Abusi, Philips dà una mano alle major

Nuove tecnologie di fingerprinting per il colosso olandese, ancora una volta in prima linea nel fornire sistemi di protezione ai grandi dell'audiovisivo

Roma – Philips si sta lanciando su un nuovo sistema di fingerprinting ritagliato su misura per le esigenze delle major interessate a tenere traccia della diffusione online del proprio materiale video.

In sostanza questo sistema, che verrà presentato al prossimo International Consumer Electronic Show (IFA) di Berlino, funziona così: il produttore del contenuto inserisce il fingerprint all’interno dello stesso e poi ne immagazzina un clone in un database. In questo modo il file è immediatamente identificabile anche se chi lo ha messo in rete ne ha modificato il nome o il formato.

I dettagli
Stando a quando dichiarato a PC World dal CEO di Philips Identification Unit, Ronald Maandonks, il processo supera alcune limitazioni tipiche di altre metodologie, come il watermark. “Nel caso in cui il contenuto del file – spiega Maandonks – sia stato alterato o convertito in un altro formato sarebbe molto più difficile effettuare la comparazione: il trucco sta nel riuscire a comparare i fingerprint in una frazione di secondo, e il sistema da noi elaborato può farlo anche se si trattasse di un videoclip della durata di cinque secondi”.

A questo punto le aziende di controllo riuscirebbero ad individuare un file protetto, condiviso ad esempio attraverso un network P2P, non guardando il nome del file o il watermark, ma comparando il fingerprint contenuto nel file con quello a disposizione del database, quindi anche se con nome ed estensione diversi dall’originale il file sarà sempre rintracciabile, e con esso chi lo condivide. Maandonks aggiunge che in un network di monitoraggio si può arrivare a verificare il fingerprinting su migliaia di canali video in parallelo.

L’interesse delle major, e dunque di produttori come Philips, per la protezione di materiale multimediale nasce naturalmente dalla diffusione sempre più capillare delle connessioni a banda larga che velocizzano la condivisione di file sempre più grandi, anche gratuitamente ed in modo abusivo. Un processo in cui Philips sta muovendosi con grande rapidità: di recente ha sollevato scalpore la tecnologia di blindatura sviluppata dal colosso olandese capace di impedire la libera fruizione non solo dei contenuti televisivi ma anche di quelli videoregistrati.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti