Adobe e HTML5, nemici e amici

Subito smentite le voci dell'ostruzione nel confronti del nuovo standard da parte dello sviluppatore di Flash. Che però lavora per mantenere un ruolo centrale nella definizione delle specifiche
Subito smentite le voci dell'ostruzione nel confronti del nuovo standard da parte dello sviluppatore di Flash. Che però lavora per mantenere un ruolo centrale nella definizione delle specifiche

Alcuni osservatori hanno scatenato una piccola tempesta intorno al comitato di definizione e approvazione di HTML5, affermando che Adobe starebbe facendo il possibile per rallentare o bloccare la pubblicazione dello standard stesso

La stessa accusa è stata poi ribadita da Ian “Hixie” Hickson di Google, e Anne van Kesteren di Opera.

Larry Masinter di Adobe ha però subito smentito categoricamente : “Nessuna parte di HTML5 – né HTML5, né Canvas 2D, né Microdata, né Video – è, o è stata, bloccata nel gruppo di lavoro W3C HTML da me o da Adobe”.

“C’è stato qualcosa nella trascrizione dell’ultima riunione circa una formale obiezione da parte di Larry Masinter, ma le email a riguardo sono in una lista protetta” ha poi spiegato Shelly Powers, specificando però che Masinter aveva già esposto pubblicamente i suoi appunti che peraltro “si riferiscono alla pubblicazione di Microdata, al documento RDF e alle API relative a Canvas 2D, non al documento HTML5 in sé”. Il che significa che, non essendo i documenti legati fra loro (pur essendo gli argomenti trattati organicamente), l’approvazione di quello relativo a HTML5 non è stata bloccata.

Gli interventi dell’uomo di Adobe riguarderebbero, insomma, solo alcuni aspetti tecnici che non intralciano lo standard in sé. Ma ribadiscono tuttalpiù la naturale intenzione da parte di Adobe, sviluppatore di Flash, di mantenere un ruolo nel nuovo standard.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti