ADSL, Telecom citata per danni

L'ex monopolista dimentica di predisporre l'ADSL per il Salone itPMI e CarraraFiere ricorre in tribunale. Querela per danni


Carrara – CarraraFiere, la società che gestisce i padiglioni fieristici di Carrara, citerà per danni Telecom Italia. Ne hanno dato notizia il presidente e il direttore generale, Luigi Danesi e Paris Mazzanti, nel corso dell’inaugurazione di itPMI Expo , il Salone delle tecnologie per l’informazione per le piccole e medie imprese e i professionisti in calendario fino al 25 novembre.

“Abbiamo già dato mandato al nostro ufficio legale di sporgere querela” – ha dichiarato Mazzanti. “Non è possibile – ha aggiunto Danesi – che Telecom disattenda un impegno così importante”.

Motivo della querelle le speciali linee telefoniche che Telecom si era impegnata a realizzare per la rassegna itPMI: un complesso impianto ADSL con 2 megabyte di potenza per le connessioni veloci a Internet destinate agli oltre 60 espositori.

“Abbiamo firmato il contratto lo scorso 8 ottobre – sottolinea Mazzanti – ma pur avendo un mese e mezzo a disposizione per realizzare l’impianto, Telecom non ha fatto niente fino all’ultimissimo momento. Risultato: quando stamani alle 9,30 la manifestazione si è aperta, non funzionava nessuna delle postazioni informatiche dei nostri espositori. I quali hanno potuto cominciare a connettersi con Internet soltanto varie ore dopo”.

Evidentemente, ha dichiarato Danesi, Telecom non è più in grado di far fronte ai propri impegni: “Su itPMI CarraraFiere ha investito capitali ed energie ingenti. In una manifestazione così specializzata, addirittura alla sua prima edizione, non aver potuto garantire fin dall’inizio le connessioni Internet agli espositori ha rappresentato un danno economico e d’immagine sensibilissimo. Ritengo dunque giusto che Telecom sia chiamata a risarcirci”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Corsi informatci finanziati mancanza di lavoro
    Salve sono un giovane ragioniere di 23 anni modenese attualmente disoccupato ho fatto un corso finanziato fondo sociale europeo qualificandomi come web designer.Da sempre ho avuto la passione per l'informatica spero che il corso (600 ore stage compreso) possa darmi qualke sbocco lavorativo piu' soddisfacente ke l'impiegato. Beh e' da un mese e mezzo ke faccio colloqui (o perlomeno tento visto ke alcune società informatiche non ti danno neanke questa opportunità) e nessuno mi ha assunto. Pretendono ke uno sappia fare il commerciale/programmatore/designer con un pizzico di nozioni di reti geografiche.... Poi pero' arriva la biondona ignorante giustamente per lei c'e' posto per imparare (vero lo giuro la tipa e' una mia amica...) Ora mi chiedo dove sono i posti vacanti?? Dove puo' un ragazzo volonteroso e appassionato imparare come si deve il lavoro ke a lui interessa svolgere per la vita ? Non so datemi qualke dritta se ci riuscite... Per il momento lavoro quasigratis per un mio amico faccio corsi saltuari(come insegnante word/excel base) per imparare qualcosa e per non stare fermo con le mani in mano. Ovviamente se fra 5-6 mesi non trovo niente nel settore ke mi dia soldi andro' in fabbrica. Alla fine contano solo i soldi se no non si campa e addio sogni informatici...Alberto
    • Anonimo scrive:
      Re: Corsi informatci finanziati mancanza di lavoro

      Poi pero' arriva la biondona ignorante
      giustamente per lei c'e' posto per imparare
      (vero lo giuro la tipa e' una mia amica...)anche la bellezza e un criterio di scelta...sembra;-)che devo dirti...cambia sesso e di-pingiti i capelli di biondo...;-)
  • Anonimo scrive:
    Sono stufo di sentire queste (false) notizie
    Sono d'accordo con le opinioni medie del forum, ma nel mio caso non si tratta di stipendio, ma proprio di qualità del lavoro.In un caso, risposi ad un annuncio per "tecnico di assistenza hw/sw" e mi ritrovai a consegnare PC nuovi a casa dei clienti, collegarli, dare qualche spiegazione e basta.Cambiando lavoro sono passato dalla padella alla brace: assunto presso il CED di un operatore nazionale di telefonia, l'unica cosa eccitante di quel lavoro sono gli enter e gli eject delle cassette a nastro (migliaia alla volta) dai robot Storagetek.Se questi sono i lavori nel settore informatico, di e-professionisti ne siamo pieni: qualsiasi extracomunitario può andare benissimo!
  • Anonimo scrive:
    skill shortage e problemi di recruiment
    incappo nel Vs forum quasi per caso ma mi sembra giusto lasciare la mia testimonianza.non ho meno di 22 anni ma meno di 25.diploma di laurea in economia e master in net business in fase conclusiva presso una GRANDE azienda italiana come stagista (non retribuita).non ho conoscenze o preparazione tecniche e anche il master si propone di formare figure professionali "trasversali" (dal punto di vista didattico dò un 10 e lode convinto!). ovviamente la GRANDE azienda italiana ci ha fatto sapere dalla viva voce dell'amm.ne delegato che al momento NON hanno assolutamente intenzione di assumere, nonostante siano stati loro a promuovere il master e a pagare a 5 fortunatissimi selezionati il 50% del costo totale del corso.morale della favola: ho acquisito tantissimo, mi ritengo una risorsa altamente qualificata, non penso che esista skill shortage quanto l'incapacità più totale delle aziende non solo di selezionare ma anche di capire il potenziale delle risorse che ha in casa (sono qui da 2 mesi). quindi auguro a questa GRANDE azienda italiana di avere bisogno di me, perchè so che la GRANDE occasione arriverà, quando il mio prezzo di mkt sarà notevolmente aumentato!!!ovviamente nel frattempo qualcun'altro dovrà assumermi... e questa è un'altra storia!
    • Anonimo scrive:
      Re: skill shortage e problemi di recruiment
      Beh...io ho 33 anni, sono diplomata Perito Comm.le ho seguito un corso x Webmaster finanziato da Sviluppo Italia e un consorzio delle maggiori banche nazionali (Skillpass.it), durata 4 mesi e senza stage.Credendo che lo stage fosse una possibilità di accesso al settore ho tentato ben 3 selezioni x corsi web con stage:Progettista e realizzatore di siti web (grafica) FSESistemista Web (Cisco) IFTS FSE(FaD)Progettista e sviluppatore avanzato di soluzioni web (Java) IFTS Regione Lombardia+L.440Ho superato tutte e 3 le selezioni e dovendo operare una scelta ho rinunciato al primo logisticamente scomodo e ho optato per i due IFTS di cui uno in presenza e uno a distanza.Non vi dico il mazzo che mi attende e se le prospettive sono queste...Spero che il prox anno viste le mie competenze informatiche all'Adecco mi considerino per ricoprire mansioni almeno di segretariato generico...
      :(
  • Anonimo scrive:
    Ma che vergogna!
    La triste verità è che le aziende italiane, o sono grandi e grosse e tradizionaliste, e si rivolgono all'acquisto di mostri giurassici come SAP o AS/400, spendendo milioni a persona a giorno, oppure se sono più piccole, non sono disposte a pagarti nemmeno 50.000 all'ora, figuriamoci a spendere di più.Per non parlare poi delle aziende di informatica, che spendono meno di zero in formazione e motivazione dei dipendenti, affidandosi quando va bene alla buona volontà del dipendente stesso, spesso facendo diventare l'informatica un rito voodoo, anzichè una scienza esatta.Infine gli utenti, abituati da ere geologiche a non pagare mai nessun software, e a pretendere prestazioni favolose da oggetti antidiluviani, mentre non sono disposti a nessuno sforzo per capire come funziona l'oggetto che hanno davanti.La verità è che in italia siamo ancora agli albori dell'informatizzazione (avete idea di quante persona hanno difficoltà ad usare un mouse?) e vorremmo entrare con grandi onori nella e-era...Ridicolo!
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono un professoinista! (IN CHE SENSO SCUSA?)
    Sono pochissimi visto che non si utilizzano prodotti come OpenView e Cisco Works, sono pochissimi xche' si fa della formazione e si viaggia ad installare network, sono pochissimi perche' si progetta, sono pochissimi xche' ci si informa in continuazione, sono pochissimi perche' a volte non si ha nemmeno il tempo di respirare, sono pochissimi xche' l'estate si sta in piscina con il cell. che squilla, sono pochissimi xche' da casa si gestiscono le cose in VPN e all'evenienza na scopetta al c***..............a risponderti mi viene solo la voglia di arrabbiarmi....
  • Anonimo scrive:
    Tutti ci cercano ma nessuno ci vuole...
    Il problema è sempre lo stesso: tutti cercano risorse sempre più qualificate, sempre più giovani, sempre più disposte a fare orari allucinanti e a sacrificare week-end e ferie per il bene dell'azienda e poi, tranne pochissime eccezioni, al momento della proposta di lavoro ti offrono al più 40 mil. senza una lira di straordinario, senza supporto per le spese di affitto (per chi si trasferisce) ecc..E poi si meravigliano se il candidato rifiuta e se ne va!!!!!Finchè non capiranno che la cultura e il sacrificio vanno debitamente pagati non troveranno mai le risorse che cercano.
  • Anonimo scrive:
    Tanto fanno sempre cosi'...
    Salve a tutti,ho 28 anni , 8 anni di esperienza nel campo informatico, sono un sistemista (ho fatto anche per 1 anno il programmatore all'inizio... ) conosco i sistemi M$ ,fino all'xp, ho gestito wan e lan aziendali anche di una certa rilevanza, firewall,router,dns, backup, webserver etc sono pane quotidiano, sapete quanto sono arrivato a prendere al massimo in un posto (fisso) ? meno di 3 al mese per 6 mesi con l'obbligo (morale) di licenziarmi a fine setup (in pratica ho creato tutta l'infrastruttura informatica dell'azienda, poi dopo aver predisposto tutto comprese le vpn tra le varie sedi etc etc mi sono sentito dire dal capo che ora mi doveva ridurre lo stipendio etc etc etc visto che il grosso del lavoro era finito, secondo lui) beh dopo questa BELLISSIMA (blah) esperienza, tralasciando le precedenti dove al massimo spaccandomi il culo dietro decine di servers mi davano meno di 1.7 al mese, ho deciso che mi metto in proprio, tra due mesi dovrei finire con le certificazioni per linux (RH), da li' in poi collaborero' esternamente facendomi pagare per quanto valgo, vadano affanculo le aziende che ti vogliono 10 ore al giorno (sabato e domenica la reperibilita'...of course) per 1.5-1.7 mil al mese... ma vi rendete conto quanto fa all'ora?cazzo potevo andare a girare viti alla dalmine (con tutto il rispetto per chi lo fa davvero) e forse prendevo di piu'...MALEDETTI CAPI... quando vedi che chi si occupa di amministrazione (facendo il ragionere, scrivendo le solite cose per tutto il mese) prende di piu'... cominci a pensare...saluti a tutti, e massima solidarieta' a chi lavora in questo settore (di merda) dove i capi (che di solito non capiscono un c@$$o sono strapagati... e noi... 1.6 al mese ("eh ma ti rimborso i pranzi, cosa vuoi anche la macchina ora?!")saluti
  • Anonimo scrive:
    proposta: "Analizziamo il nostro Lordo"
    io sinceramente non riesco a comprendere le lamentele dei partecipanti al thread riguardo gli stipendi 'da fame' italiani...Il problema sara' sicuramente effettivo, pero' mi piacerebbe che siate un po concreti, ovvero che uno per uno iniziaste (in modo sincero) a denunciare pubblicamente quale' il vostro Lordo annuo, in modo tale da cercare di capire se esso e' realmente commisurato agli anni e alle capacita' o se al contrario risulta essere invece un fisso da fame.ad esempio io faccio il programmatore e sviluppo in C sotto Unix.. ho piu' di 5 anni di esperienza e porto a casa un lordo di 50, senza benefits, senza incentivi, senza un cazzo di niente. E voi invece? cosa siete? programmatori anche voi? oppure siete dei sistemisti? oppure vi occupate di Project Management? se si, quanto prendete? e siete laureati? oppure diplomati? siete certificati ?praticamente e' soltanto in questo modo che possiamo (insieme) fare un quadro completo della situazione italiana salariare nel settore IT, perche' se invece si continua con questo thread dove tutti si lamentano ma non scrivono quanto effettivamente prendono non se ne esce.io ad esempio sento molto spesso di parlare di 60 lordi con tanto di cellulare e pc portatile.. ma sara' vero? se si, dove?scriviamo pubblicamente quanto prendiamo, e parliamone!! scardiniamo questo muro di omerta'!
    • Anonimo scrive:
      Re: proposta:
      - Scritto da: fabbri[...]
      ad esempio io faccio il programmatore e
      sviluppo in C sotto Unix.. ho piu' di 5 anni
      di esperienza e porto a casa un lordo di 50,
      senza benefits, senza incentivi, senza un
      cazzo di niente.
      io ad esempio sento molto spesso di parlare
      di 60 lordi con tanto di cellulare e pc
      portatile.. ma sara' vero? se si, dove?50 o 60, cellulare o no poco cambia...Ho letto annunci relativi all'UK che parlavano di 70.000 sterline (pari a 200 milioni) l'anno per programmatori C con 2 anni di esperienza, tieni anche presente che li le tasse sono molto più basse che da noi (forse perchè le pagano tutti e non c'è un'evasione alta come da noi?)Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: proposta:
      - Scritto da: fabbri

      io sinceramente non riesco a comprendere le
      lamentele dei partecipanti al thread
      riguardo gli stipendi 'da fame' italiani...

      Il problema sara' sicuramente effettivo,
      pero' mi piacerebbe che siate un po
      concreti, ovvero che uno per uno iniziaste
      (in modo sincero) a denunciare pubblicamente
      quale' il vostro Lordo annuo, in modo tale
      da cercare di capire se esso e' realmente
      commisurato agli anni e alle capacita' o se
      al contrario risulta essere invece un fisso
      da fame.

      ad esempio io faccio il programmatore e
      sviluppo in C sotto Unix.. ho piu' di 5 anni
      di esperienza e porto a casa un lordo di 50,
      senza benefits, senza incentivi, senza un
      cazzo di niente. E voi invece? cosa
      siete? programmatori anche voi? oppure siete
      dei sistemisti? oppure vi occupate di
      Project Management? se si, quanto prendete?
      e siete laureati? oppure diplomati? siete
      certificati ?

      praticamente e' soltanto in questo modo che
      possiamo (insieme) fare un quadro completo
      della situazione italiana salariare nel
      settore IT, perche' se invece si continua
      con questo thread dove tutti si lamentano ma
      non scrivono quanto effettivamente prendono
      non se ne esce.

      io ad esempio sento molto spesso di parlare
      di 60 lordi con tanto di cellulare e pc
      portatile.. ma sara' vero? se si, dove?

      scriviamo pubblicamente quanto prendiamo, e
      parliamone!! scardiniamo questo muro di
      omerta'!Ok, webmaster (iis+sql+sybase+vb; ovviamente con vbs+js+htm): esperianza 18 mesi.2 anni in C+assembler.Progetti lavorativi di breve durata in C++, Java.Tot: 56 lordi + qualche benefit (l'ultimo un P3 in regalo).Il portatile e il cell. se mi servissero mi verrebbero dati (ovviamente rimarrebbero di proprietà della ditta).I commenti sono i ben venuti.P.S. Dimenticavo, sono laureato e ho meno di 30 anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: proposta:
      Sistemista NT/2000, 2 anni di esperienza. Il lordo non lo so... la busta paga manco la leggo... prendo 2400000 lire nette per 13 mensilità più 10000 lire di ticket al giorno... mi ritengo fortunato e sono soddisfatto... se siete di Milano, siete bravi e non esosi provate a scrivermi... girerò cv a mio capo...ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: proposta:
        - Scritto da: Francesco
        Sistemista NT/2000, 2 anni di esperienza. Il
        lordo non lo so... la busta paga manco la
        leggo... prendo 2400000 lire nette per 13
        mensilità più 10000 lire di ticket al
        giorno... mi ritengo fortunato e sono
        soddisfatto... tu hai invece 45 lordi, che per le attivita' che svolgi e' inteso come stipendio di ingresso; se dopo 3/4 anni continuerai ancora a prendere 45, stando sempre nella stessa azienda, allora o l'azienda non puo' darti di piu' in quanto non naviga un buone acque, oppure ti vogliono fregare, in quanto tu gia' da ora potresti iniziare a chiedergli un aumento (almeno 50).... e se non te lo danno, cambia, in quanto a milano e' pieno di ditte che cercano sistemisti nt/2000.
    • Anonimo scrive:
      Re: proposta:
      -26 anni laureato economia aziendale-esperienza di 4 anni su linux/unix + apache PHP e Mysql-realizzazione di siti internet/Intranet in PHP - MySql e auto-amministrabili.-progettazione di sistemi a supporto di ISO9000 per la P.A. e per aziende di servizi su UNIX/LINUX Utile ante imposte (sì sono un professionista e vi assicuro *non evado*) - 36 milioni circa(il mio unico dipendente guadagna come me)
    • Anonimo scrive:
      Re: proposta:
      33 anni; laureato ingegneria; 4 anni esperienza pre-laurea; 4 anni post-laurea; c, c++, java piu' un'altra mezza dozzina di linguaggi, db vari (relazionali e non); buona conoscenza sistemistica unix, buona conoscenza sistemistica win. Un po' di automazione industriale (PLC)Morale: 80 lordi NON assunto. ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: proposta: PRE-SALES
      Ciao a tutti,io svolgo il ruolo di pre-sales, per una grossa multinazionale americana, ecco le cifre:lordo annuo: 45.000 Eurovariabile: 13.000 EuroInquadramento: 1 Liv contratto commerciale.benefits: cell, sim, palm, portatile, auto cat. Bmi dispiace, perchè in confronto a quanto letto, prendo un'enormità. Il mio capo invece (gran testa di cazzo), prende 80.000 ? è non capisce cazzo.questa è la vita, più sei un coglione più vai avanti
  • Anonimo scrive:
    basta cazzate
    questi discorsi fanno veramente incazzare...le professionalità in Italia ci sono e come...ma se da parte delle aziende non c'è un interesse a investire nei servizi di certi settori...che ci possiamo fare noi...si vogliono solo ragazzini alle prime armi da pagare poco e si storge il naso se un professionista chiede che le prestazioni vengano retribuite in un certo modo ... che poi nella maggior parte dei casi sono il minimo tariffario che quest'ultimo può chiedere per sopravvivere!a volte penso che questi proclami servano solo per fare in modo che arrivino più soldi da fondi europei o simili per corsi di formazione...chissà poi che fine veramente fanno
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono un professinista!
    Sante parole
  • Anonimo scrive:
    QUANTI sono informatici e non RISULTANO
    La verità è che desiderano persone qualificate e "sottomesse"ti vogliono intelligente per il lavoroe fesso per la retribuzione .........Quindi contratti a iosa comemetalmeccanico come impiegato come commesso .....che shifo .......prima contratti di formazione a rafficaadesso o "liberi" professionisti schiavizzati ...quando arrivi a 35 anni dopo 15 di questa solfane hai talmente le palle piene che dici ...qualsiasi lavoro .....meno che l'informatico ........anche se il lavoro mi piace .....non si lavora per la gloria
    • Anonimo scrive:
      Re: QUANTI sono informatici e non RISULTANO

      quando arrivi a 35 anni dopo 15 di questa
      solfa
      ne hai talmente le palle piene che dici ...
      qualsiasi lavoro .....meno che l'informaticoIo mi sono rotto gia' dopo un anno...Ma negli altri paesi dell'UE e' cosi'?
  • Anonimo scrive:
    In italia le paghe sono una miseria....
    In Italia le paghe sono 1/8 della spagna, 1/6 della Germania, 1/5 dell'Inghilterra e dell'Irlanda e 1/2 della Francia (fonte Mosteritalia). Da notare che il costo della vita, in quei paesi, non e' commisuratamente piu' alto...Quindi, signori miei, se volete dei professionisti, PAGATELI!!!!Io con un tot. di certificazioni sulla capoccia, in italia guadagno una miseria rispetto agli altri paesi europei.... gia tanti amici sono emigrati verso altri lidi dove le paghe sono commisurate alle capacita'... e io penso faro' altrettanto... ragazzi fatelo anche voi, l'Italia (purtroppo) e' un paese di pre-pensionati e quindi il dinamismo (sia dei lavori che delle paghe) non e' ben accetto....ciao ciaoDaniele
  • Anonimo scrive:
    ....fate così....
    Volete trovare persone per colmare 300.000 posti di lavoro nel new tecnology?Semplice postate questo messaggio, chiaramente solo in interet:società informatica cerca programmatori per telelavoro da casa, vi paghiamo bolletta, e alla fine del lavoro vi paghiamo coi soldi veri.Buon lavoro a tutti!Dal vostro Kublai Khan
  • Anonimo scrive:
    Re: Siamo qui!

    Poi basta con i programmatori fai da te con
    licenza media, tutti si qualificano come
    ottimi professionisti anche senza uno
    straccio di diploma TECNICO e non esiste un
    ORDINE DEI PROGRAMMATORI od un organo che
    impedisca ai non addetti ai lavori di
    svolgere attività di cui dovrebbero
    occuparsi dei professionisti che si sono
    "fatti il mazzo" studiando duramente.
    Sono stanco di raccoliere clienti "scottati" ...Hai perfettamente ragione!
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo qui!
      Scusate ma non sono daccordo.Io ho un diploma di liceo scientifico, ma mi son sempre potuto mangiare a colazione tutti e dico tutti i diplomati in Ragioneria programmazione o altro diploma tecnico del ramo, e anche una buona parte dei laureati in informatica, che anche quando sono bravi e preparati non hanno nessuna ma proprio nessuna nozione di ciò che accade realmente nel mondo del lavoro, tutti presi come sono dalle loro belle macchine Unix e dalla fantastica Interazione uomo macchina; neanche uno che 8 anni fa, quando win 3.1 era ormai lo standard nei PC e win95 stava per arrivare, avesse la benchè minima idea di come fosse fatto!E poi scusatemi, che mi importa saper realizzare un kernel di SO (ne produrrò mai uno?), se poi invece non so come sia fatto quello del SO che dovrò manutenere? Quanti degli informatici che escono dall'università italiana conoscono windows? Quanti sanno come far convivere in rete SO diversi? Quanti sanno che cosa rende stabile windows e cosa lo mette in difficoltà?Ma non scherziamo!
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono un professionista!
    Sono pienamente d'accordo!!Tipica richiesta di lavoro:- laureato- militesente- alemno 3 anni di esperienza- certificazioni etc...- ti pago una miseria...Ma quanta gente sperano di trovare?? Vogliono tutto ed al minimo costo!!Vuoi una persona competente e professionale? PAGALA e che cavolo!!!
  • Anonimo scrive:
    Banana's Country....
    E si riparte...Mancano figure professionali ma non perchè mancano i corsi ma perché le grandi aziende vogliono i professionisti come dipendenti a 3-4 milioni al mese: chi è il "pirla" che va a spendere svariati milioni per avere uno stipendio leggermente superiore ad un impiegato?Forse quanto creato (13 figure professionali, studi ed analisi) si riferisce alle esigenze delle grandi aziende, senza valutare che la maggior parte dei webworkers lavora in modalità indipendente o consorziata in piccole realtà operative, ossia le realtà che stanno facendo crescere lo sviluppo web in Italia (tralasciando i c.d. webmastella...).Si ripropone il solito problema dei corsi qualificanti e riconosciuti: dal 1 gennaio arriveranno esperti esteri che avranno fatto il corso X, 10 volte più tosto del corso Y fatto da un italiano...Be', è dal 1996 che abbiamo definito degli standard mondiali di formazione e nel resto del mondo stanno prendendo piede... solo in Italia, ma non per colpa nostra, c'è un muro di gomma per la formazione internazionale...Sarà forse, ma dubito, la volta che gli italiani si sveglieranno?Roberto ScanoCoordinatore Europeo IWAwww.iwanet.org
  • Anonimo scrive:
    Re: Siamo qui!
    Ma perché tu credi invece che, inscrivendosi all'università, uno acquisisce la professionalità per programmare?Secondo me no, i corsi universitari come sono organizzati oggi sono troppo generici: non ti insegnano mica Java o C++ oppure Sql oppure Visual Basic (come invece accade in America). Ti danno solo un pezzo di carta e una forma mentis generale.Perché no: conosco programmatori che hanno la licenza media e fanno il loro mestiere onestamente. Non è questione di "pezzo di carta", come in tutte le altre cose della vita, per far bene il proprio mestiere.Ci vuole passione e onestà.Io magari direi che ci sono parecchie persone disoneste (ne conosco) ma questo non ha niente a che fare con l'informatica: ne esistono parecchie in altri campi.Purtroppo è la mentalità italiana: c'è l'abitudine, per esempio, a "gonfiare" il c.v. (chi non lo ha fatto anche una sola volta) tanto che le aziende poi, in fase di colloquio, ti richiedono le reali conoscenze.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo qui!
      - Scritto da: Jeff75
      Ti danno solo un pezzo di carta e
      una forma mentis generale.hai detto niente.... la forma mentis, ovvero il metodo, e' una di quelle cose che fanno la differenza tra un professionista serio ed un "impasta-byte"
      Perché no: conosco programmatori che hanno
      la licenza media e fanno il loro mestiere
      onestamente. Verissimo. Cosi' come ci sono laureati del tutto incompetenti. Pero' questo non aiuta per niente quando devi cercare di "strappare" un cliente a certi tizi che lavorano per una cicca di tabacco e millantano le tue stesse capacita'/conoscenze. Un albo non sarebbe certo la soluzione perfetta e, sicuramente, taglierebbe fuori qualche bravissimo professionista; pero' sono convinto che il numero di queste "vittime innocenti" sarebbe enormemente inferiore a quello degli incapaci/incompetenti che verrebbero finalmente messi in condizione di non nuocere piu'.
      Purtroppo è la mentalità italiana: c'è
      l'abitudine, per esempio, a "gonfiare" il
      c.v. (chi non lo ha fatto anche una solaNo, il c.v. lascia il tempo che trova. Il problema di mentalita', se vuoi, sta negli uffici amministrativi/dirigenziali delle aziende che non hanno ancora capito che un sistema informatico e' prezioso tanto quanto le macchine da officina (e simili): e' uno strumento di lavoro che e' ha impatto *diretto* sul benessere dell'azienda; invece no, per il manager medio, soprattutto della PMI, il Computer (pronunciato con la C maiuscola e con il maggior distacco possibile) e' una entita' misteriosa che si *deve* usare perche' ormai tutti lo fanno; e allora compriamolo pure, pero' spendendo il meno possibile. E il software? Perche' pagare cosi' tanto chi scrive il sw? Non sara' mica difficile scrivere programmi! Lo fa anche mio figlio che fa la quarta superiore...
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo qui!
      - Scritto da: Jeff75
      Ma perché tu credi invece che, inscrivendosi
      all'università, uno acquisisce la
      professionalità per programmare?Direi!!!! Cosa pensi che ti possa dare l'universita'!!!! Io studio informatica a bologna e nel giro di un paio d'anni ho aquisito una conoscenza teorica che mi permette un livello di programmazione ben piu' alto di quello che avevo prima(diploma di perito informatico). Io ho implementato un kernel in c++, vorrei vedere se un programmatore "fai da te" ne sarebbe capace!!!
      Secondo me no, i corsi universitari come
      sono organizzati oggi sono troppo generici:
      non ti insegnano mica Java o C++ oppure Sql
      oppure Visual Basic (come invece accade in
      America). Ti danno solo un pezzo di carta e
      una forma mentis generale.Tutti i linguaggi sopra menzionati(VB a parte ) vengono trattati a lungo, in molti corsi e in ogni suo piu' recondito aspetto.... inoltre vengono affrontati linguaggio ben piu' complessi come linguaggi logici e di progettazione(UML).L'universita' italiana sta apportando cambiamenti(nuova riforma) per portare il laureati al mondo del lavoro il prima possibile e con una preparazione piu' vicina a cio che le aziende chiedono. Non voglio togliere niente a coloro che non hanno il cosi' detto pezzo di carta, ma un laureato e un'altra cosa. Le aziende non hanno bisogno di programmatori(manovalanza dell'informatica) ma di gente in grado di progettare e sviluppare sitemi aziendali innovativi ed efficienti. Secondo te in 5 anni, uno cosa studia.... 8086 e come funziona la seriale???????Ingegneria del software, interazione uomo macchina, sistemi distribuiti e multimediali ecc.... Ti sembrano cose che una persona media studia da autodidatta?????Il problema rimane, soprattutto nel fatto che un amministratore aziendale non riesce a quantificare quanto una persona effettivamente valga. Un aneddoto : laureato si presenta con un c.v. lungo un kilometro: non assunto perche' nel c.v. mancava la voce conoscenza dell'HTML.... non ho paroleCiao ciao
  • Anonimo scrive:
    Bisogna certificarsi :)
    si bisogna ottenere dei titoli certificati e riconosciuti :) mmm guardate il sito di elea (nota società di insegnamento nel campo informatico per la certificazione) e il prezzo per i corsi :) ... non sarà mica alto no ? ora apro il browSer e vi incollo qualke esempio!Installation and Maintenance of Cisco RoutersAula: L. 3,999,985Aula + CD: L. 5,350,000 CD (ENG): L. 2,900,000 Aula: gg. 4ahem... scusa ma.... cioè... ci sono anche le tailandesi che ti massaggiano mentre ascolti il relatore e ti imboccano con uva di prima scelta ?Mah! magari è un caso, proviamo qualcosa di diverso dai!Analisi e Progettazione di Base Dati OracleAula: L. 2,107,000Già meglio dai! peccato che c'è tutto un percorso di corsi vari da fare per arrivare alla formazione finale :)Gli altri modici prezzi guardateli pure voi sul sito di cui sopra :)Oppure andate all'uni a studiarvi analisi matematica e fisica per diventare buoni system administrator o quant'altro cazzo vi pare. ora sono ridotte a 3 anni le lauree :)) peccato che gli esami siano quelli di prima e solo il tempo è diventato meno.Insomma io dico questo: - per trovare un buon lavoro nell'IT bisogna avere una adeguata certificazione. ok. Se sono certificato mi paghi di più perchè ne ho titolo.- I corsi privati hanno cifre esorbitanti. non è ok.- I corsi di laurea sono troppo generali, dispersivi e tendono a creare sviluppatori e non utilizzatori. e cmq, non lo so, ma non credo che all'uni ti insegnino a implementare un Oracle, una rete w2000 o unix che sia. - Gli stipendi in italia, confrontati con gli altri stipendi europei sono inferiori. Andate a lavorare all'estero.- Se la rai o la fininvest non ci fanno vedere i mondiali di calcio perchè costano troppo, dovro' comprarmi telepiu' e allora avro' una motivazione per chiedere l'aumento di stipendio perchè saro' privato dell'unico diritto fondamentale per l'uomo italiano.ciao a tutti
    • Anonimo scrive:
      Re: Bisogna certificarsi :)
      Non e' necessario fare i corsi per avere le certificazioni,basta che studi per i fatti tuoie poi dai gli esami necessari per la certificazione.In genere il costo di ogni singolo esame e' intorno alle 100/150 mila lire,che vuol dire per esempio la certificazione MCSE WIN2000 di Microsoft ti viene a costare circa un milione di lire (sono 7 esami),se invece fai i corsi dei relativi 7 esami spendi qualcosa come 15/20 milioni di lire........
      • Anonimo scrive:
        Re: Bisogna certificarsi :)
        - Scritto da: Fox
        Non e' necessario fare i corsi per avere le
        certificazioni,basta che studi per i fatti
        tuoi
        e poi dai gli esami necessari per la
        certificazione.
        In genere il costo di ogni singolo esame e'
        intorno alle 100/150 mila lire,che vuol dire
        per
        esempio la certificazione MCSE WIN2000 di
        Microsoft ti viene a costare circa un
        milione di lire (sono 7 esami),se invece fai
        i corsi dei relativi 7 esami spendi qualcosa
        come 15/20 milioni di lire........Aggiungi il costo dei resource kit perkè nei manuali ufficiali (tra l'altro skritti kon traduzioni ke fanno pena da quanti errori ci sono) mancano informazioni che poi vengono domandate in esame. I resource kit costano sulle 240 carte all'uno. e cmq non sono giustificabili quei costi cmq la metti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Bisogna certificarsi :)
          Secondo me sono giustificabilissimi. Io ho speso circa 2.500.000 per diventare MCSE (tra esami e training kits) e ho cambiato lavoro il mese dopo raddoppiando quasi lo stipendio.... Il che equivale a dire che mi sono ripagato la certificazione in 2 mesi.... Poi fai tu...P.S. Perche' a tanta gente hanno messo 2 K anziche' una C e una K sulla tasiera? :PciaoDaniele R
          • Anonimo scrive:
            Re: Bisogna certificarsi :)
            Sei MCSE windows 2000 o nt 4.0?
          • Anonimo scrive:
            Re: Bisogna certificarsi :)
            Riguardo alla certificazione Microsoft o altre sono comunque una marcia in più anche per trovare lavoro in quanto offrono una formazione molto pratica e immediatamente spendibile sul lavoro.Riguardo ai costi i corsi costamo molto ma sono prezzi sostenibili da aziende che vogliono certifcare i loro professionisti per chi é disoccupato la via migliore é training kit più esame finale, inoltre motri training kit in inglese (in formato elettronico ovviamente)si trovano con i sistemi p2p come winmx non ci sono tutti ma molti si.
    • Anonimo scrive:
      Non basta la certificazione...
      Penso che molto dipenda anche da dove vivi, cioè dal numero e dal tipo di aziende che ci sono nella tua zona. Personalmente, perito informatico, specializzato in networking con cert. Cisco (ho fatto dei corsi gratis a numero chiuso, e ho fatto l'esame ufficiale all'Elea, uscendone con un punteggio alto), a tutt'oggi non ho un lavoro (vivo in Toscana). E questo perchè le poche aziende che mi hanno risposto, nei pochissimi colloqui che ho fatto, mi hanno detto generalmente che "al momento non prevediamo assunzioni nel breve termine. ne riparleremo come minimo l'anno prossimo". Cioè, prima dell'anno prossimo sicuramente nulla, poi si vedrà (lo so, manca poco al 2002, ma io vado avanti così da qualche mese)...Che sia perchè sono al primo impiego (ma se non mi assume nessuno, come farò mai ad arrivare al secondo, al terzo...) o che sia stato talmente sfortunato da beccare proprio tutte e solo le aziende che non assumono...! ;-)P.S. Se mi assumesse un'azienda del nord, potrei anche andarci, a patto che mi permettano almeno di vivere. Che io sappia, a Milano è un po' difficile vivere con 1 milione e 1/2 (pardon, 775 euro) al mese, tra affitto, mangiare, vestire, ecc.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non basta la certificazione...
        Concordo in pieno. Tre anni fa ho preso la certificazione MCSD grazie ad un corso finanziato dal Fondo Sociale Europeo nel Veneto, tuttavia a causa dell'età e dell'inesperienza la ditta presso cui ho effettuato lo stage non mi ha tenuto. Inviati molti curriculum, le uniche risposte arrivavano dalla Lombardia, principalmente Milano, ma sembrava che parlare fin da subito di conquibus fosse eresia, e vivere lì costa un occhio. Alla fine ho trovato un impiego a un chilometro da casa che nulla aveva a che fare con il certificato (pur essendo comunque nel settore dell'informatica, of course), certificato che ovviamente non ho mantenuto a spese mie per non poterci poi fare un c...o. IMHO, i corsi servono solo a far soldi a chi li tiene, tanto vale studiare da privatisti. E le certificazioni hanno senso se già si è introdotti nel settore e/o si ha meno di trent'anni, altrimenti sono aria fritta.Ciao.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non basta la certificazione...
          Le certificazioni sono cartaccia. Non perchè non ti insegnino qualcosa, ne perchè non rappresentino una carta da giocare per l'assunzione. Semplicemente perchè, se non hai la mentalità sottomessa del dipendente ma dimostri un po' di iniziativa, NON ESISTE NESSUNO CHE TI ASSUMA. Mi spiego meglio: o la realtà a cui ti rivolgi è piccola, nel qual caso NON ti assumerebbe comunque, e comunque non le importa un fico delle tue certificazioni, o invece è grande, e allora addio iniziativa, addio possibilità di fare qualcosa di tuo, nel migliore dei casi (se sei programmatore) scriverai una dll oscura, nessuno ti chiederà un parere e dovrai semplicemente produrre un microscopico pezzo di qualcosa che non avrai MAI il diritto di conoscere in toto.Detto in altri termini:Dipendente: Vale la certificazione, ma ti assumono SOLO per lavorare su qualcosa di loro, già fatto, probabilmente già datato e comunque incomprensibile e oscuro, e NON GLIENE FREGA NULLA CHE TU SIA UN SEMPLICE SCRIBACCHINO O UN INFORMATICO CAPACE ED INTRAPRENDENTE.Non dipendente: La cert. non vale nulla, e nessuno ha intenzione di pagarti quello che vali, nemmeno quando è con l'acqua alla gola, e dopo averti chiamato per riparare ai danni che ha fatto suo nipote (potete inserire qui l'amico smanettone di turno) storce il naso e ti paga dopo mesi.Fate un po' voi...
  • Anonimo scrive:
    Pagate di più...
    L'ultima proposta che ho ricevuto mi richiedeva competenze in: Programmazione C, ottima conoscenza reti e protocolli, conoscenza delle basi sulla sicurezza informatica, conoscenza SQL, Linux/Unix, NT e Windows 2000 server, e uso di CAD (!)...Questo per fare assistenze a clienti presso le loro sedi.Ok, ci siamo... retribuzione?1.600.000 per 13 mensilità...Ma vaff!Ciao a tutti!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pagate di più...
      Il problema e che in Italia sognano, vorrebbero persone qualificate, con esperienza professionale pluriennale e disposte a tralasciare eventuali straordinari quando lo stipendio si aggira sui 2 mln. Se le persone qualificate si facessero pagare quanto realmente valgono (vedete le offerte su Londra) probabilmente le cose cambierebbero
      • Anonimo scrive:
        Re: Pagate di più...
        - Scritto da: Luca[...]
        (vedete le offerte su Londra)Lavori in UK?Se si, mi potresti dare delle info?Come hai fatto per andare a lavorare in UK?E il lavoro come l'hai trovato? Mandando CV dall'Italia?Ciao e grazie
      • Anonimo scrive:
        Re: Pagate di più...
        - Scritto da: Luca
        Il problema e che in Italia sognano,
        vorrebbero persone qualificate, con
        esperienza professionale pluriennale e
        disposte a tralasciare eventuali
        straordinari quando lo stipendio si aggira
        sui 2 mln.
        Se le persone qualificate si facessero
        pagare quanto realmente valgono (vedete le
        offerte su Londra) probabilmente le cose
        cambierebberoGuarda che a Londra il costo della vita è il triplo di qui in italia...6 milioni a Londra sono circa 2 milioni in Italia...
        • Anonimo scrive:
          Re: Pagate di più...
          Lo so perche ci vivo. E uno stipendio di un professionista che in Italia viene pagato 2 Mln qua lo pagano da 5.5 in su ! leggermente diverso
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagate di più...
            - Scritto da: luca
            Lo so perche ci vivo. E uno stipendio di un
            professionista che in Italia viene pagato 2
            Mln qua lo pagano da 5.5 in su ! leggermente
            diversoQuello che sto cercando di dire è per quelli che sbavano pensando a uno stipendio di 6M al mese.Bisogna avvisare che a Londra non è un granche e, come dici te, equivale a uno stipendio di 2M 'italiani'.Tutto qui...
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagate di più...
            Quanto dici non mi risulta proprio...Che il costo della vita sia un po' più alto è vero, ma un rapporto 1:3 non esiste proprio!Ho amici che stanno fuori e ti posso garantire che hanno un tenore di vita (viaggi, casa, macchine, ecc...) nettamente superiore al nostro.
            Quello che sto cercando di dire è per quelli
            che sbavano pensando a uno stipendio di 6M
            al mese.
            Bisogna avvisare che a Londra non è un
            granche e, come dici te, equivale a uno
            stipendio di 2M 'italiani'.

            Tutto qui...
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagate di più...
            - Scritto da: Plink
            Quanto dici non mi risulta proprio...
            Che il costo della vita sia un po' più alto
            è vero, ma un rapporto 1:3 non esiste
            proprio!
            Ho amici che stanno fuori e ti posso
            garantire che hanno un tenore di vita
            (viaggi, casa, macchine, ecc...) nettamente
            superiore al nostro.Per fuori intendi Londra?Il rapporto 3:1 lo intendevo con Londra.

            Quello che sto cercando di dire è per
            quelli

            che sbavano pensando a uno stipendio di 6M

            al mese.

            Bisogna avvisare che a Londra non è un

            granche e, come dici te, equivale a uno

            stipendio di 2M 'italiani'.



            Tutto qui...
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagate di più...
            - Scritto da: equivalenze...

            Ho amici che stanno fuori e ti posso

            garantire che hanno un tenore di vita

            (viaggi, casa, macchine, ecc...)
            nettamente

            superiore al nostro.

            Per fuori intendi Londra?
            Il rapporto 3:1 lo intendevo con Londra.Con fuori intendevo che vivono all'estero, anche io mi riferisco a Londra città.Se poi tu sei stato solo al centro allora sono d'accordo che costa di più (ma cmq mai 1:3), ma anche qui il centro di Roma o Milano è molto più costoso della vita ""normale".Anzi, forse costa anche di più qui per certe cose.Ciao.
        • Anonimo scrive:
          Re: Pagate di più...
          - Scritto da: equivalenze...
          Guarda che a Londra il costo della vita è il
          triplo di qui in italia...Sicuro?Io ho vissuto nel nord dell'Inghilterra, e il costo della vita lì è circa il 20% in + che i a Milano.
          6 milioni a Londra sono circa 2 milioni in
          Italia...6 milioni nello Yorkshire sono circa 5 milioni a Milano
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagate di più...
            - Scritto da: SiN


            - Scritto da: equivalenze...


            Guarda che a Londra il costo della vita è
            il

            triplo di qui in italia...


            Sicuro?
            Io ho vissuto nel nord dell'Inghilterra, e
            il costo della vita lì è circa il 20% in +
            che i a Milano.



            6 milioni a Londra sono circa 2 milioni in

            Italia...

            6 milioni nello Yorkshire sono circa 5
            milioni a MilanoSi parlava di Londra...Non di un paesino sperduto nella nebbia...Londra dove, se ricordo bene, tagliarsi i capelli costava 5 anni fa l'equivalente al cambio di 81.000!!!!Se lo sapevo mi 'rasavo' una volta a casa!:-((((((((((
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagate di più...
            - Scritto da: equivalenze...
            Si parlava di Londra...
            Non di un paesino sperduto nella nebbia...Il "paesino" mi pare abbia circa 400.000 abitanti e molta meno nebbia di Londra.:-ppppp
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagate di più...
            - Scritto da: SiN


            - Scritto da: equivalenze...


            Si parlava di Londra...

            Non di un paesino sperduto nella nebbia...


            Il "paesino" mi pare abbia circa 400.000
            abitanti e molta meno nebbia di Londra.

            :-pppppComunque non ha il Big Bang!:-PPPPPPPPPPPPPPPPPP
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagate di più...


            Comunque non ha il Big Bang!

            :-PPPPPPPPPPPPPPPPPP
            Ehm, ma sai di che stai parlando?Si chiama Big Ben!
          • Anonimo scrive:
            Re: Pagate di più...
            Mah...me li sono tagliati con l'equivalente di 24000, contro le 20000 che si pagano qui.Se vuoi spendere tanto lo fai anche qui...Ma concordo che il costo della vita sia un 20-30% in più, non oltre
            Londra dove, se ricordo bene, tagliarsi i
            capelli costava 5 anni fa l'equivalente al
            cambio di 81.000!!!!

            Se lo sapevo mi 'rasavo' una volta a casa!

            :-((((((((((
    • Anonimo scrive:
      Re: Pagate di più...
      - Scritto da: 2diPikke
      L'ultima proposta che ho ricevuto mi
      richiedeva competenze in: Programmazione C,
      ottima conoscenza reti e protocolli,
      conoscenza delle basi sulla sicurezza
      informatica, conoscenza SQL, Linux/Unix, NT
      e Windows 2000 server, e uso di CAD (!)...
      Questo per fare assistenze a clienti presso
      le loro sedi.
      Ok, ci siamo... retribuzione?

      1.600.000 per 13 mensilità...

      Ma vaff!

      Ciao a tutti!Se non dici l'età, le esperienze lavorative, la laurea e/o diploma e la zona la cifra non indica poi molto...
      • Anonimo scrive:
        Re: Pagate di più...
        Imho se anche solo sapesse fare la meta' di quanto richiesto, indipendentemente dalla zona geografica, 1.6Mil sono uno stipendio da operaio...nulla contro la categoria per carita'.. ma se permetti se non sei proprio al primo impiego (e con quelle richieste vorrei vedere un neodiplomato o neolaureato che ne sa' veramente) per quei soldi non assemblo nemmeno pc per il negozio sotto casa...
        • Anonimo scrive:
          Re: Pagate di più...
          - Scritto da: WarfoX
          Imho se anche solo sapesse fare la meta' di
          quanto richiesto, indipendentemente dalla
          zona geografica, 1.6Mil sono uno stipendio
          da operaio...nulla contro la categoria per
          carita'.. ma se permetti se non sei proprio
          al primo impiego (e con quelle richieste
          vorrei vedere un neodiplomato o neolaureato
          che ne sa' veramente) per quei soldi non
          assemblo nemmeno pc per il negozio sotto
          casa...Appunto, se è al primo impiego è uno che sta 'gonfiando' il c.v.Comunque ho chiesto quelle cose per dire + o - quanto meritava di stipendio con quelle competenze...
  • Anonimo scrive:
    Bel problema
    Che manchi certo personale e' vero. Che manchi la preparazione di piu'.Che manchi la serieta' professionale di certi personaggi e di certe aziende e' palese.Il punto e' che nessuno in italia investe davvero nella formazione e nella specializzazione dei dipendenti di settore. A parte qualche matto che cerca di metterci passione nell'organizzare corsi (e ho visto corsi dei fondi sociali fatti molto bene da gente in gamba) ci sono migliaia di enti di formazione che prendono milioni a pioggia con la Ue per organizzare corsi mediocri senza stage o possibilita' per i corsisti.Volete ridere? Con la riforma universitaria gli atenei possono organizzare (a pagamento) master di primo livello (i post laurea e i master che circolano oggi) e di secondo (di iperspecializzazione ma senza ulteriori fondi economici a disposizione).Fatevi due conti e chiedetevi perche' tutti piangano oggi sulla mancanza di personale qualificato e sul perche' molti facciano i furbi.
  • Anonimo scrive:
    ... e come mai..
    io non riesco a trovare un lavoro!? curriculum:Diploma di Perito Elettronico,OTTIMA dimestichezza con la Grafica,conoscenza dei sistemi operativi Windows, Linux/Unix, Mac, Amiga, BeOS..conoscenza delle reti, ho imparato a realizzare siti web quando l'unico modo per imparare era L'AUTODIDATTICA, e man mano mi sono evoluto con l'approfondimento delle novità che man mano vengono introdotte.. ASP, PHP, DHTML, Cold Fusion.. esperienze professionali serie NESSUNA!perchè!? perchè tutti questi cazzoni che sentono tanto la mancanza di esperti, non si degnano neanche per il cazzo di rispondere ai curricula che invio da anni.. ma per quale STRACAZZO di motivo fate le selezioni del personale!? e su cosa vi basate per le selezioni!? selezionate solo gli chi è certificato dal CEPU?! ma andate in malora... voi, i vostri soldi e le vostre aziende del piffero!
    • Anonimo scrive:
      Re: ... e come mai..
      - Scritto da: Disoccupato Incazzato
      ... e come mai..
      io non riesco a trovare un lavoro!? Perchè toccherebbe darti uno stipendio, visto che non sei nè Rumeno nè Indiano.
      curriculum:
      Diploma di Perito Elettronico,
      OTTIMA dimestichezza con la Grafica,
      conoscenza dei sistemi operativi Windows,
      Linux/Unix, Mac, Amiga, BeOS..
      conoscenza delle reti, Il curriculum è una variabile indipendente; l'azienda tipo lo archivia nel tritadocumenti.
      ho imparato a realizzare siti web quando
      l'unico modo per imparare era
      L'AUTODIDATTICA, e man mano mi sono evoluto
      con l'approfondimento delle novità che man
      mano vengono introdotte.. ASP, PHP, DHTML,
      Cold Fusion..

      esperienze professionali serie NESSUNA!
      perchè!? Perchè se sai tutte queste cose e hai più di ventidue anni le aziende non ti prendono: loro vogliono uno già esperto "in grado di crescere con l'azienda". Ma solo di esperienza, non di stipendio.
      perchè tutti questi cazzoni che sentono
      tanto la mancanza di esperti, non si degnano
      neanche per il cazzo di rispondere ai
      curricula che invio da anni.. ma per quale
      STRACAZZO di motivo fate le selezioni del
      personale!?Selezione? Perchè il personale si seleziona adesso?
      e su cosa vi basate per le
      selezioni!? selezionate solo gli chi è
      certificato dal CEPU?! La Patente Europea del Computer... quella si che è una garanzia!
      ma andate in malora... voi, i vostri soldi e
      le vostre aziende del piffero!In Malora? Si limitano a spostarsi in India.
    • Anonimo scrive:
      quando avevo meno di 22 anni..
      le aziende non sapevano cosa fosse internet, forse non lo sanno neanche ora, sanno solo che serve e non se ne può fare a meno!a proposito di patente europea.. per passare il tempo mi sono iscritto ad un corso organizzato dal ministero del lavoro il 9 regioni italiane, è un corso di alfabetizzazione informatica che prevede anche anche un corso di inglese.. a livello didattico non mi serve a niente.. ma alla conclusione del corso (se ci sarà una conclusione..) si otterrà la certificazione Microsoft (bhè è gratis..), un bonus da 1.200.000 per l'acquisto di un PC (per quella cifra sicuramente ho l'imbarazzo della scelta tra una SGI, una UltraSparc oppure una SUN), e soprattutto uno stage in qualche azienda (speriamo seria!).. Il docente che ha introdotto il corso di informatica.. NON NAVIGAVA IN INTERNET! E SONO STATO IO A DOVERGLI INSEGNARE COME SI USA OUTLOOK EXPRESS! cazzo.. forse in giro non c'erano formatori più preparati!? BHA!
      • Anonimo scrive:
        Re: quando avevo meno di 22 anni..

        a proposito di patente europea.. A proposito del Thread in generale, ho partecipato ad un programma nazionale di formazione, con una nota ex-azienda di stato.Era tutto a distanza, ma avevamo fatto un bel gruppo di circa 50 persone che si scambiavano "formazione" attraverso un forum di discussione.Naturalmente il corso diceva: assunzione quasi assicurata ....cose serie....RISULTATO:a)Nessuno dei 50 è stato chiamato b)Cassetta della posta PIENA ZEPPA di altri corsi di formazione a pagamento da altri soggetti ( avevo per sbaglio dato il numero civico sbagliato e sulla busta compariva sempre quello....e la privacy?)MIE CONCLUSIONI:a) QUESTI CAZZO DI ANNUNCI SERVONO SOLO PER CREARE DEI BISOGNI DA PARTE DI QUALCHE PRESUNTO "OPINION LEADER". POI NOI CASCHIAMO COME LE PERE MARCE SUL SOGNO DI AVERE SKILLS MIGLIORATI.b) Ci sono aziende di formazioni che intascano soldi pubblici e/o privati vendendo fumoin campana quindi.....
      • Anonimo scrive:
        Re: quando avevo meno di 22 anni..
        ...ma alla conclusione del corso (se ci sarà una conclusione..) si otterrà la certificazione Microsoft (bhè è gratis..), un bonus da 1.200.000 per l'acquisto di un PC (per quella cifra sicuramente ho l'imbarazzo della scelta tra una SGI, una UltraSparc oppure una SUN), e soprattutto uno stage in qualche azienda (speriamo seria!).. DICO: S T A I S C H E R Z A N D O?stai parlando dell'ECDL?
  • Anonimo scrive:
    I conti non tornano...
    Premetto che io sarei uno di quelli che mancano...Sono mesi, anzi, ANNI che si gira attorno alla solita questione: a seconda di chi apre bocca mancano ora 300.000, ora 200.000 ora 732.543 professionisti informatici.Tutti gli imprenditori sembrano agitarsi convulsamente attorno al (presunto) problema senza provare a risolverlo con gli strumenti propri del libero mercato (in nome del quale hanno segnalato il problema), come ad esempio:!!!! A U M E N T A R E G L I S T I P E N D I !!!!Mi sa tanto di fregatura, tipo il discorso "spostiamo le fabbriche in Romania che tanto gli operai costano 'na mazza" che fanno tanti nostrani imprenditori con la scusa che non si trova il personale...E già, miei cari: quando la si deve mettere in quel posto a qualcuno, si inizia mettendo le mani avanti...E' tipico della mentalità dell'Italico Imprenditore cercare di risolvere i problemi nella maniera più vantaggiosa:a spese nostre.
    • Anonimo scrive:
      Re: I conti non tornano...
      Concordo pienamente.Offrendo 1.500.000 al mese sarà dura coprire i posti vacanti!
      • Anonimo scrive:
        Re: I conti non tornano...
        ..scusate ma perchè non diventate imprenditori pure voi allora?vedremo poi quanto sarete disposti a pagare i vostri dipendenti..
        • Anonimo scrive:
          Re: I conti non tornano...
          - Scritto da: Imprenditore
          ..scusate ma perchè non diventate
          imprenditori pure voi allora?

          vedremo poi quanto sarete disposti a pagare
          i vostri dipendenti..... ma spendete meno :..... in marketing... leccaculi raccomandati ...corruzione di pubblici ufficiali ..puttane e champagne per gli "amici" che vi "passano" gli appalti E pensate piuttosto di fare della vostra azienda una cosa seria , efficente che compete su mercato che si basa sulla qualità ....
        • Anonimo scrive:
          Re: I conti non tornano...
          - Scritto da: Imprenditore
          ..scusate ma perchè non diventate
          imprenditori pure voi allora?
          vedremo poi quanto sarete disposti a pagare
          i vostri dipendenti..Trovami una casa gratis, pagami tutte le spese per viverci e può darsi che prenda anche in considerazione l'eventualità di fare qualche centinaio di chilometri pere venire a lavorare nella tua azienda per un milione e mezzo al mese come programmatore!Oppure trovami una banca che finanzi un progetto anche a chi non può offrire garanzie patrimoniali.Oppure trovami un politico che offra la sua influenza come garanzia. Basta poco, che ce vo'?
Chiudi i commenti