Adobe Edge si muove

La casa di Flash rilascia la prima Beta pubblica per lo strumento da web designer che consente di creare animazioni HTML5

Roma – Adobe non rinuncia ai contenuti dinamici del suo Flash ma si adegua allo standard “rivale” HTML5, per non farsi mancare nulla. Con il programma Adobe Edge , disponibile in versione Beta, sarà infatti possibile creare animazioni che tutti i browser web potranno leggere senza bisogno di plug-in.

Interfaccia utente e funzionamento del software ricalcano Flash CS ma Edge non è un semplice “convertitore” di rich content come Adobe Wallaby . Il nuovo programma è una vera e propria piattaforma di sviluppo che lavora anche con CSS (Cascading Style Sheets) e Javascript. Le pagine HTML esistenti possono essere aggiornate con i video HTML5, senza smontare il layout CSS originale.

Eventi, transizioni e fotogrammi dell’animazione vengono gestiti con la classica timeline da montaggio video. Editor di testo e strumenti per disegnare consentono di creare direttamente all’interno di Edge ma è anche possibile importare file come PNG, JPG e GIF.

Installando l’anteprima gratuita per Windows e Mac OS X sarà possibile testare la bontà del tutto per 150 giorni. Per la versione stabile, che verrà inclusa nella Creative Suite insieme a Flash e Photoshop, bisognerà attendere ancora un anno.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    inutile leggere
    e' assodato che quando il titolo contine un punto di domanda, l'articolo non merita lettura in qunado recante notizie non affidabili.
  • RSU Loquendo scrive:
    COMUNICATO STAMPA RSU LOQUENDO
    In relazione allarticolo comparso sulle pagine della cronaca di Torino sul quotidiano LaRepubblica in data odierna, firmato da Emilio Vettori e intitolato Loquendo, la partita èchiusa - Già venduta agli americani, lRSU ed i lavoratori di Loquendo chiedonospiegazioni alla direzione di Telecom Italia ed alla redazione torinese del giornale.Da tutte le fonti contattate, interne, esterne, sindacali e politiche, non ci risulta infatti cheloperazione abbia ancora portato ad alcuna chiusura della partita: invitiamo pertantolAzienda a smentire questa voce in modo tale da consentire anche una rettifica allaredazione de La Repubblica, cui chiediamo formalmente di verificare bene la notizia.Al momento ci si aspetta infatti che il prossimo CDA di Telecom Italia, indetto per il 4agosto, decida se deliberare la messa in vendita di Loquendo: saremmo quindi ben lungida una situazione di non-ritorno descritta dallarticolo.Unarticolo di questo tipo su unoperazione finanziaria riservata e, a quanto ci risulta,ancora aperta, non pare molto corretto e rischia inoltre di inceppare anche i tentativicostruiti faticosamente in queste settimane con la collaborazione delle Istituzioni locali(Comune, Regione e Provincia) di costruire alternative a questa vendita. Ci spiace anziconstare che il contenuto ed il tono dellarticolo sembrano essere effetivamente costruiti adarte proprio per bloccare la costruzione di qualsiasi alternativa: le citazioni su quantoaffermato dai lavoratori di Loquendo e dalle rappresentanze sindacali sono stateestrapolate da altro contesto ma vengono riportate come rilasciate allarticolista. Anche lacifra dellaccordo economico indicata sembra (volutamente?) esagerata. Ci sembra infinedi cattivo gusto parlare già di annuciati licenziamenti relativi ad una ditta fornitrice diLoquendo, notizia assolutamente infondata, che crea allarme sia nei lavoratori diLoquendo che in quelli delle aziende che le forniscono servizi professionali, in unmomento già molto incerto per tutti.LRSU Loquendo ritiene inoltre che la totale chiusura da parte di Telecom Italia di ogniforma di comunicazione con RSU, lavoratori e sindacati sia a questo punto deplorevole edenuncia anche linosservanza di ogni buona pratica relazionale. Sono anni che lRSUchiede a Telecom Italia, senza ottenere risposta, un incontro sindacale con lazienda peravere un confronto sul piano industrale.Torino, 1 luglio 2011 RSU Loquendo
    • Gino Bragazzi scrive:
      Re: COMUNICATO STAMPA RSU LOQUENDO
      Complimenti a PI per l'ennesima figura di m**daS.- Scritto da: RSU Loquendo
      In relazione allarticolo comparso sulle pagine
      della cronaca di Torino sul quotidiano
      La
      Repubblica in data odierna, firmato da Emilio
      Vettori e intitolato Loquendo, la partita
      è
      chiusa - Già venduta agli americani, lRSU ed i
      lavoratori di Loquendo
      chiedono
      spiegazioni alla direzione di Telecom Italia ed
      alla redazione torinese del
      giornale.
      Da tutte le fonti contattate, interne, esterne,
      sindacali e politiche, non ci risulta infatti
      che
      loperazione abbia ancora portato ad alcuna
      chiusura della partita: invitiamo
      pertanto
      lAzienda a smentire questa voce in modo tale da
      consentire anche una rettifica
      alla
      redazione de La Repubblica, cui chiediamo
      formalmente di verificare bene la
      notizia.
      Al momento ci si aspetta infatti che il prossimo
      CDA di Telecom Italia, indetto per il
      4
      agosto, decida se deliberare la messa in vendita
      di Loquendo: saremmo quindi ben
      lungi
      da una situazione di non-ritorno descritta
      dallarticolo.
      Unarticolo di questo tipo su unoperazione
      finanziaria riservata e, a quanto ci
      risulta,
      ancora aperta, non pare molto corretto e rischia
      inoltre di inceppare anche i
      tentativi
      costruiti faticosamente in queste settimane con
      la collaborazione delle Istituzioni
      locali
      (Comune, Regione e Provincia) di costruire
      alternative a questa vendita. Ci spiace
      anzi
      constare che il contenuto ed il tono
      dellarticolo sembrano essere effetivamente
      costruiti
      ad
      arte proprio per bloccare la costruzione di
      qualsiasi alternativa: le citazioni su
      quanto
      affermato dai lavoratori di Loquendo e dalle
      rappresentanze sindacali sono
      state
      estrapolate da altro contesto ma vengono
      riportate come rilasciate allarticolista. Anche
      la
      cifra dellaccordo economico indicata sembra
      (volutamente?) esagerata. Ci sembra
      infine
      di cattivo gusto parlare già di annuciati
      licenziamenti relativi ad una ditta fornitrice
      di
      Loquendo, notizia assolutamente infondata, che
      crea allarme sia nei lavoratori
      di
      Loquendo che in quelli delle aziende che le
      forniscono servizi professionali, in
      un
      momento già molto incerto per tutti.
      LRSU Loquendo ritiene inoltre che la totale
      chiusura da parte di Telecom Italia di
      ogni
      forma di comunicazione con RSU, lavoratori e
      sindacati sia a questo punto deplorevole
      e
      denuncia anche linosservanza di ogni buona
      pratica relazionale. Sono anni che
      lRSU
      chiede a Telecom Italia, senza ottenere risposta,
      un incontro sindacale con lazienda
      per
      avere un confronto sul piano industrale.
      Torino, 1 luglio 2011 RSU Loquendo
  • Sisko212 scrive:
    Se fossi un impiegato
    Della Loquendo, farei richiesta per andare a lavorare negli Usa per Nuance... sarebbe una buona occasione per fare un esperienza all'estero... e chissà mai che poi non ci sia modo di restare li... e quando mai mi ricapiterebbe di andarmene dall' italia con un visto di lavoro ?
    • Fool scrive:
      Re: Se fossi un impiegato
      - Scritto da: Sisko212
      Della Loquendo, farei richiesta per andare a
      lavorare negli Usa per Nuancea qualcuno magari potrebbe venire offerto, i più smart, per gli altri temo il peggio.Questi si comprano i brevetti e le soluzioni e poi scaricano i lavoratori.Solo in italia paghiamo la gente per studiare ed arricchire i paesi stranieri, e ci vendiamo i brevetti.
    • Axel scrive:
      Re: Se fossi un impiegato
      - Scritto da: Sisko212
      Della Loquendo, farei richiesta per andare a
      lavorare negli Usa per Nuance... sarebbe una
      buona occasione per fare un esperienza
      all'estero... e chissà mai che poi non ci sia
      modo di restare li... e quando mai mi
      ricapiterebbe di andarmene dall' italia con un
      visto di lavoro ?organizzerebbero per il tuo trasferimento: quello della tua famiglia (moglie, figli, cane e gatto) sarebbe a tuo carico. Se uno è single è facile. Se uno è sposato,e per di più con mutuo sul groppone, moooooooooooooooolto più di difficile.
      • Sisko212 scrive:
        Re: Se fossi un impiegato
        La casa la vendi anche se c'è il mutuo, il cane e il gatto li regali, per i figli è un opportunità di portarli via da questo paese di m*, e magari in futuro ti ringrazieranno.E la moglie... bhe son c* acidi.Comunque si... io la vedo dal punto di vista del single... mica saran tutti sposati in Loquendo vero ?
        • N W Clerk scrive:
          Re: Se fossi un impiegato
          http://www.businessweek.com/magazine/content/11_22/b4230037736600.htmA tutti che volgiono sapere com'e la societa che viene di comprare Loquendo ...
Chiudi i commenti