Aggrediti con denunce i pirati su eBay

Come in Italia anche negli USA inizia un giro di vite contro chi utilizza il celebre sito d'aste per vendere materiali pirata. Scattate le prime denunce contro chi vendeva migliaia di software illegali

Los Angeles (USA) – Lo sanno molti utenti dei siti d’aste: ci vuole poco a rimediare un’asta che offre a prezzi scontatissimi software non originali, illegalmente copiati. E lo sanno anche i produttori, che negli USA hanno deciso di dar vita ad un progetto anti-pirateria su eBay, per colpire chi lucra spacciando programmi pirata.

Nelle scorse ore Symantec e McAfee, rivali nel settore della sicurezza ma uniti nel dover far fronte alla crescente attività dei cosiddetti pirati delle aste , hanno sporto congiuntamente tre denunce contro cinque persone, avvertendo che si tratta soltanto delle prime azioni legali a cui ne seguiranno certamente altre.

I funzionari delle due società hanno da qualche tempo iniziato a ravanare nei record di eBay a caccia di utenti che si macchiassero di aste poco pulite. Mascherandosi da utenti qualunque, hanno acquistato il software proposto nelle aste sospette: appena lo hanno ricevuto, accertata la provenienza illecita , hanno fatto scattare le denunce.

SIIA , la Software and Information Industry Association , che agisce per conto dei due colossi del software, ha avvertito che d’ora in poi questa sarà la strategia: i software verranno comprati e i venditori denunciati senza alcun preavviso e senza offerte di mediazione della questione attraverso un riconoscimento economico extragiudiziale.

Secondo gli esperti della SIAA, tra ottobre e dicembre 2005 gli utenti denunciati sono riusciti a vendere copie illegali dei software Symantec e McAfee in almeno 15mila esemplari, un numero forse destinato a crescere con ulteriori controlli, in quanto si sta risalendo a tutti i diversi “nickname” che i denunciati utilizzavano su eBay ed altri siti d’aste. Ad ogni “nick”, infatti, corrispondono vendite diverse e, di conseguenza, quantità diverse di venduto. Il danno per i produttori, sostiene comunque la SIIA, è ingente .

A differenza di quanto avvenuto in Italia con il recente giro di vite sulle aste pirata , SIAA non ha per ora intenzione di perseguire chi ha comprato software in quel modo e intende invece concentrarsi sui venditori. I funzionari SIIA hanno comunque avvertito anche i compratori delle operazioni legali in corso, e hanno avvertito: annunceremo nuove denunce almeno una volta al mese .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    proibito!
    http://www.ilmanifesto.it/25aprile/02_25Aprile/9502rs18.02.htm
  • Anonimo scrive:
    X RIAA : GRATIS?? NO GRAZIE
    certo ke ormai la prima cosa ke diventa di moda gratuita la rendono illegale per farti pagare ! non so ancora un po' è illegale andare al cesso senza aver pagato i diritti d'autore di cm è strutturato il cesso !! @^ . Forse un po' esagerato ma mi sembra eccessiva questa loro logica !
  • netnemo scrive:
    IMPARIAMO DALLA STORIA
    A volte dovremmo guardare di più al passato. Come facevano in passato a sconfiggere un nemico potente, arroccato in un castello dalle poderose mura e difeso dai migliori soldati?Semplice, con l'assedio TOTALE.in questo caso la soluzione potrebbe teoricamente essere questa:visto che la RIAA prende i soldi dai consumatori, e sa che sta camminando sulla bordo di un burrone, la spinta verso il burrone è la perdita della pazienza per costi altissimi dell'arte multimediale. Infatti come molti di voi hanno gia' detto, la massa dei consumatori danno loro molti soldi, ma il singolo consumatore ha pochi soldi e quindi arriverete (io ci sono gia' arrivato) ad un certo punto per cui non scaricherete perche' e' rischioso e non comprerete perche' e' caro e ascolterete solo pagando quindi il minimo alle case discografiche. I cd originali rimarrano per i regali di natale e compleanno. Quindi se noi utenti e consumatori poniamo un ASSEDIO virtuale alla RIAA rifiutandoci di sovvenzionarli con enormi introiti, a quel punto anche i cantanti e gli artisti in generale si rivolteranno contro di loro magari creando un associazione vera per i loro veri diritti, perche' la riaa altro non e' che una societa' che viola la libera concorrenza e rasenta la truffa per i consumatori.ovviamente tutto cio' e' basato sulla teoria che noi massa di consumatori ragioniamo logicamente, mentre invece cosi' non avviene. Forse solo le commissioni europee riusciranno a fare qualcosa visto che sono riuscite a multare la superpotenza MS.
    • borg_troll scrive:
      Re: IMPARIAMO DALLA STORIA
      - Scritto da: netnemo
      Forse solo le
      commissioni europee riusciranno a fare qualcosa
      visto che sono riuscite a multare la superpotenza
      MS.Le "commissioni europee" non lo fanno per rispetto delle leggi. Lo fanno per avere una fetta dei profitti e far credere che fanno qualcosa.Loro multano Bill Gates per 27 milioni? Lui le ne dà 30 e dice "tenete il resto". Vecchia battuta, ma vera.Ah, e il 2007 NON sarà l'anno di Linux. Caso mai di Vista.Spiacente.
      • Anonimo scrive:
        Re: IMPARIAMO DALLA STORIA
        pssssssst forse non ti sei accorto che e' dal 1991 che e' l'anno di linux.Quello che fai con windows lo fai con una playstation , anzi scusa una xbox, un lettore DVD/Divx da tv e un webtvmail da salotto.Il computer e' uno strumento molto, molto complesso, non c'e' scritto da nessuna parte che deve essere facile anche per i lobotomizzati :)E senza rancore tesoro, sono il primo a dire che win ha i suoi pregi e i suoi difetti, come linux. Se tu studiassi un po' informatica (leggi le riviste e punto informatico? sei un hobbysta, mi spiace, lo so che ti credi un hacker ma sorry, non lo sei) sapresti benissimo che win e' un giocattolino, mentre linux, unix, bsd e affini sono strumenti di lavoro.Ciao :)
  • Anonimo scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare radio digi
    i vari computer magazine non fanno che regalare programmi per registrare in streaming, ora cambierà
  • Anonimo scrive:
    Ragazzi, semplicemente: FREGHIAMOCENE
    Ma chisseneimporta di quei fessi della RIAA e SIAE e chissà chi altro potentissimo multinazionale tiranna!FREGHIAMOCENE!!!Non diamogli soldi! Possono fare tutto quello che vogliono ma (almeno per ora) non possono obbligarmi ad acquistare la loro musica!Lasciamoli morire con i loro soldi rubati e basta!Vogliamo la musica? la ascoltiamo per radio. Punto e basta!NON FACCIAMOCI FREGARE...Max
  • localhost scrive:
    Soluzione risolutiva
    Visto che la RIAA ritiene illegale pressochè qualsiasi cosa l'utente finale voglia fare con la musica, proporrei un cambio di rotta:- E' illegale produrre musicaIn questo modo si risolve il problema alla radice, con minor sbattimento per i poveri legali della RIAA che ormai da tempo non hanno un giorno di ferie per star dietro ai 3 milioni di cause legali.Ma la RIAA esattamente da chi è composta? Ho il sospetto che sia un consorzio di avvocati...
    • Anonimo scrive:
      Re: Soluzione risolutiva
      - Scritto da: localhost
      Visto che la RIAA ritiene illegale pressochè
      qualsiasi cosa l'utente finale voglia fare con la
      musica, proporrei un cambio di
      rotta:

      - E' illegale produrre musica

      In questo modo si risolve il problema alla
      radice, con minor sbattimento per i poveri legali
      della RIAA che ormai da tempo non hanno un giorno
      di ferie per star dietro ai 3 milioni di cause
      legali.

      Ma la RIAA esattamente da chi è composta? Ho il
      sospetto che sia un consorzio di
      avvocati...
      E' più semplice NON COMPRARE... Ne va a scapito anche degli artisti ma purtroppo non c'è altra soluzione.. Si tornerà a far musica senza copyright e cagate varie e ci saranno solo gruppi che suoneranno davvero per passione.Mi sembra la soluzione migliore...
  • Guybrush scrive:
    Senatus PopolusQue Romanus
    Il senato e il popolo romano...reminescenze storiche a parte, qui si tratta di stabilire chi e' che fa le leggi in una democrazia. Se si tratta del popolo, dei suoi rappresentanti o dei rappresentanti degli interessi di alcuni membri del popolo, volgarmente dette Lobby.Sarebbe ora che gli americani apprendessero il significato della parola "democrazia".E che buttassero fuori i lobbisti dal congresso.
    GT
  • Anonimo scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare
    ma allora, le intercettazioni telefoniche...le intercettazioni in generale, che sia telefono, ip, siti visitati...sono anche loro registrate.Quasi quasi metto i diritti d'autore sulla mia vita, sulla mia persona... piu personale di cosi...Mi guardi, paghi, mi leggi, paghi, scorreggio e mi annusi, paghi sia video e audio.Nella vecchia fattoria, riaa riaa eeee.
    • Anonimo scrive:
      Re: RIAA: illegale registrare
      - Scritto da:
      ma allora, le intercettazioni telefoniche...
      le intercettazioni in generale, che sia
      telefono, ip, siti visitati...
      sono anche loro registrate.E' vero ! Pensa che figata !Mi intercettano, mi arrestano e gli avvocati li pago denunciandoli per aver violato il diritto di copia registrando la mia voce :D
      Quasi quasi metto i diritti d'autore sulla mia
      vita, sulla mia persona... piu personale di
      cosi...
      Mi guardi, paghi, mi leggi, paghi, scorreggio e
      mi annusi, paghi sia video e
      audio.

      Nella vecchia fattoria, riaa riaa eeee.
  • Anonimo scrive:
    Combatte il terrorismo ?
    Ci controllano video e audio, ci scannerizzano le impronte digitali, ci fanno pagare la visione di film, musica, sport, documentari, ecc..Digitale = controllo!Mi sento punito per cose che non ho fatto e ne farò, che non ho mai pensato di fare, ma sono già punito.Punizione fisica per il terrorista o presunto che sia, e punizione psicologica per tutti gli altri.Ma dove vogliono arrivare? perché l'utente deve scontare la pena?Per tirarmi fuori da questa repressione cosa devo fare? Non devo piu comperare dischi, dvd, cd, non devo guardare piu la tele , non devo ascoltare piu la radio, e devo dimenticare il pc? se nò, mi chiamano pirata? ladro? terrorista ?Posso fare solo quello che permettono?Ma signori miei, che delusione, allora la democrazia che voi vendete (perché dobbiamo pagarla) non è libertà, è solo acessibile al potere, allora è la vecchia dottrina comunista, la cosa diventa molto triste.Ho sentito di un certo Adolf che si comportava cosi...
  • Cobra Reale scrive:
    La mia proposta
    Quando qualcuno vende un determinato genere di prodotti, cerca di specularci il più possibile e solo una concorrenza spietata può fargli abbassare la cresta. Ad esempio: se si produce poco caffé ma la richiesta è altissima, il costo del caffé aumenta; viceversa, crolla. Con la musica, quest'ultima situazione è impossibile perché, chi vuole un determinato brano può rivolgersi solo all'unica casa discografica che ne detiene i diritti. Se poi consideriamo che i colossi fonografici, gelosi dei loro interessi, si sono addirittura organizzati in un cartello... Beh, siamo messi male! :|Quando vedo un cd a prezzo speciale, all'inizio penso: la casa che lo produce è buona e rispetta gli appassionati? No: la concorrenza della pirateria l'ha convinta a rivedere la sua politica! Ecco perché la RIAA vuole che la pirateria sparisca per sempre: per non avere ostacoli che le impediscano di spennare il pubblico. :@Non so se sia fattibile, ma a mio parere la soluzione ideale sarebbe quella di proibire i contratti esclusivi: un artista dev'essere libero di decidere di affidare ciascun brano del suo repertorio a più case contemporaneamente, ciascuna delle quali dovrebbe poi dargli una percentuale sulle vendite (e guai alla casa che dovesse speculare sull'artista). Risultato: le case abbasserebbero i prezzi, scendendo dal loro olimpo per avvicinarsi al pubblico. :)
    • Rex1997 scrive:
      Re: La mia proposta
      Irrealizzabile... Il manager di turno, in una ipotesi del genere, sarebbe obbligato a condividere la Ferrari e le donne: Impossibile per definizione ! :) :)
      • Anonimo scrive:
        Re: La mia proposta
        non l'ho capita
        • Anonimo scrive:
          Re: La mia proposta
          Se sullo stesso cd ci sono pezzi, ognuno con un suo "proprietario" dei diritti, i proventi del cd dovranno essere condivisi, laonde per cui l'eventuale Ferrari e donne dovranno essere condivise, mi sembra ovvio.Dato che per loro la condivisione è un assurdo li vorrei proprio vedere... (rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    assurdo per assurdo
    se un giorno dalla rete si potessero scaricare automobili, le industrie automobilistiche vorrebbero anch'esse il copyright? Ma non sarebbe veramente assurdo pagarsi le macchine originali, costringere la gente a sgobbare due o tre anni, se potesse averle gratis?
    • Anonimo scrive:
      Re: assurdo per assurdo
      - Scritto da:
      se un giorno dalla rete si potessero scaricare
      automobili, le industrie automobilistiche
      vorrebbero anch'esse il copyright? Ma non
      sarebbe veramente assurdo pagarsi le macchine
      originali, costringere la gente a sgobbare due o
      tre anni, se potesse averle gratis?Spesso la fantascienza e' profetica o quanto meno permette di vedere le cose sotto un altro punto di vista.Ad esempio in star trek esistono i replicatori, che consentono di riprodurre le cose per il principio del teletrasporto.Il denaro nella federazione non esiste, poiche' con il replicatore si creerebbe un contrasto : quanto far pagare un sintetizzatore ? Quanto far pagare l'energia ? Come gestire i dati che servono a materializzare le cose ?
  • Anonimo scrive:
    niente torna
    ma perché dev'essere equiparato il registrare un file allo scaricare un file? Se può essere equiparato in un modo, può esserlo nel modo opposto: dovrebbe essere legale esattamente come registrare in radio il segnale analogico
  • Anonimo scrive:
    Tra non molto sarà illegale pensare...
    ...se non si farà qualcosa contro questi multinazionali che comprono tutto e tutti-in particolare i legislatori.Bisogna fermarli prima che sia troppo tardi, altrimenti saranno un ostacolo alle nostre libertà ed al progresso tecnologico.
  • Anonimo scrive:
    La soluzione esiste...
    La RIIA potrebbe e lo fara, costringere tutti, per legge a portare delle speciali cuffie che permettano di ascoltare sono suoni non appartenenti alla RIIA oppure per cui si e' regolarmente pagato.Scommetto che questa soluzione sembrera' piu' che ragionevole agli avvocati della stessa :@
  • Anonimo scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare radio digi
    Mentre nelle alte sfere il malaffare si fa sempre più consueto e sistematico, per noi poveri semplici cittadini che non contiamo niente diventa ogni giorno tutto più illegale, vietato, limitato. Prossimamente anche l'acqua che beviamo e l'aria che respiriamo. La radio e la TV puoi solo ascoltarla e vederla, anzi DEVI. Guai a registrare qualunque cosa. Viviamo in una società sempre meno a misura d'uomo, tutto è regolato dal dio denaro. Brevettano il software, monopolizzano tutto. Potremo fischiettare qualche vecchia canzone o c'è il copyright e i diritti d'autore a rendere la cosa illegale, vietata, proibita... immorale?L'uomo è nato per soffrire e ci riesce benissimo. Continuiamo così, facciamoci del male.
    • Anonimo scrive:
      Re: RIAA: illegale registrare radio digi
      - Scritto da:
      Mentre nelle alte sfere il malaffare si fa sempre
      più consueto e sistematico, per noi poveri
      semplici cittadini che non contiamo niente
      diventa ogni giorno tutto più illegale, vietato,
      limitato. Prossimamente anche l'acqua che beviamo
      e l'aria che respiriamo. La radio e la TV puoi
      solo ascoltarla e vederla, anzi DEVI. Guai a
      registrare qualunque cosa. Viviamo in una società
      sempre meno a misura d'uomo, tutto è regolato dal
      dio denaro. Brevettano il software, monopolizzano
      tutto. Potremo fischiettare qualche vecchia
      canzone o c'è il copyright e i diritti d'autore a
      rendere la cosa illegale, vietata, proibita...
      immorale?

      L'uomo è nato per soffrire e ci riesce benissimo.
      Continuiamo così, facciamoci del
      male.E' come nell'antica Roma: I PLEBEI (Il popolo, gli onesti lavoratori) che si fanno il cul0 una vita x mangiareI PATRIZI (Multinazionali, politici e VIP (Very INUTILE Person) che mangiano e vivono sul lavoro dei plebei.
  • Anonimo scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare radio digitali
    ma sono impazziti?????speriamo che cantanti e gruppi si dissocino da questi arraffatori... come è successo in Canada... boh... chissà dove andremo a finire!
  • bit01 scrive:
    Sanguisughe
    Le menti geniali di queste accuse, di queste scelte e di tutti quelli che oramai vorrebbero farci pagare anche i diritti per le canzoni sotto la doccia non fanno altro che tirarsi contro l'intera opinione pubblica.Posso anche comprendere certe mosse che garantiscono la proprietà delle canzoni ai loro autori ma certe buffonate come questa (e altre) non possono che ricevere disgusto e indignazione.Sono solo sanguisughe ripene dei nostri soldi che proprio per la loro ingordigia prima o poi esplorderanno.E ci sarà un bel botto. Garantito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sanguisughe
      Lasciamo perdere l'opinione pubblica per piacere, va bene che questa sono i voti dei politici e loro ne tengono conto, ma è anche il modo più sbagliato di fare politica, l'opinione pubblica è allo sbando. Se non ci fosse punto informatico di questa notizia quanti ne parlerebbero?Quello che serve è una giusta e corretta informazione dei singoli individui, coloro che insieme fanno la massa pensante, il popolo nel popolo, l'insieme delle persone che usano la loro testa, il processore della società, che deve carirare le idee nella testa dei politici(la ram della società) e l'opinione pubblica, la massa indistinta, (i cittadini, la memoria di massa) segue. Quindi comunicare con il processore, poi le due memorie si adeguano.E' ora che il giornalismo si metta al servizio della cultura e della libertà e non dei politici e dei loro voti.Vi ricordo che tutti i quotidiani italiani sono giornali di partito, prendono milioni di euro di contributi, non devono coprire le spese e che produrre consenso è il loro unico scopo, tutto a vantaggio dell'obiettività dell'informazione... Non stupisce che cerchino sempre di far leva sulle tipologie di pubblico più controllabili.
  • Anonimo scrive:
    E se fosse la RIAA ad essere illegale?
    Questi signori si sono mai posti questo quesito?In realtà gli abusivi illegali sono loro.
    • Anonimo scrive:
      Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
      - Scritto da:
      Questi signori si sono mai posti questo quesito?
      In realtà gli abusivi illegali sono loro.Ci vorrebbe una sana class action.
    • borg_troll scrive:
      Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
      - Scritto da:
      Questi signori si sono mai posti questo quesito?
      In realtà gli abusivi illegali sono loro.Non ne hanno bisogno. Sono ricchi.Chi è ricco e, soprattutto, influente non ha bisogno di rispettare le leggi: se le fa fare su misura come i vestiti.
      • Cobra Reale scrive:
        Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
        E se boicottassimo i loro prodotti? Ci costringerebbero con una legge a comprare?
        • borg_troll scrive:
          Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
          - Scritto da: Cobra Reale
          E se boicottassimo i loro prodotti? Ci
          costringerebbero con una legge a
          comprare?Boicottassimo... Noi 4 gatti?Quante centinaia di persone hai visto in piazza contro la legge Urbani?Ah, già, solo cinquanta.Chissà che strizza avranno messo al governo.Chi li sosteneva, Cortiana? Che ministero gli é toccato?E la famosa Rosa nel Pugno? Quanti seggi ha preso, che non ricordo bene?Forse è il caso di domandarsi: ma non è che magari siamo un'esigua minoranza che si è montata la testa?Risposta: si.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 maggio 2006 15.33-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
            " La minoranza ha sempre ragione "Henrik Ibsen
          • borg_troll scrive:
            Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
            - Scritto da:
            " La minoranza ha sempre ragione "Bella. La farò scrivere sulla mia lapide.
          • Anonimo scrive:
            Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
            - Scritto da:
            " La minoranza ha sempre ragione "
            Henrik Ibsen" La minoranza non conta un cazzo "Mio nonno
          • Anonimo scrive:
            Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            " La minoranza ha sempre ragione "

            Henrik Ibsen

            " La minoranza non conta un cazzo "
            Mio nonnoPropongo il nobel
          • Anonimo scrive:
            Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            " La minoranza ha sempre ragione "


            Henrik Ibsen



            " La minoranza non conta un ca77o "

            Mio nonno E con questo hai appena dimostrato che chi ha ragione non conta nulla....

            Propongo il nobelAnch'io!
          • Cobra Reale scrive:
            Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
            Non penso che siamo pochi che ci siamo montati la testa. Ben pochi sono quelli che accetteranno simili restrizioni, non siamo tutti docili & ignoranti
    • Anonimo scrive:
      Re: E se fosse la RIAA ad essere illegal
      - Scritto da:
      Questi signori si sono mai posti questo quesito?
      In realtà gli abusivi illegali sono loro.L'Europa ha dimostrato con le sanzioni a Microsoft che la potenza di queste società non sono i direttamente i soldi ma ciò che con i soldi si può fare per influenzare la politica: fare propaganda, produrre documenti, scrivere lettere, sfruttare le leggi esistenti facendo valere i propri diritti, intentare cause. Ora per fare questo servono soldi, ma servono soldi perché serve tempo e il tempo è denaro: ovverossia, nessuno si dà da fare se non è pagato. La fabbrica delle idee (su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato) produce tutto a loro vantaggio. Ma se qualcuno riuscisse a controbilanciare almeno in qualità quello che loro producono in quantità le cose potrebbero cambiare. Non rassegnatevi. Se pensate che loro abbiano torto, avrete una marcia in più, non vi resta che dimostrarlo, produrre documenti cartacei e digitali e diffondere le vostre idee. Il forum dev'essere uno stimolo in questa direzione o cosa c'è a fare?
  • Anonimo scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare radio digitali
    ma scusate una cosa......legale o illegale che sia registrare una radio digitale....loro penso paghino le tasse per poter mettere in circolo la musica. Mettiamo questa ipotesi: una radio nazionale italiana paga le tasse siae ecc ecc per poter diffondere la musica via etere. A questo punto se io registro una giornata della trasmissione e me la ascolto quando voglio io oppure la archivio, non penso di fare del male alla radio e alla RIAA. Se vendo a 50.000 euro quella registrazione, mi faccio prendere per il sedere dagli italiani fin che campo.....se faccio attività di lucro ovvimanente commetto un reato. Tieni conto che se voglio farlo ascoltare in pubblico ad una festa devo pagare anche io i diritti siae. Quindi per favore non spariamo cazzate nel chiedere per ogni singolo brano 150.000 dollari....Ma non si può fare nulla? Loro hanno pagato le tasse, io ho pagato le tasse. QUINDI DELLA MIA REGISTRAZIONE FACCIO QUELLO CEH VOGLIO! e nessuno mi vieta di un mio diritto. E' inaccettabile che un giudice di cacca si faccia corrompere dalla riaa a suon di milioni di euro per emettere la sentenza che vogliono loro. SONO TUTTI CORROTTI. Se fossi un giudice e non una cacca riderei in faccia alla riaa e chiuderei tutte le cause con la formula in fatto non sussite. Le tasse erano state pagate in form esplicita o implicita.......CHE ne dite una petizione? Pensa te se succede a me che mi cazzano un asentenza del genere prima denuncio la Riaa per introito illecito poi denuncio il giudice per corruzione e poi tutti i giurati per corruzione.Chi è quel faccia da pirla che permette tutto questo!!! che li lascia lavorare e e fare quello che vogliono senza mettergli i paletti....MIIIII HAI PRONUNCIATO IL MIO NOME senza il mio comsenso.......MIIII ADESSO MI PAGHI una ferrari una villa una bara un culattone che ti sfondi il sedere.....e 150.000 dollari a lettera.....fine sfogo. ed inizio pianto....in che cacca di mondo stiamo vivendo???
  • Anonimo scrive:
    SEMPRE CON LA RIAA
    basta all'utilizzo illegale della tecnologia. Bisogna pagare per utilizzare la musica. E' finita l'era di chi si registrava le canzoni alla radio, crando intere compilation a sgamo.
    • Rex1997 scrive:
      Re: SEMPRE CON LA RIAA
      Se procedono così il problema si risolverà da solo: nessuno comprerà ed ascolterà musica.... :( @^ @^
      • Anonimo scrive:
        Re: SEMPRE CON LA RIAA
        Cmq se è cosi (e cioè il fatto che non possa piu registrare la musica che ascolto)bhe proporrei di non mandare e che non ci mandino piu la loro musica per radio..Cosi magari non saremmo istigati a scaricare o registrare musica, e loro avranno il perfetto controllo di nulla..Penso gia alle risate che mi farei quando mai verificassero i loro introiti senza radio o altro..Allora signori della RIAA come la mettiamo?Non posso registrare?E se mi sentissi istigato(eufemismo) a farlo?Dai fatemi un piacere garantitevi la sicurezza e bloccate la musica in radio...BUFFONI!SIon
      • Anonimo scrive:
        Re: SEMPRE CON LA RIAA
        - Scritto da: Rex1997
        Se procedono così il problema si risolverà da
        solo: nessuno comprerà ed ascolterà
        musica.... :( @^
        @^e chi lo viene a spaere, mica lo dicono sul giornale? è già tanto se lo sanno quelli che leggono P.I.
    • xWolverinex scrive:
      Re: SEMPRE CON LA RIAA
      si sono SEMPRE registrate le canzoni dalla RADIO. Non venire a rompere il PaZZo :@ (troll4)
    • Anonimo scrive:
      (j0e-ized) Re: sempre contro la riaa
      - Scritto da:
      basta all'utilizzo illegale della tecnologia.
      Bisogna pagare per utilizzare la musica."Utilizzare"?Se sei uno di quei sbandieratori di onestà e rigore che poi paga per qualsiasi capriccio capitalista, cavoli tuoi.Io non intendo sborsare continuamente per "trarre beneficio" da una musica: acquistata una volta pretendo di ascoltarmela dove, quando e come più mi aggrada.
      E' finita l'era di chi si registrava le canzoni
      alla radio, crando intere compilation a
      sgamo.Nel campo digitale, forse.In quello analogico, hai voglia!j0e
    • Anonimo scrive:
      Re: SEMPRE CON LA RIAA
      - Scritto da:
      basta all'utilizzo illegale della tecnologia.
      Bisogna pagare per utilizzare la musica. E'
      finita l'era di chi si registrava le canzoni alla
      radio, crando intere compilation a
      sgamo.Giusto!ed il prossimo passo sarà un microfono nella gola di tutti quanti, se provano a cantare una canzone sotto la doccia sono guai, ma se per caso ci sono pure degli ascoltatori in casa, allora si violano pure le leggi sulla diffusione di musica vietata a terzi, minimo l'ergastolo se non la pena di morte (che senso ha avere dei mancati clienti vivi, che sicuramente violeranno ancora le leggi, magari addirittura dal carcere, concentriamoci solo sui clienti beceri facendo una selezione di massa).
    • Anonimo scrive:
      Re: SEMPRE CON LA RIAA
      è solo una provicazione...l'importante è discutere sul perché è illegale e se deve essere illegale
  • Anonimo scrive:
    incredibile
    ma se tutti i lettori mp3 portatili adesso hanno la radio integrata con la possibilità di registrare....mah sono ridicoli..perchè non denunciano apple creative sony ecc...?
    • Anonimo scrive:
      Re: incredibile
      Semplice, non le denunciano queste società perchè ad esempio la Sony, se vai a vedere, è nella lista dei membri della RIAA... :D
  • Anonimo scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare radio digitali
    ma se quasi tutti i lettori mp3 portatili hanno la radio integrata con la possbilità di registrare?..mah io non capisco proprio..sono ridicoli!
    • ali g scrive:
      Re: RIAA: illegale registrare radio digi
      - Scritto da:
      ma se quasi tutti i lettori mp3 portatili hanno
      la radio integrata con la possbilità di
      registrare?..mah io non capisco proprio..sono
      ridicoli!si ma sono anni che lo dicono, me lo ricordo anche quando ero piccolo... questi stanno alla frutta!!! p)
  • gianpietrone scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare radio digitali
    Finalmente!! Quelli della RIAA stupidi e illusi mafiosi, sono riusciti a farsi la cacca addosso come già da tempo avevo preventivato.Non occorre avere strumenti tanto complicati per poter memorizzare un brano musicale sentito in radio, bastano poche modifiche ad un qualsiasi registratore. Comunque stiamo parlando di mezzi disponibili da anni. Oggi possiamo usare sistemi ancora più sofisticati e... alla portata di tutti. Domani (fra 5-6anni) ci saranno mezzi fantascientifici per oggi e ogni velleità da parte dei mafiosi dei diritti dovrà scemare ed annullarsi.A quelli del dirittp d'autore voglio dare un consiglio: "ANDATE A FARVI INCULARE". Ad essere un po intelligenti capireste che state sprecando temo e risorse. Vedete: uno qualsiasi all'apparena uno strozetto (un certo S.Job) è riuscito a "Vendere" in poco più di un anno, miliardi di brani. Lui però ha parlato poco e ha inculato tutti.Immaginate, signori della RIAA se per caso si rendesse tutto libero (come devrebbe essere) e si proponesse a tutti di potere scaricare brani; non a 099$ ma... a 0.009$... riureste a fare soldi come la "CACCA" e... se poi consideriamo che le non tratandosi di cosa fisica, le spese sarebbero quasi "ZERO"......A proposito siete già andati a farvi sbattere in culo???
    • Rex1997 scrive:
      Re: RIAA: illegale registrare radio digi
      Alla faccia della chiarezza! :D :D :DComunque per far capire le cose, occorre che chi ascolta abbia i neuroni sufficenti a raccogliere l'informazione...Dato che i neuroni di tali esseri (non riesco a definirli persone..scusate)sono sintonizzati solo su una cosa, essenziale e per loro equivalente a dio: il $$$$$$$$$$$$elevato ad infinito dubito che il messaggio possa essere, non dico ascoltato, ma memorizzato ad usi futuri... :( :( :(
  • rockroll scrive:
    RIAA impazzita? ecco come fregarla!!!
    -
    Ma l'FM è analogico, il satellite è digitale!
    Poi che differenza faccia non saprei, ma le major
    non so perchè si accaniscono perlopiù sulla copia
    digitale anzichè quella
    analogica. Mo' vi spiego.Sappiamo tutti che l'ennesima copia digitale è identica all'originale, ma già la quarta copia analogica (copia di copia intendo), anche se eseguita con apparecchiature professsionali, è assolutamente insoddisfacente. Il digitale si presta quindi a diffusione estrema a basso costo senza perdità di qualità, favorendo quella che per loro è pirateria e per me è condivisione di cultura musicale. Ma questi ineffabili rappresentanti di una mafia legalizzata che si illudono di porre dei blocchi alla diffusione della cultura musicale, sono anche stupidi nonchè fessi ed ignoranti, perchè l'uscita analogica può facilmante essere connessa con cavetto stereo schermato all'entrata "line" input di una normalissima Audio Card di un PC, e digitalizzata al volo in WAV praticamente senza perdita di qualità rispetto a quanto ascoltabile in diretta ... quindi replicata e diffusa a piacimento nel formato digitale preferito, perchè no MP3 previa conversione ...La perdita di qualità nel passaggio da segnale analogico ad MP3 di adeguato bitrare (almeno 90 Kbps stereo 16 bit), comporta una perdita di qualità minima, apprezzabile solo da orecchio particolarmente sensibile e musicalmente esercitato. Se l'apparecchiatura (radio nel nostro caso) non dispone di uscita, il più scarso dei radioriparatori, con n. 3 saldature, ci permette di prelevare il segnale! Inutile dire che questo è il sistema per fregare qualunque blindatura o ridicolo DRM, almeno in campo audio (in campo video si può fare tranquillamente l'analogo ma è un po' più complesso, ci va un radioteecnico baffuto ..., alla prossima puntata....
    • pierob scrive:
      Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
      il problema non è come fregarli o meno la questione è che hanno perso il senso della misura e non solo loro (ved.. TC).Tutte queste aziende hanno bilanci trimestrali, a breve (del tipo mordi e fuggi). Se questi bilanci sono negativi (anche di poco) per un paio di trimestri i loro titoli crollano in borsa, i loro manager..., ecc.Basterebbe, tanto per iniziare, boicottare per 6, 7 mesi (non acquistare, non utilizzare i servizi) per indurli a più miti consigli e chiedere un più equilibrato e paritario rapporto con gli utenti (cittadini).saluti Piero
      • Anonimo scrive:
        Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!

        Basterebbe, tanto per iniziare, boicottare per 6,
        7 mesi (non acquistare, non utilizzare i servizi)
        per indurli a più miti consigli e chiedere un più
        equilibrato e paritario rapporto con gli utenti
        (cittadini).Si, fare una cosa del genere ti porterebbe solo a perdere del tempo... come si puo' sincronizzare tanta gente a non comprare musica per 6 mesi (?). E' come dire che per abbassare i prezzi della benzina basterebbe prendere tutti l'autobus...
        • Anonimo scrive:
          Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
          no.... basterebbe boicottare solo un paio di compagnie...
          • Anonimo scrive:
            Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
            come fanno loro, ne colpiscono uno per scoraggiare altri cento, è un metodo antico
        • pierob scrive:
          Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
          - Scritto da:

          Basterebbe, tanto per iniziare, boicottare per
          6,

          7 mesi (non acquistare, non utilizzare i
          servizi)

          per indurli a più miti consigli e chiedere un
          più

          equilibrato e paritario rapporto con gli utenti

          (cittadini).


          Si, fare una cosa del genere ti porterebbe solo a
          perdere del tempo... come si puo' sincronizzare
          tanta gente a non comprare musica per 6 mesi (?).
          E' come dire che per abbassare i prezzi della
          benzina basterebbe prendere tutti
          l'autobus...ed allora fatti fregare, non vedo molte altre alternative dato che loro hanno denaro a sufficienza per orchestrare campagne di stampa e condizionare i vari parlamenti.Uno deve contrastare con le possibilità che ha. Se uno è un consumatore ed il bene non è di prima necessità (vitale) allora, se è intelligente, può farne a meno per un certo periodo. D'accordo sulla difficoltà organizzativa ma Internet cosa ci sta a fare?Ciao Piero
        • Anonimo scrive:
          Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
          - Scritto da:
          Si, fare una cosa del genere ti porterebbe solo a
          perdere del tempo... come si puo' sincronizzare
          tanta gente a non comprare musica per 6 mesi (?).
          E' come dire che per abbassare i prezzi della
          benzina basterebbe prendere tutti
          l'autobus...Io sono gia anni che non compro musica..Spiace tantissimo per gli artisti ma mi viene il vomito solo a pensare di dare soldi a SIAE e infami vari..
      • rockroll scrive:
        Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
        - Scritto da: pierob
        il problema non è come fregarli o meno la
        questione è che hanno perso il senso della misura
        e non solo loro (ved..
        TC).
        Tutte queste aziende hanno bilanci trimestrali, a
        breve (del tipo mordi e fuggi). Se questi bilanci
        sono negativi (anche di poco) per un paio di
        trimestri i loro titoli crollano in borsa, i loro
        manager...,
        ecc.
        Basterebbe, tanto per iniziare, boicottare per 6,
        7 mesi (non acquistare, non utilizzare i servizi)
        per indurli a più miti consigli e chiedere un più
        equilibrato e paritario rapporto con gli utenti
        (cittadini).

        saluti Piero Hai perfettamente ragione, è quel che da un bel po' vado predicando anch'io nella speranza di essere ascoltato. Nel dubbio venga ascoltato, ho desiderato comunque dare un sistema di bypass alla portata di tutti.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 maggio 2006 04.53-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
      - Scritto da: rockroll
      l'uscita analogica può facilmante essere connessa
      con cavetto stereo schermato all'entrata "line"
      input di una normalissima Audio Card di un PC, e
      digitalizzata al volo in WAV praticamente senza
      perdita di qualità rispetto a quanto ascoltabile
      in diretta ... quindi replicata e diffusa a
      piacimento nel formato digitale preferito, perchè
      no MP3 previa conversione
      ...
      La perdita di qualità nel passaggio da segnale
      analogico ad MP3 di adeguato bitrare (almeno 90
      Kbps stereo 16 bit), comporta una perdita di
      qualità minima, apprezzabile solo da orecchio
      particolarmente sensibile e musicalmente
      esercitato.
      Due sole obiezioni:Se per te un MP3 a 90 Kbps lo definisci "un adeguato bitrate", con perdita minima e apprezzabile solo da Mozart, o sei sordo, o sei abituato ad ascoltare la musica per telefono.Un "adeguato bitrate" è da 192 in su, meglio 256. Per un AAC è 128. 90 va bene per sentire gli streaming su internet col modem a 56k.L'altra obiezione è che fra qualche anno potrebbero toglierti anche questa possibilità, poiché si parlava di portare il segnale digitale fin nei diffusori criptato, e all'interno di una scocca saldata senza viti verrebbe decriptato e riprodotto. In modo da ridurre al minimo possibile il signal path analogico (e vulnerabile al rip).Va a finire che ci metteremo col microfono davanti alle casse eheheh!Un saluto,Max
      • Rex1997 scrive:
        Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
        [CUT]
        Va a finire che ci metteremo col microfono
        davanti alle casse
        eheheh!

        Un saluto,
        MaxMolto semplicemente sarà vietato l'acquisto di microfoni ai comuni mortali... :(
        • Anonimo scrive:
          Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
          - Scritto da: Rex1997

          [CUT]

          Va a finire che ci metteremo col microfono

          davanti alle casse

          eheheh!



          Un saluto,

          Max

          Molto semplicemente sarà vietato l'acquisto di
          microfoni ai comuni mortali...
          :(No, ci sara' un segnale che dice all'elettronica dei registratori di nuova generazione : questo non lo puoi registrare, spegniti.
          • Rex1997 scrive:
            Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
            - Scritto da: [CUT]
            No, ci sara' un segnale che dice all'elettronica
            dei registratori di nuova generazione : questo
            non lo puoi registrare,
            spegniti.Questo comando, come da te indicato, servirà solo per i registratori audio di nuova generazione...a me e al mio registratore stereo a bobina anni 70 la cosa farà un baffo, a meno che vietino la vendita di microfoni... :)
      • rockroll scrive:
        Re: RIAA impazzita? ecco come fregarla!!
        - Scritto da:

        - Scritto da: rockroll

        l'uscita analogica può facilmante essere
        connessa

        con cavetto stereo schermato all'entrata "line"

        input di una normalissima Audio Card di un PC, e

        digitalizzata al volo in WAV praticamente senza

        perdita di qualità rispetto a quanto ascoltabile

        in diretta ... quindi replicata e diffusa a

        piacimento nel formato digitale preferito,
        perchè

        no MP3 previa conversione

        ...

        La perdita di qualità nel passaggio da segnale

        analogico ad MP3 di adeguato bitrare (almeno 90

        Kbps stereo 16 bit), comporta una perdita di

        qualità minima, apprezzabile solo da orecchio

        particolarmente sensibile e musicalmente

        esercitato.



        Due sole obiezioni:
        Se per te un MP3 a 90 Kbps lo definisci "un
        adeguato bitrate", con perdita minima e
        apprezzabile solo da Mozart, o sei sordo, o sei
        abituato ad ascoltare la musica per
        telefono.
        Un "adeguato bitrate" è da 192 in su, meglio 256.
        Per un AAC è 128. 90 va bene per sentire gli
        streaming su internet col modem a
        56k.

        L'altra obiezione è che fra qualche anno
        potrebbero toglierti anche questa possibilità,
        poiché si parlava di portare il segnale digitale
        fin nei diffusori criptato, e all'interno di una
        scocca saldata senza viti verrebbe decriptato e
        riprodotto. In modo da ridurre al minimo
        possibile il signal path analogico (e vulnerabile
        al
        rip).

        Va a finire che ci metteremo col microfono
        davanti alle casse
        eheheh!

        Un saluto,
        Max Ti ringrazio per le precisazioni, Max, però non è proprio in questi termini il discorso.Anzitutto parlavo di segnale analogico ricavato da ricevitori radio stereo (in aderenza all'articolo), quindi praticamente di qualità FM: l'ascolto di una trasmissione a tal livello non si discosta in modo apprezzabile (o fatto prove anche con amici) dall'ascolto della sua versione digitalizzata in Mp3 (magari pro) a Kbps 96 stero 16 bit, ricavata da connessione diretta. Altro discorso se parliamo di qualità Audio CD, allora pienamente d'accordo, andiamo pure sui bitrate da te proposti. Quello su cui volevo porre l'accento non era tanto la definizione del bitrate, quanto la semplicità del processo, e sopratutto l'invito ad evitare qualsiasi registrazione analogica tradizionale su nastro se si desidera conservare la fedeltà dopo un numero considerevole di copie successive. L'ipotesi che un domani ci siano in commercio solo diffusori audio meccanicamente impenetrabili e ad ingresso codificato (quindi contenenti al loro interno sistemi di decodifica in accordo con le ... Endorsement Keys ...) mi pare sinceramente una sparata deterrente delle Major, che sanno benissimo dov'è il punto debole del sistema e cercano di far credere che è risolto. Ma tu acquisteresti un blocco di plastica da 10 Kg. con le funzioni di un diffusore da 100 gr.? E poi il suono da qualche parte deve uscire, riescono a fare una retina di protezione così resistente...? A parte che con un seghetto, dopo aver spaccato qualche diffusore, alla fine becchiamo dove aprire per connetterci al segnale utile, a meno che non vogliano fare involucri in corindone o leghe speciali; ma ci sarà sempre un materiale in grado di scalfirli. La sostanza più dura in natura è il diamante, e tu pensi che faranno involucri di diamante? Bye bye. PS: Le protezioni TC TPM DRM ed altre schifezze Hardware dovrebbero (dicono) essere in grado di accorgersi di manomissioni circuitali, ed in tal caso bloccare il dispositivo. Ma noi non manomettiamo il circuito, preleviamo solo il segnale in modo trasparente, al limite tramite resistore di valore piccolo a piacere, tale da avere un assorbimento al di sotto della soglia di sensibilità della schifezza in oggetto. Ri Bye.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 maggio 2006 18.38-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare radio digi
    Re: ma bafangulo
  • Anonimo scrive:
    E i compensi per i supporti vuoti?
    Dovrebbero servire proprio per questo, del resto l'unico uso da sempre LEGALE che s'e' fatto e' quello di registrare dalla radio/dalla TV. Il fatto che avvenga in digitale piuttosto che in analogico poco importa, visto che la tassa SIAE si paga anche su HD, pendrive, CD, DVD e via dicendo. Forse fanno eccezione i nastri per i backup dei server, ma tanto prima o poi tasseranno pure quelli, non sia mai che qualche buontempone inserisca un mp3 in mezzo al backup del database di MySQL... :D
    • SardinianBoy scrive:
      Re: E i compensi per i supporti vuoti?
      - Scritto da:
      Dovrebbero servire proprio per questo, del resto
      l'unico uso da sempre LEGALE che s'e' fatto e'
      quello di registrare dalla radio/dalla TV. Il
      fatto che avvenga in digitale piuttosto che in
      analogico poco importa, visto che la tassa SIAE
      si paga anche su HD, pendrive, CD, DVD e via
      dicendo. Forse fanno eccezione i nastri per i
      backup dei server, ma tanto prima o poi
      tasseranno pure quelli, non sia mai che qualche
      buontempone inserisca un mp3 in mezzo al backup
      del database di MySQL...
      :D.....azz! Dove lo posso trovare questo bell'apparecchio.me lo compro subito subito!
    • Anonimo scrive:
      Re: E i compensi per i supporti vuoti?
      - Scritto da:
      Dovrebbero servire proprio per questo, del resto
      l'unico uso da sempre LEGALE che s'e' fatto e'
      quello di registrare dalla radio/dalla TV.....Attenzione, ci sono delle note da fare poiche' qui siamo negli stati uniti, in particolare:non sappiamo se loro pagano un equivalente della eucd (non uso il termine equo-compenso perche' non proprio equo).Il suddetto ricevitore non permette di esportare le registrazioni, quindi niente supporti che pagano eucd o equivalenti, forse eventuali tasse sull'hd ma non mi pare ne abbiano.Le leggi americane sono differenti dalle nostre, il DCMA in europa non ha valore e qui abbiamo delle leggi piu' leggere in proposito.
  • Santos-Dumont scrive:
    Mi denuncio
    Sono dotato per natura dell'hardware necessario a registrare illegalmente brani protetti: cervello e orecchie. Mettetemi i DRM, vi supplico! (rotfl) p)
    • Angelone scrive:
      Re: Mi denuncio
      - Scritto da: Santos-Dumont
      Sono dotato per natura dell'hardware necessario a
      registrare illegalmente brani protetti: cervello
      e orecchie. Mettetemi i DRM, vi supplico! (rotfl)

      p)Arriveremo al punto in cui foreranno i timpani a coloro che vengono colti a copiarsi una canzonetta delle balle...
  • Anonimo scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare radio digitali
    Un informazione: ma è già uscito in commercio? anche in Italia? Se si, potreste fornirmi qualche link di conferma, grazie.http://miocarobestiario.blog.kataweb.it
    • Super_Treje scrive:
      Re: RIAA: illegale registrare radio digitali
      E' un software :)- Scritto da:
      Un informazione: ma è già uscito in commercio?
      anche in Italia? Se si, potreste fornirmi qualche
      link di conferma,
      grazie.

      http://miocarobestiario.blog.kataweb.it
    • Anonimo scrive:
      Re: RIAA: illegale registrare radio digi
      - Scritto da:
      Un informazione: ma è già uscito in commercio?
      anche in Italia? Se si, potreste fornirmi qualche
      link di conferma,
      grazie.Non abbiamo radio digitali in italia tranne che su satellite.
    • Anonimo scrive:
      Re: RIAA: illegale registrare radio digi
      ce ne sono tantissimi di questi programmi, perché colpirne uno?
  • Anonimo scrive:
    X LA REDAZIONE!!!
    "abbonati XML avranno ben poco bisogno"XML!??? che???!????? (rotfl)(rotfl)(rotfl)(geek)Forse questo articolo è stato scritto da zanzi... :D :D :D
  • Anonimo scrive:
    L'uso personale, questo sconosciuto...
    L'uso personale è ammesso, e difatti lo si è sempre fatto.Tralasciando i videoregistratori, e restando nell'ambito in questione, le radio con registratore a cassette esistono da decenni. Qualunque stereo hi-fi consente di farlo, e ci sono sempre da decenni "walkman" con radio FM che consentono di registrare dalla radio, o più recentemente lettori MP3 con radio FM che consentono di registrare la radio in memoria.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'uso personale, questo sconosciuto.
      - Scritto da:
      L'uso personale è ammesso, e difatti lo si è
      sempre
      fatto.

      Tralasciando i videoregistratori, e restando
      nell'ambito in questione, le radio con
      registratore a cassette esistono da decenni.
      Qualunque stereo hi-fi consente di farlo, e ci
      sono sempre da decenni "walkman" con radio FM che
      consentono di registrare dalla radio, o più
      recentemente lettori MP3 con radio FM che
      consentono di registrare la radio in
      memoria.Ma l'FM è analogico, il satellite è digitale!Poi che differenza faccia non saprei, ma le major non so perchè si accaniscono perlopiù sulla copia digitale anzichè quella analogica.
      • rockroll scrive:
        Re: L'uso personale, questo sconosciuto.
        -
        Ma l'FM è analogico, il satellite è digitale!
        Poi che differenza faccia non saprei, ma le major
        non so perchè si accaniscono perlopiù sulla copia
        digitale anzichè quella
        analogica. Mo' ti spiego:la ennesima copia digitale è identica all'originale, ma già la quarta copia analogica (copia di copia intendo), anche se eseguita con apparecchiature professsionali, è assolutamente insoddisfacente. Il digitale si presta quindi a diffusione estrema a basso costo senza perdità di qualità, favorendo quella che per loro è pirateria e per me è condivisione di cultura musicale. Ma questi ineffabili rappresentanti di una mafia legalizzata che si illudono di porre dei blocchi alla diffusione della cultura musicale, sono anche stupidi nonchè fessi ed ignoranti, perchè l'uscita analogica può facilmante essere connessa con cavo stereo schermato all'entrata "line" input di una normalissima Audio Card di un PC e digitalizzata al volo in WAV praticamente senza perdita di qualità rispetto a quanto ascoltabile in diretta ... quindi diffusa a piacimento nel formato digitale preferito, perchè no MP3 previa conversione ...La perdita di qualità nel passaggio da segnale analogico ad MP3 di adeguato bitrare (almeno 90 Kbps stereo 16 bit), comporta una perdita di qualità minima, apprezzabile solo da orecchio particolarmente sensibile e musicalmente esercitato. Se l'apparecchiatura non dispone di uscita, il più scarso dei radioriparatori, con n. 3 saldature, ci permette di prelevare il segnale! Inutile dire che questo è il sistema per fregare qualunque blindatura o ridicolo DRM, almeno in campo audio (in campo video si può fare tranquillamente l'analogo ma è un po' più complesso ..., alla prossima puntata....
        • Anonimo scrive:
          Re: L'uso personale, questo sconosciuto.
          e con la nuova radio digitale come la mettiamo (DAB)?i tempi si evolvono i supporti fanno lo stesso ma la mentalità dei dinosauri mangiasoldi rimane sempre la stessa....si cerca di limitare anche il diritto alla copia personale come puoi ben vedere ed è patetico...
        • gerry scrive:
          Re: L'uso personale, questo sconosciuto.
          - Scritto da: rockroll
          Ma questi ineffabili rappresentanti di una mafia
          legalizzata che si illudono di porre dei blocchi
          alla diffusione della cultura musicale, sono
          anche stupidi nonchè fessi ed ignoranti, perchè
          l'uscita analogica ...[ETC]Difatti l'idea imperante è quella di buttare l'analogico nel cesso.Fino alle casse, tutto in digitale.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'uso personale, questo sconosciuto...
      - Scritto da:
      L'uso personale è ammesso, e difatti lo si è
      sempre
      fatto.
      Ma scherzi???Mica stiamo parlando di droga, minorenni asiatiche o bombe atomiche, dove l'uso personale e' consentito.Per la musica l'uso personale non esiste.La paghi e basta.E devi ringraziarli che dopo che l'hai pagata ti permettono pure di ascoltarla piu' di una volta, che, a ben vedere, non sarebbero neppure obbligati a farlo.
  • Anonimo scrive:
    Ok, allora anche Sky
    di recente ha proposto alcuni decoder con HD integrato (mi pare si chiamino my video o qualcosa del genere) per registrare le trasmissioni preferite e rivederle, ma solo sul dispositivo stesso (come in questo caso).Dunque siccome sul decoder si captano anche radio e canali musicali "free" (basta sintonizzarlo) deduco che siano passibili di denuncia pure loro. O quantomeno la società che produce quel decoder.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ok, allora anche Sky
      - Scritto da:
      di recente ha proposto alcuni decoder con HD
      integrato (mi pare si chiamino my video o
      qualcosa del genere) per registrare le
      trasmissioni preferite e rivederle, ma solo sul
      dispositivo stesso (come in questo
      caso).Quello ti registra solo dai canali Sky, non credo registri anche le radio e in ogni caso sono quasi certo che le registrazioni durino un certo tempo (tipo 30 giorni) dopo di che si cancellano automaticamente.Senza contare che il coso deve rimanere sempre connesso alla presa telefonica (per inviare quali dati e a chi, a nessuno e' dato saperlo, alla faccia della privacy).Da anni Fastweb offre un servizio analogo, si chiama Videorec (a cui si e' aggiunto di recente un altro servizio che si chiama ReplayTV) e la differenza principale rispetto al coso di Sky e' che i video li registra FW sui suoi server, quindi anche se hai un black-out in casa tua vengono registrati comunque.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ok, allora anche Sky
        Il coso di FW però hala doppia scart quindi ci puoi infilare un videoregistratore e recuperare quando vuoi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ok, allora anche Sky
          - Scritto da:
          Il coso di FW però hala doppia scart quindi ci
          puoi infilare un videoregistratore e recuperare
          quando
          vuoi.Credo anche quello di Sky abbia la doppia scart; entrambi i dispositivi potrebbero generare la protezione Macrovision (anche se al momento non lo fanno). In ogni caso, col VCR puoi sempre registrare "in diretta" (anche programmandolo, nel caso tu non ci fossi) e non sei obbligato ad avere una cosa simile per fare una doppia registrazione.
  • Anonimo scrive:
    la repressione non serve
    .... prima di conoscere notizie come queste , qualche cd o dvd me lo compravo , adesso nisba : non scarico , e non compro .... se la ascoltino loro .
    • pKrime scrive:
      Re: la repressione non serve
      - Scritto da:

      .... prima di conoscere notizie come queste ,
      qualche cd o dvd me lo compravo , adesso nisba :
      non scarico , e non compro .

      ... se la ascoltino loro .

      ank'io ormai non scarico nè compro, ma continuo ad ascoltare dalle radio online.Sparano musica direttamente nel lettore multimediale (a me è xmms, ma winamp va benissimo) con una buona qualità sonora.Poichè sono tematiche, basta cercare un po' quelle che soddisfano i propri gusti e con tre o quattro stazioni hai di che essere soddisfatto.Tra le poche cose che sono consentite in Italia, c'è la registrazione per scopi personali da radio e tv, ma mi sembra includa limitazioni quando si parla di digitale. Qualcuno sa come stanno le cose?ah, non resisto, posto qualche radio, vedete che ne pensate://66.28.204.187:7070/ -
      Delicious Agony - Rock progressivo//www.live365.com/play/kkjz1 -
      KKJZ - Jazz Bebop//64.236.34.67:80/stream/1048 -
      Radio Paradise - Rock//vruk.ic.llnwd.net/stream/vruk_vr_hi -
      Virgin Radio - Si può sentire ognitanto!//therock.impek.tv:80/ -
      The rock radio
      • Anonimo scrive:
        Re: la repressione non serve
        Puoi sempre registrare in analogico su videocassetta con videoregistratore HIFI che come qualità e dinamica si avvicina molto ad un CD pre lo meno non ti accorgi della differenza anche con buoni impianti. Ma bisogna sbrigarsi prima che li tolgano i videoregistratori stereo dal commercio. Anche quelli con DVD vanno bene!
      • Anonimo scrive:
        Re: la repressione non serve
        io aggiungo www.chronixradio.com
    • Anonimo scrive:
      Re: la repressione non serve
      IDEM CON PATATE.FANNO COSì SCHIFO CHE MI è PASSATA LA VOGLIA PERSINO D'ASCOLTARE MUSICA.GIUSTO QUELLI CHE GIà AVEVO, DATO CHE ORMAI FAN PARTE DELLA MIA VITA, MA LA MUSICA NUOVA SE AVEVA UNA QUALCHE REMOTA SPERANZA DI RIUSCIRE A DARMI QUALCHE EMOZIONE, ORA SICURAMENTE NON POTRà MAI FARLO.SAREBBE COME EMOZIONARSI SENTENDO LA VOCE DI VANNA MARCHI O LA FIGLIA. DISPOSTE A TUTTO PER QUALCHE EURO IN PIù.FANNO SCHIFO SOLO A PENSARLE.
      • Anonimo scrive:
        Re: la repressione non serve
        - Scritto da:
        IDEM CON PATATE.

        FANNO COSì SCHIFO CHE MI è PASSATA LA VOGLIA
        PERSINO D'ASCOLTARE
        MUSICA.
        GIUSTO QUELLI CHE GIà AVEVO, DATO CHE ORMAI FAN
        PARTE DELLA MIA VITA, MA LA MUSICA NUOVA SE AVEVA
        UNA QUALCHE REMOTA SPERANZA DI RIUSCIRE A DARMI
        QUALCHE EMOZIONE, ORA SICURAMENTE NON POTRà MAI
        FARLO.

        SAREBBE COME EMOZIONARSI SENTENDO LA VOCE DI
        VANNA MARCHI O LA FIGLIA. DISPOSTE A TUTTO PER
        QUALCHE EURO IN
        PIù.
        FANNO SCHIFO SOLO A PENSARLE.Hai fatto ben a scrivere in maiuscolo: gridiamole queste cose! E cerchiamo di farlo capire ali Utonti.Sono perfettamente d'accordo, mi hai letto nel pensiero.Bye
    • gerry scrive:
      Re: la repressione non serve
      - Scritto da:

      .... prima di conoscere notizie come queste ,
      qualche cd o dvd me lo compravo , adesso nisba :
      non scarico , e non compro .

      ... se la ascoltino loro . A vedere i fatturati di iTms, siamo molto in pochi a pensarla così.Basta guardare quanti soldi si riescono a fare con le suonerie dei cellulari. Alla gente piace avere l'ultima Hit, le condizioni non sono poi così importanti.
      • Anonimo scrive:
        Re: la repressione non serve
        - Scritto da: gerry
        - Scritto da:



        .... prima di conoscere notizie come queste ,

        qualche cd o dvd me lo compravo , adesso nisba
        :


        non scarico , e non compro .



        ... se la ascoltino loro .


        A vedere i fatturati di iTms, siamo molto in
        pochi a pensarla
        così.

        Basta guardare quanti soldi si riescono a fare
        con le suonerie dei cellulari. Alla gente piace
        avere l'ultima Hit, le condizioni non sono poi
        così
        importanti.In realtà è importante il rapporto risultato/fatica. Chiaramente chi deve esercitare fatica nulla (il tipico adolescente con le bollette pagate da papà) o infinitesima (il notaio/farmacista con reddito mensile a 4 zeri) non considera quei prezzi così fuori mercato, semplicemente perchè la sua fatica è molto inferiore a quella delle persone medie che postano in questo forum.Qualche euro a settimana per l'operaio a 500 euro al mese sono insostenibili, ma per l'avvocato a 10.000 sono minuzie.Poi, sapendo che a fare i prezzi è sempre un manager da almeno 5.000 al mese, è facile spiegarsi il resto.
  • Anonimo scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare radio digi
    Riaa 'anvedi d'anna nel posteriore ! :@ :@
  • Cobra Reale scrive:
    Re: RIAA: illegale registrare radio digitali
    Se non possiamo registrare, che serve ascoltare le radio digitali? La RIAA vorrebbe che si limitassero a fare pubblicità alla musica in vendita nei negozi.Giusto difendere i propri interessi, ma la RIAA vuole solo vendicarsi di chi le impedisce di spennare il pubblico come polli: 150000 dollari? Nessuna canzone vale così tanto, nemmeno per vendetta. Tracciando un parallelismo, è come autorizzare un mafioso a punire a modo suo il ladruncolo che gli rubasse il portafoglio; come dire, colpirne uno per educarne cento!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 maggio 2006 00.50-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: RIAA: illegale registrare radio digi
      il problema è che anche se noi tutti comprassimo legalmente da loro tutto qll che vogliamo si lamenterebbero comunque.A mio avviso queste denunce e queste abnormi cifre richieste come risarcimento è un modo per fare soldi e sanare l'improfessionalità e l'incapacità di guadagnare altrui.
      • Anonimo scrive:
        Re: RIAA: illegale registrare radio digi
        La Riaa sta solo cercando di imporre una mentalita', non sono problemi di soldi.Loro vogliono imporci il concetto che la propieta' intellettuale si paga mentre piu' passa i ltempo e piu' si va affermando fra la gente il concetto opposto.
        • Anonimo scrive:
          Re: RIAA: illegale registrare radio digi
          - Scritto da:

          La Riaa sta solo cercando di imporre una
          mentalita', non sono problemi di
          soldi.
          Loro vogliono imporci il concetto che la
          propieta' intellettuale si paga mentre piu' passa
          i ltempo e piu' si va affermando fra la gente il
          concetto
          opposto.Sono americani.Usano l'unico metodo che conoscono: il terrore.Benjamin Franklin, un paio di secoli fa, disse che chi avesse rininciato a parte della loro libertà in cambio della sicurezza, non avrebbe meritato né la libertà né la sicurezza.......questi hanno rinunciato alla libertà per le mutande di Britney Spears :'(
  • Anonimo scrive:
    semplicemente ridicolo
    si vede che sono disperati...
    • Anonimo scrive:
      Re: semplicemente ridicolo
      - Scritto da:
      si vede che sono disperati...il problema è che trovano ancora chi gli da corda...
      • Anonimo scrive:
        Re: semplicemente ridicolo
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        si vede che sono disperati...

        il problema è che trovano ancora chi gli da
        corda...cioè i governi
        • Anonimo scrive:
          Re: semplicemente ridicolo
          io l'ho sempre detto che gli americani sono la razza più stupida del pianeta. Ma per loro fortuna noi li prenderemo ad esempio togliendogli il primato.
          • Anonimo scrive:
            Re: semplicemente ridicolo
            beh RIAA e MPAA intanto ci provano, finché hanno soldi e potere per fare attività di lobbying...non è un modo corretto di comportarsi... serve qualche governo che vada contro corrente e dia l'esempio.cmq che schifo vedere quanto la proprietà intellettuale sia diventata un valore imprescindibile e da difendere coi denti in barba a ogni tipo di senso della misura
          • Anonimo scrive:
            Re: semplicemente ridicolo
            - Scritto da:
            cmq che schifo vedere quanto la proprietà
            intellettuale sia diventata un valore
            imprescindibile e da difendere coi denti in barba
            a ogni tipo di senso della
            misurail fatto è che questo accanimento serve per difendere le ville con piscina, non il principio...chi ha fatto la prima causa contro Napster?I Metallica, all'apice del loro successo.Sicuramente erano già a posto loro, i figli e nipoti... ma ne volevano lo stesso di più! (OT: come i nostri calciatori.. in miniera tutti per una stagione!)
      • Anonimo scrive:
        Re: semplicemente ridicolo
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        si vede che sono disperati...

        il problema è che trovano ancora chi gli da
        corda...E andando avanti cosi', ci impediranno pure di fischiettare per strada...
      • borg_troll scrive:
        Re: semplicemente ridicolo
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        si vede che sono disperati...

        il problema è che trovano ancora chi gli da
        corda...Con i soldi che possono spendere, che ti aspetti?Il pubblico non ha disponibilità finanziarie simili. Ecco perchè possono rendere illegale tutto ciò che vogliono. Nessuno può permettersi materialmente di contrastarli.
        • Anonimo scrive:
          Re: semplicemente ridicolo
          - Scritto da: borg_troll

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          si vede che sono disperati...



          il problema è che trovano ancora chi gli da

          corda...

          Con i soldi che possono spendere, che ti aspetti?

          Il pubblico non ha disponibilità finanziarie
          simili. Ecco perchè possono rendere illegale
          tutto ciò che vogliono. Nessuno può permettersi
          materialmente di
          contrastarli.Direi di si, invece.la RIIA ha tanti soldi, d'accordo, ma se si trova davanti una class action da parte di 10.000.000 di americani super :@ @^ @^ che mettono 1000$ ciascuno per fare causa alla RIIA, l'avvocato potrebbe gestire un budget di 1000x10.000.000 = 10 miliardi di $ e ti garantisco che quell'avvocato con in mano una simile cifra riesce anche a dimostrare che la RIAA è il male del secolo e che gli angeli fanno sesso...
          • rockroll scrive:
            Re: semplicemente ridicolo
            In risposta a chi dice che non si riesce a contrastare la potenza del denaro della RIAADirei di si, invece.la RIIA ha tanti soldi, d'accordo, ma se si trova davanti una class action da parte di 10.000.000 di americani super che mettono 1000$ ciascuno per fare causa alla RIIA, l'avvocato potrebbe gestire un budget di 1000x10.000.000 = 10 miliardi di $ e ti garantisco che quell'avvocato con in mano una simile cifra riesce anche a dimostrare che la RIAA è il male del secolo e che gli angeli fanno sesso... Condivido.Il discorso gira sempre sull'unica soluzione possibile, la partecipazione globale alla difesa dei nostri dirirri. Qualcuno dice che non riusciremo mai a far prendere coscienza agli "Utonti Caproni". Io rispondo che il mondo dei consumatori non è fatto solo di Utonti, ma questi ultimi, proprio perchè caproni, sono mentalmente orientabili sfuttando la caratteristica che hanno di seguire pecoronamente il gregge. Basta fargli credere che il gregge siamo noi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 maggio 2006 19.07-----------------------------------------------------------
          • borg_troll scrive:
            Re: semplicemente ridicolo
            - Scritto da:
            la RIIA ha tanti soldi, d'accordo, ma se si trova
            davanti una class action da parte di 10.000.000
            di americani super :@ @^ @^ che mettono 1000$
            ciascuno per fare causa alla RIIA, l'avvocato
            potrebbe gestire un budget di 1000x10.000.000 =
            10 miliardi di $ e ti garantisco che
            quell'avvocato con in mano una simile cifra
            riesce anche a dimostrare che la RIAA è il male
            del secolo e che gli angeli fanno
            sesso...Se il giudice non respinge la tua causa perché non é fondata. Sfortunatamente, le cause della RIAA *sono* fondate perché hanno fatto sì che si legiferasse in loro favore.Non basta pagare un avvocato. Devi comprarti anche il potere legislativo: devi poter contribuire alle campagne di senatori e congressisti più di quanto faccia la RIAA. E non una volta sola, bada bene, ma per *sempre*.Forse con una coalizione di sceicchi potresti provarci. Forse.
        • rockroll scrive:
          Re: semplicemente ridicolo
          - Scritto da: borg_troll

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          si vede che sono disperati...



          il problema è che trovano ancora chi gli da

          corda...

          Con i soldi che possono spendere, che ti aspetti?

          Il pubblico non ha disponibilità finanziarie
          simili. Ecco perchè possono rendere illegale
          tutto ciò che vogliono. Nessuno può permettersi
          materialmente di
          contrastarli.Errore: il pubblico ha disponibilità finanziare simili, anzi superiori. Questi ineffabili signori da dove li prendono i loro soldi? risposta: dalle nostre tasche di consumatori. A te le deduzioni in merito - Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: semplicemente ridicolo
      ma siiicuro come no !!!!e dopo cosa ?????esigeranno 20.000 dollari da chiunque fischietti ??ora stanno veramente esagerando !!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: semplicemente ridicolo
      - Scritto da:
      si vede che sono disperati...no, si vede che sono stronzi :@
    • otacu scrive:
      Re: semplicemente ridicolo
      - Scritto da:
      si vede che sono disperati...Non vedo dove sia la novità.... si sapeva che registrare dalla radio è comunque illegale... lo hanno solo ribadito.E' sempre stato così solo che ovviamente suona ridicolo.... e finora tutti se ne erano giustamente fregati...
Chiudi i commenti