ADSL a metà prezzo per chi va a scuola

Studenti e professori possono adesso abbonarsi all'ADSL LAN di Virgilio TIN con uno sconto del 50%


Milano – Tinweb, attraverso il portale Webscuola, offre l’abbonamento al contratto ADSL 640 LAN di Virgilio TIN , a metà prezzo rispetto alla normale tariffa stabilita da quest’operatore.

Con un canone di 117mila lire, IVA inclusa, senza alcun costo d’attivazione, l’utente potrà usufruire dei servizi ADSL di TIN, connettendosi in rete fino alla velocità di 640/128 KB/S in modalità LAN (multi utenza). Bisognerà far parte del mondo della scuola per aderire all’offerta, attivabile negli istituti scolastici. La promozione termina il 31 ottobre 2001 e permette di godere dei servizi ADSL LAN pagando un canone mensile a prezzo dimezzato, per due anni dalla data d’attivazione del contratto.

L’offerta ADSL 640 LAN scontata al 50% per studenti e professori si aggiunge a quelle di NetPremium, disponibili già da tempo e dedicate a chi opera nel settore scolastico; con NetPremium (che si suddivide nelle tariffe NetProfessional e NetSempre) è possibile invece ottenere servizi di connettività in analogico o digitale.

Per tutti gli utenti che operano nella scuola e aderiscono a queste offerte, TIN mette a disposizione il programma E-Optionet, con cui è possibile una navigazione “sicura”, come definita nel sito in cui si promuove il servizio. Non si tratta di un firewall, però: in questo caso la sicurezza è di tipo diverso, di tenore “morale”; perché il filtro “E-Optionet” impedisce la navigazione in liste di siti “vietati ai minori”….

Il programma Easy Self Site Plus, che l’utente può accludere ai pacchetti NetProfessional e ADSL LAN per le scuole, serve invece a costruire un sito web ed è disponibile alla non modica cifra di 612mila lire (IVA inclusa). Chi acquista il programma, può tuttavia usufruire di uno sconto del 15% sul primo anno di canone per la connessione a internet.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ma ci faccia il piacere scrive:
    Probabilmente ero in ferie... :)
    Il 30 luglio 2001, 12 e passa anni fa, non riuscii a commentare, rimedio ora :DIl progetto Socrate, almeno nel mio quartiere a Milano, era solo aria fritta: spaccarono, portarono tubi nuovi, ma questi tubi erano completamente VUOTI! .E' talmente palese questo vaporware di Telecom Italia che durante gli anni 2000-2004 eBiscom-Metroweb-Fastweb-Swisscom (chiamatele come volete, ora sono svizzere comunque...) dovette spaccare ovunque e i tombini di acXXXXX alla fibra erano marchiati Metroweb, non certo SIP...I grandi imprenditori italiani cominciavano allora le loro manovre di speculazione e vendita...
  • Anonimo scrive:
    Socrate.....rinasce (anche a Bologna???)
    Ho,come tanti altri in zona,l'abitazione "cablata"con Socrate.La spesa per la posa delle fibre ottiche fu impe-gnativa, le prospettive più che interessanti, poinulla è successo. Soldi spesi per nulla ??Ci potrà quindi essere la possibilità di riaprirei giochi, però con fatti concreti ??Ci conterei, altre Compagnie stanno scavando aBologna per posare i cavi, quelli di Telecom esistono già, perchè appunto non sfruttarli ??
  • Anonimo scrive:
    Monopoly & c.
    Chi possiede il cavo, fa le leggi che vuole. Sarebbe bene che questi cavi in fibra ottica fossero posati una volta sola, in modo da non spaccare le strade più del necessario, ma da una società pubblica, che poi affitti l'uso di questi cavi a chi li vuole (ovvero alle società che forniscono servizi telefonici o telematici).
  • Anonimo scrive:
    & e ~. andate a ca_are!
    tho!
Chiudi i commenti