Adamo, la sfida di Dell ad Apple

È in alluminio, è sottile ma non tanto leggero. E costa un sacco di soldi. Il produttore statunitense lancia la sfida: la lotta per il portatile più cool del mercato è appena cominciata

Roma – Il mercato dei PC è in crisi , ma questo non impedisce all’industria di mettere in campo soluzioni ricercate e orientate ad un target di lusso per le finiture e soprattutto per il prezzo. Poco importa che al momento l’unico comparto che sembra garantire un minimo di vitalità sia quello degli economici i netbook : nella fascia alta o altissima, dove il pezzo forte è rappresentato da piattaforme di computing dalle caratteristiche esclusive e dalla ricercatezza della confezione più che dalle funzionalità vera e propria della macchina, una delle proposte più chiacchierate è Adamo di Dell. Finalmente disponibile per l’acquisto in questi giorni.

Quale sia il campo di pertinenza di Adamo – capostipite di una nuova linea di ultraportatili – lo spiega piuttosto chiaramente John New, manager della divisione marketing consumer secondo le cui parole il nuovo prodotto è nato dalla volontà di Dell di offrire “qualcosa di sottile, elegante e che offrisse una qualità nettamente superiore a quella della concorrenza”.

Dopo una comparsata da modella al CES di Las Vegas, in cui vigeva la regola del guardare ma non toccare, Adamo si è finalmente concesso alla stampa e al mercato sotto forma di un portatile stiloso e dal design ricercato, schermo lucido LED da 13 pollici (risoluzione fissa di 1.366×768 pixel), processore Intel Core 2 Duo da 1,2 GHz, 2 Gigabyte di RAM e disco a stato solido da 128 GB. La connettività include due porte USB, una porta USB/eSATA e una connessione DisplayPort per l’output video esterno.

Completano la dotazione una porta LAN Ethernet e uno slot per l’alloggiamento di una SIM card per la connettività mobile, caratteristica ancora inusuale per un laptop ma che certamente risulterà di non poca utilità a chi il PC portatile lo usa anche in viaggio oltre che per mostrarlo ad amici e parenti tutti.

Disponibile in colorazione nero “onice” oppure bianco perla, Adamo costa da un minimo di 2000 dollari sino a un massimo di 2700 $ (in Italia prezzo base 1.899 euro), una fascia di prezzo che esclude automaticamente l’interesse della stragrande maggioranza dell’utenza (quella generalmente assorbita dalla fascia media e ora affascinata dal risparmio funzionale di quella bassa e dei netbook) ma che lo mette in diretta concorrenza con l’altro prodotto ultrasottile e ultracostoso disponibile sul mercato, il MacBook Air di Apple.

Dell sostiene che il suo laptop è il più sottile al mondo, anche più sottile dell’Air di Cupertino, ma stando ai dati nudi e crudi lo spessore di Air (tra 0,4 e 2 centimetri) continuerebbe a essere inferiore a quello fisso di Adamo (1,6 centimetri circa). Anche il peso è maggiore, con Adamo che fa sentire i suoi 1,8 chilogrammi contro gli 1,3 kg circa di Air. Si tratta comunque, a conti fatti, di dati molto vicini tra loro: Dell sembra però avere scelto una strada meno estrema che, accanto alla ricerca dello stile, preveda un giusto bilanciamento tra prestazioni, design e capacità : qualche concessione in più alla dotazione di serie, comunque, non avrebbe guastato.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • vEzpOCah scrive:
    tSMIFbWbBkmsrYNv
    comment2, http://katherintarotamour.com/chiromancie-gratuit/clairvoyance-thcat-gratuit clairvoyance thcat gratuit, 7095, http://tyroncartomancienne.com/voyance-honorée/voyance-gratuite-carte voyance gratuite carte, %(((, http://cherievoyancegratuitepartelephone.com/voyance-couple/voyance-sérieuse/voyance-nimes/voyance-destin/voyance-cam-direct voyance cam direct, prpar, http://troytarot.com/avenir-tarot/avenir/tarot-gratis/horocospe horocospe, :-DDD, http://dudleyvoyanceamour.com/tarots-amour-gratuit/voyance-gratuit-immediate voyance gratuit immediate, 8O, http://karanvoyancegratuiteparemail.com/de-voyant/expert-voyant/voyant-magrebin/un-voyant/tirer-le-tarot-gratuitement tirer le tarot gratuitement, osmd, http://harlantarotenligne.com/voyance-en/voyance-voyance/voyance-en-webcam/voyance-rouen voyance rouen, %-PPP, http://elnoravoyancetelephonegratuite.com/medium-france/medium-gratuite-par-mail medium gratuite par mail, hkjau, http://vanitavoyancegratuiteendirect.com/mon-destin-gratuit/tarot-divinatoire-gratuit-immediat tarot divinatoire gratuit immediat, vps, http://marcytiragetarotgratuit.com/astrologie-numérologie-gratuite/voyant-par-mail-gratuite voyant par mail gratuite, 953460, http://iluminadatarotdemarseillegratuit.com/voyance-arabe/boule-de-cristal-en-ligne-gratuit boule de cristal en ligne gratuit, vvpw, http://jaimeastrogratuit.com/seance-pendule-gratuit/appeler-un-voyant-gratuit appeler un voyant gratuit, pvzic, http://karolyntarotdemarseillegratuit.com/divination-voyance/voyance-sensorielle/sélection-voyance/voyance-datée/voyante-a-huisseau-sur voyante a huisseau sur,
    :DDD, http://brandenvoyancetarotgratuit.com/voyance-orleans/voyance-radio-gratuite/voyance-gratuite-ligne/live-voyance-gratuite live voyance gratuite, %-OO, http://agathamedium.com/taro-gratuite/taro/tirage-du-taro/consultation-gratuite-horoscope/voyance-serieuse-et-sans-attente-gratuite voyance serieuse et sans attente gratuite, 8-DDD, http://chantevoyanceamourgratuite.com/voyants-en/des-voyants/voyants-médiums/marabout-voyants/dictionnaire-des-rêves-en-ligne dictionnaire des rêves en ligne, 65238, http://mauritavoyancegratuit.com/tarots-gratuite/tarots-belline/tarots-de-belline/voyance-gratuite-boule-cristal voyance gratuite boule cristal, 0531, http://pearlenetarotdemarseillegratuit.com/voyance-runes/art-divinatoire-africain art divinatoire africain, 409, http://teravoyantgratuit.com/astrologie-gratuite/numerologie-gratuite/question-voyance-gratuite-reponse-immediate question voyance gratuite reponse immediate,
    :]]], http://cyndivoyanceenlignegratuite.com/divinatoire-gratuit/grand-voyant-gratuit grand voyant gratuit, %-O, http://elnoravoyancetelephonegratuite.com/horoscops-gratuit/horoscope-gratuite-du-jour horoscope gratuite du jour,
    :-]], http://berryhoroscopegratuit.com/compatibilité-du-couple/teste-de-compatibilité-prénom-gratuit teste de compatibilité prénom gratuit, 80510, http://luzvoyancetchatgratuit.com/horoscope-numérologie-gratuit/interpretation-de-reve-gratuit interpretation de reve gratuit, 80668, http://harlantarotenligne.com/les-astrologie/astrologie-signe/astrologie-chinois/lune-noire-astrologie lune noire astrologie, 8-]], http://chassidyvoyancegratuitenligne.com/chat-avenir-gratuit/horoscopie-du-jour horoscopie du jour, 06936, http://neldavoyancegratuiteimmediate.com/voyance-cartes/belgique-voyance/france-voyance/voyance-immediate-gratuit voyance immediate gratuit, 45065, http://sharicetarotgratuit.com/calcul-astrologique/poisson-astrologie poisson astrologie, :[, http://sorayavoyanceendirect.com/runes-gratuite/retour-d-affection-qui-marche retour d affection qui marche, zajk, http://jonnievoyancegratuitenligne.com/tarot-anges/france-horoscope-tarot france horoscope tarot, :-]]], http://concettatarotamourgratuit.com/tirage-tarot/tirage-tarot-di/tirage-tarot-cartomancie/tirages-tarot/magie-rouge-simple magie rouge simple, 0674, http://jerevoyancegratuiteparmail.com/voyance-gratuite/voyance-tarologie-gratuite/médium-voyance-gratuite/ton-avenir-selon-la-tarot-divinatoire ton avenir selon la tarot divinatoire,
    :-))), http://minnahoroscopedujour.com/tarots-divinatoires/bon-voyant-a-rennes bon voyant a rennes, kgjsv, http://daravoyancetelephonegratuite.com/voyance-et-magie-gratuite/predictions-gratuite predictions gratuite, 3993, http://roxanatarotsgratuits.com/voyant-gratuit/voyant-amour-gratuit/voyant-marocain-gratuit/hroscope-gratuit hroscope gratuit, ovzda,
  • AfovPHfNZmG q scrive:
    cpwkplLHscqUTrGqHl
    comment3,
  • KzSpFGkoDCJ qOi scrive:
    TRmyJyQNr
    Hello! Very good job(this site)! Thank you man.
  • TUNtBToKnoC hdkwDxD scrive:
    PgOJrhfRYoYup
    EYKKg0 http://dawneplancul.com/rencontre-coquine-maincy/rencontre-sexe-vaudemange/rencontre-coquine-livers-cazelles rencontre coquine livers cazelles
  • icsRRxjrESP scrive:
    LuqEoaWTwIzIeTb
    6t9cN http://www.wheelmansplace.com pikavippi l4s9dBs
  • BsPbndaWiV scrive:
    eIKhKPSr
    MNrHU http://www.wsoccerpicks.com/topsites/index.php?a=stats&u=collettcdhw pikavippi ilman puhelinta 18 v VSGqi8EC http://msp430.info/modules.php?name=Your_Account&op=userinfo&username=MLynton pienet pikavippifirmat UuI2TdXm8 http://jogosdecozinheira.com/profile/tagraziani.html pikavippi 20v
  • KfNMQiminBx DyFBU scrive:
    JvQHxPyKr
    Q1Xb3wCjW http://www.wheelmansplace.com pikavippi PViomgkRMoqpi
  • cfASKLcdw scrive:
    cPOwDzlMWCSR
    u0DE4tZW http://stefanflod.com pikavippi vEJvgAh12uwyFy
  • CCC scrive:
    rapporto RSF?
    me lo sono letto... ma qualcosa non mi torna...più che altro mi pare manchi qualcosa... mi sembra un pò "di parte"...per esempio: gli USA bloccano l'informazione quando fa comodo... a loropiacimento stilano liste di siti con "atteggiamenti terroristici" anchese si tratta di semplici blog, con il PatriotAct certe "agenzie" delgoverno possono intercettare email traffico web e quant'altro voglionopraticamente senza autorizzazioni...non mi torna molto neanche la parte su cuba... dove mi pare che le cosenon stiano proprio esattamente come ce le dipingono....e poi non è che qui da noi siamo messi molto meglio...per tutte queste ragioni, mi sono messo a cercare meglio... e di cose se ne trovano tante, anche su RSF, in un senso e nell'altro...come "altro" segnalo giusto questo link, per semplice completezza di informazione:http://www.gennarocarotenuto.it/6501-internet-a-cuba-e-reporters-sans-frontires/ciao
  • SuperPartes scrive:
    Il diritto di voto
    Quella del diritto per tutti o per pochi "illuminati" al voto è una discussione che propone una tentazione difficile da resistere, in un paese come il nostro. Coloro che hanno almeno una minima idea dei meccanismi politici sono portati a voler togliere il diritto di voto, o a castrarlo, per i vari guardoni del GF e aspiranti veline, ma qual è il rischio? Purtroppo, e ripeto, purtroppo, questo governo sta riuscendo, passo passo, a rubacchiare quà e là libertà e scelte che toccherebbero a noi, non per una concezione comunista del popolo, ma per una semplice motivo: sia noi che i facenti parte del governo siamo cittadini italiani; chi da diritto a loro (che, ricordiamolo, dovremmo aver eletto noi...) di scegliere come fare cosa senza neanche comunicarcelo? Quanti emendamenti, ddl, decisioni parlamentari e altro sono passati senza colpo ferire, senza risalto? Come è sbagliato che loro ci escludano in ogni modo dalla possibilità di intervenire nella vita politica del NOSTRO paese, così è sbagliato che noi escludiamo A PRIORI gli adoratori dei reality dalla categoria degli "aventi diritto di voto". Se sono così imbambolati, tanto decerebrati dalla televisione da decidere chi votare col testa o croce, l'unica VERA soluzione è introdurre un sistema di insegnamento della cultura civica. Una soluzione possibile è simile a una che ho letto più sopra: corsi obbligatori di educazione civica nelle scuole, con dibattiti (magari... tanto arricchenti) e un attestato di frequenza che permetta il voto. In questo modo nessun esame, nessuna decisione esterna ci porterà a negare a qualcuno il diritto di voto. Sarà la persona singola, frequentando il corso, a dimostrare quanto si interessa della vita politica del proprio paese. Per quanto riguarda gli anziani... Beh, ragazzi, mi sembra che anche loro abbiano un cervello, e non ne conosco molti che "votano x come viene indicato dalla famiglia". Se poi succede, sono talmente pochi da influire minimamente sui risultati finali. Poi ci sarebbe da discutere sul sistema di voto, ma è un altro discorso, e non è questo il momento.Buona serataDomenico
    • outkid scrive:
      Re: Il diritto di voto
      L'argomento: il voto non è per tutti l'ho sollevato io.Ma, sia chiaro, non parlo di avere cittadini di serie A e di serie B. Anzi.L'educazione civica. Certo. Non dico un esame che sarebbe una misura selettiva ma dei corsi a frequenza obbligatoria SI!Obbligatoria poi.. nemmeno tanto: solo se vuoi i diritti politici.Non si può non sapere come funziona l'economia.. almeno a grandi linee.C'e' gente, a tutti i livelli, che crede che la moneta venga emessa dalla Banca d'Italia, e che questo sia un istituto Statale. Questo va oltre l'essere di destra o di sinistra, qualsiasi cosa possa voler dire.
  • Mirtax scrive:
    Non dare il voto a tutti?
    A proposito di quelle discussioni sul non dare il voto a tutti (lette qui, tra i commenti), magari a quei vecchi che si ritiene votino male, a tutti sarà capitato di sentir dire che i vecchi ad una certa età dovrebbero...Sono frasi che si dicono in certi casi, e molto più si pensano in molti altri casi. Eppure in molte occasioni, io che non mi ritengo un esperto di democrazia , nè un super informato delle cose del mondo e/o della rete, ho appreso qualcosa da quei vecchi che non si vorrebbero far votare. Magari solo il fatto che molti di loro hanno sofferto come noi non siamo capaci di immaginare, solo leggendo i libri di storia, per poter conquistare quel piccolo diritto, il voto.Il vero guaio delle persone che bazzicano troppo internet, oggi, è che lo considerano come il vero mondo, dimenticando che fuori c'è un mondo reale in cui è facilissimo sXXXXXrsi le mani dimenticando i sani principi. Nelle piccole cose, certo-magari solo ritenute tali, ma poi... è la somma che fa il totale!Ma poi perchè questa gente di Internet non scende con veemenza nel mondo reale a sXXXXXrsi le mani in accordo coi propri sani principi? E' troppo difficile, è più comodo starsene seduti dietro il proprio monitor a pigiare sulla tastiera? E come si spera di dare così l' "esempio" a guardoni del "grande fratello" o delle varie "fattorie" o agli scaricatori ad oltranza del pornazzo del momento?
    • MegaJock scrive:
      Re: Non dare il voto a tutti?
      - Scritto da: Mirtax
      A proposito di quelle discussioni sul non dare il
      voto a tutti (lette qui, tra i commenti), magari
      a quei vecchi che si ritiene votino male, a tutti
      sarà capitato di sentir dire che i vecchi ad una
      certa età
      dovrebbero...Di cosa ti stupisci? Qui è pieno di bimbiminkia sfigati che credono di far parte di qualche fantomatica "élite" perchè mammina e papino pagano loro l'acXXXXX ADSL. Una volta online si mettono in contatto con altri sfigati pieni di se come loro e si montano la testa.Ecco perché, nel mondo reale, noi li picchiamo.
      • outkid scrive:
        Re: Non dare il voto a tutti?
        i bulletti come te, nel mondo reale, contano come il 2 di mazze con la briscola a denari.
    • outkid scrive:
      Re: Non dare il voto a tutti?
      Ascolta: una testa un voto fa schifo e la dimostrazione è che la democrazia non se la cava affatto bene.Il fatto è che mia nonna non ne capisca un tubo di economia, di internet o di energia è motivo sufficiente per volerle negare l'espressione di una preferenza basata sul marketing personale di cui i politici son grandi esperti.Ma il marketing e la fuffa non riempiono la pancia e non generano energia elettrica.
  • Campanellin O scrive:
    Una chicca
    http://www.cassandracrossing.org
  • Lorem Ipsum scrive:
    E' pericoloso, gente
    Ho sentito nei commenti precedenti al mio insinuarsi un'idea che non e' nuova e che forse e' la piu' vecchia della democrazia:il voto non e' per tuttiStrano, proposi lo stesso argomento giusto qualche giorno fa' durante una cena con amici e quando oggi ho letto questi commenti i miei "sensi di ragno" mi hanno chiaramente avvertito di un pericolo.XXXXX, come e' possibile che quasi contemporaneamente persone senzienti arrivino distintamente alla medesima soluzione, seppur logica e inesorabile?Sara' mica che il piu' grande manovratore del popolo dopo Mussolini lo abbia previsto e pianificato?...le mie certezze vacillano, meglio riprendere l'argomento ed estendere il campo di discussione: credo ci sfugga qualche variabile.
    • cognome nome scrive:
      Re: E' pericoloso, gente

      il voto non e' per tuttiFacciamo un esempio attuale: Berlusconi si candida alle elezioni europeee sapendo benissimo che non potrà essere eletto (per incompatibilità fra le cariche dovrebbe rinunciare al seggio italiano e soprattutto alla presidenza del consiglio...). Con i "suoi voti" verrà eletto una sua amichetta TetteDiPlastica o un simpatico personaggio come Mastella.Una persona che mette la crocetta sul nome Berlusconi non avendo la minima idea del meccanismo di cui sopra per te dovrebbe votare?
      • Timur Lang scrive:
        Re: E' pericoloso, gente
        - Scritto da: cognome nome

        Una persona che mette la crocetta sul nome
        Berlusconi non avendo la minima idea del
        meccanismo di cui sopra per te dovrebbe
        votare?Chi non vota come piace a me non deve votare: ragionamento che a Berlusconi piacerebbe tantissimo. Bravo, complimenti.
    • KaysiX scrive:
      Re: E' pericoloso, gente
      - Scritto da: Lorem Ipsum

      (il voto non e' per tutti)
      [...]
      XXXXX, come e' possibile che quasi
      contemporaneamente persone senzienti arrivino
      distintamente alla medesima soluzione, seppur
      logica e
      inesorabile?
      Sara' mica che il piu' grande manovratore del
      popolo dopo Mussolini lo abbia previsto e
      pianificato?Possibile. Mi ricorda la trappola alla Zittrain efficacemente illustrata ieri da Gabriella Giudici.Parto da premesse che condividi, sperando di portarti ad approvare le mie soluzioni. Qualcuno meno assopito c'è, ma sparando nel mucchio si fanno un bel po' di proseliti.Come fare dunque per far sì che la soluzione a "il voto non e' per tutti" non sia quella perversa pianificata dall'occulto manovratore?Se e quanto praticabile sia non so, ma IMHO se "il voto non e' per tutti" occorrerebbe far sì che "tutti siano per il voto", promuovendo la conoscenza e la cultura civica indicate da Maser per evitare i voti-velina ma senza restringere la base agli allineati e coperti....salvo poi rifare 4 passi nel mondo là fuori e..."Buongiorno! Lo sa che.." "Scusi ho fretta c'è l'isola delle grandi fattorie!" :|
      • gabriella giudici scrive:
        Re: E' pericoloso, gente
        KaySiX diceva: Se e quanto praticabile sia non so, ma IMHO se "il voto non e' per tutti" occorrerebbe far sì che "tutti siano per il voto", promuovendo la conoscenza e la cultura civica indicate da Maser per evitare i voti-velina ma senza restringere la base agli allineati e coperti....salvo poi rifare 4 passi nel mondo là fuori e..."Buongiorno! Lo sa che.." "Scusi ho fretta c'è l'isola delle grandi fattorie!"E' vero che ai tempi di Aristotele non c'era la TV, ma "ogni uomo per natura aspira alla conoscenza" (Metaf. I). Oggi si deve fare un po' di fatica per far largo al pensiero, ma ci si riesce (quasi) sempre. Non vorrei sembrarvi eccessivamente illuminista, ma in questo caso non dovremmo affidarci al pessimismo. Sarebbe davvero un "cattivo consiglio".
        • KaysiX scrive:
          Re: E' pericoloso, gente
          - Scritto da: gabriella giudici

          E' vero che ai tempi di Aristotele non c'era la
          TV, ma "ogni uomo per natura aspira alla
          conoscenza" (Metaf. I). Oggi si deve fare un po'
          di fatica per far largo al pensiero, ma ci si
          riesce (quasi) sempre. Non vorrei sembrarvi
          eccessivamente illuminista, ma in questo caso non
          dovremmo affidarci al pessimismo. Sarebbe davvero
          un "cattivo consiglio".Spero che le probabilità di sucXXXXX siano davvero significative, perché al momento è fin troppo facile scontrarsi col disgusto nel caso migliore e con l'indifferenza nel caso peggiore.Quanto all'Aristo-tele-visione, che sia il caso di registrare il dominio aristo.tv ? :)
          • gabriella giudici scrive:
            Re: E' pericoloso, gente
            ahimé, penso sarebbe scambiato per un frigorifero
          • KaysiX scrive:
            Re: E' pericoloso, gente
            - Scritto da: gabriella giudici
            ahimé, penso sarebbe scambiato per un frigoriferoTemo tu abbia ragione :
        • z f k scrive:
          Re: E' pericoloso, gente
          - Scritto da: gabriella giudici
          E' vero che ai tempi di Aristotele non c'era la
          TV, ma "ogni uomo per natura aspira alla
          conoscenza" (Metaf. I). Oggi si deve fare un po'Il punto e' che siamo esseri limitati, abbiamo tempo limitato e capacita' limitate. Dato 100 in totale, possiamo dedicarne una percentuale a questo e una a quello, ma alla fine la somma dovra' essere 100.Se la parte "svago" (che considero una sottocategoria di "conoscenza") prende una quota libera residua troppo grande, beh, le conclusioni sono scontate. Panem (lavoro o scuola) et circenses (tv in primis), giusto? Se poi aggiungiamo che le fonti di informazione sono nello stato in cui sono...CYAP.S.: c'e' il pigiolino "Quota", che si puo' usare per rispondere, il quale a differenza di quello "Rispondi" riporta il testo a cui si sta rispondendo.
      • Lorem Ipsum scrive:
        Re: E' pericoloso, gente
        - Scritto da: KaysiX
        ...salvo poi rifare 4 passi nel mondo là fuori
        e...
        "Buongiorno! Lo sa che.." "Scusi ho fretta c'è
        l'isola delle grandi fattorie!"
        :|:DSpero tu l'abbia detta nei termini del copyleft: ho intezione di rivendermela...
        • KaysiX scrive:
          Re: E' pericoloso, gente
          - Scritto da: Lorem Ipsum

          Spero tu l'abbia detta nei termini del copyleft:
          ho intezione di
          rivendermela...Mi fai onore! Considerala pure BY-NC-SA ;)
    • gabriella giudici scrive:
      Re: E' pericoloso, gente
      ti abbraccio. Allora visto che dalle tue parti si pensa, ti incollo questa riflessione di Lyotard sull'informatizzazione della società e il rischio del controllo:"Quanto allinformatizzazione della società [] essa può divenire lo strumento sognato del controllo e della regolazione del sistema di mercato, esteso fino al sapere stesso, e retto esclusivamente dal principio di performatività. Essa comporta allora, inevitabilmente il terrore. Ma essa può anche servire i gruppi di discussione sulle meta prescrizioni dando loro le informazioni di cui per lo più difettano per decidere con cognizione di causa. La linea da seguire perché la biforcazione si risolva in questultimi senso si riduce ad un principio assai semplice: il pubblico deve avere libero acXXXXX alle memorie e alle banche dati. I giochi linguistici saranno allora dei giochi ad informazione completa in un dato momento, ma si tratterà anche di giochi il cui risultato non sarà nullo, ed in tal modo le discussioni non rischieranno di non riuscire mai a fissarsi su posizioni minime di equilibrio per mancanza di posta. Infatti le poste saranno allora costituite dalle conoscenze (o dalle informazioni se si vuole), e la riserva di conoscenze è inesauribile. Si delinea un politica in cui saranno egualmente rispettati il desiderio di giustizia e quello di ignoto". La condizione postmoderna, Feltrinelli, pp. 121-122.
  • Mah scrive:
    Un pò OT - Ancora RSF?
    Reporter sans frontiers, agenzia di stampa finanziata da e fiancheggiatrice della CIA ora, del NED (organo di propaganda della CIA) prima... Come fa un rapporto redatto da un'agenzia di propaganda risultare interessante?Giusto un esempio: Cuba nemica di internet è come definire l'africa nemica del cibo...
    • hiccup scrive:
      Re: Un pò OT - Ancora RSF?
      [Still OT]Comprendo (ed in parte concordo) con le tue opinioni, ma le critiche soprattutto visto la gravita' debbono essere minimamente comprovate o argomentate.[sarcasm mode on]altrimenti chi ci dice che tu non sia in diretto contatto con i servizi segreti alfine di poter screditare RSF?[sarcasm mode off]Esistono critiche e le persone che hanno avanzato tali critiche a rfs non sono cosi' qualunquisti come nel post precedente.Dunque:http://www.observatoire-humanitaire.org/fusion.php?l=GB&id=33http://www.trabajadores.cu/carpeta-de-emergencia/unesco-withdraws-its-sponsorship-of-reporters-sans-frontieres/http://www.voltairenet.org/article142884.html-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 marzo 2009 14.43-----------------------------------------------------------
  • Ricky scrive:
    INTERNET,ultima frontiera
    Qui si fara' l'ultima battaglia, quella decisiva, prima della rivolta armata dei cittadini contro le istituzioni che fanno tutto il contrario rispetto al loro primario dovere.Qui la gente e' informata,mediamente piu' erudita e dinamica, ma e' poca rispetto alla grande massa esclusa dalla rete e dalle sue potenzialita'.Ancora sento dire da alcune persone che "Berluscao" ce lo ha mandato il SIGNORE!Ovvio...ci ha mandato anche le piaghe d'Egitto e il diluvio universale, perche' non il Berusca adesso?Ci sta' tutto, no?Sono 15 anni che sta' portando avanti un progetto P2ista, ben definito e gia' conclamato.Siamo oltre all'uovo di serpente, chi ha seguito un minimo l'evoluzione del suo operato, e di tutti i politici in coro, ha ben chiaro dove stiamo andando.Il problema e' come contrastare questo movimento atto a trasformare i cittadini da "popolo sovrano" a "popolo schiavo", nemmeno sudditi.La rete e' libera e potente, e in Italia fossimo tutti online, il Berlusca non avrebbe mai avuto la possibilita' di controllare tutte le informazioni, coma sta' facendo.non avrebbe avuto modo di irretire la gente, l'informazione VERA sarebbe passata capillarmente e lo avrebbero defenestrato.in quel caso, senza leggi paraXXXX, adesso sarebbe nel posto che si merita,il carcere.E ne lui ne i politici suoi "amichetti" avrebbero potuto fare scempio dell'Italia a 360°, come stanno continuando a fare.Basta guardare chi promuove/propone leggi e leggiucole...CE NE FOSSE UNO CHE HA COMPETENZA IN MATERIA, CHE SA' QUELLO CHE STA' FACENDO...se si servono diconsulenti esterni, vedi la Carlucci, lo fanno MIRATI a favorire il potere, non il popolo.LA rete e' un problema, la rete va' fermata prima che diventi capillare, prima che possa portare l'informazione libera che rende liberi...
    • Luka32 scrive:
      Re: INTERNET,ultima frontiera
      In una sola parola "PARANOIA"...non occorre aggiungere altro.
    • Get Real scrive:
      Re: INTERNET,ultima frontiera
      - Scritto da: Ricky
      Qui si fara' l'ultima battaglia, quella decisiva,
      prima della rivolta armata dei cittadini contro
      le istituzioni che fanno tutto il contrario
      rispetto al loro primario
      dovere.Non ci sarà alcuna battaglia, non ci sarà alcuna rivolta armata. Il popolo è praticamente disarmato e non ha la forza o la volontà di lottare. Non contro un sistema che può colpire i singoli in maniera devastante.Ai tempi delle grandi sollevazioni popolari, il numero garantiva anonimato. Ora non più: telecamere a circuito chiuso ovunque, sorveglianza a tappeto e immensi database biometrici garantiscono alle autorità di poter riconoscere e punire ogni partecipante ad una manifestazione non autorizzata. Dispersione della folla con mezzi letali e non, arresto dei singoli in seguito direttamente al loro domicilio. Morte civile per i capi, depauperazione coatta per le loro famiglie.Non si può organizzare "battaglie" su Internet. Internet non è più una struttura tra poli universitari, ma una realtà commerciale controllata da entità commerciali (gli ISP) e finanziata commercialmente. Se agli ISP viene ordinato di disconnettere, la Rete cessa di esistere. Molto più facile però che gli ISP stessi vengano acquisiti dalle grandi case di produzione, trasformando Internet in TV 2.0.
      LA rete e' un problema, la rete va' fermata prima
      che diventi capillare, prima che possa portare
      l'informazione libera che rende
      liberi...La rete è già stata fermata. É in balia di chi detiene il potere economico. Si tratta solo di decidere come e quando calare la scure.E la libera informazione non rende liberi. Sai che non sei libero. E allora? Non puoi comunque farci nulla.
      • Ricky scrive:
        Re: INTERNET,ultima frontiera
        Non la vedo nera come te, gli isp si sono rivoltati, non vogliono assumere suoli che non gli competono.La gente, al momento, gode ancora di una certa lberta', non si spiegano altrimenti programmi come ANNOZERO e REPORT.Internet annovera blog di varia natura, non ultimo quello di Grillo che non le manda a dire.Esistono persone informate che stanno combattendo gia' da anni una battaglia silente per rovesciare l'andamento pazzoide dell'attuale governo.La tua opinione 'e nefasta e' sottintende una NON VOLONTA di reagire, con la scusa che tanto tutto e' scritto, tutto e' segnato.Non la vedo cosi' e nemmeno chi scrive qui perderebbe tempo ad informare se gia' tutto fosse deciso e la nostra morte gia' segnata.Daltronde, l'incoronato dal Signore dice sempre di essere "ottimisti" ,no?Ebbene...sono ottimista e lui ha gia' parecchi anni sulle spalle...!
        • outkid scrive:
          Re: INTERNET,ultima frontiera
          ti ha gia' risposto.esiste report.. e ALLORA?cambia qualcosa? no.sta per passare il nucleare.. guardatela la puntata di report sul nucleare..
          • Ricky scrive:
            Re: INTERNET,ultima frontiera
            Non hanno soldi per il nucleare...cosa sta' passando, eh?L'intenzione di prendere qualche soldo edarlo in pasto alla mafia, ecco sosa passa.Ma le centrali non lef aranno, come non farnno il ponte sullo stretto,sono solo modalita' per elargire soldi alla malavita organizzata sin che ancora ne hanno per le mani.Se ritenete che i giochi siano quelli e che la gente non serva e non valga nulla, allora siete i primi a sbagliare e a tirarvi indietro.Se cambiera' qualche cosa in questo paese, in meglio, non sara' certo per merito vostro.
        • nanoBastardo scrive:
          Re: INTERNET,ultima frontiera
          - Scritto da: Ricky
          Non la vedo nera come te, gli isp si sono
          rivoltati, non vogliono assumere suoli che non
          gli
          competono.Un sequestro da parte dell'autorita' giudiziaria risolve il problema di qualsiasi provider "resistente" a procedere secondo norma o decreto ingiuntivo della stessa autorita' giudiziaria...
          La gente, al momento, gode ancora di una certa
          lberta', non si spiegano altrimenti programmiPerche' ora si misura la "quantita'" di liberta? E pensare che ho sempre ritenuto che la liberta' fosse assoluta o non ci fosse...Dunque spiegami anche un carcerato a vita gode di una certa liberta' se puo' moversi nella propria cella, oppure puo' uscire in cortile per l'ora d'aria, nooo?
          come ANNOZERO e
          REPORT.Il fatto che citi trasmissioni televisive come esempi di "una certa liberta'" indica che credi che la televisione sia libera o quantomeno goda di "una certa liberta'" per cui che problema c'e' se hanno replicato in Internet la tv...Interessante il fatto che non consideri nemmeno il fatto che tutti i programmi televisivi, compresi quelli da te citati, servano, siano d'ausilio, agli spazi pubblicitari al loro interno e non viceversa.
          Internet annovera blog di varia natura, non
          ultimo quello di Grillo che non le manda a
          dire.Grillo e' uno dei comici italiani migliori, su questo posso darti ragione, per tutto il resto e' un vero "genovese" estremamente capace d'intuire quale sia il business migliore al momento, cioe' quello di fare profitto sfruttando il malcontento politico diffuso del momento.
          Esistono persone informate che stanno combattendo
          gia' da anni una battaglia silente per rovesciare
          l'andamento pazzoide dell'attuale
          governo.Bene se esistono sono una minoranza e non sono di certo dotate del carisma necessario a galvanizzare le folle ed iniziare una rivoluzione.
          La tua opinione 'e nefasta e' sottintende una NON
          VOLONTA di reagire, con la scusa che tanto tutto
          e' scritto, tutto e'
          segnato.La sua opinione non e' ottimista, e' drastica, drammatica e cruda come a volte solo la realta' riesce ad essere.
          Non la vedo cosi' e nemmeno chi scrive qui
          perderebbe tempo ad informare se gia' tutto fosse
          deciso e la nostra morte gia'
          segnata.Oppure tu potresti anche considerare d'essere il fantasma che non accetta la propria morte...
          Daltronde, l'incoronato dal Signore dice sempre
          di essere "ottimisti"
          ,no?
          Ebbene...sono ottimista e lui ha gia' parecchi
          anni sulle
          spalle...!Ebbene... tu potresti anche essere l'ingenuo che commette l'errore di sottovalutare il proprio nemico percependone solo la veneranda eta' e non tutta l'esperienza che tale anzianita' gli garantisce...
      • gabriella giudici scrive:
        Re: INTERNET,ultima frontiera
        Io mi fermerei appena un attimo prima della conclusione che "non possiamo farci nulla". La tua analisi è corretta, siamo infatti passati dalle società disciplinari alle deleuziane società di controllo. Ma allora perchè oltre al controllo e al commercio non vedere anche il ribolire della rabbia digitale e le sue forme di resistenza (perlopiù inconsapevole come il P2P o i virus).Come diceva Steinbeck in Furore "la rabbia fermenta, serpeggia nelle strade e cresce.
      • nanoBastardo scrive:
        Re: INTERNET,ultima frontiera
        - Scritto da: Get Real
        - Scritto da: Ricky

        Qui si fara' l'ultima battaglia, quella
        decisiva,

        prima della rivolta armata dei cittadini contro

        le istituzioni che fanno tutto il contrario

        rispetto al loro primario

        dovere.

        Non ci sarà alcuna battaglia, non ci sarà alcuna
        rivolta armata. Il popolo è praticamente
        disarmato e non ha la forza o la volontà di
        lottare. Non contro un sistema che può colpire i
        singoli in maniera
        devastante.
        Ai tempi delle grandi sollevazioni popolari, il
        numero garantiva anonimato. Ora non più:
        telecamere a circuito chiuso ovunque,
        sorveglianza a tappeto e immensi database
        biometrici garantiscono alle autorità di poter
        riconoscere e punire ogni partecipante ad una
        manifestazione non autorizzata. Dispersione della
        folla con mezzi letali e non, arresto dei singoli
        in seguito direttamente al loro domicilio. Morte
        civile per i capi, depauperazione coatta per le
        loro
        famiglie.
        quoto, straquoto, quotone.
        Non si può organizzare "battaglie" su Internet.
        Internet non è più una struttura tra poli
        universitari, ma una realtà commerciale
        controllata da entità commerciali (gli ISP) e
        finanziata commercialmente. Se agli ISP viene
        ordinato di disconnettere, la Rete cessa di
        esistere. Molto più facile però che gli ISP
        stessi vengano acquisiti dalle grandi case di
        produzione, trasformando Internet in TV
        2.0.


        LA rete e' un problema, la rete va' fermata
        prima

        che diventi capillare, prima che possa portare

        l'informazione libera che rende

        liberi...

        La rete è già stata fermata. É in balia di chi
        detiene il potere economico. Si tratta solo di
        decidere come e quando calare la
        scure.
        QuOtOnE pUrE cOl CaMmElLo a farti l'onda.Internet non e' piu' libera dalla prima pubblicita' inserita al suo interno.Puo' darsi che esistano altri spazi "liberi" ma non Internet, se volete cercarli dovete mettervi d'impegno ma potete star tranquilli son tutti fuori dalla rete!
        E la libera informazione non rende liberi. Sai
        che non sei libero. E allora? Non puoi comunque
        farci
        nulla.Sei drastico, ma diciamoci la verita' prepariamoci al peggio che e' meglio.
    • outkid scrive:
      Re: INTERNET,ultima frontiera
      ma guarda che milioni di italiani sono onlain.purtroppo, come fa notare l'articolo, e con rammarico buzzicano facebook, badoo, netlog, myspace ed altre put**nate. non leggono un giornale, non si informano, non sfruttano le potenzialità di questo mezzo ubiquo.al max scaricano il XXXXX d un po' di musica.il problema è l'essere umano che fa ampiamente schifo.
      • Ricky scrive:
        Re: INTERNET,ultima frontiera
        Sulla natura umana non posso che darti ragione,partiamo da una base piuttosto impietosa.Ma l'uomo ha dato prova di poter fare molto non solo per il MALE ma anche per il BENE,quindi mi aspetto che l'egoismo della massa serva per delineare un futuro migliore per tutti e non solo per pochi.In Francia a sistemare le cose, tempo fa, e' arrivata la ghigliottina,magari serve rispolverarla per noi :)
  • reXistenZ scrive:
    che differenza c'è
    Che differenza c'è tra essere privi di intelligenza e essere intelligenti e dire solo sciocchezze? A Calamari l'ardua sentenza.
  • oko scrive:
    Grazie!
    Grazie Marco,almeno questo lo posso ancora dire...A I U T O! Dov'e' la contro-informazione (leggi l'opposizione?) Insomma chi controlla 'I veri nemici della rete'?N O I (tutti)!hasta siempre!
  • outkid scrive:
    Riflessioni a caso
    il problema di fondo è la democrazia: l'idea una testa un voto fa schifo. in questo modo vostra nonna decide chi regolamenta internet. ed a vostra nonna la sorella di milly carlucci va bene.il problema va comunque oltre la limitazione della libertà, che pure è una cosa a cui lavorano alacremente.Internet infatti unisce tutto il mondo e la burocraticizzazione all'italiana del mezzo farà molti piu' danni del mero controllo, questo aggirabile da chiunque abbia un minomo di conoscenze informatiche (crittografia? p2p? vpn?, tutte e 3 insieme?).La cosa peggiore che possan riuscire a fare è allontanare la gente da internet(trend che si è gia' concretizzato tra 2007 e 2008).Tolto internet infatti si fa un bel salto nel passto soprattutto perchè il mezzo concentra sempre piu' le attività economiche, abbatte i costi e trasforma i mercati. Rimarremo un paese in cui i biglietti si comprano ancora in biglietteria, si faran ancora le file alla posta, si chiamerà con la linea telefonica e si vedrà la tv col digitale terrestre. insomma... magari non il terzo mondo.. ma di certo non il primo.
    • gibrovacco scrive:
      Re: Riflessioni a caso
      Sono, in massima misura d'accordo riguardo le riflessioni sulla democrazia.. non è perfetta ma in pricipio è una buona cosa.Comunque non ti preoccupare, presto finirà.
      • gabriella giudici scrive:
        Re: Riflessioni a caso
        E' significativo come si torni ai temi degli anni '20, in cui Weber e le riviste sociologiche tedesche discutevano se fosse bene estendere il voto agli operai analfabeti. Direnderà Weimar la gente ignorante? Chiaramente no, ma l'argomento è peggiore dell'esito. La post-democrazia è tutta qui: rincretiamo la gente, poi dimostreremo che non è degna di esprimere la sua volontà.La storia si ripete, la prima volta come dramma, la seconda come farsa (chissà perchè è già la seconda volta che devo citare marx nel giro di una settimana ... mah, ci penserò su)
        • Maser scrive:
          Re: Riflessioni a caso
          - Scritto da: gabriella giudici
          E' significativo come si torni ai temi degli anni
          '20, in cui Weber e le riviste sociologiche
          tedesche discutevano se fosse bene estendere il
          voto agli operai analfabeti. Direnderà Weimar la
          gente ignorante? Chiaramente no, ma l'argomento è
          peggiore dell'esito.

          La post-democrazia è tutta qui: rincretiamo la
          gente, poi dimostreremo che non è degna di
          esprimere la sua
          volontà.
          La storia si ripete, la prima volta come dramma,
          la seconda come farsa (chissà perchè è già la
          seconda volta che devo citare marx nel giro di
          una settimana ... mah, ci penserò
          su)Cultura e alfabetizzazione sono due cose diverse.E', oggettivamente, impensabile che vadano a votare persone che non conoscono la differenza tra un deputato ed un senatore.Io credo ancora alla democrazia.In fondo in fondo mi ripugna che il mio voto valga come quello di una aspirante velina, ma ci credo ancora.... voglio crederci ancora.Solo che dico che il voto non può essere un diritto acquisito gratis et amore deo.Deve essere acquisita la possibilità di accedere a tale diritto.Ti fai un bell'esame ogni 5 anni di Educazione Civica e vai a votare... se te ne frega qualcosa dello stato in cui vivi.Se no te ne importa nulla fai la pecora e gli altri decideranno per te ma non esiste che il tuo voto, basato esclusivamente su opportunismi del momento, condizioni la mia vita.
          • pronome scrive:
            Re: Riflessioni a caso
            Assolutamente d'accordo: diritto di voto dovrebbe voler dire "diritto ad accedere al voto previa verifica della conoscenza della materia" + "diritto ad essere istruito per averne le competenze".E' assurdo che alcuni votino per "simpatia" e per slogan che non hanno neanche capito.
          • marco s scrive:
            Re: Riflessioni a caso
            In un certo senso negli USA un meccanismo di selezione già esiste. Per votare DEVI andare ad iscriverti in un apposito ufficio. Non credo abbia un costo ma il risultato di questa procedura è una selezione dei votanti basata su un livello minimo di interesse per la politica.
          • coorasse scrive:
            Re: Riflessioni a caso
            Cavolo ragazzi!Sono anni che supporto l'idea che il voto non andrebbe dato a cani e porci e finalmente ho trovato qualcuno che non si scandalizza all'idea!!Sono scrutatore per passione e, perchè no, divertimento, da diversi anni e non avete idea di che scene tragiche si vedono nei seggi..un buon 40-50% sono vecchi...ma vecchi forte, magari è il mio quartiere in particolare, ma ti viene una tristezza a vedere gente che non ha neanche un'idea di quello che sta facendo, con i parenti che gli dicono dove mettere la crocetta, e il tuo voto, giusto o sbagliato, in ogni caso pensato e ripensato attentamente, annullato da quel vecchio!Io propongo un piccolo test di cultura storica e politica generale prima di dare il diritto di votare alla gente!
        • gabriella giudici scrive:
          Re: Riflessioni a caso
          Tornando sul thread di stamattina, vedo che ho fatto sopravvivere Weber a se stesso (visto che il poveretto è morto di spagnola proprio nel '20). La rilettura però mi ha fatto tornare in mente i temi di quel lontano dibattito in cui non ci si domandava se fosse "giusto" dare il voto agli analfabeti, quanto se fosse la mossa giusta per evitare l'estensione della rivoluzione d'ottobre alla Germania liberale. Di ciò parlavano intorno alla belle époque. Decisero che era una buona strategia e la storia non li ha smentiti. La rivoluzione è stata scongiurata (con l'aiuto di qualche baionetta), poi è arrivato Hitler ... e giustamente è stato votato.
    • The Mind withCake scrive:
      Re: Riflessioni a caso
      - Scritto da: outkid
      Rimarremo un paese
      in cui i biglietti si comprano ancora in
      biglietteria, si faran ancora le file alla posta,
      si chiamerà con la linea telefonica e si vedrà la
      tv col digitale terrestre.Queste sono cose positive.Prima di fare un pagamento online bisognerebbe avere una conoscenza minimamente approfondita dei protocolli che ci stanno dietro, ma la maggior parte degli utenti di Internet non conosce nemmeno la differenza tra un protocollo e un touchpad... Hai presente la barzelletta? ("vai a imbucare questa lettera. A proposito, la sai la differenza tra la buca delle lettere e un elefante?" "no" "allora è meglio se vado io") Ecco, con internet è la stessa situazione, se non sai distinguere la pagina https di login delle poste da pincopallino.ru meglio se ti fai la coda allo sportello...
      • outkid scrive:
        Re: Riflessioni a caso
        e di questo passo, a queste consapevolezze, noi italiani non ci arriveremo. MAI.
        • gabriella giudici scrive:
          Re: Riflessioni a caso
          test di cultura generale, test di cultura politica .. insegno in un liceo e so molto bene a quali livelli di ignoranza si possa essere in età di voto.La via d'uscita tecnocratica però (voto agli esperti) è un arretramento pauroso. Non viene in mente a nessuno che siamo su internet proprio perchè ci va di pensare ad una crescita civile invece che al fascismo-di-ritorno (alleato tradizionale dell'analfabetismo-di-ritorno)?
    • markoer scrive:
      Re: Riflessioni a caso
      - Scritto da: outkid
      il problema di fondo è la democrazia: l'idea una
      testa un voto fa schifo. in questo modo vostra
      nonna decide chi regolamenta internet. ed a
      vostra nonna la sorella di milly carlucci va
      bene.Avessimo almeno questo. In realtà non puoi (più) nemmeno scegliere Milly Carlucci: ti viene fornita dal partito. Tu scegli soltanto la coalizione da votare.Per fortuna io vivo in Germania... aspetto soltanto la possibilità di prendere la cittadinanza, ormai...Cordiali saluti
  • attonito scrive:
    Bentornato Cassandra!
    Oh, finalmente Cassandra, uno dei pochissimi motivi che mi spinge ad aprire PI, e' tornato. Grazie.
  • gabriella giudici scrive:
    perché lo fanno?
    Cassandra dixit: ...ed una folla di Eloi che danzando da un portale ad una comunità sociale vivono una vita spensierata.Lo fanno perché non hanno niente da nascondere?Lo fanno perché sono furbi e mettono in Rete solo cose poco importanti?Lo fanno perché credono che la libertà possa essere mantenuta dalla "protezione" di un governo paternalistico?Lo fanno perché si accontentano di "panem et circenses"?Direi che lo fanno perchè manca loro una cornice in cui collocare i pezzi del puzzle della società dello spettacolo. Perciò ne vedono (se guardano) ogni volta un pezzo e non colgono l'insieme (di cui si preoccuperebbero, perchè non sono idioti "per natura"). La distruzione della scuola pubblica e il rincretinimento pianificato degli italiani via TV non sono casuali (anche se rispondono anche a parecchie altre esigenze, tutte da contrastare). E' impossibile opporsi all'ideologia dominante senza avere qualcosa da opporle. E' con articoli come il tuo che proviamo a costruire quel qualcosa.
  • ZioBelin scrive:
    Ultima frontiera...
    Bhe Internet ormai era/è l'ultimo spazio in cui possiamo trovare (con non poca fatica) informazioni "un pò più" veritiere di quelle che ci arrivano dai "mass-media" (forse sarebbe meglio battezzarli "same-media", nel senso che dicono le stesse veline?).Era/è l'ultimo spazio in cui si possa sentire il parere (condivsibile o meno) di persone (ad esempio giornalisti) liberi e non assoggettati.Ci si stupisce che abbiano messo/metteranno le mani sulla rete!?Saluti,ZioBelin
    • xxxxxxxxxx scrive:
      Re: Ultima frontiera...

      Era/è l'ultimo spazio in cui si possa sentire il
      parere (condivsibile o meno) di persone (ad
      esempio giornalisti) liberi e non
      assoggettati.E ci metterei anche le persone comuni chealmeno sono quelle meno interessate e diconodi piu' le cose come stanno, magari daun punto di vista ristretto ma nei vari ambitie' utilissimo.Il bello e' anche l'assenza di piedistalli artificiali.Internet libero va difeso.
  • gabriella giudici scrive:
    internet crackdown
    Non leggevo da tempo un articolo così lucido ed onesto. Condivido ogni sillaba e aggiungo un aspetto che forse il report contiene (e che poi mi leggo): i sistemi di controllo hanno una storia. Visti sincronicamente, possiamo osserviamo le analogie tra il firewall della Cina o i filtri dell'Iran, ma ancora non comprendiamo la loro logica evolutiva e la loro profonda affinità. Come hanno mostrato Solum e Chung, due giuristi americani la cui lettura consiglio caldamente (http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=416263), i sistemi di controllo dei paesi illiberali stanno convergendo da tempo con le misure pensate per il CONTROLLO DEL COPYRIGHT e quelle restrittive dei governi "democratici" in materia di censura. Ogni tanto leggo su PI alcuni commenti che equiparano sardonicamente Italia e Cina. Beh, direi che l'immaginazione supera in realismo la realtà. E questa realtà non ci piace, anche perchè adesso non cavalca più le squadracce e l'olio di ricino, ma veste Armani e può avere un certo appeal per chi pratica, come diceva Bourdieu, l"oblio della genesi".
  • bubba scrive:
    gli eloi
    eheh bella citazione. tra george wells e george orwell ("1984") siamo messi bene :( :(curioso anche il riproporsi della parola "well" in questi cognomi dai racconti nefasti:PPS: doppio post. ma prima dormivo e ho scambiato subject x object :P :P
  • gli eloi scrive:
    bubba
    eheh bella citazione. tra george wells e george orwell ("1984") siamo messi bene :-((curioso anche il riproporsi della parola "well" in questi cognomi dai racconti nefasti :P
    • Goregrind scrive:
      Re: bubba
      - Scritto da: gli eloi
      curioso anche il riproporsi della parola "well"
      in questi cognomi dai racconti nefasti
      :P...il pozzo.LOL
  • klez scrive:
    perché?
    io sono favorevole all'ipotesi 'pane et circenses'. a molti non interessa granché la censura in internet. fino a che ci sarà XXXXX a buon mercato e la possibilità di chattare molti non si accorgeranno nemmeno delle varie Carlucci e tecno-ignoranti che popolano il parlamento.D'altronde, secondo me, questa gente è proprio la tipologia di utente internet che rispecchiano i parlamentari, ovvero quelli che di internet vedono solo la facciata e non capiscono il vero problema
    • mario p scrive:
      Re: perché?
      Quoto in toto.. spiace ripeterlo ma sono gli utonti
      • pentolino scrive:
        Re: perché?
        quoto tutto a partire dall' articolo; con la stessa vena di profonda tristezza
      • Valeren scrive:
        Re: perché?
        Quoto anche io, ma viene da piangere.Qui gli utonti siamo noi: ci stanno ingabbiando e non abbiamo nemmeno un modo per protestare.L'unico che ha provato è stato affossato da un magistrato dalla fama meno che dubbia.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: perché?
      Gli italiani, hanno in parlamento gli italiani che si meritano...fortuna che io non sono cittadino italiano (rotfl) :p :p
      • Joliet Jake scrive:
        Re: perché?
        E fortuna che io sono emigrato... :p
        • gibrovacco scrive:
          Re: perché?
          anch'io sono emigrato da qualche mese dove la democrazie è ancora un concetto e non solo più una parola.. più leggo queste notizie più sono triste per chi è rimasto
      • Nerf scrive:
        Re: perché?
        - Scritto da: Nome e cognome
        fortuna che io non sono cittadino italianofortuna nostra
        • troy scrive:
          Re: perché?
          - Scritto da: Nerf
          - Scritto da: Nome e cognome

          fortuna che io non sono cittadino italiano

          fortuna nostramah insomma...mettiamola così: se non è una persona valida....ce lo rispediscono indietro(o comunque torna da solo visto che questo è il paese giusto x non fare niente), se invece si dimostra una persona valida...perchè non cercare di tenerselo ? e poi ci lamentiamo della fuga di cervelli....
Chiudi i commenti