Ziff-Davis, mega-risarcimento per privacy

Il colosso editoriale si era fatto sfuggire dati personali di propri utenti
Il colosso editoriale si era fatto sfuggire dati personali di propri utenti


Roma – L’editore Ziff-Davis Media (ZD) ha accettato di pagare 125mila dollari per chiudere una inchiesta su un buco nei sistemi di una propria ezine che lo scorso novembre ha esposto i dati personali, compresi quelli delle carte di credito, di una 50ina di utenti.

ZD rimborserà a ciascuno dei 50 500 dollari e verserà altri 100mila dollari alle autorità dei tre stati federali che hanno indagato sull’accaduto. ZD, ha affermato uno dei procuratori federali, ha accettato di utilizzare sistemi di cifratura e autenticazione sia quando i dati sono trasmessi dall’utente sia quando risiedono sui propri server.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 08 2002
Link copiato negli appunti