ADSL? A volte va bene, anzi benissimo

Non capita spesso che gli utenti felici del proprio ADSL lo facciano sapere. Un lettore di Punto Informatico racconta come, nel suo caso, neanche l'ISDN abbia rappresentato un problema
Non capita spesso che gli utenti felici del proprio ADSL lo facciano sapere. Un lettore di Punto Informatico racconta come, nel suo caso, neanche l'ISDN abbia rappresentato un problema


Roma – Questa mia vuole solo essere un contributo, stavolta positivo, sulle innumerevoli difficoltà riscontrate da molti nell’ottenere una connessione ADSL.

Premesso che quanto letto in ordine a disservizi, call center inadeguati, inspiegabili problemi tecnici e quant’altro di negativo ci possa essere, mi aveva creato non poche perplessità sul buon esito di quanto auspicato, e se aggiungiamo che possiedo una linea ISDN, temevo il peggio.

Alla luce di quanto precede, anche per non complicare ulteriormente la cosa, ho deciso di chiedere la trasformazione del mio contratto TIN già in essere. E vengo al dunque: in data 8 maggio decido di aderire all’offerta TIN relativa alla connessione ADSL e sottoscrivo l’abbonamento on line.

Dopo 3 giorni chiamo il call center che mi conferma che la mia richiesta risulta regolarmente inserita e considerando che la Telecom deve intervenire per istallarmi gratuitamente un nuovo “doppino” mi comunica che l’attivazione del servizio richiederà 20 gg.

Una settimana dopo, previo appuntamento telefonico, arrivano i tecnici Telecom che, superando anche problemi pratici non dipendenti da loro (ricerca del pozzetto di derivazione in giardino coperto dal prato) istallano il famoso “doppino”. A seguire, immediata telefonata da parte di TIN volta ad avere conferma che tutto fosse andato a buon fine e a prendere accordi per la consegna del Kit (modem e CD per l’istallazione sul PC).

Il giorno concordato viene consegnato il pacchetto e dopo qualche telefonata al call center per l’attivazione, dopo esattamente 20 gg dalla sottoscrizione, ho potuto usufruire del servizio.

Fortuna? nella vita ce ne vuole. Scelta oculata del provider? Forse. Quello che comunque voglio dire è che, se è sacrosanto segnalare disservizi e soprusi, è corretto riferire anche di un servizio andato a buon fine.

Maurizio F.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 06 2003
Link copiato negli appunti