aziende che, dopo aver stipulato un contratto con la Microsoft per l'installazione di Windows Server, sono state letteralmente spennate dai continui upgrade a pagamento imposti da Redmond. - Scritto da: W BeOS
        magari dipende dai prodotti, detta cosi' non
        vuole dire niente come il resto delle vaccate che
        hai
        scritto
        Mi sa che le vaccate le hai scritte tu.- Scritto da: W BeOS
        ti risulta che ci sia di free qualcosa di
        paragonabile
        a:

        1) infrastruttura AD
        2) Management console personalizzabili
        3) DFS (semplice da implementare com quello di MS)
        4) SSO in qualunque componente o parte di sistema
        5) Possibilita' di gestire GPO etc
        Paroloni dietro i quali si nasconde l'aria fritta!Ti potrei citare solo il fatto che Linux Server è diventato ormai di casa in tutti i settori Mission Critical; tutto il programma aerospaziale della NASA è basato su Linux, il sistema di guida missilistica degli USA è basato su Linux, l'avionica degli aerei militari della Boeing è basato su Linux, etc, etc.Get the facts!Sul resto delle tue affermazioni meglio stendere un velo pietoso.
        • cvb scrive:
          Re: La differenza c'è ed è enorme!
          - Scritto da: Ponzio Pilato
          - Scritto da: W BeOS


          Dio mio che serie di stronzatr scritte ada un

          moccioso moccoloso che non ha mai lavorato un

          giorni in vita

          sua


          Se avessi lavorato un centesimo di quanto ho
          lavorato io in vita mia potresti anche avere il
          diritto di aprire
          bocca.Cosa che significa che se ha lavorato 6 mesi tu avresti lavorato 50 anni.... e forse è anche ora che te ne andassi in pensione.... se ha lavorato 1 anno... beh complimenti a te... ma forse alla tua età non ne capisci più tanto di tecnologie... o forse non capisci più tanto in generale!va beh.... sparavo cazzate, buona serata
    • hypon scrive:
      Re: La differenza c'è ed è enorme!
      - Scritto da: Ponzio Pilato
      Come si fa a dire che Linux server è più verde di
      Windows server ma la differenza è
      piccola?
      La differenza, in realtà, è enorme ed è
      rappresentata dal fatto che Linux server è open e
      pure free (non necessariamente gratis), mentre
      Windows server è closed e costa un occhio; peggio
      ancora, dopo la prima installazione, Linux server
      può essere liberamente aggiornato quando si vuole
      e come si vuole, mentre gli aggiornamenti di
      Windows server vengono imposti dall'alto e sono
      salatissimi!
      Che senso ha farsi pagare profumatamente per un
      software closed e costoso che poi si rivela
      inferiore al prodotto concorrente open e free (al
      limite, pure
      gratuito)?

      Se Microsoft realizzasse prodotti nettamente
      superiori a quelli della concorrenza avrebbe
      tutto il diritto di farsi pagare profumatamente;
      la realtà però è che Microsoft fa soldi a palate
      grazie
      a:

      *) una vergognosa tassa (il costo di Windows) su
      ogni PC
      venduto;
      *) i sistemi operativi più buggati in assoluto;
      *) i programmi più inefficienti in assoluto;
      *) i server più bucati dai virus in assoluto
      (vedi
      NT)

      ... etc, etc, etc ...sono sicuro che adesso ti senti meglio e puoi tornare a studiareciao
      • krane scrive:
        Re: La differenza c'è ed è enorme!
        - Scritto da: hypon
        - Scritto da: Ponzio Pilato

        Come si fa a dire che Linux server è più verde
        di

        Windows server ma la differenza è

        piccola?

        La differenza, in realtà, è enorme ed è

        rappresentata dal fatto che Linux server è open
        e

        pure free (non necessariamente gratis), mentre

        Windows server è closed e costa un occhio;
        peggio

        ancora, dopo la prima installazione, Linux
        server

        può essere liberamente aggiornato quando si
        vuole

        e come si vuole, mentre gli aggiornamenti di

        Windows server vengono imposti dall'alto e sono

        salatissimi!

        Che senso ha farsi pagare profumatamente per un

        software closed e costoso che poi si rivela

        inferiore al prodotto concorrente open e free
        (al

        limite, pure

        gratuito)?



        Se Microsoft realizzasse prodotti nettamente

        superiori a quelli della concorrenza avrebbe

        tutto il diritto di farsi pagare profumatamente;

        la realtà però è che Microsoft fa soldi a palate

        grazie

        a:



        *) una vergognosa tassa (il costo di Windows) su

        ogni PC

        venduto;

        *) i sistemi operativi più buggati in assoluto;

        *) i programmi più inefficienti in assoluto;

        *) i server più bucati dai virus in assoluto

        (vedi

        NT)



        ... etc, etc, etc ...

        sono sicuro che adesso ti senti meglio e puoi
        tornare a
        studiare

        ciaoUazzz, che argomenti...Complimenti mi hai convinto !!!
    • nome e cognome scrive:
      Re: La differenza c'è ed è enorme!

      ... etc, etc, etc ...Come fai a scrivere con la camicia di forza?
  • tuxpocket scrive:
    C'è da considerare.
    Bisogna considerare che un Server, rimane accesso anche per anni, quindi il risparmio enegetico del 12% rapportato ad un periodo lungo come un anno, porta un grosso risparmio enegetico, ed anche un risparmio monetario.
  • babel zeta scrive:
    verde economico
    che un pc sia parco nei consumi non significa sia "verde", l'inquinamento dovuto all'informatica è dovuto soprattutto allo smaltimento a fine vita, non certo alle emissioni dovute ai consumi elettrici.per cui ok: le aziende penseranno pure (giustamente) a ridurre i consumi elettrici per ridurre i costi, ma ciò non significa essere più "verdi"...
    • Alex scrive:
      Re: verde economico
      Non so come regga un hd spin up e spind down con inattività di un minuto :D (sempre che questo venga effettuato) se poi significa comprare un altro hd in breve tempo bisogna considerare come in tutte le cose anche l'energia necessaria per produrlo.
    • Mattia scrive:
      Re: verde economico
      Ma se si parla di sistemi operativi, quello che consuma meno è il più economico. Se si parla di un server intero, allora hai ragione tu.
      • babelzeta scrive:
        Re: verde economico
        - Scritto da: Mattia
        Ma se si parla di sistemi operativi, quello che
        consuma meno è il più economico. Se si parla di
        un server intero, allora hai ragione
        tu.a dire la verità se limitiamo il discorso al solo SO bisognerebbe anche considerare l'energia spesa per realizzarlo e dividerla per gli utilizzatori in modo da avere l'energia procapite necessaria per la realizzazione del prodotto finale "Sistema Operativo", ovviamente si può solo fare una stima molto ma molto approssimativa.A proposito leggevo l'altro giorno ad esempio delle stime fatte per l'utilizzo di BOINC, la piattaforma di calcolo distribuito, e i confronti fatti con i mega-computer, era fatta abbastanza bene. ti metto il link se può essere interessante:http://boinc.berkeley.edu/wiki/Heat_and_energy_considerationshttp://www.boincitaly.org/index.php?option=com_content&task=view&id=67&Itemid=1saluti
    • bash scrive:
      Re: verde economico
      - Scritto da: babel zeta
      che un pc sia parco nei consumi non significa sia
      "verde", l'inquinamento dovuto all'informatica è
      dovuto soprattutto allo smaltimento a fine vita,
      non certo alle emissioni dovute ai consumi
      elettrici.Quindi il server piu' "verde" e' anche quello meno pretenzioso in termini di hardware, e che quindi prolunga la vita delle macchine su cui gira.Di conseguenza quei server che hanno dei SO che scadranno a fine giugno e che costringeranno le aziende a buttare macchine perfettamente funzionanti solo perche' il nuovo SO con finestre 3D e lustrini (prerogative indispensabili per un server) non ci gira, non sono verdi. Giusto?
      • ... scrive:
        Re: verde economico
        I server casalinghi forse si. In produzione è da pazzi mettere XP come server, si usano Windows Server 2003 e seguenti.. anche se c'è anche chi usa ancora NT
        • www.aleksfalcone.org scrive:
          Re: verde economico
          - Scritto da: ...
          si usano Windows Server 2003 e seguenti.. No, i 'seguenti' non ci sono ancora.
          • logicaMente scrive:
            Re: verde economico
            - Scritto da: www.aleksfalcone.org
            - Scritto da: ...

            si usano Windows Server 2003 e seguenti..

            No, i 'seguenti' non ci sono ancora.Al limite "il" seguente: Win 2008 ;)Per chi è temerario, almeno...
    • ercole69 scrive:
      Re: verde economico
      Hai perfettamente ragione, infatti bisogna considerare anche la durata di un server nel computo totale; ma qui mi sa che la situazione è vinta in partenza per Linux: è possibile tenere macchine relativamente obsolete aggiornando solo i pacchetti necessari, mentre con Windows ogni 4-5 anni sei praticamente costretto a cambiare l'hardware se vuoi mantenere aggiornato il sistema operativo.
      • chojin scrive:
        Re: verde economico
        - Scritto da: ercole69
        Hai perfettamente ragione, infatti bisogna
        considerare anche la durata di un server nel
        computo totale; ma qui mi sa che la situazione è
        vinta in partenza per Linux: è possibile tenere
        macchine relativamente obsolete aggiornando solo
        i pacchetti necessari, mentre con Windows ogni
        4-5 anni sei praticamente costretto a cambiare
        l'hardware se vuoi mantenere aggiornato il
        sistema
        operativo.Veramente ho installato Windows Server 2003 R2 SP2 su antichissimi PentiumII-350 con 96MB di RAM installati ed HDU EIDE 40GB e non solo funzionano perfettamente ma sono anche velocissimi, più veloci di installazioni Linux.
        • Chojinchoji n scrive:
          Re: verde economico
          io ti dico il contrario, sono più veloci i server basati su linux, secondo te per quale motivo anche nei server ad uso domestico, linux è più duffuso, oltre la maggiore sicurezza, c'è una maggiore efficenza della macchina, io ho provato anche windows server 2003, ma al contrario tuo non sono di parte.
          • chojin scrive:
            Re: verde economico
            - Scritto da: Chojinchoji n
            io ti dico il contrario, sono più veloci i server
            basati su linux, secondo te per quale motivo
            anche nei server ad uso domestico, linux è più
            duffuso, oltre la maggiore sicurezza, c'è una
            maggiore efficenza della macchina, io ho provato
            anche windows server 2003, ma al contrario tuo
            non sono di
            parte.Sei assolutamente di parte visto che neghi la realtà tanto per osannare Linux ad ogni costo.
          • Chojinchoji n scrive:
            Re: verde economico
            quello di parte sei tu che dici che io nego la realtà, se per te è meglio windows sonn fatti tuoi, io parlo perchè o provato entrabi sia linux che Windows per i server, e ti ho anche detto che Linux e leader anche nell settore nei server casalinghi, oltre per un fattore legato alla sicurezza, anche per la migliore gestione dell' hardware della macchina, cose che non capisci??
          • mauro serio scrive:
            Re: verde economico
            questa è bella, ma ai mai usato server con Linux?? secon me, perchè è assurdo quello che dici, prima di parlare solo perchè evidenemtemente sei a favore di Microsoft, questo non devi impedirti di vedere le cose con i tuoi occhi, questo ostrunismo che fai verso Linux, fa male a Windows stesso, perchè dopo che uno prova Linux e testa con mano come stanno le cose, comincia pensare che tutti quelli che screditano linux siano dei bugiardi, che fanno una specie di tifo per Windows.
          • vac scrive:
            Re: verde economico
            Quale distro hai provato? Kubuntu completa di animazioni varie?Hai provato a disabilitare compiz?
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: verde economico
            - Scritto da: chojin
            Sei assolutamente di parte visto che neghi la
            realtà tanto per osannare Linux ad ogni costo.La realtà è a favore di Linux: la realtà è di parte?
        • ercole69 scrive:
          Re: verde economico
          La copia era originale, e la RAM è a posto (testata per 24 ore con memtest) e sia con Win2000 che con Linux va. Magari il problema era altrove (tipo la scheda video condivisa)
        • Enrico204 scrive:
          Re: verde economico
          - Scritto da: chojin
          Evidentemente hai usato una copia pirata
          fallata... o la RAM è difettata e crea problemi
          in fase di
          installazione...Quindi mi vorresti dire che il nuovo windows occupa più ram in fase di installazione?E poi, per favore, se a voi la copia pirata non funziona, non vuol dire che crea problemi (tralasciando, ovviamente, quelli di natura legale).Per risponderti anche al post su, ora sei tu che stai in tutti i modi "noi altri" incolpando persino la RAM (non che non possa essere) per qualcosa che, evidentemente, non è così.Altrimenti il setup di Windows 2000 non sarebbe partito.Io installo entrambi, e devo dire che su qualsiasi macchina Linux va più veloce del suo corrispettivo Windows Server, per non parlare di quando crei un dominio con AD: i tempi con Windows diventano biblici, quando con linux il server LDAP, DNS e compagnia si avviano con pochi secondi (in un server medio).Enrico
          • io me me stesso scrive:
            Re: verde economico
            non per dire ma per server 2003 l'installer non parte nemmeno se non hai almeno 128MB di ram, quindi hai sparato una bella balla...In compenso io faccio girare freebsd su un pentium mmx con 64 MB di ram e 1,4GB di HD e va chè è un piacere(anche se sto tribolando per xorg)
          • Enrico204 scrive:
            Re: verde economico
            - Scritto da: io me me stesso
            non per dire ma per server 2003 l'installer non
            parte nemmeno se non hai almeno 128MB di ram,
            quindi hai sparato una bella
            balla...Mai detto di aver fatto partire l'installer con 128 MB di ram, anche perché di solito Windows server li installo su server, non su PC casalinghi.Enrico
        • www.aleksfalcone.org scrive:
          Re: verde economico
          - Scritto da: chojin
          Evidentemente hai usato una copia pirata
          fallata... o la RAM è difettata e crea problemi
          in fase di installazione...Lascia perdere. Ti rendi ridicolo ad arrampicarti sugli specchi.
        • logicaMente scrive:
          Re: verde economico
          - Scritto da: chojin
          Veramente ho installato Windows Server 2003 R2
          SP2 su antichissimi PentiumII-350 con 96MB di RAM
          installati ed HDU EIDE 40GB e non solo funzionano
          perfettamente ma sono anche velocissimi, più
          veloci di installazioni
          Linux.Veramente sei riuscito ad installare W2K3 su macchine che non hanno nemmeno i requisiti MINIMI (non raccomandati , minimi)? E va anche velocissima?Complimenti (alla faccia tosta)http://technet.microsoft.com/en-us/windowsserver/bb430827.aspx
        • logicaMente scrive:
          Re: verde economico
          Non ti andava semplicemente perchè 2003 server chiede almeno 128 MB di RAM come requisito minimo e tu, tolta quella riservata alla scheda video, non ne avevi a sufficienza.Giusto quindi che l'espansione risolvesse il problema.
        • AtariLover scrive:
          Re: verde economico
          AH SI?Curioso che i requisiti minimi siano 128 Mega :D :D :Dhttp://technet.microsoft.com/en-us/windowsserver/bb430827.aspx#EJG(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Ho appena visto che Logicamente mi ha preceduta :$Sorry!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 giugno 2008 14.41-----------------------------------------------------------
        • tux scrive:
          Re: verde economico
          dai sarà amico di renji...lol
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: verde economico
        - Scritto da: ercole69
        Hai perfettamente ragione, infatti bisogna
        considerare anche la durata di un server nel
        computo totale; ma qui mi sa che la situazione è
        vinta in partenza per Linux: è possibile tenere
        macchine relativamente obsolete aggiornando solo
        i pacchetti necessariDa questo punto di vista ci sono anche gli altri sistemi Unix: proverbiale la durata, per esempio, di Solaris. (otto anni fa è stato spento l'ultimo server con Multics: funzionava da 30 anni!)Certo è che Windows da questo discorso è del tutto escluso.
        • nome e cognome scrive:
          Re: verde economico

          Certo è che Windows da questo discorso è del
          tutto
          escluso.Come se non ci fossero in giro server con NT4 e sicuramente andando a cercare trovi anche NT 3.1
          • krane scrive:
            Re: verde economico
            - Scritto da: nome e cognome

            Certo è che Windows da questo discorso è del

            tutto

            escluso.

            Come se non ci fossero in giro server con NT4 e
            sicuramente andando a cercare trovi anche NT 3.1Basta che non vai a cercarli nel top 500 uptime (rotfl)(rotfl) non li troverai li'.
    • nome e cognome scrive:
      Re: verde economico


      per cui ok: le aziende penseranno pure
      (giustamente) a ridurre i consumi elettrici per
      ridurre i costi, ma ciò non significa essere più
      "verdi"...Scusa eh ma hai detto una boiata gigantesca. Se riduci il consumo di energia riduci il petrolio bruciato per produrla, ovvero riduci le emissioni in atmosfera. Non è inquinamento quello?
      • babelzeta scrive:
        Re: verde economico
        - Scritto da: nome e cognome



        per cui ok: le aziende penseranno pure

        (giustamente) a ridurre i consumi elettrici per

        ridurre i costi, ma ciò non significa essere più

        "verdi"...

        Scusa eh ma hai detto una boiata gigantesca. Se
        riduci il consumo di energia riduci il petrolio
        bruciato per produrla, ovvero riduci le emissioni
        in atmosfera. Non è inquinamento
        quello?certamente! il mio commento voleva invitare a considerare gli ordini di grandezza: l'energia spesa in produzione e dismissione spesso è molto ma molto superiore a quella consumata durante l'utilizzo, quindi ok, un SO + efficiente permette di risparmiare una piccola quotaparte di energia.inoltre ripeto che l'inquinamento dovuto all'informatica non sono certo le emissioni di CO2 in atmosfera ma i rifiuti tossici che vengono "smaltiti" nei paesi in via di sviluppo con metodi medievali.qualche link:http://en.wikipedia.org/wiki/Guiyuhttp://www.foreignpolicy.com/story/cms.php?story_id=3807&page=0http://blog.mytech.it/index.php/2007/05/21/viaggio-nella-necropoli-digitale/http://www.canisciolti.info/news_dettaglio.php?id=765http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E1067099,00.htmlhttp://www.repubblica.it/2005/b/sezioni/scienza_e_tecnologia/affin/asiadiscarica/asiadiscarica.htmlok, l'articolo parla di SO, ma l'inquinamento e l'essere "verde" si misurano con altri parametri, non solo con i grammi di CO2 che riesco a risparmiare in 3/4 anni, (co2 che fa male al clima ma non è nè tossica nè pericolosa come i metalli che stanno nei componenti elettronici)il resto dei discorsi linux/win non c'entra nulla con il mio commento che era generale ed estendibile a qualsiasi elettrodomestico, come anche alle centrali nucleari... quando si fanno i conti (enegetici ed economici) bisogna sempre considerare tutto: dall'inizio alla fine della vita utile, altrimenti la prospettiva è sbagliata o parziale.saluti a tutti!
    • www.aleksfalcone.org scrive:
      Re: verde economico
      - Scritto da: babel zeta
      che un pc sia parco nei consumi non significa sia
      "verde", l'inquinamento dovuto all'informatica è
      dovuto soprattutto allo smaltimento a fine vita,
      non certo alle emissioni dovute ai consumi
      elettrici.

      per cui ok: le aziende penseranno pure
      (giustamente) a ridurre i consumi elettrici per
      ridurre i costi, ma ciò non significa essere più
      "verdi"...Il test si riferisce solo ai SO, non all'hardware. Il fatto che Linux aiuti a ridurre i rifiuti prolungando la vita dei PC è comunque un dato accertato.
      • babelzeta scrive:
        Re: verde economico
        - Scritto da: www.aleksfalcone.org
        - Scritto da: babel zeta

        che un pc sia parco nei consumi non significa
        sia

        "verde", l'inquinamento dovuto all'informatica è

        dovuto soprattutto allo smaltimento a fine vita,

        non certo alle emissioni dovute ai consumi

        elettrici.



        per cui ok: le aziende penseranno pure

        (giustamente) a ridurre i consumi elettrici per

        ridurre i costi, ma ciò non significa essere più

        "verdi"...

        Il test si riferisce solo ai SO, non
        all'hardware.


        Il fatto che Linux aiuti a ridurre i rifiuti
        prolungando la vita dei PC è comunque un dato
        accertato.ripeto anche qui che sono d'accordo (per inciso utilizzo linux... :) ) volevo solo invitare a considerare il problema con una visuale più ampia. ciao!
  • Degenere scrive:
    Linux il più verde, Win il più Marrone
    lordato dalle sue stesse politiche,affonda sempre più nella meLMaPLOF!
    • Blackstorm scrive:
      Re: Linux il più verde, Win il più Marrone
      - Scritto da: Degenere
      lordato dalle sue stesse politiche,
      affonda sempre più nella meLMa

      PLOF!Ok, comincia la sagra degli imbelli (R by Aieie Prazov).
    • iRoby scrive:
      Re: Linux il più verde, Win il più Marrone
      Spetta spetta, guarda questa notizia qua, che chissà se passerà su PI...http://www.theinquirer.net/gb/inquirer/news/2008/06/10/vista-bad-stealsHanno beccato dei piratoni con varie copie di software Micro$oft e non c'era nemmeno un Vista. Fa talmente schifo che non lo copiano neppure!
      • bash scrive:
        Re: Linux il più verde, Win il più Marrone
        - Scritto da: iRoby
        Spetta spetta, guarda questa notizia qua, che
        chissà se passerà su
        PI...

        http://www.theinquirer.net/gb/inquirer/news/2008/0

        Hanno beccato dei piratoni con varie copie di
        software Micro$oft e non c'era nemmeno un Vista.
        Fa talmente schifo che non lo copiano
        neppure!Ma scherzi?Non ne hanno trovate perche' Vista e' un sistema talmente sicuro che e' impossibile da copiare.Ed e' talmente bello che la gente ha finalmente capito che lo vuole solo originale, che sono soldi spesi bene.
        • Severissimus scrive:
          Re: Linux il più verde, Win il più Marrone
          No, no! Non c'era nemmeno una copia di Vista, perché era andato a ruba! :D
          • Degenere scrive:
            Re: Linux il più verde, Win il più Marrone
            LOL mi fate schiattare! (rotfl)poi c'è da considerare tutte le copie piazzate da Renji, almeno stando a quanto dice lui!per il momento mi sa che le ha piazzate in magazzino,a prender polvere!
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Linux il più verde, Win il più Marrone
            - Scritto da: Degenere
            LOL mi fate schiattare! (rotfl)

            poi c'è da considerare tutte le copie piazzate da
            Renji, almeno stando a quanto dice
            lui!

            per il momento mi sa che le ha piazzate in
            magazzino,
            a prender polvere!Le spolvera ogni mattina, dalle 8 alle 9, mentre il suo PC si avvia...
          • tux scrive:
            Re: Linux il più verde, Win il più Marrone
            be renji è il migliore il mio vista ci mette 1 ora e mezzo gli chiedero consiglio...solo un ora lui si che ci sa fare...(linux)(apple)(c64)(amiga)
Chiudi i commenti