AlphaGo, sfida dalla Cina

Dopo aver battuto il campione mondiale di Go, si prepara un nuovo confronto per l'intelligenza artificiale di Google

Roma – Un’associazione cinese dedicata alla ricerca sull’Intelligenza Artificiale ha annunciato di voler sviluppare una AI per sfidare AlphaGo all’antico gioco strategico per due .

Archiviata con una schiacciante vittoria la sfida con il campione del mondo Lee Sedol, che è riuscito ad incassare un solo successo nella quarta partita su cinque confronti, l’intelligenza artificiale di Google addestrata all’antico gioco cinese del Go avrà ora dunque, se accetterà, un nuovo sfidante.

La sfida con il campione mondiale era stata per Mountain View l’occasione per mettere alla prova il programma di intelligenza artificiale frutto della ricerca di DeepMind, startup acquisita da Mountain View nel 2014 per 500 milioni di dollari, ed in grado di effettuare analisi visuali del contesto e operare su questa base delle scelte strategiche: l’antico gioco cinese Go ha poche regole ma più mosse possibili degli scacchi ed è per questo considerato il gioco astratto più complesso in assoluto.

Nelle cinque partite AlphaGo ha dimostrato non solo di saperlo competere al massimo livello, ma anche di essere in grado di farlo con modalità e strategie prima sconosciute ai contendenti umani e di non essere dunque solo un archivio infinito di mosse e situazioni già viste.

Ora, con la discesa in campo dei ricercatori cinesi, la questione potrebbe assumere sfumature geopolitiche: sul piatto, l’orgoglio nazionale per il gioco del Go, nonché l’annosa questione del rapporto tra la Cina e Google che vede Mountain View da anni ai ferri corti con Pechino, una sorta di versione cyberpunk da tavola di Rocky, che incrociando i guantoni con il campione locale scioglieva attriti e preconcetti da guerra fredda.
Secondo le indiscrezioni Google risponderà alla proposta degli sfidanti entro la fine dell’anno.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rico scrive:
    Incrediiiibile !
    Tutte le major avevano detto che, dopo il 2000, la pirateria avrebbe ucciso la vendita della musica, dei dischi, dei film, il cinema, i concerti, il mondo.Poi nel 2015 si tirano le somme e si scopre che gli affari vanno meglio di prima. Pagliacci piagnoni.La prossima volta che un avvocato parla di "pirateria" gli faccio fare il giro di chiglia, oppure lo appendo all'albero maestro.
    • Trust scrive:
      Re: Incrediiiibile !

      Poi nel 2015 si tirano le somme e si scopre che
      gli affari vanno meglio di prima. Pagliacci
      piagnoni.Infatti! Magari abbiamo una qualità dei prodotti che scende sempre di più e manca di innovazione, però l'importante e che loro facciano i soldi e noi scarichiamo la roba a sbafo.
  • asparagus joe scrive:
    streaming vs download
    Meno proprietà, più comunità.Lo slogan della nuova era.Valido solo per le masse, naturalmente.
  • prova123 scrive:
    Risultati straordinari
    i servizi a pagamento hanno raggiunto nel 2015 un valore di quasi 27 milioni di euro, oltre 10 milioni di euro in più rispetto all'anno precedente (+63 per cento) I servizi fruibili gratuitamente, supportati dalla pubblicità, rendono invece poco più di 14 milioni di euro Anche perchè l'alternativa sarebbe zero.
    • fellini 123 scrive:
      Re: Risultati straordinari
      - Scritto da: prova123
      i servizi a pagamento hanno raggiunto nel 2015
      un valore di quasi 27 milioni di euro, oltre 10
      milioni di euro in più rispetto all'anno
      precedente (+63 per
      cento)

      I servizi fruibili gratuitamente, supportati
      dalla pubblicità, rendono invece poco più di 14
      milioni di
      euro

      Anche perchè l'alternativa sarebbe zero.mi raccomando sempre al 20esimo secondo[yt]pk4PRxBHJH4[/yt]pk4PRxBHJH4
    • bravo bravo bravo scrive:
      Re: Risultati straordinari
      - Scritto da: prova123
      i servizi a pagamento hanno raggiunto nel 2015
      un valore di quasi 27 milioni di euro, oltre 10
      milioni di euro in più rispetto all'anno
      precedente (+63 per
      cento)

      I servizi fruibili gratuitamente, supportati
      dalla pubblicità, rendono invece poco più di 14
      milioni di
      euro

      Anche perchè l'alternativa sarebbe zero.Continua così, ma bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo
Chiudi i commenti