Agcom, via libera condizionato ai 100 mega

Limitazioni geografiche, economiche, temporali e per numero di utenti. In ogni caso la sperimentazione Telecom può esordire affiancando Fastweb nell'offerta di banda ultralarga in fibra

Roma – Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha approvato la proposta di Telecom Italia per i servizi di connessione a banda ultralarga da 100Mb. Un via libera temporaneo, limitato nel numero di utenti raggiungibile e condizionato.

Il Agcom, infatti, è legato al rispetto di alcune richieste: Telecom deve migliorare la corrispondente offerta reselling per far rientrare gli altri operatori del settore, deve presentare entro 8 mesi un’offerta wholesale con consegna a livello IP, tappa intermedia per la predisposizione di un’offerta evoluta di trasporto su fibra da presentare entro il 2011.

“Con la decisione odierna – dice il Presidente Calabrò – l’Autorità consente a Telecom Italia e ai concorrenti che si avvarranno delle corrispondenti offerte wholesale di iniziare a sperimentare la commercializzazione di un servizio a banda ultra larga, in attesa del completamento del quadro delle regole NGN”.

Nello specifico l’offerta reselling è condizionata alla contestuale effettiva fornitura dell’offerta all’ingrosso basata sul principio del reatail minus : gli operatori alternativi potranno effettuare la proprie sperimentazioni utilizzando la rete Telecom e acquistando traffico con uno sconto, che Agcom valuterebbe nell’ordine del 12 percento rispetto alla migliore offerta al cliente finale. Al momento si parla di un prezzo all’utente di circa 60 euro iva inclusa, con un conseguente prezzo wholesale di 47,55 euro al mese più iva. In ogni caso un’offerta tecnicamente intermedia rispetto a quella bitstream, che dovrà essere presentata entro la fine dell’anno.

Inoltre, Telecom Italia potrà offrire il servizio solo nelle città in cui siano già presenti offerte di servizi NGN da parte di altri operatori in concorrenza (per evitare fenomeni di pre-emption che rischiano di spingere all’accantonamento di altri progetti di cablatura). In pratica, potrà iniziare la sperimentazione di commercializzazione solo a Roma, Milano, Torino, Genova, Bologna, Napoli e Bari, le città, cioè, dove opera Fastweb, concretamente l’unica offerta alternativa con la sua fibra ottica.

Ciò significa che delle 6 città in cui Telecom Italia aveva detto di poter iniziare la commercializzare il servizio, Milano, Roma, Torino, Bari, Catania e Venezia, queste ultime due rimarranno escluse, mentre a Napoli, Bologna e Genova, fin quando Telecom Italia non si sarà riorganizzata, Fastweb rimarrà ancora l’unica con un’offerta di banda larga.

Infine non potrà servire più di 40mila clienti .

Il via libera di Agcom è temporaneo e soggetto a successiva verifica, alla luce delle dinamiche di mercato, delle condizioni richieste .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lordream scrive:
    ancora mi chiedo
    perchè vi ostinate a visualizzare i banner in flash quando esistono oramai estensioni per qualunque browser in grado di bloccarli.. capisco visualizzare siti come quello blizzard o di square enix o applicazioni in flash ma continuare ad usare il browser senza bloccare i banner proprio non lo capisco.. almeno la scelta di visualizzare o meno fate che sia vostra senza che vi stiate a lamentare se un banner vi ciuccia il 100% del proXXXXXre
  • CIcciopacco scrive:
    Meglio...
    Meglio Silverlight, no? LOLL'unico posto dove l'ho visto e' sul sito della RAI. Ed ogni giono trova un nuovo modo per faunzionare male.Cmq e' aggratis e a quanto pare e' quanto di meglio ci sia in giro, altrimenti Google, Microsoft o qualcun'altro avrebbero gia' trovato un modo per rimpiazzarlo con la loro tecnologia migliore.
    • krane scrive:
      Re: Meglio...
      - Scritto da: CIcciopacco
      Meglio Silverlight, no? LOL
      L'unico posto dove l'ho visto e' sul sito della
      RAI. Ed ogni giono trova un nuovo modo per
      faunzionare male.
      Cmq e' aggratis e a quanto pare e' quanto di
      meglio ci sia in giro, altrimenti Google,
      Microsoft o qualcun'altro avrebbero gia' trovato
      un modo per rimpiazzarlo con la loro tecnologia
      migliore.Perche' uno si e' fatto vendere la me*da al posto del cioccolato significa che la me*da e' piu' buona ?
  • Alvaro Vitali scrive:
    Nota per chi usa Flash su Linux
    Se avete una scheda nVidia (adeguata), dovete abilitare l'accelerazione Flash 10.2 via GPU (VDPAU) inserendo l'opzione: EnableLinuxHWVideoDecode=1 nell'apposito file /etc/adobe/mms.cfg (se il file non esiste, createlo).In ogni caso, come spiega l'articolo di PI, solo alcuni siti sono già ottimizzati per StageVideo; inoltre, per le distribuzioni a 64 bit dovete usare ancora Flash Squaring beta.
    • bubba scrive:
      Re: Nota per chi usa Flash su Linux
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      Se avete una scheda nVidia (adeguata), dovete
      abilitare l'accelerazione Flash 10.2 via GPU
      (VDPAU) inserendo
      l'opzione:

      EnableLinuxHWVideoDecode=1

      nell'apposito file /etc/adobe/mms.cfg (se
      il file non esiste,
      createlo).

      In ogni caso, come spiega l'articolo di PI, solo
      alcuni siti sono già ottimizzati per StageVideo;
      inoltre, per le distribuzioni a 64 bit dovete
      usare ancora Flash Squaring
      beta.interessante... e i fork opensource come vanno? (non parlo del supporto stagevideo ..che sara' sicuramente inesistente)
      • luisito scrive:
        Re: Nota per chi usa Flash su Linux
        - Scritto da: bubba
        interessante... e i fork opensource come vanno?
        (non parlo del supporto stagevideo ..che sara'
        sicuramente
        inesistente)l'ultima volta che ho controllato (gnash 0.8.7) la qualità era altalenante: alcune animazioni vengono visualizzate bene, altre funzionano ma sono scattose (penso dipenda dalla versione di flash, in generale direi che non ci sono problemi con flash v9 o inferiore). Gli stream audio/video funzionicchiano ma le prestazioni fanno pietà.
  • contrario alla policy scrive:
    Flash fa schifo
    Come da oggetto.Quando finalmente (tra poco) ci liberermo di quest'obbrobrio insicuro, pesante, chiuso e proprietario sarà comunque troppo tardi.
    • MeX scrive:
      Re: Flash fa schifo
      - Scritto da: contrario alla policy
      Come da oggetto.

      Quando finalmente (tra poco) ci liberermo di
      quest'obbrobrio insicuro, pesante, chiuso e
      proprietario sarà comunque troppo
      tardi.
    • urrr scrive:
      Re: Flash fa schifo
      Questo è l'anno di linux!Windows ormai è morto e la microsoft sparirà entro fine dell'anno!LOL
      • contenuto scrive:
        Re: Flash fa schifo
        - Scritto da: urrr
        Questo è l'anno di linux!

        Windows ormai è morto e la microsoft sparirà
        entro fine
        dell'anno!Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:sia in tema e contribuisca alla discussione in corso
        LOLIo direi stra-LOL. E che fantasia, ca**o!
      • lukker scrive:
        Re: Flash fa schifo
        "...Questo è l'anno di linux!Windows ormai è morto e la microsoft sparirà entro fine dell'anno!LOL..."Certe cose non dovresti dirle...sono anni che si fa il funerale alla M$ ed è ancora lì che vive tranquilla.
  • iii scrive:
    Desktop system requirements
    Desktop system requirements:MemoryMicrosoft® Windows®: 128MB of RAMMac OS X: 256MB of RAMLinux® and Solaris: 512MB of RAMPerchè queste disparità? È stra-ottimizzato per Windows e scritto alla cacchio per Linux?
    • iii scrive:
      Re: Desktop system requirements
      e poi: Opera su Linux?
      • mat scrive:
        Re: Desktop system requirements
        boicottare i formati proprietari nel web!
      • hp sucks scrive:
        Re: Desktop system requirements
        Opera "browser" su linux c'è da tempo, per me proprio come la versione su window, rispetto ad altri browser fa tutto bene sensa eccelere"e francamente se usi opera su windows e/o opera mobile/mini sul cellulare ... non c'è nessuna ragione per non usarlo anche su linux e sincronizzarti i bookmark con opera link!
        • iii scrive:
          Re: Desktop system requirements
          Si, lo so che c'è, non ci siamo intesi: il fatto è che non compare su http://www.adobe.com/products/flashplayer/systemreqs/sotto "Platform/Linux" si legge:"Mozilla Firefox 3.0 and above,Google Chrome 2.0 and above3,"non compare Opera
    • krane scrive:
      Re: Desktop system requirements
      - Scritto da: iii
      Desktop system requirements:
      Memory
      Microsoft® Windows®: 128MB of RAM
      Mac OS X: 256MB of RAM
      Linux® and Solaris: 512MB of RAM
      Perchè queste disparità? È stra-ottimizzato per
      Windows e scritto alla cacchio per Linux?Come al solito...Adobe programma cosi'...
    • Marsh scrive:
      Re: Desktop system requirements
      Un motivo in più per puntare su WebM.
      • MeX scrive:
        Re: Desktop system requirements
        - Scritto da: Marsh
        Un motivo in più per puntare su WebM h.264.
        • punzonatore di precisione scrive:
          Re: Desktop system requirements
          - Scritto da: MeX
          - Scritto da: Marsh

          Un motivo in più per puntare su
          WebM h.264.Che alesamento di XXXXXXXX Mex...Dalla padella alla brace guarda...
          • MeX scrive:
            Re: Desktop system requirements
            capisco che non ti possa piacere h.264, ma WebM è D.O.E.h.264 è usato ormai da tutti i produttori di audio/video
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Desktop system requirements
            e lettori HW
          • zanzibar scrive:
            Re: Desktop system requirements
            - Scritto da: MeX
            capisco che non ti possa piacere h.264, ma WebM è
            D.O.E.

            h.264 è usato ormai da tutti i produttori di
            audio/videodici?mi sa che confondi apple con tutti...http://yep.it/blnrb
    • Giuseppe scrive:
      Re: Desktop system requirements
      Flash su linux è una pena. Alla Adobe non interessa minimamente. Supporto 64bit scadente, blocchi continui del browser, cpu al 15% su pagine "ferme" solo perchè c'è la pubblicità in flash. Spero proprio che flash sparisca per sempre e il mondo del web punti su standard liberi e aperti.ciaoGiuseppe
      • contrario alla policy scrive:
        Re: Desktop system requirements
        - Scritto da: Giuseppe
        Flash su linux è una pena. Alla Adobe non
        interessa minimamente. Supporto 64bit scadente,
        blocchi continui del browser, cpu al 15% su
        pagine "ferme" solo perchè c'è la pubblicità in
        flash. Spero proprio che flash sparisca per
        sempre e il mondo del web punti su standard
        liberi e
        aperti. QUOTO
        • lik scrive:
          Re: Desktop system requirements
          ...comunque anche su windows la cpu sale a livelli preoccupanti...magari anche solo per la presenza di un bannerino pubblicitario...
          • un tuo commento scrive:
            Re: Desktop system requirements
            - Scritto da: lik
            ...comunque anche su windows la cpu sale a
            livelli preoccupanti...magari anche solo per la
            presenza di un bannerino
            pubblicitario...Infatti. Un altro esempio che mi viene in mente è Mafia Wars: basta tenere aperta la pagina sulle proprietà di New York (che sono visualizzate in flash) per vedere la CPU salire a livelli assurdi... (tra l'altro anche lì flash usato in maniera del tutto gratuita, in quanto non serviva assolutamente farle il flash)
        • Ste scrive:
          Re: Desktop system requirements
          Dio benedica i creatori di "flashblock" su mozilla :-)
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: Desktop system requirements
      Sì è vero è ben ottimizzato per windows e scritto coi piedi per linux (e abbastanza coi piedi anche per OSX)Le cose stanno migliorando ma il divario rimane ancora enorme. Il rendimento su linux è 1/4 forse di quello che si ha su una macchina XP/7 a parità di HW.
      • deactive scrive:
        Re: Desktop system requirements
        e' scritto coi piedi anche su win se e' per questo.
        • Steve Robinson Hakkabee scrive:
          Re: Desktop system requirements
          precisiamo: a livello di sicurezza sì, è un "foot-written", a livello di prestazioni no, è ben ottimizzato, sopratutto dalla 10 in poi.
          • deactive scrive:
            Re: Desktop system requirements
            io non so allora quali possano esser le ragioni per cui ( come da tanti altri riportato ) per un banalissimo banner la cpu vada a 1000 e la ventola giri come le pale di un elicottero.mannaja la pupazza, e basta con sto flash! ;D
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Desktop system requirements
            oddio che pc hai un 486? muahahah a parte gli scherzi no gpu no party... se il banner è fatto coi piedi puoi usare che linguaggio vuoi ma sarà sempre un chiodo... (parlo di win ovviamente, su linux e mac va male e basta)
    • contrario alla policy scrive:
      Re: Desktop system requirements
      - Scritto da: iii
      Desktop system requirements:
      Memory
      Microsoft® Windows®: 128MB of RAM
      Mac OS X: 256MB of RAM
      Linux® and Solaris: 512MB of RAM

      Perchè queste disparità?Ovvio.Microsoft è un partner commerciale di Adobe.Apple non è vista di buon occhio e Steve Jobs li ha intralciati con l'iPad.Linux è "il nemico" e rappresenta tutto l'opposto della filosofia di Adobe.Ecco che magicamente tutto si spiega. Addirittura come un programma possa richiedere 4 volte più ram di quanta ne richieda su Windows, su un sistema operativo che gira con molta meno Ram di Windows.
      • urrr scrive:
        Re: Desktop system requirements
        oppure perchè la fetta di mercato di linux sui pc desktop è così irrisoria che alla adobe se ne infischiano alla grande....un pò come fanno tutti...
        • contenuto scrive:
          Re: Desktop system requirements
          - Scritto da: urrr
          oppure perchè la fetta di mercato di linux sui pc
          desktop è così irrisoria che alla adobe se ne
          infischiano alla
          grande....Può essere... d'altronde che alla Adobe facciano il software col cu*o non è certo una novità...
          un pò come fanno tutti...Un po' si scrive con l'apostrofo...
          • gstft scrive:
            Re: Desktop system requirements
            Linux a livello commerciale vale zero spaccato. I sw ve li dovete fare da soli, dato che non volete pagare niente. Cruda verità.
          • lordream scrive:
            Re: Desktop system requirements
            - Scritto da: gstft
            Linux a livello commerciale vale zero spaccato. I
            sw ve li dovete fare da soli, dato che non volete
            pagare niente. Cruda
            verità.ecco perchè i bug migliori si trovano sui softwares commerciali.. perchè li paghi e compri porcheria.. una genialata
    • Ste scrive:
      Re: Desktop system requirements
      Certo..come sempre, uno dei software più orripilanti, inutili e sopravvalutati di sempre..a quando una versione a 64bit?
Chiudi i commenti