Zuckerberg e soci alla riforma dell'immigrazione

Zuckerberg e soci alla riforma dell'immigrazione

Un nuovo gruppo di pressione politica supporta l'iniziativa dei grandi protagonisti della tecnologia e della net economy nel tentativo di premere sulla politica USA e agevolare l'afflusso di "cervelli"
Un nuovo gruppo di pressione politica supporta l'iniziativa dei grandi protagonisti della tecnologia e della net economy nel tentativo di premere sulla politica USA e agevolare l'afflusso di "cervelli"

Già emerso nei giorni scorsi sotto forma di memo ufficiosi con tanto di coda polemica, il gruppo di pressione politica voluto dai magnati dell’hi-tech statunitense esce ora allo scoperto: FWD.us , questa l’incarnazione online del gruppo, lavorerà fuori e dentro la rete per costringere la politica a riformare le attuali politiche sull’immigrazione.

A promuovere e sostenere la lobby ci sono i principali nomi della tecnologia e dell’economia di rete degli ultimi anni, personaggi del calibro di Mark Zuckerberg (Facebook), Marissa Mayer (Yahoo!, ex-Google), Eric Schmidt (Google), Reid Hoffman (LinkedIn), investitori e capitalisti di ventura interessati alla crescita e allo sviluppo dell’hi-tech a stelle e strisce.

Un settore, quello dell’IT statutinetnse, che secondo Zuckerberg è al momento penalizzato da una politica dell’immigrazione “strana” per una nazione di immigrati e poco sana rispetto al mondo moderno. FWD.us intende fare pressione su repubblicani e democartici senza distinzioni, spingendo affinché la gestione dell’immigrazione venga modificata radicalmente per favorire l’approdo negli States di lavoratori della conoscenza in possesso di abilità e competenze fondamentali per l’era telematica.

I punti qualificanti della lobby di FWD.us includono l’introduzione di percorsi chiari e “attraenti” verso la cittadinanza per attrarre persone di valore da tutto il mondo, un incremento degli investimenti negli insegnamenti scolastici per scienze, tecnologia e ingegneria, una focalizzazione sulla ricerca scientifica capace di favorire il pubblico nel suo complesso piuttosto che una élite di pochi.

Un’esigenza da tempo sentita dalle maggiori aziende tecnologiche , quella di riformare la politica dell’immigrazione statunitense, che passa prima di tutto per l’auspicato (e sin qui non adeguatamente recepito) incremento dei visti H-1B per garantire la residenza di sei anni ai cittadini stranieri che lavorano nel paese.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 12 apr 2013
Link copiato negli appunti