4chan, era un DDoS

Almeno secondo AT&T. Moot e soci però negano ogni responabilità

Roma – La nebbia che negli ultimi giorni aveva avvolto il destino di 4chan sembra essersi diradata: AT&T, ISP statunitense che aveva reso inaccessibili alcune parti del sito ai propri clienti, ha spiegato in una nota ufficiale le ragioni e gli errori che hanno causato l’ira della community degli Anonymous.

Tutto sarebbe nato da quella che moot , fondatore di 4chan, ha descritto come reazione spropositata di un tecnico di AT&T che, rilevando dei flussi di traffico non ortodossi, avrebbe scoperto un DDoS lanciato da alcuni IP connessi in quel momento all’imageboard pseudoanarchico .

La spiegazione di 4chan rispetto al fattaccio risulta tuttavia leggermente differente da quella resa da AT&T. Nonostante venga confermato il DDoS, sul blog ufficioso viene sottolineato come in realtà sia stato 4chan stesso ad esserne vittima , e che i suoi strumenti di difesa avrebbero in qualche modo deviato parte del traffico malevolo dando l’impressione erronea che fosse il sito stesso il responsabile dell’attacco. ( G.P. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lufo88 scrive:
    Se la pensano così
    "l'altrimenti ripetitiva operazione di login"Se gli americani pensano che sia solo ripetitiva e/o inutile siamo messi bene......Per il resto, l'unico problema sarebbe registrare i dati sapendo a chi si riferiscono e non a scopo statistico.
Chiudi i commenti