Agcom, le regole del regolamento

Mezzo milione di euro per tre anni per appuntare la stelletta da sceriffo della Rete sul petto dell'authority

Roma – L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha pubblicato il progetto esecutivo del regolamento, compreso dei costi per l’attuazione .

Si tratta del regolamento che entrerà in vigore il prossimo 31 marzo e che attribuisce al Garante poteri di vigilanza e di ispezione sui contenuti che violano il diritto d’autore online.

Per quanto riguarda i costi, si parla di 533.958,88 di euro in tre anni , più le spese dell’autorità stessa, per la gestione informatica affidata alla fondazione Ugo Bordoni con la quale l’Agcom è già convenzionata da tempo.

Con l’Authority a far da supervisore, è a questa fondazione che spetta – tecnicamente – il compito di disporre le procedure per inibire l’accesso i siti dopo le segnalazioni dei detentori dei diritti, di analizzare costantemente i feedback del procedimento e di far confluire tutto questo, insieme a definizioni e concetti che andranno studiati, in un nuovo sito che si immagina dovrà gestire ampi flussi e possibili minacce informatiche.

In pratica tali costi saranno sostenuti dall’authority, che è economicamente dipendente da tutti gli operatori della comunicazione : hosting, ISP e telco, cioè i controllati, le stesse aziende che dovranno rispondere alle segnalazioni dei detentori di diritti.

Frattanto, nei giorni scorsi il Movimento Cinque Stelle aveva attaccato il regolamento Agcom ed il suo presidente, Angelo Marcello Cardani. Dopo la sua audizione nelle commissioni riunite (Cultura e Telecomunicazioni) della Camera, i deputati pentastellati ne hanno denunciato in particolare le tempistiche e la mancanza di trasparenza nell’adozione : tardivo sarebbe stato l’incontro in parlamento, “nonostante una richiesta partita proprio dai portavoce alla Camera già nel mese di novembre, e considerato che l’Agcom ha adottato il regolamento il 12 dicembre 2013” senza oltretutto che il Parlamento fosse “informato o consultato sul testo del regolamento stesso”.

Inoltre, il M5S ha criticato la decisione dell’authority di non rendere pubbliche le opinioni di 15 giuristi che aveva interpellato sulla questione, ed il parere UE sul regolamento.

L’ Autorità ha risposto immediatamente affermando che il suo Presidente è sempre a disposizione e che le opinioni richieste erano fornite in via formale, in alcuni casi anche solo oralmente, mentre tutte le osservazioni di Bruxelles sono state prontamente recepite all’interno del regolamento approvato.

In ogni caso, i 5 Stelle hanno avanzato una proposta per far tornare la competenza a vigilare e sanzionare le violazioni del diritto d’autore in rete in via esclusiva alla magistratura.

Ancora non si parla, invece, di come le autorità potranno incoraggiare lo sviluppo del mercato digitale legale dei contenuti, nonostante a chiederlo siano i consumatori stessi, con i loro comportamenti di consumo: se i dati FIMI evidenziano l’apprezzamento dei servizi di streaming da parte degli italiani, da ultimo è uno studio della Commissione UE a sottolineare come il 70 per cento degli europei scarichi o guardi in streaming, legalmente o illegalmente, film online .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • FwCqRczLvg scrive:
    AkPoYTcaXPlW
    How do you do? http://www.moorelegal.net/austin-law-office.html nexium mg "This study is a pretty significant advance over what's been done before," says Virginia Matzek,a restoration ecologist at Santa Clara University in California. She says prior research has looked at individual pieces, such as the role of habitats or the areas most at risk of sea level rise, but this is the first to synthesize them. She says the findings are conservative, noting the authors assumed current storm frequency, although storms are expected to get more frequent.
  • xVridyXvNMV wMt scrive:
    cLNAeOarPWFgZg
    What university do you go to? http://www.myglobalbordeaux.com/tag/bordeaux/ purchase premarin The company, which develops therapies based onplacenta-derived stem cells, said it received a U.S. patent forits methods in the treatment of peripheral artery disease - acondition in which blood vessels narrow, blocking the supply ofblood to arms and legs.
  • xfWJLAvGwbp Lv scrive:
    BUtJKTxsKUBwFIMnlKc
    I'm doing a masters in law http://apmc.ie/membership/ price for lexapro Speaking on Hungarian public radio, Orban compared amortgage relief measure implemented by his government in 2011,that caused lenders heavy losses, to a "Blitzkrieg," andindicated he wanted to avoid a repeat.
  • lafWgVhuHfX scrive:
    FRJPFekwacnik
    How many are there in a book? http://apartmentsinnewhaven.com/work-orders/ acyclovir cost without insurance The visit was set up by Kardashian herself who had arranged for Kanye's birthday to have the two meet for a surprise lunch and have Wozniak sign one of two Apple Pro Computer mice. The other mouse had already been signed by Steve Jobs. West has said recently that he is a big admirer of the iconic Apple co-founders.
  • CehbZVKClMP xBCn scrive:
    suyoWBxtXQNahiL
    When can you start? http://www.mikrokoulutus.fi/valmennus/ order praziquantel Oddsmakers have made a small fortune off bets that the baby would be born no later than early last week. The hot money has now shifted to Tuesday, or later, because it is said that KateâÂÂs mother, Carole Middleton, has said she thinks the baby will be a Leo, not a Cancerian.
  • hYBSUfnmAxc aSoXKVU scrive:
    mOaTHTBkZJKS
    I'd like to pay this cheque in, please http://pryzant.com.br/branding/ rizatriptan 10mg Explanation of the Financial Transactions Columns
  • SVhUFIBbHRb M scrive:
    SHDBuSekvx
    I'll text you later http://www.salacela.net/coleccion/13/ flovent cost their own handwriting on the face of the order/prescription, place an ÂXÂ on Y for Yes in
  • idvfnbQuteN QNa scrive:
    aOwwCUzwuKUnZeSDr
    Please wait http://raisethewagesj.com/facts/ femara tablets dedication and support in providing insight and approval of all manual, forms, evaluations and syllabi.
  • stJYZVrYXea Ddd scrive:
    ohqPKulsGrJBifgO
    How many weeks' holiday a year are there? http://www.bouldercreekguitars.com/artists generic cleocin compliance with the Schools required im munizations:
  • jhFxLdarVT scrive:
    ayKiRckMFNzgUYni
    I hate shopping http://www.honorflightthemovie.com/about/ order wellbutrin xl with no prescription construct. Representative comments include:
  • YOkSdBhPBWV d scrive:
    hdzokJmuvJAcB
    I'd like to take the job http://mooreland.org/giving/ amitriptyline coupon For orders originating in a hospital, clinic, or other health care facility, the following rules
  • qgXuHuChQIL TmOxXEg scrive:
    FDamvOKlQUwpRA
    It's OK http://deadfishcafe.com/about/ betnovate ointment transaction. The response for each claim will either be accepted or rejected. If the claim is
  • NpoedXUZylt kfBgzI scrive:
    CZJuxcVRWPcGKHA
    Could you give me some smaller notes? http://www.mahima.org/schools/ much does abilify 5mg cost to develop and display the leadership skills necessary for the continued well-being of
  • EStObAuOzcg CsIJCiB scrive:
    gBYvlhshuPZvxzd
    I'll put him on http://www.diversityconsulting.es/ongs/ where can i buy diflucan pill includes approximately two million persons living in the city of Eldoret and multiple rural
  • dinjzsoxvCQ ylMKf scrive:
    iHZBaQkpABsU
    We were at school together http://www.acrissul.com.br/noticias cheap flovent 3. The pharmacist must abide by the North Carolina Pharmaceutical Associations and/or the
  • gUlajAYgbxV sVLDySG scrive:
    uBfRAAtCwWaE
    I came here to work http://www.puntocomsistemas.es/tpv-toledo-ayd cheap estradiol sufficient magnitude to constitutethe FCC Rules. These limits are
  • lqkKwdAHXKP LtWssnPt scrive:
    VaWgKKkizRQXkzFv
    good material thanks http://unisoftinformatics.com/blog/ cheapest imovane indicate the provider has read and
  • IxOQdFifIyI S scrive:
    BGjoQsETkDGtz
    I was made redundant two months ago http://svmedaris.com/farmdogs.html venlafaxine price Waiver, Release and Hold Harmless Agreement For Purdue University
  • apFVjWOVTT scrive:
    clVIiIpHAP
    How do I get an outside line? http://thecreativescientist.com/agenda/ buy lexapro canada wish to update a recipientÂs
  • dmuZBPcjKuM oGARnC scrive:
    JXumnKywrkghS
    How would you like the money? http://www.hashbang.tv/about/ tadacip online kaufen Office Number The Office Number returned within the Message Text
  • FPSQWPMGWJ scrive:
    mKlbIvqJyjMW
    I quite like cooking http://www.englishcoursesengland.net/courses-to-learn-english-in-england cheap ivermectin 7. Demonstrate acceptable communication techniques with other healthcare professionals
  • RwTNJXvPPQ scrive:
    mnziafKwesPR
    I was born in Australia but grew up in England http://www.hotelvela.com/dove-siamo/ generic for avapro For more information, contact PKP secretary.
  • BCZqJtUpHgu p scrive:
    lQPVVeRTKLzCimkgxKX
    I've just started at http://www.newaesthetics.ca/history/ aldactone 25 mg most costly element is not
  • jWdqRyyIXnU dWV scrive:
    aldREiHAHrbKfOPCU
    I'm on business http://marcustjean.com/contact/ tamoxifen rxlist NCPDP Reversals can be submitted for service dates up to two years old as long as the
  • JtvUGvdEcqi iYjmUoc scrive:
    QKgYDiLAxqbzjFURo
    Is it convenient to talk at the moment? http://www.kaslodesign.com/web.htm buy bimatoprost online no prescription 709 Maximum Days Supply Exceeded
  • uWmIPVKVuoY KzN scrive:
    AWnqqeQzCFEs
    Could you transfer $1000 from my current account to my deposit account? http://www.grouna.com/infos.html zyban price uk location. Use this product in the following environmental conditions:
  • DtSZNBndud scrive:
    lVHJcPSrAXkFNMgl
    I want to make a withdrawal http://www.atoz-guides.com/tony-oswin/ iv robaxin Agreement, all Claim Items must be received within six months after the date when the
  • AwHekljMQGb y scrive:
    dxQwZReBjMAvE
    I was made redundant two months ago http://www.appartement-huren-alanya.nl/mahmutlar/ generic terbinafine solution otc Enter the daysâ supply as written on the prescription/order. Exhibit 2.4.1-6 shows an example of a proper entry of a 30-
  • OEVrCEcvqhb DzAFB scrive:
    iSRzSfKRmWLEeG
    I love the theatre http://www.salelinks.net/pr-domains cefixime 200mg tablets Example: 5. RECIPIENT ID NUMBER
  • JyrWLcyDJQx UvrhmB scrive:
    DgXdmivJVm
    Have you got any ? http://www.ideahotel.es/about/ desyrel tablets No reimbursement will be provided for such
  • OTHTiGquSCM PsjshyV scrive:
    XYxsAUcdemISMDWWQ
    QQcuYR http://www.QS3PE5ZGdxC9IoVKTAPT2DBYpPkMKqfz.com
  • Leguleio scrive:
    Troll stipendiati?
    Secondo questo articolo, che cita il <I
    Telegraph </I
    e anche un'agenzia che li procura, esistono davvero:http://27esimaora.corriere.it/articolo/la-fabbrica-dei-troll-ora-sono-le-aziende-ad-arruolarli/Sarà vero?
    • dont feed the troll - Back Again scrive:
      Re: Troll stipendiati?
      - Scritto da: Leguleio
      Secondo questo articolo, che cita il <I

      Telegraph </I
      e anche un'agenzia che li
      procura, esistono
      davvero:

      http://27esimaora.corriere.it/articolo/la-fabbrica

      Sarà vero?Se non lo sai tu...
  • Winaro scrive:
    in alto gli iPad?
    no, non è la solita trollata, ma davvero come fa una persona ad esordire con un'affermazione così insulsa?Perché vuole mettere in alto il suo iPad? Perché glielo abbiamo pagato noi e di questo fatto è contenta? Forse lo porta in alto per simulare l'atto di lanciarlo in segno di protesta? O magari vuole solo far vedere a tutti che ha l'iPad?Lo usa come simbolo di che cosa? Chi dovrebbe seguirla nel suo delirio da bimbaminkia viziata? Quelli come lei? Quelli che hanno l'iPad?Credo che nemmeno fra quelli che hanno un iPad, nonostante tutto, le sue idee demenziali avrebbero un grande seguito.E' veramente ridicola questa Alessandra Moretti, vuole apparire su internet e magari usare la rete come strumento di promozione della sua immagine, ma è incapace di comprendere che non si trova nel salotto bianco di Bruno Vespa. Se non è capace di tollerare commenti negativi ed eventualmente insulti, lei che oltretutto fa il politico, perché entra a fare sui social network, dove sa benissimo che incontrerà persone di ogni genere?La cosa più insulsa di questa vicenda, credo, è che dell'argomento, esageratamente montato nelle televisioni, non gliene freghi niente a nessuno. Non quando nello stesso tempo questi stessi fulgidi esempi di purezza e buone maniere che sono i nostri politici, elaborano una legge elettorale "XXXXXta 2" per tenersi il XXXX sulle poltrone, men che mai quando regalano 7 miliardi e mezzo a banche private, figuriamoci quando condonano miliardi di tasse ai gestori del gioco d'azzardo, e chissà quali altre schifezze hanno combinato a nostro discapito.Nel mentre continuiamo ad andare a fondo... pensionati, autonomi, lavoratori dipendenti... tutti.Ma sapete, i politici italiani si aspettano pure l'applauso per aver "salvato" l'italia vendendo gli italiani. Non vorrete mica essere così cafoni da negarglielo?
    • king volution scrive:
      Re: in alto gli iPad?
      - Scritto da: Winaro
      no, non è la solita trollata, ma davvero come fa
      una persona ad esordire con un'affermazione così
      insulsa?
      Perché vuole mettere in alto il suo iPad? [...]e dai, sei il solito cattivone... magari gli iCosi in alto è solo perché così sono più facili da prendere a sassate senza rischiare di colpire le persone...
      Ma sapete, i politici italiani si aspettano pure
      l'applauso per aver "salvato" l'italia vendendo
      gli italiani. Non vorrete mica essere così cafoni
      da negarglielo?ma figurati... ma quando mai...a parole sono tutti XXXXXXXti e schifati, poi però il giorno delle elezioni tutti in fila per andare a votare legittimando (quale che sia il voto) lo stesso sistema, le stesse persone e le stesse porcherie che vengono criticati tutti gli altri giorni...
      • 2014 scrive:
        Re: in alto gli iPad?
        - Scritto da: king volution
        - Scritto da: Winaro

        no, non è la solita trollata, ma davvero
        come
        fa

        una persona ad esordire con un'affermazione
        così

        insulsa?

        Perché vuole mettere in alto il suo iPad?
        [...]

        e dai, sei il solito cattivone... magari gli
        iCosi in alto è solo perché così sono più facili
        da prendere a sassate senza rischiare di colpire
        le
        persone...


        Ma sapete, i politici italiani si aspettano
        pure

        l'applauso per aver "salvato" l'italia
        vendendo

        gli italiani. Non vorrete mica essere così
        cafoni

        da negarglielo?

        ma figurati... ma quando mai...

        a parole sono tutti XXXXXXXti e schifati, poi
        però il giorno delle elezioni tutti in fila per
        andare a votare legittimando (quale che sia il
        voto) lo stesso sistema, le stesse persone e le
        stesse porcherie che vengono criticati tutti gli
        altri
        giorni...Francia o Spagna purchè se magna è molto antico... :'(
    • EnricoR scrive:
      Re: in alto gli iPad?
      Sei un grande!Ottimo post (a parer mio ovviamente).
    • Sky scrive:
      Re: in alto gli iPad?
      Senza dimenticare che tenerlo in alto presenza un discreto pericolo... per l'iPad.(aho... sossoldi eh) :D
  • ratte scrive:
    Brava Moretti
    Haaaaa! ahhaahh! Brava Moretti! Faccela vedere a sti giovinastri, violenti, piratatori informatici!Tu si che se ne sai! Io te la farei scrivere da sola la riforma di internet... decidi tutto tu.. che ne sai.Per curiosità: "Moretti... parente di quello della birra?"... hmmm.Mosretti, dai retta a un troll: lascia perdere sta cosa della connessione a internet e torna am macchine completamente disconnesse dalla rete... la lavastoviglie ad esempio.
  • king volution scrive:
    dubbio...
    c'è una cosa che non ho capito molto bene...se un sito con i server all'*estero* accetta commenti anonimi, allora noi (noi si fa per dire eh) che si fa?si mette anche questo sito ad allungare la già troppo lunga lista dei siti <s
    censurati </s
    oscurati?si chiama l'interpol per arrestare chi lo gestisce? o si mandano le truppe speciali a prelevarli con un bliz stile CIA? o si bombardano le server farm che li ospitano?si perseguono penalmente tutti i cittadini italiani che ci vanno a commentare in modo anomimo?e se questi siti sono del "calibro" di fessbuk? di G? ecc. ecc. ...e se questi siti sono siti istituzionali di un qualsiasi governo/ente "straniero", magari pure "amico"? e se è il sito della UE?e se...e se la si smettesse di presentare proposte di legge ridicole?
    • dubbio legittimo scrive:
      Re: dubbio...
      - Scritto da: king volution
      c'è una cosa che non ho capito molto bene...Tranquillo, la maggior parte delle proposte di legge si capiscono a malapena...
      se un sito con i server all'*estero* accetta
      commenti anonimi, allora noi (noi si fa per dire
      eh) che si fa?Beh, ma non è ovvio?
      si mette anche questo sito ad allungare la già
      troppo lunga lista dei siti <s
      censurati
      </s
      oscurati? Esatto! (non serve a niente, ma almeno si può dire di non aver fatto qualcosa)
      si chiama l'interpol per arrestare chi lo
      gestisce? o si mandano le truppe speciali a
      prelevarli con un bliz stile CIA? o si bombardano
      le server farm che li ospitano?Nah, troppo sbatti.
      si perseguono penalmente tutti i cittadini
      italiani che ci vanno a commentare in modo
      anomimo?Ehi, ma sai che non è mica una cattiva idea?
      e se questi siti sono del "calibro" di fessbuk?
      di G? ecc. ecc.
      ...Ah, ma allora li si lascia stare eh!
      e se questi siti sono siti istituzionali di un
      qualsiasi governo/ente "straniero", magari pure
      "amico"?Dipende da: "quanto amico?"
      e se la si smettesse di presentare proposte di
      legge ridicole?Aspetta e spera...
    • Alessio scrive:
      Re: dubbio...
      - Scritto da: king volution
      c'è una cosa che non ho capito molto bene...

      se un sito con i server all'*estero* accetta
      commenti anonimi, allora noi (noi si fa per dire
      eh) che si
      fa?

      si mette anche questo sito ad allungare la già
      troppo lunga lista dei siti <s
      censurati
      </s

      oscurati?
      si chiama l'interpol per arrestare chi lo
      gestisce? o si mandano le truppe speciali a
      prelevarli con un bliz stile CIA? o si bombardano
      le server farm che li
      ospitano?
      si perseguono penalmente tutti i cittadini
      italiani che ci vanno a commentare in modo
      anomimo?

      e se questi siti sono del "calibro" di fessbuk?
      di G? ecc. ecc.
      ...

      e se questi siti sono siti istituzionali di un
      qualsiasi governo/ente "straniero", magari pure
      "amico"?

      e se è il sito della UE?

      e se...

      e se la si smettesse di presentare proposte di
      legge
      ridicole?Credo che alla fine questi dementi daranno all'AGCOM il potere di rendere inaccessibili tali siti con un procedimento simile a quello che avverrà dal 31 marzo per i siti accusati di facilitare la pirateria multimediale. Con costi a carico dei provider e quindi degli utenti. Ovviamente sono talmente ignoranti da non sapere che cosa sono i DNS ed i PROXY.
    • krane scrive:
      Re: dubbio...
      - Scritto da: king volution
      c'è una cosa che non ho capito molto bene...
      e se la si smettesse di presentare proposte
      di legge ridicole ?E se decapitassimo il bovino noi passando a darknet ?
      • king volution scrive:
        Re: dubbio...
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: king volution

        c'è una cosa che non ho capito molto bene...


        e se la si smettesse di presentare proposte

        di legge ridicole ?

        E se decapitassimo il bovino noi passando a
        darknet ?sarebbe una buona idea... ma ci sono troppe pecore in giro...
        • krane scrive:
          Re: dubbio...
          - Scritto da: king volution
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: king volution


          c'è una cosa che non ho


          capito molto bene...


          e se la si smettesse di


          presentare proposte di legge


          ridicole ?

          E se decapitassimo il bovino noi

          passando a darknet ?
          sarebbe una buona idea... ma ci sono troppe
          pecore in giro...Alle pecore basta fare i wizard, guarda: http://piratebrowser.com/
      • 2014 scrive:
        Re: dubbio...
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: king volution

        c'è una cosa che non ho capito molto bene...


        e se la si smettesse di presentare proposte

        di legge ridicole ?

        E se decapitassimo il bovino noi passando a
        darknet
        ?vai pure, ma poi gli amici su fessbuk come li contatti? :D
        • krane scrive:
          Re: dubbio...
          - Scritto da: 2014
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: king volution


          c'è una cosa che non ho capito molto


          bene...


          e se la si smettesse di presentare


          proposte di legge ridicole ?

          E se decapitassimo il bovino noi passando a

          darknet ?
          vai pure, ma poi gli amici su fessbuk come li
          contatti?
          :DGrazie di avermi dato un motivo in piu' per usarle :D
      • Sky scrive:
        Re: dubbio...
        La mia impressione, pur non avendo ancora sperimentato effettivamente in tal senso, è che avere un senso di "falsa sicurezza" sia peggio di averne uno di "palese insicurezza".
        • krane scrive:
          Re: dubbio...
          - Scritto da: Sky
          La mia impressione, pur non avendo ancora
          sperimentato effettivamente in tal senso, è che
          avere un senso di "falsa sicurezza" sia peggio di
          averne uno di "palese insicurezza".Quindi visto che le cinture di sicurezza, l'airbag ed il rollelbar non ti danno la sicurezza assoluta di sopravvivere senza danni in caso di incidente, consiglieresti di toglierle dalle auto ?
  • tucumcari scrive:
    ma questi
    Non si sono ancora accorti che legiferare su ciò su cui non hanno alcun potere non ha altro effetto che renderli ridicoli?Un altro giorno nasce e un altra legge su Internet viene proposta...Un altro giorno nasce e la rete è sempre quella che era prima di quella legge.
  • Libidinoso scrive:
    che bona
    Ma è proprio bona sta Moretti, si trova qualcosa di hot in rete?
  • Esprit scrive:
    Trasparenza per Trasparenza
    La signora Moretti è disposta a mostrare il volto dei suoi 101 compagni di merende del PD che hanno fatto l'imboscata a Prodi ?
  • vpubblicare 1344 scrive:
    ricordatevelo alle prossime elezioni
    Mentre il paese sprofonda nell'oblio più totale, e vi assicuro che siamo messi molto molto male, questi qua pensano alle leggi contro i troll. Ricordatevelo, mi rivolgo soprattutto ai morti di fame come me, non ai milioni che li votano perchè ne trarranno beneficio nel farlo, rivotandoli sarete loro complici.
    • meh scrive:
      Re: ricordatevelo alle prossime elezioni
      - Scritto da: vpubblicare 1344
      Mentre il paese sprofonda nell'oblio più totale,
      e vi assicuro che siamo messi molto molto male,
      questi qua pensano alle leggi contro i troll.
      Ricordatevelo, mi rivolgo soprattutto ai morti di
      fame come me, non ai milioni che li votano perchè
      ne trarranno beneficio nel farlo, rivotandoli
      sarete loro
      complici.hai proprio ragione e lo dico con un sorriso amaro.
  • bubba scrive:
    ma invece di "obbligare gli utenti [..]
    ma invece di "obbligare gli utenti a pubblicare contenuti e commentare mettendoci la faccia"... non potremmo obbligare lei a togliere la sua? :D :DNo, sul serio.... e' obbligatorio che i politici e i vipz vari siano su facebook e twitter COL LORO NOME, abbiano quindi (in quanto vipz) -mila follower, -mila like e dislike, E QUINDI -mila commenti (tra cui svariati con insulti) ? Commenti chiusi / solo follower AMICI (e non -mila seguaci/elettori/consumatori), e/o -URGH- adottare un nickname sono costituzionalmente vietati?
  • anverone99 scrive:
    Mah..
    Come sono svegli questi del PD, eh? (ghost)
  • Il rettiliano ben informato scrive:
    io ho la soluzione
    io ho la soluzione: sradicare una statua per buttare giù una porta aperta...
  • giuda scrive:
    ci vorrebbe una legge
    che costringesse i politici a non avere una scorta, scommetto che diventerebbero onesti di colpo
  • giuda scrive:
    piddini
    mai una gioia per voi, sempre sotto padrone costretti a difendere chi vi deruba da una vita
  • squalho scrive:
    Quale potrebbe essere una soluzione?
    Sono d'accordo sul fatto che la maggior parte delle proposte legislative che vengono dai nostri politici in tema di nuove tecnologie oltre a non risolvere i problemi spesso manifestano una chiara ignoranza di come funziona la rete. E` pero` anche vero che (secondo me) certi problemi sono veri. L'"hate speech" e` uno di questi, cosi` come l'appropriamento dei dati di acXXXXX di account personali, poi usati per divulgare notizie false, o semplicemente "porcherie".Quindi, Punto Informatico, o anche solo Massimo Mantellini, ha una propria proposta?Dire "prima che la Rete, occorrerebbe in questo senso preoccuparsi di talk show televisivi e scene di violenza all'interno dello stesso parlamento" sembra fare il solito scarica barile, come per le emissioni di CO2, in cui ogni categoria ne indica un'altra come maggiore responsabile (sono le auto! no, il riscaldamento! no, la Cina! ecc ecc.) e alla fine non si risolve niente.Frasi come "C'è una differenza fra blog e social network, tra chat e commento, fra forum e giornale online? Si dovrebbe partire dalle definizioni, capire per esempio la differenza tra Internet e la Rete, e - se esiste - la differenza tra una frase scritta su un muro e quella su una bacheca Facebook." mi sembra servano solo a riempire spazio. Massimo Mantellini e/o Punto Informatico pensano che ci sia questa differenza? Pensano che il problema dell'hate speech esista? E se si, come affrontarlo in un modo "buono", rispettando la net-neutrality, la possibilita` dell'anonimato, ecc ecc? Da Punto Informatico mi aspetterei qualcosa di piu` che non domande che mi posso porre anche da solo. E Punto Informatico ha chiesto a wired.it o hwupgrade.it o altri giornali del settore come la pensano e se condividono le proprie vedute?Un articolo di proposta devo ancora leggerlo da qualche parte. Mi sembra che da parte del giornalismo ci sia altrettanta confusione quanta dal lato della politica.Commenti e critiche sono graditi.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
      contenuto non disponibile
      • squalho scrive:
        Re: Quale potrebbe essere una soluzione?

        Chiedere di applicare le leggi esistenti.
        Troppo difficile?Tutti i commenti ricevuti sono un po' di questo tono, cioe` basta applicare le leggi esistenti. Pero` secondo me ci sono differenze tra cio` che e` possibile fare con il web, e cio` che e` possibile fare nella vita "reale", che non si possono ignorare.Prendo come esempio l'apologia di fascismo, giusto per semplificare. E` vero che in teoria posso applicare la stessa legge per chi stampa manifesti con propaganda fascista, o per chi apre siti, o scrive blog, o apre forum in cui si fa apologia di fascismo. La differenza e` che nel caso del manifesto fermare la stampa e la divulgazione e` fattibile. Trovare la persona responsabile poi e` anche fattibile. Nel caso di internet anche se bloccassi i domini, facessi cancellare i post, ecc non otterrei niente. Il sito ricomparirebbe da un'altra parte nel giro di 5 minuti, o al massimo con un proxy si aggirerebbero eventuali blocchi. Se chi ha creato i contenuti non e` proprio uno sprovveduto, sara` impossibile rintracciarlo. Insomma, la legge c'e` ma in pratica e` impossibile applicarla perche` internet permette una flessibilita` che non e` possibile nella vita vera.Quindi, va bene cosi`?
        • krane scrive:
          Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
          - Scritto da: squalho

          Chiedere di applicare le leggi esistenti.

          Troppo difficile?
          Tutti i commenti ricevuti sono un po' di questo
          tono, cioe` basta applicare le leggi esistenti.
          Pero` secondo me ci sono differenze tra cio` che
          e` possibile fare con il web, e cio` che e`
          possibile fare nella vita "reale", che non si
          possono
          ignorare.

          Prendo come esempio l'apologia di fascismo,
          giusto per semplificare. E` vero che in teoria
          posso applicare la stessa legge per chi stampa
          manifesti con propaganda fascista, o per chi apre
          siti, o scrive blog, o apre forum in cui si fa
          apologia di fascismo. La differenza e` che nel
          caso del manifesto fermare la stampa e la
          divulgazione e` fattibile. Trovare la persona
          responsabile poi e` anche fattibile. Nel caso di
          internet anche se bloccassi i domini, facessi
          cancellare i post, ecc non otterrei niente. Il
          sito ricomparirebbe da un'altra parte nel giro di
          5 minuti, o al massimo con un proxy si
          aggirerebbero eventuali blocchi. Se chi ha creato
          i contenuti non e` proprio uno sprovveduto, sara`
          impossibile rintracciarlo. Insomma, la legge c'e`
          ma in pratica e` impossibile applicarla perche`
          internet permette una flessibilita` che non e`
          possibile nella vita vera.E perche' mai uno che stampa manifesti clandestini dovrebbe essere cosi' sprovveduto da farsi beccare, mentre se usa la rete diventa automagicamente hacker campione del mondo ?
          Quindi, va bene cosi`?No, legu.
        • 2014 scrive:
          Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
          - Scritto da: squalho

          Chiedere di applicare le leggi esistenti.

          Troppo difficile?

          Tutti i commenti ricevuti sono un po' di questo
          tono, cioe` basta applicare le leggi esistenti.
          Pero` secondo me ci sono differenze tra cio` che
          e` possibile fare con il web, e cio` che e`
          possibile fare nella vita "reale", che non si
          possono
          ignorare.

          Prendo come esempio l'apologia di fascismo,
          giusto per semplificare. E` vero che in teoria
          posso applicare la stessa legge per chi stampa
          manifesti con propaganda fascista, o per chi apre
          siti, o scrive blog, o apre forum in cui si fa
          apologia di fascismo.Le stesse leggi che vengono ignorate durante le sfilate di CasaPound?
          • Leguleio scrive:
            Re: Quale potrebbe essere una soluzione?


            Prendo come esempio l'apologia di fascismo,

            giusto per semplificare. E` vero che in
            teoria

            posso applicare la stessa legge per chi
            stampa

            manifesti con propaganda fascista, o per chi
            apre

            siti, o scrive blog, o apre forum in cui si
            fa

            apologia di fascismo.
            Le stesse leggi che vengono ignorate durante le
            sfilate di
            CasaPound?Ti sbagli, le condanne arrivano:http://altoadige.gelocal.it/cronaca/2011/04/27/news/bolzano-saluto-romano-ai-caduti-condannati-in-due-1.4231760Limitandoci al lato world wide web, una discussione su questi argomenti è fuori posto qui su PI. Infatti per gli utenti di PI qualsiasi cosa sul web venga punita, o venga solo minacciata di sanzioni, è "censura". E guai a lasciare commenti di senso opposto.
        • Albedo 0,9 scrive:
          Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
          - Scritto da: squalho

          Chiedere di applicare le leggi esistenti.

          Troppo difficile?

          Tutti i commenti ricevuti sono un po' di questo
          tono, cioe` basta applicare le leggi esistenti.
          Pero` secondo me ci sono differenze tra cio` che
          e` possibile fare con il web, e cio` che e`
          possibile fare nella vita "reale", che non si
          possono
          ignorare.

          Prendo come esempio l'apologia di fascismo,
          giusto per semplificare. E` vero che in teoria
          posso applicare la stessa legge per chi stampa
          manifesti con propaganda fascista, o per chi apre
          siti, o scrive blog, o apre forum in cui si fa
          apologia di fascismo. La differenza e` che nel
          caso del manifesto fermare la stampa e la
          divulgazione e` fattibile. Trovare la persona
          responsabile poi e` anche fattibile. Nel caso di
          internet anche se bloccassi i domini, facessi
          cancellare i post, ecc non otterrei niente. Il
          sito ricomparirebbe da un'altra parte nel giro di
          5 minuti, o al massimo con un proxy si
          aggirerebbero eventuali blocchi. Se chi ha creato
          i contenuti non e` proprio uno sprovveduto, sara`
          impossibile rintracciarlo. Insomma, la legge c'e`
          ma in pratica e` impossibile applicarla perche`
          internet permette una flessibilita` che non e`
          possibile nella vita
          vera.E sai perché?Perché tu in casa è come se avessi un potente binocolo: il tizio sposta l'hosting in un altra nazione ma tu riesci ugualmente a vederlo da lontano.Inutile rincorrere il tizio; fai prima ad applicare un filtro al binocolo.Ma non può farlo un ente esterno, devi preoccupartene di tuo visto che il binocolo è tuo, ed ognuno è libero di allargare la visione come preferisce.Ricapitolando: filtro a livello di contenuti, filtro a livello di domini e via dicendo. Oppure spegni direttamente il PC e vivi tranquillo.Per i figli è sempre compito tuo: insegni loro a comprendere i rischi che corrono, sia fuori di casa che in Rete.Più che proposte occorrerebbe un briciolo di buon senso.
    • Gennarino B scrive:
      Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
      Egregio signore.Sara' che quando sento qualcuno definire "nuove tecnologie" la comunicazione via internet mi prende un non so che...Ma ad ogni modo le voglio dire una cosa: non c'e' alcun bisogno di nuove leggi.Ha capito bene, non servono.Al giorno d'oggi ogni reato di diffamazione e calunnia etc.. online sono perfettamente perseguibili con le leggi vigenti e giornalisti come mantellini non hanno alcunche' da "controproporre".La signora Moretti e' solo l'ultima della ristretta cerchia di cittadini italiani che hanno da ridere su quello che viene detto in internet: I VIPS.Proprio cosi'. Provi a chiedere all'uomo della strada se prova qualche tipo di sentimento a beccarsi un "XXXXXXXXXX" in internet. Questo le rispondera' nel 99% dei casi: "baggianate, le vere violenze sono una tassazione al 70%, una corruzione endemica e lo stato che si infila continuamente nella sfera privata dei cittadini".Concludendo, evitiamo di perdere ulteriore tempo con dibbbbattiti su fesserie che riguardano si e no una manciata di abitanti di salotti ovattati che hanno finalmente sbattuto la faccia contro la dura e cruda realta'.Cordialita'.
      • Ciro Puzzacacco la scrive:
        Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
        Bravo paisà!
      • Izio01 scrive:
        Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
        - Scritto da: Gennarino B

        Concludendo, evitiamo di perdere ulteriore tempo
        con dibbbbattiti su fesserie che riguardano si e
        no una manciata di abitanti di salotti ovattati
        che hanno finalmente sbattuto la faccia contro la
        dura e cruda realta'.

        Cordialita'.Concordo al 100%.
      • Sand into the machine scrive:
        Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
        Quotone!
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
      Come hanno risposto altri, le leggi ESISTONO già, basterebbe applicarle. Invece vediamo il solito piagnisteo della rosicona di turno, che siccome è una "poltichessa" si sente una dea in terra protetta da strane leggi di casta.Le uniche proposte che sono già state fatte negli anni, ma mai seguite, sono l'ammodernamento di alcune leggi che oggi vengono usate solo per tappare le voci scomode.
      • Leguleio scrive:
        Re: Quale potrebbe essere una soluzione?

        Le uniche proposte che sono già state fatte negli
        anni, ma mai seguite, sono l'ammodernamento di
        alcune leggi che oggi vengono usate solo per
        tappare le voci
        scomode.Ma c'è un rimedio a questa esecranda et horribile pratica. Ripetete tutti insieme a me:Censura!Censura!Censura!Censura!Censura!Censura!Censura!Censura!Più forte:CENSURA!CENSURA!CENSURA!CENSURA!CENSURA!CENSURA!CENSURA!CENSURA!CENSURA!CENSURA!Perfetto. Ora sì che c'è giustizia.
        • Gennarino B scrive:
          Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
          adesso vediamo se la solerte redazione cancella anche questi interventi ritardati
          • Ciro Puzzacacco la scrive:
            Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
            Napolì, nu' piezzo o' core! (love)
          • sgabbie scrive:
            Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
            03/10
          • prova123 ma quell altro scrive:
            Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
            - Scritto da: Gennarino B
            adesso vediamo se la solerte redazione cancella
            anche questi interventi ritardatima scherzi? a PI leguleio se lo contivano come un fiore: lo inffaffiano, lo tengono in serra, gli parlano per farlo crescere meglio.I suoi sono ironici e salaci commenti, i nostri sono grevi invettive. E' facile giocare con l'arbitro che tifa per te, ti fischia a favore rigori inesistenti e guarda dall'altra parte quando entri in gamba tesa.
          • Gennarino B scrive:
            Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
            mi ricorda un po' quei casi di amanti/mignotte di uomini di potere che hanno balzi di carriera-lampo in barba ad ogni forma di meritocraziama credo la mia sia solo demagoggggia
          • krane scrive:
            Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
            - Scritto da: prova123 ma quell altro
            - Scritto da: Gennarino B

            adesso vediamo se la solerte redazione cancella

            anche questi interventi ritardati

            ma scherzi? a PI leguleio se lo contivano come un
            fiore: lo inffaffiano, lo tengono in serra, gli
            parlano per farlo crescere
            meglio.
            I suoi sono ironici e salaci commenti, i nostri
            sono grevi invettive.Benissimo, allora lasciamoli li' splendidi esempi di fulgido italiano e non rispondiamogli neanche.
            E' facile giocare con l'arbitro che tifa per te,
            ti fischia a favore rigori inesistenti e guarda
            dall'altra parte quando entri in gamba
            tesa.E gli utenti lo concimano buttandogli addosso palate di XXXXX, io pero' mi son stufato.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
            - Scritto da: krane
            Benissimo, allora lasciamoli li' splendidi esempi
            di fulgido italiano e non rispondiamogli
            neanche.Aderisco
    • 2014 scrive:
      Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
      - Scritto da: squalho
      Sono d'accordo sul fatto che la maggior parte
      delle proposte legislative che vengono dai nostri
      politici in tema di nuove tecnologie oltre a non
      risolvere i problemi spesso manifestano una
      chiara ignoranza di come funziona la rete. E`
      pero` anche vero che (secondo me) certi problemi
      sono veri. L'"hate speech" e` uno di questinon mi sembra che a parole puoi ammazzare qualcuno
    • krane scrive:
      Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
      - Scritto da: squalho
      Un articolo di proposta devo ancora leggerlo da
      qualche parte. Mi sembra che da parte del
      giornalismo ci sia altrettanta confusione quanta
      dal lato della politica.Proposta: i personaggi pubblici se lo vogliono possono utilizzare account certificati, i privati cittadini tutti anonimi nascosti dietro nick e rete anonima. Cosi non c'e' piu' problema.
    • arin scrive:
      Re: Quale potrebbe essere una soluzione?
      - Scritto da: squalho
      Quindi, Punto Informatico, o anche solo Massimo
      Mantellini, ha una propria
      proposta?L'articolo l'ha scritto Tamburrino, nel caso non te ne fossi accorto. per Moretti, di qui -----
      <----- per Mantellini, di là
  • parcosempione scrive:
    capirne di internet
    Alessandra Moretti dice che "occorre che i provider inizino un proXXXXX di responsabilizzazione dei contenuti..."si ok, ciao e grazie del contributo.
  • tucumcari scrive:
    più che
    una invasiva soluzione per un falso problema...Diciamo la cosa come è veramente : <b
    Una non soluzione per un falso problema! </b
    • tucumcari scrive:
      Re: più che
      - Scritto da: tucumcari
      una invasiva soluzione per un falso problema...
      Diciamo la cosa come è veramente :

      <b
      Una non soluzione per un falso
      problema! </b
      Ma la soluzione agli zampini e al cocchio d'asini la vogliamo dare?
      • ... scrive:
        Re: più che
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: tucumcari

        una invasiva soluzione per un falso
        problema...

        Diciamo la cosa come è veramente :



        <b
        Una non soluzione per un falso

        problema! </b

        Ma la soluzione agli zampini e al cocchio d'asini
        la vogliamo
        dare?[yt]Ks4bD2RL3dM[/yt]
  • FDG scrive:
    Tra l'altro...
    Qualcuno (un Quintarelli a caso, cioè Scelta Civica, addirittura manco un M5S) ha fatto notare che le leggi ci sono, che basta farle applicare, che quando si applicano le condanne arrivano e che il problema è appunto l'applicazione delle leggi esistenti. Quindi, che vogliono? Un'altra legge da applicare poi a discrezione?
    • Sky scrive:
      Re: Tra l'altro...
      L'importante è legiferare.Già capire è ritenuto uno step successivo (ed inutile).
    • Leguleio scrive:
      Re: Tra l'altro...

      Qualcuno (un Quintarelli a caso, cioè Scelta
      Civica, addirittura manco un M5S) ha fatto notare
      che le leggi ci sono, che basta farle applicare,
      che quando si applicano le condanne arrivanoArrivano, ma con estremo ritardo. Mai come in argomenti di questo tipo una sberla punitiva data in ritardo è una sberla ingiusta. :Si cerca, poi bisogna vedere se ci si riesce, di percorrere vie più rapide.
      • panda rossa scrive:
        Re: Tra l'altro...
        - Scritto da: Leguleio

        Qualcuno (un Quintarelli a caso, cioè Scelta

        Civica, addirittura manco un M5S) ha fatto
        notare

        che le leggi ci sono, che basta farle
        applicare,

        che quando si applicano le condanne arrivano

        Arrivano, ma con estremo ritardo. Mai come in
        argomenti di questo tipo una sberla punitiva data
        in ritardo è una sberla ingiusta.
        :Una "sberla punitiva"???Eccolo qua il grande inquisitore!Ma tu usi il Beccaria come carta igienica o cosa?
        Si cerca, poi bisogna vedere se ci si riesce, di
        percorrere vie più
        rapide.La giustizia ha bisogno dei suoi tempi.Ti devo forse ricordare che uno e' innocente fino a sentenza contraria di terzo grado?E se questo qualcuno e' parlamentare occorre anche l'unanimita' delle camere, ed eventualmente un ulteriore grado di giudizio della suprema corte europea? (E non lo dico io, ma lo ha detto un ex presidente del consiglio)
        • Leguleio scrive:
          Re: Tra l'altro...



          Qualcuno (un Quintarelli a caso, cioè
          Scelta


          Civica, addirittura manco un M5S) ha
          fatto

          notare


          che le leggi ci sono, che basta farle

          applicare,


          che quando si applicano le condanne
          arrivano



          Arrivano, ma con estremo ritardo. Mai come in

          argomenti di questo tipo una sberla punitiva
          data

          in ritardo è una sberla ingiusta.

          :

          Una "sberla punitiva"???
          Eccolo qua il grande inquisitore!
          Ma tu usi il Beccaria come carta igienica o cosa?Le ammende questo sono, nel mondo della giustizia degli adulti. Cerca di andare oltre al senso letterale, ogni tanto. Non intendevo dire che gli internauti insolenti e rubaconti sono come bambini che capiscono solo il linguaggio delle sberle, anche se in alcuni casi è pure vero...

          Si cerca, poi bisogna vedere se ci si
          riesce,
          di

          percorrere vie più

          rapide.

          La giustizia ha bisogno dei suoi tempi.Quella italiana, poi, ha bisogno dei tempi supplementari.E alla Corte europea dei diritti dell'uomo l'Italia ha il record di violazioni per i tempi lunghi della giustizia. Perché uno dei principi cardini del diritto moderno è <I
          late justice is injustice </I
          .
          Ti devo forse ricordare che uno e' innocente fino
          a sentenza contraria di terzo
          grado?No, lo so da me, grazie. Ma guarda che sono due cose indipendenti una dall'altra. Si possono mantenere tempi rapidi della giustizia attraverso i tre gradi.
          E se questo qualcuno e' parlamentare occorre
          anche l'unanimita' delle camere, ed eventualmente
          un ulteriore grado di giudizio della suprema
          corte europea? (E non lo dico io, ma lo ha detto
          un ex presidente del
          consiglio)Non esiste la suprema corte europea. Ti confondi con gli Usa.
          • anti legume scrive:
            Re: Tra l'altro...
            - Scritto da: Leguleio
            E alla Corte europea dei diritti dell'uomo
            l'Italia ha il record di violazioni per i tempi
            lunghi della giustizia. Perché uno dei principi
            cardini del diritto moderno è
            <I
            late justice is injustice </I
            .Gioco di parole a parte - perché quello è - una giustizia troppo veloce o sbrigativa è ancora peggio.Se uno vuole la via più rapida in assoluto, c'è già: eliminare (o ridimensionare totalmente) lo stato di diritto.Ma visto che è un opzione del tutto indesiderabile, bisogna per forza di cose scendere a compromessi e avere pazienza. Non si può pretendere la botte piena e la moglie ubriaca.
          • Leguleio scrive:
            Re: Tra l'altro...


            E alla Corte europea dei diritti dell'uomo

            l'Italia ha il record di violazioni per i tempi

            lunghi della giustizia. Perché uno dei principi

            cardini del diritto moderno è

            <I
            late justice is injustice </I
            .

            Gioco di parole a parte - perché quello è - una
            giustizia troppo veloce o sbrigativa è ancora
            peggio.Nessuno invoca i processi per direttissima. Quelli sì, soprattutto in casi di reati che provocano allarme o scandalo, sono una barbarie. Un linciaggio mascherato.Guarda i tempi dei tre gradi di giudizio in un caso che è stato dibattuto molto, qui su PI: la richiesta di estradizione di Julian Assange in GB.7 dicembre 2010: arresto24 febbraio 2011: la corte di primo grado ritiene valida la richiesta di estradizione avanzata dalle autorità svedesi2 novembre 2011: la corte d'appello conferma la decisione di primo grado30 maggio 2012: la Corte suprema conferma la decisione della corte d'appello.Dall'arresto alla decisione definitiva di terzo grado passano 1 anno, 5 mesi, e 23 giorni. Un ritmo impensabile in Italia (per gli standard britannici invece è un tempo lungo, ma era un caso un po' particolare).
            Se uno vuole la via più rapida in assoluto, c'è
            già: eliminare (o ridimensionare totalmente) lo
            stato di
            diritto.Ma no, basta far funzionare bene i tribunali, e i tempi si rispettano. E i diritti pure.
            Ma visto che è un opzione del tutto
            indesiderabile, bisogna per forza di cose
            scendere a compromessi e avere pazienza. Non si
            può pretendere la botte piena e la moglie
            ubriaca.Alcuni Stati hanno la botte piena e la moglie ubriaca, invece. Perché si sono resi conto molto prima dell'Italia che una giustizia lumaca e ostaggio delle esigenze particolarissime dell'imputato o dei difensori non conveniva a nessuno.
          • panda rossa scrive:
            Re: Tra l'altro...
            - Scritto da: Leguleio


            E alla Corte europea dei diritti
            dell'uomo


            l'Italia ha il record di violazioni per
            i
            tempi


            lunghi della giustizia. Perché uno dei
            principi


            cardini del diritto moderno è


            <I
            late justice is injustice
            </I
            .



            Gioco di parole a parte - perché quello è -
            una

            giustizia troppo veloce o sbrigativa è ancora

            peggio.

            Nessuno invoca i processi per direttissima.
            Quelli sì, soprattutto in casi di reati che
            provocano allarme o scandalo, sono una barbarie.
            Un linciaggio
            mascherato.
            Guarda i tempi dei tre gradi di giudizio in un
            caso che è stato dibattuto molto, qui su PI: la
            richiesta di estradizione di Julian Assange in
            GB.L'imputazione di Assange non rientra affatto nei reati che destano allarme sociale, ma nella sfera piu' ampia della "lesa maesta'".Ed e' solo per aver disturbato il manovratore che la giustizia ha pigiato l'acceleratore a tavoletta.

            Se uno vuole la via più rapida in assoluto,
            c'è

            già: eliminare (o ridimensionare totalmente)
            lo

            stato di

            diritto.

            Ma no, basta far funzionare bene i tribunali, e i
            tempi si rispettano. E i diritti pure.Basterebbe che il dibattimento processuale interrompa la prescrizione e automaticamente non ci sarebbe piu' bisogno di inventare tutto quello che si sono inventati per allungare i tempi del brodo.Il motivo e' solo quello: la prescrizione.

            Ma visto che è un opzione del tutto

            indesiderabile, bisogna per forza di cose

            scendere a compromessi e avere pazienza. Non
            si

            può pretendere la botte piena e la moglie

            ubriaca.

            Alcuni Stati hanno la botte piena e la moglie
            ubriaca, invece. Perché si sono resi conto molto
            prima dell'Italia che una giustizia lumaca e
            ostaggio delle esigenze particolarissime
            dell'imputato o dei difensori non conveniva a
            nessuno.Limitiamoci agli stati democratici: in dittatura sappiamo perfettamente come funziona.
          • Leguleio scrive:
            Re: Tra l'altro...


            una


            giustizia troppo veloce o sbrigativa è
            ancora


            peggio.



            Nessuno invoca i processi per direttissima.

            Quelli sì, soprattutto in casi di reati che

            provocano allarme o scandalo, sono una
            barbarie.

            Un linciaggio

            mascherato.

            Guarda i tempi dei tre gradi di giudizio in
            un

            caso che è stato dibattuto molto, qui su PI:
            la

            richiesta di estradizione di Julian Assange
            in

            GB.
            L'imputazione di Assange non rientra affatto nei
            reati che destano allarme sociale, Guarda che stavamo parlando di reati in generale, e di tempi della giustizia. Un proXXXXX entro tempi accettabili è un diritto universale, anche se l'accusato non rischia il carcere, ma solo un'ammenda, anche se il reato è una bagatella. Rimanere per anni nel limbo del "forse colpevole forse innocente" è una violazione dei diritti umani in sé, e non lo dico io, ma le Convenzioni internazionali.Vale anche per i processi civili, ma lì talvolta entrambe le parti hanno interesse a tirarla per le lunghe, quindi va valutato caso per caso.
            ma nella sfera
            piu' ampia della "lesa
            maesta'".
            Ed e' solo per aver disturbato il manovratore che
            la giustizia ha pigiato l'acceleratore a
            tavoletta.No. Julian Assange ha fatto una sciocchezza nell'andare in Svezia e non informarsi prima sulle leggi locali, e ora ne paga le conseguenze con gli arresti domiciliari in un'ambasciata.Ma non è il caso di aprire un nuovo fronte qui.

            Ma no, basta far funzionare bene i
            tribunali, e
            i

            tempi si rispettano. E i diritti pure.

            Basterebbe che il dibattimento processuale
            interrompa la prescrizione e automaticamente non
            ci sarebbe piu' bisogno di inventare tutto quello
            che si sono inventati per allungare i tempi del
            brodo.Non stavo parlando nemmeno della prescrizione del reato, quello è un altro problema ancora, che riguarda la certezza della pena, una cosa che in Italia spesso viene meno. Ripeto, limitiamoci ai <B
            tempi </B
            del proXXXXX, di qualsiasi proXXXXX, senza sviare anche nei <B
            modi </B
            del proXXXXX.
            Il motivo e' solo quello: la prescrizione.No, sono due aspetti separati.I processi si allungano anche senza il contributo attivo dei difensori nell'allungarli. Basta che un giudice non abbia il polso della situazione e rimandi le udienze di sei mesi in sei mesi, e i tempi si allungano in proporzione.

            Alcuni Stati hanno la botte piena e la moglie

            ubriaca, invece. Perché si sono resi conto
            molto

            prima dell'Italia che una giustizia lumaca e

            ostaggio delle esigenze particolarissime

            dell'imputato o dei difensori non conveniva a

            nessuno.

            Limitiamoci agli stati democratici: in dittatura
            sappiamo perfettamente come
            funziona.Oh, ci sono anche dittature con tempi della giustizia molto lenti, non credere. :DSemplicemente, gli oppositori vengono processati da tribunali a parte, oppure non vengono processati affatto, li fanno sparire.
          • no al legume scrive:
            Re: Tra l'altro...
            - Scritto da: Leguleio
            Perché si sono resi conto molto prima
            dell'Italia che una giustizia lumaca e
            ostaggio delle esigenze particolarissime
            dell'imputato o dei difensori non conveniva a
            nessuno.Non parleresti così se l'imputato fossi tu.
            Ma no, basta far funzionare bene i tribunali, e i
            tempi si rispettano. E i diritti pure.Li fai funzionare tu, vero?Ma anche se funzionassero a pieno regime, ci sarebbe sempre qualche leguleio che se ne salterebbe fuori a dire: "bene, ma si può fare di meglio! Più veloci!"
          • Leguleio scrive:
            Re: Tra l'altro...


            Perché si sono resi conto molto prima

            dell'Italia che una giustizia lumaca e

            ostaggio delle esigenze particolarissime

            dell'imputato o dei difensori non conveniva a

            nessuno.

            Non parleresti così se l'imputato fossi tu.Vero.Calcola quanti sono gli imputati di reati su base annua sul totale dei cittadini votanti, e poi dimmi chi ha il coltello dalla parte del manico, a volerlo avere, sull'amministrazione della giustizia.

            Ma no, basta far funzionare bene i tribunali, e
            i

            tempi si rispettano. E i diritti pure.

            Li fai funzionare tu, vero?Se all'estero ci sono riusciti, non vedo che difficoltà ci sarebbe in Italia. Hanno meno criminali? Hanno una giustizia meno garantista di quella italiana? Il problema è solo la volontà, non la possibilità.
            Ma anche se funzionassero a pieno regime, ci
            sarebbe sempre qualche leguleio che se ne
            salterebbe fuori a dire: "bene, ma si può fare di
            meglio! Più
            veloci!"Le proteste ci sono sempre. Guardiamo alla sostanza: il proXXXXX in tempi umani funziona o non funziona?
      • FDG scrive:
        Re: Tra l'altro...
        - Scritto da: Leguleio
        Arrivano, ma con estremo ritardo. Mai come in
        argomenti di questo tipo una sberla punitiva data
        in ritardo è una sberla ingiusta.
        :
        Si cerca, poi bisogna vedere se ci si riesce, di
        percorrere vie più rapide.Ok, quindi ci inventiamo un altro modo di fare quello che non riusciamo normalmente a fare, così facciamo male pure questo e magari lo facciamo a nostra discrezione, invece di far funzionare meglio quello che dovrebbe funzionare e non solo in questo caso. Che grande cultura politica!
        • Leguleio scrive:
          Re: Tra l'altro...


          Arrivano, ma con estremo ritardo. Mai come in

          argomenti di questo tipo una sberla punitiva
          data

          in ritardo è una sberla ingiusta.

          :

          Si cerca, poi bisogna vedere se ci si
          riesce,
          di

          percorrere vie più rapide.
          Ok, quindi ci inventiamo un altro modo di fare
          quello che non riusciamo normalmente a fare, così
          facciamo male pure questo e magari lo facciamo a
          nostra discrezione, invece di far funzionare
          meglio quello che dovrebbe funzionare e non solo
          in questo caso. Che grande cultura
          politica!Secondo te la Moretti ha studiato all'ENA di Strasburgo? :)
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Tra l'altro...
      Perchè, senza esser troppo retorico, siamo il paese delle perenni emergenza è bisogna giustificare una legge liberticida?
    • Izio01 scrive:
      Re: Tra l'altro...
      - Scritto da: FDG
      Qualcuno (un Quintarelli a caso, cioè Scelta
      Civica, addirittura manco un M5S) ha fatto notare
      che le leggi ci sono, che basta farle applicare,
      che quando si applicano le condanne arrivano e
      che il problema è appunto l'applicazione delle
      leggi esistenti. Quindi, che vogliono? Un'altra
      legge da applicare poi a discrezione?Ma tu non capisci! Le donne discriminate! La sopraffazione sistematica! Le incitazioni alla violenza! Il femminicidio! Aita, legiferiamo, legiferiamo, nessuno pensa ai bambini?
      • FDG scrive:
        Re: Tra l'altro...
        - Scritto da: Izio01
        Ma tu non capisci! Le donne discriminate! La
        sopraffazione sistematica! Le incitazioni alla
        violenza! Il femminicidio! Aita, legiferiamo,
        legiferiamo, nessuno pensa ai bambini?Azz, non ci avevo pensato. Bisognerà avvertire questi che vanno aggiornati i dizionari:http://facciamocome.org/ :D
        • Izio01 scrive:
          Re: Tra l'altro...
          - Scritto da: FDG
          - Scritto da: Izio01


          Ma tu non capisci! Le donne discriminate! La

          sopraffazione sistematica! Le incitazioni
          alla

          violenza! Il femminicidio! Aita, legiferiamo,

          legiferiamo, nessuno pensa ai bambini?

          Azz, non ci avevo pensato. Bisognerà avvertire
          questi che vanno aggiornati i
          dizionari:

          http://facciamocome.org/

          :DFantastica, devo farla girare! :D
          • bubba scrive:
            Re: Tra l'altro...
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: FDG

            - Scritto da: Izio01




            Ma tu non capisci! Le donne
            discriminate!
            La


            sopraffazione sistematica! Le
            incitazioni

            alla


            violenza! Il femminicidio! Aita,
            legiferiamo,


            legiferiamo, nessuno pensa ai bambini?



            Azz, non ci avevo pensato. Bisognerà
            avvertire

            questi che vanno aggiornati i

            dizionari:



            http://facciamocome.org/



            :D

            Fantastica, devo farla girare! :Dlol... il polygen ha infinite incarnazioni....
          • Leguleio scrive:
            Re: Tra l'altro...


            Fantastica, devo farla girare! :D
            lol... il polygen ha infinite incarnazioni....Eh sì. Anche il generatore automatico di articoli di <I
            Libero </I
            , che aveva smesso di funzionare tempo fa, è tornato al suo splendore, anzi, ce ne sono diverse versioni in giro per il web. Eccone una:http://digilander.libero.it/spaceman70/PaeseCivile/generatore_libero.htm
  • Curioso scrive:
    La carlucci de sinistra
    Lasciando perdere le demenziali uscite di una persona che si informa su internet e web tramite"Diva e donna"..C'è una spiegazione razionale x cui l'onnipresente "leguleio" viene praticamente trattato come unVitello d'oro dalla redazione? Mai viste critiche versoUn determinato utente volatilizzarsi così velocemente
  • eheheh scrive:
    ci vorrebbe una legge che
    costringesse le persone che scrivono sui muri "scemo chi legge" a firmarsi con nome cognome e codice fiscalea tutela anche dei minori si intende :-)
    • ... scrive:
      Re: ci vorrebbe una legge che
      - Scritto da: eheheh
      costringesse le persone che scrivono sui muri
      "scemo chi legge" a firmarsi con nome cognome e
      codice
      fiscale

      a tutela anche dei minori si intende :-)eheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheheh
    • Sky scrive:
      Re: ci vorrebbe una legge che
      :D :D :D
    • 2014 scrive:
      Re: ci vorrebbe una legge che
      - Scritto da: eheheh
      costringesse le persone che scrivono sui muri
      "scemo chi legge" a firmarsi con nome cognome e
      codice
      fiscaledi qualche politico a caso... :D
    • king volution scrive:
      Re: ci vorrebbe una legge che
      - Scritto da: eheheh
      costringesse le persone che scrivono sui muri
      "scemo chi legge" a firmarsi con nome cognome e
      codice
      fiscale

      a tutela anche dei minori si intende :-)perbacco!chissà come mai il moige non ha ancora presentato una proposta così geniale!!!
  • qwertyuiopa sdfghjklzx cvbnm scrive:
    Vuole pure abolire i nicknames
    Faccio notare che in un'intervista odierna all'unità la moretti dice cose ben peggiori, lasciando intendere che vorrebbe che i siti si accertassero dell'identità di chi scrive commenti. In sostanza secondo questa tizia l'italia dovrebbe diventare il primo paese al mondo a vietare l'uso dei nicknames e ad abolire il già debole anonimato nel web. Un po' come se bisognasse mostrare i documenti ogni volta che si scende in piazza. Peggio della Corea del Nord, un paese che del resto i post-comunisti ammirano molto.Gli elettori del PD si vergognino.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Vuole pure abolire i nicknames
      - Scritto da: qwertyuiopa sdfghjklzx cvbnm
      Gli elettori del PD si vergognino.ma se non si sono eclissati dalla vergogna nemmeno quando sono scesi a patti col cav. p.s.questo messaggio si autodistruggerà magicamente
    • Arbiter scrive:
      Re: Vuole pure abolire i nicknames
      - Scritto da: qwertyuiopa sdfghjklzx cvbnm
      Gli elettori del PD si vergognino.Più che altro, smettano di votarlo!
      • krane scrive:
        Re: Vuole pure abolire i nicknames
        - Scritto da: Arbiter
        - Scritto da: qwertyuiopa sdfghjklzx cvbnm

        Gli elettori del PD si vergognino.
        Più che altro, smettano di votarlo!Si vergognino di averlo voltato E smettano di votarlo.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Vuole pure abolire i nicknames
      Vorrei ricordare che anche la corea del sud ha fatto una norma simile con l'obbligo di usare nomi reali nei siti più popolati, di fatto la cosa ha aiutato solo il Cybercrimine a raccogliere più dati per le truffe online.Poi la Corea del sud un anno fa ha sospeso questa cosa.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 febbraio 2014 18.40-----------------------------------------------------------
      • ... scrive:
        Re: Vuole pure abolire i nicknames
        - Scritto da: Sg@bbio
        Poi la Corea del sud un anno fa ha spesso questa
        cosa.[img]http://i48.tinypic.com/e7h2jd.gif[/img]
    • giuda scrive:
      Re: Vuole pure abolire i nicknames
      - Scritto da: qwertyuiopa sdfghjklzx cvbnm
      Faccio notare che in un'intervista odierna
      all'unità la moretti dice cose ben peggiori,
      lasciando intendere che vorrebbe che i siti si
      accertassero dell'identità di chi scrive
      commenti. In sostanza secondo questa tizia
      l'italia dovrebbe diventare il primo paese al
      mondo a vietare l'uso dei nicknames e ad abolire
      il già debole anonimato nel web.


      Un po' come se bisognasse mostrare i documenti
      ogni volta che si scende in piazza. Peggio della
      Corea del Nord, un paese che del resto i
      post-comunisti ammirano
      molto.

      Gli elettori del PD si vergognino.impossibile, i piddini non hanno dignità, non conoscono il senso della vergogna, sono come bestiame...
    • prova123 scrive:
      Re: Vuole pure abolire i nicknames
      quante storie ... una bella gnocca può dire quello che vuole!
      • Leguleio scrive:
        Re: Vuole pure abolire i nicknames

        quante storie ... una bella gnocca può dire
        quello che
        vuole!... Che poi è una citazione di un Carosello degli anni Sessanta: "Con quella bocca può dire tutto ciò che vuole". http://www.youtube.com/watch?v=cOENpwh_KY8
  • qwertyuiopa sdfghjklzx cvbnm scrive:
    Non sa neanche parlare in italiano...
    ...e vorrebbe regolamentare una tecnologia che non sarà mai nemmeno lontanamente in grado di comprendere. Primo, segua un corso di dizione, il suo accento veneto è volgarissimo. E questo vale anche per renzi, che quando parla sembra pieraccioni. Secondo, si prenda una laurea in ingegneria informatica (troppo difficile passare esami di fisica e matematica, vero? Più facile mandare a memoria il codice civile), poi potrà parlare di come regolamentare una tecnologia che evidentemente non conosce.Moretti, speranza, renzi... la personificazione dell'italia che affonda.
  • Arbiter scrive:
    Ma quando canta il gallo?
    Ed ora, aspettiamo i soliti (o il solito) che qui ci viene a dire che, no, non ci sono tentativi di controllo della rete, che la Moretti non pensa a nuove leggi così come non ci pensava la Boldrini, no, affatto ...Il tutto nel giorno in cui si viene a sapere che dei genitori sono ricorsi non al coinvolgimento della direzione della scuola nè degli altri genitori ma alla magistratura (!!!), con denuncia per diffamazione nei confronti di quattro ragazzini quindicenni (!!!) che chiamavano "sorcio" il loro figlio per i denti sporgenti.Cosa più che deprecabile ma che accade nella scuola da un secolo e che generazioni di genitori hanno risolto da sempre in altro modo, senza ricorrere alle toghe ed al penale, che mi sembrano eccessive pure per dei bulletti stupidelli di 14 o 15 anni.Una parte degli italiani (politici compresi) sta impazzendo e ricorre con sconcertante superficialità ad una combinazine micidiale tra intolleranza, irrazionalità, vantati buoni propositi a difesa dei deboli (i minori, le donne ...) e le "manette", un'altra parte ritiene normale che stiano impazzendo e la terza parte assiste sconcertata.
    • Leguleio scrive:
      Re: Ma quando canta il gallo?

      Ed ora, aspettiamo i soliti (o il solito) che qui
      ci viene a dire che, no, non ci sono tentativi di
      controllo della rete, che la Moretti non pensa a
      nuove leggi così come non ci pensava la Boldrini,
      no, affatto
      ...Cosa c'entra la Moretti con la Boldrini? Non fanno nemmeno parte dello stesso partito.In compenso, stai confermando ciò che era già abbastanza chiaro nell'altra discussione: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3988451&m=3989458#p3989458cioè che hai già il dente avvelenato con Laura Boldrini per conto tuo, e cerchi strada facendo una qualche motivazione per darle addosso. Una vale l'altra.
      Il tutto nel giorno in cui si viene a sapere che
      dei genitori sono ricorsi non al coinvolgimento
      della direzione della scuola nè degli altri
      genitori ma alla magistratura (!!!), con denuncia
      per diffamazione nei confronti di quattro
      ragazzini quindicenni (!!!) che chiamavano
      "sorcio" il loro figlio per i denti
      sporgenti.La scelta dei mezzi da adottare sta alle sole parti coinvolte, Arbiter.Tu non ci puoi mettere il naso. Si può commentare la scelta, come avviene di fatto su varie testate ora, la notizia é stata data stamane. Ma nulla di più.
      • Arbiter scrive:
        Re: Ma quando canta il gallo?
        - Scritto da: Leguleio

        Ed ora, aspettiamo i soliti (o il solito)
        che
        qui

        ci viene a dire che, no, non ci sono
        tentativi
        di

        controllo della rete, che la Moretti non
        pensa
        a

        nuove leggi così come non ci pensava la
        Boldrini,

        no, affatto

        ...

        Cosa c'entra la Moretti con la Boldrini? Non
        fanno nemmeno parte dello stesso
        partito.

        In compenso, stai confermando ciò che era già
        abbastanza chiaro nell'altra discussione:


        http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3988451&m=398

        cioè che hai già il dente avvelenato con Laura
        Boldrini per conto tuo, e cerchi strada facendo
        una qualche motivazione per darle addosso. Una
        vale
        l'altra.Eh, eh!Era ovvio che il gallo avrebbe cantato!Non è che la Boldrini sia una mia ossessione, è semplicemente che non tutti sono ciechi: "la Presidente della Camera Laura Boldrini, altra voce a sostegno di una legge per controllare la Rete" .Tratto dallo stesso articolo che stiamo commentando.Cosa c'entri poi che facciano o non facciano parte dello stesso partito proprio non si sa, ma quando uno vuole assolutamente ribattere qualcosa, pur avendo le idee confuse, accade questo ed altro ...Comunque, come già detto, ormai non perdo più di tanto tempo con certuni. Bastano tre parole per mettere in chiaro le cose e non bastano i cavilli da leguleio per smentirle.La vicenda dei bulletti e della vittima di Rimini è ben più importante di quei cavilli ed è da meditare, per capire la china sulla quale stiamo scivolando (magari con le classiche "buone intenzioni" che lastricano la strada per l'inferno).
        • krane scrive:
          Re: Ma quando canta il gallo?
          - Scritto da: Arbiter
          - Scritto da: Leguleio
          Cosa c'entri poi che facciano o non facciano
          parte dello stesso partito proprio non si sa, ma
          quando uno vuole assolutamente ribattere
          qualcosa, pur avendo le idee confuse, accade
          questo ed altro...Guarda e' un troll, probabilmente con problemi, che fa cancellare le risposte che non gli piacciono, io non starei a discuterci.
        • Leguleio scrive:
          Re: Ma quando canta il gallo?



          Ed ora, aspettiamo i soliti (o il solito)

          che

          qui


          ci viene a dire che, no, non ci sono

          tentativi

          di


          controllo della rete, che la Moretti non

          pensa

          a


          nuove leggi così come non ci pensava la

          Boldrini,


          no, affatto


          ...



          Cosa c'entra la Moretti con la Boldrini? Non

          fanno nemmeno parte dello stesso

          partito.



          In compenso, stai confermando ciò che era già

          abbastanza chiaro nell'altra discussione:






          http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3988451&m=398



          cioè che hai già il dente avvelenato con Laura

          Boldrini per conto tuo, e cerchi strada facendo

          una qualche motivazione per darle addosso. Una

          vale

          l'altra.

          Eh, eh!
          Era ovvio che il gallo avrebbe cantato!Spero che ridere sia facoltativo. E su questo articolo ero già intervenuto prima di te, se è per questo.
          Non è che la Boldrini sia una mia ossessione, è
          semplicemente che non tutti sono
          ciechi:
          <i
          "la Presidente della Camera Laura Boldrini,
          altra voce a sostegno di una legge per
          controllare la
          Rete" </i
          .
          Tratto dallo stesso articolo che stiamo
          commentando.Infatti non ti ho mai accusato di essere l'unico che ha una strana idea su Laura Boldrini. Che come detto, a livello di competenze per stare a capo di un'assemblea di 630 persone è molto vicina a zero.Sei in buona compagnia. Ma non è che per il fatto che molte persone hanno idee sbagliate su di una parlamentare, queste diventano giuste. Tutto qua.
          Cosa c'entri poi che facciano o non facciano
          parte dello stesso partito proprio non si sa, ma
          quando uno vuole assolutamente ribattere
          qualcosa, pur avendo le idee confuse, accade
          questo ed altro
          ...L'accostamento fra le due persone lo hai fatto tu, non io, quindi mi aspetto che me lo spieghi tu.Che non facciano parte dello stesso partito è un dato di fatto, ma se vuoi ti espongo altre circostanze che mostrano che fra l'una e l'altra ci sono molte differenze di visioni e di funzioni. Non credo sia necessario: basta che tu mi dica una cosa, una sola, che le accomunerebbe in questa proposta di legge. A parte l'essere state elette alla Camera, ovviamente.
          Comunque, come già detto, ormai non perdo più di
          tanto tempo con certuni. Bastano tre parole per
          mettere in chiaro le cose e non bastano i cavilli
          da leguleio per
          smentirle.Se la pensassi davvero così, non risponderesti.Confermi cercando di smentire.
          La vicenda dei bulletti e della vittima di Rimini
          è ben più importante di quei cavilli ed è da
          meditare, per capire la china sulla quale stiamo
          scivolando (magari con le classiche "buone
          intenzioni" che lastricano la strada per
          l'inferno).Ma cosa c'entrano i cavilli in una vicenda di querela... mah... comincio a pensare che oggi ciò che non si riesce a capire lo si chiami "cavillo".Una sciocca moda, che va di pari passo con dichiarare "incostituzionale" ciò verso cui non si è d'accordo. Di colpo siamo tutti diventati giudici costituzionali. :D
          • ... scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: Leguleio
            Una sciocca moda, che va di pari passo con
            dichiarare "incostituzionale" ciò verso cui non
            si è d'accordo. Di colpo siamo tutti diventati
            giudici costituzionali.
            :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :| :D :| :D :D :| :D :| :D :| :D :| :D :| :D :| :D :| :D :| :D :| :D :| :| :D :o :| :D :o :| :D :o :| :o :| :o :| :o :| :o :| :o ;) :o ;) :o ;) :o ;) :o ;) ;) ;) ;) ;) ;) ;) ;) ;)
          • Analizzator e di grafomani scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: Leguleio



            Ed ora, aspettiamo i soliti (o il
            solito)


            che


            qui



            ci viene a dire che, no, non ci
            sono


            tentativi


            di



            controllo della rete, che la
            Moretti
            non


            pensa


            a



            nuove leggi così come non ci
            pensava
            la


            Boldrini,



            no, affatto



            ...





            Cosa c'entra la Moretti con la
            Boldrini?
            Non


            fanno nemmeno parte dello stesso


            partito.





            In compenso, stai confermando ciò che
            era
            già


            abbastanza chiaro nell'altra
            discussione:











            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3988451&m=398





            cioè che hai già il dente avvelenato
            con
            Laura


            Boldrini per conto tuo, e cerchi strada
            facendo


            una qualche motivazione per darle
            addosso.
            Una


            vale


            l'altra.



            Eh, eh!

            Era ovvio che il gallo avrebbe cantato!

            Spero che ridere sia facoltativo.
            E su questo articolo ero già intervenuto prima di
            te, se è per
            questo.



            Non è che la Boldrini sia una mia
            ossessione,
            è

            semplicemente che non tutti sono

            ciechi:

            <i
            "la Presidente della Camera Laura
            Boldrini,

            altra voce a sostegno di una legge per

            controllare la

            Rete" </i
            .

            Tratto dallo stesso articolo che stiamo

            commentando.

            Infatti non ti ho mai accusato di essere l'unico
            che ha una strana idea su Laura Boldrini. Che
            come detto, a livello di competenze per stare a
            capo di un'assemblea di 630 persone è molto
            vicina a
            zero.
            Sei in buona compagnia. Ma non è che per il fatto
            che molte persone hanno idee sbagliate su di una
            parlamentare, queste diventano giuste. Tutto
            qua.



            Cosa c'entri poi che facciano o non facciano

            parte dello stesso partito proprio non si
            sa,
            ma

            quando uno vuole assolutamente ribattere

            qualcosa, pur avendo le idee confuse, accade

            questo ed altro

            ...

            L'accostamento fra le due persone lo hai fatto
            tu, non io, quindi mi aspetto che me lo spieghi
            tu.
            Che non facciano parte dello stesso partito è un
            dato di fatto, ma se vuoi ti espongo altre
            circostanze che mostrano che fra l'una e l'altra
            ci sono molte differenze di visioni e di
            funzioni. Non credo sia necessario: basta che tu
            mi dica una cosa, una sola, che le accomunerebbe
            in questa proposta di legge. A parte l'essere
            state elette alla Camera,
            ovviamente.



            Comunque, come già detto, ormai non perdo
            più
            di

            tanto tempo con certuni. Bastano tre parole
            per

            mettere in chiaro le cose e non bastano i
            cavilli

            da leguleio per

            smentirle.

            Se la pensassi davvero così, non risponderesti.
            Confermi cercando di smentire.



            La vicenda dei bulletti e della vittima di
            Rimini

            è ben più importante di quei cavilli ed è da

            meditare, per capire la china sulla quale
            stiamo

            scivolando (magari con le classiche "buone

            intenzioni" che lastricano la strada per

            l'inferno).

            Ma cosa c'entrano i cavilli in una vicenda di
            querela... mah... comincio a pensare che oggi ciò
            che non si riesce a capire lo si chiami
            "cavillo".
            Una sciocca moda, che va di pari passo con
            dichiarare "incostituzionale" ciò verso cui non
            si è d'accordo. Di colpo siamo tutti diventati
            giudici costituzionali.
            :DEccolo! E' partito in quarta! (rotfl)
          • Arbiter scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: Analizzator e di grafomani
            Eccolo! E' partito in quarta! (rotfl)Si, ma non gli darò corda per sprecare ulteriormente preziosa banda.Tanto non capisce e, anzi, sembra pure prendere orgogliosamente i "vaffa" (impliciti o espliciti) come fossero medaglie al valore! :D
          • nome non ammesso scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: Arbiter
            - Scritto da: Analizzator e di grafomani

            Eccolo! E' partito in quarta! (rotfl)


            Si, ma non gli darò corda per sprecare
            ulteriormente preziosa
            bandaLOL... "preziosa banda"... da dove vieni, dal 1996?
          • bubba scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: nome non ammesso
            - Scritto da: Arbiter

            - Scritto da: Analizzator e di grafomani


            Eccolo! E' partito in quarta! (rotfl)





            Si, ma non gli darò corda per sprecare

            ulteriormente preziosa

            banda

            LOL... "preziosa banda"... da dove vieni, dal
            1996?vuoi dire che i kbyte che spreca ogni volta il Legu (e gli altri a "dovergli" rispondere), sono ben impiegati?
          • Teo_ scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: nome non ammesso
            - Scritto da: Arbiter

            Si, ma non gli darò corda per sprecare

            ulteriormente preziosa

            banda

            LOL... "preziosa banda"... da dove vieni, dal
            1996?Un po di compassione per chi come me è condannato alla connessione 3G da quasi un mese...
          • Funz scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: Leguleio
            dichiarare "incostituzionale" ciò verso cui non
            si è d'accordo. Di colpo siamo tutti diventati
            giudici costituzionali.Guarda che non c'è bisogno di essere giudici costituzionali per vedere se una legge o un decreto siano incostituzionali o meno. Basta una cultura.Secondo te, invece, chi sta in Parlamento può care il ca**o che gli pare in barba alla Costituzione, e nessuno ha il diritto di protestare nemmeno nei casi più vergognosi e sfacciati. Bravo!
          • Leguleio scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?


            dichiarare "incostituzionale" ciò verso cui
            non

            si è d'accordo. Di colpo siamo tutti
            diventati

            giudici costituzionali.

            Guarda che non c'è bisogno di essere giudici
            costituzionali per vedere se una legge o un
            decreto siano incostituzionali o meno. Basta una
            cultura.Non so se, visto che a esprimere questo concetto sei tu, ci sia dell'autoironia nell'affermazione. In ogni caso ho scritto "dichiarare". E l'organo in grado di dichiarare incostituzionale una legge è uno solo.Però si possono scrivere romanzi distopici basati sull'idea che i forum su internet hanno il potere di dichiarare incostituzionali le norme approvate dal parlamento. Effettivamente non credo che si possa costruire una società più cupa e schizofrenicamente sregolata di quella. 8)
            Secondo te, invece, chi sta in Parlamento può
            care il ca**o che gli pare in barba alla
            Costituzione, e nessuno ha il diritto di
            protestare nemmeno nei casi più vergognosi e
            sfacciati.Il diritto di protestare c'è sempre. Se ci pensi è il sale di un regime democratico: esiste un Potere, ma c'è la possibilità di contestarlo in piazza e di sfidarlo alle elezioni.Inventarsi una Costituzione su misura tagliata apposta sulle proprie fantasie invece non è un diritto, che io sappia. È una fantasia, appunto, che non va incoraggiata. Un buon cittadino è quello che conosce la vera Costituzione, non la caricatura della Costituzione.
          • Funz scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: Leguleio


            dichiarare "incostituzionale" ciò verso
            cui

            non


            si è d'accordo. Di colpo siamo tutti

            diventati


            giudici costituzionali.



            Guarda che non c'è bisogno di essere giudici

            costituzionali per vedere se una legge o un

            decreto siano incostituzionali o meno. Basta
            una

            cultura.

            Non so se, visto che a esprimere questo concetto
            sei tu, ci sia dell'autoironia nell'affermazione.no, evidentemente tu credi di essere l'unico al mondo a detenere una cultura giuridica.
            In ogni caso ho scritto "dichiarare". E l'organo
            in grado di dichiarare incostituzionale una legge
            è uno
            solo.una legge *è* incostituzionale oppure *non è*, indipendentemente da cosa dichiara chicchessia.A patto che la Costituzione sia sufficientemente chiara sull'argomento e non aperta a interpretazioni troppo fantasiose.Ma te, se non c'è qualche organo ufficiale che ti dà l'imboccata, non sei in grado di pensare con la tua testa.
            Però si possono scrivere romanzi distopici basati
            sull'idea che i forum su internet hanno il potere
            di dichiarare incostituzionali le norme approvate
            dal parlamento. Effettivamente non credo che si
            possa costruire una società più cupa e
            schizofrenicamente sregolata di quella.
            8)stai dicendo sciocchezze. Parlo in termini generali, che c'entra internet.

            Secondo te, invece, chi sta in Parlamento può

            care il ca**o che gli pare in barba alla

            Costituzione, e nessuno ha il diritto di

            protestare nemmeno nei casi più vergognosi e

            sfacciati.

            Il diritto di protestare c'è sempre. Se ci pensi
            è il sale di un regime democratico: esiste un
            Potere, ma c'è la possibilità di contestarlo in
            piazza e di sfidarlo alle
            elezioni.
            Inventarsi una Costituzione su misura tagliata
            apposta sulle proprie fantasie invece non è un
            diritto, che io sappia. È una fantasia,
            appunto, che non va incoraggiata. Un buon
            cittadino è quello che conosce la vera
            Costituzione, non la caricatura della
            Costituzione. :-oNon capisci, fai finta o non ci arrivi proprio. Non che me ne fotta qualcosa, comunque...
          • krane scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: Leguleio
            :-o
            Non capisci, fai finta o non ci arrivi proprio.
            Non che me ne fotta qualcosa, comunque...Perdi tempo, smetti anche tu di perdere tempo a inseguire i chisaitu.
          • Leguleio scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?


            Non so se, visto che a esprimere questo
            concetto

            sei tu, ci sia dell'autoironia
            nell'affermazione.

            no, evidentemente tu credi di essere l'unico al
            mondo a detenere una cultura
            giuridica.Non era questo il senso della battuta, ma sorvoliamo. :)

            In ogni caso ho scritto "dichiarare". E
            l'organo

            in grado di dichiarare incostituzionale una
            legge

            è uno

            solo.

            una legge *è* incostituzionale oppure *non è*,
            indipendentemente da cosa dichiara
            chicchessia.Bene, diamo per scontato allora che tutte le leggi sono incostituzionali; o meglio, tutte quelle che non ci piacciono: fa bene all'ego. "Come mi sta sulle scatole questa legge, ma tanto è incostituzionale...".Capito l'antifona?
            A patto che la Costituzione sia sufficientemente
            chiara sull'argomento e non aperta a
            interpretazioni troppo
            fantasiose.Di nuovo, vedo dell'autoironia nelle "interpretazioni fantasiose". Ogni riferimento al ruolo dell'Agcom a partire dal 31 marzo è del tutto casuale.
            Ma te, se non c'è qualche organo ufficiale che ti
            dà l'imboccata, non sei in grado di pensare con
            la tua
            testa.A me???Importa a chi la legge deve farla applicare, l'eventuale giudizio della Corte Costituzionale, per il banale motivo che è valida finché non è abrogata da quella Corte. Non è questione di pensare o non pensare.Cosa serve scrivere mille volte nei vari forum "è incostituzionale"? A niente, dal punto di vista pratico; però soddisfa l'ego.

            Però si possono scrivere romanzi distopici
            basati

            sull'idea che i forum su internet hanno il
            potere

            di dichiarare incostituzionali le norme
            approvate

            dal parlamento. Effettivamente non credo che
            si

            possa costruire una società più cupa e

            schizofrenicamente sregolata di quella.

            8)

            stai dicendo sciocchezze. Parlo in termini
            generali, che c'entra
            internet.Il meme di chiamare "incostituzionale" cioè che un tempo si sarebbe definito "legge truffa" o "legge capestro", o anche "XXXXXta", è nato su internet, secondo me. Ecco un paio di casi in cui alcune norme, che sicuramente non piacevano a molti, sono state dichiarate conformi alla Costituzione:http://www.ilnuovodirittoamministrativo.it/leggiarticolon.php?id=2099http://www.altalex.com/index.php?idnot=45870http://www.giustamm.it/Copertine/corte/ccost_1999-343.htmhttp://www.giudicedipace.it/index.php/sezionepenale/429-corte-costituzionale-ordinanza-n-361-espulsione-straniero-31-10-07La sottile differenza fra essere tacciato di incostituzionalità, ed esserlo davvero...

            Il diritto di protestare c'è sempre. Se ci
            pensi

            è il sale di un regime democratico: esiste un

            Potere, ma c'è la possibilità di contestarlo
            in

            piazza e di sfidarlo alle

            elezioni.

            Inventarsi una Costituzione su misura
            tagliata

            apposta sulle proprie fantasie invece non è
            un

            diritto, che io sappia. È una fantasia,

            appunto, che non va incoraggiata. Un buon

            cittadino è quello che conosce la vera

            Costituzione, non la caricatura della

            Costituzione.

            :-o
            Non capisci, fai finta o non ci arrivi proprio.
            Non che me ne fotta qualcosa,
            comunque...Te ne importa, te ne importa, per tornare a un linguaggio non da trivio.Altrimenti nemmeno avresti risposto. Poi gradirei ragionamenti nel merito, e non riferiti alla mia persona, ché non importano a nessuno.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 febbraio 2014 13.11-----------------------------------------------------------
          • Funz scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: Leguleio


            Non so se, visto che a esprimere questo

            concetto


            sei tu, ci sia dell'autoironia

            nell'affermazione.



            no, evidentemente tu credi di essere l'unico
            al

            mondo a detenere una cultura

            giuridica.

            Non era questo il senso della battuta, ma
            sorvoliamo.
            :)ecco, invece di fare battute sciocche attieniti alla discussione.


            In ogni caso ho scritto "dichiarare". E

            l'organo


            in grado di dichiarare incostituzionale
            una

            legge


            è uno


            solo.



            una legge *è* incostituzionale oppure *non
            è*,

            indipendentemente da cosa dichiara

            chicchessia.

            Bene, diamo per scontato allora che tutte le
            leggi sono incostituzionali; o meglio, tutte
            quelle che non ci piacciono: fa bene all'ego.
            "Come mi sta sulle scatole questa legge, ma tanto
            è
            incostituzionale...".
            Capito l'antifona?no, fai finta di non capire.

            A patto che la Costituzione sia
            sufficientemente

            chiara sull'argomento e non aperta a

            interpretazioni troppo

            fantasiose.

            Di nuovo, vedo dell'autoironia nelle
            "interpretazioni fantasiose". Ogni riferimento al
            ruolo dell'Agcom a partire dal 31 marzo è del
            tutto
            casuale.eppure il concetto non è difficile. Magari se sforzi un po' le meningi ci arrivi.

            Ma te, se non c'è qualche organo ufficiale
            che
            ti

            dà l'imboccata, non sei in grado di pensare
            con

            la tua

            testa.

            A me???
            Importa a chi la legge deve farla applicare,
            l'eventuale giudizio della Corte Costituzionale,
            per il banale motivo che è valida finché non è
            abrogata da quella Corte. Non è questione di
            pensare o non
            pensare.capisci o non capisci questo semplice fatto:una legge è conforme o meno alla Costituzione di per sé, indipendentemente da quello che io o te o un giudice costituzionale pensiamo.
            Cosa serve scrivere mille volte nei vari forum "è
            incostituzionale"? A niente, dal punto di vista
            pratico; però soddisfa
            l'ego.se lo è in maniera palese, negare l'evidenza è altrettanto inutile.
            Il meme di chiamare "incostituzionale" cioè che
            un tempo si sarebbe definito "legge truffa" o
            "legge capestro", o anche "XXXXXta", è nato su
            internet, secondo me. tu pensi che criticare leggi sbagliate e palesemente incostituzionali sia non solo inutile, ma anche illegittimo.Ti sbagli profondamente, la tua è una mentalità servile.
            Ecco un paio di casi in cui alcune norme, che
            sicuramente non piacevano a molti, sono state
            dichiarate conformi alla
            Costituzione:casi che non c'entrano un fico secco.Riesci una volta nella vita a fare un esempio pertinente?
            La sottile differenza fra essere tacciato di
            incostituzionalità, ed esserlo
            davvero...non ti viene mai in mente che persino una Corte costituzionale possa sbagliarsi, o agire in maniera non consona al suo ruolo? No, sei talmente servile che chi ha il potere ha sempre ragione...
          • Leguleio scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?


            Non era questo il senso della battuta, ma

            sorvoliamo.

            :)

            ecco, invece di fare battute sciocche attieniti
            alla
            discussione.Forse hai ragione.Perle ai porci!


            una legge *è* incostituzionale oppure
            *non

            è*,


            indipendentemente da cosa dichiara


            chicchessia.

            Bene, diamo per scontato allora che tutte le

            leggi sono incostituzionali; o meglio, tutte

            quelle che non ci piacciono: fa bene all'ego.

            "Come mi sta sulle scatole questa legge, ma
            tanto

            è

            incostituzionale...".

            Capito l'antifona?

            no, fai finta di non capire.Continua a vivere nel mondo dei sogni....

            Di nuovo, vedo dell'autoironia nelle

            "interpretazioni fantasiose". Ogni
            riferimento
            al

            ruolo dell'Agcom a partire dal 31 marzo è del

            tutto

            casuale.

            eppure il concetto non è difficile. Magari se
            sforzi un po' le meningi ci
            arrivi. <I
            Fammi entrarenel tuo mondo di frutta candita... </I
            (cit.).

            A me???

            Importa a chi la legge deve farla applicare,

            l'eventuale giudizio della Corte
            Costituzionale,

            per il banale motivo che è valida finché non
            è

            abrogata da quella Corte. Non è questione di

            pensare o non

            pensare.

            capisci o non capisci questo semplice fatto:
            una legge è conforme o meno alla Costituzione di
            per sé, indipendentemente da quello che io o te o
            un giudice costituzionale
            pensiamo.E da un punto di vista pratico, cosa cambia?Ancora non l'hai spiegato.

            Cosa serve scrivere mille volte nei vari
            forum


            incostituzionale"? A niente, dal punto di
            vista

            pratico; però soddisfa

            l'ego.

            se lo è in maniera palese, negare l'evidenza è
            altrettanto
            inutile.Adesso tu saresti un esperto docente di diritto costituzionale che scorge la palese incostiuzionalità di una legge a colpo d'occhio.Ma per favore!
            tu pensi che criticare leggi sbagliate e
            palesemente incostituzionali sia non solo
            inutile, ma anche
            illegittimo.Nulla di tutto ciò.Si critichino pure le legge che si ritengono sbagliate, ma non ci si nasconda dietro il velo del termine incostituzionale, che nel 99 % dei casi è usato a sproposito, e c'entra come i cavoli a merenda. E accanto alla critica delle leggi sbagliate non ci starebbe male una legge da proporre che sarebbe "giusta". Almeno si esamina anche quella.
            Ti sbagli profondamente, la tua è una mentalità
            servile.Uh, adesso iniziamo con i titoli.Sono impressionato dalla tua capacità dialettica.

            Ecco un paio di casi in cui alcune norme, che

            sicuramente non piacevano a molti, sono state

            dichiarate conformi alla

            Costituzione:

            casi che non c'entrano un fico secco.
            Riesci una volta nella vita a fare un esempio
            pertinente?Se ci fossero stati casi pertinenti con leggi sul web, li avrei citati, è ovvio. Ancora non è capitato.Le persone che si sono adoperate per portare quelle leggi all'esame della corte ragionavano esattamente come te: passavano il tempo nei forum, o nelle sedi di discussione, a ripetere che erano incostituzionali. Pensa che scorno nell'apprendere che invece la Costituzione era stata rispettata! 8)E pensa se capitasse a te con le leggi che ti sono antipatiche.

            La sottile differenza fra essere tacciato di

            incostituzionalità, ed esserlo

            davvero...

            non ti viene mai in mente che persino una Corte
            costituzionale possa sbagliarsi, o agire in
            maniera non consona al suo ruolo?Tutti si sbagliano.Solo Funz non sbaglia mai.
            No, sei talmente servile che chi ha il potere ha
            sempre
            ragione...Piuttosto: chi ha il potere lo usa.Chi non ce l'ha, e non lo avrà mai, perché è al di là delle sue capacità mentali ottenerlo, scrive sui forum per insegnare al potere come fare e cosa pensare.
          • krane scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: Leguleio
            ecco, invece di fare battute sciocche
            attieniti alla discussione.Io ho trovato un metodo semplice per non far sciacquare i discorsi da lui.
          • Leguleio scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?

            Io ho trovato un metodo semplice per non far
            sciacquare i discorsi da
            lui.Quale?
        • krane scrive:
          Re: Ma quando canta il gallo?
          - Scritto da: Arbiter
          Cosa c'entri poi che facciano o non facciano
          parte dello stesso partito proprio non si sa, ma
          quando uno vuole assolutamente ribattere
          qualcosa, pur avendo le idee confuse, accade
          questo ed altro
          ...Guarda guarda, e' stato cancellato il post dove ti raccontavo di un certo troll con problemi, c'e' battaglia: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3987222&m=3988012#p3988012
        • ... scrive:
          Re: Ma quando canta il gallo?
          - Scritto da: Arbiter
          - Scritto da: Leguleio


          Ed ora, aspettiamo i soliti (o il solito)

          che

          qui


          ci viene a dire che, no, non ci sono

          tentativi

          di


          controllo della rete, che la Moretti non

          pensa

          a


          nuove leggi così come non ci pensava la

          Boldrini,


          no, affatto


          ...



          Cosa c'entra la Moretti con la Boldrini? Non

          fanno nemmeno parte dello stesso

          partito.



          In compenso, stai confermando ciò che era già

          abbastanza chiaro nell'altra discussione:






          http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3988451&m=398



          cioè che hai già il dente avvelenato con Laura

          Boldrini per conto tuo, e cerchi strada facendo

          una qualche motivazione per darle addosso. Una

          vale

          l'altra.

          Eh, eh!
          Era ovvio che il gallo avrebbe cantato!di solito si dice "la prima gallina che canta ha fatto l'uovo", ma in questo caso, il primo bue che muggisce ha fatto 25 chili di....".Ormai lo conosciamo.
      • panda rossa scrive:
        Re: Ma quando canta il gallo?
        - Scritto da: Leguleio

        Ed ora, aspettiamo i soliti (o il solito)
        che
        qui

        ci viene a dire che, no, non ci sono
        tentativi
        di

        controllo della rete, che la Moretti non
        pensa
        a

        nuove leggi così come non ci pensava la
        Boldrini,

        no, affatto

        ...

        Cosa c'entra la Moretti con la Boldrini? Non
        fanno nemmeno parte dello stesso
        partito.Tu segui poco la politica italiana.Ci sono due partiti in italia, anche se il termine "partito" vale solo per uno dei due.C'e' il Partito Unico della Casta, composto da nominati, che recita il doppio ruolo di maggioranza e finta opposizione, e c'e' il Movimento 5 Stelle, che svolge l'unica opposizione seria e credibile e per questo ha tutti i poteri contro.
        In compenso, stai confermando ciò che era già
        abbastanza chiaro nell'altra discussione: :-o
      • 2014 scrive:
        Re: Ma quando canta il gallo?
        - Scritto da: Leguleio

        Ed ora, aspettiamo i soliti (o il solito)
        che
        qui

        ci viene a dire che, no, non ci sono
        tentativi
        di

        controllo della rete, che la Moretti non
        pensa
        a

        nuove leggi così come non ci pensava la
        Boldrini,

        no, affatto

        ...

        Cosa c'entra la Moretti con la Boldrini? Non
        fanno nemmeno parte dello stesso
        partito.
        Per farsi eleggere erano nella stessa coalizione :D
        • Leguleio scrive:
          Re: Ma quando canta il gallo?



          Ed ora, aspettiamo i soliti (o il
          solito)

          che

          qui


          ci viene a dire che, no, non ci sono

          tentativi

          di


          controllo della rete, che la Moretti non

          pensa

          a


          nuove leggi così come non ci pensava la

          Boldrini,


          no, affatto


          ...



          Cosa c'entra la Moretti con la Boldrini? Non

          fanno nemmeno parte dello stesso

          partito.
          Per farsi eleggere erano nella stessa coalizione
          :DEh sì. Una affinità almeno c'è, ma un po' debolina.
    • Sky scrive:
      Re: Ma quando canta il gallo?
      Concordo con questa tua visione. E' anche mia impressione che si stia delegando sempre di più politica e magistratura ad intervenire in situazioni in cui i genitori dovrebbero fare la loro parte sociale tramite il sensato dialogo, senza tentare tutte le volte, nella loro ignoranza, di ricorrere a terzi ed a regole (sempre molto comodi, quando non si vuole "perder tempo" ad istruirsi su quanto si preferisce acriticamente condannare).Tutto questo, poi, per rendersi conto alla fine di avere le carceri piene, proprio grazie a questo genere di comportamenti (ovvero di riconoscere come "minaccia" qualsiasi comportamento non sia identico al loro), di farsi sanzionare dalla UE per il trattamento disumano che avviene in carcere ed, in definitiva, a dover poi ricorrere ad indulti e quant'altro per tentare di risolvere un problema auto-generato.Come scrive, molto giustamente, Tamburrino: le cose bisognerebbe capirle, prima di reagire e legiferare.Nella fattispecie, scrissi anni fa al Governo (tramite il loro sito) chiedendo l'implementazione di due cose che ritengo tutt'ora necessarie (anzi, sempre di più, pare):1) e-mail "di stato": una casella (o anche solo un forward) che sia ufficialmente riconosciuta dallo Stato, che la utilizzi per comunicare col cittadino ed anche per ricevere comunicazioni ufficiali dallo stesso.Chiaramente questo comporterebbe l'implementazione (gratuita) della firma digitale... che, casualmente, è già disponibile in forma ottimale e gratuita da una trentina d'anni (crittografia a chiave pubblica, GPG, ecc.: il MIT ha keyserver online da una vita).2) ed arriviamo quindi al secondo punto: firma digitale "di stato", cioè con keyserver pubblico gestito dalla P.A., in cui il certificatore sia lo Stato: chi meglio di lui ha la possibilità di riconoscere che io sono proprio io? chi detiene, già adesso, tutti i miei dati? (e mi obbliga anche ad aggiornarli in svariati casi: cambio di residenza, ecc.)Quindi chi può davvero certificarmi? Questo ovviamente inteso come "servizio reso dallo Stato", tale e quale un certificato online di residenza, stato civile e quant'altro.Son cose che dico da una vita. Adesso i parlamentari si sono accorti che sono andati nel bosco, col cestino per la nonna, e che nel bosco ci sono... i lupi! :DCioè... di fatto ci hanno lasciato nel bosco, dove ci siamo sempre dovuti difendere da soli (con tutti i meccanismi che il darwinismo ci ha obbligati ad adottare: nick names, account multipli, password e quant'altro) ed ora, che nel bosco ci entrano loro... ci sono i lupi. LOLA margine: pur essendo io un (felice) possessore di iPad, non ho molto gradito una frase che, per correttezza, avrebbe potuto essere "in alto i tablet", ma appunto è un dettaglio.
      • Leguleio scrive:
        Re: Ma quando canta il gallo?

        Concordo con questa tua visione. E' anche mia
        impressione che si stia delegando sempre di più
        politica e magistratura ad intervenire in
        situazioni in cui i genitori dovrebbero fare la
        loro parte sociale tramite il sensato dialogo,
        senza tentare tutte le volte, nella loro
        ignoranza, di ricorrere a terzi ed a regole
        (sempre molto comodi, quando non si vuole "perder
        tempo" ad istruirsi su quanto si preferisce
        acriticamente
        condannare).Facile dire "dovrebbero". Oggi è così. Piaccia o no.
        Tutto questo, poi, per rendersi conto alla fine
        di avere le carceri piene, proprio grazie a
        questo genere di comportamenti (ovvero di
        riconoscere come "minaccia" qualsiasi
        comportamento non sia identico al loro), No, si tratta di reati che non prevedono il carcere. Non mettiamo assieme cose che non c'entrano nulla fra di loro.L'unica persona in tempi recenti condannata al carcere per diffamazione, il direttore del <I
        Giornale </I
        , era alla terza condanna per quel fatto.La sua pena venne commutata dal presidente.
        di farsi
        sanzionare dalla UE per il trattamento disumano
        che avviene in carcere Vero.La pena disumana è dovuta al sovraffollamento, non è che improvvisamente nelle carceri italiani si pratichino i lavori forzati con una palla di metallo al piede.E il sovraffollamento, che esiste da almeno 40 anni, è dovuto alla mancanza di carceri nuove.
        ed, in definitiva, a dover
        poi ricorrere ad indulti e quant'altro per
        tentare di risolvere un problema
        auto-generato.Sono anche d'accordo che in Italia ci siano diversi reati che potrebbero essere tranquillamente aboliti, e altri depenalizzati.Ma non ascoltare i tribuni delle facili soluzioni: cancellandoli e depenalizzandoli non cambierebbe quasi nulla. Forse qualche centinaio di condannati in meno all'anno in tutta Italia, capirai.I reati gravi producono per forza di cose detenuti in attesa di giudizio e condannati definitivi che non si sa dove mettere.
      • panda rossa scrive:
        Re: Ma quando canta il gallo?
        - Scritto da: Sky
        A margine: pur essendo io un (felice) possessore
        di iPad, non ho molto gradito una frase che, per
        correttezza, avrebbe potuto essere "in alto i
        tablet", ma appunto è un
        dettaglio.Non e' un dettaglio.Saranno almeno 500 euro di marketta.
        • Sky scrive:
          Re: Ma quando canta il gallo?
          Si, vero... non volevo scriverlo io, ma si capiva no? ;)
          • bubba scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            - Scritto da: Sky
            Si, vero... non volevo scriverlo io, ma si capiva
            no?
            ;)eh magari... e' proprio una citazione della lettera della Moretti. Del resto tutti sanno che ipad e' sinonimo di tablet, come iphone di smartphone, jobs di genio, facebook-e-twitter di social network, whatsapp di chat, skype di voip[*], e-mail di web mail (su google) ... cos'ho dimenticato nel vocabolario-del-politico/giornalista-tv? :)[*]ok voip e' troppo difficile.. diciamo di "telefonare(?) gratis(?)"
          • Sky scrive:
            Re: Ma quando canta il gallo?
            Credo nulla: ti ringrazio per l'update.
  • Ignorante scrive:
    ma questa tizia...
    lo sa del trolling svolto da persone pagate dal suo partito che scrivono diffamazioni contro i partiti avversari? Vedi M5S.Su alcuni giornali si è evidenziato che ci sono dei nick che fanno dei veri e propri turni per diffamare gli avversari
    • krane scrive:
      Re: ma questa tizia...
      - Scritto da: Ignorante
      lo sa del trolling svolto da persone pagate dal
      suo partito che scrivono diffamazioni contro i
      partiti avversari? Vedi M5S.
      Su alcuni giornali si è evidenziato che ci sono
      dei nick che fanno dei veri e propri turni per
      diffamare gli avversariE' lavoro eh, poracci: http://vocidallestero.blogspot.it/2013/02/lunione-europea-paga-una-pattuglia-di.html
    • panda rossa scrive:
      Re: ma questa tizia...
      - Scritto da: Ignorante
      lo sa del trolling svolto da persone pagate dal
      suo partito che scrivono diffamazioni contro i
      partiti avversari? Vedi
      M5S.
      Su alcuni giornali si è evidenziato che ci sono
      dei nick che fanno dei veri e propri turni per
      diffamare gli
      avversariLi conosciamo: sono troll che lavorano anche per M$ e talvolta scrivono su questo forum.
      • Sky scrive:
        Re: ma questa tizia...
        Non vorrai mica dire che... :O
      • FDG scrive:
        Re: ma questa tizia...
        - Scritto da: panda rossa
        Li conosciamo: sono troll che lavorano anche per
        M$ e talvolta scrivono su questo forum.Stai parlando degli spartani o di altri?
        • giuda scrive:
          Re: ma questa tizia...
          gli spartani sono la punta dell'iceberg, il pd spende in propaganda e comunicazione 12 milioni l'anno, nel 2013 hanno creato 4 teams per spammare su internet ed un altro team è pronto per entrare al lavoro in questi giorni, non hanno capito ancora che le balle su internet non funzionano
          • Sg@bbio scrive:
            Re: ma questa tizia...
            - Scritto da: giuda
            gli spartani sono la punta dell'iceberg, il pd
            spende in propaganda e comunicazione 12 milioni
            l'anno, nel 2013 hanno creato 4 teams per
            spammare su internet ed un altro team è pronto
            per entrare al lavoro in questi giorni, non hanno
            capito ancora che le balle su internet non
            funzionanoNon basta solo fare propaganda, gettare fango sugli avversari ecc ecc....
          • FDG scrive:
            Re: ma questa tizia...
            - Scritto da: giuda
            gli spartani sono la punta dell'iceberg, il pd
            spende in propaganda e comunicazione 12 milioni
            l'anno, nel 2013 hanno creato 4 teams per
            spammare su internet ed un altro team è pronto
            per entrare al lavoro in questi giorni, non hanno
            capito ancora che le balle su internet non
            funzionanoPer curiosità, da quale fonte arriva questo? Mi interessa :)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: ma questa tizia...
            contenuto non disponibile
    • qualcuno scrive:
      Re: ma questa tizia...
      Chi ha i soldi per pagare i commentatori è il caimano (troll vuol dire tutt'altro). Il PD ha una struttura troppo retrograda per poter fare cose del genere. I soldi li spende in feste dell'unità e cose simili.Il caimano invece è sempre stato all'avanguardia in questo campo grazie a Pilo e ai pubblicitari di mediaset. Profilazione degli utenti e tecniche simili le usa da prima che si iniziasse a parlare di big data. Probabilmente i suoi commentatori scrivono direttamente dagli uffici di Pilo e scrivono soprattutto a nome del M5S visto che i pidiellini non se li filerebbe nessuno.
  • unaDuraLezione scrive:
    giusto osucrare le trollate
    contenuto non disponibile
    • Sky scrive:
      Re: giusto osucrare le trollate
      Seeee come no... equivale ad aerare il Parlamento con lo zyklon-b... "aerare il locale prima dell'uso" ;)
      • Izio01 scrive:
        Re: giusto osucrare le trollate
        - Scritto da: Sky
        Seeee come no... equivale ad aerare il Parlamento
        con lo zyklon-b... "aerare il locale prima
        dell'uso" ;)Bè, sai, parlando di idee interessanti, la tua non è mica la peggiore che abbia sentito. :D
  • Etype scrive:
    Arghhhhh
    "che domina ancora il panorama online italiano che vede - secondo lei - le donne maggiori vittime di insulti"Ma per favore,di tanti problemi che ci sono in Italia si perde tempo con queste stupidaggini ?"l'idea di obbligare gli utenti a pubblicare contenuti e commentare mettendoci la faccia"E chi dovrebbe verificarlo ? :D"non prevede il carcere per chi viene condannato per diffamazione o ingiuria":D :D :D"diritto all'oblio, con la possibilità da parte di un utente di richiedere la rimozione delle informazioni che lo riguardano se sono "inesatte, lesive della propria dignità, o anche soltanto non più attuali"Una bella scusa politica,così se ne parla meno e ci si dimentica."Ai ladri che mi hanno rubato l'account di twitter - scrive ora Moretti sulla sua pagina di Facebook - e ai cretini/vigliacchi che si divertono a mandare in giro i messaggi osceni di cui alla mia denuncia, voglio dire: se credete di intimidirmi o di sminuire il dibattito sui temi seri che sto portando avanti in Parlamento, vi sbagliate di grosso"e dove sono i temi seri ? :DGente che non ha mai contato un ciuffolo in politica spera di farsi un nome cone queste scemenze...
    • collione scrive:
      Re: Arghhhhh
      - Scritto da: Etype
      e dove sono i temi seri ? :D
      la stessa domanda che mi sono posto iodi quali temi seri si starebbe occupando il suo partito? a parte regalare altri 7.5 miliardi di euro alle banche intendo!!!
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Arghhhhh
        Lasciando perdere le questioni meramente politiche, qui assistiamo ad un caso di rosicamente folle. Se è vero che gli hanno "XXXXXXX l'accunt" e fatto scrivere certe cose, ok denuncia e tutto, ma mettersi a fare una legge idiota solo perchè t'insultano è da rosiconi.
        • anti troll scrive:
          Re: Arghhhhh
          - Scritto da: Sg@bbio
          "XXXXXXX l'accunt"segnalato per volgarità
          • Sky scrive:
            Re: Arghhhhh
            Ehy... era una citation, non vale! :D@Sgabbio: quoto al mille per mille ;)E manco la chiameranno la "legge rosiko", pensa te.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Arghhhhh
            - Scritto da: Sky
            Ehy... era una citation, non vale! :D

            @Sgabbio: quoto al mille per mille ;)
            E manco la chiameranno la "legge rosiko", pensa
            te.Ma ormai è cosi, solo perchè sono donne, si sentono perennemente vittime, sta cosa è disgustosa, siamo arrivati al punto che le donne in politica devono essere venerate come delle dee.
          • ... scrive:
            Re: Arghhhhh
            - Scritto da: anti troll
            - Scritto da: Sg@bbio


            "XXXXXXX l'accunt"

            segnalato per volgaritàPotresti andare a dare via il sedere? non e' una volgarita', e' una preghiera.
        • 2014 scrive:
          Re: Arghhhhh
          - Scritto da: Sg@bbio
          Lasciando perdere le questioni meramente
          politiche, qui assistiamo ad un caso di
          rosicamente folle. Se è vero che gli hanno
          "XXXXXXX l'accunt" e fatto scrivere certe cose,
          ok denuncia e tutto, ma mettersi a fare una legge
          idiota solo perchè t'insultano è da
          rosiconi.no, no, leggi bene: è per proteggere i minori :|
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Arghhhhh
            Ceeeeerrrto, ci crediamo tutti, usare la "protezione dei minori" come scusa non regge più.
          • 2014 scrive:
            Re: Arghhhhh
            - Scritto da: Sg@bbio
            Ceeeeerrrto, ci crediamo tutti, usare la
            "protezione dei minori" come scusa non regge
            più.sei un ottimista...
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Arghhhhh
            - Scritto da: 2014
            - Scritto da: Sg@bbio

            Ceeeeerrrto, ci crediamo tutti, usare la

            "protezione dei minori" come scusa non regge

            più.
            sei un ottimista...non è che sono ottimista, ormai la storia della "protezione dei minori" è cosi sfacciata e ridicola che ormai la gente ci crede poco. Almeno che non sfruttano qualche raro ed efferato caso di cronaca nera.
          • 2014 scrive:
            Re: Arghhhhh
            - Scritto da: Sg@bbio
            - Scritto da: 2014

            - Scritto da: Sg@bbio


            Ceeeeerrrto, ci crediamo tutti, usare la


            "protezione dei minori" come scusa non
            regge


            più.

            sei un ottimista...

            non è che sono ottimista, ormai la storia della
            "protezione dei minori" è cosi sfacciata e
            ridicola che ormai la gente ci crede poco. Almeno
            che non sfruttano qualche raro ed efferato caso
            di cronaca
            nera.ti ricordo che un quarto degli italiani è pronto a votare forza silvio :'(
          • 2014 scrive:
            Re: Arghhhhh
            - Scritto da: Sg@bbio
            - Scritto da: 2014

            - Scritto da: Sg@bbio


            Ceeeeerrrto, ci crediamo tutti, usare la


            "protezione dei minori" come scusa non
            regge


            più.

            sei un ottimista...

            non è che sono ottimista, ormai la storia della
            "protezione dei minori" è cosi sfacciata e
            ridicola che ormai la gente ci crede poco. Almeno
            che non sfruttano qualche raro ed efferato caso
            di cronaca
            nera.a ruby nipote di Mubarak ci hanno creduto in tanti :(
      • panda rossa scrive:
        Re: Arghhhhh
        - Scritto da: collione
        - Scritto da: Etype


        e dove sono i temi seri ? :D



        la stessa domanda che mi sono posto io

        di quali temi seri si starebbe occupando il suo
        partito? a parte regalare altri 7.5 miliardi di
        euro alle banche
        intendo!!!Per esempio si occupa anche di incriminare di terrorismo chi sta facendo una pacifica opposizione in val di Susa.
    • panda rossa scrive:
      Re: Arghhhhh
      - Scritto da: Etype
      "che domina ancora il panorama online italiano
      che vede - secondo lei - le donne maggiori
      vittime di
      insulti"

      Ma per favore,di tanti problemi che ci sono in
      Italia si perde tempo con queste stupidaggini
      ?

      "l'idea di obbligare gli utenti a pubblicare
      contenuti e commentare mettendoci la
      faccia"

      E chi dovrebbe verificarlo ? :DQui la situazione e' ben diversa.Questa tizia sostiene che hanno usato le sue credenziali per entrare nel suo account (evidentemente avra' usato la stessa password della valigia), e poi ha scritto ingiurie a suo nome.In questo caso mi sfugge il significato di "metterci la faccia".
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Arghhhhh
        contenuto non disponibile
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Arghhhhh
          Oltre la sostituzione di persona, ci starebbe anche qualche reato informatico.
          • panda rossa scrive:
            Re: Arghhhhh
            - Scritto da: Sg@bbio
            Oltre la sostituzione di persona, ci starebbe
            anche qualche reato
            informatico.Oppure ci potrebbero essere gli estremi di simulazione di reato e procurato allarme, qualora si volesse pensar male ma azzeccarci.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Arghhhhh
            Se non erro twitter, in caso di acXXXXX "strano" di un accunt, lo blocca e resetta la password...
          • ... scrive:
            Re: Arghhhhh
            - Scritto da: Sg@bbio
            Se non erro twitter, in caso di acXXXXX "strano"
            di un accuntFiniscila con queste parolacce!
    • Arbiter scrive:
      Re: Arghhhhh
      - Scritto da: Etype
      Gente che non ha mai contato un ciuffolo in
      politica spera di farsi un nome cone queste
      scemenze...Quoto.
  • Leguleio scrive:
    ''Sembra''
    "Il forte interesse di Alessandra Moretti nei confronti di questa materia sembra essere legato anche ad una vicenda personale: la notte del 6 febbraio il suo account Twitter è stato bucato, insieme a quello della deputata Paola Taverna (M5S), e insieme sono diventate protagoniste involontarie di un battibecco a sfondo sessuale molto volgare".Mi piace il "sembra". :DE il sospettino che nessun hacker abbia mai bucato il loro account, e che stessero semplicemente dicendo ciò che pensano una dell'altra, complice qualche bicchiere di vino di troppo, io ce l'ho. @^
    • anti troll scrive:
      Re: ''Sembra''
      - Scritto da: Leguleio
      "Il forte interesse di Alessandra Moretti nei
      confronti di questa materia sembra essere legato
      anche ad una vicenda personale: la notte del 6
      febbraio il suo account Twitter è stato bucato,
      insieme a quello della deputata Paola Taverna
      (M5S), e insieme sono diventate protagoniste
      involontarie di un battibecco a sfondo sessuale
      molto
      volgare".

      Mi piace il "sembra". :D
      E il sospettino che nessun hacker abbia mai
      bucato il loro account, e che stessero
      semplicemente dicendo ciò che pensano una
      dell'altra, complice qualche bicchiere di vino di
      troppo, io ce l'ho.
      @^segnalato
      • Leguleio scrive:
        Re: ''Sembra''


        "Il forte interesse di Alessandra Moretti nei

        confronti di questa materia sembra essere legato

        anche ad una vicenda personale: la notte del 6

        febbraio il suo account Twitter è stato bucato,

        insieme a quello della deputata Paola Taverna

        (M5S), e insieme sono diventate protagoniste

        involontarie di un battibecco a sfondo sessuale

        molto

        volgare".



        Mi piace il "sembra". :D

        E il sospettino che nessun hacker abbia mai

        bucato il loro account, e che stessero

        semplicemente dicendo ciò che pensano una

        dell'altra, complice qualche bicchiere di vino
        di

        troppo, io ce l'ho.

        @^

        segnalatoSegnalato per che cosa?
        • controllo ingiurie scrive:
          Re: ''Sembra''
          - Scritto da: Leguleio
          Segnalato per che cosa?Il suo messaggio lascia intendere che due onorevoli siano state ubriache.Le parti in causa sono state allertate.
          • Leguleio scrive:
            Re: ''Sembra''


            Segnalato per che cosa?

            Il suo messaggio lascia intendere che due
            onorevoli siano state
            ubriache.
            Le parti in causa sono state allertate.Ah, ora è chiaro, grazie.Solo che ubriacarsi a casa propria a quell'ora non costituisce il minimo demerito. Non siamo mica sotto il proibizionismo!
          • controllo ingiurie scrive:
            Re: ''Sembra''
            - Scritto da: Leguleio


            Segnalato per che cosa?



            Il suo messaggio lascia intendere che due

            onorevoli siano state

            ubriache.

            Le parti in causa sono state allertate.

            Ah, ora è chiaro, grazie.
            Solo che ubriacarsi a casa propria a quell'ora
            non costituisce il minimo demerito. Non siamo
            mica sotto il
            proibizionismo!Non aggravi la sua posizione.
          • Leguleio scrive:
            Re: ''Sembra''




            Segnalato per che cosa?





            Il suo messaggio lascia intendere che
            due


            onorevoli siano state


            ubriache.


            Le parti in causa sono state allertate.



            Ah, ora è chiaro, grazie.

            Solo che ubriacarsi a casa propria a
            quell'ora

            non costituisce il minimo demerito. Non siamo

            mica sotto il

            proibizionismo!
            Non aggravi la sua posizione.Ma quale posizione? :DNemmeno abito in Italia, anche a volersi immaginare una querela con grande sforzo di fantasia...
          • controllo ingiurie scrive:
            Re: ''Sembra''
            - Scritto da: Leguleio




            Segnalato per che cosa?







            Il suo messaggio lascia intendere
            che

            due



            onorevoli siano state



            ubriache.



            Le parti in causa sono state
            allertate.





            Ah, ora è chiaro, grazie.


            Solo che ubriacarsi a casa propria a

            quell'ora


            non costituisce il minimo demerito. Non
            siamo


            mica sotto il


            proibizionismo!


            Non aggravi la sua posizione.

            Ma quale posizione? :D
            Nemmeno abito in Italia, anche a volersi
            immaginare una querela con grande sforzo di
            fantasia...Richiederemo l'estradizione. :@
          • Leguleio scrive:
            Re: ''Sembra''






            Segnalato per che cosa?









            Il suo messaggio lascia
            intendere

            che


            due




            onorevoli siano state




            ubriache.




            Le parti in causa sono state

            allertate.







            Ah, ora è chiaro, grazie.



            Solo che ubriacarsi a casa propria
            a


            quell'ora



            non costituisce il minimo
            demerito.
            Non

            siamo



            mica sotto il



            proibizionismo!




            Non aggravi la sua posizione.



            Ma quale posizione? :D

            Nemmeno abito in Italia, anche a volersi

            immaginare una querela con grande sforzo di

            fantasia...

            Richiederemo l'estradizione. :@Ma non c'è l'estradizione per reati che prevedono una pena edittale nel massimo così bassa. :)Se vuoi ti cito anche l'articolo del trattato che tratta di questo.
          • controllo ingiurie scrive:
            Re: ''Sembra''
            - Scritto da: Leguleio
            Ma non c'è l'estradizione per reati che prevedono
            una pena edittale nel massimo così bassa.
            :)E allora chiederemo al Parlamento di farne una. :@
          • Leguleio scrive:
            Re: ''Sembra''


            Ma non c'è l'estradizione per reati che
            prevedono

            una pena edittale nel massimo così bassa.

            :)

            E allora chiederemo al Parlamento di farne una.
            :@Campa cavallo...Già la legge in discussione sulla riforma del reato di diffamazione vaga invano da tre mesi...
          • panda rossa scrive:
            Re: ''Sembra''
            - Scritto da: Leguleio




            Segnalato per che cosa?







            Il suo messaggio lascia intendere
            che

            due



            onorevoli siano state



            ubriache.



            Le parti in causa sono state
            allertate.





            Ah, ora è chiaro, grazie.


            Solo che ubriacarsi a casa propria a

            quell'ora


            non costituisce il minimo demerito. Non
            siamo


            mica sotto il


            proibizionismo!


            Non aggravi la sua posizione.

            Ma quale posizione? :D
            Nemmeno abito in Italia, anche a volersi
            immaginare una querela con grande sforzo di
            fantasia...Dovresti saperlo che per il reato di lesa maesta' (come e' il caso in questione) ci sono accordi internazionali che prevedono l'estradizione istantanea.
          • Leguleio scrive:
            Re: ''Sembra''


            Ma quale posizione? :D

            Nemmeno abito in Italia, anche a volersi

            immaginare una querela con grande sforzo di

            fantasia...

            Dovresti saperlo che per il reato di lesa maesta'
            (come e' il caso in questione) ci sono accordi
            internazionali che prevedono l'estradizione
            istantanea.Ulp... una <I
            extraordinary rendition </I
            ? Come è accaduto ad Abu Omar nel 2003?
          • panda rossa scrive:
            Re: ''Sembra''
            - Scritto da: Leguleio


            Ma quale posizione? :D


            Nemmeno abito in Italia, anche a volersi


            immaginare una querela con grande
            sforzo
            di


            fantasia...



            Dovresti saperlo che per il reato di lesa
            maesta'

            (come e' il caso in questione) ci sono
            accordi

            internazionali che prevedono l'estradizione

            istantanea.

            Ulp... una <I
            extraordinary rendition
            </I
            ? Come è accaduto ad Abu Omar nel
            2003?Paura, eh![img]http://pagliaro-udine.blogautore.repubblica.it/files/2013/01/paura-eh.jpeg[/img]
          • controllo ingiurie scrive:
            Re: ''Sembra''
            - Scritto da: Leguleio
            Solo che ubriacarsi a casa propria a quell'ora
            non costituisce il minimo demerito. Non siamo
            mica sotto il
            proibizionismo!Sia ben chiaro, qui non è lei chi stabilisce cosa sia reato.Dare dell'ubriacone a persone onorevoli lo è.Dio perdona, la commissione di vigilanza ingiurie, no.
          • Leguleio scrive:
            Re: ''Sembra''


            Solo che ubriacarsi a casa propria a
            quell'ora

            non costituisce il minimo demerito. Non siamo

            mica sotto il

            proibizionismo!

            Sia ben chiaro, qui non è lei chi stabilisce cosa
            sia
            reato.Mai detto. Alcuni commentatori assidui, in compenso, un pensierino ce lo hanno fatto...Il forum annulla il senso dei limiti.
            Dare dell'ubriacone a persone onorevoli lo è.
            Dio perdona, la commissione di vigilanza
            ingiurie,
            no.Bene, aspettiamo che a questa commissione di vigilanza ingiurie, che il parlamento è capace di istituire per davvero, ahinoi, sbollisca la rabbia. Così a bocce ferme si accorgeranno che non c'è sostanza.
    • Brunetta Renato scrive:
      Re: ''Sembra''
      - Scritto da: Leguleio
      "Il forte interesse di Alessandra Moretti nei
      confronti di questa materia sembra essere legato
      anche ad una vicenda personale: la notte del 6
      febbraio il suo account Twitter è stato bucato,
      insieme a quello della deputata Paola Taverna
      (M5S), e insieme sono diventate protagoniste
      involontarie di un battibecco a sfondo sessuale
      molto
      volgare".

      Mi piace il "sembra". :D
      E il sospettino che nessun hacker abbia mai
      bucato il loro account, e che stessero
      semplicemente dicendo ciò che pensano una
      dell'altra, complice qualche bicchiere di vino di
      troppo, io ce l'ho.
      @^Sarai mica un troll? :o
      • Leguleio scrive:
        Re: ''Sembra''


        "Il forte interesse di Alessandra Moretti nei

        confronti di questa materia sembra essere
        legato

        anche ad una vicenda personale: la notte del
        6

        febbraio il suo account Twitter è stato
        bucato,

        insieme a quello della deputata Paola Taverna

        (M5S), e insieme sono diventate protagoniste

        involontarie di un battibecco a sfondo
        sessuale

        molto

        volgare".



        Mi piace il "sembra". :D

        E il sospettino che nessun hacker abbia mai

        bucato il loro account, e che stessero

        semplicemente dicendo ciò che pensano una

        dell'altra, complice qualche bicchiere di
        vino
        di

        troppo, io ce l'ho.

        @^

        Sarai mica un troll? :oNo.E non credo che un commento con quello pseudonimo abbia vita lunga su PI... :
        • Sky scrive:
          Re: ''Sembra''
          Beh... ma almeno lui ci mette la faccia, con nome e cognome... oddio, la faccia... se si potesse alzare un attimino sulle punte, onorevole Brunetta... sa... la macchina da presa ha un limite verticale per l'inclinazione... ci scusi tanto eh.
Chiudi i commenti