Altri Android per Microsoft

Redmond continua a sfruttare il filone delle licenze, convincendo un'altra azienda produttrice di device con sistema operativo di Google a pagare una certa quota di royalty per una lista di suoi brevetti

Roma – Microsoft ha annunciato un nuovo accordo di licenza per l’ impiego di sue tecnologie negli smartphone Android e nei tablet Chrome : ad acconsentire, stavolta, è Compal Electronics, azienda che produce tablet, smartphone e e-reader utilizzando i sistemi operativi di Google.

Compal ottiene in questo modo un’ampia copertura sul portafoglio brevettuale di Microsoft, che da parte sua riferisce di arrivare così ad essere licenziataria di oltre la metà dei produttori mondiali original design manufacturing (ODM) di dispositivi con sistemi operativi di Google.

Anche se i contenuti dell’accordo (soprattutto dal punto di vista economico) rimangono anche questa volta riservati, Compal si allinea alla lunga lista di produttori che vede tra i licenziatari di Redmond già Quanta , Samsung, HTC, OnkyoCorp, Velocity Micro, Dynamics Itroniz, Acer, Viewsonic e Wistrong.

In effetti, come dice Microsoft, con Compal ha raggiunto il 53 per cento della produzione statunitense di smartphone Android .

Microsoft, al contempo, si dichiara “orgogliosa del successo del suo programma di licenze che sta permettendo di risolvere le problematiche relative alla proprietà intellettuale di Android e Chrome”: ritiene , in pratica, di poter in questo modo semplificare le questioni di proprietà intellettuale inerenti i dispositivi mobile, argomento che nel 2006 aveva portato a depositare solo negli Stati Uniti 24 denunce, e che nel 2010 è arrivato ad esser causa di 84 azioni legali, numero che potrebbe, per l’anno in corso, crescere addirittura del 97 per cento.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • aea51 scrive:
    mordi e fuggi o il codice?
    Tutto il mondo è paese... va dope ti porta il misterioso enigma del contraddittorio pensiero utopistico... ormai nessuno parla più con chiarezza, nessuno è completo, ma tutti credono che solo gli altri sono incompleti... si pensa, si parla, si agisce ormai da millenni secondo uno spirito immaginario immerso a casaccio in un corpo amorfo e senza alcun senso, dietro l'influsso implecabile di quel primordiale lavaggio di cervello che, come uno straziante, incessante e continuo rumore interiore, si tramanda inesorabile nei geni di ogni generazione a venire, in modo da creare un modus viventi di un automa che segue nei dettagli i dettami di quel lurido iniziale lavaggio di cervello. Tutto è stato creato, si crea e si creerà in futuro prossimo, per rendere ancora più stupido il genere umano, che crea, a sua insaputa, solo per il suo annichilimento fisico e mentale. La razza umana è ormai stata distrutta dalla stessa razza umana, che si auto annienterà in futuro...Eppure sarebbe, dico sarebbe, mooolto semplice per venire a capo dell'intricatissima questione: nessuno dovrebbe mai pensare di essere superiore all'altro e nessuno a sua volta dovrebbe mai pensare di essere inferiore a nessuno... solo perché siamo tutti essere viventi (e quì la definizione di vivente si espanderebbe a dismisura nell'universo conosciuto e non conosciuto... diversi modi infiniti di essere vivente) ci dovrebbe far rendere conto che la cosa più importante è il rispetto reciproco... sììì... il rispetto reciproco... nessun essere vivente nel mondo è superiore o è inferiore a nessuno altro essere vivente nel mondo e quindi nel mondo intero dovrebbe, dico dovrebbe esserci rispetto, pace, amore e chi più ne sa, ne metta... al fine di un benessere collettivo universale... Solo che questo, adesso, è pura utopia, in quanto adesso regge ancora quel disegno diabolico, iniziato agli inizi dei tempi da quell'essere diabolico che è riuscito a plasmare l'uomo in modo diabolico, mettendo nei suoi geni i suoi stessi geni diabolici... siamo insomma un'esercito diabolico al servizio dell'essere più diabolico del creato... essere diabolico che continua ad esistere solo nelle nostre menti, in quanto non esiste più da tempo, ma lo portiamo comunque dentro di noi per quella stupida fede dell'inesistente e ci continua a farci lottare fra noi, ci continua a farci eleggere stupidamente tra noi dei leader, ci continua in quel suo asfissiante messaggio interno di superiorità di ognuno vero tutti gli altri.... e bastaaa... che centrano le macchine??? Che centra la tecnologia??? Siamo noi a crearla questa caz... di tecnologia e poi la critichiamo pure??? Siamo noi esseri incompleti e stupidi ad usarla sempre e comunque questa cazz... di tecnologia per scopi che fuoriescono enormemente dal benessere della comunità... non è lo schiavo il colpevole... ma è chi lo comanda e gli fa fare cose orrende....Meditate gente con questi enigmatico mio pensiero... meditate gente con altri enigmatici vostri pensieri e così si va avanti con un mondo di enigma... Che vergogna... tutti ad elogiare i misteri insensati degli altri e niente sarà più come prima... niente sarà più concreto... Boh? Ci avete capito qualcosa???... Nooo!!??? A bè... se è per questo neanch'io ho capito nulla di quello che ho pensato e scritto... Si cancella? Sìì... ma... e con la fossilizzazione come la mettiamo? Vedete bene che qualche impronta dovrà pur rimanere nella rete... basta solo saperla trovare, confrontarla, studiarla, deframmentarla, analizzarla e decifrare poi il tutto.
  • m x scrive:
    basta un po' di attenzione
    la storia della sorella che spiattella tutti cavoli del fratello sul web non è indicativa di nulla, non sono facebook, google o flickr a estorcergli tali informazioni, è lei che le fornisce, basterebbe usare i social network e il web in generale in maniera sensata, senza mai scrivere nulla di estremamente personale ed evitando di condividere tutte le foto della propria esistenza, fare accuratamente attenzione a tutti i livelli di privacy del proprio account, creare un mail apposita per facebook... e magari farsi un account con dati fasulli (si ok, facebook teoricamente non lo consente, ma chiaro che se ci si iscrive come "jeeg robot d'acciaio" è un pochino più semplice scoprire che non corrisponde ad una persona reale, altresì inserendo un nome e cognome verosimile le probabilità di essere "sgamati" diventano assai più improbabili.poi ok, alcuni dati ce li "succhiano" comunque, tracciano le nostre preferenze etc... ma questo è un problema che riguarda il web tutto, non solo i social network, allora torniamo alle lampade a petrolio ed abbandoniamo la tecnologia se preferiamo, altrimenti un uso responsabile del web può essere più che sufficiente.
  • marcello spina scrive:
    facebook
    attenzione si diventa grandi ma se si torna bambini sono guai
    • senzaspina scrive:
      Re: facebook
      sempre meglio che restare bambini per sempre ;)
      • Mela avvelenata scrive:
        Re: facebook
        - Scritto da: senzaspina
        sempre meglio che restare bambini per sempre ;)Sempre meglio bambini che diventare vecchiacci libidinosi rinXXXXXXXXti come qualche politico presente in giro per il mondo! (ogni riferimento alla situazione politica del Paese dove abitate è puramente casuale)
  • Angela scrive:
    ma insomma
    Da questo sito mi sarei aspettata una notizia un po' meno "scandalistica" (sembra di leggere la Repubblica) ed un po' più approfondita e oggettiva.
    • malto scrive:
      Re: ma insomma
      - Scritto da: Angela
      Da questo sito mi sarei aspettata una notizia un
      po' meno "scandalistica" (sembra di leggere la
      Repubblica) ed un po' più approfondita e
      oggettiva.puoi sempre tornarci...O preferisci libero? :D
    • dfghjk scrive:
      Re: ma insomma
      No. Non é una notizia scandalistica.Se non ci credi puoi fare la prova. Prendi qualcuno che usa internet da un po' di tempo, ma ancora non ha un account su fb. Gli fai creare un nuovo account, vedrai che la lista del "Forse conosci" stranamente elenca molti utenti effettivamente conosciuti.
      • frank_durel li scrive:
        Re: ma insomma
        - Scritto da: dfghjk
        No. Non é una notizia scandalistica.
        Se non ci credi puoi fare la prova. Prendi
        qualcuno che usa internet da un po' di tempo, ma
        ancora non ha un account su fb. Gli fai creare un
        nuovo account, vedrai che la lista del "Forse
        conosci" stranamente elenca molti utenti
        effettivamente
        conosciuti.purtroppo ha ragione!!!ho appena provato ad iscrivermi e mi sono trovato oltre 60 persone che effettivamente conosco o con cui ho avuto a che far in passato......addirittura una amica conosciuta nel 1997 e che vive in america dal 2002!!!
        • Non Me scrive:
          Re: ma insomma
          Crosscheck degli indirizzi email: probabilmente qualcuno dei contatti ha confermato l'acXXXXX a gmail, hotmail o quant'altro...
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: ma insomma
            - Scritto da: Non Me
            Crosscheck degli indirizzi email: probabilmente
            qualcuno dei contatti ha confermato l'acXXXXX a
            gmail, hotmail o
            quant'altro...Ah, ecco, mi chiedevo come Facebook indovinasse le persone che conosco...
          • Lorena M scrive:
            Re: ma insomma
            Infatti se si vuole proteggere la propria privacy è imperativo iscriversi con una mail nuova, creata apposta. Se se ne usa una vecchia, magari di anni, si rischia di vedersi richiedere amicizie da gente con cui si sono intrattenuti rapporti via mail 10 anni fa. SucXXXXX a me.
  • Neverstop scrive:
    100 mila euro...
    Che poi diciamocelo, 100 mila euro di multa sono niente di fronte a un colosso come Facebook. Cioè, non so se hanno compreso la gravità della situazione: non solo sXXXXXXXno la privacy degli iscritti ma creano anche profili ombra!!
  • kheimon scrive:
    Basta con questa ingenuità
    In tre parole. Se vi iscrivete in questi inutili social network i vostri cavoli finiscono in mano a un agente terzo che ne farà quello che vuole. Dimenticate le condizioni del servizio e altre menate.Se non vi piace, non vi iscrivete. Altrimenti, perdete pure il vostro tempo a guardare le foto delle amichette dei vostri amici, fatevi XXXXXXX i vostri dati personali, e non rompete.
    • dfghjk scrive:
      Re: Basta con questa ingenuità
      - Scritto da: kheimon
      In tre parole.In cinque parole. Non hai capito una fava.
      Se vi iscrivete in questi inutili
      social network i vostri cavoli finiscono in mano
      a un agente terzo che ne farà quello che vuole.
      Dimenticate le condizioni del servizio e altre
      menate.Anche se non ci iscriviamo.
      Se non vi piace, non vi iscrivete. E il social network raccoglie lo stesso i nostri dati personali.
      Altrimenti,
      perdete pure il vostro tempo a guardare le foto
      delle amichette dei vostri amici, fatevi XXXXXXX
      i vostri dati personali, e non
      rompete.Sei tu che rompi con questi commenti ignoranti.
    • Marto tortio scrive:
      Re: Basta con questa ingenuità
      Basterebbe iscriversi con un nickname invece che con i propri dati reali, e non caricare mai foto personali.Purtroppo i bimbiminkia hanno manie di protagonismo, così come gli altri XXXXXXXXX che si iscrivono.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Basta con questa ingenuità
        su facebook è vietato, se fanno dei controlli ti levano l'accunt e via mail ti chiedono i documenti.
        • francososo scrive:
          Re: Basta con questa ingenuità
          Basterebbe fare tre cose fondamentali :1) impostare la privacy in modo che il profilo venga visto dai soli amici2) impostare una connessione sicura del tipo https3) smetterla con i giochini minkia di Facebook ( i giochi in flash bastano e avanzano )
          • malto scrive:
            Re: Basta con questa ingenuità
            - Scritto da: francososo
            3) smetterla con i giochini minkia di Facebook (
            i giochi in flash bastano e avanzano )a beh :D
          • sbrotfl scrive:
            Re: Basta con questa ingenuità
            - Scritto da: francososo
            Basterebbe fare tre cose fondamentali :
            1) impostare la privacy in modo che il profilo
            venga visto dai soli
            amici
            2) impostare una connessione sicura del tipo https
            3) smetterla con i giochini minkia di Facebook (
            i giochi in flash bastano e avanzano
            )E chi non ha flash? :@ (I riferimenti a eventuali personaggi o fatti reali è puramente casuale)
      • Erica scrive:
        Re: Basta con questa ingenuità
        Se non hai una vita, non te la prendere con chi ce l'ha per favore. Senza contare che se fai social media per l'azienda, un account devi avercelo. Per forza.
        • malto scrive:
          Re: Basta con questa ingenuità
          - Scritto da: Erica
          Se non hai una vita, non te la prendere con chi
          ce l'ha per favore. Senza contare che se fai
          social media per l'azienda, un account devi
          avercelo. Per
          forza.Il vecchio "ricerche minerarie e perdite di tempo?" ;)
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: Basta con questa ingenuità
          - Scritto da: Erica
          Se non hai una vita, non te la prendere con chi
          ce l'ha per favore. Senza contare che se fai
          social media per l'azienda, un account devi
          avercelo. Per
          forza.E tu non prendertela con chi ha una vita e vorrebbe mantenere un livello minimo di privacy!! Se fai social media per la tua azienda (qualunque cosa voglia dire, ma suppongo sia FUFFA al 100%) sono cavoli tuoi...Ora vi spiegherò cosa sia la privacy: un pò di tempo fa ho fatto una ricerca su Google, cercando nome e cognome di una persona che conosco che non vedevo da molti anni, per vedere se per caso aveva realizzato qualche opera musicale (è nel campo della musica da molti anni, ormai), o prodotto qualche disco, e dopo un pò mi imbatto nell'account Flickr della sorella, che aveva taggato le foto di questa persona inserendo nome e cognome. Così vengo a sapere che per un certo periodo era stato ricoverato in ospedale, perchè soffre di una grave patologia cronica! Io sapevo che aveva qualcosa di serio, ma non avevo mai indagato! Grazie ad Internet (ed alla sorella molto sveglia), ora conosco tutti i suoi problemi, mi mancava solo la cartella clinica!!!Immagino che questa storia (tutto vero!) esemplifichi in maniera più che eloquente i rischi per la privacy insiti non nel web, ma nella scarsa preparazione delle persone per la salvaguardia della propria ed altrui privacy!!E tu mi parli di social media e di persone che non hanno una vita...mavaff..!!!
          • malto scrive:
            Re: Basta con questa ingenuità
            - Scritto da: Mela avvelenata
            - Scritto da: Erica

            Se non hai una vita, non te la prendere con
            chi

            ce l'ha per favore. Senza contare che se fai

            social media per l'azienda, un account devi

            avercelo. Per

            forza.

            E tu non prendertela con chi ha una vita e
            vorrebbe mantenere un livello minimo di privacy!!
            Se fai social media per la tua azienda (qualunque
            cosa voglia dire, ma suppongo sia FUFFA al 100%)
            sono cavoli
            tuoi...

            Ora vi spiegherò cosa sia la privacy: un pò di
            tempo fa ho fatto una ricerca su Google, cercando
            nome e cognome di una persona che conosco che non
            vedevo da molti anni, per vedere se per caso
            aveva realizzato qualche opera musicale (è nel
            campo della musica da molti anni, ormai), o
            prodotto qualche disco, e dopo un pò mi imbatto
            nell'account Flickr della sorella, che aveva
            taggato le foto di questa persona inserendo nome
            e cognome. Così vengo a sapere che per un certo
            periodo era stato ricoverato in ospedale, perchè
            soffre di una grave patologia cronica! Io sapevo
            che aveva qualcosa di serio, ma non avevo mai
            indagato! Grazie ad Internet (ed alla sorella
            molto sveglia), ora conosco tutti i suoi
            problemi, mi mancava solo la cartella
            clinica!!!No, no è colpa degli acherz che ha rubato la cartella clinica dalla borsetta della sorella ;)
  • dfghjk scrive:
    Galateo dei social media
    Alle dichiarazioni del portavoce di FB non ci crede nessuno.Forse sarebbe il caso di stabilire una sorta di galateo sull'uso dei social media partendo da poche semplici regole.1) Mai permettere a fb e simili di accedere alla rubrica di posta visto che si scaricano anche nomi e indirizzi di chi non é e non vuole essere registrato. I contatti si creano a manella e se ti pesa il ditino va aff...2) Mai inviare l'invito a connettersi vi email senza prima chiedere al destinatario se é interessato.3) Mai taggare foto con nomi di altri senza averli avvisati prima.
    • androstride r scrive:
      Re: Galateo dei social media
      - Scritto da: dfghjk
      Alle dichiarazioni del portavoce di FB non ci
      crede
      nessuno.
      Forse sarebbe il caso di stabilire una sorta di
      galateo sull'uso dei social media partendo da
      poche semplici
      regole.
      1) Mai permettere a fb e simili di accedere alla
      rubrica di posta visto che si scaricano anche
      nomi e indirizzi di chi non é e non vuole essere
      registrato. I contatti si creano a manella e se
      ti pesa il ditino va
      aff...

      2) Mai inviare l'invito a connettersi vi email
      senza prima chiedere al destinatario se é
      interessato.

      3) Mai taggare foto con nomi di altri senza
      averli avvisati
      prima.Eh, tutto giusto. Ma come diavolo lo spieghi ad 1 miliardo di uTONNI che non hanno idea di cosa sia la privacy?
      • dfghjk scrive:
        Re: Galateo dei social media

        Eh, tutto giusto. Ma come diavolo lo spieghi ad 1
        miliardo di uTONNI che non hanno idea di cosa sia
        la privacy?La cultura internet per adesso é scarsa. Ma col tempo le cose cambieranno.Intanto iniziamo a parlarne. Probabilmente gli entrerá in testa troppo tardi per fermare facebook e google. Ma la lista di societá che vogliono guadagnare sui nostri dati personali diventa piú lunga ogni giorno.
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: Galateo dei social media
          - Scritto da: dfghjk

          Eh, tutto giusto. Ma come diavolo lo spieghi
          ad
          1

          miliardo di uTONNI che non hanno idea di
          cosa
          sia

          la privacy?

          La cultura internet per adesso é scarsa. Ma col
          tempo le cose
          cambieranno.
          Intanto iniziamo a parlarne. Probabilmente gli
          entrerá in testa troppo tardi per fermare
          facebook e google. Ma la lista di societá
          che vogliono guadagnare sui nostri dati personali
          diventa piú lunga ogni
          giorno.unfatti, se ne accorgeranno troppo tardi...è già troppo tardi!
  • .poz scrive:
    se usate adblock plus...
    e non usate FB c'è un'apposita lista "facebook" da aggiungere che blocca tutto, per evitare di essere schedati ogni volta che andate su un sito che utilizza le API di FB
    • Funz scrive:
      Re: se usate adblock plus...
      - Scritto da: .poz
      e non usate FB c'è un'apposita lista "facebook"
      da aggiungere che blocca tutto, per evitare di
      essere schedati ogni volta che andate su un sito
      che utilizza le API di
      FBCi sono Sharemenot e Ghostery che fanno espressamente questo, e un'altra estensione recensita ieri
  • Neverstop scrive:
    Incompleto
    L'articolo è incompleto. Se siete veramente interessati all'argomento consiglio di leggere anche altre fonti...
Chiudi i commenti