Zappos: compromessi milioni di account

Lo store online cade vittima di ignoti cyber-criminali e mette in guardia l'utenza. Password tutte da rifare. Ma le carte di credito sono salve

Roma – Nuova vittima del crimine telematico ad alto profilo: lo store online Zappos.com – specializzato in scarpe e abbigliamento – ha comunicato di aver subito un attacco da parte di ignoti cracker, in conseguenza del quale tutti gli account utente sono stati compromessi.

La falla apertasi nell’ e-tailer – sussidiaria di Amazon dal 2009 – è di quelle massicce, il numero di clienti interessati ammonta a 24 milioni e per ognuno di essi risultano a rischio nome, mailbox, indirizzo fisico, numero di telefono e hash della password di accesso.

Sarebbero invece al sicuro gli account condivisi con i servizi Amazon e il numero completo delle carte di credito usati dai clienti, dice Zappos, dati evidentemente gestiti su server esterni. I cracker “hanno ottenuto accesso a parti dei nostri network e sistemi interni” passando dai server presenti nel Kentucky, spiega la società.

In conseguenza della grave breccia telematica subita a cavallo del weekend, dicono quelli di Zappos, tutte le password sono state resettate ed è stata inviata opportuna comunicazione a tutti gli utenti registrati con il servizio. Interrotto anche il supporto telefonico, chi volesse contattare la società al momento può farlo solo via posta elettronica.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Apple: così fan tutti
    E tutti fanno schifo, Apple in testa.
  • uno nessuno scrive:
    puro marketing
    Non conosco l'associazione in questione, ma iscriversi a un'associazione di commercio equo è una buffonata. Qualche motivo, scelto a caso fra i milioni di motivi che si possono citare:* Non vengono effettuati controlli sui produttori. Quando vengono effettuati, spesso chi li certifica è (guarda caso) chi rivende i prodotti in Europa, si pensi a Fair Trade. Uno po' come far decidere al proprietario di tutte le reti televisive se fare un'asta sulle frequenze.* La carta del commercio equo prevede che uno prodotto è equo se META' del suo prezzo di costo OPPURE del suo peso proviene dal commercio equo. Il resto può tranquillamente venire dalle miniere africane.* I più grandi rivenditori usano tecniche commerciali simili a quelle di Microsoft (andate dai bottegai che vendono solo prodotti di Altromercato e non della concorrenza, e chiedete il motivo di questa scelta)* Il commercio equo utilizza canoni pensati da borghesucci occidentali e pretende di farli valere per i più poveri della Terra. Ad esempio, se una famiglia per evitare di morire di fame fa lavorare i bambini, nemmeno i genitori saranno ammessi nel circuito del commercio equo (il signor Altromercato forse non sa che morire di fame è meno piacevole che lavorare a 12 anni, e non può saperlo, essendo un ricco XXXXXXXXX).
    • sghembo scrive:
      Re: puro marketing
      - Scritto da: uno nessuno[...]
      * Il commercio equo utilizza canoni pensati da
      borghesucci occidentali e pretende di farli
      valere per i più poveri della Terra. Ad esempio,
      se una famiglia per evitare di morire di fame fa
      lavorare i bambini, nemmeno i genitori saranno
      ammessi nel circuito del commercio equo (il
      signor Altromercato forse non sa che morire di
      fame è meno piacevole che lavorare a 12 anni, e
      non può saperlo, essendo un ricco
      XXXXXXXXX).molto di ciò che dici è condivisibile, ma alcuni di questi ragionamenti sono quelli che non faranno mai uscire nessuno dal XXXXX in cui vivono.dove muori di fame è FARLI i figli, il problema. Perché li fai?!! Avrai pure un motivo, ma non è ABBASTANZA valido se poi li devi mettere a lavorare a 12 anni perché altrimenti muoiono!L'alternativa è diversa anche da quella che citi tu.
  • ruppolo scrive:
    Aple forever
    Ma io me ne infischio di tutte le vostre dice rie.Io me comprerò sempre i prodoti della aple perchè sono fichi.A me piaciono i fichi con il formaggio, e voglio che tuti quanti vedono che sono un fico.Mi puza l'alito a forza di mangiare fichi con il formagio e non faccio la XXXXX, ma è lo scoto per essere fichi.Viva le aple.Sono fico.
    • ruppolo scrive:
      Re: Aple forever
      Dimenti cavo.Un salu tone al mio amico finale cuttolo che gira con la sua auto-mobile colla scritta FINALCUT.Lui si che è un esem pio da prendere.Hanche lui ha l'alito che puza un po di caca pupù.Ma gira con l'adesivo ed è best-Iale.Per cualche maligno che crede che io me sia un i-diota, pensa male.Un I-saluto a tuti, anche a Tuti che mi sa che che è ancora in carcere a rebibia.Spero che habia l'aipad hanche lui, perchè noi che hamiamo la aple siamo tuti una familia.Ciao bufoni.
      • Young&Nerd scrive:
        Re: Aple forever
        Senti hamico, non so kome tu abia fatto, ma a me mi una trollata più leggera me l' anno censurata queli di PI.Viva l' apleviva laXXXXX- Scritto da: ruppolo
        Dimenti cavo.
        Un salu tone al mio amico finale cuttolo che gira
        con la sua auto-mobile colla scritta
        FINALCUT.
        Lui si che è un esem pio da prendere.
        Hanche lui ha l'alito che puza un po di caca pupù.
        Ma gira con l'adesivo ed è best-Iale.

        Per cualche maligno che crede che io me sia un
        i-diota, pensa
        male.
        Un I-saluto a tuti, anche a Tuti che mi sa che
        che è ancora in carcere a
        rebibia.
        Spero che habia l'aipad hanche lui, perchè noi
        che hamiamo la aple siamo tuti una
        familia.

        Ciao bufoni.
    • gnammolo scrive:
      Re: Aple forever
      cancellato 5 minuti dopo aver mandato la mail di segnalazione, mi scuso con Luca Annunziata per la frase poco elegante era solo per verificare il funzionamento del sistema di censura/moderazione basato su segnalazione dell'utente in automatico, adesso capisco molti post censurati
  • prova123 scrive:
    Tutte le grandi multinazionali ...
    fanno firmare i moduli prestampati allo schiavista di turno che garantisce che ... bla ... bla ... bla ... per pulirsi la coscienza da un pusto di vista formale.
    • sghembo scrive:
      Re: Tutte le grandi multinazionali ...
      - Scritto da: prova123
      fanno firmare i moduli prestampati allo
      schiavista di turno che garantisce che ... bla
      ... bla ... bla ... per pulirsi la coscienza da
      un pusto di vista
      formale.se non ci sono i sindacati in USA (quelli veri) figuriamoci se possono garantire qualcosa IN CINA, Loro, che sono economicamente di proprietà dei cinesi. gente che ti fa firmare la lettera di dimissioni in bianco
  • MeX scrive:
    costi...
    che palle cone sta tiritera dei ricarichi d'altronde qui su PI ci sono i geni che pensano che la cosa che costa di più per produrre un album è stampare un milione di CD non mi stupisce che poi pensino che la cosa che costa di più in un telefono sono pezzi di silicio che costano centesimi pure agli hobbisti di elettronica.Lo capite o no che il COSTO delle materie prime e del lavoro incide in modo inferiore, toh al massimo pari, a quello di mantenere le persone che PROGETTANO quel prodotto?
    • max scrive:
      Re: costi...
      - Scritto da: MeX
      che palle cone sta tiritera dei ricarichi
      d'altronde qui su PI ci sono i geni che pensano
      che la cosa che costa di più per produrre un
      album è stampare un milione di CD non mi
      stupisce che poi pensino che la cosa che costa di
      più in un telefono sono pezzi di silicio che
      costano centesimi pure agli hobbisti di
      elettronica.

      Lo capite o no che il COSTO delle materie prime e
      del lavoro incide in modo inferiore, toh al
      massimo pari, a quello di mantenere le persone
      che PROGETTANO quel
      prodotto?si tratta semplicemente di avere margini.IBM ha venduto anni fa il suo comparto PC, e recentemente l'ex CEO ha detto che in ambito PC non si può più innovare. per forza. ieri ho visto un portatile (non un netbook) in un supermercato a 300. come si può fare R&D su un mercato così? sono alla canna del gas...
      • loollosperi ni scrive:
        Re: costi...
        - Scritto da: max
        si tratta semplicemente di avere margini.
        IBM ha venduto anni fa il suo comparto PC, e
        recentemente l'ex CEO ha detto che in ambito PC
        non si può più innovare. per forza. ieri ho visto
        un portatile (non un netbook) in un supermercato
        a 300. come si può fare R&D su un mercato così?
        sono alla canna del
        gas...Si ma peccato che sul mercato non esistono solo netbook da 300 ma quel netbook che hai visto da 300 esiste solo per soddisfare anche le tasche di chi non vuole spendere piu' di 300 ( e sono molti a cui del computer non frega quasi niente a differenza tua che te lo porti anche a letto ) visto che poi esistono i notebook e di quelli ce ne sono anche fino a 2000 e oltre.Siente spassosissimi.
        • lucio scrive:
          Re: costi...
          Balle! Anche il netbook che costa 2000 euro è offerto a uno sproposito DI MENO rispetto al suo valore. I margini sono ridottissimi anche per quelli.
          • Rover scrive:
            Re: costi...
            Beh, se te ne chiedono solo 2000, puoi fare sempre un bonifico al produttore aggiungendo un migliaio di euro.Vedrai che li prendono...
          • Fiber scrive:
            Re: costi...
            - Scritto da: lucio
            Balle! Anche il netbook che costa 2000 euro è
            offerto a uno sproposito DI MENO rispetto al suo
            valore. I margini sono ridottissimi anche per
            quelli.cioe' fammi capire .. si venderebbeo portatili da 2000 senza margini ma in perdita rispetto ai costi di produzione ?azz che "economisti" ci sono su PI (rotfl)(rotfl)
        • max scrive:
          Re: costi...
          - Scritto da: loollosperi ni
          - Scritto da: max


          si tratta semplicemente di avere margini.

          IBM ha venduto anni fa il suo comparto PC, e

          recentemente l'ex CEO ha detto che in ambito
          PC

          non si può più innovare. per forza. ieri ho
          visto

          un portatile (non un netbook) in un
          supermercato

          a 300. come si può fare R&D su un mercato
          così?

          sono alla canna del

          gas...

          Si ma peccato che sul mercato non esistono solo
          netbook da 300 ma quel netbook che hai visto da
          300 esiste solo per soddisfare anche le tasche
          di chi non vuole spendere piu' di 300 ( e sono
          molti a cui del computer non frega quasi niente a
          differenza tua che te lo porti anche a letto )
          visto che poi esistono i notebook e di quelli ce
          ne sono anche fino a 2000 e
          oltre.
          Siente spassosissimi.ma almeno leggi prima di rispondere. ho appena detto che NON ERA UN NETBOOK. si trovno NOTEBOOK a 300. secondo te perché non crolla il mercao dei PC? perché lavora a margine zero o poco sopra. a stento tengono in piedi la baracca, figurati quanto possono spendere in progetti innovativi...
          • Fiber scrive:
            Re: costi...
            - Scritto da: max
            ma almeno leggi prima di rispondere. ho appena
            detto che NON ERA UN NETBOOK. si trovno NOTEBOOK
            a 300. secondo te perché non crolla il mercao
            dei PC? perché lavora a margine zero o poco
            sopra. a stento tengono in piedi la baracca,
            figurati quanto possono spendere in progetti
            innovativi...Notebook da 300 sono feccia che viene venduta per accontentare anche chi non puo' permettersi di spendere di piu'al mondo mica esistono solo elementi che per comprare un Notebook Apple 15.4" senza porte USB 3.0 senza Blu Ray, senza porte E-sata 300,senza Express Card con scheda video ridicola rispetto a cio' che offre il mercato Notebook Pc spende 2000 pagando a rate con Findomesticc'è anche chi non vuole fare rate come chi non vuole pagare 2000 per delle quisquilie Apple anche per principio ...ricordandoti poi che il mercato Pc e' talmente vasto e fatto da miliardi di macchine che anche se sul mercato esistono Notebook supereconomici da 300 (per accontentare chi non puo' e non vuole spendere soldi per mandare 4 email ,chattare e navigare sul web ogni tanto ) poi c'è tutto il resto del mercato con macchine piu' care e quindi con margini piu' alti che compensa... la produzione e' stata spostata in Cina da anni proprio per questo nel mercato Pc mica esistono solo 6-8 modelli di macchine da vendere con ricarichi del 300% come fa Apple quando ti piazza un suo computer dove oramai nell'80% paghi solo il Marketing http://www.wired.com/gadgets/mac/commentary/cultofmac/2002/12/56677-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 gennaio 2012 16.52-----------------------------------------------------------
    • bubba scrive:
      Re: costi...
      - Scritto da: MeX
      che palle cone sta tiritera dei ricarichi
      d'altronde qui su PI ci sono i geni che pensano
      che la cosa che costa di più per produrre un
      album è stampare un milione di CD non mi
      stupisce che poi pensino che la cosa che costa di
      più in un telefono sono pezzi di silicio che
      costano centesimi pure agli hobbisti di
      elettronica.

      Lo capite o no che il COSTO delle materie prime e
      del lavoro incide in modo inferiore, toh al
      massimo pari, a quello di mantenere le persone
      che PROGETTANO quel
      prodotto?ne azzeccassi mai una :)
    • mcmcmcmcmc scrive:
      Re: costi...
      - Scritto da: MeX
      che palle cone sta tiritera dei ricarichi
      d'altronde qui su PI ci sono i geni che pensano
      che la cosa che costa di più per produrre un
      album è stampare un milione di CD non mi
      stupisce che poi pensino che la cosa che costa di
      più in un telefono sono pezzi di silicio che
      costano centesimi pure agli hobbisti di
      elettronica.

      Lo capite o no che il COSTO delle materie prime e
      del lavoro incide in modo inferiore, toh al
      massimo pari, a quello di mantenere le persone
      che PROGETTANO quel
      prodotto?ok. Capito. Ma allora perchè si va a produrre a basso costo? Tanto varrebbe produrre a casa propria.Proprio sicuro che la produzione a basso costo non sia un vantaggio (solo per chi vende il prodotto e non per chi lo compra)?
      • MeX scrive:
        Re: costi...

        ok. Capito. Ma allora perchè si va a produrre a
        basso costo? Tanto varrebbe produrre a casa
        propria.perchè esternalizzare la produzione è la cosa più facile, visto che TU mantieni il controllo su prodotto e sulla progettazione e a basso costo fai solo mettere i pezzi insieme
        Proprio sicuro che la produzione a basso costo
        non sia un vantaggio (solo per chi vende il
        prodotto e non per chi lo
        compra)?è indubbio che è un vantaggio spendere meno per produrre fisicamente un prodotto, quello che contesto è che il prezzo di un prodotto debba essere determinato da soli 2 fattori:- costi della materia prima- manodoperaessendo questi costi solo una minima parte dei costi necessari alla REALIZZAZIONE di un prodotto
        • mcmcmcmcmc scrive:
          Re: costi...
          - Scritto da: MeX

          ok. Capito. Ma allora perchè si va a
          produrre
          a

          basso costo? Tanto varrebbe produrre a casa

          propria.

          perchè esternalizzare la produzione è la cosa più
          facile, visto che TU mantieni il controllo su
          prodotto e sulla progettazione e a basso costo
          fai solo mettere i pezzi
          insieme


          Proprio sicuro che la produzione a basso
          costo

          non sia un vantaggio (solo per chi vende il

          prodotto e non per chi lo

          compra)?

          è indubbio che è un vantaggio spendere meno per
          produrre fisicamente un prodotto, quello che
          contesto è che il prezzo di un prodotto
          debba essere determinato da soli 2
          fattori:
          - costi della materia prima
          - manodopera

          essendo questi costi solo una minima parte dei
          costi necessari alla REALIZZAZIONE di un
          prodottola tua mi pare difesa ad oltranza di qualche azienda preferita.Ripeto, se il costo di produzione è una minima parte del prodotto, non ci sarebbe motivo di delocalizzare. La realtà è che il costo di produzione è molto incisivo sul guadagno.
          • MeX scrive:
            Re: costi...

            la tua mi pare difesa ad oltranza di qualche
            azienda
            preferita.no, TUTTE le aziende di elettronica producono in Cina
            Ripeto, se il costo di produzione è una minima
            parte del prodotto, non ci sarebbe motivo di
            delocalizzare. La realtà è che il costo di
            produzione è molto incisivo sul
            guadagno.SUL GUADAGNO certo, sui costi non è L'UNICA cosa ad incidere.Certo che è meglio spendere 10 invece di 100 per assemblare in computer, ma il computer non costa solo per le sue materie prime e la manodopera, mi pare una cosa ovvia!
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: costi...
            - Scritto da: MeX

            la tua mi pare difesa ad oltranza di qualche

            azienda

            preferita.

            no, TUTTE le aziende di elettronica producono in
            Cina


            Ripeto, se il costo di produzione è una
            minima

            parte del prodotto, non ci sarebbe motivo di

            delocalizzare. La realtà è che il costo di

            produzione è molto incisivo sul

            guadagno.

            SUL GUADAGNO certo, sui costi non è L'UNICA cosa
            ad
            incidere.
            Certo che è meglio spendere 10 invece di 100 per
            assemblare in computer, ma il computer non costa
            solo per le sue materie prime e la manodopera, mi
            pare una cosa
            ovvia!ovvio sì. Ma in questi casi è importante quantificare. Quanto incide sul costo totale (costo totale, non prezzo) il costo di produzione?
          • MeX scrive:
            Re: costi...
            secondo me incide meno del costo di ingenierizzazione.
        • Rover scrive:
          Re: costi...
          In effetti c'è altro:il marketing e la fuffa, ad esempio...
    • gnammolo scrive:
      Re: costi...
      DATI DATI DATI!!! Quanto spende per costruire l'iphone si sa http://www.itproportal.com/2011/10/20/iphone4s-production-cost-188-same-iphone-4-estimate/e una stima di quanto spenda in R&D c'è (http://www.ciozone.com/index.php/Editorial-Research/Top-50-Technology-R&D-Spenders.html) ed è poco, quindi le baggianate per adesso le hai dette tu, correggimi con numeri e non chiacchere se sbaglio
      • MeX scrive:
        Re: costi...
        io i dati di quanto ha speso Apple di R&D, amministrazione, marketing etc dell'iPhone non ce li ho, se tu ce li hai fatti avanti!
        • gnammolo scrive:
          Re: costi...
          allora che scrivi? perché apri post basati su congetture di cui tu stesso non hai i dati?
          • MeX scrive:
            Re: costi...
            anche tu stai supponendo che i costi di produzione siano quelli che incidono di più sul costo di un prodotto
    • Rover scrive:
      Re: costi...
      Infatti i 60 mld di liquidità Apple li ha fatti rapinando banche!
    • sghembo scrive:
      Re: costi...
      - Scritto da: MeX[...]
      Lo capite o no che il COSTO delle materie prime e
      del lavoro incide in modo inferiore, toh al
      massimo pari, a quello di mantenere le persone
      che PROGETTANO quel
      prodotto?strano allora che delocalizzino sempre la produzione e che si tenga sempre product/marketing/r&d ...tutti idioti?
      • MeX scrive:
        Re: costi...
        no, è che se tu hai una gelateria, "esternalizzi" i gelatai che guidano il carretto intorno alla città, oppure fai CEO della tua gelateria un Cinese e tu guidi il carretto?
  • max scrive:
    forse senza Jobs....
    la Apple sarà meno "visionaria" ma più "umana"...dopo di che la domanda fondamentale è: quanto sono disposte a rimetterci queste imprese americane ed europee che fanno costruire in Cina per ridurre i costi di produzione? più diritti significa un costo del lavoro più alto e una produzione verosimilmente più bassa... se tu pretendi più diritti ne sostieni il costo?altrimenti sono parole al vento...diciamo che Apple ha margini tali che forse potrebbe permettersi di sostenere qualche costo per soddisfare questa richiesta di diritti e trasparenza... HP, per esempio, che già vende i PC a margine 0 (se non sottocosto) non se lo può permettere...
    • Fiber scrive:
      Re: forse senza Jobs....
      - Scritto da: max
      la Apple sarà meno "visionaria" ma più "umana"...
      dopo di che la domanda fondamentale è: quanto
      sono disposte a rimetterci queste imprese
      americane ed europee che fanno costruire in Cina
      per ridurre i costi di produzione? più diritti
      significa un costo del lavoro più alto e una
      produzione verosimilmente più bassa... se tu
      pretendi più diritti ne sostieni il
      costo?
      altrimenti sono parole al vento...
      diciamo che Apple ha margini tali che forse
      potrebbe permettersi di sostenere qualche costo
      per soddisfare questa richiesta di diritti e
      trasparenza... HP, per esempio, che già vende i
      PC a margine 0 (se non sottocosto) non se lo può
      permettere...Apple che ricarica fino al 300% su di un Iphone potrebbe anche permettersi di aumentare del triplo i pagamenti a Foxconn ...e non solo di aver piu' cura etc e tutto il resto che si e' letto nella notizia spendendo 4 bazzecole in piu' per questo impara a far 2 conti e a capire che Apple con quei margini e quegli utili ( lo dimostra il bottino da circa 65 miliardi di $ che c'è in cassaforte a Cupertino nell' 80% generato dai 2 iGiocattoli aka Phone & Pad ) potrebbe pagare uno stipendio da 2000 al mese pure a te ...sempre che non lo stia gia' facendo per la propaganda gratuita che le fai sul Web da anni (rotfl)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 gennaio 2012 16.20-----------------------------------------------------------
      • Sgabbio scrive:
        Re: forse senza Jobs....
        Modificato dall' autore il 16 gennaio 2012 16.20
        --------------------------------------------------
      • max scrive:
        Re: forse senza Jobs....
        - Scritto da: Fiber
        - Scritto da: max

        la Apple sarà meno "visionaria" ma più
        "umana"...

        dopo di che la domanda fondamentale è: quanto

        sono disposte a rimetterci queste imprese

        americane ed europee che fanno costruire in
        Cina

        per ridurre i costi di produzione? più
        diritti

        significa un costo del lavoro più alto e una

        produzione verosimilmente più bassa... se tu

        pretendi più diritti ne sostieni il

        costo?

        altrimenti sono parole al vento...

        diciamo che Apple ha margini tali che forse

        potrebbe permettersi di sostenere qualche
        costo

        per soddisfare questa richiesta di diritti e

        trasparenza... HP, per esempio, che già
        vende
        i

        PC a margine 0 (se non sottocosto) non se lo
        può

        permettere...


        Apple che ricarica fino al 300% su di un Iphone
        potrebbe anche permettersi di aumentare del
        triplo i pagamenti a Foxconn ...e non solo di
        aver piu' cura etc e tutto il resto che si e'
        letto nella notizia spendendo 4 bazzecole in
        piu' per questo



        impara a far 2 conti e a capire che Apple con
        quei margini e quegli utili ( lo dimostra il
        bottino da circa 65 miliardi di $ che c'è in
        cassaforte a Cupertino nell' 80% generato dai 2
        iGiocattoli aka Phone & Pad ) potrebbe pagare uno
        stipendio da 2000 al mese pure a te ...sempre
        che non lo stia gia' facendo per la propaganda
        gratuita che le fai sul Web da anni
        (rotfl)non rispondo più ai troll, spiacente.
        • Fiber scrive:
          Re: forse senza Jobs....
          - Scritto da: max
          non rispondo più ai troll, spiacente.Piuttosto non rispondi quando ti dico la verità visto che non c'è niente da rispondere :D :D :D
          • aphex twin scrive:
            Re: forse senza Jobs....
            Hai ammesso di essere un XXXXXXXX ? XXXXXXX allora zitti tutti ed applauso.
    • hermanhesse _quello vero scrive:
      Re: forse senza Jobs....
      COn ....TIM COOK?(ROTFL)Informati sul personaggio. Meglio Jobs da quel punto di vista...
    • attonito scrive:
      Re: forse senza Jobs....
      - Scritto da: max
      la domanda fondamentale è: quanto
      sono disposte a rimetterci queste imprese
      americane ed europee che fanno costruire in Cina
      per ridurre i costi di produzione?Zero.
    • gnammolo scrive:
      Re: forse senza Jobs....
      esatto sarebbe da capire quanto poi effettivamente viene investito a favore dei lavoratori, il sospetto è che questa iniziativa sia solo una trovata pubblicitaria.
    • bertuccia scrive:
      Re: forse senza Jobs....
      - Scritto da: mcmcmcmcmc

      Alla Cina conviene, alle industrie che
      delocalizzano conviene. E agli altri? No. E credo
      che i tempi siano maturi. Tu, Apple o tutti gli
      altri, vuoi vendere il tuo giochino a 800 eurini
      in europa? Bene, ovunque produci il lavoro deve
      essere tutelato e ben pagato, come se lo
      producessi in Germania (non necessariamente al
      costo tedesco). I tuoi margini calano? Proprio un
      peccato. Vuoi vendere il giochino a 1500 eurini?
      Provaci. Non conviene più produrre in Cina e
      tanto vale produrre in Italia?
      Peccato...ok adesso ho capito meglio il tuo discorso..
    • zizzo scrive:
      Re: forse senza Jobs....
      il peccato è che lo vanno a produrre in cina.Producete in europa, e sperate che gli europei allunghino il braccino vi sostengano!
      • mcmcmcmcmc scrive:
        Re: forse senza Jobs....
        - Scritto da: zizzo
        il peccato è che lo vanno a produrre in cina.
        Producete in europa, e sperate che gli europei
        allunghino il braccino vi
        sostengano!non ti ho capito.Si va a produrre in Cina perchè costa meno. Se costasse di più, forse, resterebbero "a casa" a produrre. Cosa non è chiaro di quel che ho scritto prima?
    • mcmcmcmcmc scrive:
      Re: forse senza Jobs....
      - Scritto da: sghembo
      non vedi che i diritti in Italia e in Europa li
      stanno
      smantellando?
      prima hanno venduto tutto al miglior offerente,
      ora dicono che "dobbiamo essere competitivi" (=
      loro devono guadagnare di più mentre tu devi
      guadagnare sempre meno e avere sempre meno tempo
      per
      vivere)
      Gli intenti visibili sono quelli di tornare a
      roba ottocentesca stile prima industrializzazione
      coi cappelli a cilindro, sembra
      pazzesco.
      Eppure la tendenza è sempre quella: per loro
      "essere liberi" significa che la TUA libertà è
      scegliere se morire o
      meno.
      La LORO libertà è massima.

      Vi prego di non farmi usare termini fastidiosi e
      obsoleti per sostituire il
      "loro".ma hai letto con attenzione quello che ho scritto? Stai ripetendo grosso modo quel che dico io e pensi che io stia dicendo il contrario?Riposto anche qui questa buona lettura http://goo.gl/BK5rv
  • panda rossa scrive:
    Non ripetere gli errori della Foxconn
    Ovvero, trovare una fabbrica di schiavi che non faccia sapere in giro che gli operai preferiscono il suicidio all'assemblare gli ipad.
    • max scrive:
      Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
      - Scritto da: panda rossa
      Ovvero, trovare una fabbrica di schiavi che non
      faccia sapere in giro che gli operai preferiscono
      il suicidio all'assemblare gli
      ipad.una domanda facile facile: tu sai chi ha costruito tutte le componenti (case compreso) del tuo PC? sai in che fabbrica è stato costruito il tuo cellulare? e l'alimentatore del tuo cellulare? le tue scarpe?
      • panda rossa scrive:
        Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
        - Scritto da: max
        - Scritto da: panda rossa

        Ovvero, trovare una fabbrica di schiavi che non

        faccia sapere in giro che gli operai
        preferiscono

        il suicidio all'assemblare gli

        ipad.

        una domanda facile facile: tu sai chi ha
        costruito tutte le componenti (case compreso) del
        tuo PC? sai in che fabbrica è stato costruito il
        tuo cellulare? e l'alimentatore del tuo
        cellulare? le tue
        scarpe?Tu non hai capito niente.Diciamo pure che le abbiano costruite in Foxconn se vuoi che ti dica questo.Ma quello che voi macachi invasati non capite e' che una schifezza di telefono cellulare che alla apple costa 100 dollari di materia prima e una ciotola di riso per lo schiavo, a te lo fa pagare 700 (settecento euro).Invece le cose che ho io e che sono fatte in foxconn, costano 100 dollari a chi le marchia, che le rivende a 110 dollari a me.
        • gnammolo scrive:
          Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
          ma lo schiavo sfruttato resta.
          • panda rossa scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            - Scritto da: gnammolo
            ma lo schiavo sfruttato resta.No. Lo schiavo e' sfruttato se ricarichi il lavoro dello schiavo del 700%.Altrimenti non e' sfruttato. E' schiavizzato e basta.
          • gnammolo scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: gnammolo

            ma lo schiavo sfruttato resta.

            No. Lo schiavo e' sfruttato se ricarichi il
            lavoro dello schiavo del
            700%.
            Altrimenti non e' sfruttato. E' schiavizzato e
            basta.guarda non commento ma lascio al lettore le eventuali deduzioni su quanto hai appena scritto.
          • attonito scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: gnammolo

            ma lo schiavo sfruttato resta.

            No. Lo schiavo e' sfruttato se ricarichi il
            lavoro dello schiavo del
            700%.
            Altrimenti non e' sfruttato. E' schiavizzato e
            basta.interessante e sottile distinzione.quindi zomperebbe sopo il XXXXX capitalista sfruttatore: non e' poco.
          • Rizzo Master scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: gnammolo

            ma lo schiavo sfruttato resta.

            No. Lo schiavo e' sfruttato se ricarichi il
            lavoro dello schiavo del
            700%.
            Altrimenti non e' sfruttato. E' schiavizzato e
            basta.bella consolazione per lo schiavo
          • iome scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            - Scritto da: Rizzo Master
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: gnammolo


            ma lo schiavo sfruttato resta.



            No. Lo schiavo e' sfruttato se ricarichi il

            lavoro dello schiavo del

            700%.

            Altrimenti non e' sfruttato. E' schiavizzato
            e

            basta.


            bella consolazione per lo schiavocosa fa il venditore che sta sopra il lavoratore? applica un ricarico e poi vende. se invece si eliminasse l-intermediario esoso si potebbe alzare un ricarico piu' "equo" che andrebbe a vantaggio del lavoratore.usiamo quache numero di fantasia:produrre un iphone=100prezzo finale iphone=700differenza=600 di cui 100 spese (pubblicita, trasporti, etc) e 500 ricarico netto. eliminare il capitalista che si prende 500 sarebbe bello ma impossibile, date che e' lui che ha la capacita' di "mettere tutto insieme". La soluzione sarebbe avere un capitalista meno capitalista (chiamiamolo capitalista "solidale") che si accontentasse diciamo di solo 100. dei 400 che restano si potebbe dare 200 ai lavoratori e 200 di sconto. avrest iun inciemento del salario di che lavora, il prezzo finale sarebbe piu' basso: ci sarebbe piu' ricchezza tramutabile in nuovi acuisti. ci guadagnerebbero tutti trane il capitalista iniziale.un bel sogno, eh?
          • zizzo scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            costa così poco?Il concorrente da 700 di sicuro funziona meglio o ha qualcosa in più :)
          • max scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: gnammolo

            ma lo schiavo sfruttato resta.

            No. Lo schiavo e' sfruttato se ricarichi il
            lavoro dello schiavo del
            700%.
            Altrimenti non e' sfruttato. E' schiavizzato e
            basta.questa è proprio bella.è SFRUTTATO DA TE che ne approfitti per poter spendere di meno. non ci guadagna l'OEM? ci guadagni tu, risparmiando.se io costringo una persona a farmi per 5 un lavoro in casa che me ne costerebbe 10, lo sto schiavizzando e non sfruttando?ma fammi il favore.
          • cinquecento arancio scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: gnammolo

            ma lo schiavo sfruttato resta.

            No. Lo schiavo e' sfruttato se ricarichi il
            lavoro dello schiavo del
            700%.
            Altrimenti non e' sfruttato. E' schiavizzato e
            basta.http://it.wikipedia.org/wiki/Schiavit%C3%B9vediamo se la tua capacità retorica è tale da riuscire a spiegarci in che modo la schiavitù può non essere l'estrema forma di sfruttamento. si schiavizza per schiavizzare? a che fine si schiavizza se non per sfruttare una forza lavoro?
          • Andrea C. scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            provo imbarazzo per te
          • aphex twin scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            Tu hai lo smegma al posto del cervello :(
          • aphex twin scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            Ed allo schiavo che differenza fa ?Vedi se riesci a comprarti anche un cervello nuovo , prodotto in Cina, peró pagalo poco altrimenti sfrutti il lavoratore. Non vorrai mica schiavizzarlo comprando un cervello D&G.Davvero, a parte gli scherzi sarebbe interessante (psicologicamente parlando) comprendere questo tuo pensiero. Ce lo vuoi spiegare p.f. ?
          • krane scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            - Scritto da: aphex twin
            Ed allo schiavo che differenza fa ?

            Vedi se riesci a comprarti anche un cervello
            nuovo , prodotto in Cina, peró pagalo poco
            altrimenti sfrutti il lavoratore.


            Non vorrai mica schiavizzarlo comprando un
            cervello
            D&G.

            Davvero, a parte gli scherzi sarebbe interessante
            (psicologicamente parlando) comprendere questo
            tuo pensiero. Ce lo vuoi spiegare p.f. ?Credo alluda al "discorso tipico dello schiavo" http://www.youtube.com/watch?v=HEyW5tfdPmY&feature=player_embedded#!
          • aphex twin scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            Contenuto bloccato nel mio paese :o
          • krane scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            - Scritto da: aphex twin
            Contenuto bloccato nel mio paese :oE donde vieni :o ?!?!Te ne trovo altri...http://www.youtube.com/watch?v=BHAl4s_aOCo&hlOppure trascritto:http://nrg4life.info/mente-libera/il-discorso-tipico-dello-schiavo-di-silvano-agosti.htmlSe anche questi sono bloccati cerca: "Silvano Agosti: Ci stanno rubando la vita"
          • aphex twin scrive:
            Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
            Europa centrale CET+1 :)Grazie , stasera me lo guardo con calma a casa.
    • rappolo scrive:
      Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
      belli loro che si fanno costruire l'iphone dai bambinihttp://www.businessinsider.com/apple-child-labor-2012-1
      • max scrive:
        Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
        - Scritto da: rappolo
        belli loro che si fanno costruire l'iphone dai
        bambini
        http://www.businessinsider.com/apple-child-labor-2foxcomm è il più grande costruttore di apparecchiature elettroniche del mondo. la fabbrica in questione ha 330.000 dipendenti. lavora per chiunque, compresi naturalmente produttori cinesi.qualcuno ha visto di persona e/o fotografato bambini sulle linee di assemblaggio dell'iphone?propaganda.
      • gnammolo scrive:
        Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
        infatti gli iphone li costruiscono gli elfi magici
      • aphex twin scrive:
        Re: Non ripetere gli errori della Foxconn
        Hai mai dato un calcio ad un pallone ?
Chiudi i commenti