Zire, il primo Palm sotto i 100$

Costa quanto un'agendina elettronica di pochi anni fa e ha tutto ciò che serve per sostituire, in viaggio, carta, penna e calamaio. Le alternative costano di più ma offrono più memoria

Milpitas (USA) – ( Aggiornata , 11:34) Tenendo fede ai piani di marketing delineati poche settimane fa , Palm dà il via alla sua nuova strategia d’attacco lanciando Zire, il primo modello di una nuova linea di PDA espressamente dedicati al mercato consumer.

Il nuovo palmare, che sul mercato USA costa 99$ e su quello europeo costa 134,85 euro, rappresenta l’offerta entry-level di Palm e viene venduto nella tipica confezione di plastica trasparente che si trova frequentemente negli scaffali di negozi e supermercati. L’intento di Palm è infatti proprio quello di raggiungere un pubblico più vasto rispetto al passato sfruttando i tipici canali di vendita dell’elettronica di consumo: questo significa che da oggi potrebbe non essere infrequente trovare Zire negli stessi spazi dove vengono tradizionalmente vendute le agendine elettroniche da poche decine di euro.

Zire Rispetto ai fratelli maggiori, lo Zire ha un case leggermente più compatto (11,2 x 7,4 x 1,6 cm), è più leggero (109 grammi) e dispone di due soli tasti che, oltre alla navigazione fra menù e documenti, consentono di accedere rapidamente alla rubrica degli indirizzi e all’agenda/calendario. I tasti mancanti sono sostituiti da icone accessibili con la stilo nella parte inferiore del PDA.

Il nuovo cucciolo di Palm ha un display LCD monocromatico da 160×160 punti, una memoria da 2 MB, un processore Dragonball EZ di Motorola da 16 MHz, Palm OS 4.1, uscita USB e IrDA, batteria ricaricabile agli ioni di litio con un’autonomia dichiarata di circa 3-4 settimane, e una dotazione software che comprende Agenda, Rubrica, Impegni, Blocco note, Appunti, Orologio, Calcolatrice, HotSync, Protezione e Spese.

Zire si va a scontrare, sul mercato, con gli organizer a basso costo offerti da produttori come Casio, Olivetti e Oregon Scientific, ma rispetto a questi vanta la compatibilità con migliaia di applicazioni disponibili per Palm OS e la maggiore maturità e potenza della piattaforma di Palm. Questa fascia di mercato è del tutto ignorata dai produttori di Pocket PC, tuttavia Zire potrebbe trovare dei validi concorrenti nei PDA entry-level basati su Palm OS prodotti da aziende come Handspring e Sony. Chi si accontenta di Palm OS 3.5 e può fare a meno dell’USB può trovare un’alternativa a Zire anche nel suo fratellino maggiore, l’m105, che per 99$ in USA e 122,85 euro (addirittura meno di Zire) in Europa offre 8 MB di memoria.

Il 28 ottobre Palm dovrebbe lanciare il primo PDA della nuova linea “Tungsten” dedicata al mercato professionale e aziendale. Questi palmari adotteranno Palm OS 5, l’architettura single-chip OMAP di Texas Instruments, la tecnologia wireless Bluetooth e, in alcuni modelli, il supporto alle reti mobili GPRS/GSM.

(Nota: i prezzi sono stati presi da www.palmdirect.com e store.palm.com)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    morpche?
    La tecnologia e' vecchiotta... si tratta di proiettare una immagine per l'occhio destro ed una per quello sinistro, mentre gli occhialini non fanno altro che chiudere la visuale a l'occhio che di volta in volta non non deve vedere l'immagine...Solo non capisco quando dovrebbero essere "applicati" gli "effetti di morphing" :)))Terra2
    • Anonimo scrive:
      Re: morpche?
      Perchè probabilmente, se il filmato non è stato ripreso con due obiettivi distanti circa 10cm che prendono le immagini così come le vedrebbero gli occhi, applicheranno qualche strano algoritmo di morphing per "simulare" il leggero angolo di inclinazione esistente tra i due punti di ripresa.Ovviamente se l'effetto risultante sarà percepito da chi vede il film come 3D genuino, e tutto da verificare.
  • Anonimo scrive:
    La storia ormai è vecchia
    Sento parlare di cinema e TV in 3D, da quando ero bambino (anni 60). Sono usciti film e giornali che si guardavano con occhialini di cartone verdi e rossi, poi con lenti polarizzate, poi si è addiritura parlato ti Tv con trasmissione degli odori e ci si chiedeva:ma trsmetteranno anche le puzze? La verità è che non esiste ancora un sistema che non dia assuefazione visiva e che sia realmente efficace e non credo che questo sarà diverso.
Chiudi i commenti