Ai Weiwei: la muraglia digitale crollerà

Torna a parlare l'artista e dissidente cinese: il governo di Pechino non riuscirà a controllare la Rete, sovrastato dalle condivisioni online. Impossibile l'ipotesi di uno spegnimento totale del web

Roma – “La Rete non è controllabile. E se Internet non è controllabile, alla fine la libertà avrà la meglio”: è la visione profetica offerta dall’artista/attivista cinese Ai Weiwei al quotidiano britannico The Guardian , in un recente commento intitolato la censura cinese non potrà mai sconfiggere Internet .

La cosiddetta grande muraglia digitale sarebbe così destinata al collasso, abbattuta dai milioni di netizen che popolano l’enorme ecosistema digitale in terra asiatica . “La gente avrà sempre l’ultima parola – ha spiegato Weiwei – Anche chi ha una voce pacata e debole. Il potere collasserà per un semplice bisbiglio”.

Inserita da anni nella famosa lista dei nemici di Internet , la Cina sta stringendo la morsa sulle principali piattaforme social. In particolare i più popolari siti di microblogging – Weibo può contare su 300 milioni di iscritti – che alimenterebbero il dissenso politico con la rapidità della condivisione.

Secondo Weiwei , il governo di Pechino capirà presto che non è concretamente possibile controllare la Rete. A meno di soluzioni estreme come lo spegnimento totale dell’ecosistema connesso , ipotesi circolata dopo le due ore di blackout alla fine della scorsa settimana. Ma le autorità asiatiche non potrebbero vivere con le drammatiche conseguenze di una simile azione.

Questo il pensiero dell’artista attualmente sorvegliato dalla polizia cinese, arrestato nello scorso anno per aver alimentato il fuoco virtuale di un movimento in stile Primavera Araba. Weiwei ha infine ricordato come la forza del microblogging sarà fondamentale per la cyber-resistenza , prima del crollo del muro autoritario della censura di stato.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • paoloholzl scrive:
    Ho aderito ... con un 'mah'
    Faccio parte di AIP, no1948.org, vari Lug, ora c'é Agenda Digitale, poi un giorno magari ci sarà 'Coscienza Nazionale' o altre menate che qualcuno magari per propri interessi istituirà.Lo stesso Punto-Informatico é una stupenda agorà di idee (personalmente la ritengo la migliore aggregazione di informatici italiani).Sempre e comunque però le mie idee sono radunate sul mio blog.Presento il mio punto di vista o quello di altri quando coincide con il mio, nella speranza che le idee circolino e qualcuno che conta un giorno si accorga del rumore.Per cui ben venga se serve a qualcosa (non mi interessa se qualcuno ci guadagna, mi interessa che le idee circolino).
  • Nome e cognome scrive:
    non è affatto vero!
    "improvvisa notorietà in un Paese dove, fino al giorno prima, quella stessa Agenda mancava senza che nessuno se ne accorgesse"Ma in che paese vivi? Se ne erano gia accorti tutti tranne la classe politica dirigente altro che "Nessuno"!!!!!!detesto questa abitudine Italiota di livellarci verso il basso ed assumere a nostro simbolo, a simbolo dell'Italia, sempre quella parte del paese insensibile tarda e ottusa che di volta in volta si rivela inadeguata ad affrontare ogni situazione. Non sempre il popolo è meglio dei suoi governanti, ma questa volta si!
    • Funz scrive:
      Re: non è affatto vero!
      - Scritto da: Nome e cognome
      detesto questa abitudine Italiota di livellarci
      verso il basso ed assumere a nostro simbolo, a
      simbolo dell'Italia, sempre quella parte del
      paese insensibile tarda e ottusa che di volta in
      volta si rivela inadeguata ad affrontare ogni
      situazione. Non sempre il popolo è meglio dei
      suoi governanti, ma questa volta
      si!Purtroppo viste le percentuali agghiaccianti di analfabetismo funzionale* che ci sono in Italia, ho paura che siamo noi la minoranza.*il non saper comprendere un testo scritto, anche di basso livello di difficoltà. Due terzi degli italiani sono ridotti così. Senza contare un buon 10% di analfabeti totali.
  • ThEnOra scrive:
    Invece...
    Visto che prima di non c'era niente non capisco tutto questo pessimismo.Di certo è stato il "la" per accendere nuovamente il dibattito. Nasceranno inoltre altre proposte da parte di altri partiti, ma non credo si debba puntare tutto su questo governo tecnico. Sarebbe bello sì avere qualcosa, e quel qual cosa fatto bene, subito. Visto l'andazzo, piuttosto che le solite castronerie, non val la pena attendere?Ad ogni modo, meglio questo articolo che quello di Scorza, tutta la vita!
    • Gennarino B scrive:
      Re: Invece...
      mamma quanto rosica, i complessi di inferiorita' verso scorza ti stanno rovinando l'esistenza :D
      • ThEnOra scrive:
        Re: Invece...
        Questa è la natura di chi scrive e segue PI: anzichè commentare l'articolo di Mantellini si trolla!Poi solo questi pochi commenti! Vedo che il popolo della rete ci tiene eccome all'agenda digitale del paese!
  • ninjaverde scrive:
    Suppongo
    Suppongo che questa potrà essere un'ottima iniziativa per spendere un sacco di milioni e poi, finito l'esperimento, non combinare nulla. :(Intanto io (e gli altri cittadini) pago... :@
  • ninjaverde scrive:
    Suppongo
    Suppongo che questa potrà essere un'ottima iniziativa per spendere un sacco di milioni e poi, finito l'esperimento, non combinare nulla. :(Intanto io (e gli altri cittadini) pago... :@
Chiudi i commenti